Trump evoca la galera, caos repubblicani. Clinton vola

Pubblicato il 10 ottobre 2016 da ansa

Secondo i risultati dell'ultimo sondaggio Nbc/Wsj condotto tra sabato e domenica dopo la diffusione del video con le frasi sessiste di Trump ma prima del duello televisivo, la candidata democratica segna un vantaggio netto e stacca il rivale di ben 11 punti percentuali

Secondo i risultati dell’ultimo sondaggio Nbc/Wsj condotto tra sabato e domenica dopo la diffusione del video con le frasi sessiste di Trump ma prima del duello televisivo, la candidata democratica segna un vantaggio netto e stacca il rivale di ben 11 punti percentuali

WASHINGTON. – Hillary Clinton puntava all’autocombustione di Donald Trump, che però non è arrivata. Nonostante il video sessista, nonostante le accuse sopra le righe lanciatele dal tycoon (“sei il diavolo con il cuore pieno di odio”), le minacce shock (“se io fossi presidente ti manderei in galera”) e la vittoria della candidata democratica nel secondo duello in diretta tv, giudicata netta in maniera unanime.

Perché il candidato repubblicano, nonostante tutto, resta a galla e non rinuncia fino alla fine a parlare ai suoi, a quella base che ribolle di insofferenza verso l’establishment e che lo ha portato fin qui, sull’uscio della Casa Bianca, gettando però il partito nel caos.

Oggi, a meno di un mese dall’Election day dell’8 novembre, è esploso lo scontro tra il candidato digerito a fatica e lo speaker della Camera Paul Ryan, la più alta carica eletta del Grand Old Party: anche se non è arrivato a ritirare ufficialmente il suo endorsement per il tycoon, Ryan ha fatto sapere senza mezzi termini di non avere più intenzione di difenderlo.

Proprio sabato scorso Ryan sarebbe dovuto comparire sul palco con il candidato nel corso di un evento elettorale nel suo Wisconsin, ma dopo la diffusione del video scandalo aveva subito ritirato la sua adesione. Poi una ad una le ‘defezioni’ e le condanne dei big repubblicani seguite alla pubblicazione di quel video. Adesso, secondo indiscrezioni, in una riunione a porte chiuse lo speaker della Camera ha fatto sapere di non voler più fare campagna per e con Donald Trump.

Non sono bastate quindi le scuse per quelle frasi registrate nel 2005, che Trump ha liquidato come “chiacchiere da spogliatoio”. Puntando invece il dito contro le tresche di Bill Clinton, ex presidente e marito di colei che aspira a tornare alla Casa Bianca come prima presidente donna degli Stati Uniti, fino a portare le “accusatrici” di Bill nell’auditorium del dibattito.

Uno dei duelli televisivi più velenosi di sempre è stato descritto lo scontro consumatosi a St. Louis tra i due candidati che si propongono all’America con tutto il loro pesante bagaglio. E’ stato però Trump a tenere alta la tensione, proteso tutto il tempo in attacco, perché pur meno nervoso e indisciplinato che nel primo round lo scorso 9 ottobre non ha rinunciato alla suo obiettivo: demolire Hillary Clinton. Fino a quella frase sconcertante e senza precedenti che ha suscitato lo sdegno da più parti: “Se fossi presidente nominerei un procuratore speciale per indagare l’uso del server privato” e “tu saresti in galera”.

Tutto troppo personale, una resa dei conti consumata in diretta tv e con cui Trump ha finito per mostrare il fianco all’avversaria, che lo ha infilzato sulla politica estera, accusandolo di essere un “regalo per l’Isis” e di ispirare le interferenze russe nella campagna elettorale come non se ne erano mai viste “per influenzare le elezioni a favore di Trump”.

E non bisogna avere nostalgia di Ronald Reagan per capire che sotto questa raffica di colpi Trump ‘politicamente’ per i repubblicani vecchio stampo non sta in piedi. Ma probabilmente è una presa di coscienza tardiva, davanti all’inevitabilità dei numeri che vedono volare Hillary Clinton: dopo il parere unanime degli osservatori che ne hanno sancito il trionfo nel dibattito televisivo, sono arrivati anche i risultati dell’ultimo sondaggio Nbc/Wsj condotto tra sabato e domenica dopo la diffusione del video con le frasi sessiste di Trump ma prima del duello televisivo, in cui la candidata democratica segna un vantaggio netto e stacca il rivale di ben 11 punti percentuali con il 46% delle preferenze contro il 35% di Donald.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

16:19Regeni: Marcon, commissioni convocate 4/09? E’ una vergogna

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - "Le commissioni esteri di Camera e Senato convocate solo il 4 settembre per discutere del caso Regeni e delle responsabilità di omissione del governo italiano. Ieri il gruppo di Sinistra Italiana Possibile aveva chiesto un'informativa urgente del governo: questa ci sarà, ma il governo verrà a riferire solo tra 20 giorni". Lo afferma il capogruppo dei deputati di Sinistra Italiana-Possibile Giulio Marcon. "Nel 2014 - prosegue il capogruppo della sinistra - per mandare armi in Iraq le commissioni esteri furono riunite il 20 agosto. Regeni deve aspettare il 4 settembre. Contano più le armi che le vite dei cittadini italiani assassinati da un regime autoritario. In questo modo Alfano ed il Pd evidentemente - conclude Marcon - cercano di far dimenticare e di insabbiare le loro responsabilità e di allontanare sempre di più la verità. Un rinvio inaccettabile e vergognoso a favore del regime autoritario di Al Sisi".

16:19Terremoto: sindaco Norcia, si innalzi ancora ‘tetto’ per Sia

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 17 AGO - "Sull'esenzione per due anni delle tasse per le aziende del cratere sismico che hanno subito un calo del fatturato preferirei esprimermi solo quando il provvedimento sarà ufficialmente licenziato dal Governo": così il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno che, invece, si dice "moderatamente soddisfatto" per l'innalzamento a 6.000 euro del tetto Isee per richiedere il Sia (Sostegno per l'inclusione attiva) da parte delle famiglie colpite dal sisma. "Il Sia è uno strumento molto utile e importante - sottolinea - ma il tetto a 6.000 euro non è ancora sufficiente perché abbraccia solo una platea troppo piccola rispetto alle reali esigenze e sarebbe da innalzare ulteriormente, almeno a 19 mila euro". Alemanno ricorda, inoltre, che "già la Regione Umbria, prima del provvedimento emesso dal Governo, aveva raddoppiato la soglia Isee a 6 mila euro". "Al tempo stesso - conclude il sindaco di Norcia - tutti questi sono segnali positivi che raccontano di una macchina istituzionale ancora in movimento e capace di intervenire laddove serve per far ripartire i nostri territori". (ANSA).

16:11M5s: blog Grillo, attacchi hacker e leak per manipolare voto

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - I recenti attacchi hacker e i leak al M5s e anche allo Stato italiano "portano a pensare che possano essere utilizzati per spostare decisamente l'esito delle prossime elezioni, come successo in USA e quasi in Francia". Lo sostiene sul blog di Beppe Grillo l'esperto di sicurezza informatica iscritto al Movimento Rufo Guerreschi, secondo il quale sono "le tempistiche e modalità di tali leak, hack e articoli" a far presagire questo rischio. "Se immaginiamo una semplice applicazione in Italia le dinamiche di hacking e leak delle recenti elezioni in USA e Francia, vediamo come Rousseau e il M5S può esser visto come l'equivalente dell'improvvido mail server della Clinton che costarono elezioni alla Clinton" afferma Guerreschi che individua anche in Italia una "strategia di forze politiche e mediatiche avverse al M5S" coadiuvata "ancorché indipendentemente e con fini diversi, da hacker di ogni tipo".

16:10Sicilia: Si-Mdp chiudono ad alleanza con Ap

(ANSA) - PALERMO, 17 AGO - "Abbiamo ribadito a Leoluca Orlando la nostra disponibilità a un progetto politico che abbia il centro nel civismo democratico con un programma di rottura netta con l'esperienza del governo Crocetta. La Sicilia non può e non deve diventare una cavia per alchimie politiche fondate su un patto di potere asservito a logiche nazionali. Siamo invece interessati alla costruzione di un''anomalia' politica che, partendo dall'esperienza palermitana, si assuma la responsabilità di offrire una visione e una prospettiva di governo che restituisca ai Siciliani una speranza di cambiamento". Lo affermano Mdp e Sinistra italiana dopo l'incontro con il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, dicendo no a un'alleanza con Ap ma aprendo a un confronto sul rettore dell'università di Palermo, Fabrizio Micari, quale candidato a governatore. "In questo contesto, non riteniamo compatibile con questo progetto l'adesione di Alternativa popolare sia sul piano culturale, sia sul piano dei valori e dei programmi", spiegano.

16:09Zimbabwe: Sudafrica vieta espatrio a moglie Mugabe

(ANSA) - JOHANNESBURG, 17 AGO - Le autorità sudafricane hanno vietato alla moglie del presidente dello Zimbabwe, Grace Mugabe, di lasciare il Paese. La signora Mugabe è stata accusata di aggressione da una donna che soggiornava nel suo stesso hotel a Johannesburg. Grace Mugabe, già apparsa davanti al giudice dopo essersi consegnata alla polizia, aveva chiesto l'immunità diplomatica.

16:08Trump, assurda la rimozione di statue dei confederati

(ANSA) - NEW YORK, 17 AGO - "Assurdo": così Donald Trump in un nuovo tweet commenta la rimozione delle statue di alcuni dei personaggi della guerra civile americana. "Triste vedere la storia e la cultura del nostro Paese fatta a pezzi con la rimozione delle nostre bellissime statue e monumenti. Non potete cambiare la storia - aggiunge Trump - ma potete imparare da essa. Robert Lee, Stonewall Jackson, chi sarà il prossimo, Washington o Jefferson? Così assurdo...".

16:01Ucraina: distrutte tutte le statue di Lenin, erano 1320

(ANSA) - MOSCA, 17 AGO - L'Ucraina ha vinto la sua personale battaglia contro Lenin. Nell'anno che marca il centesimo anniversario della rivoluzione d'Ottobre, infatti, il direttore dell'Istituto per la Memoria Nazionale, Vladimir Vyatrovich, ha detto che nel territorio controllato da Kiev sono state distrutte "tutte le statue" erette in epoca comunista in onore del leader della rivoluzione. In totale i monumenti distrutti sono 1320. Lo riporta RBK.

Archivio Ultima ora