Trump evoca la galera, caos repubblicani. Clinton vola

Pubblicato il 10 ottobre 2016 da ansa

Secondo i risultati dell'ultimo sondaggio Nbc/Wsj condotto tra sabato e domenica dopo la diffusione del video con le frasi sessiste di Trump ma prima del duello televisivo, la candidata democratica segna un vantaggio netto e stacca il rivale di ben 11 punti percentuali

Secondo i risultati dell’ultimo sondaggio Nbc/Wsj condotto tra sabato e domenica dopo la diffusione del video con le frasi sessiste di Trump ma prima del duello televisivo, la candidata democratica segna un vantaggio netto e stacca il rivale di ben 11 punti percentuali

WASHINGTON. – Hillary Clinton puntava all’autocombustione di Donald Trump, che però non è arrivata. Nonostante il video sessista, nonostante le accuse sopra le righe lanciatele dal tycoon (“sei il diavolo con il cuore pieno di odio”), le minacce shock (“se io fossi presidente ti manderei in galera”) e la vittoria della candidata democratica nel secondo duello in diretta tv, giudicata netta in maniera unanime.

Perché il candidato repubblicano, nonostante tutto, resta a galla e non rinuncia fino alla fine a parlare ai suoi, a quella base che ribolle di insofferenza verso l’establishment e che lo ha portato fin qui, sull’uscio della Casa Bianca, gettando però il partito nel caos.

Oggi, a meno di un mese dall’Election day dell’8 novembre, è esploso lo scontro tra il candidato digerito a fatica e lo speaker della Camera Paul Ryan, la più alta carica eletta del Grand Old Party: anche se non è arrivato a ritirare ufficialmente il suo endorsement per il tycoon, Ryan ha fatto sapere senza mezzi termini di non avere più intenzione di difenderlo.

Proprio sabato scorso Ryan sarebbe dovuto comparire sul palco con il candidato nel corso di un evento elettorale nel suo Wisconsin, ma dopo la diffusione del video scandalo aveva subito ritirato la sua adesione. Poi una ad una le ‘defezioni’ e le condanne dei big repubblicani seguite alla pubblicazione di quel video. Adesso, secondo indiscrezioni, in una riunione a porte chiuse lo speaker della Camera ha fatto sapere di non voler più fare campagna per e con Donald Trump.

Non sono bastate quindi le scuse per quelle frasi registrate nel 2005, che Trump ha liquidato come “chiacchiere da spogliatoio”. Puntando invece il dito contro le tresche di Bill Clinton, ex presidente e marito di colei che aspira a tornare alla Casa Bianca come prima presidente donna degli Stati Uniti, fino a portare le “accusatrici” di Bill nell’auditorium del dibattito.

Uno dei duelli televisivi più velenosi di sempre è stato descritto lo scontro consumatosi a St. Louis tra i due candidati che si propongono all’America con tutto il loro pesante bagaglio. E’ stato però Trump a tenere alta la tensione, proteso tutto il tempo in attacco, perché pur meno nervoso e indisciplinato che nel primo round lo scorso 9 ottobre non ha rinunciato alla suo obiettivo: demolire Hillary Clinton. Fino a quella frase sconcertante e senza precedenti che ha suscitato lo sdegno da più parti: “Se fossi presidente nominerei un procuratore speciale per indagare l’uso del server privato” e “tu saresti in galera”.

Tutto troppo personale, una resa dei conti consumata in diretta tv e con cui Trump ha finito per mostrare il fianco all’avversaria, che lo ha infilzato sulla politica estera, accusandolo di essere un “regalo per l’Isis” e di ispirare le interferenze russe nella campagna elettorale come non se ne erano mai viste “per influenzare le elezioni a favore di Trump”.

E non bisogna avere nostalgia di Ronald Reagan per capire che sotto questa raffica di colpi Trump ‘politicamente’ per i repubblicani vecchio stampo non sta in piedi. Ma probabilmente è una presa di coscienza tardiva, davanti all’inevitabilità dei numeri che vedono volare Hillary Clinton: dopo il parere unanime degli osservatori che ne hanno sancito il trionfo nel dibattito televisivo, sono arrivati anche i risultati dell’ultimo sondaggio Nbc/Wsj condotto tra sabato e domenica dopo la diffusione del video con le frasi sessiste di Trump ma prima del duello televisivo, in cui la candidata democratica segna un vantaggio netto e stacca il rivale di ben 11 punti percentuali con il 46% delle preferenze contro il 35% di Donald.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

08:47Cina: frana, 141 persone sepolte vive

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Sono 141 le persone rimaste sepolte vive dalla frana che ha travolto oltre 40 case nella provincia di Sichuan, nel sud-ovest della Cina. Lo riporta la Cctv. Intanto due persone sono state tratte in salvo dai soccorritori, mentre è stato recuperato il cadavere di una terza. Una coppia con un bambino di appena un mese è riuscita a scappare proprio mentre la frana stava avanzando contro la propria casa.

07:19Cina: frana investe 40 case, 100 persone travolte

PECHINO - Un centinaio di persone potrebbero essere rimaste sepolte in una frana che investito 40 case nel sud-ovest della Cina. Lo riferisce il governo della citta'-contea di Mao, nella provincia di Sichuan, precisando che la frana e' caduta dalla montagna nel villaggio di Xinmo intorno alle 6 del mattino ora locale. Un responsabile dei soccorsi ha detto alla televisione statale CCTV che dalla montagna e' franata una quantita' di terra e rocce stimata in 3 milioni di metri cubi. Lo smottamento ha anche bloccato un tratto di 2 chilometri di un fiume.

04:34Ivanka Trump dovra’ deporre in causa marchio italiano scarpe

NEW YORK - Ivanka Trump dovra' testimoniare nella causa che l'azienda calzaturiera fiorentina Aquazzurra ha fatto alla Marc Fisher Holdings, la societa' che produce per Ivanka una lussuosa e costosissima linea di scarpe. Lo ha stabilito il giudice federale di New York Katherine Forrest, precisando che la figlia del presidente dovra' rispondere a delle domande in una deposizione che non durera' piu' di due ore e si terra' a Washington, se questa e' la preferenza di Ivanka. La causa era stata avviata da Aquazzurra esattamente un anno fa, il 24 giugno 2016. L'azienda italiana sostiene che il modello ''Hettie'' prodotto dal marchio della figlia di Donald Trump e' una copia del suo ''Wild Thing'', e aggiunge che quasi ogni dettaglio della sua calzatura e' stato plagiato.

04:30Affondo del Nyt, pubblica ‘tutte le bugie di Trump’

NEW YORK - 'The liar in chief', un bugiardo al comando. Il New York Times ha catalogato in maniera dettagliata tutte le ''palesi bugie'' che Donald Trump ha detto dal giorno del suo giuramento ed insediamento alla Casa Bianca: una al giorno - si sottolinea - nei primi 40 giorni. Non scordando come l'ascesa politica del tycoon e' stata costruita proprio su una bugia: Barack Obama non e' nato in America. Quella di Trump viene definita una situazione ''senza precedenti per un presidente degli Stati Uniti''. Perche' se tutti i presidente hanno sempre cercato di nascondere qualche verita' - scrive il Nyt - ''nessun altro presidente ha cercato di creare un'atmosfera nella quale la verita' diventa irrilevante''.

04:17Incendio Londra: procede sgombero Camden, rabbia e paura

LONDRA - Sta procedendo lo sgombero dalle cinque torri di Camden, nel nord di Londra, dopo la decisione del consiglio comunale di evacuare i residenti per evitare pericoli legati alla presenza di rivestimenti a rischio incendio dopo la tragedia della Grenfell Tower. Tra le persone che stanno lasciando gli 800 appartamenti prevalgono la rabbia e la paura. Michelle Urquhart ha detto di essere arrabbiata perché fino a giovedì sembrava che la situazione potesse essere gestita senza ricorrere all'evacuazione. Invece ieri la decisione di liberare le torri e di ospitare i residenti in alloggi temporanei.

01:07Arabia Saudita: ‘Sventato attentato a Grande Moschea Mecca’

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Le autorità saudite hanno annunciato venerdì di aver sventato un'"azione terroristica imminente" che aveva come obiettivo la Grande Moschea della Mecca. Lo riferisce al Jazira. In un comunicato del ministro dell'interno si afferma che un uomo che progettava di attaccare la moschea si è fatto esplodere quando le forze di sicurezza hanno circondato la casa alla Mecca dove si era nascosto. Almeno 11 persone, tra cui cinque agenti di polizia, sono rimasti feriti nel crollo dell'edificio a tre piani dove l'uomo si era barricato.

00:14Calcio: all’Inter la Supercoppa Under 17

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Dopo il successo tricolore del Milan fra gli Under 16, festeggia anche la sponda della città interista con la vittoria della Supercoppa Under 17: a Cesenatico, infatti, i nerazzurri si sono imposti per 3-0 sul Como. Reti nel primo tempo di Vergani e nella ripresa di Demirovich (doppietta). Anche su questo campo, prima della partita, è stato osservato un minuto di silenzio in omaggio al vicepresidente del Settore giovanile e scolastico della Figc Fabio Bresci, scomparso due giorni fa.

Archivio Ultima ora