Sardegna: vice presidente Consiglio reintegrato dopo carcere

Pubblicato il 11 ottobre 2016 da ansa

(ANSA) – CAGLIARI, 11 OTT – Rientra a tutti gli effetti nell’Aula del Consiglio regionale della Sardegna l’ex vice presidente ed esponente di Fi Antonello Peru, arrestato il 5 aprile scorso nell’ambito della maxi inchiesta sugli appalti pubblici ribattezzata ‘Sindacopoli’. Era stato scarcerato il 3 ottobre dopo quattro mesi di detenzione ma con l’obbligo di dimora a Sassari. Il suo reintegro è stato comunicato questa mattina in Aula dal presidente dell’Assemblea Gianfranco Ganau, spiegando che è venuta meno la sospensione decretata dalla legge Severino. Conseguentemente cessano le funzioni di consigliere supplente per Giancarlo Carta, che aveva surrogato Peru. L’ex vicepresidente può ora riacquistare lo stipendio da consigliere, peri a 6.600 euro, più il rimborso forfettario per le spese di trasporto di 3.850 euro maggiorato di 650 euro al mese. La sospensione del consigliere, in base alla normativa, è prevista per provvedimenti di carcerazione, per gli arresti domiciliari e per il divieto di dimora nel luogo quando riguarda la sede dove si svolge il mandato elettorale. In questo caso Peru ha l’obbligo di dimora a Sassari e deve chiedere un permesso al giudice per poter partecipare alle sedute del Consiglio.(ANSA).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

16:35Decreto su collegi elettorali in consiglio dei ministri

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Il decreto sui collegi elettorali sarà, a quanto si apprende, all'esame del consiglio dei ministri, convocato per oggi alle 16.

16:26Vaccini: da Consulta ‘no’a Veneto,ricorsi infondati

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - La Corte ha dichiarato non fondate tutte le questioni prospettate nei ricorsi della Regione Veneto sull'obbligo dei vaccini. Secondo i giudici costituzionali, le misure in questione rappresentano una scelta spettante al legislatore nazionale. E questa scelta non è irragionevole, poiché volta a tutelare la salute individuale e collettiva e fondata sul dovere di solidarietà nel prevenire e limitare la diffusione di alcune malattie. Lo ha deciso al termine della camera di consiglio, rimarcando che il passaggio da una strategia basata sulla persuasione a un sistema di obbligatorietà dei vaccini si giustifica alla luce del contesto attuale caratterizzato da un progressivo calo delle coperture vaccinali. E inoltre che in base alla legge la mancata vaccinazione non comporta l'esclusione dalla scuola dell'obbligo dei minori, che saranno di norma inseriti in classi in cui gli altri alunni sono vaccinati.

16:18Ok definitivo a passaggio di Sappada al Friuli

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Via libera definitivo al passaggio del Comune di Sappada dalla Regione Veneto, a cui appartiene, alla Regione Friuli Venezia Giulia. L'Aula della Camera ha definitivamente approvato la proposta di legge in tal senso con 257 voti a favore, 20 contrari e 74 astenuti. Ad astenersi sono stati i deputati di Fi, Direzione Italia e Mdp. "Dispiace dirlo, ma con il voto di oggi, sul provvedimento per il distacco del Comune di Sappada dal Veneto al Friuli Venezia Giulia, il Parlamento italiano si è reso protagonista di una brutta pagina della storia democratica del nostro Paese. È stata messa in atto una forzatura ingiustificata, contro le legittime perplessità del Consiglio regionale del Veneto e contro l'articolo 132 della Costituzione, che in questo passaggio parlamentare non è stato in alcun modo rispettato". Lo affermano in una nota congiunta Paolo Sisto e Renato Brunetta, deputato e capogruppo di Fi alla Camera.

16:10Migranti: Prefetto Venezia, pronto ad ‘alleggerire’ Cona

(ANSA) - VENEZIA, 22 NOV - Trattative in corso, a Venezia, tra il Prefetto Carlo Boffi e i 55 migranti rimasti, dei tanti che avevano protestato per essere trasferiti dal centro di accoglienza di Conetta frazione di Cona nel veneziano. Il Prefetto nel corso di un incontro nel centro civico di Malcontenta (Venezia) ha rilevato come da 1.500 ospiti in breve tempo Conetta ha visto ridurre il numero di migranti a 1.100 ed ora a poco più di 800. Agli stranieri ha chiesto di rientrare a Conetta, sospendendo il rischio di perdita del diritto all'assistenza per la loro assenza, ma anche prospettando a breve un ulteriore trasferimento in altri luoghi di cento ospite in base al criterio dell'anzianità di permanenza. I migranti sono riuniti in assemblea e dall'esita di questa si valuterà il da farsi.

15:17Calcio: Milan, Montella, attacco in crisi? Solo colpa mia

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - "Segnamo poco, è vero. Ma è solo colpa mia. Dobbiamo fare di più per permettere agli attaccanti di andare in gol, dobbiamo servirli meglio, con maggiore velocità, non sbagliare scelta e migliorare nell'esecuzione". Vincenzo Montella, durante la conferenza stampa alla vigilia della sfida di Europa League contro l'Austria Vienna, si addossa molte responsabilità sulla scarsa vena realizzativa di Kalinic, Silva e Cutrone, fermi ad appena cinque gol in campionato dopo 13 giornate, sottolineando però i "13 tiri fatti dal Milan a Napoli". "In Europa League - ammette Montella - non abbiamo voglia di rischiare Suso, lo preserveremo per il campionato. Mi criticano perché cambio troppo spesso formazione? Non posso fare altrimenti. È sia un pregio che un difetto".

15:03Calcio: Montella, servono risultati e pass in Europa League

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - "Abbiamo bisogno di risultati. Domani, contro l'Austria Vienna, iniziamo a staccare il pass per la qualificazione e a ipotecare il primo posto nel girone, un traguardo intermedio al quale teniamo moltissimo e che ci permetterebbe di concentrarci sul campionato". Vincenzo Montella, durante la conferenza stampa alla vigilia della sfida in Europa League contro l'Austria Vienna, predica calma e vittorie per svoltare. "Dobbiamo dimostrare - aggiunge Montella - una crescita tecnica, tattica, ma anche di mentalità. La cena della squadra? Non è una forzatura da parte di tecnico o dirigenza, è stata spontanea. Eventuali equivoci sono stati messi da parte da un po', è bello vedere una squadra che diventa gruppo".

14:57C.sinistra: Mdp-Si, non trattiamo col Pd, tempo scaduto

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Non abbiamo dato una disponibilità a una trattativa in quanto le differenze sono su temi di fondo sulla vita delle persone. Mi riferisco in particolare al lavoro, alla sanità universale e al no a una compagna elettorale su meno tasse per tutti". Lo dice Maria Cecilia Guerra, capogruppo Mdp, al termine dell'incontro con la delegazione Dem. "Il tempo è scaduto, non ci sono margini per nessuna intesa", aggiunge Giulio Marcon di Sì-Possibile.

Archivio Ultima ora