Roma 2024: l’amarezza di Pancalli

(ANSA) – ROMA, 11 OTT – “Provo una profonda amarezza, mi sento derubato di una speranza. Da cittadino, di dimostrare che questo Paese può cambiare veramente e organizzare un grande evento sportivo, evitando gli errori del passato. Da uomo dello sport, per la mortificazione di non essere riuscito a confrontarci tra il nostro punto di vista e la visione dell’amministrazione”. Lo dice il vicepresidente del Comitato promotore Roma 2024 nonché numero uno del Comitato paralimpico italiano, Luca Pancalli, intervenendo alla conferenza stampa al Salone d’Onore del Coni sul tema della candidatura olimpica di Roma. “Forse non siamo stati abbastanza bravi noi a comunicarla – aggiunge Pancalli con amarezza -, ma non abbiamo neanche avuto la possibilità di farlo”.

Condividi: