Sport: Malagò, è il giorno più triste della mia presidenza

(ANSA) – ROMA, 11 OTT – “Questo è il giorno più triste della mia presidenza. Ma non solo, perché quando un intero movimento si ferma a pochi metri dal traguardo per lo sport in assoluto è una cosa triste. Lo sport non esce sconfitto, ma a testa alta e vittima di questo contesto storico”. Così il presidente del Coni Giovanni Malagò, a margine della conferenza stampa tenuta al Salone d’Onore dopo aver annunciato l’interruzione della candidatura di Roma a ospitare i Giochi del 2024. “L’Italia non è solo Roma, e non è solo questa amministrazione che ha liquidato la candidatura in cinque righe e senza entrare nel merito”, ha aggiunto.

Condividi: