Renzo Arbore, una vita a suon di jazz

Pubblicato il 11 ottobre 2016 da redazione

Enzo Arbore intervistato dal giornalista Emilio Buttaro (foto di Franco Buttaro)

Enzo Arbore intervistato dal giornalista Emilio Buttaro (foto di Franco Buttaro)

BOLOGNA – Cinquant’anni di carriera tra radio, televisione, musica e cinema ne hanno fatto uno dei personaggi italiani più amati. Quando c’è Renzo Arbore il pienone è assicurato. Così è stato nei giorni scorsi a Bologna per la Strada del Jazz, un evento sempre molto atteso nella città delle Due Torri e non solo.

“La mia vita è stata influenzata da questo tipo di musica – ha spiegato Arbore – e non soltanto dal punto di vista artistico, perchè quello che facevo e che faccio quando suono il jazz, è la stassa cosa di quando ad esempio improvvisavo alla rdio o in televisione. Rispetto a tutti i miei colleghi, compresi quelli che hanno fatto la televisione ho inventato proprio questa cosa, vale a dire la radio improvvisata e la televisione improvvisata”.

Ha cercato di improvvisare qualcosa anche sul grande schermo?

“Proprio così! Ho provato a fare il cinema improvvisato con Benigni ed altri attori e tutto questo lo devo al jazz”.

Il contributo italiano al jazz è stato fondamentale, e lei lo ha evidenziato in un brillante documentario televisivo di qualche anno fa che ha presentato con successo anche negli Stati Uniti…
“Sì, il lavoro si intitola ‘Da Palermo a New Orleans…e fu subito jazz’. n effetti il contributo italiano è stato sottaciuto dagli americani perchè evidentemente hanno un pochino ignorato che un certo Nick La Rocca di Salaparuta aveva fatto il primo disco nella storia del jazz nel 1917. C’erano musicisti siciliani ma anche comaschi, abruzzesi che emigrati a New Orleans contribuirono a inventare il jazz”.

Lancerà dei nuovi comici?
“Devo dire la verità,nuovi personaggi in grado di fare quello che hanno fatto con me Bracardi, Verdone, Marenco, Benigni, Frassica, Ferrini, Laurito non ce ne sono. Ci vorrebbero gli improvvisatori, oggi sono tutti di un’altra scuola, bravissimi imitatori, bravissimi attori ma non improvvisatori. Quella è una scuola rarissima della quale io ho soltanto esemplari come Gegè Telesforo, con lui mi diverto a improvvisare”.

Siamo a due passi dalla casa di Lucio Dalla, suo grande amico che ha conosciuto da bambino…
“E’ vero non è una leggenda. Sua mamma veniva a vendere i vestiti a casa mia a Foggia e c’era questo bimbo irrequieto che dovevo tenere a bada. Si chiamava Lucio Dalla ma questo me lo ha detto lui dopo tanto tempo”.

Esattamente trent’anni fa lei arrivò secondo a Sanremo con “Il clarinetto”, ma in realtà fu il vincitore morale del Festival..
“Con Eros Ramazzotti eravamo più o meno alla pari, quando passai dalla sala stampa dissi: ‘Speriamo di arrivare secondo’ e alla fine fui accontentato”.

Come sta andando il canale web Renzo Arbore Channel?
“Il futuro è nei canali tematici ed io ho cercato di guardare sempre avanti. Ho ancora tante idee”.

Emilio Buttaro

Ultima ora

11:02Pellegrini infinita, oro su 200 a mondiali vasca corta

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - Federica Pellegrini infinita, vince l'oro ai mondiali di nuoto in vasca corta in corso a Windsor, Canada, con una superba prestazione nei 200 sl, la sua specialità. La campionessa veneta nella gara disputata questa notte ha trionfato con il tempo di 1'51"73, lasciandosi alle spalle la fortissima ungherese Katinka Hosszu 1'52"28 considerata favorita alla vigilia, e la canadese Taylor Ruck in 1'52"50.

10:54‘Ndrangheta: arresti nel reggino, c’è sindaco Bova Marina

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 7 DIC - I carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, nell'ambito di un'operazione antimafia coordinata dalla Dda, hanno arrestato 14 persone accusate, a vario titolo, tra l'altro, di concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione, turbata libertà degli incanti e violenza privata. L'operazione riguarda le cosche di 'ndrangheta "Iamonte" e "Paviglianiti", attive a Melito di Porto Salvo, San Lorenzo, Bagaladi e Condofuri, comuni della provincia di Reggio. Tra le persone arrestate c'é anche il sindaco di Bova Marina, Vincenzo Crupi. Crupi, che é stato posto ai domiciliari, é accusato di corruzione. Nell'ambito della stessa operazione sono finiti ai domiciliari, sempre con l'accusa di corruzione, il vicesindaco e l'assessore al Turismo di Brancaleone, Giuseppe Benavoli ed Alfredo Zappia, e l'ex sindaco di Melito Porto Salvo, Giuseppe Iaria, già coinvolto in una precedente operazione. (ANSA).

10:26Omicidio stradale: tribunale Padova, ok Asaps parte civile

(ANSA) - FORLI', 7 DIC - Il Tribunale di Padova ha ammesso la costituzione di parte civile dell'Associazione sostenitori della Polstrada (Asaps), che ha sede a Forlì, in un processo per omicidio stradale. La famiglia della vittima ha chiesto un risarcimento di 1,8 milioni, mentre l'Asaps - tramite l'avvocato Augusto Baldassari - ha chiesto al giudice di stabilire una somma equa che destinerà a nuove campagne di sicurezza stradale. L'incidente avvenne il 25 giugno nella zona di Abano Terme: una maestra di 59 anni, Paola Rosa Tanga, di Limena, era diretta al matrimonio di un'amica quando contro la sua Lancia Y si schiantò una Bmw che, dopo aver oltrepassato la doppia linea continua, sbandò sulla corsia opposta. La donna rimase imprigionata tra le lamiere. L'altra conducente, 50enne, ai domiciliari fino al processo, risultò positiva all'alcoltest con un tasso di 2,1 gr/l e si scoprì che guidava giocando con un'applicazione dello smartphone. L'Asaps ha lanciato per prima, oltre 10 anni fa, l'idea del reato di omicidio stradale.(ANSA).

09:36Siria: Tass, 3.000 miliziani depongono armi

(ANSA) - MOSCA, 07 DIC - Circa 3.000 miliziani hanno deposto le armi a Khan al-Sheikh, vicino Damasco, ed è stato loro consentito di lasciare la città con le famiglie per dirigersi nella provincia di Idlib a bordo di 52 autobus: lo scrive l'agenzia di stampa ufficiale russa Tass. "Dopo lunghi e difficili negoziati - ha spiegato il colonnello russo Alexiei Leshchenko -, è stato raggiunto un accordo di cessate il fuoco con i miliziani". I miliziani avrebbero lasciato sul posto 500 armi da fuoco, fucili da cecchino, e decine di mortai.

09:23Terremoti: almeno 54 i morti in Indonesia

(ANSA) - MEUREUDU, 7 DIC - E' salito ad almeno 54 morti il bilancio del terremoto che ha devastato la provincia indonesiana di Aceh. Lo annuncia il capo della polizia locale, Tatang Sulaiman. I soccorritori sono al lavoro nella cittadina di Meureudu, devastata dal sisma, dove si ritiene che molte persone siano ancora sotto le macerie. La magnitudo è stata rivista a 6.5 .

07:34Terremoto di magnitudo 6.4 a Sumatra, almeno 25 morti

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - E' di almeno 25 morti e decine di dispersi il bilancio del violento terremoto di magnitudo 6.4 che ha colpito stamattina la costa nord dell'isola indonesiana di Sumatra. La scossa è avvenuta alle 6:03 ora locale e ha avuto ipocentro a soli 8,2 km di profondità ed epicentro 5,8 km a nordovest di Pante Raja. La regione colpita è quella di Aceh, territorio ad autonomia speciale estremità settentrionale di Sumatra.

01:14Calcio: Champions, Sarri “Primo posto senza alcun vantaggio”

(ANSA) - NAPOLI, 6 DIC - "Ci tenevamo ad arrivare primi nel girone, perché questo è un risultato storico per il Napoli. Anche se mi sembra che il vantaggio materiale derivante da questo piazzamento sia nullo". Così Maurizio Sarri ha commentato la vittoria del Napoli a Lisbona, contro il Benfica, e la qualificazione agli ottavi di finale della Champions. "La nostra - spiega l'allenatore dei partenopei - è stata una buona partita. Nel primo tempo c'è stato più equilibrio, nella ripresa invece siamo venuti nettamente fuori noi e abbiamo creato un gran numero di palle-gol. Mi dispiace solo per il gol subito nel finale, che mi ha fatto molto arrabbiare, soprattutto per come la squadra ha disputato la partita: avrebbe sicuramente meritato di concludere con la porta imbattuta".

Archivio Ultima ora