Pregiudicato ucciso per errore:atteso interrogatorio omicida

(ANSA) – CAGLIARI, 11 OTT – E’ fissato per domani mattina l’interrogatorio di Martin Aru, il giovane di 24 anni accusato dell’omicidio di Alessandro Picci, pregiudicato 47enne ucciso per errore con un colpo di pistola in bocca al termine di un litigio scoppiato per alcuni frasi su Facebook. La vittima è stata raggiunta dal proiettile mentre Aru stava litigando con il fratello del presunto autore del post. Oltre al giovane, che ha già reso ampie confessioni, sarà sentito dal sostituto procuratore Guido Pani anche il padre, Massimiliano Aru, 48 anni, accusato di concorso in omicidio volontario. Avrebbe accompagnato il figlio – difeso dall’avvocato Marco Fausto Piras – a regolare i conti dopo i presunti insulti sui social, ma ancora non è chiara la sua posizione nella dinamica del delitto. Oggi il pm ha conferito l’incarico al medico legale Roberto Demontis per effettuare l’autopsia sul corpo di Picci al policlinico di Monserrato. A scatenare l’omicidio, avvenuto domenica pomeriggio nel quartiere Is Mirrionis di Cagliari, un post su Facebook diventato poi un litigio su WhatsApp da regolare con una scazzottata per strada condita da minacce. Ma l’aggressione è finita nel sangue. Picci si sarebbe trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato: probabilmente era lì per calmare gli animi tra i contendenti. (ANSA).

Condividi: