Turchia: capo opposizione rischia 2 anni

(ANSAmed) – ISTANBUL, 11 OTT – La procura di Bakirkoy a Istanbul ha presentato una richiesta di rinvio a giudizio per Kemal Kilicdaroglu, leader del principale partito di opposizione in Turchia, il socialdemocratico Chp, con l’accusa di aver “offeso apertamente” nell’agosto 2014 il figlio del presidente Recep Tayyip Erdogan, Bilal. Lo riportano media locali, secondo cui il politico rischia fino a 2 anni e 8 mesi di carcere. La richiesta verrà valutata dai giudici entro 15 giorni. Come “segnale di solidarietà” nazionale dopo il fallito golpe, a fine luglio Erdogan aveva ritirato le denunce per insulti nei suoi confronti contro i leader di opposizione, esclusi quelli del filo-curdo Hdp. Secondo l’avvocato del presidente, a quella data il totale delle inchieste aperte per offese a Erdogan era di quasi 4.000.

Condividi: