Renzi nelle zone del sisma: Non siete soli, l’Italia è con voi

Pubblicato il 11 ottobre 2016 da ansa

Renzi con il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi e Curcio

Renzi con il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi e Curcio

AMATRICE (RI). – Ripartenza, nessun proclamo, ascolto: è su questi tre sentieri che il premier Matteo Renzi concentra il suo ritorno nelle zone devastate dal sisma del 24 agosto. Di fatto è la sua prima visita nella fase post-emergenza, quella forse meno traumatica ma di certo non meno difficile.

Renzi visita i tre Comuni più colpiti dal terremoto: Arquata del Tronto, Accumoli, Amatrice. Vi giunge forte di un decreto che mette nero su bianco lo stanziamento immediato di 300 milioni per l’avvio di una ricostruzione che costerà 4,5 miliardi. E vi arriva portando il contributo dei privati, con la decisione dei fratelli Della Valle di aprire una fabbrica proprio ad Arquata del Tronto.

Ricostruzione e ripresa al più presto dell’economia locale. Sono questi due binari sui quali il governo cercherà di far ripartire le zone terremotate. Con un principio che, quasi come un mantra, Renzi ripete in ogni sua tappa: “non vi lasceremo soli, non vi abbandoneremo. Presto arriveranno risposte concrete”. E questa mattina le prime risposte sono arrivate. Prima con il decreto – collegato, negli stanziamenti, alla legge di bilancio – varato dal Consiglio di ministri: un vademecum di 53 articoli in cui sono fissati i capisaldi degli interventi necessari. Poi con il contributo dei privati.

E Renzi, non a caso, prima di recarsi nelle zone del sisma fa tappa proprio nel fermano, patria della Tod’s. “Quello dei Della Valle è un gesto straordinario, altri imprenditori lo seguano”, sottolinea il premier incontrando Diego Della Valle e riallacciando i rapporti con uno degli imprenditori più critici nei confronti del suo governo.

Quindi è ai sindaci, innanzitutto, che Renzi, accompagnato dal sottosegretario Claudio De Vincenti, dal commissario per il sisma Vasco Errani e dal capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio, vuole illustrare il decreto. Ricevendo un endorsement ‘a caldo’ pressoché unanime.

“Oggi è un bel giorno per l’Italia, è l’inizio di un lungo campionato ma i presupposti ci sono”, esulta il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi che sulla pari dignità nei risarcimenti e nella tempistica per le prime e le seconde case aveva basato il destino del suo Comune. Una cittadina in cui 5mila abitazioni su 6mila sono seconde case e che viveva, soprattutto, nel commercio legato al turismo.

“Renzi ha accolto la mia proposta di una bella fabbrica di sugo all’amatriciana, sarebbe un bel messaggio”, spiega Pirozzi. Nei tre Comuni il capo del governo si ferma ad ascoltare volontari, vigili del Fuoco, cittadini. Visita le zone rosse e indossa la felpa con la scritta Amatrice che, assicura, “dovrà essere il simbolo della rinascita”.

“Ci stiamo muovendo come Italia tutti insieme”, sottolinea ai suoi interlocutori. E le sue parole, nel day after della rottura in Direzione Pd, suonano anche come un messaggio politico. Un Pd che, sulla gestione post-sisma, appare invece unito mentre Ermete Realacci, presidente della commissione Ambiente della Camera, assicura che “il Parlamento farà la sua parte”.

Prudente la Cisl, critica la Lega (dal premier “chiacchiere”) mentre M5S avverte che “vigilerà” sul testo del decreto e sul processo ricostruzione e sottolinea come “l’importante sia fare presto, l’inverno è alle porte”. Un inverno che, vedendo il gelo e il diluvio che hanno ‘accolto’ Renzi ad Amatrice, nelle zone del sisma sembra in realtà già arrivato.

(dell’inviato Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

18:01Migranti: in primavera centro in ex scuola polizia Monastir

(ANSA) - CAGLIARI, 22 FEB - Ottanta posti e apertura entro la prossima primavera. Il centro di accoglienza nell'ex scuola di polizia penitenziaria a Monastir vedrà presto la luce. Lo ha annunciato il prefetto di Cagliari, Giuliana Perrotta, a margine della Conferenza regionale delle autorità di pubblica sicurezza. "Una parte del compendio è stata già sistemata - ha spiegato - come già detto più volte, sarà utilizzato proprio per gli sbarchi diretti che avvengono sulle coste meridionali della Sardegna. All'interno si eseguiranno gli accertamenti sanitari e quelli di polizia legati all'identificazione. Successivamente nei confronti di questi migranti verrà adottato il decreto di espulsione e la maggior parte di loro lascerà il territorio". La data di apertura del centro non è ancora certa: manca infatti l'assegnazione a una delle società che hanno partecipato al bando, le prime due sono siciliane. "La gestione - conferma il prefetto - verrà assegnata più avanti. Sono in fase di completamento da parte dell'ufficio competente gli atti amministrativi per la sottoscrizione della convenzione". Oggi nel corso della Conferenza si è anche affrontato il problema degli sbarchi diretti. "Abbiamo fatto una valutazione di incidenza sui flussi migratori e sulla delittuosità - ha sottolineato Giuliana Perrotta - secondo i dati delle forze dell'ordine l'incidenza è bassa, anche al di sotto della media nazionale. In Italia si attesta sul 20%, in Sardegna intorno al 7%. Si registrano casi di reati predatori, come scippi e rapine, per questo sono stati intensificati i controlli mettendo in campo un numero maggiore di uomini".(ANSA).

17:55Incidenti stradali: furgone si ribalta, 1 morto su Autolaghi

(ANSA) - MILANO, 22 FEB - Un furgone si è ribaltato sull'Autolaghi, all'intersezione fra la A8 e la A9, in un incidente che ha causato la morte di uno dei tre uomini a bordo mentre gli altri due sono stati trasportati in gravissime condizioni in ospedale. Secondo una prima ricostruzione, il furgone, che andava verso Nord, ha colpito l'angolo di un guardrail e si è ribaltato. Nell'incidente sarebbe rimasto coinvolto anche un altro mezzo. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco e il 118, che ha constatato il decesso di uno dei tre uomini. Un altro è stato trasportato con l'elisoccorso al San Gerardo di Monza, mentre il terzo, un ragazzo di vent'anni, è stato portato all'ospedale di Varese.(ANSA).

17:40Roma: Spalletti “Totti col Villareal, Dzeko-Salah no”

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Totti in campo, Dzeko e Salah a riposo: sono le scelte di Spalletti per Roma-Villareal. "Se non siamo all'altezza della situazione, quella di domani può rivelarsi una partita difficile. La storia del calcio racconta di risultati clamorosi. Quello che si può accostare a questa partita è Milan-Deportivo, da 4-1 a 4-0. Noi non gestiremo il risultato, si deve entrare in campo per vincere la partita. Dobbiamo fare bene come all'andata. Se non sarà così rimarrò deluso". Lo ha dichiarato l'allenatore della Roma, Luciano Spalletti, alla vigilia del ritorno dei 16/i di Europa League contro il Villarreal. In Spagna una settimana fa i giallorossi si sono imposti con un netto 4-0. Rispetto agli ultimi impegni Spalletti farà un ampio turn-over per far rifiatare alcuni elementi della rosa: "Qualcosa verrà fatto. Gioca chi ha giocato meno, ma ci vuole fantasia a chiamare riserve giocatori come Vermaelen, Juan Jesus, Paredes, Perotti, El Shaarawy, Mario Rui. Totti? Francesco gioca. Salah e Dzeko invece non giocheranno".

17:31Migranti: 10 mila sbarchi da inizio anno, +35% rispetto 2016

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Superata la quota 10mila sbarchi dall'inizio dell'anno, con un notevole incremento rispetto sia al 2016 sia al 2015. Dal 1 gennaio ad oggi sono infatti arrivati 10.700 migranti, il 35,53% in più dello scorso anno - quando nello stesso periodo sono sbarcati 7.895 migranti - e il 35,75% in più del 2015, quando gli arrivi si fermarono a 7.882. Lo ha rilevato il ministro dell'Interno, Marco Minniti nel corso di un'audizione alla commissione migranti. Il ministro ha anche sottolineato come i fondi per i minori stranieri non accompagnati hanno avuto un "aumento significato": dai 112 milioni del 2016 e dei due anni precedenti, si è passati ai 170 milioni per il triennio 2017-2019. L'anno scorso c'è stato un raddoppio dei minori non accompagnati arrivati in Italia: dai 12.360 del 2015 ai 25.846 del 2016. Il titolare del Viminale ha poi auspicato che "vada rapidamente in aula al Senato il testo di legge" sui minori: "se fosse approvato - ha concluso - sarebbe un segnale molto importante".

17:16San Camillo: Cei, obiezione è un diritto

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - La decisione di assumere al San Camillo di Roma medici dedicati all'interruzione di gravidanza, impedendo loro dunque l'obiezione di coscienza, "snatura l'impianto della legge 194 che non aveva l'obiettivo di indurre all'aborto ma prevenirlo. Predisporre medici appositamente a questo ruolo è una indicazioni chiara". Lo dice all'ANSA Don Carmine Arice, direttore dell'Ufficio nazionale per la pastorale della salute della Cei, che sottolinea: "Non si rispetta un diritto di natura costituzionale quale è l'obiezione di coscienza. Il ministero della Salute ha fatto recentemente un'indagine appurando che il numero di medici non obiettori risulta sufficiente per coprire ampiamente la domanda" di interruzioni volontarie di gravidanza. "Tutto questo - commenta il direttore dell'ufficio della Pastorale sanitaria della Cei - fa molto dubitare sulla bontà di questo provvedimento".

17:11Terremoto: direttore ricostruzione Marche, lavoriamo h24

(ANSA) - ANCONA, 22 FEB - "Dal 24 agosto lavoriamo tutti i giorni e facciamo tutto quanto è nelle nostre possibilità con la 'fissa' di risolvere i problemi" causati dal sisma. Lo ha detto Cesare Spuri, direttore dell'Ufficio speciale per la ricostruzione, dopo l'incontro con una delegazione di terremotati e rappresentanti della rete di realtà sociali Terre in Moto, che stamani ha dato vita ad un sit-in di protesta sotto la sede della Regione Marche per denunciare i ritardi nella ricostruzione. Sulle Soluzioni abitative di emergenza, le casette, che nelle Marche ancora non ci sono, Spuri ha ricordato che ne sono state ordinate altre 700 e che sono stati conclusi incontri con i sindaci per chiarire i fabbisogni dei Comuni ''e bruciare le tappe''. La priorità è ricostruire le comunità'' ha rimarcato. Il direttore ha inoltre preannunciato una serie di incontri con le popolazioni terremotate per ascoltare le loro esigenze e per spiegare quanto si sta facendo. Probabilmente verranno anche aperti altri uffici informazioni.

17:02Tranciati cavi linea Ferrotramviaria, ‘siamo sotto attacco’

(ANSA) - BARI, 22 FEB - "Sotto attacco di un esercito organizzato, preparato, che sa quel che fa perchè agisce di notte, al buio" su linee elettriche alimentate da 3.500 volt "correndo dei rischi altissimi". Così il direttore generale di Ferrotramviaria, Massimo Nitti, ha denunciato questa mattina a Bari, in una conferenza stampa, i ripetuti tentativi di furti alla linea elettrica, cinque negli ultimi 25 giorni e due contemporaneamente la notte scorsa, che stanno creando "gravi disagi ai passeggeri". Ferrotramviaria è la società che gestisce anche la linea a binario unico Andria-Corato su cui, lo scorso 12 luglio, si sono scontrati frontalmente due convogli provocando la morte di 23 persone. "Se questa storia continua qualche problema dobbiamo porcelo - ha detto Nitti - Chiediamo agli inquirenti di indagare". "Stanotte, sicuramente, è stato fatto in maniera scientifica in due punti: in uno il rame non è nemmeno stato portato via nell'altro non ci sono riusciti".

Archivio Ultima ora