Renzi nelle zone del sisma: Non siete soli, l’Italia è con voi

Pubblicato il 11 ottobre 2016 da ansa

Renzi con il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi e Curcio

Renzi con il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi e Curcio

AMATRICE (RI). – Ripartenza, nessun proclamo, ascolto: è su questi tre sentieri che il premier Matteo Renzi concentra il suo ritorno nelle zone devastate dal sisma del 24 agosto. Di fatto è la sua prima visita nella fase post-emergenza, quella forse meno traumatica ma di certo non meno difficile.

Renzi visita i tre Comuni più colpiti dal terremoto: Arquata del Tronto, Accumoli, Amatrice. Vi giunge forte di un decreto che mette nero su bianco lo stanziamento immediato di 300 milioni per l’avvio di una ricostruzione che costerà 4,5 miliardi. E vi arriva portando il contributo dei privati, con la decisione dei fratelli Della Valle di aprire una fabbrica proprio ad Arquata del Tronto.

Ricostruzione e ripresa al più presto dell’economia locale. Sono questi due binari sui quali il governo cercherà di far ripartire le zone terremotate. Con un principio che, quasi come un mantra, Renzi ripete in ogni sua tappa: “non vi lasceremo soli, non vi abbandoneremo. Presto arriveranno risposte concrete”. E questa mattina le prime risposte sono arrivate. Prima con il decreto – collegato, negli stanziamenti, alla legge di bilancio – varato dal Consiglio di ministri: un vademecum di 53 articoli in cui sono fissati i capisaldi degli interventi necessari. Poi con il contributo dei privati.

E Renzi, non a caso, prima di recarsi nelle zone del sisma fa tappa proprio nel fermano, patria della Tod’s. “Quello dei Della Valle è un gesto straordinario, altri imprenditori lo seguano”, sottolinea il premier incontrando Diego Della Valle e riallacciando i rapporti con uno degli imprenditori più critici nei confronti del suo governo.

Quindi è ai sindaci, innanzitutto, che Renzi, accompagnato dal sottosegretario Claudio De Vincenti, dal commissario per il sisma Vasco Errani e dal capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio, vuole illustrare il decreto. Ricevendo un endorsement ‘a caldo’ pressoché unanime.

“Oggi è un bel giorno per l’Italia, è l’inizio di un lungo campionato ma i presupposti ci sono”, esulta il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi che sulla pari dignità nei risarcimenti e nella tempistica per le prime e le seconde case aveva basato il destino del suo Comune. Una cittadina in cui 5mila abitazioni su 6mila sono seconde case e che viveva, soprattutto, nel commercio legato al turismo.

“Renzi ha accolto la mia proposta di una bella fabbrica di sugo all’amatriciana, sarebbe un bel messaggio”, spiega Pirozzi. Nei tre Comuni il capo del governo si ferma ad ascoltare volontari, vigili del Fuoco, cittadini. Visita le zone rosse e indossa la felpa con la scritta Amatrice che, assicura, “dovrà essere il simbolo della rinascita”.

“Ci stiamo muovendo come Italia tutti insieme”, sottolinea ai suoi interlocutori. E le sue parole, nel day after della rottura in Direzione Pd, suonano anche come un messaggio politico. Un Pd che, sulla gestione post-sisma, appare invece unito mentre Ermete Realacci, presidente della commissione Ambiente della Camera, assicura che “il Parlamento farà la sua parte”.

Prudente la Cisl, critica la Lega (dal premier “chiacchiere”) mentre M5S avverte che “vigilerà” sul testo del decreto e sul processo ricostruzione e sottolinea come “l’importante sia fare presto, l’inverno è alle porte”. Un inverno che, vedendo il gelo e il diluvio che hanno ‘accolto’ Renzi ad Amatrice, nelle zone del sisma sembra in realtà già arrivato.

(dell’inviato Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

12:45Aereo turismo precipita tra Piemonte e Valle d’Aosta

(ANSA) - AOSTA, 26 GIU - Un aereo da turismo è precipitato nella zona del Mont Mars, tra Valle d'Aosta e Piemonte. A bordo - secondo quanto comunicato dalla Centrale Unica del soccorso della Valle d'Aosta - c'erano due persone. Sul posto stanno operando elicotteri della protezione civile valdostana e dei vigili del fuoco del Piemonte. (ANSA).

12:45Comunali: Speranza, fine renzismo unica strada per ripartire

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Siamo dinanzi alla più clamorosa sconfitta degli ultimi anni alle elezioni amministrative per il centrosinistra". Lo scrive su Facebook il coordinatore di Articolo 1 Roberto Speranza. "È inutile - prosegue Speranza - far finta di non vedere. La destra avanza anche perché in sintonia con le paure di questo tempo. Ma sono state le politiche sbagliate dell'ultima stagione a far restare a casa una larga parte degli elettori di sinistra e di centrosinistra, demotivati e spesso umiliati da scelte incomprensibili su lavoro, scuola, ambiente e fisco. Occorre essere chiari e netti: l'unica strada per ripartire è archiviare definitivamente le politiche errate del renzismo e rimettere al centro i nostri valori fondamentali a partire dalla giustizia sociale e dalla lotta contro le diseguaglianze". "Non ci rassegniamo alla vittoria della destra. Tocca a tutti noi ricostruire. A partire dalla manifestazione del primo luglio a Roma", conclude Speranza.

12:33Salvini, ora modello Comunali a livello nazionale

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - "Non vedo l'ora di esportare il modello di queste amministrative a livello nazionale": lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini. "Abbiamo fatto 30 - ha sostenuto -, facciamo 31. Se dopo decenni ci chiedono di governare Genova, Pistoia o Sesto San Giovanni, vuol dire che possiamo governare anche il Paese. Con idee chiare, senza tentennamenti fra stare o no con Renzi". "Non capisco - ha spiegato - come il segretario del primo partito italiano possa aver festeggiato, il caldo fa brutti scherzi. E non capisco neanche come Gentiloni non sia salito al Quirinale a rassegnare le dimissioni, questa è la terza sfiducia". "Renzi sarà probabilmente il conduttore di 'Chi l'ha visto' l'anno prossimo", ha aggiunto, mentre "con Silvio Berlusconi, "ci vedremo, ci sentiremo, ragioneremo", ma "la leadership è l'ultima delle mie preoccupazioni". "Invitiamo il Pd a portare la legge elettorale subito al Senato, con tre righe che premino le coalizioni, penso che si possa portare a casa in una settimana".

12:28Torino: presidente Ui, spostare il G7 sarebbe un errore

(ANSA) - TORINO, 26 GIU - "È un atteggiamento sbagliato spostare il G7. Torino è e deve essere città dell'accoglienza". Lo ha affermato il presidente degli industriali di Torino Dario Gallina a proposito dell'ipotesi di trovare un'altra sede per gli appuntamenti di fine settembre come proposto da alcuni dopo le tensioni delle ultime settimane nel capoluogo piemontese, dai fatti di piazza San Carlo agli scontri con i centri sociali. "C'è tutto il tempo per assicurare la riuscita dell'evento come è già avvenuto in passato. La polemica politica non deve andare a scapito della collettività", ha detto Gallina aprendo l'assemblea annuale dell'Unione Industriale.(ANSA).

12:16Comunali: sinistra perde Sesto San Giovanni dopo 70 anni

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - Per la prima volta dal dopoguerra Sesto San Giovanni, l'ormai definitivamente ex Stalingrado d'Italia, sarà amministrata da un sindaco del centrodestra. Dopo 70 anni, la sinistra perde quindi una delle sue roccaforti nel nord Italia al termine di un ballottaggio senza storia: Roberto Di Stefano ha vinto con il 58,6% contro la sindaca uscente Monica Chittò del Pd che si è fermata al 41,4%, mentre nel 2012 al ballottaggio era stata eletta con il 70%. Appoggiato da Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d'Italia e dalla lista civica Sesto nel Cuore, Di Stefano ha potuto contare sul sostegno di Gianpaolo Caponi, candidato di tre liste civiche vicine al centrodestra arrivato terzo con il 24% al primo turno. Non è bastato a Chittò il sostegno di tutto il centrosinistra, con la presenza in campagna elettorale di big come Giuliano Pisapia o Walter Veltroni: soprattutto il Pd ha subito una dura sconfitta passando da 10 a 4 consiglieri e la bassa affluenza (45.6%) ha punito sopratutto il centrosinistra.

12:10Gb: cyberattacco, Guardian ha sospetti su Mosca

(ANSA) - LONDRA, 26 GIU - Il cyberattacco condotto venerdì scorso contro il network di email del Parlamento britannico sarebbe riconducibile più a "uno Stato" che non a gruppi di cani sciolti e "probabilmente" al "governo russo". E' quanto afferma oggi il britannico Guardian pur non rivelando alcun elemento concreto al riguardo e ammettendo anzi che sarà difficile poter provare un tale ipotetico collegamento anche in futuro. Il giornale, citando i servizi segreti del Regno Unito, afferma che ci sono altri tre Paesi che possono aver ordinato l'attacco: Cina, Iran e Corea del Nord. Allo stesso tempo cresce la paura di possibili ricatti ai danni dei deputati che hanno visto violate le loro email, anche se il numero di account colpiti è limitato a soli 90 su un totale di 9mila.

11:39Tennis: ranking Wta, Kerber ancora al comando

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - La danese Caroline Wozniacki e la russa Svetlana Kuznetsova salgono rispettivamente al sesto e all'ottavo posto, mentre la slovacca Dominika Cibulkova scivola di tre gradini al nono: sono i cambiamenti nella top 10 del ranking Wta aggiornato oggi, che vede invece confermarsi in vetta la tedesca Angelique Kerber, seguita dalla romena Simona Halep e dalla ceca Karolina Pliskova; in quarta e quinta posizione, la statunitense Serena Williams e l'ucraina Elina Svitolina. Da segnalare, poi, l'ascesa al 12/o posto (+4) della ceca Petra Kvitova, che a Birmingham ha ottenuto il suo primo successo dopo l'aggressione e il ferimento in casa subiti sei mesi fa. In casa azzurra, Roberta Vinci si conferma la meglio piazzata, 33/a, così come Francesca Schiavone è sempre 73/a. Retrocede di due posizioni, invece, Sara Errani, ora 74/a, mentre è di nuovo nella top 100 Camila Giorgi, 84/a.

Archivio Ultima ora