Samsung ferma produzione e vendita Galaxy Note7, è crisi

Pubblicato il 11 ottobre 2016 da ansa

FILE - In this Thursday, Sept. 1, 2016 file photo, a man holds a Samsung's latest Galaxy Note 7 smartphone after dipping it in water to test its waterproofing features at a roadshow booth outside a shopping mall in Beijing. (ANSA/AP Photo/Andy Wong, File)

FILE – In this Thursday, Sept. 1, 2016 file photo, a man holds a Samsung’s latest Galaxy Note 7 smartphone after dipping it in water to test its waterproofing features at a roadshow booth outside a shopping mall in Beijing. (ANSA/AP Photo/Andy Wong, File)

NEW YORK. – Le ambizioni di Samsung si scontrano con il Galaxy Note7, lo smartphone considerato il ‘killer dell’iPhone’, quello che avrebbe dovuto consolidare la posizione del colosso sud coreano nell’olimpo dei giganti dell’hi tech. E che invece si è rivelato uno dei capitoli più imbarazzanti della storia dell’industria tecnologica, in grado di costare a Samsung perdite fino a 3 miliardi di dollari solo nell’ultimo trimestre dell’anno.

La saga iniziata il mese scorso si è arricchita nelle ultime ore di due annunci che mettono a rischio la reputazione di Samsung: la sospensione definitiva della produzione del Galaxy Note7 e quella delle vendite. Ad allarmare è soprattutto la richiesta di Samsung ai titolari dello smartphone: ”non usatelo”. Il timore continua a essere che possa prendere fuoco, dopo i 20 casi di surriscaldamento o esplosione registrati.

Il caso si è aperto con l’allerta lanciata dalle autorità americane dopo le prime denunce per ‘incendio’. Samsung è corsa ai ripari richiamando il dispositivo, non una sola volta ma due. Poi l’annuncio della sospensione temporanea della produzione e poi quella definitiva, preceduta dalla richiesta alle compagnie telefoniche e ai rivenditori di bloccare le vendite.

La ‘colpa’ è stata inizialmente scaricata sulla batteria, ma il problema, secondo indiscrezioni, sarebbe ben più pesante e riguarderebbe la tecnologia stessa dello smartphone. Gli analisti mettono in guardia sui danni che questo potrebbe causare a Samsung: in borsa il titolo ha perso l’8%, il calo maggiore dall’ottobre 2008, e da quando lo scandalo è scoppiato Samsung ha bruciato 29 miliardi di dollari di valore di mercato.

L’impatto dello stop alla produzione e alle vendite, affermano gli analisti, si farà sentire nei prossimi mesi, causando difficoltà nei conti ma soprattutto in termini di immagine.

Apple e Google possono festeggiare con il divenire degli eventi. Per caso o per fortuna, Mountain View ha introdotto il suo nuovo smartphone Pixel, le cui potenzialità in termini di vendita aumentano con le difficoltà di Samsung. A guadagnare dalla crisi del colosso sud coreano anche Apple, come dimostra il rialzo in Borsa: Cupertino è l’unica a salire, chiudendo in aumento dello 0,26%, in una seduta pesante per i listini americani.

Apple e Samsung continuano la loro guerra non solo per il controllo del mercato degli smartphone, ma anche per i brevetti. Una battaglia iniziata cinque anni fa, dopo che il fondatore di Apple, Steve Jobs, aveva dichiarato una ‘guerra termonucleare’ contro Android, il sistema operativo di Google che gira sugli smartphone Samsung. E che è approdata alla Corte Suprema americana, con addosso tutti gli occhi della Silicon Valley, anche se riguarda modelli di smartphone non più in circolazione da anni.

Gli otto saggi americani, chiamati a esprimersi su caso di brevetti per la prima dal 1800, si sono mostrati scettici di fronte alla sanzione da 399 milioni di dollari inflitta a Samsung per aver copiato Apple, dicendosi perplessi su come l’ammontare della multa sia stato definito.

(di Serena Di Ronza/ANSA)

Ultima ora

22:30Calcio: Leicester ritrovato, City affonda e trionfa Ranieri

(ANSA) - LONDRA, 10 DIC - Come un ciclone, irresistibile quanto inatteso, il Leicester si ritrova all'improvviso, e in appena 20' spazza via il Manchester City e vince 4-2. Ranieri impartisce una lezione di calcio a Pep Guardiola che neppure a Antonio Conte settimana scorsa era riuscita così netta e indiscutibile. Senza se né ma, a conferma di una superiorità non solo nei numeri ma anche tecnico-tattica, di intensità e determinazione. Esattamente come Ranieri aveva chiesto alla vigilia alla sua squadra, trascinata da un ritrovato Jamie Vardy, uomo simbolo del riscatto delle Foxes. Una tripletta per interrompere un'astinenza al gol che durava da 10 partite. La prima perla arriva già al 3', quando Vardy supera Bravo con un diagonale. Il raddoppio al 6': assist di Slimani a King che dal limite disegna la traiettoria perfetta. Dopo un'occasione sprecata, è Vardy, sfruttando al meglio un assist di Mahrez, a segnare la terza rete. Nella ripresa terzo squillo di Vardy, poi allo scadere arrivano le reti di Kolarov su punizione e Nolito.

22:17Presepe negato al cimitero, iniziato l’allestimento

(ANSA) - CREMONA, 10 DIC - "Mi hanno chiamato perfino da Dubai, alcuni amici, per avere notizie sul presepe della discordia. Ho risposto che finalmente tutto si è risolto ed anche per questo Natale ci sarà. Certo in una collocazione diversa e più sicura e visibile rispetto agli anni scorsi". E' soddisfatto don Sante Braggiè, cappellano del cimitero di Cremona, che in questi giorni è finito sotto i riflettori per il suo iniziale diniego alla realizzazione del presepe. Oggi pomeriggio è iniziato l'allestimento da parte degli addetti dei servizi cimiteriali, che verrà completato nei prossimi giorni, davanti all'ingresso della chiesa. Intanto, con una lettera del vicario episcopale per la pastorale, don Giampaolo Maccagni, è intervenuta anche la Diocesi di Cremona, per definire l'episodio "un semplice malinteso", ma anche per invitare i fedeli ad essere cristiani non solo nella difesa delle tradizioni, ma anche nell'aiutare i "tanti fratelli alla ricerca di riparo e di vera accoglienza".

22:10Calcio: Lazio, Tare, pretendiamo arbitri primissimo livello

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "A mente fredda si può dire che l'arbitraggio di Banti non sia stato molto felice, ma non vogliamo alibi: vogliamo solo un po' più di attenzione, perché il derby è una partita importante, un match a sé. Quindi pretendiamo che vengano mandati arbitri di primissimo livello". Nel pre-partita di Sampdoria-Lazio, il d.s. del club biancoceleste Igli Tare torna a trattare dell'argomento 'derby perso' e sull'arbitraggio di Banti. "Ma sulle polemiche post derby non voglio tornare - dice Tare -, anche se è stato evidente quello che è successo: c'era tanto rammarico per la sconfitta e per il modo in cui è maturata". Ma ora la Lazio si aspetta provvedimenti nei confronti di Lulic? "È una cosa comica: tutto quello che è successo, a cominciare dall'espulsione di Cataldi, parte da una provocazione di Strootman - risponde Tare -. Sono cose che rammaricano. Quella di Lulic è un'uscita a caldo, scaturita da qualche battuta di troppo di Rudiger. Ma si è subito scusato. Aspettiamo con serenità e vedremo se ci sarà la squalifica".

22:07Rugby: Champions, Zebre-Tolosa 6-36 al 64′, poi stop nebbia

(ANSA) - PARMA, 10 DIC - Zebre-Stade Toulousain 6-36 in una partita della Champions di rugby giocata allo stadio Lanfranchi di Parma, davanti a 3.000 spettatori. Il match, inizialmente previsto alle 20.45, è stato giocato alle 15 per minimizzare i rischi della nebbia comunque presente nell'impianto parmigiano fin dal calcio d'inizio. Dopo 64 minuti di gioco l'arbitro gallese Davies, dopo aver chiamato a colloquio i due capitani e i manager di entrambe le squadre, ha fischiato la fine della gara a causa della scarsa visibilità sul terreno di gioco. Essendosi giocati più di 60 minuti al momento della sospensione, il risultato parziale di 6-36 (per il tam di casa due calci piazzati di Canna) è omologato a sancire la vittoria dei francesi. Quindi cinque punti per Tolosa che ospiterà le Zebre sabato prossimo allo Stade Wallon nella gara di ritorno.

21:34Calcio: Crotone-Pescara 2-1, a calabresi scontro salvezza

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Crotone ha battuto il Pescara 2-1 nel primo anticipo della 16ma giornata di Serie A. Un risultato importantissimo per la squadra di Davide Nicola che in una botta sola conquista la 2/a vittoria in campionato, incamera tre punti importanti e sopravanza gli stessi abruzzesi in classifica, lasciandoli stasera al penultimo posto in classifica (9 punti contro 8). Allo 'Scida', i calabresi vanno a segno con Palladino su rigore al 24' (per un fallo fischiato a Campagnaro che tocca col braccio un cross di Martella), poi è il turno degli abruzzesi sfruttare il penalty concesso da Damato ma Memushaj, che se lo era procurato, sbaglia tirando addosso a Cordaz. Il pari arriva comunque quasi alla fine della partita (82') con Campagnaro, con il Pescara ridotto in 10 per il doppio giallo ad Aquilani, bravo di testa a metterla dentro. Sembra tutto fatto ma un minuto dopo, con anche il Crotone in 10 (espulso Capezzi), Ferrari realizza il gol partita, sempre di testa.

21:31Fumata nera da impianto siderurgico, paura a Brescia

(ANSA) - BRESCIA, 10 DIC - Ha destato preoccupazione a Brescia una fumata scura che nel tardo pomeriggio era visibile da buona parte della città. Si è trattato di un problema verificatosi all'interno dell'impianto siderurgico Ori Martin di via Canovetti, nella zona nord di Brescia. "Un problema che si è verificato al sistema di scarico della paniera dell'acciaio fuso" spiega Arpa attraverso una nota. "Parte dell'acciaio fuso è schizzato lateralmente al contenitore di refrattario bruciando alcune tubature poste nei pressi". "Sono intervenuti i Vigili del Fuoco coprendo l'acciaio fuso con apposito materiale e raffreddandolo nebulizzando acqua che ha prodotto il vapore acqueo visibile esternamente allo stabilimento. La squadra di Arpa Lombardia è intervenuta senza riscontrare particolari criticità ambientali".

21:26Venezuela: sequestrati 4 mln giocattoli, ‘per bimbi poveri’

(ANSA) - BOGOTA', 10 DIC - Il governo socialista del Venezuela ha requisito quattro milioni di giocattoli ad un'azienda per regalarli ai bambini poveri a Natale. Le autorità hanno sequestrato i giochi da tre magazzini della Kreisel, il più grande distributore del Paese. Due dirigenti sono stati arrestati con l'accusa di fare speculazione sui prezzi. La Kreiser non ha commentato, nonostante i numerosi messaggi di sostegno arrivati via Twitter. I giocattoli sequestrati verranno distribuiti ai comitati locali che dovranno donarli ai bambini. Il Venezuela da tempo è attraversato da una pesantissima crisi economica, che ha provocato la penuria di beni di prima necessità, come alimentari e medicine.

Archivio Ultima ora