Samsung ferma produzione e vendita Galaxy Note7, è crisi

Pubblicato il 11 ottobre 2016 da ansa

FILE - In this Thursday, Sept. 1, 2016 file photo, a man holds a Samsung's latest Galaxy Note 7 smartphone after dipping it in water to test its waterproofing features at a roadshow booth outside a shopping mall in Beijing. (ANSA/AP Photo/Andy Wong, File)

FILE – In this Thursday, Sept. 1, 2016 file photo, a man holds a Samsung’s latest Galaxy Note 7 smartphone after dipping it in water to test its waterproofing features at a roadshow booth outside a shopping mall in Beijing. (ANSA/AP Photo/Andy Wong, File)

NEW YORK. – Le ambizioni di Samsung si scontrano con il Galaxy Note7, lo smartphone considerato il ‘killer dell’iPhone’, quello che avrebbe dovuto consolidare la posizione del colosso sud coreano nell’olimpo dei giganti dell’hi tech. E che invece si è rivelato uno dei capitoli più imbarazzanti della storia dell’industria tecnologica, in grado di costare a Samsung perdite fino a 3 miliardi di dollari solo nell’ultimo trimestre dell’anno.

La saga iniziata il mese scorso si è arricchita nelle ultime ore di due annunci che mettono a rischio la reputazione di Samsung: la sospensione definitiva della produzione del Galaxy Note7 e quella delle vendite. Ad allarmare è soprattutto la richiesta di Samsung ai titolari dello smartphone: ”non usatelo”. Il timore continua a essere che possa prendere fuoco, dopo i 20 casi di surriscaldamento o esplosione registrati.

Il caso si è aperto con l’allerta lanciata dalle autorità americane dopo le prime denunce per ‘incendio’. Samsung è corsa ai ripari richiamando il dispositivo, non una sola volta ma due. Poi l’annuncio della sospensione temporanea della produzione e poi quella definitiva, preceduta dalla richiesta alle compagnie telefoniche e ai rivenditori di bloccare le vendite.

La ‘colpa’ è stata inizialmente scaricata sulla batteria, ma il problema, secondo indiscrezioni, sarebbe ben più pesante e riguarderebbe la tecnologia stessa dello smartphone. Gli analisti mettono in guardia sui danni che questo potrebbe causare a Samsung: in borsa il titolo ha perso l’8%, il calo maggiore dall’ottobre 2008, e da quando lo scandalo è scoppiato Samsung ha bruciato 29 miliardi di dollari di valore di mercato.

L’impatto dello stop alla produzione e alle vendite, affermano gli analisti, si farà sentire nei prossimi mesi, causando difficoltà nei conti ma soprattutto in termini di immagine.

Apple e Google possono festeggiare con il divenire degli eventi. Per caso o per fortuna, Mountain View ha introdotto il suo nuovo smartphone Pixel, le cui potenzialità in termini di vendita aumentano con le difficoltà di Samsung. A guadagnare dalla crisi del colosso sud coreano anche Apple, come dimostra il rialzo in Borsa: Cupertino è l’unica a salire, chiudendo in aumento dello 0,26%, in una seduta pesante per i listini americani.

Apple e Samsung continuano la loro guerra non solo per il controllo del mercato degli smartphone, ma anche per i brevetti. Una battaglia iniziata cinque anni fa, dopo che il fondatore di Apple, Steve Jobs, aveva dichiarato una ‘guerra termonucleare’ contro Android, il sistema operativo di Google che gira sugli smartphone Samsung. E che è approdata alla Corte Suprema americana, con addosso tutti gli occhi della Silicon Valley, anche se riguarda modelli di smartphone non più in circolazione da anni.

Gli otto saggi americani, chiamati a esprimersi su caso di brevetti per la prima dal 1800, si sono mostrati scettici di fronte alla sanzione da 399 milioni di dollari inflitta a Samsung per aver copiato Apple, dicendosi perplessi su come l’ammontare della multa sia stato definito.

(di Serena Di Ronza/ANSA)

Ultima ora

05:55Trump-media, muro contro muro per i 100 giorni

(ANSA) - NEW YORK, 30 APR - I primi 100 giorni di Donald Trump alla Casa Bianca si sono conclusi come erano iniziati: con un durissimo scontro tra il presidente e i giornalisti. Il tycoon - che con uno strappo clamoroso ha disertato la tradizionale cena dei corrispondenti della Casa Bianca - è tornato ad accusare i media definendoli 'fabbrica di fake news'. Irrefrenabile l'entusiasmo della folla di sostenitori riunitasi ad Harrisburg, in Pennsylvania. Secca la risposta del presidente dell'associazione dei corrispondenti della Casa Bianca, Jeff Mason, che aprendo la serata annuale dell'associazione ha respinto le accuse al mittente: "Siamo qui come sempre per celebrare la libertà di stampa e il buon giornalismo, non per celebrare la presidenza". "Come si può vedere - la sua frecciata ironica - la serata è lo stesso sold out". Poi serio: "Non siamo fake news, e non siamo il nemico del popolo americano. Un attacco a noi è un attacco a tutti gli americani".

05:44Trump, presto grande decisione su accordo clima

(ANSA) - NEW YORK, 30 APR - "Presto sull'accordo di Parigi sul clima negoziato da Barack Obama prenderò una grande decisione": lo ha detto Donald Trump, a proposito dell'incontro tra i consiglieri del presidente americano previsto per martedì prossimo, per discutere l'eventuale ritiro degli Usa dall'intesa siglata in seno alle Nazioni Unite.

00:50Pugilato:spettacolo a Wembley,Joshua batte Klitschko per ko

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Doveva essere un match spettacolo per rilanciare la boxe mondiale e così è stato tra atterramenti, sangue, sudore e provocazioni. In uno stadio di Wembley con un tutto esaurito da 90.000 spettatori, a prevalere tra l'idolo di casa Anthony Joshua e l'ex campione del mondo ucraino Wladimir Klitschko è l'inglese che parte bene per farsi riprendere nel bel mezzo del match e poi trionfare nel finale per ko tecnico. Klitschko va al tappeto per la prima volta all'inizio del quinto round, ma poi si 'riparte' bene mandando giù il suo avversario nella ripresa successiva e riportando il match in equilibrio. E quando l'incontro sembrava avviarsi alla conclusione rimettendosi alla decisione dei giudici ecco il colpo di scena: alla 11/a ripresa Joshua si scatena mandando al tappeto per due volte Klitschko costringendo l'arbitro a chiudere l'incontro per ko tecnico per la gioia del pubblico di Wembley. A Joshua la riunificazione delle cinture dei pesi massimi (Wba e Ibf)

23:28Calcio: Liga, Barca vince derby e risponde al Real Madrid

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Il Barcellona vince il derby con l'Espanyol riportandosi in testa alla Liga in coabitazione con il Real Madrid che nel pomeriggio aveva battuto di misura il Valencia. A dare la vittoria 3-0 ai blaugrana, i gol di Suarez (5' e 42' st) e Rakitic (31' st). In testa al massimo campionato spagnolo Barcellona e Real Madrid si trovano a quota 81 punti, ma le merengues devono ancora recuperare la partita di Vigo contro il Celta.

23:15Calcio: Torino-Sampdoria 1-1

(ANSA) - TORINO, 29 APR - Torino-Sampdoria 1-1 (0-1) nell'anticipo della 34/a giornata del campionato di Serie A. Al gol di Schick nel primo tempo (12') risponde l'ex romanista Iturbe al 33' della ripresa.

22:51Pallavolo: Champions, Perugia in finale con Zenit Kazan

(ANSA) - ROMA, 29 APR - La Sir Safety Conad Perugia ha conquistato la finale della Champions League 2017 di volley maschile battendo la Lube Civitanova nell'attesissimo derby italiano al PalaLottomatica di Roma davanti a 10mila spettatori. La squadra di Ivan Zaytsev ha vinto 3-2 al tie-break (25-19; 22-25; 25-19; 21-25; 15-9) e nella finalissima della massima competizione europea di volley con i russi dello Zenit Kazan. (

22:35Usa: clima, 300 cortei contro Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 29 APR - ''Con l'aumento dei livelli del mare Mar-a-Lago diventerà Mar-a-long gone'': è lo striscione esibito dalla sedicenne Olivia Springberg, con Trump e il suo staff raffigurati mentre rischiano di annegare tra le palme della residenza del presidente in Florida. E' uno dei tanti cartelloni esibiti dalle decine di migliaia di persone, tra cui l'attore Leonardo di Caprio, che oggi hanno invaso Washington con una marcia per il clima, per protestare contro le politiche ambientali di Trump in coincidenza con i primi cento giorni della sua amministrazione. Un periodo breve ma nel quale il tycoon ha già indicato chiaramente la politica di deregulation che intende seguire, cancellando l'eredità 'verde' di Barack Obama: sblocco degli oleodotti, nuove licenze per le miniere, revoca delle restrizioni sulle emissioni dei gas serra e per le trivellazioni nell'Artico, in attesa di decidere prima del G7 italiano se confermare o abbandonare l'accordo di Parigi sul clima. La marcia si tiene in altre 300 città Usa.

Archivio Ultima ora