Renzi: Massima apertura, ma se minoranza non si fida voti No

Pubblicato il 11 ottobre 2016 da ansa

Italian Prime Minister Matteo Renzi host of the Raitre Tv program "Politics", conducted by journalist Gianluca Semprini (R), in Rome, Italy, 11 October 2016. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Italian Prime Minister Matteo Renzi host of the Raitre Tv program “Politics”, conducted by journalist Gianluca Semprini (R), in Rome, Italy, 11 October 2016.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ROMA. – “Se la minoranza non si fida, voti No”. Matteo Renzi lo dice chiaro e tondo: più di così non può concedere sulle modifiche all’Italicum, non può arrivare fino a scrivere “una nuova legge Pd prima del referendum perché Bersani non ha vinto le elezioni e il Pd da solo non ha i numeri in Parlamento”. E se la sinistra Dem voterà No al referendum, pazienza: “Gli italiani decidono come votare con la loro testa, non seguendo le correnti Pd”.

Quel che preme al leader Pd è piuttosto chiudere la discussione interna perché “gli elettori non ne possono più”. A loro vuol parlare di altro, nel tour nei luoghi del sisma e poi in diretta tv: “Per le pensioni basse ci sarà un aumento e per chi va via prima la penalizzazione sarà 5% l’anno”, annuncia a quattro giorni dal varo della manovra.

In diretta a Politics, in un botta e risposta a tratti molto vivace con l’ex direttore Tg3 Bianca Berlinguer, il vicedirettore del Fatto Stefano Feltri e il direttore del Foglio Claudio Cerasa, Renzi viene incalzato sulle domande sul Pd, all’indomani sulla direzione. E non nasconde la sua insofferenza.

Ha fatto un’apertura ampia sulla legge elettorale “contro natura” rispetto alla sua indole, perché ritiene di aver concesso molto alla minoranza e invece, lamenta, “il giorno dopo c’è chi evoca la scissione salvo smentirla un minuto dopo”. E così, a Pier Luigi Bersani che ha ribadito il No al referendum perché Italicum e legge elettorale creano un intreccio “pericoloso” per la democrazia, il premier replica: “Se hai cambiato idea dopo aver votato Sì in Parlamento alla riforma avrai i tuoi motivi. Io da segretario faccio di tutto per tenere tutti in squadra. Ma questo referendum non abbatte le garanzie democratiche, ma abbatte le resistenze burocratiche”.

Cacciare Bersani? “Ovviamente no”, assicura Renzi. E rinvia la sfida con lui al congresso: “Decideranno gli elettori del Pd a chi dare la guida del partito col congresso nel 2017. Chi avrà un voto in più vincerà, chi uno in meno farà opposizione. Ma il referendum non c’entra col Pd”.

Il premier ribadisce dunque l’apertura sulla legge elettorale e mette in discussione anche il ballottaggio, purché “l’elettore possa scegliere chi governa”. Ma non si spinge oltre per trattenere Bersani e Cuperlo dal No: “Agli italiani interessa più la pastorizia delle correnti Pd”, dice. Poi punzecchia: “La mia vera questione non è rimandare in Parlamento quelli che ci sono oggi ma rimettere in moto questo Paese”. “Se vince il No tornano quelli di prima… non se ne vanno ai giardinetti”, afferma.

Dunque, parlare innanzitutto di ricostruzione delle zone sismiche e la manovra. “Il Parlamento voti all’unanimità il decreto approvato oggi, l’Europa non può dire di no al fatto che prendiamo fuori dal patto di stabilità i soldi per risarcire tutti”. E sulla legge di bilancio, che sarà approvata sabato, il premier annuncia: “Abbassiamo ancora le tasse, con Ires al 24% e Iri al 25%. La penalizzazione per chi andrà in pensione anticipata sarà meno del 15% in tre anni”.

E ancora, dichiara: “Su forze dell’ordine e personale medico, faremo dei concorsi veri” per sbloccare il turn over. Infine, un passaggio su Ignazio Marino di recente assolto. “Scusarmi? E di cosa? Si è dimesso lui”, dichiara. “Il problema non erano gli scontrini ma autobus e buche”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

05:42Coree: Seul, inviato a Pyongyang se stop provocazioni

PECHINO - Il presidente sudcoreano Moon Jae-in prendera' in considerazione l'invio di un inviato speciale a Pyongyang se il Nord mettera' fine alle sue provocazioni: in un messaggio trasmesso dalle tv di Seul, in occasione dei primi 100 giorni di insediamento alla presidenza, Moon ha spiegato che il dialogo intercoreano puo' esserci solo se finiscono test nucleari e missilistici. ''Nessuna guerra ci sara' sulla penisola'', ha poi ribadito il presidente, ricordando l'impegno Usa a non prendere alcuna azione militare senza il consenso di Seul.

05:38Charlottesville: Carson, ingigantite reazioni a parole Trump

WASHINGTON - Il segretario Usa all'urbanistica Ben Carson ha descritto le polemiche scaturite dalla reazione del presidente Donald Trump ai fatti di Charlottesville come ''piccoli bisticci'' che vengono ''ingigantiti''. Lo stesso Carson -l'unico afroamericano nel governo Trump- in un post su Facebook aveva parlato di ''odio e intolleranza su tutti i fronti'' in reazione a quanto accaduto nella citta' della Virginia.

05:18Gaza: Hamas, kamikaze Isis morto in scontro con sicurezza

GAZA - Hamas ha rivelato che un kamikaze si e' fatto esplodere mentre le forze di sicurezza stavano cercando di impedirgli di infiltrarsi in Egitto, e nell'attentato diverse persone sono rimaste ferite. Il Ministero degli Interni di Hamas ha reso noto che l'attentatore e' morto e un suo complice e' rimasto ferito. Una delle persone coinvolte nell'attacco e' in condizioni definite 'serie'. L'attentato e' il primo portato da un palestinese con una bomba suicida contro le forze di Hamas. Dirigenti di Hamas hanno detto che l'assalitore e' ritenuto un militante dell'Isis.

05:11Charlottseville: Cnn, Trump non rammaricato di sue parole

WASHINGTON - Secondo la Cnn che cita fonti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non si e' pentito di quanto affermato circa i fatti di Charlottesville nel sottolineare che vi sono responsabilita' in entrambe le parti coinvolte. Secondo quanto riferito da una fonte alla Cnn il presidente va avanti ''senza rammarico'', fermamente convinto che i media e le elite della costa orientale stiano iperventilando.

05:06Corea Nord: Bannon, non c’e’ nessuna soluzione militare

WASHINGTON - Non c'e' soluzione militare in risposta alla minaccia della Corea del Nord. Ne e' convinto Steve Bannon, consigliere del presidente Usa Donald Trump e stratega della Casa Bianca, intervistato da The American Prospect. 'Fino a quando non si dimostra che 10 milioni di persone a Seul non muoiono nei primi 30 minuti da armi convenzionali non so di che si parla. Non c'e' nessuna soluzione militare'', ha detto Bannon.

05:01Venezuela: Parlamento chiede tutela internazionale

CARACAS - Julio Borges, presidente del Parlamento venezuelano, in mano all'opposizione, ha chiesto oggi l'aiuto degli organismi internazionali per i diritti umani per ''proteggere i singoli deputati e proteggere il Parlamento stesso'' dalle persecuzioni messe in atto dal governo di Nicolas Maduro. Borges si e' riferito alle accuse mosse dal Procuratore Tarek William Saab contro German Ferrer -deputato del partito di governo e marito di Luisa Ortega Diaz, l'ex Procuratrice ribelle- per le quali ha chiesto all'Assemblea Costituente che sospenda la sua immunita' parlamentare e ne ordini l'arresto.

04:51Afghanistan: soldato Usa ucciso in scontro con Isis a est

KABUL - Un soldato americano e' morto in Afghanistan per le gravi ferite riportate ieri durante una operazione congiunta fra le forze Usa e afghane nella provincia orientale di Nangarhar. In un comunicato il quartier generale delle Forze americane in Afghanistan (USFOR-A) ha aggiunto che militari statunitensi ed afghani sono rimasti feriti nel corso di una operazione mirante a ridurre la presenza dei militanti della sezione Khorasan (Afghanistan e Pakistan) dell'Isis sul territorio afghano.

Archivio Ultima ora