Renzi: Massima apertura, ma se minoranza non si fida voti No

Pubblicato il 11 ottobre 2016 da ansa

Italian Prime Minister Matteo Renzi host of the Raitre Tv program "Politics", conducted by journalist Gianluca Semprini (R), in Rome, Italy, 11 October 2016. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Italian Prime Minister Matteo Renzi host of the Raitre Tv program “Politics”, conducted by journalist Gianluca Semprini (R), in Rome, Italy, 11 October 2016.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ROMA. – “Se la minoranza non si fida, voti No”. Matteo Renzi lo dice chiaro e tondo: più di così non può concedere sulle modifiche all’Italicum, non può arrivare fino a scrivere “una nuova legge Pd prima del referendum perché Bersani non ha vinto le elezioni e il Pd da solo non ha i numeri in Parlamento”. E se la sinistra Dem voterà No al referendum, pazienza: “Gli italiani decidono come votare con la loro testa, non seguendo le correnti Pd”.

Quel che preme al leader Pd è piuttosto chiudere la discussione interna perché “gli elettori non ne possono più”. A loro vuol parlare di altro, nel tour nei luoghi del sisma e poi in diretta tv: “Per le pensioni basse ci sarà un aumento e per chi va via prima la penalizzazione sarà 5% l’anno”, annuncia a quattro giorni dal varo della manovra.

In diretta a Politics, in un botta e risposta a tratti molto vivace con l’ex direttore Tg3 Bianca Berlinguer, il vicedirettore del Fatto Stefano Feltri e il direttore del Foglio Claudio Cerasa, Renzi viene incalzato sulle domande sul Pd, all’indomani sulla direzione. E non nasconde la sua insofferenza.

Ha fatto un’apertura ampia sulla legge elettorale “contro natura” rispetto alla sua indole, perché ritiene di aver concesso molto alla minoranza e invece, lamenta, “il giorno dopo c’è chi evoca la scissione salvo smentirla un minuto dopo”. E così, a Pier Luigi Bersani che ha ribadito il No al referendum perché Italicum e legge elettorale creano un intreccio “pericoloso” per la democrazia, il premier replica: “Se hai cambiato idea dopo aver votato Sì in Parlamento alla riforma avrai i tuoi motivi. Io da segretario faccio di tutto per tenere tutti in squadra. Ma questo referendum non abbatte le garanzie democratiche, ma abbatte le resistenze burocratiche”.

Cacciare Bersani? “Ovviamente no”, assicura Renzi. E rinvia la sfida con lui al congresso: “Decideranno gli elettori del Pd a chi dare la guida del partito col congresso nel 2017. Chi avrà un voto in più vincerà, chi uno in meno farà opposizione. Ma il referendum non c’entra col Pd”.

Il premier ribadisce dunque l’apertura sulla legge elettorale e mette in discussione anche il ballottaggio, purché “l’elettore possa scegliere chi governa”. Ma non si spinge oltre per trattenere Bersani e Cuperlo dal No: “Agli italiani interessa più la pastorizia delle correnti Pd”, dice. Poi punzecchia: “La mia vera questione non è rimandare in Parlamento quelli che ci sono oggi ma rimettere in moto questo Paese”. “Se vince il No tornano quelli di prima… non se ne vanno ai giardinetti”, afferma.

Dunque, parlare innanzitutto di ricostruzione delle zone sismiche e la manovra. “Il Parlamento voti all’unanimità il decreto approvato oggi, l’Europa non può dire di no al fatto che prendiamo fuori dal patto di stabilità i soldi per risarcire tutti”. E sulla legge di bilancio, che sarà approvata sabato, il premier annuncia: “Abbassiamo ancora le tasse, con Ires al 24% e Iri al 25%. La penalizzazione per chi andrà in pensione anticipata sarà meno del 15% in tre anni”.

E ancora, dichiara: “Su forze dell’ordine e personale medico, faremo dei concorsi veri” per sbloccare il turn over. Infine, un passaggio su Ignazio Marino di recente assolto. “Scusarmi? E di cosa? Si è dimesso lui”, dichiara. “Il problema non erano gli scontrini ma autobus e buche”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

09:01Trump: con Melania inaugura ballo governatori a Casa Bianca

(ANSA) - WASHINGTON, 27 FEB - Atmosfera da grandi occasioni alla Casa Bianca, dove fervono gli ultimi preparativi per l'annuale ballo dei governatori, un evento con un livello cerimoniale pari a quello di una cena di Stato. Trump e la first lady hanno cominciato a ricevere i primi ospiti. Si tratta di una serata bipartisan alla quale sono invitati i 50 governatori degli stati Usa, due terzi dei quali repubblicani dopo le ultime elezioni. L'obiettivo e' ''celebrare i valori condivisi della nostra nazione e il ruolo chiave degli stati e dei territori nel garantire la liberta' per tutti gli americani", ha sottolineato la Casa Bianca. ''La nostra collettivita' ci rafforza mentre collaboriamo oltre le linee di partito per rendere il nostro Paese grande per tutti gli americani'', prosegue la Casa Bianca. Anche Melania, al suo primo debutto come first lady ad un grande evento alla Casa Bianca ha sottolineato il carattere bipartisan del ballo.

08:47Trump: sondaggio indice gradimento, record negativo del 44%

(ANSA) - WASHINGTON, 27 FEB - A poco piu' di un mese dal suo insediamento e a due giorni dal suo primo discorso sullo stato dell'unione, l'indice di gradimento di Donald Trump e' solo del 44%, un primato negativo per un presidente appena entrato in carica. E' quanto emerge da un sondaggio Nbc-Wsj. Il 48% degli americani disapprova la performance di Trump come presidente e il 52% ritiene che le sfide del primo mese della sua presidenza siano ''problemi reali'' specifici della sua amministrazione mentre il 43% le attribuisce alle ''crescenti pene'' di qualsiasi neo presidente.

01:03Calcio: Pioli “stop che non ci voleva, loro ‘chirurgici'”

(ANSA) - ROMA, 26 FEB - "Questa sconfitta è uno stop che non volevamo subire: sapevamo che il nostro avversario era forte, ma la nostra prestazione sarebbe dovuta salire di un livello più alto". Questo il primo commento dell'allenatore nerazzurro. Stafano Pioli, alla sconfitta con la Roma. "È stata un partita complicata, delicata, ma anche equilibrata: una partita nella quale i nostri avversari sono stati chirurgici nell'approfittare le palle gol create, mentre noi, che ne abbiamo avute altrettante, non ci siamo riusciti", ha spiegato il tecnico. "I discussi episodi arbitrali? Non commento. In conferenza stampa ho detto che nell'arco della stagione influiscono e basta. E anche il discorso sui rigori: ho risposto a una domanda ammettendo che c'era differenza tra quelli dati alla Roma e quelli dati all'Inter. Nulla di polemico, poi qualcuno può interpretare come vuole".

00:54Calcio: Spalletti,parlare arbitri mancanza rispetto per Roma

(ANSA) - ROMA, 26 FEB - "La Roma ha vinto meritatamente. A me non interessano le situazioni arbitrali, anzi parlarne è una mancanza di rispetto nei confronti dei giocatori della Roma.". Cosi' l'allenatore giallorosso, Luciano Spalletti, dopo la vittoria a S.Siro. "Per tutta la settimana tutti gli ex interisti sono stati sguinzagliati in tutte le trasmissioni per parlare dei fatti arbitrali ma a me non interessa - prosegue a Premium -. Quest'anno sembra che la differenza tra noi e l'Inter si possa spiegare nella differenza tra i rigori avuti".

00:42Basket: serie A, Milano vince a Caserta e allunga ancora

(ANSA) - ROMA, 26 FEB - Risultati della 20/a giornata del campionato di serie A di basket. Germani Basket Brescia-Sidigas Avellino 91-87; Red October Cantù-Betaland Capo d'Orlando 73-79; Vanoli Cremona-Umana Reyer Venezia 91-82; Consultinvest Pesaro-Banco di Sardegna Sassari 76-71; Grissin Bon Reggio Emilia-Dolomiti Energia Trentino 75-87; Fiat Torino-Enel Brindisi 90-88; Pasta Reggia Caserta-EA7 Emporio Armani Milano 74-78; domani Openjobmetis Varese-The Flexx Pistoia Classifica: Milano 34 punti; Avellino 26; Venezia 24; Trento, Reggio Emilia, Sassari, Capo d'Orlando 22; Pistoia, Brescia, Torino 20, Brindisi 18, Caserta 18; Cantù, Pesaro 14; Cremona 12; Varese 10.

00:41Liga: Real prima trema poi rimonta, superato Barca

(ANSA) - ROMA, 26 FEB - Il Real Madrid trema, rimonta, vince e torna in testa solitaria alla Liga, e con una partita ancora da recuperare (col Celta Vigo). Il posticipo della24ma giornata di Liga regala emozioni sul campo del Villareal a cui non bastano due gol di vantaggio (50' Trigueros e 56' Bakambu) per superare i campioni d'Europa che recuperano con Bale (64'), Ronaldo (74' su rigore) e Morata (83'), da poco in campo. Con questa vittoria i prossimi rivali del Napoli in Champions si issano a 55 punti, contro i 54 del Barcellona e i 52 del Siviglia, con una gara ancora da recuperare.

00:19Migranti: migliaia in piazza a Madrid per l’accoglienza

(ANSA) - MADRID, 26 FEB - Al grido di 'No all'Europa dei muri', almeno 2mila persone hanno manifestato a Madrid davanti al ministero degli Esteri a difesa dei migranti e per rivendicare una nuovo politica di asilo in cui la vita dei rifugiati sia una priorità. I manifestanti tenevano cartelli con la scritta 'Poniamo fine a questa vergogna' e 'Madrid vuole dare il benvenuto' e hanno chiesto che il Paese accolga i rifugiati, contro l'accordo tra l'Unione Europea e la Turchia sul controllo del flusso di immigrati. Sabato scorso, migliaia di persone erano scese in piazza a Barcellona per chiedere al governo centrale di Madrid di rispettare gli impegni presi sull'accoglienza dei rifugiati.

Archivio Ultima ora