Migranti: attentato in ex scuola per profughi in Sardegna

Pubblicato il 11 ottobre 2016 da ansa

Monastir incendio ex Scuola Polizia Penitenziaria

Monastir incendio ex Scuola Polizia Penitenziaria

CAGLIARI. – Che la trasformazione dell’ex scuola della Polizia penitenziaria di Monastir, nell’hinterland cagliaritano, in centro di accoglienza per migranti non andasse giù al Comune e ai cittadini era cosa nota già dai primi annunci della Prefettura di Cagliari, quando ancora l’emergenza accoglienza non era esplosa in tutta la sua drammaticità con l’arrivo in Sardegna degli ultimi 1.258 profughi.

Ma nessuno, nonostante la recente protesta davanti alla struttura con il blocco dei mezzi impegnati nella ristrutturazione, poteva immaginare che la tensione salisse alle stelle, tanto da spingere mani ignote a voler mettere fine alla polemica con la distruzione dell’edificio. È accaduto la notte scorsa con un attentato incendiario e il tentativo di demolire l’ex scuola facendo esplodere una bombola di Gpl.

Qualcuno, intorno alle 23, si è introdotto all’interno scavalcando la rete di recinzione. Conosceva bene l’edificio e come muoversi. Ha prima indirizzato l’attenzione al locale in cui si trovano la centrale idrica e l’impianto elettrico e ha appiccato un primo rogo, utilizzando carta e liquido infiammabile: tutto distrutto.

Il raid è proseguito altrove: nel locale caldaie è stata piazzata una bombola di Gpl da 15 kg con l’obiettivo di farla saltare, ma non ha funzionato per un soffio. In compenso l’ incendio comunque appiccato nel locale ha provocato l’esplosione delle caldaie: un boato intenso sentito dai residenti della zona che hanno subito chiamato il 112.

Insieme ai carabinieri sono arrivate le squadre dei vigili del fuoco. Un intervento non facile a causa della mancanza di luce dentro lo stabile. Le fiamme, nel frattempo, si erano quasi spente da sole. All’alba la conta dei danni e la scoperta della bombola di Gpl inesplosa.

Il prefetto Giuliana Perrotta ha convocato a Monastir il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica ed effettuato un sopralluogo: i danni sono ingenti. La riunione è poi proseguita a Cagliari, dove è stato deciso il rafforzamento dei controlli. Né al sopralluogo e nemmeno al Comitato era presente la sindaca Luisa Murru, da giorni in polemica con la Prefettura perché, dice, non è stata coinvolta nella scelta legata al futuro dell’ex scuola.

Ma la Perrotta smentisce. Quanto all’attentato parole di dura condanna. “Abbiamo sempre espresso il nostro dissenso con la dialettica e ancora una volta ripudiamo la violenza e il razzismo – chiarisce la prima cittadina – Ribadiamo la necessità di un dialogo corretto e puntuale tra la Prefettura e l’ Amministrazione”.

Da parte sua il governatore Francesco Pigliaru precisa: “Questo atto inaudito non ci farà recedere dalla nostra politica dell’accoglienza. Ma ribadiamo l’esigenza che sia rispettata la quota prevista per la Sardegna”. Per il ministro dell’Interno Angelino Alfano si è trattato di un vero e proprio “gesto delinquenziale”, quindi rassicura: “sono situazioni che teniamo sotto controllo”.

(di Manuel Scordo/ANSA)

Ultima ora

11:19Iran: direttore ‘Gem Tv’ ucciso in un agguato a Istanbul

(ANSA) - TEHERAN, 30 APR - Il direttore del gruppo televisivo satellitare 'Gem Tv', l'iraniano Saeed Kariman, è stato ucciso in un agguato a Istanbul. Lo riferisce l'Irna riportando fonti giornalistiche turche. Secondo la ricostruzione degli investigatori, Kariman era in auto con un suo collaboratore rimasto a sua volta gravemente ferito, quando sono stati fermati da sconosciuti che li hanno colpiti con armi da fuoco. Kariman viveva in esilio, poiché in Iran era accusato di far parte del movimento dei Mojahedin del popolo Iraniano (Mko), dichiarato fuori legge. I canali satellitari del Gruppo Gem (General entertainment and media) sono basati a Dubai, mentre le sedi principali sono a Londra e Istanbul.

11:14Fingeva vaccini a bimbi: casi di non ‘copertura’ in Friuli

(ANSA) - UDINE, 30 APR - Una sessantina dei 120 bambini sottoposti finora ai controlli dal Distretto sanitario di Codroipo (Udine) in seguito al caso dell'assistente sanitaria di Treviso sospettata di aver finto le vaccinazioni sono risultati privi di copertura vaccinale. "I primissimi dati ci dicono che sarà necessario intervenire. Oggi pomeriggio faremo le valutazioni tecniche necessarie e attiveremo il piano straordinario già programmato", ha detto il direttore generale dell'Aas 3 Pier Paolo Benetollo che non ha riferito alcuna cifra. L'assistente sanitaria ha lavorato a Codroipo dal 2009 al 2015. I controlli sul campione di 200 bambini che - stando alle certificazioni - a Codroipo hanno ricevuto l'intero ciclo dall'assistente sanitaria trevigiana sono stati quasi ultimati. I dati completi e definitivi delle analisi saranno pronti martedì prossimo.

10:44Pd: Emiliano su Fb, evitare mercimonio intorno a primarie

(ANSA) - BARI, 30 APR - "Invito tutti i presidenti di seggio e i membri dei seggi elettorali a sorvegliare attentamente per evitare ogni forma di mercimonio intorno alle elezioni primarie. Come sempre succede mi arrivano segnalazioni in tal senso e vi ricordo che potete filmare con il telefonino qualunque scena sospetta sulla quale effettuare nuovi accertamenti". E' quanto scrive su Facebook il governatore pugliese e candidato alla segreteria Pd, Michele Emiliano. "In questi casi - avverte - potete anche richiedere l'intervento delle forze dell'ordine se ritenete che siano state commesse irregolarità. Tutti i votanti devono pretendere, come da regolamento, il rilascio della ricevuta attestante l'effettuazione del voto e la consegna dei 2 euro al fine di evitare brogli sull'affluenza al voto ed eventuale appropriazione del denaro versato". Altrimenti, si può "chiedere l'intervento delle forze dell'ordine".

10:17Morto a Napoli Rino Zurzolo, il contrabbasso di Pino Daniele

(ANSA) - NAPOLI, 30 APR - E' morto a Napoli, stroncato da un tumore, Rino Zurzolo, storico contrabbassista della band di Pino Daniele. Avrebbe compiuto a giugno 59 anni. Protagonista della scena musicale partenopea sin dagli anni '70, Zurzolo fece parte del gruppo che nel 1977 incise 'Terra mia', fortunatissimo album d'esordio di Pino Daniele, con il quale collaborò anche negli album successivi e in storiche tournèe. Suonò davanti a 200mila persone in piazza del Plebiscito il 19 settembre del 1981, accompagnando il 'nero a metà' assieme a James Senese, Tullio De Piscopo, Tony Esposito e Joe Amoruso. In seguito lavorò da solista e accanto a grandi nomi della scena musicale italiana e internazionale, specie nel campo del jazz. Si riunì a Pino Daniele e agli altri membri della storica band per la tournée e il disco live del 2008. Lo ricorda il sindaco de Magistris: "Ha portato la musica partenopea ai più alti livelli mondiali. Un uomo semplice e sensibile, ricco di umanità".

10:06Pd: Renzi ringrazia volontari, viva la democrazia

(ANSA) - PONTASSIEVE (FIRENZE), 30 APR - L'ex premier Matteo Renzi apre la giornata delle primarie del Pd ringraziando i volontari "che aprono i seggi delle primarie Pd: comunità generosa e appassionata. Viva la democrazia" scrive Renzi su twitter.

09:36May respinge le linee guida dell’Ue sulla Brexit

(ANSA) - ROMA, 30 APR - La premier Britannica Theresa May respinge alcune delle principali richieste Ue sulla Brexit, definendole soltanto posizioni negoziali dei 27, poche ore dopo l'approvazione all'unanimità delle linee guida per la trattativa dell'uscita della Gran Bretagna dall'Unione. Al Telegraph May ha ribadito le sue priorità: libero mercato senza dazi, fine della giurisdizione delle Corti europee, fine della libera circolazione dei migranti, come illustrato in un suo discorso alla Lancaster House a gennaio.

08:57Siria: attivisti, uccisi 8 volontari in raid a Hama

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Almeno otto volontari dei cosiddetti 'Caschi Bianchi' sarebbero stati uccisi nel corso di un bombardamento aereo ieri in Siria nella provincia di Hama, controllata dai ribelli. Lo ha denunciato la stessa organizzazione di soccorritori (che si chiama Syria Civil Defence) che opera nelle zone dei ribelli, come riferisce al Jazeera. Secondo gli attivisti dell'Osservatorio siriano per i diritti umani il numero delle vittime è destinato a salire. Non è chiaro chi ha condotto i raid, ma nelle ultime settimane Hama è stata oggetto di una massiccia campagna militare del regime per respingere i ribelli, con il supporto dell'aviazione russa. Sul fronte opposto, sempre al Jazeera riferisce che il presidente Bashar al Assad ha accusato i gruppi di opposizione di "distruggere" le infrastrutture del Paese, in un'intervista ad un network basato in Venezuela, Telesur.

Archivio Ultima ora