Brexit: la sterlina a picco ma nuovo record della Borsa di Londra

Pubblicato il 11 ottobre 2016 da ansa

A general view of the scene in  the Quad of the Bodleian Library at Oxford University as Burmese opposition leader Aung San Suu Kyi (C) arrives to receive  an honorary degree at the place she once studied 20 June 2012  EPA/ANDY RAIN

A general view of the scene in the Quad of the Bodleian Library at Oxford University as Burmese opposition leader Aung San Suu Kyi (C) arrives to receive an honorary degree at the place she once studied 20 June 2012 EPA/ANDY RAIN

ROMA. – Sterlina alle corde ma Borsa di Londra sugli scudi con un nuovo record. La discesa senza freni della valuta d’Oltremanica ha spinto l’indice Ftse 100 al massimo storico di 7.129,83 punti, prima di attestarsi in chiusura a 7.071 punti (-0,4%), facendo lievitare il valore delle società quotate sulla piazza della City di circa 193 miliardi di sterline dal giorno in cui i sudditi di Elisabetta II hanno detto ‘yes’ alla Brexit.

Gli analisti di Borsa spiegano che con un pound più debole i ricavi per le aziende che arrivano dall’estero sono maggiori quando vengono convertiti nella valuta britannica e molte società quotate a Londra realizzano gran parte dei loro profitti proprio all’estero. Ma avvertono anche che si potrebbe trattare di una “vittoria di Pirro” per il Ftse 100 perché “sostenuta dal valore delle valute piuttosto che da segnali positivi circa la produttività delle società quotate”.

La sterlina ha perso oltre l’1% calando a 1,2240 dollari e si prevede che la discesa continui nei prossimi giorni sotto il peso della Brexit. Il voto del referendum però “non dovrebbe avere un impatto significativo di breve termine sui flussi commerciali con la zona euro, ma potrebbe influenzare negativamente la fiducia degli investitori sulle prospettive politiche dell’Ue”, hanno spiegato gli istituti di previsione economica tedesco Ifo, francese Insee e Istat nel loro ‘Eurozone economic outlook’, relativo agli ultimi due trimestri del 2016 e al primo del 2017.

Tuttavia una ‘hard Brexit’, ossia un divorzio netto da Bruxelles con l’uscita totale dal mercato unico, potrebbe costare alle casse dello Stato “66 miliardi di sterline l’anno” (73 miliardi di euro), in base ad un rapporto confidenziale del Tesoro britannico, citato dal Times.

Secondo il giornale, nello scenario più catastrofico il Pil potrebbe subire un drastico calo del 9,5%, spingendo il Regno Unito in recessione. E con la Brexit all’orizzonte le grandi banche internazionali che operano nella City stanno ormai rivedendo i loro piani. La banca statale russa Vtb è pronta a lasciare le sponde del Tamigi e trasferirsi a Francoforte, Parigi o Vienna.

“Avevamo grandi piani per la nostra sede di Londra, ma con la Brexit stiamo ridimensionando le nostre operazioni e trasferendole altrove”, ha detto al Financial Times, Herbert Moos, vicepresidente e direttore finanziario del secondo istituto di credito russo, che diventa il primo tra le grandi banche internazionali ad annunciare pubblicamente di voler andar via da Londra.

Secondo uno studio della società di consulenza Oliver Wyman, fino a 71 mila posti di lavoro e circa 10 miliardi di sterline in entrate fiscali potrebbero essere persi dal settore finanziario d’Oltremanica se alla Gran Bretagna verranno imposte restrizioni pesanti sugli scambi con l’Ue.

Intanto in questo quadro a tinte fosche, Londra annuncia una notizia positiva: resteranno infatti le agevolazioni per gli studenti Ue che si iscriveranno nelle università britanniche nell’anno accademico 2017-2018. Avranno accesso a prestiti universitari e borse di studio per tutta la durata del corso.

(di Alfonso Abagnale/ANSA)

Ultima ora

21:30Calcio: Clericus Cup, niente 4/i,eliminata Chape pontificia

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' domenica di passione quella trascorsa alla Clericus Cup, dove ci sono stati i verdetti nel girone C e D. Le titolate Mater Ecclesiae e Redemptoris Mater attendevano insieme alla sorpresa Collegio Pio Brasiliano l'altra qualificata ai quarti di finale in maggio. Il pass tra le migliori 8 va al Pio Latinamericano, che con una rete del polacco Malczewski supera la mista formata dai Missionari devoti al beato Giuseppe Allamano e dai seminaristi del Collegio Santa Monica. Questi ultimi a fine partita erano inconsolabili, visto che si sono visti annullare 4 gol, tutti per fuorigioco a loro dire inesistenti. Ricca di significato la prima vittoria del Chape Cusmano Belga, sul Vaticano Anselmiano, squadre entrambe eliminate, ma battagliere. Dopo essere passata in svantaggio, la Chape pontificia reagisce e ribalta il risultato con 2 gol del congolese Mutombo e uno di Fukimuasi. Felice padre Adenis, anima del Collegio: "Una bella vittoria per chiudere al meglio il torneo e onorare il ricordo dei caduti della Chape".

21:18Coni: Malagò, è difficile dare sufficienza alla Raggi

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "E' una ferita che brucia ancora. Non mi aspettavo dalla Raggi che non ci fosse neanche la possibilità di interloquire e di spiegare il progetto". Così il presidente del Coni Giovanni Malagò, nel corso del 'Faccia a faccia' su La7, risponde a una domanda sulla candidatura sfumata di Roma per l'Olimpiade del 2024. Era un affare a rischio? "No - risponde Malago' -, sono cambiate le regole del gioco. Si trattava di fare opere temporanee e utilizzare gli impianti che c'erano. Per la prima volta il Cio donava un miliardo e 700 milioni di dollari a chi avrebbe vinto la competizione". Quindi Malagò che voto dà alla sindaca Virginia Raggi per quanto fatto finora? "La sufficienza è difficile dargliela", risponde il presidente del Coni, secondo il quale un primo cittadino di Roma "deve essere un tecnico, fuori dai partiti politici e senza cambiali da pagare". Il discorso va poi sul ministro dello Sport Luca Lotti: "gli dico grazie, è una persona attenta e sensibile alle istanze del nostro mondo. Se doveva dimettersi?No".

20:59Pallavolo: playoff Superlega, risultati semifinali scudetto

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Risultati delle partite di gara-2 delle semifinali scudetto della Superlega di pallavolo: Azimut Modena - Lube Civitanova 3-1 (21-25, 27-25, 25-16, 34-32) Sir Conad Perugia - Diatec Trentino 3-1 (30-28, 20-25, 25-19, 25-22) (giocata ieri) In entrambi i casi la situazione nella serie è di 1-1. I match di gara-3 (Lube-Azimut e Diatec-Sir Conad) sono in programma il 9 aprile.

20:17Pestato da gruppo di giovani, 20enne in fin di vita

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Lotta tra la vita e la morte un ragazzo ventenne di Alatri, nel Frusinate, massacrato di botte da un gruppo di giovani nella notte tra venerdì e sabato scorsi. Lo si apprende da fonti sanitarie. Trasportato in gravissime condizioni al Policlinico Umberto I di Roma è ricoverato in terapia intensiva.

20:05Basket: su parquet Trieste spunta anello, “vuoi sposarmi?”

(ANSA) - TRIESTE, 26 MAR - L'anello con il brillante spunta alla fine della partita nella quale l'Alma Trieste ha battuto la prima in classifica della A2 di basket, la Virtus Bologna: il play-guardia Andrea Pecile lascia i compagni che stanno festeggiando la vittoria al centro del parquet e va verso la tribuna laterale. Sfila una scatolina che la mamma ha custodito in tribuna per tutta la partita e chiama la sua ragazza: l'ex giocatrice di basket e ora modella Giulia Fragiacomo si avvicina alle transenne e lui, porgendole l'astuccio, le chiede "Vuoi sposarmi?". Scoppiano le lacrime e gli applausi dei tifosi, il bacio di Giulia e il salto in braccio al play-guardia, ancora bagnato di sudore. E' la storia di amore nato sui parquet triestini (sia Giulia, sia Andrea sono triestini) e ufficializzata su un parquet di basket. "Ho coronato una giornata perfetta", è l'unico commento di Andrea al quale Giulia aggiunge, quasi lapidaria: "Era proprio così il sogno della mia vita. E' completamente pazzo ma questo lo sapevo già".

19:54Migranti: sindaco Ventimiglia, ‘chi vuol aiutare ha canali’

(ANSA) - VENTIMIGLIA (IMPERIA), 26 MAR - "Chi vuole aiutare ha i canali per farlo". Lo scrive sulla sua pagina Fb il sindaco di Ventimiglia, Enrico Ioculano (Pd), criticato, anche dal vescovo, dopo che a causa di una sua ordinanza, tre francesi sono stati denunciati per aver dato cibo ai migranti senza autorizzazione. "La mia amministrazione si è sempre battuta per l'accoglienza, per il superamento dei confini e perché si costituissero dei corridoi umanitari europei affinché non si muoia sulle nostre autostrade o ferrovie. Siamo l'unica amministrazione che ha preteso che il campo gestito dalla Croce Rossa fosse aperto a chiunque senza bisogno di identificazione. Siamo stati gli unici a pretendere che le associazioni di volontariato partecipassero alla vita del campo". "Mai - scrive Ioculano - si è negato cibo a qualcuno". Il sindaco ricorda che la sua amministrazione "ha preteso un servizio di affiancamento giuridico per il riconoscimento dei diritti degli ospiti del campo"; e sottolinea che a Ventimiglia, dopo due anni di emergenza ci sono tre punti in cui si dà assistenza alle persone in transito". "Respingo una lettura ideologica di un'ordinanza quando sono stato il primo a contestare e condannare l'ipocrisia e il bieco populismo di amministratori locali e regionali che rifiutano ogni tipo di accoglienza", conclude il sindaco.

19:43Bulgaria: exit poll, conservatori in testa col 32,8%

(ANSAmed) - SOFIA, 26 MAR - Nelle politiche anticipate di oggi in Bulgaria il Partito conservatore Gerb dell'ex premier Boyko Borissov sarebbe in testa con il 32,8%, stando ai primi exit poll diffusi dalla tv pubblica Bnt alla chiusura dei seggi. Al Partito socialista (Bsp) di Kornelia Ninova andrebbe il 28,4% dei voti.

Archivio Ultima ora