Brexit: la sterlina a picco ma nuovo record della Borsa di Londra

Pubblicato il 11 ottobre 2016 da ansa

A general view of the scene in  the Quad of the Bodleian Library at Oxford University as Burmese opposition leader Aung San Suu Kyi (C) arrives to receive  an honorary degree at the place she once studied 20 June 2012  EPA/ANDY RAIN

A general view of the scene in the Quad of the Bodleian Library at Oxford University as Burmese opposition leader Aung San Suu Kyi (C) arrives to receive an honorary degree at the place she once studied 20 June 2012 EPA/ANDY RAIN

ROMA. – Sterlina alle corde ma Borsa di Londra sugli scudi con un nuovo record. La discesa senza freni della valuta d’Oltremanica ha spinto l’indice Ftse 100 al massimo storico di 7.129,83 punti, prima di attestarsi in chiusura a 7.071 punti (-0,4%), facendo lievitare il valore delle società quotate sulla piazza della City di circa 193 miliardi di sterline dal giorno in cui i sudditi di Elisabetta II hanno detto ‘yes’ alla Brexit.

Gli analisti di Borsa spiegano che con un pound più debole i ricavi per le aziende che arrivano dall’estero sono maggiori quando vengono convertiti nella valuta britannica e molte società quotate a Londra realizzano gran parte dei loro profitti proprio all’estero. Ma avvertono anche che si potrebbe trattare di una “vittoria di Pirro” per il Ftse 100 perché “sostenuta dal valore delle valute piuttosto che da segnali positivi circa la produttività delle società quotate”.

La sterlina ha perso oltre l’1% calando a 1,2240 dollari e si prevede che la discesa continui nei prossimi giorni sotto il peso della Brexit. Il voto del referendum però “non dovrebbe avere un impatto significativo di breve termine sui flussi commerciali con la zona euro, ma potrebbe influenzare negativamente la fiducia degli investitori sulle prospettive politiche dell’Ue”, hanno spiegato gli istituti di previsione economica tedesco Ifo, francese Insee e Istat nel loro ‘Eurozone economic outlook’, relativo agli ultimi due trimestri del 2016 e al primo del 2017.

Tuttavia una ‘hard Brexit’, ossia un divorzio netto da Bruxelles con l’uscita totale dal mercato unico, potrebbe costare alle casse dello Stato “66 miliardi di sterline l’anno” (73 miliardi di euro), in base ad un rapporto confidenziale del Tesoro britannico, citato dal Times.

Secondo il giornale, nello scenario più catastrofico il Pil potrebbe subire un drastico calo del 9,5%, spingendo il Regno Unito in recessione. E con la Brexit all’orizzonte le grandi banche internazionali che operano nella City stanno ormai rivedendo i loro piani. La banca statale russa Vtb è pronta a lasciare le sponde del Tamigi e trasferirsi a Francoforte, Parigi o Vienna.

“Avevamo grandi piani per la nostra sede di Londra, ma con la Brexit stiamo ridimensionando le nostre operazioni e trasferendole altrove”, ha detto al Financial Times, Herbert Moos, vicepresidente e direttore finanziario del secondo istituto di credito russo, che diventa il primo tra le grandi banche internazionali ad annunciare pubblicamente di voler andar via da Londra.

Secondo uno studio della società di consulenza Oliver Wyman, fino a 71 mila posti di lavoro e circa 10 miliardi di sterline in entrate fiscali potrebbero essere persi dal settore finanziario d’Oltremanica se alla Gran Bretagna verranno imposte restrizioni pesanti sugli scambi con l’Ue.

Intanto in questo quadro a tinte fosche, Londra annuncia una notizia positiva: resteranno infatti le agevolazioni per gli studenti Ue che si iscriveranno nelle università britanniche nell’anno accademico 2017-2018. Avranno accesso a prestiti universitari e borse di studio per tutta la durata del corso.

(di Alfonso Abagnale/ANSA)

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora