Fiera Internazionale del Libro Università di Carabobo: quest’anno parliamo di Biblioteche

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da redazione

filuc-2016-uniespacio

CARACAS.- Siamo alle porte di un importante appuntamento culturale e vale la pena, ricalcarne le orme, per apprezzare i valori.

A metà degli anni ‘80 ebbe luogo a Caracas, una riunione convocata dall’UNESCO nella quale venne analizzato lo stato delle Biblioteche pubbliche in America latina e Caraibi.

Tra le varie proposte emerse dall’incontro, quella di dare rilievo alla partecipazione attiva dei venezuelani nella vita nazionale e l’impegno per stimolare la vigenza di tutte le regole democratiche attraverso la cultura.
A distanza di trentuno anni da quella importante riunione latinoamericana, le biblioteche proseguono mostrando un interesse sempre più notevole in merito.

La “17° Feria Internacional del Libro” dell’Università di Carabobo, si basa inequivocabilmente su tali principi e questa nuova edizione è stata intitolata ”Bibliotecas en la mira”.

Ne sono quindi chiari gli obiettivi: rivalutare i ruoli delle Biblioteche e segnalare le possibili minacce che bisogna affrontare nell’ambito della dinamica sociale odierna.

A tale scopo, si analizzeranno il passato ed il presente, per poter prevedere cosa riserva, in merito, il futuro: le trasformazioni e l’importanza nell’ambito delle comunità in generale e dei lettori.

Tali premesse, ovviamente, devono far capo a un costante esercizio di lettura e scrittura: ineludibile, quindi, la simbiosi tra cultura, politica e cittadinanza.

Le biblioteche devono essere sempre considerate “riserve purissime della nostra memoria e identità”, offrendo al lettore la possibilità di scoprire nuovi orizzonti che rendano più profondemente le decisioni e le immaginazioni.
Rispettando tali prospettive, la lettura si trasforma in strumento contro l’esclusione sociale e la povertà: cause di frustrazioni, intolleranze e assenza di valide opportunità, così come lo descrive Thomas Bartholini in “Libris Legendis”: Senza libri, Dio è muto, la giustizia addormentata, le scienze naturali bloccate, la filosofia zoppa……

Fundavag è presente nella 17° Fiera Internazionale del Libro dell’Università di Carabobo, con un nutrito calendario di incontri tra i quali, spiccano: l’Annuncio del Premio alla Giovane Vocazione Letteraia; la presentazione di “No cesa de llover” di Joaquin Marta Sosa; “Trompajaro” di Eduardo Burger; “Presentazione di Agorà” di Ana Bret; “Chacao:parques y plazas” di Rafael Arraiz Luca”; “La Biblioteca” di Joaquin Marta Sosa.

Per celebrare la designazione della Francia, quale Paese invitato d’onore a “FILUC-2016”, l’Ambasciata di Francia ha ideato numerose iniziative a favore degli scambi culturali tra i due Paesi (Francia e Venezuela) ed è stato inoltre creato il Premio Franco –Venezolano alla Giovane Vocazione Letteraria, iniziativa congiunta dell’Università di Carabobo, Ambasciata di Francia e Fundavag.

Tale Premio, sosterrà ogni anno il lavoro di un giovane scrittore, sottolineando quindi, l’interesse verso i giovani talenti venezuelani.

Numerose saranno le novità che l’Ambasciata francese presenterà in “FILUC 2016” a favore di intensi scambi intellettuali tra le due Nazioni.

Si conterà con la presenza di Josè Napoleon Oropeza, scrittore docente specializzato nella poesia e i racconti venezuelani del XX Secolo, meritevole di molteplici premi internazionali; Rowena Hill poeta d’origine britannica, specializzato in culture orientali; “Ediciones Ekarè”, casa editrice venezuelana che pubblica da oltre trenta anni libri dedicati a bimbi e giovani; Amparo Montanes, bibliotecologa venezuelana; Carlos Sandoval narratore della fantastica “ novella venezuelana”.

Tra gli invitati internazionali, per la Francia: Miguel Bonnetoy, Francois Henri Deserable, Pierre Ducrozet, Melanie Sadler, Mariella Berra, Francois Delprat, Manuel Vilas, Alain Leluc. La Spagna è rappresentata da Juan Tallou.

Giovedì 13 ottobre, è prevista la Conferenza di Manuel Vilas presso “Ciudad Banesco” (Caracas), intitolata “La vida fue antes que la literatura”.

Da venerdì 14 ottobre si avvicendano su questo singolare bellissimo scenario intellettuale brillanti conferenze dettate da note personalità della letteratura.

L’intenso programma “FILUC 2016” riunisce, non c’è dubbio, personalità davvero “di spicco” della cultura.

L’avvenimento atteso e singolare, riesce a farci partecipi di un meraviglioso mondo troppo spesso ”dimenticato” a causa degli attuali problemi politico-sociali che sta attraversando il Venezuela.

(Anna Maria Tiziano)

Ultima ora

02:32Referendum: Salvini, pronti a voto con ogni legge

(ANSA) - MILANO, 5 DIC - "Attendiamo rispettosamente la sentenza della Consulta, che speriamo arrivi presto. Ma al di là di qualunque scelta della Consulta siamo pronti a votare il prima possibile con qualunque legge elettorale". Così il segretario della Lega, Matteo Salvini, commenta le dimissioni di Matteo Renzi. Sulla richiesta di Renzi al fronte del No di formulare una proposta di legge elettorale, Salvini aggiunge: "Non pensiamo che l'Italia possa permettersi mesi di dibattito sulla nuova legge elettorale", ha aggiunto. Salvini ha aggiunto che quella del 4 dicembre deve essere considerata una "giornata eccezionale, una giornata di liberazione nazionale". (ANSA).

02:28Referendum: de Magistris, respinto stalker autoritario

(ANSA) - NAPOLI, 5 DIC - "Da Napoli già liberata: la Costituzione è salva. Grande vittoria della democrazia. Renzi, stalker autoritario, è stato respinto. Ora lotta popolare per liberare l'Italia e per la sovranità al popolo - dice il sindaco de Magistris - Lavoreremo, con i movimenti popolari, per attuare la più bella Costituzione nata dalla Resistenza. Nessun politicante, vecchio e nuovo, si permetta di mettere il cappello sulla vittoria. Il vincitore è solo uno:il Popolo,viva la libertà e la Rivoluzione".

02:20Renzi, mia esperienza al governo finisce qui

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - "Questa riforma è stata quella che abbiamo portato al voto, non siamo stati convincenti, mi dispiace, ma andiamo via senza rimorsi. Come era chiaro sin dall'inizio l'esperienza del mio governo finisce qui". Lo afferma Matteo Renzi in conferenza stampa da Palazzo Chigi.

01:32Quinto exit poll Ipr-Piepoli Rai, Sì 40,9%, No 59,1%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - In base al quinto exit poll, elaborato ponderando anche i primi dati dello spoglio, di Ipr Marketing-Istituto Piepoli per la Rai sul referendum il Sì è al 40,9% ed il No al 59,1%. Il dato si basa su una copertura del 40% del campione.

01:22Quarto exit poll Ipr-Piepoli Rai, Sì 40-42%, No 58-60%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - In base al quarto exit poll, elaborato ponderando anche i primi dati dello spoglio, di Ipr Marketing-Istituto Piepoli per la Rai sul referendum il Sì è al 40-42% ed il No al 58-60%.

01:20Prima proiezione Emg per La7, Sì 40,8%, No 59,2%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - In base alla prima proiezione Emg per La7 sul referendum, con una copertura del 10%, il Sì si attesta al 40,8%, il no al 59,2%.

01:17Referendum: Salvini, se finisce così Renzi dimissioni subito

(ANSA) - MILANO, 4 DIC - "Se fossero confermati questi dati, dico se, Renzi dovrebbe dimettersi nei prossimi minuti. E si dovrebbe andare a votare subito, senza governicchi". Così il commento del segretario della Lega, Matteo Salvini, nella sede della Lega in via Bellerio a Milano ha commentato i primi exit poll che danno in netto vantaggio il No. "Sfidiamo la scaramanzia. Se vittoria sarà, sarà vittoria di popolo contro tre quarti del mondo. Grazie ai cittadini italiani che hanno votato in tanti. Numero uno sono stati sconfitti i gufi. Numero due, se saranno confermati gli exit poll sarebbe grande vittoria italiana. Renzi dunque dovrebbe dimettersi". "Siamo pronti da subito a dare un'alternativa perché l'opzione Renzi gli italiani l'hanno rottamata - ha aggiunto - per il centrodestra si apre una stagione di responsabilità e di possibile vittoria".

Archivio Ultima ora