Domenica 16 ottobre Santa Messa in onore di San Gerardo Maiella

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da redazione

san-gerardo

CARACAS. – Domenica 16 ottobre si celebra un altro anniversario della morte di San Gerardo Maiella, e come tutti gli anni i corregionali oriundi della provincia di Avellino lo ricordano con una Santa Messa, a cui seguirà uno spuntino con i prodotti tipici della Regione Campania.

La Signora Anna Bove e un gruppo di corregionali, che fanno parte del comitato organizzatore, invitano alla festa in onore del Santo protettore della mamme e dei bambini. L’appuntamento è per questo prossimo 16 ottobre alle ore 10:00 del mattino presso la Chiesa Nostra Signora di Pompei dove sarà celebrata una Santa Messa in onore del Santo.
Dopo la messa sara offerto un rinfresco a tutti i presenti.

L’invito è a non perdersi una bella occasione per rincontrarsi tra amici e compaesani intorno al Santo.

Gerardo Maiella, Missionario Redentorista, è invocato in tutto il mondo come il Santo delle mamme e dei bambini. Spentosi a Materdomini il 16 ottobre del 1755 alla giovane età di 29 anni, la sua breve esistenza sarà nota come la “Vita meravigliosa di san Gerardo Maiella”.

Figlio di un modesto sarto di nome Domenico e di una donna del popolo di nome Benedetta Galella, Gerardo Maiella era originario di Muro Lucano (PZ) dove nacque nel 1726. Lavoratore instancabile, nonostante la sua fragilissima salute che, dapprincipio, aveva reso i superiori restii ad ammetterlo nella Congregazione, Gerardo si contraddistinse sempre per il suo spirito di penitenza e per una giocondità d’animo non comuni.

Amico dei poveri e dei contadini, Gerardo, che negli ultimi anni faceva il questuante, riscosse negli ambienti popolari un’ammirazione straordinaria. Si narra, infatti, che quando passava di paese in paese, ali di folla lo aspettavano sui margini delle strade per avere la sua benedizione o per vedere soltanto questo umile fraticello che, sempre col sorriso, si sforzava di salutare tutti. Ricchi, poveri, nobili, borghesi, umili facevano a gara per poterlo ospitare e godere della sua presenza.

Gerardo Maiella oggi è universalmente invocato come protettore delle donne incinte. La leggenda narra che poco prima di morire aveva fatto finta di dimenticare, a Oliveto Citra, un suo fazzoletto presso la casa di una famiglia che l’ospitava. Una bambina, allora, gli corse dietro per restituirglielo, ma Gerardo le disse di tenerlo perché un giorno le sarebbe servito. Passati alcuni anni – Gerardo era già morto – la bambina, diventata sposa, gridava per le doglie del parto. I medici la davano per spacciata. Giunta quasi in fin di vita, si ricordò del fazzoletto di fratel Gerardo e volle che glielo posassero aperto sulla pancia. Appena ricevutolo, i dolori cessarono e la donna diede alla luce senza alcuna difficoltà il suo primo figlio.

Gerardo morì di tisi nel convento redentorista di Materdomini di Caposele all’età di 29 anni, il 16 ottobre 1755, dopo un breve periodo trascorso a letto durante il quale, si dice, non mancarono i fatti prodigiosi.

Il culto del Santo è presente in diverse parti del mondo, ed è particolarmente vivo nelle zone da lui visitate come Deliceto, i paesi della provincia di Avellino, tra i quali Lacedonia e Materdomini, che ne conserva le spoglie mortali. Il suo Santuario è particolarmente frequentato dalle giovani mamme. A tal riguardo degna di nota è la bellissima Sala dei fiocchi, le cui pareti e il cui soffitto sono ricoperti da migliaia di fiocchi rosa e celeste che le mamme, in segno di ringraziamento, hanno nel corso degli anni donato al Santo.

Ultima ora

21:17Calcio: Hamsik, con il Milan vittoria della pazienza

(ANSA) - NAPOLI, 19 NOV - "Dopo il pareggio col Chievo, volevamo tornare a vincere, ma sapevamo di dover affrontare un buon avversario. Siamo stati pazienti, sapevamo che prima o poi avremmo superato il muro difensivo del Milan". Marek Hamsik, come è ormai consuetudine, affida al proprio sito ufficiale il commento della partita giocata ieri sera al San Paolo. "E' stato fondamentale - dice lo slovacco - segnare un gol nel primo tempo e alla fine abbiamo vinto ottenendo tre punti importanti contro una squadra di qualità". "Fino ad ora - conclude Hamsik - 11 vittorie e due pareggi. E' fantastico! Il campionato però è ancora lungo dobbiamo continuare così e rimanere concentrati. Martedì ci aspetta la sfida in Champions contro lo Shakhtar. Faremo di tutto per vincere".

21:14Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Risultati della 6/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo: Imoco Conegliano - Saugella Monza 3-0 Igor Novara - Foppapedretti Bergamo 3-0 Unet Busto Arsizio - Sab Legnano 3-0 Il Bisonte Firenze - Pomì Casalmaggiore 3-2 Lardini Filottrano - Liu Jo Modena 0-3 Mycicero Pesaro - Del Bene Scandicci 2-3 - Classifica: Conegliano 18; Scandicci e Novara 17; Busto Arsizio 15; Modena 9; Pesaro 8; Monza e Legnano 6; Firenze 5; Casalmaggiore 4; Filottrano 3; Bergamo 0.

21:12Rugby: Eccellenza, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Risultati della settima giornata del campionato di rugby di Eccellenza: Femi-Cz Rovigo- Patarò Calvisano 23-20 Lafert San Donà - Petrarca Padova 14-22 Viadana - Conad Reggio Emilia 31-17 Aeroporti I Medicei - Fiamme Oro 16-20 Lazio - Mogliano 24-20 - Classifica: Patarò Calvisano 29; Femi-Cz Rovigo 27; Petrarca Padova 26; Viadana 20; Fiamme Oro 19; Lafert San Donà 18; I Medicei 17; Lazio 6; Conad Reggio E. 5; Mogliano 4.

21:05Usa: capo armi nucleari, mi opporrei a ordine illegale Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - Il generale dell'aviazione John Hyten, capo del comando strategico Usa (Stratcom), e' pronto a disobbedire al presidente Donald Trump se ordinasse un attacco nucleare "illegale". "Come capo dello Stratcom, io consiglio il presidente. Lui mi dira' cosa fare", ha spiegato alla platea di un forum sulla sicurezza a Nova Scotia, Canada. "E se - ha proseguito l'ufficiale, che supervisiona l'arsenale nucleare Usa - e' illegale, indovinate cosa accadra'? Diro', 'signor presidente, questo e' illegale'. E poi? Lui dira' 'cosa sarebbe legale?'. E troveremo delle opzioni, con un mix di capacita' di risposta a qualsiasi situazione. Questo e' il modo in cui funzionano le cose. Non e' complicato". Le sue parole arrivano pochi giorni dopo che il Senato, per la prima volta in oltre 40 anni, sull'onda delle minacce del presidente alla Corea del nord, ha discusso le prerogative nucleari del 'Commander in chief' in caso di conflitto.

20:38Calcio: Ferrero, oggi Samp è la 500 che supera una Ferrari

(ANSA) - GENOVA, 19 NOV - Massimo Ferrero scatenato dopo il successo della sua Sampdoria contro la Juventus. Il presidente blucerchiato si è affidato al cinema e ad un film storico come "Il sorpasso" riproducendo anche il suono di un clacson. "Io mi sono comprato una trombetta e ho cominciato a suonare: ero con la 500 ma davanti avevo una Ferrari e si sono scansati e li ho superati". Il successo mantiene però la Sampdoria con i piedi per terra. "Futuro? Volare basso e schivare il sasso, adesso pensiamo al Bologna. Oggi - ha aggiunto Ferrero - abbiamo riequilibrato il campionato, la gente va più volentieri allo stadio, gode di più e c'è più competizione, sennò vince sempre la Juventus".

20:32Calcio: Allegri, la Nazionale? Io voglio proseguire con Juve

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Voglio proseguire con la Juventus, costruire la squadra per il futuro e vincere titoli. Non ho ancora la testa per andare in Nazionale, quello del c.t. è l'ultimo dei problemi della Federazione. Dovranno strutturare l'Italia come un club". Così Massimiliano Allegri, dai microfoni Rai, sull'eventualità che il tecnico della Juve riceva una chiamata da via Allegri con l'offerta della panchina della nazionale. E cosa pensi Allegri del presidente della Figc Carlo Tavecchio? "Non so cosa voglia fare l'Associazione Italiana Allenatori - risponde Allegri - ne parlerò con il presidente e cercherò di capire cosa vuole fare per il bene del calcio. È responsabilità di Tavecchio decidere se dimettersi o no, oggi c'è un consiglio direttivo e questa sera sapremo come orientarci".

20:27Figc: Chiellini “niente caccia alle streghe, serve tempo”

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Mi aspetto che ci sia equilibrio. Ci vuole tempo per portare candidati e progetti credibili senza voler fare una caccia alle streghe". Così Giorgio Chiellini in vista del Consiglio federale di domani, decisivo per il futuro del presidente Tavecchio. "Se va qualcuno solo per rubare la poltrona non uscirà niente di buono - ha aggiunto il difensore della Juventus e della nazionale - Spero ci sia un periodo di qualche mese, aspetterei un attimo. A caldo si fanno scelte sbagliate: ci vogliono equilibrio, lucidità e grande pazienza in questi momenti".

Archivio Ultima ora