Se l’autobus ritarda, scatta il rimborso

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

verso rimborso immediato se bus ritarda

verso rimborso immediato se bus ritarda

ROMA. – Arriva il primo sì a quella che si preannuncia come una rivoluzione per chi viaggia su bus e metro, con la possibilità di essere risarciti se il mezzo ritarda. La commissione Trasporti della Camera ha, infatti, messo giù una bozza di parere che dà il benvenuto alle regole contenute nel decreto Madia sui servizi pubblici locali. Anzi, sui diritti dei pendolari i deputati invitano a fare ancora di più, prevedendo che il rimborso avvenga subito, o meglio “sia effettuato al termine del servizio di trasporto, a semplice esibizione del titolo di viaggio e senza ulteriori formalità”.

Ma non è l’unica novità in fatto di servizi pubblici. Il premier Matteo Renzi ha ribadito la volontà di “tornare a fare i concorsi”, per “avere tra infermieri, forze dell’ordine e – ha detto – spero medici, 10 mila unità”. Insomma, si tratta di sbloccare il turnover, nei settori dove ci sono ricadute immediate sui cittadini, come appunto la sanità, mentre “nei palazzi romani”, ha sottolineato Renzi, l’asticella resterà ferma al 25% (ne entra uno per quattro che escono).

Intanto però i sindacati rilanciano l’allarme sugli esuberi nelle partecipate pubbliche. Cgil, Cisl e Uil hanno scritto una lettera al Governo per chiedere un incontro “urgente”. Le tre sigle temono che la sforbiciata possa produrre “effetti negativi” sui lavoratori, per cui stimano fino a 100 mila posti a rischio. A marzo dovrebbero essere stilati i primi elenchi delle eccedenze, da smaltire attraverso un’operazione di mobilità che ricalcherà il modello Province.

A proposito di mobilità e cambiamenti, il premier ha invitato a rottamare “la filosofia Checco-Zaloniana”. Il riferimento va anche ai dirigenti e alla riforma ora all’esame del Parlamento. Deputati e senatori sono infatti alle prese con i diversi decreti Madia e tra questi sta ormai completando il percorso il provvedimento con le novità per il Tpl.

Sul punto la commissione Trasporti di Montecitorio propone un’aggiunta al testo che dà forza a quanto già scritto nel decreto, secondo cui quando si aspetta più di un’ora, o anche solo mezz’ora se in città, scatta l’obbligo da parte dell’azienda di ripagare il biglietto al malcapitato, a meno che i problemi derivino da scioperi o calamità naturali e, specifica il parere, “fermo restando il rispetto delle regole di validazione” stabilite dai singoli gestori.

In effetti oggi ne esistono diversi tipi e alcuni offrono la possibilità di coprire più di una corsa, avendo per esempio una scadenza legata non alla tratta ma al tempo. La novità sui rimborsi sin dalla sua prima apparizione ha suscitato clamore e non pochi si sono interrogati sul ‘come’. Il Consiglio di Stato, pur non entrando nel merito della questione, aveva suggerito lo stralcio dal decreto Madia di tutta la parte relativa ai trasporti.

Ora dai deputati giunge l’indicazione opposta, perché si tratta di misure “in grado di determinare un decisivo ammodernamento”. Il parere definitivo di Montecitorio arriverà la prossima settimana e lo stesso dovrebbe accadere al Senato. A quel punto la palla ripasserà nel campo del Governo.

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

22:34Roma: Spalletti, se fanno smettere Totti io me ne vado

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "Il mio contratto? Io sono convinto che Totti debba rinnovare. Io non voglio che smetta con me, e se lo fanno smettere io vado via anche se vinco. Se faccio il 'triplete' non rimango. Totti non ha un contratto, ha un patto d'amore con la città". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, al termine della gara vinta dai giallorossi per 4-1 sul Torino all'Olimpico. Per l'allenatore toscano, il rinnovo di contratto del n.10 "deve essere naturale come è naturale il boato del pubblico quando lui si alza dalla panchina per entrare. Quelli importanti sono i giocatori, non gli allenatori".

22:28Calcio: ds Milan, partita carica emozione in vista closing

(ANSA) - MILANO, 19 FEB - A due settimane dal closing con cui il Milan dovrebbe passare in mani cinesi c'è una certa emozione in casa rossonera, come ha confessato il ds Rocco Maiorino prima della partita contro la Fiorentina, destinata a diventare l'ultima casalinga dell'era Berlusconi. "Se si dovesse concretizzare il closing, sarebbero le ultime due settimane. C'è molta emozione per tutto quello che è stato fatto per questa squadra - ha detto Maiorino, intervistato da Premium Sport -. Per me, inoltre, il primo marzo saranno dodici anni al Milan, è una partita carica di emozione". Infine il ds milanista ha definito "importante ma non fondamentale" il risultato della sfida di questa sera contro la Fiorentina, diretta concorrente nella corsa all'Europa League.

22:24Congo: 25 civili hutu decapitati con i machete da miliziani

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - Miliziani Mai-Mai del gruppo etnico Nande hanno attaccato un villaggio Hutu in Congo (Rdc) e hanno ucciso almeno 25 civili. Lo ha reso noto oggi il rappresentante locale del governatore provinciale Francis Bakundakabo, precisando che quasi tutte le persone sono state uccise a colpi di machete e decapitate. Il massacro è avvenuto nel villaggio di Kyaghala e - ha denunciato Badundakabo - "getta nuova benzina sul conflitto interetnico nella regione" in un momento in cui l'intero Congo vive una situazione estremamente difficile a causa del rifiuto del presidente Joseph Kabila di lasciare il potere e di indire elezioni, benchè il suo mandato sia scaduto lo scorso 19 dicembre.

22:21Trump: ex premier Svezia, attentato? Ma cosa si è fumato?

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "Svezia? Attentato terroristico? Cosa si è fumato? Le domande abbondano": così l'ex primo ministro svedese Carld Bildt, in carica dal 1991 al 1994, ha commentato su twitter l'ultima uscita del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il quale ha evocato, durante un comizio, un attacco la scorsa notte in Svezia, mai avvenuto. I siti e i social network - riferiscono i giornali svedesi - sono pieni di ironie e dileggi verso l'ennesimo inciampo del nuovo inquilino della Casa Bianca.

22:20Trump: Svezia chiede chiarimenti su attacco inventato

(ANSA) - NEW YORK, 19 FEB - L'ambasciata svedese a Washington ha chiesto al Dipartimento di Stato americano spiegazioni sulle affermazioni del presidente Donald Trump, che nel corso di un comizio ha fatto riferimento ad un presunto attacco in Svezia venerdì notte, mai avvenuto. "Abbiamo posto la domanda al Dipartimento di Stato. Stiamo cercando di avere chiarezza", ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri svedese, Catarina Axelsson.

22:17Calcio: Genoa, sputi e insulti contro pullman squadra

(ANSA) - GENOVA, 19 FEB - Circa 200 tifosi del Genoa, sorvegliati da polizia e carabinieri, hanno 'accolto' il pullman che riportava la squadra di Preziosi nel capoluogo con calci, sputi e insulti. Il pullman, uscito dall'aeroporto con la squadra, il tecnico Juric e i dirigenti a bordo, è stati bloccato dai tifosi che hanno tirato uova e sputi contro il mezzo. Insulti sono stati proferiti contro il presidente Enrico Preziosi e l'ex giocatore e ora dirigente Omar Milanetto. Juric non è mai stato insultato né nominato. Dopo una decina di minuti, la folla si è aperta per far passare il pullman scortato dalla polizia e poi i tifosi si sono allontanati.

22:15Roma: Spalletti “Siamo stati bravi, ora mentalità è giusta”

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "I ragazzi sono stati bravi, dopo la vittoria in Europa League c'era il rischio di non avere il ritmo giusto, invece siamo entrati molto bene in partita, abbiamo pressato da primo minuto e fatto vedere le nostre qualità". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, a Premium dopo il bel 4-0 dei giallorossi sul Torino. "Siamo un po' calati dopo il 2-0, dove potevamo fare di più. Se noi ci togliamo dalla testa il pensiero continuo della vittoria, di passare delle belle serate insieme ai nostri tifosi, poi le avversarie ci superano. La crescita è evidente e visibile, altrimenti non potremmo contendere le posizioni alte in classifica. Noi però dobbiamo trovare giocatori forti come Totti, noi siamo abituati a lui e finché non ne troveremo altri non cresceremo ancora molto: di leader come Francesco in squadra ne servono più di uno per stare al passo con le grandi. Per questo bisogna rinnovare il suo contratto, un rinnovo che dovrà essere naturale come è naturale il boato dello stadio ogni volta che lui entra".

Archivio Ultima ora