Se l’autobus ritarda, scatta il rimborso

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

verso rimborso immediato se bus ritarda

verso rimborso immediato se bus ritarda

ROMA. – Arriva il primo sì a quella che si preannuncia come una rivoluzione per chi viaggia su bus e metro, con la possibilità di essere risarciti se il mezzo ritarda. La commissione Trasporti della Camera ha, infatti, messo giù una bozza di parere che dà il benvenuto alle regole contenute nel decreto Madia sui servizi pubblici locali. Anzi, sui diritti dei pendolari i deputati invitano a fare ancora di più, prevedendo che il rimborso avvenga subito, o meglio “sia effettuato al termine del servizio di trasporto, a semplice esibizione del titolo di viaggio e senza ulteriori formalità”.

Ma non è l’unica novità in fatto di servizi pubblici. Il premier Matteo Renzi ha ribadito la volontà di “tornare a fare i concorsi”, per “avere tra infermieri, forze dell’ordine e – ha detto – spero medici, 10 mila unità”. Insomma, si tratta di sbloccare il turnover, nei settori dove ci sono ricadute immediate sui cittadini, come appunto la sanità, mentre “nei palazzi romani”, ha sottolineato Renzi, l’asticella resterà ferma al 25% (ne entra uno per quattro che escono).

Intanto però i sindacati rilanciano l’allarme sugli esuberi nelle partecipate pubbliche. Cgil, Cisl e Uil hanno scritto una lettera al Governo per chiedere un incontro “urgente”. Le tre sigle temono che la sforbiciata possa produrre “effetti negativi” sui lavoratori, per cui stimano fino a 100 mila posti a rischio. A marzo dovrebbero essere stilati i primi elenchi delle eccedenze, da smaltire attraverso un’operazione di mobilità che ricalcherà il modello Province.

A proposito di mobilità e cambiamenti, il premier ha invitato a rottamare “la filosofia Checco-Zaloniana”. Il riferimento va anche ai dirigenti e alla riforma ora all’esame del Parlamento. Deputati e senatori sono infatti alle prese con i diversi decreti Madia e tra questi sta ormai completando il percorso il provvedimento con le novità per il Tpl.

Sul punto la commissione Trasporti di Montecitorio propone un’aggiunta al testo che dà forza a quanto già scritto nel decreto, secondo cui quando si aspetta più di un’ora, o anche solo mezz’ora se in città, scatta l’obbligo da parte dell’azienda di ripagare il biglietto al malcapitato, a meno che i problemi derivino da scioperi o calamità naturali e, specifica il parere, “fermo restando il rispetto delle regole di validazione” stabilite dai singoli gestori.

In effetti oggi ne esistono diversi tipi e alcuni offrono la possibilità di coprire più di una corsa, avendo per esempio una scadenza legata non alla tratta ma al tempo. La novità sui rimborsi sin dalla sua prima apparizione ha suscitato clamore e non pochi si sono interrogati sul ‘come’. Il Consiglio di Stato, pur non entrando nel merito della questione, aveva suggerito lo stralcio dal decreto Madia di tutta la parte relativa ai trasporti.

Ora dai deputati giunge l’indicazione opposta, perché si tratta di misure “in grado di determinare un decisivo ammodernamento”. Il parere definitivo di Montecitorio arriverà la prossima settimana e lo stesso dovrebbe accadere al Senato. A quel punto la palla ripasserà nel campo del Governo.

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

17:55Golf: Open de France, 5 italiani in gara

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - A Le Golf National, il tracciato che ospiterà tra un anno la Ryder Cup, si disputa da domani fino al 2 luglio l'HNA Open de France seconda delle otto gare delle Rolex Series con un montepremi di sette milioni di dollari. A Guyancourt, nei pressi di Parigi, tornerà a gareggiare in Europa Francesco Molinari. Presenti nel field anche il fratello Edoardo, Renato Paratore - reduce dal sesto posto nel BMW International Open -, Matteo Manassero e Nino Bertasio. Al via quasi tutti i migliori giocatori dell'European Tour insieme ad alcuni continentali che sono stabilmente sul PGA Tour. Nell'occasione sarà presente il danese Thomas Bjorn, capitano del team di Ryder Cup, che avrà modo di osservare il comportamento di coloro che tiene sotto controllo e anche di rivedere il percorso sul quale poi chiederà di apportare delle correzioni adeguate alle caratteristiche dei giocatori di casa.

17:45Roma 2024: Lotti, ‘faremo verifiche’

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - "Il consuntivo non solo corrisponde al bilancio preventivo presentato al Cio dal Comitato promotore dei Giochi di Roma 2024, ma risulta compatibile con il fabbisogno per intraprendere un'iniziativa di questo genere. Quanto alla presunta apertura di un'indagine della Corte dei Conti, io non ne sono a conoscenza se non dalla lettura dei giornali. Se fosse vero sarebbe comunque necessario attendere il naturale corso nel rispetto del lavoro dei magistrati". Il ministro dello sport, Luca Lotti, risponde così al question time sulla presunta apertura di un'indagine da parte della Procura della Corte dei Conti per danno erariale nei confronti del comitato promotore delle Olimpiadi di Roma 2024. "A prescindere dalla fondatezza - ha spiegato Lotti - mi impegno ad approfondire la questione e a svolgere tutte le verifiche necessarie". Lotti sottolinea che "la precedente amministrazione del comune di Roma insieme al Coni sostenne la candidatura della Capitale ai Giochi 2024, e anche lo stato fece la sua parte".

17:40Calcio: Fiorentina: Cecchi Gori, avevate me…

(ANSA) - FIRENZE, 28 GIU - "Di che vi lamentate a Firenze, avevate me, mi hanno voluto per forza buttare fuori. Adesso a che cosa credete tutti voi? Il calcio è come la politica, meglio starne lontani". Così Vittorio Cecchi Gori, ai microfoni di RadioBlu, è tornato a parlare di Fiorentina a pochi giorni dalla messa in vendita della società da parte dei Della Valle. Vittorio Cecchi Gori è poi tornato a parlare di cosa accadde alla sua Fiorentina nell'estate del 2002: "E' stato un grande errore ciò che è accaduto a suo tempo, non un torto a me, ma alla Fiorentina e a Firenze" poi un attacco diretto agli attuali proprietari della società viola: "I Della Valle hanno preso la Fiorentina gratis, mio padre l'ha pagata. Ogni volta sento parlare di cifre iperboliche per la vendita. Sento grandi cifre, ma chi ha preso la Fiorentina ci ha solo guadagnato fino ad oggi. Sul futuro del club Vittorio Cecchi Gori ha le idee chiare: "Speriamo che ci sia un presidente tifoso per la Fiorentina".

17:36Migranti: ok a fondo Ue da 3,3 mld per paesi origine

(ANSA) - BRUXELLES, 28 GIU - Via libera a un piano da 3,3 miliardi di euro per aggredire le cause delle migrazioni, mobilitando investimenti privati nei paesi d'origine, grazie al cosiddetto 'effetto leva', fino a una quota attesa nell'ordine dei 44 miliardi: l'accordo è stato raggiunto tra Consiglio e Parlamento europeo. Quest'ultimo dovrà ora dare il suo ok formale con un primo voto in commissione affari esteri il 3 luglio e in plenaria il 6.

17:27Baby arrampicatore morto in Francia, processo a Torino

(ANSA) - TORINO, 28 GIU - Il 5 luglio 2013 un giovanissimo praticante di arrampicata sportiva, il dodicenne Tito Claudio Traversa, di Ivrea (Torino), perse la vita nella zona di Orperre, in Francia, precipitando dalla parete che stava scalando. Oggi si è aperto in tribunale a Torino il processo alle tre persone accusate di avere avuto delle responsabilità nell'incidente. Secondo l'inchiesta del pm Massimo La Rosa, Traversa cadde per il cedimento dei gommini montati tra moschettoni e fettucce dell'attrezzatura. A rispondere di omicidio colposo sono stati chiamati il legale rappresentante della società sportiva, l'istruttore-accompagnatore e il responsabile della ditta produttrice dei gommini. Il processo continuerà a novembre. Traversa era una promessa dell'arrampicata: al suo attivo aveva numerose vittorie in gare internazionali. (ANSA).

17:25Trump accetta invito Macron per parata 14 luglio

(ANSA) - PARIGI, 28 GIU - Il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump ha accettato l'invito del suo omologo francese, Emmanuel Macron, ad assistere alla sfilata del 14 luglio a Parigi. Lo annuncia l'Eliseo attraverso una nota. La notizia è stata confermata anche dalla Casa Bianca.

17:03Calcio: Baccaglini, il closing è vicino

(ANSA) - PALERMO, 28 GIU - "Spero che al più presto mi possiate chiamare patron e nel dirlo non nascondo l'emozione. Per quanto riguarda il nuovo mister Bruno Tedino posso dire che è molto preparato, una sorta di database umano, sa dove andare a pescare il calciatore giusto". Lo ha detto il presidente del Palermo, Paul Baccaglini, ai microfoni di Tgr Sicilia. "Cercheremo il viso o il cognome di un calciatore importante che possa essere un uomo che rappresenti al meglio il Palermo, chissà che non sia già nella nostra rosa. Zamparini - ha proseguito - ha avuto un ruolo importante in questa società, valorizzeremo il lavoro che ha svolto in questi anni. Con lui manterrò sempre un ottimo rapporto interpersonale ma non societario, tutto si fermerà lì".

Archivio Ultima ora