Se l’autobus ritarda, scatta il rimborso

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

verso rimborso immediato se bus ritarda

verso rimborso immediato se bus ritarda

ROMA. – Arriva il primo sì a quella che si preannuncia come una rivoluzione per chi viaggia su bus e metro, con la possibilità di essere risarciti se il mezzo ritarda. La commissione Trasporti della Camera ha, infatti, messo giù una bozza di parere che dà il benvenuto alle regole contenute nel decreto Madia sui servizi pubblici locali. Anzi, sui diritti dei pendolari i deputati invitano a fare ancora di più, prevedendo che il rimborso avvenga subito, o meglio “sia effettuato al termine del servizio di trasporto, a semplice esibizione del titolo di viaggio e senza ulteriori formalità”.

Ma non è l’unica novità in fatto di servizi pubblici. Il premier Matteo Renzi ha ribadito la volontà di “tornare a fare i concorsi”, per “avere tra infermieri, forze dell’ordine e – ha detto – spero medici, 10 mila unità”. Insomma, si tratta di sbloccare il turnover, nei settori dove ci sono ricadute immediate sui cittadini, come appunto la sanità, mentre “nei palazzi romani”, ha sottolineato Renzi, l’asticella resterà ferma al 25% (ne entra uno per quattro che escono).

Intanto però i sindacati rilanciano l’allarme sugli esuberi nelle partecipate pubbliche. Cgil, Cisl e Uil hanno scritto una lettera al Governo per chiedere un incontro “urgente”. Le tre sigle temono che la sforbiciata possa produrre “effetti negativi” sui lavoratori, per cui stimano fino a 100 mila posti a rischio. A marzo dovrebbero essere stilati i primi elenchi delle eccedenze, da smaltire attraverso un’operazione di mobilità che ricalcherà il modello Province.

A proposito di mobilità e cambiamenti, il premier ha invitato a rottamare “la filosofia Checco-Zaloniana”. Il riferimento va anche ai dirigenti e alla riforma ora all’esame del Parlamento. Deputati e senatori sono infatti alle prese con i diversi decreti Madia e tra questi sta ormai completando il percorso il provvedimento con le novità per il Tpl.

Sul punto la commissione Trasporti di Montecitorio propone un’aggiunta al testo che dà forza a quanto già scritto nel decreto, secondo cui quando si aspetta più di un’ora, o anche solo mezz’ora se in città, scatta l’obbligo da parte dell’azienda di ripagare il biglietto al malcapitato, a meno che i problemi derivino da scioperi o calamità naturali e, specifica il parere, “fermo restando il rispetto delle regole di validazione” stabilite dai singoli gestori.

In effetti oggi ne esistono diversi tipi e alcuni offrono la possibilità di coprire più di una corsa, avendo per esempio una scadenza legata non alla tratta ma al tempo. La novità sui rimborsi sin dalla sua prima apparizione ha suscitato clamore e non pochi si sono interrogati sul ‘come’. Il Consiglio di Stato, pur non entrando nel merito della questione, aveva suggerito lo stralcio dal decreto Madia di tutta la parte relativa ai trasporti.

Ora dai deputati giunge l’indicazione opposta, perché si tratta di misure “in grado di determinare un decisivo ammodernamento”. Il parere definitivo di Montecitorio arriverà la prossima settimana e lo stesso dovrebbe accadere al Senato. A quel punto la palla ripasserà nel campo del Governo.

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

09:18Mo: media, Tillerson a Riad per limitare influenza Iran

(ANSA) - BEIRUT, 20 OTT - Il segretario di Stato Usa Rex Tillerson è atteso oggi in Arabia Saudita nell'ambito della sua missione diplomatica regionale nel Golfo e nel sud-est asiatico. E a Riad parteciperà al primo incontro del Consiglio saudita-iracheno formato per migliorare relazioni economiche tra i due paesi. Secondo la tv panaraba al Arabiya, edita dal Qatar, la visita di Tillerson nella regione ha l'obiettivo di tornare a discutere della crisi in corso da mesi tra Doha e Riad e di limitare l'influenza iraniana nel Golfo e in Iraq.

03:40Unicef: emergenza fuga bimbi in Birmania

(ANSA) - NEW YORK, 19 OTT - Ogni settimana fino a 12 mila bambini della minoranza musulmana Rohingya scappano in Bangladesh dalla Birmania per sfuggire alle violenze. Lo afferma l'Unicef. Secondo l'agenzia dell'Onu per i minori, le condizioni di vita disperate e le malattie minacciano oltre 320 mila piccoli rifugiati Rohingya che sono scappati nel sud del Bangladesh a partire da fine agosto (circa 10 mila hanno attraversato la frontiera negli ultimi giorni). "Molti piccoli rifugiati Rohingya hanno assistito ad atrocità in Birmania che nessun bambino dovrebbe vedere, e tutti hanno subito tremende perdite", ha spiegato il direttore esecutivo di Unicef, Anthony Lake. "Questi bambini hanno urgentemente bisogno di cibo, acqua potabile, igiene e vaccinazioni per essere protetti dalle malattie che prosperano in situazioni di emergenza", ha continuato il direttore dell'agenzia Onu per i minori.

00:54Pena morte:Corte suprema autorizza condanna detenuto Alabama

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - La corte suprema Usa ha autorizzato l'Alabama ad eseguire nelle prossime ore la condanna a morte di Torrey Twane McNabb, 40 anni, accusato di aver ucciso nel 1997 un poliziotto. I giudici hanno annullato la decisione di una corte d'appello che aveva bloccato l'esecuzione per accertare se il protocollo farmaceutico legato all'iniezione potesse causare una pena crudele e inusuale.

00:50Weinstein: Tarantino,sapevo abbastanza per fare di più

(ANSA) - NEW YORK, 20 OTT - "Sapevo abbastanza per fare di piu' di quello che ho fatto". Lo afferma il regista Quentin Tarantino in un'intervista al New York Times intervenendo sul caso di Harvey Weinstein. Tarantino ammette che le informazioni a sua disposizione "erano più di un normale gossip. Non erano di seconda mano".

00:47Brexit: May ai 27, aiutatemi a difendermi da attacchi

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - Theresa May ha chiesto ai partner europei di poter portare a casa un risultato che le consenta di difendersi dagli attacchi politici 'domestici'. La richiesta, a quanto si è appreso, è stata formulata dal premier durante la cena del summit dedicata alla Brexit.

00:23Basket: Eurolega, Milano-Fenerbahce 86-92

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Datome (16 punti) e Melli (15 e 11 rimbalzi) fanno un brutto scherzetto all'Ax Milano: con piglio deciso e carattere leonino, i due azzurri fanno la vera differenza a favore del Fenerbahce, che sbanca il Forum dopo un tempo supplementare (86-92) e manda così l'Olimpia a 0-2 in Eurolega. Milano, come una settimana fa a Mosca, non demerita nel primo tempo, ma s'inchina ai campioni d'Europa nel terzo periodo (27-16 il parziale), quando Sloukas scava un solco importante con 12 punti (17 in totale). Milano si piega ma non si spezza, meritando a pieno gli applausi che le destinano il patron Giorgio Armani e tutto il Forum che sogna il colpaccio: le triple di M'Baye (16) e Bertans (16) la tengono a contatto e le consentono di trovare il pari (80-80) a 7 secondi dalla fine con la tripla di Micov (15), che manda tutto all'overtime. Ma al supplementare il Fenerbahce fa valere il suo pedigree e con due ex della Serie A (Wanameker e Nunnally) porta a casa la vittoria.

00:19Calcio: Montella, i tifosi ci stiano vicini

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "È chiaramente un momento complesso: se avessimo vinto, ci sarebbe stato maggior entusiasmo. Ma stasera la squadra la sua partita l'ha fatta, creando tante occasioni che, purtroppo, non siamo stati in grado di concretizzare. Siamo comunque primi in classifica, almeno in Coppa". Lo ha detto Vincenzo Montella a Sky Sport, dopo lo 0-0 casalingo con l'Aek Atene in Europa League. "L'analisi della partita di oggi - ha proseguito - è fuorviata dalle sconfitte in campionato, che pesano sulla testa mia, dei giocatori e dei tifosi, i quali hanno dimostrato il loro disappunto. Ma oggi la squadra è stata più solida e più pericolosa. Manca la scintilla, manca il fiammifero che dobbiamo accendere noi stessi - ha poi ammesso il tecnico - Ma i ragazzi non sono tranquilli: vogliono dimostrare di essere da Milan, ma sono come bloccati nella testa. Il mio compito primario, ora, è quello di farli sciogliere. Quindi, chiedo alla società e soprattutto ai tifosi di starci vicino: è una squadra che ha qualità, ma deve esprimerla".

Archivio Ultima ora