Quattro donne accusano Trump di molestie, era come un polipo

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

4 donne accusano Trump di molestie 'era come un polipo'

4 donne accusano Trump di molestie ‘era come un polipo’

WASHINGTON. – Donald Trump nega. “Sono falsità assolute e lo proverò”, ha assicurato con il tono di una dichiarazione di guerra. Ma il passato è tornato ad incombere sinistro sulle sue aspirazioni presidenziali dopo che quattro donne lo hanno accusato di molestie sessuali, due intervistate dal New York Times. Nello staff del tycoon è il caos e non è chiaro quale sia adesso la strategia.

Perché dopo la bomba (che ha tutto l’aspetto di essere ad orologeria), il fronte opposto si è scagliato come una furia contro il candidato repubblicano, mettendo in campo le sue energie migliori: Michelle Obama. E’ stata infatti la first lady a prendersi questa volta il centro del palco per puntare il dito severa e durissima: il modo che ha Donald Trump di trattare le donne “non è normale, è intollerabile”.

La bufera si è scatenata con la pubblicazione sul New York Times delle testimonianze di due donne che accusano il tycoon di aver loro messo le mani addosso. E questo dopo che Trump aveva liquidato come “chiacchiere da spogliatoio” quelle del video del 2005 in cui si vantava di poter fare quello che voleva con le donne prendendole anche per i genitali e dopo che – rispondendo a domanda precisa durante il dibattito televisivo tra i due candidati presidenti domenica scorsa – aveva affermato che “no”, ovviamente non si era mai comportato in quel modo.

Jessica Leed di New York, oggi 74enne, adesso dice il contrario, sostenendo che oltre 30 anni fa, mentre viaggiava per affari su un aereo in prima classe, si ritrovò accanto Trump che, senza conoscerla, dopo 45 minuti dal decollo alzò il bracciolo e cominciò a toccarle il seno e tentò di metterle la mano sopra la gonna. “Era come un polipo, le sue mani erano dappertutto”, ha raccontato, aggiungendo di essersene andata in coda all’aereo per evitare “l’aggressione”.

Rachel Crooks, dell’Ohio, era una receptionist di 22 anni di Bayrock Group, una società immobiliare nella Trump Tower a Manhattan, dove incontrò il tycoon fuori di un’ascensore una mattina del 2005. Sapendo che la sua società lavorava con Trump, si presentò. Si strinsero le mani ma il magnate, secondo la sua versione, non la lasciò più andare, cominciando a baciarla prima sulle guance e poi “direttamente sulla bocca”.

La terza si fa avanti dopo poco: Mindy McGillivray, che all’epoca aveva 23 anni, ha detto al Palm Beach Post che finora aveva confessato soltanto a parenti stretti e amici di essere stata toccata impropriamente a Mar-a-Lago, il resort di Trump vicino a Palm Beach.

La quarta invece è una giornalista del magazine People, Natasha Stoynoff, che proprio sul settimanale ha raccontato la sua esperienza risalente al 2005, quando seguiva per il suo giornale tutto ciò che riguardava ‘l’universo Trump’, e in particolare le vicende private del tycoon. Per questo nel dicembre 2005 si trovava a Mar-a-lago, per un’intervista con Donald e la moglie Melania in occasione del primo anniversario delle loro nozze. Ma in un momento in cui si trovarono soli, stando al racconto della giornalista, Trump la spinse contro il muro e la baciò senza il suo consenso. Stynoff ha affermato che tentò di liberarsi ma non ci riuscì, fino a quando non entrò nella stanza il maggiordomo per avvertire che Melania li avrebbe raggiunti a breve.

L’ira di Michelle Obama, salita sul palco per un comizio in New Hampshire, è stata incontenibile, e l’ha espressa tutta in un discorso tra i più efficaci ascoltati in questa campagna elettorale. Era lì a sostegno di Hillary Clinton, ma non solo: “Il modo di Donald Trump di trattare le donne non è normale, è intollerabile”. E’ la difesa delle donne e anche degli uomini: “Gli uomini della mia vita non parlano e non hanno mai parlato così.

Gli uomini forti, quelli che sono un modello, non hanno bisogno di degradare le donne per mostrare il loro potere”. “Sminuire questi commenti volgari a chiacchiere da spogliatoio di tutti i giorni è un insulto alla decenza”, ha arringato Michelle. “Trump stava parlando liberamente e apertamente di abusi sessuali”. Frasi “offensive, che fanno male, dolorose”.

In una delle giornate più nere per il tycoon, l’unica buona notizia è sembrata arrivare dall’ultima rilevazione di Rasmussen Reports: secondo la società specializzata in sondaggi, il candidato repubblicano raccoglierebbe il 43% delle preferenze degli elettori americani contro il 41% dell’ex first lady. E’ la prima volta dopo il video scandalo sulle frasi sessiste e il secondo duello tv che un sondaggio indica avanti Trump.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

21:28Calcio: Cagliari, ecco Faragò “Nainggolan mio modello”

(ANSA) - CAGLIARI, 19 GEN - Paolo Faragò, nuovo acquisto del Cagliari, è pronto all'esordio in Serie A con la maglia rossoblù. Trattativa sprint con il Novara e domenica all'Olimpico contro la Roma potrebbe vedersela con uno dei suoi modelli, Radja Nainggolan. Il Cagliari era stato molto vicino all'ex Novara già dalla scorsa estate. "Quando ho saputo dell'interessamento della società rossoblu' - ha rivelato - ho declinato qualsiasi altra offerta". E ora ecco il grande salto: "So che c'è una bella differenza, sino a pochi giorni fa stavo preparando la partita con il Trapani e improvvisamente mi trovo proiettato verso un altro match, quello con la Roma. Pronto? Sì, con tanta voglia di fare questa esperienza".

21:27Bbc, le truppe del Senegal entrano in Gambia

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Truppe senegalesi, che sostengono il presidente eletto del Gambia Adama Barrow, hanno attraversato il confine con il Gambia e si stanno dirigendo verso la capitale Banjul, dove risiede il presidente uscente Yahia Jammeh, che si rifiuta di lasciare il potere nonostante abbia perso le elezioni. Lo riporta la Bbc online.

21:24Maltempo: salvati con verricello due allevatori di Urzulei

(ANSA) - NUORO, 19 GEN - Sono in salvo anche i due allevatori di Urzulei isolati da giorni nei loro ovili. I due sono stati recuperati dal Soccorso Alpino (Cnsas), nelle località di Gosolloei e Cuccuttos, grazie all'impiego di un elicottero dell'Aeronautica Militare di Decimomannu. Il velivolo decollato con gli specialisti e due tecnici di elisoccorso del Cnsas ha raggiunto la zona montana particolarmente innevata e non raggiungibile dai mezzi a terra. Il delicato intervento di soccorso ha consentito il recupero dei due allevatori tramite il verricello. Sono stati caricati a bordo e trasportati nel campo sportivo del paese dove sono stati visitati e rifocillati.

21:07Assange, manterrò la promessa di consegnarmi agli Usa

(ANSA) - LONDRA, 19 GEN - Julian Assange è deciso a mantenere la promessa di consegnarsi alle autorità Usa dopo che Barack Obama ha concesso la grazia alla 'talpa' di Wikileaks Chelsea Manning. Lo ha detto l'attivista australiano nel corso di una conferenza stampa via social media dall'ambasciata dell'Ecuador a Londra, dove vive come rifugiato politico dal 2012. Solo ieri un suo legale aveva negato che fosse intenzionato a mantenere quanto promesso.

21:04Centri Sociali: fumogeni contro ps e Comune, 9 a giudizio

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Per i disordini davanti a Palazzo Marino del 22 maggio del 2013 e culminati in alcuni tafferugli tra antagonisti e agenti delle forze dell'ordine, 9 giovani del centro sociale Zam (Zona autonoma Milano)sono stati mandati a giudizio per resistenza aggravata, danneggiamento aggravato e getto di lacrimogeni. Secondo la ricostruzione degli investigatori quel pomeriggio di quasi 4 anni fa un gruppo di circa 200 ragazzi, giunto in corteo per protestare contro lo sgombero del centro sociale Zam, ha tentato di superare il cordone di sicurezza degli agenti di polizia per fare irruzione in Comune, arrivando per tre volte al contatto con le forze dell'ordine. Gli agenti hanno però respinto ogni tentativo di sfondamento.

21:04Hotel Rigopiano: scatta inchiesta per omicidio colposo

(ANSA) - PESCARA, 19 GEN - L'ipotesi è omicidio colposo. La Procura di Pescara, pm Andrea Papalia, ha aperto un fascicolo di indagine per fare luce sulle eventuali responsabilità. Le indagini relative alla tragedia di Rigopiano sono affidate ai carabinieri forestali, i quali in queste ore stanno già acquisendo documenti e testimonianze. Tra i documenti già a verbale anche l'allerta valanghe emesso giorni fa dal Meteomont, cioè il servizio nazionale prevenzione neve e valanghe, che indicava livello 4, il massimo è 5, di pericolo nella zona del Gran Sasso. Spetterà alla Procura quindi valutare se il rischio emesso è stato rispettato o valutato, se c'erano le condizioni per far emettere dalla Regione, fino agli enti locali, le ordinanze di evacuazione nelle zone a rischio.

21:01Prete accusato orge in canonica: Vescovo, chiedo io perdono

(ANSA) - PADOVA, 19 GEN - "Mi vergogno, e vorrei chiedere io stesso perdono per quelli che, nostri amici, hanno attentato alla credibilità del nostro predicare". Così il vescovo di Padova, Claudio Cipolla, si rivolge ai fedeli in una lettera aperta sul caso del parroco, don Andrea Contin, accusato di aver organizzato orge in canonica, indagato per violenza privata e sfruttamento della prostituzione. "Sento il bisogno di farmi presente in questo momento di sofferenza della nostra Diocesi. Immagino - scrive il prelato - quanto siate provati, confusi, scandalizzati da vicende collegabili con la nostra Chiesa". Chiesa, conclude il vescovo, che "non merita di essere ridotta solo a tutti gli errori e peccati commessi nella sua recente storia, come fosse una storia di malefatte. Questo male, che fa tanto rumore, non mi impedisce di ricordare i tanti preti e diaconi che hanno sacrificato la vita nella coerenza, con umiltà e fedeltà, il bene che tanti uomini e donne stanno vivendo nella discrezione e fuori dai riflettori". (ANSA).

Archivio Ultima ora