Dario Fo: l’amore e odio con la politica, da Fanfani a Grillo

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Beppe Grillo e Dario Fo in piazza Duomo a Milano, 19 febbraio 2013, in una immagine del profilo facebook di Grillo. ANSA/FACEBOOK

Beppe Grillo e Dario Fo in piazza Duomo a Milano, 19 febbraio 2013, in una immagine del profilo facebook di Grillo. ANSA/FACEBOOK

ROMA. – C’è la commozione dei 5 Stelle, il riconoscimento del Presidente della Repubblica per il “suo genio creativo e la sua incrollabile passione civile”, il sentito addio del premier ad un “grande italiano nel mondo” e il rispettoso, ma non unanime, saluto di quanti hanno condiviso la passione politica anche dall’altra parte della sua barricata.

L’addio del mondo politico a Dario Fo, largamente riconosciuto come uno tra i protagonisti del novecento per le sue eclettiche virtù di uomo di lettere, di teatro e allo stesso tempo di impegno civile, è sincero e sentito.

Nessuno dimentica quella che Nichi Vendola ha definito la “furia civile” con la quale questo genio ribelle e un po’ profetico – come quando scrisse il ‘Fanfani rapito’ diversi anni prima del rapimento Moro – si è scontrato contro l’establishment dell’intero arco costituzionale durante la prima e seconda Repubblica, mettendo il suo spirito ribelle al servizio prima delle organizzazioni extraparlamentari e poi dei 5 Stelle.

Con Dario Fo “l’Italia perde uno dei grandi protagonisti del teatro, della cultura, della vita civile del nostro Paese” afferma Matteo Renzi, il primo ad esprimere le pubbliche condoglianze anche a nome di tutto il governo.

E l’auspicio di una condivisa “memoria” nei confronti di un uomo che ha fatto la “storia del teatro, della televisione, della letteratura” è il messaggio che arriva da Sergio Mattarella che loda la testimonianza offerta da Fo “alle giovani generazioni”.

Ha fatto della “satira sul potere uno stimolo alla politica” gli riconosce Laura Boldrini ed anche la seconda carica dello Stato, Pietro Grasso, loda “la sua voce irriverente e impegnata” e ricorda quel “giullare fuori dagli schemi” a cui, assieme “alla sua inseparabile Franca, dobbiamo risate, lacrime, riflessioni”.

Il suo ricordo placa anche Matteo Salvini, spesso incurante delle circostanze quando si è trattato di attaccare avversari politici: “Per lui io e i leghisti eravamo razzisti, egoisti, ignoranti? Vabbè, acqua passata, non porto rancore, doppia preghiera” gli concede.

Non frena invece Renato Brunetta: “nessuna ipocrisia. Dario Fo non mi era mai piaciuto, l’ho considerato sempre un uomo violentemente di parte”. Non lo fa neppure il leghista Mario Borghezio che lo accusa: “fu volontario in un reparto dell’esercito della RSI particolarmente impegnato nelle azioni antipartigiane”.

A Firenze i consiglieri di Forza Italia e Fratelli d’Italia si rifiutano di rispettare il minuto di silenzio chiesto da M5s e appoggiato da Pd e Si. Ma è dal versante dei 5 Stelle che lo choc, dopo la morte di Gianroberto Casaleggio, si fa sentire con più dolore.

Da Beppe Grillo ai portavoce eletti fino ai militanti del Movimento, traspare il sentimento di un vero e proprio lutto. “Descrivere una perdita così è straziante quanto impossibile” ammette l’ex comico ora leader del M5s che loda il suo spirito “libero” e rimarca: “l’ultima cosa che abbiamo perso è il Dario premio Nobel, la prima è l’esempio di un modo grandioso di interpretare la propria umanità che ci ha sempre regalato a piene mani”.

I parlamentari, gli eletti sul territorio con il Movimento, la base degli iscritti al Movimento, dopo la dipartita di Casaleggio si sentono doppiamente orfani e piangono quello che è stato un compagno delle loro battaglie. Volevano “tanto bene al grande maestro” i parlamentari del M5s, costretti a dare l’addio ad “un punto di riferimento fondamentale, un compagno di viaggio allegro, geniale e profondo”.

(di Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

18:18Calcio: Ceis, nasce prima squadra calcio Richiedenti Asilo

(ANSA) - GENOVA, 6 DIC - E' nata, grazie al Centro di Solidarietà di Genova (Ceis) che da anni si occupa anche di accoglienza", la prima squadra di calcio interamente composta da richiedenti asilo, ragazzi tra i 20 e i 25 anni provenienti da Gambia, Nigeria, Senegal, Bangladesh e Pakistan arrivati in Italia sui 'barconi della speranza'. Con loro, il tecnico Franco Bobba, un passato calcistico da semiprofessionista e oggi allenatore dilettantistico di indubbie qualità morali oltre che tecniche. La squadra, maglia e calzoncini azzurri, è stata iscritta al Campionato amatoriale di calcio a 7 organizzato da Csen Calcio Liguria e, dopo due sconfitte consecutive, ha ottenuto la prima vittoria in campionato, superando gli avversari della Pimpao con un netto 10-3.

18:17‘Sono un bambino sporco’, genitori a processo a Torino

(ANSA) - TORINO, 6 DIC - "Sono un bambino sporco": questo il cartello che un bimbo di 9 anni, nato a Donetsk in Ucraina e affidato alle cure di una famiglia italiana, doveva portare al collo come punizione. Una delle tante vessazioni umilianti a cui, secondo l'accusa, era costretto dai genitori adottivi con cui viveva in un paesino del torinese. Ora il ragazzo, ormai 17enne, vive in una comunità a seguito di un provvedimento del Tribunale per i Minorenni di Torino, mentre la madre e il padre sono imputati per maltrattamenti. Il 13 dicembre, a Palazzo di Giustizia a Torino davanti al giudice Antonio De Marchi, verranno sentiti i testimoni della difesa, rappresentata dall'avvocato Valerio D'Atri. Il ragazzo si è costituito parte civile ed è seguito dal legale Emanuela Martini. Ad accorgersi delle percosse e delle umiliazioni quotidiane erano state le maestre della scuola frequentata dal piccolo. Il bambino arrivava in classe con vestiti grandi, sporchi e puzzolenti, e sulla schiena aveva spesso dei lividi lasciati da una cinghia o da un bastone. "Mi facevano zappare l'orto sino a sera tardi - aveva raccontato agli inquirenti - E spesso mi fasciavano la testa con una benda per impedirmi di parlare". I genitori adottivi si sono sempre dichiarati innocenti. (ANSA).

18:09Germania: Merkel rieletta con l’89,5% dei voti

(ANSA) - BERLINO, 06 DIC - Con la percentuale dell'89,5%, Angela Merkel e' stata eletta per la nona volta presidente della Cdu al congresso del partito cristiano-democratico a Essen. E' il secondo peggior risultato nelle elezioni congressuali cui si era sottoposta la cancelliera. C'erano aspettative di un risultato ancora inferiore, ha però ricordato l'emittente Ntv.

17:30Rapinato portavalori nel Napoletano, colpo da 250mila euro

(ANSA) - NAPOLI, 6 DIC - Rapina da 250mila euro, davanti al centro commerciale "Le Ginestre" di Volla, in provincia di Napoli, dove tre banditi, con il volto coperto e armati di kalashnikov, si sono fatti consegnare da due vigilanti, appena scesi da un furgone portavalori, una valigetta contenente denaro destinato ai bancomat del centro commerciale. I banditi, prima di impossessarsi del denaro, si sono fatti consegnare anche le pistole delle guardie giurate. Poi, a bordo di una Citroen Picasso rubata, sono fuggiti. Mentre si allontanavano uno dei tre ha anche sparato un colpo di Ak47 in aria. L'accaduto è stato ripreso dalle telecamere di videosorveglianza. Sull'accaduto sono in corso indagini da parte dei carabinieri di Volla e dell'aliquota operativa di Torre del Greco (Napoli).(ANSA).

17:30Austria: Van der Bellen, valori europei sono chiave successo

(ANSA) - BOLZANO, 6 DIC - "Il messaggio che arriva da questa consultazione elettorale è chiaro ed è rivolto ai piccoli paesi in campagna come alle capitali d'Europa: i valori europei e la politica della collaborazione sono la chiave del successo". Lo ha detto il presidente eletto austriaco Alexander Van der Bellen. "Mi impegnerò con tutta la mia forza per unire ulteriormente l'Europa. Sono cresciuto in un piccolo e povero paese di montagna e ho imparato che solo uniti si è forti", ha aggiunto il professore in una breve dichiarazione alla stampa. Il presidente eletto, che giurerà il 26 gennaio, ha anche annunciato "di volersi impegnare per il superamento delle disuguaglianze tra uomo e donna". Van der Bellen ha infine invitato i due schieramenti di questa campagna elettorale "a fare ognuno il primo passo per avvicinarsi all'altro e di ascoltarlo. Il valzer si balla solo in due, rispettando comunque il ritmo".

17:30Cesareo ritardato, danni a bimbo: la madre, voglio giustizia

(ANSA) - CATANIA, 6 DIC - "Voglio verità e giustizia e soprattutto che quello che è accaduto a me non si ripeta ad altre madri e figli: chi ricorre a una struttura pubblica deve avere la certezza di essere tutelata al massimo". Così Deborah, 27 anni, madre del piccolo nato il 2 luglio del 2015 nell'ospedale 'Santo Bambino' di Catania con gravissimi disturbi neurologici perché, secondo la Procura, due dottoresse a fine turno avrebbero tardato a intervenire con un parto cesario per non restare ancora al lavoro. La donna, che vive in un paese alle pendici dell'Etna, precaria alle poste, con il marito 33enne, disoccupato, non vuole clamore sulla storia. Per questo ha bloccato da ieri sera il suo profilo pubblico su Facebook, rifiutando interviste. Per lei parla il legale di famiglia, l'avvocato Gianluca Firrone che rivela come l'inchiesta "sia stata portata avanti con grande professionalità e segretezza dalla Procura di Catania". "La famiglia non vuole pubblicità - aggiunge - ma la verità e per questo vuole la massima riservatezza".

17:28Siria: Sana e tv, lealisti avanzano ad Aleppo est

(ANSAMed) - BEIRUT, 6 DIC - Le forze lealiste siriane sono avanzate oggi nei quartieri orientali di Aleppo riuscendo a giungere vicino all'antica Cittadella, patrimonio mondiale dell'Unesco. Lo riferisce la tv al Mayadin, vicina all'Iran e solidale con l'offensiva governativa, a conferma di quanto affermato dall'agenzia siriana Sana, controllata dal governo di Damasco. Le fonti affermano che i lealisti hanno conquistato l'intero quartiere di Shaar, oltre ai rioni di Shaykh Lutfi e Marje. L'offensiva lealista è cominciata il 25 novembre scorso e in dieci giorni ha conquistato circa il 70% dei quartieri di Aleppo est a lungo sotto assedio perché controllati da miliziani delle opposizioni.

Archivio Ultima ora