Dario Fo: l’amore e odio con la politica, da Fanfani a Grillo

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Beppe Grillo e Dario Fo in piazza Duomo a Milano, 19 febbraio 2013, in una immagine del profilo facebook di Grillo. ANSA/FACEBOOK

Beppe Grillo e Dario Fo in piazza Duomo a Milano, 19 febbraio 2013, in una immagine del profilo facebook di Grillo. ANSA/FACEBOOK

ROMA. – C’è la commozione dei 5 Stelle, il riconoscimento del Presidente della Repubblica per il “suo genio creativo e la sua incrollabile passione civile”, il sentito addio del premier ad un “grande italiano nel mondo” e il rispettoso, ma non unanime, saluto di quanti hanno condiviso la passione politica anche dall’altra parte della sua barricata.

L’addio del mondo politico a Dario Fo, largamente riconosciuto come uno tra i protagonisti del novecento per le sue eclettiche virtù di uomo di lettere, di teatro e allo stesso tempo di impegno civile, è sincero e sentito.

Nessuno dimentica quella che Nichi Vendola ha definito la “furia civile” con la quale questo genio ribelle e un po’ profetico – come quando scrisse il ‘Fanfani rapito’ diversi anni prima del rapimento Moro – si è scontrato contro l’establishment dell’intero arco costituzionale durante la prima e seconda Repubblica, mettendo il suo spirito ribelle al servizio prima delle organizzazioni extraparlamentari e poi dei 5 Stelle.

Con Dario Fo “l’Italia perde uno dei grandi protagonisti del teatro, della cultura, della vita civile del nostro Paese” afferma Matteo Renzi, il primo ad esprimere le pubbliche condoglianze anche a nome di tutto il governo.

E l’auspicio di una condivisa “memoria” nei confronti di un uomo che ha fatto la “storia del teatro, della televisione, della letteratura” è il messaggio che arriva da Sergio Mattarella che loda la testimonianza offerta da Fo “alle giovani generazioni”.

Ha fatto della “satira sul potere uno stimolo alla politica” gli riconosce Laura Boldrini ed anche la seconda carica dello Stato, Pietro Grasso, loda “la sua voce irriverente e impegnata” e ricorda quel “giullare fuori dagli schemi” a cui, assieme “alla sua inseparabile Franca, dobbiamo risate, lacrime, riflessioni”.

Il suo ricordo placa anche Matteo Salvini, spesso incurante delle circostanze quando si è trattato di attaccare avversari politici: “Per lui io e i leghisti eravamo razzisti, egoisti, ignoranti? Vabbè, acqua passata, non porto rancore, doppia preghiera” gli concede.

Non frena invece Renato Brunetta: “nessuna ipocrisia. Dario Fo non mi era mai piaciuto, l’ho considerato sempre un uomo violentemente di parte”. Non lo fa neppure il leghista Mario Borghezio che lo accusa: “fu volontario in un reparto dell’esercito della RSI particolarmente impegnato nelle azioni antipartigiane”.

A Firenze i consiglieri di Forza Italia e Fratelli d’Italia si rifiutano di rispettare il minuto di silenzio chiesto da M5s e appoggiato da Pd e Si. Ma è dal versante dei 5 Stelle che lo choc, dopo la morte di Gianroberto Casaleggio, si fa sentire con più dolore.

Da Beppe Grillo ai portavoce eletti fino ai militanti del Movimento, traspare il sentimento di un vero e proprio lutto. “Descrivere una perdita così è straziante quanto impossibile” ammette l’ex comico ora leader del M5s che loda il suo spirito “libero” e rimarca: “l’ultima cosa che abbiamo perso è il Dario premio Nobel, la prima è l’esempio di un modo grandioso di interpretare la propria umanità che ci ha sempre regalato a piene mani”.

I parlamentari, gli eletti sul territorio con il Movimento, la base degli iscritti al Movimento, dopo la dipartita di Casaleggio si sentono doppiamente orfani e piangono quello che è stato un compagno delle loro battaglie. Volevano “tanto bene al grande maestro” i parlamentari del M5s, costretti a dare l’addio ad “un punto di riferimento fondamentale, un compagno di viaggio allegro, geniale e profondo”.

(di Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

11:21Migranti:arrivata in porto Corigliano Calabro nave con 1.032

(ANSA) - CORIGLIANO CALABRO (COSENZA), 29 GIU - E' arrivata nel porto di Corigliano Calabro la nave "Aquarius" con a bordo 1.032 migranti. Gli uomini sono 933, mentre le donne 99, 11 delle in stato di gravidanza. I minori sono 200, non si sa quanti non accompagnati, anche se il dato potrebbe variare quando termineranno le operazioni di sbarco che saranno effettuate, per l'elevato numero di migranti, in due fasi diverse. Una parte dei migranti, infatti, sbarcherà entro oggi, la rimanente domani. Diverse le nazionalità dei profughi quasi tutti sub sahariani. Sul posto sono presenti le autorità portuali, le forze dell'ordine, personale medico e rappresentanti della Prefettura di Cosenza che coordinano le operazioni. Garantita la massima collaborazione da parte degli amministratori comunali di Corigliano, i quali dovranno occuparsi della sistemazione in centri di accoglienza dei minori non accompagnati. I migranti saranno successivamente trasferiti in diverse Regioni secondo quanto previsto dal Piano nazionale di accoglienza.(ANSA).

11:17Gup Why Not diffamato, de Magistris rinviato a giudizio

(ANSA) - NAPOLI, 29 GIU - Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, è stato rinviato a giudizio con l'accusa di avere diffamato il gup Abigail Mellace, all'epoca dei fatti in servizio nel Tribunale di Catanzaro e attualmente presidente della sezione penale del Tribunale di Crotone. Lo scrive Il Mattino. I fatti risalgono a quando il sindaco era pm a Catanzaro. La prima udienza del processo è fissata per il prossimo 5 dicembre. De Magistris fu denunciato sia dal giudice che dal marito del magistrato, l'avvocato Maurizio Mottola di Amato. La vicenda è collegata all'indagine Why Not: in un'intervista l'ex pm lasciò intendere che il gup aveva tentato di sgonfiare la sua inchiesta anche in relazione a una richiesta di arresto che aveva avanzato nei confronti del marito avvocato del giudice. La denuncia riguarda anche frasi pubblicate dell'ex pm sul suo blog in cui faceva riferimento ad accuse di violenze sessuali contestate al padre del giudice Mellace omettendo però di menzionare la sua successiva assoluzione. (ANSA).

11:01Italiano ucciso a Londra: giovane accusata d’omicidio

(ANSA) - LONDRA, 29 GIU - E' stata formalmente accusata dalla polizia britannica di omicidio la giovane donna arrestata ieri nell'ambito delle indagini sull'uccisione di Pietro Sanna, il 23enne sardo accoltellato a morte l'altro giorno a Londra. Si tratta di Hasna Begum, 25 anni, originaria del Bangladesh, come riferisce Scotland Yard via Twitter. Begum - indicata da alcuni media del Regno Unito come coinquilina di Sanna e da altri come vicina di casa - comparirà oggi dinanzi a un giudice della Thames Magistrates' Court per la convalida dell'arresto.

10:58Olimpiadi: 2024, Tour de France sostiene candidatura Parigi

(ANSA) - ROMA, 29 GIU - Il Tour de France ha deciso di sostenere attraverso una serie di iniziative la candidatura di Parigi per i Giochi olimpici del 2024. Durante tutte le 24 tappe della corsa - al via sabato a Duesseldorf, in Germania - un atleta 'ambasciatore' sarà presente alla consegna della maglia gialla al leader di giornata. Il primo sarà, proprio sabato prossimo, la neo ministra francese dello sport, l'olimpionica di scherma Laura Flessel, mentre l'ultimo, il 23 luglio nella tappa finale sugli Champs-Élysées, sarà il copresidente del comitato che sostiene la candidatura di Parigi, Tony Estanguet, a sua volta vincitore di due ori olimpici nella canoa. Inoltre, l'intero gruppo dei corridori verrà coinvolto al passaggio della corsa al km 2024, prevista nella tappa tra Pau e Peyragudes, il 13 luglio.

10:57Migranti: Estonia, avanzare su punti su cui c’è intesa in Ue

(ANSA) - TALLIN, 29 GIU - Se ci sono divisioni tra i 28 sui ricollocamenti si può procedere sugli altri dossier legati ai migranti su cui invece c'è intesa come i rimpatri, il controllo delle frontiere e gli aspetti esterni come la cooperazione con i Paesi terzi. E' l'approccio dell'Estonia alla vigilia della sua prima presidenza Ue e della riunione informale dei ministri dell'interno la prossima settima a Tallinn dove dovrà essere affrontata anche la questione dello stop agli sbarchi sollevata dall'Italia. "I ricollocamenti sono solo un aspetto" su cui "ovviamente ci sono difficoltà", ha spiegato il direttore per gli affari Ue del governo estone Klen Jaarats, "sono una priorità in agenda ma non ci sono sono i ricollocamenti, si possono quindi fare progressi su altri file del dossier su cui invece c'è unità" anche con i Paesi 'refrattari' come Ungheria o Polonia. Tra questi i "rimpatri, il controllo delle frontiere e gli aspetti esterni", ovvero quelli che fanno capo alle iniziative con i Paesi terzi legati all'azione esterna.

10:51Londra: Grenfell Tower,è polemica anche su giudice inchiesta

(ANSA) - LONDRA, 29 GIU - Una nuova polemica nella tragedia della Grenfell Tower di Londra che riguarda la designazione fatta dalla premier Theresa May del presidente della commissione d'inchiesta che dovrebbe far luce sul terribile incendio costato la vita ad almeno 80 persone. Secondo il Times, il prescelto, sir Martin Moore-Bick, ex alto magistrato, ha alle sue spalle controverse sentenze negative nei confronti di inquilini sloggiati in malo modo o di immigrati stranieri: 'categorie' a cui appartengono molte vittime di Grenfell. La scelta dell'ex giudice ha sollevato anche obiezioni fra gli stessi collaboratori della May che sulla vicenda dell'incendio ha già compiuto una serie di errori che le sono costate forti contestazioni in pubblico. Fra le sentenze più criticate di Moore-Bick quella del 2014 quando si è pronunciato in favore del municipio di Westminster contro una madre single con cinque figli, Titina Nzolameso, che rischiava di restare senza un tetto. La corte suprema ha poi annullato la decisione del giudice.

10:48Camorra: 18 cavalli corsa e barca lusso, sigilli a beni clan

(ANSA) - NAPOLI, 29 GIU - Beni del valore di circa 10 milioni di euro - tra cui 18 cavalli da corsa, una barca di lusso e 23 immobili, tra ville e appartamenti - sono stati sequestrati nel Napoletano a 16 persone ritenute dai carabinieri elementi di spicco del clan "Orlando" e "Nuvoletta – Lubrano". I militari del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna hanno messo i sigilli anche a 78 rapporti bancari o postali, quote societarie di varie attività (tra le quali quelle di maggioranza di una scuola privata), 8 aziende e 2 esercizi commerciali. La barca di lusso, di 15 metri, era ormeggiata nel porto di Pozzuoli (Napoli). Il provvedimento è stato emesso dopo una più ampia attività investigativa che il 18 aprile aveva portato all'esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di 32 persone ritenute affiliate ai due clan. (ANSA).

Archivio Ultima ora