Dario Fo: l’amore e odio con la politica, da Fanfani a Grillo

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Beppe Grillo e Dario Fo in piazza Duomo a Milano, 19 febbraio 2013, in una immagine del profilo facebook di Grillo. ANSA/FACEBOOK

Beppe Grillo e Dario Fo in piazza Duomo a Milano, 19 febbraio 2013, in una immagine del profilo facebook di Grillo. ANSA/FACEBOOK

ROMA. – C’è la commozione dei 5 Stelle, il riconoscimento del Presidente della Repubblica per il “suo genio creativo e la sua incrollabile passione civile”, il sentito addio del premier ad un “grande italiano nel mondo” e il rispettoso, ma non unanime, saluto di quanti hanno condiviso la passione politica anche dall’altra parte della sua barricata.

L’addio del mondo politico a Dario Fo, largamente riconosciuto come uno tra i protagonisti del novecento per le sue eclettiche virtù di uomo di lettere, di teatro e allo stesso tempo di impegno civile, è sincero e sentito.

Nessuno dimentica quella che Nichi Vendola ha definito la “furia civile” con la quale questo genio ribelle e un po’ profetico – come quando scrisse il ‘Fanfani rapito’ diversi anni prima del rapimento Moro – si è scontrato contro l’establishment dell’intero arco costituzionale durante la prima e seconda Repubblica, mettendo il suo spirito ribelle al servizio prima delle organizzazioni extraparlamentari e poi dei 5 Stelle.

Con Dario Fo “l’Italia perde uno dei grandi protagonisti del teatro, della cultura, della vita civile del nostro Paese” afferma Matteo Renzi, il primo ad esprimere le pubbliche condoglianze anche a nome di tutto il governo.

E l’auspicio di una condivisa “memoria” nei confronti di un uomo che ha fatto la “storia del teatro, della televisione, della letteratura” è il messaggio che arriva da Sergio Mattarella che loda la testimonianza offerta da Fo “alle giovani generazioni”.

Ha fatto della “satira sul potere uno stimolo alla politica” gli riconosce Laura Boldrini ed anche la seconda carica dello Stato, Pietro Grasso, loda “la sua voce irriverente e impegnata” e ricorda quel “giullare fuori dagli schemi” a cui, assieme “alla sua inseparabile Franca, dobbiamo risate, lacrime, riflessioni”.

Il suo ricordo placa anche Matteo Salvini, spesso incurante delle circostanze quando si è trattato di attaccare avversari politici: “Per lui io e i leghisti eravamo razzisti, egoisti, ignoranti? Vabbè, acqua passata, non porto rancore, doppia preghiera” gli concede.

Non frena invece Renato Brunetta: “nessuna ipocrisia. Dario Fo non mi era mai piaciuto, l’ho considerato sempre un uomo violentemente di parte”. Non lo fa neppure il leghista Mario Borghezio che lo accusa: “fu volontario in un reparto dell’esercito della RSI particolarmente impegnato nelle azioni antipartigiane”.

A Firenze i consiglieri di Forza Italia e Fratelli d’Italia si rifiutano di rispettare il minuto di silenzio chiesto da M5s e appoggiato da Pd e Si. Ma è dal versante dei 5 Stelle che lo choc, dopo la morte di Gianroberto Casaleggio, si fa sentire con più dolore.

Da Beppe Grillo ai portavoce eletti fino ai militanti del Movimento, traspare il sentimento di un vero e proprio lutto. “Descrivere una perdita così è straziante quanto impossibile” ammette l’ex comico ora leader del M5s che loda il suo spirito “libero” e rimarca: “l’ultima cosa che abbiamo perso è il Dario premio Nobel, la prima è l’esempio di un modo grandioso di interpretare la propria umanità che ci ha sempre regalato a piene mani”.

I parlamentari, gli eletti sul territorio con il Movimento, la base degli iscritti al Movimento, dopo la dipartita di Casaleggio si sentono doppiamente orfani e piangono quello che è stato un compagno delle loro battaglie. Volevano “tanto bene al grande maestro” i parlamentari del M5s, costretti a dare l’addio ad “un punto di riferimento fondamentale, un compagno di viaggio allegro, geniale e profondo”.

(di Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora