Dario Fo: l’amore e odio con la politica, da Fanfani a Grillo

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Beppe Grillo e Dario Fo in piazza Duomo a Milano, 19 febbraio 2013, in una immagine del profilo facebook di Grillo. ANSA/FACEBOOK

Beppe Grillo e Dario Fo in piazza Duomo a Milano, 19 febbraio 2013, in una immagine del profilo facebook di Grillo. ANSA/FACEBOOK

ROMA. – C’è la commozione dei 5 Stelle, il riconoscimento del Presidente della Repubblica per il “suo genio creativo e la sua incrollabile passione civile”, il sentito addio del premier ad un “grande italiano nel mondo” e il rispettoso, ma non unanime, saluto di quanti hanno condiviso la passione politica anche dall’altra parte della sua barricata.

L’addio del mondo politico a Dario Fo, largamente riconosciuto come uno tra i protagonisti del novecento per le sue eclettiche virtù di uomo di lettere, di teatro e allo stesso tempo di impegno civile, è sincero e sentito.

Nessuno dimentica quella che Nichi Vendola ha definito la “furia civile” con la quale questo genio ribelle e un po’ profetico – come quando scrisse il ‘Fanfani rapito’ diversi anni prima del rapimento Moro – si è scontrato contro l’establishment dell’intero arco costituzionale durante la prima e seconda Repubblica, mettendo il suo spirito ribelle al servizio prima delle organizzazioni extraparlamentari e poi dei 5 Stelle.

Con Dario Fo “l’Italia perde uno dei grandi protagonisti del teatro, della cultura, della vita civile del nostro Paese” afferma Matteo Renzi, il primo ad esprimere le pubbliche condoglianze anche a nome di tutto il governo.

E l’auspicio di una condivisa “memoria” nei confronti di un uomo che ha fatto la “storia del teatro, della televisione, della letteratura” è il messaggio che arriva da Sergio Mattarella che loda la testimonianza offerta da Fo “alle giovani generazioni”.

Ha fatto della “satira sul potere uno stimolo alla politica” gli riconosce Laura Boldrini ed anche la seconda carica dello Stato, Pietro Grasso, loda “la sua voce irriverente e impegnata” e ricorda quel “giullare fuori dagli schemi” a cui, assieme “alla sua inseparabile Franca, dobbiamo risate, lacrime, riflessioni”.

Il suo ricordo placa anche Matteo Salvini, spesso incurante delle circostanze quando si è trattato di attaccare avversari politici: “Per lui io e i leghisti eravamo razzisti, egoisti, ignoranti? Vabbè, acqua passata, non porto rancore, doppia preghiera” gli concede.

Non frena invece Renato Brunetta: “nessuna ipocrisia. Dario Fo non mi era mai piaciuto, l’ho considerato sempre un uomo violentemente di parte”. Non lo fa neppure il leghista Mario Borghezio che lo accusa: “fu volontario in un reparto dell’esercito della RSI particolarmente impegnato nelle azioni antipartigiane”.

A Firenze i consiglieri di Forza Italia e Fratelli d’Italia si rifiutano di rispettare il minuto di silenzio chiesto da M5s e appoggiato da Pd e Si. Ma è dal versante dei 5 Stelle che lo choc, dopo la morte di Gianroberto Casaleggio, si fa sentire con più dolore.

Da Beppe Grillo ai portavoce eletti fino ai militanti del Movimento, traspare il sentimento di un vero e proprio lutto. “Descrivere una perdita così è straziante quanto impossibile” ammette l’ex comico ora leader del M5s che loda il suo spirito “libero” e rimarca: “l’ultima cosa che abbiamo perso è il Dario premio Nobel, la prima è l’esempio di un modo grandioso di interpretare la propria umanità che ci ha sempre regalato a piene mani”.

I parlamentari, gli eletti sul territorio con il Movimento, la base degli iscritti al Movimento, dopo la dipartita di Casaleggio si sentono doppiamente orfani e piangono quello che è stato un compagno delle loro battaglie. Volevano “tanto bene al grande maestro” i parlamentari del M5s, costretti a dare l’addio ad “un punto di riferimento fondamentale, un compagno di viaggio allegro, geniale e profondo”.

(di Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

10:23Morto Guazzaloca: aperta camera ardente in Comune Bologna

(ANSA) - BOLOGNA, 28 APR - E' stata aperta la camera ardente per Giorgio Guazzaloca, l'ex sindaco di Bologna morto mercoledì a 73 anni dopo una lunga malattia. Ad accogliere il feretro, nella Sala Rossa di Palazzo D'Accursio, sede del Comune, il sindaco Virginio Merola - che per domani, giorno dei funerali in Cattedrale, ha proclamato il lutto cittadino - e, tra gli altri, il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti. Galletti, che fu assessore della giunta Guazzaloca, la prima e unica non di sinistra nella storia della città, ha composto insieme ad altri tre ex assessori (l'ex vicesindaco, Giovanni Salizzoni, Paolo Foschini e Enzo Raisi) il primo picchetto d'onore. "Non sono le vittorie che contano nella vita, ma le cause per cui ci si batte" la frase scelta sulla foto ricordo dell'ex sindaco. Tra i primi a visitare la camera ardente, il suo predecessore a Palazzo d'Accursio, Walter Vitali, e la candidata del centrosinistra da lui sconfitta nel 1999, Silvia Bartolini. (ANSA).

10:11Finta bomba davanti al bar di un sindaco nel Nuorese

(ANSA) - NUORO, 28 APR - Atto intimidatorio, nella notte, nei confronti del sindaco di Siniscola (Nuoro), Gian Luigi Farris. Un finto pacco bomba è stato posizionato davanti all'ingresso del bar di sua proprietà, il "Teo bar caffetteria" in via De Gasperi. Il primo cittadino ha trovato il finto ordigno stamattina all'apertura del locale, intorno alle cinque, e trattandosi di un pacco sospetto ha dato subito l'allarme. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Siniscola e l'artificiere antisabotaggio del Comando provinciale di Nuoro. I militari hanno accertato che si trattava di un finto ordigno confezionato con due detonatori e una sostanza non esplosiva. Un gesto che secondo gli inquirenti vuole essere una chiara intimidazione nei confronti del sindaco. I Carabinieri di Siniscola, al comando del capitano Andrea Leacche, hanno avviato le indagini per risalire all'autore del gesto. (ANSA).

10:04‘Ndrangheta: smantellata rete protezione boss Pesce, arresti

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 28 APR - La squadra mobile di Reggio Calabria e lo Sco hanno condotto un'operazione per l'esecuzione di 19 arresti nei confronti di presunti elementi di vertice, affiliati e prestanome della cosca Pesce di Rosarno. L'operazione, coordinata dalla Dda reggina, rappresenta la prosecuzione dell'inchiesta Recherche che, il 4 aprile scorso, aveva portato al fermo di 11 persone. Le accuse sono, a vario titolo, di associazione mafiosa e favoreggiamento nei confronti del boss latitante Marcello Pesce, arrestato dalla polizia il primo dicembre del 2016, oltre che di traffico di droga ed intestazione fittizia di beni. Grazie alla rete di protezione, Pesce, anche durante la latitanza, riusciva ad amministrare le risorse incamerate dalla cosca. Il boss, secondo l'accusa, assegnava le risorse ai componenti ed ai loro familiari, gestiva in regime di sostanziale monopolio l'attività di trasporto merci su gomma grazie ad una rete di aziende messe in piedi con dei prestanome e curava i rapporti con le altre cosche.

09:58Agguato nel Foggiano, ucciso un netturbino

(ANSA) - TORREMAGGIORE (FOGGIA), 28 APR - Un netturbino di 37 anni, Pasquale Maiellaro, pregiudicato, è stato ucciso stamani in un agguato compiuto con colpi di pistola a Torremaggiore, nel Foggiano. Secondo i primi accertamenti dei carabinieri del comando provinciale di Foggia, la vittima si trovava per strada quando è stata colpita da almeno 5-6 colpi di pistola, probabilmente cal.7,65 che lo hanno raggiunto in varie parti del corpo. (ANSA).

09:58Calcio: Totti a Edicola Fiore, Roma-Lazio ? finisce 2-0

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "C'è il derby? Ah, sì? Un pronostico? Finisce 2-0": un assonnato Francesco Totti, a colazione con i tre figli e la moglie Ilary Blasi, scherza con Fiorello e Stefano Meloccaro in collegamento via iPad con Edicola Fiore da casa, stamattina su SkyUno HD e Tv8. ( Una torta con la scritta "Auguri mamma" ricorda che oggi è il compleanno di Ilary, che riceve gli auguri anche da Gigi D'Alessio, ospite della trasmissione, e da Matteo Renzi, al telefono per un divertente siparietto a due giorni dal voto per le Primarie del Pd. La telefonata con l'ex premier è il pretesto per scherzare su Samantha Fox e gli altri miti adolescenziali citati in occasione del confronto su Sky con Andrea Orlando e Michele Emiliano. Il poster che avevano in camera da ragazzini Totti e Blasi? "Quello dei Take that" è la risposta di Ilary. Con l'esclamazione "Cicciolina" Totti regala l'ultima risata. Il programma tornerà a Edicola Fiore su SkyUno e Tv8 alle 20.30 con la replica e contenuti inediti. (ANSA).

09:51Trump, possibile ‘grande’ conflitto con Corea Nord

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Il presidente Usa Donald Trump, intervistato dall'agenzia Reuters in occasione dei suoi 100 giorni alla Casa Bianca, ha detto che un conflitto "grande, grande" con la Corea del Nord, a causa del programma nucleare e missilistico di Pyongyang è possibile, ma che lui preferirebbe una soluzione diplomatica. "Senz'altro, c'è la possibilità che si arrivi ad un grande, grande conflitto con la Corea del Nord", ha affermato il leader Usa. "Ci piacerebbe risolvere le cose attraverso la diplomazia, ma è molto difficile". Nell'intervista, Trump ha detto di voler far pagare alla Corea del Sud il costo del sistema antimissile Thaad (un miliardo di dollari), mentre ha annunciato di voler rinegoziare gli accordi commerciali con Seul. Trump ha quindi elogiato il presidente cinese Xi Jinping per i suoi tentativi di mediazione con Pyongyang: "Ci prova davvero, credo. Non vuole vedere caos e morte. E' una brava persona, l'ho conosciuto bene".

09:48Basket: playoff Nba, Toronto e San Antonio in semifinale

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Primi verdetti nei playoff della Nba. I Toronto Raptors e i San Antonio Spurs hanno guadagnato al'accesso alle semifinali di conference. Nelle partite di questa notte infatti dopo aver battuto rispettivamente i Milwaukee Bucks con il punteggio di 92-89 e i Memphis Grizzlies per 103-96. per effetto di queste vittorie, Toronto e San Antonio si sono entrambe portate sul 4-2 e quindi passano alle semifinali, mentre le avversarie sono eliminate. (ANSA).

Archivio Ultima ora