Ritorno Schengen più lontano, verso l’estensione dei controlli

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Ritorno Schengen più lontano, verso l'estensione dei controlli

Ritorno Schengen più lontano, verso l’estensione dei controlli

LUSSEMBURGO. – Si allontana il ritorno a Schengen. Con l’avvicinarsi della scadenza del 12 novembre, periodo limite concesso dal Consiglio europeo a Austria, Germania, Svezia, Danimarca e Norvegia per i controlli ai loro confini, quattro capitali hanno dichiarato di puntare al loro prolungamento. Oslo è l’unica cancelleria a non essere ancora uscita allo scoperto.

La motivazione su cui fanno leva è che le frontiere esterne dell’Unione non sono ancora in sicurezza. Fonti diplomatiche greche parlano di “alibi”, mentre il ministro dell’Interno Angelino Alfano sottolinea “se lo fanno per ragionamenti politici, per dare soddisfazione all’opinione pubblica nazionale lo capisco, ma il problema pratico dal loro punto di vista non ci sarebbe”.

E mentre da Roma il capo dello Stato Sergio Mattarella lamenta il fatto che l’Italia continua a sopportare il peso dei flussi del Mediterraneo “praticamente da sola”, nonostante gli impegni presi in sede europea, il capo del Viminale si scontra a distanza con il suo omologo francese Bernard Cazeneuve, che lasciando il consiglio Ue denuncia:

“Non è possibile immaginare che una parte dei migranti che arrivano in Italia non passino per gli hotspot, questo pone rischi per la sicurezza”. Ma Alfano qualche ora più tardi risponde: “Sulla sicurezza non accettiamo lezioni da nessuno. Possiamo darne, non certo prenderne”.

Il capo del Viminale batte i pugni sul tavolo anche durante la riunione con i suoi omologhi europei: “L’Italia non è disponibile a diventare l’Ellis Island d’Europa”, avverte. “Siamo qui a denunciare che i patti stabiliti non sono stati rispettati”. “Abbiamo fatto tutto quanto ci era stato chiesto”, ed ora è il momento che si mostri solidarietà e concretezza facendo rimpatri e ricollocamenti.

E’ il momento che si metta mano al portafogli e “si facciano i compact con i Paesi africani così com’è stato fatto con la Turchia per la rotta balcanica”, ammonisce. Perché gli sbarchi, evidenzia, non sono responsabilità dell’Italia ma “della comunità internazionale che ha mandato al campo santo Gheddafi e non ha completato il lavoro”. “Il Paese paga per tutti un conto salatissimo e se non ci fosse la flessibilità sui migranti saremmo a un paradosso che si poggia sull’inefficienza”.

Intanto tra gli Stati membri ai margini dell’incontro si è parlato dell’estensione dei controlli Schengen. Vari Paesi, tra questi Francia, Olanda, Lettonia hanno già fatto sapere che non ostacoleranno la richiesta sui ‘check’. Anche secondo la Slovacchia, presidenza di turno, ci sono le condizioni per prolungarli. La proposta dovrà essere comunque formulata dalla Commissione Ue, che preme per tornare “al più presto” ad una situazione di normalità.

La richiesta “sarà valutata e se giustificata daremo l’autorizzazione”, dice il commissario Ue Dimitris Avramopoulos. “In Grecia ci sono 50mila profughi che non sono stati ancora del tutto o in parte registrati e ce ne sono molti sulla rotta balcanica, quindi penso che sarà difficile che il sistema possa essere funzionante per metà novembre”, avverte il ministro dell’Interno austriaco Wolfgang Sobotka.

“Vogliamo tornare ad una Schengen” funzionante, ma questo “presume un efficace controllo delle frontiere esterne”, quindi “penso sia giusto prolungare i controlli”, ammonisce il suo omologo tedesco Thomas de Maiziere. “Le basi formali ci sono”, dichiara lo svedese Anders Ygeman, pur precisando che Stoccolma non ha ancora assunto una posizione formale.

La Commissione Ue aveva presentato a maggio una raccomandazione, adottata dal Consiglio europeo qualche giorno più tardi, sulla base dell’articolo 29 del Codice Schengen – mai usato prima – per permettere ai cinque Paesi di estendere i controlli temporanei, fino ad un massimo di sei mesi, ma solo per confini specifici.

(dell’inviata Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

19:40Inchiesta Livia Tellus: sindaco Forlì, sono indagato

(ANSA) - BOLOGNA, 17 NOV - Il sindaco di Forlì, Davide Drei, ha comunicato in conferenza stampa di avere contattato tramite il suo legale la Procura della repubblica per verificare se vi fossero atti giudiziari nei suoi confronti. La Procura ha risposto affermativamente, comunicandogli di fatto un'informazione di garanzia per le ipotesi di reato di falso ideologico e abuso d'ufficio, riguardanti la vicenda già nota degli emolumenti degli amministratori di Livia Tellus, la Holding delle partecipate dei 15 comuni del comprensorio forlivese. Identici avvisi di garanzia nei giorni scorsi erano stati notificati a Gianfranco Marzocchi, presidente di Livia Tellus, e a Vittorio Severi, direttore generale del Comune di Forlì. (ANSA).

19:39Marzabotto: calciatore del saluto romano non va al Sacrario

(ANSA) - BOLOGNA, 17 NOV - Eugenio Luppi, il calciatore della Futa 65 (seconda categoria bolognese) che domenica scorsa a Marzabotto ha esultato dopo un gol con il braccio teso e mostrando una maglia nera col simbolo della Repubblica Sociale italiana, non andrà domenica al Sacrario di Monte Sole (teatro dell'eccidio nazista), diversamente da quanto annunciato. Dirigenti, allenatori e tutti gli altri giocatori della squadra alle 11 si troveranno invece nella sede del Comune di Marzabotto, per poi recarsi in visita al sacrario.(ANSA).

19:37Maltempo: crolla parte controsoffitto scuola nel Salento

(ANSA) - UGENTO (LECCE), 17 NOV - Le pioggia copiose di questi giorni hanno provocato lesioni e crolli del controsoffitto della scuola primaria comunale "Aldo Moro" di Ugento. La denuncia è del rappresentante d'istituto Gianfranco Coppola che si è rivolto allo Sportello dei Diritti per segnalare l'accaduto evidenziando come già da giorni si notassero infiltrazioni d'acqua nello stabile. I crolli sono avvenuti nell'atrio della scuola, questa mattina, durante l'orario delle lezioni, ma nessuno é rimasto ferito. La stessa area due anni fa era stata interessata da alcuni lavori di ristrutturazione.

19:30Biotestamento: Bonino, da Papa messaggio di compassione

(ANSA) - MILANO, 17 NOV - Quello di Papa Francesco "indubbiamente è un messaggio di compassione dal suo punto di vista rispetto a dolori non superabili, ma certamente è a favore di una spinta speriamo possibile sul testamento biologico". Così Emma Bonino ha commentato, a margine degli Stati Generali dell'immigrazione a Milano, le parole del Papa sul fine vita.

19:22Campo Progressista a Pd, no coalizione senza discontinuità

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - "Per noi la discontinuità va presa seriamente. Senza discontinuità non ci può essere alcuna coalizione". Così il portavoce di Cp Alessandro Capelli all'ANSA, in vista dell'incontro domani tra Piero Fassino e Giuliano Pisapia. "Per noi sono fondamentali segnali già da ora: ius soli, fine vita, abolizione super ticket e segnali in manovra". Poi "perimetro della coalizione sia chiaro, senza vecchi o nuovi centro-destra" e "il candidato premier o il garante della coalizione deve essere scelto in modo condiviso".

19:22Protesta migranti: trovata soluzione, 150 già ricollocati

(ANSA) - VENEZIA, 17 NOV - La Prefettura di Venezia ha trovato la soluzione per redistribuire in altre strutture diverse dal Cpt di Cona i 240 migranti che da giorni stanno dando vita ad una marcia di protesta. Lo ha confermato all'ANSA il Prefetto Carlo Boffi. Del gruppo che la notte scorsa ha dormito nelle sale parrocchiali di Mira (Venezia), 151 sono già partiti con pullman, scortati dalle forze dell'ordine, per altre destinazioni, sparse sul territorio regionale. Per gli altri 90 la Prefettura sta continuando a lavorare, sempre nell'ottica di un'accoglienza diffusa. Il gruppo più numeroso sarà accolto in provincia di Venezia; una decina di richiedenti asilo saranno ospitati in strutture delle Diocesi.

19:08M5s: vertice Grillo-Casaleggio con big Movimento

(ANSA) - MILANO, 17 NOV - Beppe Grillo è arrivato alla sede della Casaleggio Associati dove il M5s è riunito con il suo stato maggiore per organizzare la campagna elettorale per le politiche. Alla riunione, oltre a Davide Casaleggio, partecipano Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista, Riccardo Fraccaro e Alfonso Bonafede nonché lo staff della comunicazione pentastellata.

Archivio Ultima ora