Ritorno Schengen più lontano, verso l’estensione dei controlli

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Ritorno Schengen più lontano, verso l'estensione dei controlli

Ritorno Schengen più lontano, verso l’estensione dei controlli

LUSSEMBURGO. – Si allontana il ritorno a Schengen. Con l’avvicinarsi della scadenza del 12 novembre, periodo limite concesso dal Consiglio europeo a Austria, Germania, Svezia, Danimarca e Norvegia per i controlli ai loro confini, quattro capitali hanno dichiarato di puntare al loro prolungamento. Oslo è l’unica cancelleria a non essere ancora uscita allo scoperto.

La motivazione su cui fanno leva è che le frontiere esterne dell’Unione non sono ancora in sicurezza. Fonti diplomatiche greche parlano di “alibi”, mentre il ministro dell’Interno Angelino Alfano sottolinea “se lo fanno per ragionamenti politici, per dare soddisfazione all’opinione pubblica nazionale lo capisco, ma il problema pratico dal loro punto di vista non ci sarebbe”.

E mentre da Roma il capo dello Stato Sergio Mattarella lamenta il fatto che l’Italia continua a sopportare il peso dei flussi del Mediterraneo “praticamente da sola”, nonostante gli impegni presi in sede europea, il capo del Viminale si scontra a distanza con il suo omologo francese Bernard Cazeneuve, che lasciando il consiglio Ue denuncia:

“Non è possibile immaginare che una parte dei migranti che arrivano in Italia non passino per gli hotspot, questo pone rischi per la sicurezza”. Ma Alfano qualche ora più tardi risponde: “Sulla sicurezza non accettiamo lezioni da nessuno. Possiamo darne, non certo prenderne”.

Il capo del Viminale batte i pugni sul tavolo anche durante la riunione con i suoi omologhi europei: “L’Italia non è disponibile a diventare l’Ellis Island d’Europa”, avverte. “Siamo qui a denunciare che i patti stabiliti non sono stati rispettati”. “Abbiamo fatto tutto quanto ci era stato chiesto”, ed ora è il momento che si mostri solidarietà e concretezza facendo rimpatri e ricollocamenti.

E’ il momento che si metta mano al portafogli e “si facciano i compact con i Paesi africani così com’è stato fatto con la Turchia per la rotta balcanica”, ammonisce. Perché gli sbarchi, evidenzia, non sono responsabilità dell’Italia ma “della comunità internazionale che ha mandato al campo santo Gheddafi e non ha completato il lavoro”. “Il Paese paga per tutti un conto salatissimo e se non ci fosse la flessibilità sui migranti saremmo a un paradosso che si poggia sull’inefficienza”.

Intanto tra gli Stati membri ai margini dell’incontro si è parlato dell’estensione dei controlli Schengen. Vari Paesi, tra questi Francia, Olanda, Lettonia hanno già fatto sapere che non ostacoleranno la richiesta sui ‘check’. Anche secondo la Slovacchia, presidenza di turno, ci sono le condizioni per prolungarli. La proposta dovrà essere comunque formulata dalla Commissione Ue, che preme per tornare “al più presto” ad una situazione di normalità.

La richiesta “sarà valutata e se giustificata daremo l’autorizzazione”, dice il commissario Ue Dimitris Avramopoulos. “In Grecia ci sono 50mila profughi che non sono stati ancora del tutto o in parte registrati e ce ne sono molti sulla rotta balcanica, quindi penso che sarà difficile che il sistema possa essere funzionante per metà novembre”, avverte il ministro dell’Interno austriaco Wolfgang Sobotka.

“Vogliamo tornare ad una Schengen” funzionante, ma questo “presume un efficace controllo delle frontiere esterne”, quindi “penso sia giusto prolungare i controlli”, ammonisce il suo omologo tedesco Thomas de Maiziere. “Le basi formali ci sono”, dichiara lo svedese Anders Ygeman, pur precisando che Stoccolma non ha ancora assunto una posizione formale.

La Commissione Ue aveva presentato a maggio una raccomandazione, adottata dal Consiglio europeo qualche giorno più tardi, sulla base dell’articolo 29 del Codice Schengen – mai usato prima – per permettere ai cinque Paesi di estendere i controlli temporanei, fino ad un massimo di sei mesi, ma solo per confini specifici.

(dell’inviata Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

11:22William e Harry, troppo breve ultima telefonata con Diana

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Una telefonata breve, come quella che può esserci tra due adolescenti e una madre in vacanza. Loro volevano giocare con i cugini, non perdere tempo in chiacchiere, lei era in Francia. Ma sarà proprio la brevità della telefonata, quel 31 agosto del 1997, a 'perseguitare' i principi William ed Harry: la loro mamma, la principessa Diana, morì quella stessa notte in un incidente nel tunnel dell'Alma a Parigi. William aveva 15 anni, Harry soltanto 12. Sono proprio i due fratelli a raccontare quel giorno in un documentario di ITV: 'Diana, nostra mamma: la sua vita e la sua eredità', che sarà trasmesso domani, a vent'anni dalla scomparsa della principessa. "Harry ed io avevamo una fretta dannata di salutarla... Se avessi saputo cosa sarebbe successo non sarei stato così indifferente", racconta William. Che aggiunge: "Ma quella telefonata mi si è conficcata in testa, anche in maniera pesante". Harry afferma che quella breve chiacchierata è qualcosa che rimpiangerà per il resto della sua vita.

11:22Calcio: Allegri, “ottimo test, normale essere indietro”

(ANSA) - TORINO, 23 LUG - "È stato un bello show, una partita con giocate tecniche di alto livello. Per noi si è trattato di un ottimo test: non avevamo praticamente fatto neanche un allenamento insieme, quindi è normale che la squadra sia indietro come preparazione, anche se, ci sono state delle buone giocate a livello individuale". Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, commenta così, sul sito internet del club, la sconfitta nell'amichevole americana contro il Barcellona. "Ora l'obiettivo - aggiunge il tecnico - è lavorare sia sulla fase offensiva che difensiva, evitare gli infortuni e tornare in Italia in buona condizione per prepararci bene per la Supercoppa e il campionato".

11:21Nuoto: Mondiali, Detti finalista nei 400 col 7/o tempo

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Gabriele Detti si è qualificato per la finale dei 400 stile ai Mondiali di nuoto in corso a Budapest: alla Duna Arena della capitale magiara che apre la settimana dedicata ai campioni della piscina, l'azzurro ha ottenuto il settimo tempo delle batterie di 3'45"72. "Sarà molto dura, saremo tutti motivati e vogliosi. Nuoterò in corsia laterale, magari non mi vede nessuno. Anche alle Olimpiadi di Rio avevo Mack Horton a fianco e mi ha portato fortuna". Horton ha il quarto tempo di 3'45"60. La prima degli azzurri a gareggiare è stata oggi Ilaria Bianchi che si è qualificata alle semifinali dei 100 farfalla con il 9/0 tempo delle batterie di 57"98. "E' sempre difficile nuotare così presto al mattino, ho avuto comunque delle buone sensazioni. C'è tanto da limare ma va bene così".

11:07Calcio: Fassone, Kalinic? No nomi ma Milan farà qualcosa

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - Il Milan prosegue la sua caccia a un nuovo attaccante ma Marco Fassone non rivela se sarà Nikola Kalinic, della Fiorentina. "Non faccio più nomi, perché non voglio che qualcuno si risenta. Guai a parlare dei giocatori che sono di altri club - ha frenato l'ad rossonero, tornato in Italia con la squadra dalla tournée in Cina -. Certamente faremo qualcosa, ma con la dovuta calma. Mancano ancora quaranta giorni. La squadra è già molto competitiva così e non abbiamo nessuna fretta di concludere".Intanto Fassone è concentrato sul preliminare di Europa League. "Sono stati dieci giorni importanti e due gare importanti per il mister. Siamo stati tutti assieme e adesso parte la stagione, quella vera, con la partita di giovedì prossimo. Giovedì vedremo se la squadra è pronta".

11:06Calcio: Milan rientrato da Cina, ora testa a Europa League

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - Il Milan è rientrato in Italia dalla tournée cinese. Il volo proveniente da Hong Kong con a bordo la squadra di Vincenzo Montella è atterrato poco dopo le 8 all'aeroporto di Malpensa. Giusto il tempo di smaltire il fuso orario nella giornata di riposo prevista oggi, poi domani i rossoneri ricominceranno ad allenarsi per preparare un'altra trasferta. Mercoledì voleranno in Romania per il primo impegno ufficiale della stagione, l'andata del preliminare di Europa League di giovedì contro il Craiova.

11:04Calcio: amichevoli, Juventus ko 1-2 col Barcellona

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - La Juventus perde 1-2 col Barcellona, nella prima amichevole dei bianconeri in programma negli Stati Uniti. Doppietta di Neymar nel primo tempo (15' e 26'), poi nella ripresa la rete di Chiellini (63').

10:48Fukushima: ‘Little sunfish’ segnala combustibile radioattivo

(ANSA) - TOKYO, 23 LUG - Per la prima volta dal disastro nucleare di Fukushima, nel marzo del 2011, un robot è riuscito a individuare quello che con ogni probabilità è il combustibile radioattivo depositatosi nel fondo del reattore numero 3, il più danneggiato nell'incidente. Lo ha reso noto la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto di Fukushima Daiichi, spiegando che i tentativi vanno avanti da mercoledì scorso e l'obiettivo è di raggiungere le fondamenta, a una profondità di 6,4 metri. "Crediamo che il combustibile nel contenitore a pressione si sia fuso e abbia causato il cedimento delle strutture sistemate nella parte superiore della struttura", ha detto il portavoce della Tepco, Takahiro Kimoto. L'operazione 'Little Sunfish', il robot a forma di cilindro del diametro di 13 centimetri, è il terzo tentativo di questo tipo. I precedenti erano falliti.

Archivio Ultima ora