Ritorno Schengen più lontano, verso l’estensione dei controlli

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Ritorno Schengen più lontano, verso l'estensione dei controlli

Ritorno Schengen più lontano, verso l’estensione dei controlli

LUSSEMBURGO. – Si allontana il ritorno a Schengen. Con l’avvicinarsi della scadenza del 12 novembre, periodo limite concesso dal Consiglio europeo a Austria, Germania, Svezia, Danimarca e Norvegia per i controlli ai loro confini, quattro capitali hanno dichiarato di puntare al loro prolungamento. Oslo è l’unica cancelleria a non essere ancora uscita allo scoperto.

La motivazione su cui fanno leva è che le frontiere esterne dell’Unione non sono ancora in sicurezza. Fonti diplomatiche greche parlano di “alibi”, mentre il ministro dell’Interno Angelino Alfano sottolinea “se lo fanno per ragionamenti politici, per dare soddisfazione all’opinione pubblica nazionale lo capisco, ma il problema pratico dal loro punto di vista non ci sarebbe”.

E mentre da Roma il capo dello Stato Sergio Mattarella lamenta il fatto che l’Italia continua a sopportare il peso dei flussi del Mediterraneo “praticamente da sola”, nonostante gli impegni presi in sede europea, il capo del Viminale si scontra a distanza con il suo omologo francese Bernard Cazeneuve, che lasciando il consiglio Ue denuncia:

“Non è possibile immaginare che una parte dei migranti che arrivano in Italia non passino per gli hotspot, questo pone rischi per la sicurezza”. Ma Alfano qualche ora più tardi risponde: “Sulla sicurezza non accettiamo lezioni da nessuno. Possiamo darne, non certo prenderne”.

Il capo del Viminale batte i pugni sul tavolo anche durante la riunione con i suoi omologhi europei: “L’Italia non è disponibile a diventare l’Ellis Island d’Europa”, avverte. “Siamo qui a denunciare che i patti stabiliti non sono stati rispettati”. “Abbiamo fatto tutto quanto ci era stato chiesto”, ed ora è il momento che si mostri solidarietà e concretezza facendo rimpatri e ricollocamenti.

E’ il momento che si metta mano al portafogli e “si facciano i compact con i Paesi africani così com’è stato fatto con la Turchia per la rotta balcanica”, ammonisce. Perché gli sbarchi, evidenzia, non sono responsabilità dell’Italia ma “della comunità internazionale che ha mandato al campo santo Gheddafi e non ha completato il lavoro”. “Il Paese paga per tutti un conto salatissimo e se non ci fosse la flessibilità sui migranti saremmo a un paradosso che si poggia sull’inefficienza”.

Intanto tra gli Stati membri ai margini dell’incontro si è parlato dell’estensione dei controlli Schengen. Vari Paesi, tra questi Francia, Olanda, Lettonia hanno già fatto sapere che non ostacoleranno la richiesta sui ‘check’. Anche secondo la Slovacchia, presidenza di turno, ci sono le condizioni per prolungarli. La proposta dovrà essere comunque formulata dalla Commissione Ue, che preme per tornare “al più presto” ad una situazione di normalità.

La richiesta “sarà valutata e se giustificata daremo l’autorizzazione”, dice il commissario Ue Dimitris Avramopoulos. “In Grecia ci sono 50mila profughi che non sono stati ancora del tutto o in parte registrati e ce ne sono molti sulla rotta balcanica, quindi penso che sarà difficile che il sistema possa essere funzionante per metà novembre”, avverte il ministro dell’Interno austriaco Wolfgang Sobotka.

“Vogliamo tornare ad una Schengen” funzionante, ma questo “presume un efficace controllo delle frontiere esterne”, quindi “penso sia giusto prolungare i controlli”, ammonisce il suo omologo tedesco Thomas de Maiziere. “Le basi formali ci sono”, dichiara lo svedese Anders Ygeman, pur precisando che Stoccolma non ha ancora assunto una posizione formale.

La Commissione Ue aveva presentato a maggio una raccomandazione, adottata dal Consiglio europeo qualche giorno più tardi, sulla base dell’articolo 29 del Codice Schengen – mai usato prima – per permettere ai cinque Paesi di estendere i controlli temporanei, fino ad un massimo di sei mesi, ma solo per confini specifici.

(dell’inviata Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

06:52Venezuela, elicottero attacca sede ministero a Caracas

(ANSA) - CARACAS, 28 GIU - Un elicottero della polizia ha attaccato le sedi del Ministero dell'Interno della Corte suprema a Caracas, sparando e lanciando due granate. L'agente responsabile del gesto ha anche pubblicato sui social un video-manifesto in cui chiama all'unione tra militari e popolo contro Maduro. Secondo il presidente, il poliziotto sarebbe collegato all'ex governo Chavez. La capitale venezuelana è stata blindata con un massiccio dispiegamento di forze di sicurezza. Il governo parla di "attacco terrorista".

00:17Europei U21: Calabria, in partita fino all’espulsione

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Tutti noi abbiamo disputato una grande partita, ma la Spagna è forte. Abbiamo gicoato alla pari fino all'espulsione di Gagliardini, in 10 contro 11 si è fatta sentire la fatica e loro hanno avuto il sopravvento. Tuttavia, usciamo a testa alta da questo torneo". Così Davide Calabria, in campo per la squalifica di Conti, parlando ai microfoni della Rai, commenta il ko contro gli spagnoli, nella semifinale dell'Europeo Under 21, a Cracovia. "Potevamo andare in finale, l'avremmo meritato - conclude - nella nostra squadra ci sono buoni giocatori. Il mercato? Nessuno di noi ci ha pensato". (ANSA).

23:54Cosentino: giudici in motivazioni Eco4, patto con il clan

(ANSA) - CASERTA, 27 GIU - "Convergenti elementi di prova indicano attendibilmente che Nicola Cosentino, sin dall'inizio della sua carriera politica, ha goduto del sostegno elettorale del clan dei Casalesi, segnatamente del gruppo Bidognetti sin dalle elezioni comunali del 1978 e anche del gruppo Schiavone a partire dalle elezioni regionali del 1995". Così i giudici del collegio del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ricostruiscono la "carriera politica" dell'ex sottosegretario all'Economia del Governo Berlusconi, in uno dei passaggi chiave delle motivazioni (di 597 pagine) della sentenza di condanna a 9 anni di carcere emessa il 17 novembre scorso, e depositate qualche giorno fa. Si tratta del processo cosiddetto Eco4, in cui la Dda di Napoli ha contestato all'ex politico di Casal di Principe il ruolo di "referente politico nazionale del clan dei Casalesi"; un "teorema confermato" dalla condanna per concorso esterno in associazione camorristica. L'ex uomo forte del Pdl in Campania è agli arresti domiciliari a Caserta.

23:44Morto Luigi Pedrazzi, fu tra i fondatori del Mulino

(ANSA) - BOLOGNA, 27 GIU - E' morto Luigi Pedrazzi, politologo, tra i fondatori della rivista Il Mulino. Aveva 89 anni. Tra le voci più influenti del pensiero politico cattolico di centrosinistra, è stato anche protagonista della stagione dell'Ulivo. Ex vicesindaco a Bologna durante l'amministrazione di Walter Vitali, nel 2014 ricevette l'Archiginnasio d'oro conferito dal Comune come "personalità che si è distinta nel campo della cultura e della scienza". (ANSA).

23:35Europei U21: Di Biagio,dopo 4 anni di azzurro zero rimpianti

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Abbiamo disputato un buonissimo primo tempo, certo che ha influito il cartellino rosso a Gagliardini, a quel punto è diventato tutto più complicato. Loro palleggiano bene in 11 contro 11, figuriamoci con l'uomo in più. E' stato tutto più semplice per loro, hanno avuto a quel punto il predominio del campo". Così Gigi Di Biagio ha commentato la sconfitta dell'Italia contro la Spagna, nella semifinale degli Europei Under 21, in Polonia. "I ragazzi sono stati fantastici - ha aggiunto - in me c'era la consapevolezza di poter arrivare in fondo. Il mio contratto? E' l'ultimo dei problemi. Vedremo. Non ho rimpianti, l'obiettivo era di rilanciare il calcio italiano, ci siamo riusciti, anche se è mancata la ciliegina sulla torta".

23:30Europei U21: Italia-Spagna 1-3, azzurrini eliminati

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Spagna batte l'Italia 3-1 e si qualifica per la finale dell'Europeo Under 21, in Polonia. Ha deciso una tripletta di Saul Niguez, dopo che Bernardeschi aveva firmato il momentaneo 1-1. Ma ha deciso soprattutto l'espulsione di Gagliardini, per somma di ammonizioni. Gli spagnoli venerdì se la vedranno contro la Germania, per il titolo continentale di categoria.

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

Archivio Ultima ora