Ritorno Schengen più lontano, verso l’estensione dei controlli

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Ritorno Schengen più lontano, verso l'estensione dei controlli

Ritorno Schengen più lontano, verso l’estensione dei controlli

LUSSEMBURGO. – Si allontana il ritorno a Schengen. Con l’avvicinarsi della scadenza del 12 novembre, periodo limite concesso dal Consiglio europeo a Austria, Germania, Svezia, Danimarca e Norvegia per i controlli ai loro confini, quattro capitali hanno dichiarato di puntare al loro prolungamento. Oslo è l’unica cancelleria a non essere ancora uscita allo scoperto.

La motivazione su cui fanno leva è che le frontiere esterne dell’Unione non sono ancora in sicurezza. Fonti diplomatiche greche parlano di “alibi”, mentre il ministro dell’Interno Angelino Alfano sottolinea “se lo fanno per ragionamenti politici, per dare soddisfazione all’opinione pubblica nazionale lo capisco, ma il problema pratico dal loro punto di vista non ci sarebbe”.

E mentre da Roma il capo dello Stato Sergio Mattarella lamenta il fatto che l’Italia continua a sopportare il peso dei flussi del Mediterraneo “praticamente da sola”, nonostante gli impegni presi in sede europea, il capo del Viminale si scontra a distanza con il suo omologo francese Bernard Cazeneuve, che lasciando il consiglio Ue denuncia:

“Non è possibile immaginare che una parte dei migranti che arrivano in Italia non passino per gli hotspot, questo pone rischi per la sicurezza”. Ma Alfano qualche ora più tardi risponde: “Sulla sicurezza non accettiamo lezioni da nessuno. Possiamo darne, non certo prenderne”.

Il capo del Viminale batte i pugni sul tavolo anche durante la riunione con i suoi omologhi europei: “L’Italia non è disponibile a diventare l’Ellis Island d’Europa”, avverte. “Siamo qui a denunciare che i patti stabiliti non sono stati rispettati”. “Abbiamo fatto tutto quanto ci era stato chiesto”, ed ora è il momento che si mostri solidarietà e concretezza facendo rimpatri e ricollocamenti.

E’ il momento che si metta mano al portafogli e “si facciano i compact con i Paesi africani così com’è stato fatto con la Turchia per la rotta balcanica”, ammonisce. Perché gli sbarchi, evidenzia, non sono responsabilità dell’Italia ma “della comunità internazionale che ha mandato al campo santo Gheddafi e non ha completato il lavoro”. “Il Paese paga per tutti un conto salatissimo e se non ci fosse la flessibilità sui migranti saremmo a un paradosso che si poggia sull’inefficienza”.

Intanto tra gli Stati membri ai margini dell’incontro si è parlato dell’estensione dei controlli Schengen. Vari Paesi, tra questi Francia, Olanda, Lettonia hanno già fatto sapere che non ostacoleranno la richiesta sui ‘check’. Anche secondo la Slovacchia, presidenza di turno, ci sono le condizioni per prolungarli. La proposta dovrà essere comunque formulata dalla Commissione Ue, che preme per tornare “al più presto” ad una situazione di normalità.

La richiesta “sarà valutata e se giustificata daremo l’autorizzazione”, dice il commissario Ue Dimitris Avramopoulos. “In Grecia ci sono 50mila profughi che non sono stati ancora del tutto o in parte registrati e ce ne sono molti sulla rotta balcanica, quindi penso che sarà difficile che il sistema possa essere funzionante per metà novembre”, avverte il ministro dell’Interno austriaco Wolfgang Sobotka.

“Vogliamo tornare ad una Schengen” funzionante, ma questo “presume un efficace controllo delle frontiere esterne”, quindi “penso sia giusto prolungare i controlli”, ammonisce il suo omologo tedesco Thomas de Maiziere. “Le basi formali ci sono”, dichiara lo svedese Anders Ygeman, pur precisando che Stoccolma non ha ancora assunto una posizione formale.

La Commissione Ue aveva presentato a maggio una raccomandazione, adottata dal Consiglio europeo qualche giorno più tardi, sulla base dell’articolo 29 del Codice Schengen – mai usato prima – per permettere ai cinque Paesi di estendere i controlli temporanei, fino ad un massimo di sei mesi, ma solo per confini specifici.

(dell’inviata Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

23:28Francia: il Monaco non si ferma più, 1-0 al Metz

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Un gol di Radamel Falcao ha regalato vittoria e primato momentaneo al Monaco, al termine dell'anticipo della 3/a giornata della Ligue 1. I monegaschi, privi di Mbappè, proprio grazie al punto del centravanti colombiano a 12' dalla fine (su assist di Ghezzal), sono riusciti a vincere per 1-0 sul campo del Metz, salendo così a quota 9 punti in classifica, con tre partite e altrettante vittorie. Il Metz, invece, è sempre fermo all'ultimo posto, a 0 punti, come il Nizza di Balotelli che, però, ha una partita in meno. Il PSG sarà in campo domenica sera, alle 21, in casa contro il Tolosa. Domani Lione, Marsiglia e Saint-Etienne possono raggiungere la squadra di Principato.

23:14Calcio: Germania, Bayern che inizio e tris al Laverkusen

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il Bayern Monaco è partito con il piede sull'acceleratore, nella Bundesliga 2017/18. La squadra allenata da Carlo Ancelotti ha battuto per 3-1 il Bayer Leverkusen, chiudendo i conti in soli 52'. In vantaggio con il neoacquisto Suele (ex Hoffenheim), dopo soli 9' e grazie a un preciso colpo di testa su punizione di Rudy, i bavaresi hanno raddoppiato con un altro neoacquisto, Tolisso (ex Lione), al 19', su assist di Vidal. Ci ha pensato il solito Robert Lewandowski a calare il tris al 7' della ripresa, mentre a Mehmedi è rimasta solo la soddisfazione del gol della bandiera al 20' st. Pioggia e tanta umidità nell'Allianz arena per questo esordio del Bayern che ha aperto alla grande la nuova stagione. Prima del match un minuto di raccoglimento è stato osservato per commemorare le vittime del terrorismo a Barcellona.

22:44Calcio: Spagna, il Leganes parte bene e piega 1-0 l’Alaves

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il Leganes ha battuto l'Alaves 1-0, nella partita che ha inaugurato la Liga 2017/18. La squadra allenata da Asier Garitano, nello stadio Municipal de Butarque, si è assicurata i primi tre punti della stagione grazie al gol di Appelt, realizzato dopo 24' di gioco. I padroni di casa poco prima, al 17', avevano comunque rischiato di andare sotto su calcio di rigore, ma Garcia ha sbagliato la trasformazione. I giocatori delle due squadre sono entrati in campo con in mano uno striscione sul quale era scritto #ContigoBarcelona #StopTerrorismo, per commemorare le vittime dell'attacco terroristico di Barcellona. Grande atmosfera nello stadio Municipal de Butarque, dove è andato in scena il primo minuto di raccoglimento con il pubblico in rigoroso silenzio.

22:41Incendio in appartamento nel centro di Cosenza, 3 vittime

(ANSA) - COSENZA, 18 AGO - Tre persone sono morte nell'incendio di un appartamento in uno stabile di corso Telesio, nel centro storico di Cosenza. Lo hanno accertato i vigili del fuoco dopo che sono riusciti ad ispezionare i locali una volta spente le fiamme. Le vittime sono due uomini ed una donna che non sono stati ancora identificati ufficialmente. Si dovrebbe comunque trattare delle tre persone che vivevano nell'appartamento - pare abusivamente - due fratelli e la fidanzata di uno di loro. L'incendio è divampato nel pomeriggio e subito si è diffuso il timore che potessero esserci delle vittime, dal momento che i tre - che i vicini dicevano abitare l'appartamento - non erano stati rintracciati all'esterno dell'edificio. Solo il sopralluogo dei vigili del fuoco, avvenuto in serata con molte cautele a causa del rischio di crolli nel vecchio edificio, ha portato alla certezza che i tre erano morti. (ANSA).

22:14Inter: adesso è ufficiale, Murillo al Valencia

(ANSA) - MILANO, 18 AGO - L'Inter ha ceduto Jeison Murillo al Valencia. L'accordo, annuncia il club nerazzurro in una nota, è stato raggiunto grazie a un prestito biennale con obbligo di riscatto. Il difensore non si era allenato con il resto della squadra ad Appiano Gentile e ha raggiunto la Spagna nel primo pomeriggio. "Al giocatore - scrive l'Inter - i migliori auguri da parte di tutto il club per la sua nuova avventura professionale".

22:03Stadio: Lazio-Coni, accordo di due anni per l’Olimpico

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - La Lazio ha raggiunto l'accordo con il Coni per la disponibilità dello stadio Olimpico nelle prossime due stagioni agonistiche. L'11 agosto scorso era stata invece la Roma a siglare un'intesa con il Comitato olimpico nazionale italiano, ma per tre stagioni, una in più del club biancoceleste presieduto da Claudio Lotito.

21:45Maltempo: India, morti 140 animali del parco Kaziranga

(ANSA) - NEW DELHI, 18 AGO - Le inondazioni che hanno flagellato nelle scorse settimane lo Stato settentrionale indiano di Assam, e che hanno causato almeno 133 morti in tre fasi di piogge battenti e straripamenti di fiumi, hanno anche inondato l'80% della Parco nazionale Kaziranga, con un bilancio di oltre 140 animali morti. Lo riferisce oggi l'agenzia di stampa Pti. Dal 10 agosto, riporta l'agenzia, sono state rinvenute le carcasse di numerosi animali, tra cui sette rinoceronti con un solo corno, 122 cervi di palude e due elefanti. Un funzionario del Parco ha precisato che la Riserva, Patrimonio mondiale dell'Unesco è conosciuta nel mondo per i rinoceronti con un solo corno, è stata inondata il 10 agosto scorso dalle acque del piccolo fiume Difloo, affluente del Brahmaputra.

Archivio Ultima ora