Ritorno Schengen più lontano, verso l’estensione dei controlli

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Ritorno Schengen più lontano, verso l'estensione dei controlli

Ritorno Schengen più lontano, verso l’estensione dei controlli

LUSSEMBURGO. – Si allontana il ritorno a Schengen. Con l’avvicinarsi della scadenza del 12 novembre, periodo limite concesso dal Consiglio europeo a Austria, Germania, Svezia, Danimarca e Norvegia per i controlli ai loro confini, quattro capitali hanno dichiarato di puntare al loro prolungamento. Oslo è l’unica cancelleria a non essere ancora uscita allo scoperto.

La motivazione su cui fanno leva è che le frontiere esterne dell’Unione non sono ancora in sicurezza. Fonti diplomatiche greche parlano di “alibi”, mentre il ministro dell’Interno Angelino Alfano sottolinea “se lo fanno per ragionamenti politici, per dare soddisfazione all’opinione pubblica nazionale lo capisco, ma il problema pratico dal loro punto di vista non ci sarebbe”.

E mentre da Roma il capo dello Stato Sergio Mattarella lamenta il fatto che l’Italia continua a sopportare il peso dei flussi del Mediterraneo “praticamente da sola”, nonostante gli impegni presi in sede europea, il capo del Viminale si scontra a distanza con il suo omologo francese Bernard Cazeneuve, che lasciando il consiglio Ue denuncia:

“Non è possibile immaginare che una parte dei migranti che arrivano in Italia non passino per gli hotspot, questo pone rischi per la sicurezza”. Ma Alfano qualche ora più tardi risponde: “Sulla sicurezza non accettiamo lezioni da nessuno. Possiamo darne, non certo prenderne”.

Il capo del Viminale batte i pugni sul tavolo anche durante la riunione con i suoi omologhi europei: “L’Italia non è disponibile a diventare l’Ellis Island d’Europa”, avverte. “Siamo qui a denunciare che i patti stabiliti non sono stati rispettati”. “Abbiamo fatto tutto quanto ci era stato chiesto”, ed ora è il momento che si mostri solidarietà e concretezza facendo rimpatri e ricollocamenti.

E’ il momento che si metta mano al portafogli e “si facciano i compact con i Paesi africani così com’è stato fatto con la Turchia per la rotta balcanica”, ammonisce. Perché gli sbarchi, evidenzia, non sono responsabilità dell’Italia ma “della comunità internazionale che ha mandato al campo santo Gheddafi e non ha completato il lavoro”. “Il Paese paga per tutti un conto salatissimo e se non ci fosse la flessibilità sui migranti saremmo a un paradosso che si poggia sull’inefficienza”.

Intanto tra gli Stati membri ai margini dell’incontro si è parlato dell’estensione dei controlli Schengen. Vari Paesi, tra questi Francia, Olanda, Lettonia hanno già fatto sapere che non ostacoleranno la richiesta sui ‘check’. Anche secondo la Slovacchia, presidenza di turno, ci sono le condizioni per prolungarli. La proposta dovrà essere comunque formulata dalla Commissione Ue, che preme per tornare “al più presto” ad una situazione di normalità.

La richiesta “sarà valutata e se giustificata daremo l’autorizzazione”, dice il commissario Ue Dimitris Avramopoulos. “In Grecia ci sono 50mila profughi che non sono stati ancora del tutto o in parte registrati e ce ne sono molti sulla rotta balcanica, quindi penso che sarà difficile che il sistema possa essere funzionante per metà novembre”, avverte il ministro dell’Interno austriaco Wolfgang Sobotka.

“Vogliamo tornare ad una Schengen” funzionante, ma questo “presume un efficace controllo delle frontiere esterne”, quindi “penso sia giusto prolungare i controlli”, ammonisce il suo omologo tedesco Thomas de Maiziere. “Le basi formali ci sono”, dichiara lo svedese Anders Ygeman, pur precisando che Stoccolma non ha ancora assunto una posizione formale.

La Commissione Ue aveva presentato a maggio una raccomandazione, adottata dal Consiglio europeo qualche giorno più tardi, sulla base dell’articolo 29 del Codice Schengen – mai usato prima – per permettere ai cinque Paesi di estendere i controlli temporanei, fino ad un massimo di sei mesi, ma solo per confini specifici.

(dell’inviata Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

19:08Calcio: Lazio, Lotito, “Grazie a tifosi, 12/o uomo in campo”

(ANSA) - ROMA, 30 APR - "Intendo esprimere un ringraziamento alla squadra, all'allenatore, allo staff tecnico e ai tifosi che sono venuti allo stadio e che in modo sobrio e composto hanno sostenuto la squadra costituendo il dodicesimo uomo in campo, contribuendo cosi con il loro entusiasmo a spingere la squadra a ottenere il risultato straordinario raggiunto". Così il presidente della Lazio, Claudio Lotito, complimentandosi con la Curva Nord dopo la vittoria, 3-1, ottenuta dai biancocelesti nel derby giocato oggi contro la Roma.

19:04Pd:Primarie,a Nardò decisa sospensione voto per irregolarità

(ANSA) - NARDO' (LECCE), 30 APR - Per volontà della commissione nazionale per il Congresso del Pd sono state sospese ufficialmente le operazioni di voto preso il seggio di Nardò dove erano state rilevate irregolarità per la presenza massiccia di esponenti di partiti di destra. Lo si apprende da fonti di polizia. Le urne vengono in questi minuti sigillate e saranno portate nella la direzione provinciale del Pd di Lecce, mentre sono in atto le operazioni di verbalizzazioni di quanto accaduto. Il seggio è stato chiuso dalle forze dell'ordine, dopo una denuncia degli esponenti del Pd locale delle mozioni Renzi e Orlando secondo le quali "il sindaco della città" in provincia di Lecce avrebbe "portato a votare 1500 elettori, prevalentemente di destra". Nardò era già stata al centro di polemiche nella campagna elettorale per il congresso Dem perché il sindaco Pippi Mellone, di destra, aveva espresso il suo sostegno a Michele Emiliano.

18:54Incidenti stradali: muore pedone investita dopo scontro auto

(ANSA) - PRATO, 30 APR - E' di un morto e sei feriti, tutte donne, il bilancio di un incidente stradale avvenuto nel pomeriggio in via Picasso, nel quartiere di Mezzana a Prato, poco distante dal comando dei carabinieri. La donna deceduta aveva 32 anni e abitava a poche decine di metri dal luogo dove due auto si sono scontrate. Nella carambola una delle vetture è finita sul marciapiede investendo in pieno la 32enne che camminava insieme alla madre, 75 anni. Inutili per lei i soccorsi: il personale del 118 ha tentato a lungo di rianimarla mentre altre ambulanze trasportavano la madre, in codice rosso, e le altre 5 donne ferite (erano a bordo delle due auto) all'ospedale Santo Stefano. La 32enne è deceduta prima di arrivare al pronto soccorso. Ferite in maniera seria, ma non sarebbero in pericolo di vita, altre due donne (31 e 40 anni) mentre due ventinovenni e una settantenne sono arrivate all'ospedale in codice verde. (ANSA).

18:34Trump, ho fatto lavori più duri ma vi dirò tra 8 anni

(ANSA) - WASHINGTON, 30 APR - Fare il presidente "è un lavoro duro ma ho fatto un sacco di lavori duri, ho fatto cose che erano più dure, anche se ve lo saprò dire meglio alla fine degli 8 anni. Forse 8 anni. Spero 8 anni": così Donald Trump in un'intervista alla Cbs in occasione dei suoi primi 100 giorni alla Casa Bianca. In ogni caso, ha precisato, essere il presidente è "qualcosa che amo veramente, e penso di aver fatto un buonissimo lavoro finora". In una intervista a Reuters aveva detto che pensava fosse "più facile" fare il presidente.

18:33Tennis: altra ‘Decima’ per Nadal, che trionfa a Barcellona

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Un'altra 'Decima' per Rafa Nadal che dopo essersi portato a casa il decimo titolo a Montecarlo la scorsa settimana, fa altrettanto a Barcellona dove mette in bacheca la decima coppa. Il mancino spagnolo, numero 5 Atp e terzo favorito del seeding, sulla terra rossa della città catalana ha sconfitto in due set (6-4 6-1), in un'ora e mezzo di gioco, l'austriaco Dominic Thiem, numero 8 Atp, che ieri in semifinale aveva eliminato lo scozzese Andy Murray, numero uno del mondo.

18:30Usa: tornado seminano morte e devastazione in Texas

(ANSA) - CANTON (TEXAS), 30 APR - Violenti temporali accompagnati da tornado hanno spazzato la notte scorsa diverse cittadine nella parte orientale del Texas, lasciando una lunga traccia di devastazioni con alberi sradicati, automobili rovesciate e abitazioni pesantemente danneggiate. Secondo le autorità locali, ci sono inoltre almeno cinque morti e decine di feriti. Il bilancio dei danni, disseminati su un area a circa 80 chilometri ad est di Dallas, non è ancora definitivo. Video trasmessi dalle emittenti televisive locali mostrano alberi sradicati, oltre ad automobili rovesciate lungo le strade rurali e ad almeno due case rase al suolo. I tornado hanno sollevato dei pickup di un rivenditore di auto e li hanno scagliati contro l'edificio. Almeno 56 persone sono state medicate in ospedale e due sono in condizioni critiche. Secondo il National Weather Service, sono almeno tre i tornado che hanno imperversato nella zona ieri sera.

18:18Carburanti, l’Iran ‘è autosufficiente’

(ANSA) - TEHERAN, 30 APR - Grazie alla nuova raffineria inaugurata oggi nei pressi di Bandar Abbas, "l'Iran raggiungerà l'autosufficienza nella produzione di carburanti e creerà migliaia di nuovi posti di lavoro per i giovani". Lo ha detto il presidente dell'Iran, Hassan Rohani, che oggi ha inaugurato la prima fase della raffineria 'Persian Gulf Setareh'. Pur essendo tra i principali produttori mondiali di petrolio, infatti, l'Iran ha finora avuto bisogno di raffinare parte del prodotto all'estero per mancanza di impianti sufficienti sul suo territorio. La nuova raffineria avrà la capacità di 120.000 barili di condensati di gas al giorno e produrrà 12 milioni di litri di benzina Euro IV, 4,5 milioni di litri di gas Euro IV, un milione di litri di gasolio Euro IV e di 1,3 milioni di litri di Gpl al giorno. Allo stadio di piena operatività, la raffineria produrrà 36 milioni di litri di benzina, portando la produzione totale di benzina iraniana a 100 milioni di litri al giorno.

Archivio Ultima ora