Ritorno Schengen più lontano, verso l’estensione dei controlli

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Ritorno Schengen più lontano, verso l'estensione dei controlli

Ritorno Schengen più lontano, verso l’estensione dei controlli

LUSSEMBURGO. – Si allontana il ritorno a Schengen. Con l’avvicinarsi della scadenza del 12 novembre, periodo limite concesso dal Consiglio europeo a Austria, Germania, Svezia, Danimarca e Norvegia per i controlli ai loro confini, quattro capitali hanno dichiarato di puntare al loro prolungamento. Oslo è l’unica cancelleria a non essere ancora uscita allo scoperto.

La motivazione su cui fanno leva è che le frontiere esterne dell’Unione non sono ancora in sicurezza. Fonti diplomatiche greche parlano di “alibi”, mentre il ministro dell’Interno Angelino Alfano sottolinea “se lo fanno per ragionamenti politici, per dare soddisfazione all’opinione pubblica nazionale lo capisco, ma il problema pratico dal loro punto di vista non ci sarebbe”.

E mentre da Roma il capo dello Stato Sergio Mattarella lamenta il fatto che l’Italia continua a sopportare il peso dei flussi del Mediterraneo “praticamente da sola”, nonostante gli impegni presi in sede europea, il capo del Viminale si scontra a distanza con il suo omologo francese Bernard Cazeneuve, che lasciando il consiglio Ue denuncia:

“Non è possibile immaginare che una parte dei migranti che arrivano in Italia non passino per gli hotspot, questo pone rischi per la sicurezza”. Ma Alfano qualche ora più tardi risponde: “Sulla sicurezza non accettiamo lezioni da nessuno. Possiamo darne, non certo prenderne”.

Il capo del Viminale batte i pugni sul tavolo anche durante la riunione con i suoi omologhi europei: “L’Italia non è disponibile a diventare l’Ellis Island d’Europa”, avverte. “Siamo qui a denunciare che i patti stabiliti non sono stati rispettati”. “Abbiamo fatto tutto quanto ci era stato chiesto”, ed ora è il momento che si mostri solidarietà e concretezza facendo rimpatri e ricollocamenti.

E’ il momento che si metta mano al portafogli e “si facciano i compact con i Paesi africani così com’è stato fatto con la Turchia per la rotta balcanica”, ammonisce. Perché gli sbarchi, evidenzia, non sono responsabilità dell’Italia ma “della comunità internazionale che ha mandato al campo santo Gheddafi e non ha completato il lavoro”. “Il Paese paga per tutti un conto salatissimo e se non ci fosse la flessibilità sui migranti saremmo a un paradosso che si poggia sull’inefficienza”.

Intanto tra gli Stati membri ai margini dell’incontro si è parlato dell’estensione dei controlli Schengen. Vari Paesi, tra questi Francia, Olanda, Lettonia hanno già fatto sapere che non ostacoleranno la richiesta sui ‘check’. Anche secondo la Slovacchia, presidenza di turno, ci sono le condizioni per prolungarli. La proposta dovrà essere comunque formulata dalla Commissione Ue, che preme per tornare “al più presto” ad una situazione di normalità.

La richiesta “sarà valutata e se giustificata daremo l’autorizzazione”, dice il commissario Ue Dimitris Avramopoulos. “In Grecia ci sono 50mila profughi che non sono stati ancora del tutto o in parte registrati e ce ne sono molti sulla rotta balcanica, quindi penso che sarà difficile che il sistema possa essere funzionante per metà novembre”, avverte il ministro dell’Interno austriaco Wolfgang Sobotka.

“Vogliamo tornare ad una Schengen” funzionante, ma questo “presume un efficace controllo delle frontiere esterne”, quindi “penso sia giusto prolungare i controlli”, ammonisce il suo omologo tedesco Thomas de Maiziere. “Le basi formali ci sono”, dichiara lo svedese Anders Ygeman, pur precisando che Stoccolma non ha ancora assunto una posizione formale.

La Commissione Ue aveva presentato a maggio una raccomandazione, adottata dal Consiglio europeo qualche giorno più tardi, sulla base dell’articolo 29 del Codice Schengen – mai usato prima – per permettere ai cinque Paesi di estendere i controlli temporanei, fino ad un massimo di sei mesi, ma solo per confini specifici.

(dell’inviata Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

00:28Tennis: Atp Miami, Federer stende Del Potro in due set

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Roger Federer, numero 6 del mondo e 4 del tabellone, ha sconfitto per 6-3, 6-4, in un'ora e 22 minuti di gioco, l'argentino Juan Martin Del Potro, numero 34 e 29esima testa di serie, nel terzo turno del Miami Open, Atp Masters 1000 in corso sui campi in cemento di Crandon Park, in Florida. Prossimo avversario per lo svizzero sarà lo spagnolo Roberto Bautista Agut, numero 18 Atp e 14esima testa di serie, che a sua volta ha prevalso in rimonta (3-6, 6-2, 6-3) sullo statunitense Sam Querrey, numero 27 del ranking e 22 del tabellone. Federer ha vinto tutti e cinque i precedenti confronti diretti senza cedere nemmeno un set.

00:09Calcio: Di Biagio, abbiamo tenuto testa alla Spagna

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "È stato il test che volevamo: abbiamo sempre cercato di competere con squadre di alto livello, proprio com'è la Spagna. I ragazzi hanno dato tutto. Certo, dobbiamo imparare a stringere di più gli spazi, ma bisogna comunque fare un plauso a tutto il gruppo". È il commento a caldo di Gigi Di Biagio, tecnico della Nazionale Under 21, dopo la sconfitta per 2-1, a Roma, con la Spagna, ultima amichevole prima degli Europei. "Nel primo tempo - ha aggiunto sempre intervistato da RaiSport - nonostante una buonissima mezz'ora in cui abbiamo anche avuto le occasione più nette, abbiamo subìto quell'uno-due della Spagna, e rischiato di prendere pure il terzo. Ma poi c'è stata la reazione. I 23 per l'Europeo? Ho 30-35 nomi d'altissimo livello, nelle prossime settimane vedremo. Con Ventura sono in contatto continuo".

00:08Calcio: Under 21, Italia-Spagna 1-2 in amichevole

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - La Spagna Under 21 espugna l'Olimpico, 1-2, ma i pari età dell'Italia non sfigurano in quella che è stata l'ultima amichevole prima degli Europei. E il tecnico Di Biagio può guardare con fiducia all'impegno futuro. Nella sfida di Roma, dove gli azzurrini non giocavano dall'86, gli ospiti partono bene rendendosi subito pericolosi, ma l'occasione migliore è per l'Italia con Berardi che al 9' chiama Lopez ad una grande parata. Quindi, fra il 34' e il 38', il micidiale uno-due degli spagnoli, che segnano prima con Niguez (semirovesciata dopo una respinta di Scuffet) e poi con Mayoral (che, tutto solo, insacca di testa su involontaria torre di Chiesa). Nella ripresa, un legno per parte: traversa di Benassi al 2' e palo di Asensio al 13'. Quindi, Di Biagio inserisce forze fresche e la pressione azzurra è premiata dal colpo di testa di Pellegrini che accorcia le distanze al 27'. La gara si fa un po' meno amichevole, l'Italia ci crede, ma di vere occasioni da gol non ne arrivano più. Resta la bella reazione.

23:20Basket: serie A, Reggio Emilia-Brescia 103-70

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 27 MAR - Contro una Germani Basket fortemente rimaneggiata (assenti Vitali e Moss, Moore in panchina solo per onor di firma) la Grissin Bon Reggio Emilia vince 103-70 nel posticipo della 9/a giornata di ritorno del campionato di serie A di basket e mette in cascina due preziosissimi punti in chiave playoff. Prosegue invece il momento "down" dei lombardi, afflitti dagli infortuni.

22:55Italiano ucciso durante rapina in Nuova Zelanda

(ANSA) - LA SPEZIA, 27 MAR - E' morto dopo tre giorni di agonia, dopo essere stato malmenato e ridotto in fin di vita al culmine di una rapina, avvenuta nel parcheggio di un club di Christchurch, in Nuova Zelanda. Pierclaudio Raviola, 65enne originario della Spezia, da oltre venti anni aveva scelto il Paese oceanico per rifarsi una vita. Ad ammazzarlo, secondo la polizia neozelandese, sarebbero state tre persone, già arrestate e accusate di omicidio: Deborah Jean Tihema, di 38 anni, Cyle Robert Jetson, di 20, e un sedicenne, dovranno comparire davanti alla Corte suprema il prossimo 12 aprile. Proprio a Christchurch, terza città del Paese, da anni Raviola lavorava come autista di scuolabus. Prima ancora aveva aperto un ristorante ad Auckland, chiuso poi qualche anno dopo per difficoltà finanziarie.

22:45Caso Juve-Ultrà: club su Twitter, ‘desecretate Pecoraro’

(ANSA) - TORINO, 27 MAR - "Quello che sta avvenendo è estremamente sbagliato: riportare pezzi di intercettazione, momenti e frasi senza contestualizzarli è fuorviante. Si rischia di far passare per vere cose che non costituiscono fatti provati". L'avvocato Luigi Chiappero, legale della Juventus, interviene così a Jtv nello speciale JTalk dedicato ai presunti rapporti della società bianconera con ultrà ed esponenti della malavita organizzata finito anche sotto la lente della commissione parlamentare Antimafia. "#Desecretate Pecoraro" è l'hashtag twittato dal profilo ufficiale del club bianconero per lanciare la trasmissione. "Un conto sono i fatti, un conto le cose che si dicono al telefono - sostiene Chiappero -. Le intercettazioni sono un fatto delicato, di difficile interpretazione ed è importante contestualizzarle". Il riferimento è al procuratore federale Giuseppe Pecoraro, che sul caso ha deferito la Juve e il suo presidente, Andrea Agnelli, alla giustizia sportiva.

22:45Calcio: Ventura, gli stage stanno dando i loro frutti

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "La dimostrazione del beneficio degli stage è che alcuni ragazzi che vi hanno partecipato, oggi sono qui. Non ci sono variazioni di programma e non ce ne saranno". Lo ha assicurato Gian Piero Ventura nella conferenza stampa alla vigilia dell'amichevole con l'Olanda, ad Amsterdam. "I nostri giovani stanno dimostrando di valere - ha aggiunto il ct azzurro - Ce ne sono tanti di bravi e che hanno potenzialità: dobbiamo solo dargli tempo e a quel punto avremo fatto un grande passo per il futuro. Ci sono segnali da un'infinità di giovani e ci sono quindi i presupposti per fare qualcosa di importante: sarà poi il campo, ovviamente, a dire l'ultima parola. Ma questo concetto di fiducia l'ho espresso già tante volte. Vedo entusiasmo ed umiltà: due condizioni fondamentali". Quanto alla gara di domani, il tecnico la vede coma una "occasione per verificare cosa dobbiamo ancora fare e cosa invece abbiamo fatto".

Archivio Ultima ora