Referendum: per l’Avvocatura Generale dello Stato il quesito è corretto

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Una scheda elettorale viene messa nell'urna elettorale in un seggio di una scuola al centro di Roma, 26 maggio 2013.  ANSA/CLAUDIO ONORATI

Una scheda elettorale viene messa nell’urna elettorale in un seggio di una scuola al centro di Roma, 26 maggio 2013. ANSA/CLAUDIO ONORATI

ROMA. – La procedura per svolgere il referendum costituzionale, fissato il 4 dicembre, vada avanti: lo ha chiesto l’Avvocatura Generale dello Stato nella memoria al Tar del Lazio, presso il quale Sinistra Italiana e M5s avevano sollevato un ricorso sul titolo del quesito, chiedendo di fermare le macchine organizzative. Una richiesta sollevata anche dall’ex presidente della Corte Costituzionale, Valerio Onida, con l’obiettivo di portare proprio davanti alla Consulta la querelle.

Intanto, anche i tre governatori del centrodestra, Giovanni Toti, Luca Zaia e Roberto Maroni, hanno proposto una loro riforma costituzionale alternativa, da portare avanti dopo la vittoria del No il 4 dicembre, proprio come hanno chiesto di fare mercoledì Massimo D’Alema e Gaetano Quagliariello.

Nella memoria l’Avvocatura ha sottolineato che anche nei due precedenti referendum costituzionali, nel 2001 e nel 2006, il quesito era formulato in maniera analoga a quello attuale, cioè indicando il solo titolo della legge. D’Altra parte se nella scheda fossero citati tutti gli articoli da modificare, il quesito “sarebbe confuso, oscuro, difficilmente comprensibile dalla massa dei votanti e certamente non idoneo a garantire il rispetto del diritto di voto dei cittadini”.

Quindi il quesito è corretto, sottolinea l’Avvocatura, ed è stato stabilito dalla Corte di Cassazione. Di qui la richiesta di non sospendere l’efficacia del decreto di indizione del referendum. Senza contestare il ragionamento, il politologo Michele Ainis, ha comunque criticato il quesito, figlio dell’abitudine di dare alle leggi “dei titoli che sono spot”. La decisione del Tar dovrebbe arrivare già lunedì 17 ottobre.

Ad animare il dibattito ci hanno pensato anche i tre Governatori del centrodestra, Toti, Maroni e Zaia, che hanno fatto un ragionamento analogo a quello svolto mercoledì da D’Alema e Quagliariello, nel convegno che ha riunito tutto il fronte del No. Se la riforma viene bocciata, dicono i tre, se ne può varare una addirittura più audace, che tocca tutta l’architettura della Costituzionale, introducendo presidenzialismo e un federalismo più spinto.

Scenario che in questo Parlamento non ha i numeri e che quindi richiederebbe una forte affermazione del centrodestra alle prossime elezioni, alle quali però lo stesso centrodestra chiede di arrivare con una nuova legge elettorale proporzionale, che le impedirebbe di vincere.

Il Pd ligure ha presentato un esposto all’Agcom e al Corecom contro Toti: “in piena par condicio – è l’accusa – ha utilizzato il sito istituzionale della Regione per pubblicizzare la campagna elettorale a favore del No al Referendum”.

Dai due fronti vengono ribadite le rispettive posizioni. Quagliariello insiste sul fatto che la riforma è sbagliata anche nel metodo “perché divide il Paese anziché unirlo”. Il sottosegretario alla presidenza Luca Lotti invece sottolinea che “dopo 30 anni di promesse” finalmente si vara una riforma sempre annunciata che taglia i posti e costi della politica. Intanto anche i “sindaci per il sì” scendono in campo, in vista di una grande manifestazione che li vedrà riuniti a fine novembre.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

15:32Terremoto: Zingaretti, 11 mln per sostenere economia

(ANSA) - RIETI, 29 MAR - "Siamo attenti alle richieste delle imprese, con misure concrete per scongiurare lo spopolamento produttivo in queste zone. L'obiettivo è riportare qui le produzioni. L'investimento globale sarà di 11 milioni di euro per sostenere l'economia con tre provvedimenti cumulabili". E' quanto ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, presentando il pacchetto di interventi e misure a favore delle popolazioni colpite dal sisma nel Reatino. "Come Regione - ha aggiunto - abbiamo voluto portare avanti due filoni. Una prima campagna di comunicazione che verrà promossa durante la Maratona di Roma, e una serie di campagne sui quotidiani nazionali per promuovere il territorio. Oltre a questo stiamo realizzando due guide turistiche che parleranno anche dei comuni del cratere".

15:31Calcio: Icardi, Inter con Suning può fare grandi cose

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Mi aspetto molto dall'Inter, abbiamo qualità. Possiamo arrivare a fare grandi cose. La società sta sistemando tutto, la squadra e il club. Vuole puntare in alto". E' la certezza di Mauro Icardi, attaccante dell'Inter, che oggi risponde alle domande dei tifosi sul profilo Facebook del club nerazzurro. "Il nostro team manager - spiega l'argentino - è andato in Cina e ci ha raccontato tutte le cose incredibili che Suning ha e tutti i progetti che ha per far tornare grande l'Inter". Disegni ambiziosi? "E' la prima cosa che ci hanno trasmesso - risponde Icardi - l'Inter deve tornare dove è stata. E questo dà tanta fiducia a noi giocatori. Loro cercheranno di migliorare ogni anno, con il mercato, con giocatori esperti che possano dare un contributo alla squadra".

15:27Calcio: Bisceglie denuncia gioco violento, ora ci ritiriamo

(ANSA) - BISCEGLIE (BARLETTA ANDRIA TRANI), 29 MAR - Non falli, ma gioco violento nell'ultima gara di campionato disputata, che ha avuto quale conseguenza la perforazione di un timpano per un calciatore e la frattura di un dito di una mano per un suo compagno di squadra, entrambi militanti nella formazione del Don Uva Bisceglie, che disputa il campionato di Seconda categoria. A denunciarlo in una nota è il presidente della società del Bisceglie, Silvestro Carbotti, il quale annuncia di non voler più partecipare al campionato.

15:25Migranti: Austria, controlleremo tutti treni Brennero

(ANSA) - BOLZANO, 29 MAR - L'Austria controllerà tutti i treni al Brennero nella stazione di Brennersee, dove sarà realizzato un apposito binario per non intralciare il traffico internazionale. Lo ha annunciato il governatore tirolese Günther Platter. La situazione al valico italo-austriaco per il momento "è relativamente calma grazie ai controlli già in atto e alla buona collaborazione con le autorità italiane e tedesche". In caso di necessità la barriera "può comunque essere attivata in qualsiasi momento", ha detto Platter.

15:21Calcio:legale Dominello,curva Juve mai business ‘ndrangheta

(ANSA) - TORINO, 29 MAR - "Rocco Dominello non è mai stato associato alla 'ndrangheta, non ha mai avuto biglietti dalla Juventus in tale veste e non ha mai distribuito alcun utile né al padre né ad altra organizzazione criminale". Lo precisa all'ANSA l'avvocato Domenico Putrino, legale di Rocco Dominello e del padre Saverio, che nell'udienza preliminare del processo Alto Piemonte sulle infiltrazioni della criminalità organizzata al nord si è dissociato dalla 'ndrangheta. Nel corso della sua deposizione, Saverio Dominello - prosegue il legale - ha precisato che "non vi è mai stato interesse", da parte delle famiglie di Rosarno, sul business dei biglietti della Juventus e che "Agnelli non ha mai avuto contatti con la 'ndrangheta".

15:04Calcio: Juve, Pjaca, lesione a legamento crociato

(ANSA) - TORINO, 29 MAR - Rientrato da Tallin con la nazionale croata, Pjaca è stato sottoposto a risonanza magnetica questa mattina nella clinica privata Santa Katarina, specializzata in Ortopedia, a Zabok, a una trentina di chilometri da Zagabria. Gli specialisti e i medici della nazionale croata hanno aggiornato lo staff medico della Juventus. Claudio Marchisio fa coraggio al compagno di squadra: "Marko, tutti noi ti siamo vicino! Forza. Tornerai alla grande per dimostrare tutto il tuo talento!".

15:02Francia: Hamon contro Valls, ‘democrazia umiliata’

(ANSA) - PARIGI, 29 MAR - "E' un duro colpo per la democrazia, la democrazia è umiliata": lo ha detto il candidato socialista alle presidenziali francesi, Benoit Hamon, in una dichiarazione solenne alla stampa a poche ore dalla scelta dell'ex premier Manuel Valls di scaricarlo e schierarsi con il candidato indipendente di En Marche!, Emmanuel Macron. "La parola data davanti al popolo va scrupolosamente rispettata", ha deplorato Hamon, che nel suo breve intervento non ha però mai nominato espressamente il nome di Valls né quello di Macron.

Archivio Ultima ora