Referendum: per l’Avvocatura Generale dello Stato il quesito è corretto

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Una scheda elettorale viene messa nell'urna elettorale in un seggio di una scuola al centro di Roma, 26 maggio 2013.  ANSA/CLAUDIO ONORATI

Una scheda elettorale viene messa nell’urna elettorale in un seggio di una scuola al centro di Roma, 26 maggio 2013. ANSA/CLAUDIO ONORATI

ROMA. – La procedura per svolgere il referendum costituzionale, fissato il 4 dicembre, vada avanti: lo ha chiesto l’Avvocatura Generale dello Stato nella memoria al Tar del Lazio, presso il quale Sinistra Italiana e M5s avevano sollevato un ricorso sul titolo del quesito, chiedendo di fermare le macchine organizzative. Una richiesta sollevata anche dall’ex presidente della Corte Costituzionale, Valerio Onida, con l’obiettivo di portare proprio davanti alla Consulta la querelle.

Intanto, anche i tre governatori del centrodestra, Giovanni Toti, Luca Zaia e Roberto Maroni, hanno proposto una loro riforma costituzionale alternativa, da portare avanti dopo la vittoria del No il 4 dicembre, proprio come hanno chiesto di fare mercoledì Massimo D’Alema e Gaetano Quagliariello.

Nella memoria l’Avvocatura ha sottolineato che anche nei due precedenti referendum costituzionali, nel 2001 e nel 2006, il quesito era formulato in maniera analoga a quello attuale, cioè indicando il solo titolo della legge. D’Altra parte se nella scheda fossero citati tutti gli articoli da modificare, il quesito “sarebbe confuso, oscuro, difficilmente comprensibile dalla massa dei votanti e certamente non idoneo a garantire il rispetto del diritto di voto dei cittadini”.

Quindi il quesito è corretto, sottolinea l’Avvocatura, ed è stato stabilito dalla Corte di Cassazione. Di qui la richiesta di non sospendere l’efficacia del decreto di indizione del referendum. Senza contestare il ragionamento, il politologo Michele Ainis, ha comunque criticato il quesito, figlio dell’abitudine di dare alle leggi “dei titoli che sono spot”. La decisione del Tar dovrebbe arrivare già lunedì 17 ottobre.

Ad animare il dibattito ci hanno pensato anche i tre Governatori del centrodestra, Toti, Maroni e Zaia, che hanno fatto un ragionamento analogo a quello svolto mercoledì da D’Alema e Quagliariello, nel convegno che ha riunito tutto il fronte del No. Se la riforma viene bocciata, dicono i tre, se ne può varare una addirittura più audace, che tocca tutta l’architettura della Costituzionale, introducendo presidenzialismo e un federalismo più spinto.

Scenario che in questo Parlamento non ha i numeri e che quindi richiederebbe una forte affermazione del centrodestra alle prossime elezioni, alle quali però lo stesso centrodestra chiede di arrivare con una nuova legge elettorale proporzionale, che le impedirebbe di vincere.

Il Pd ligure ha presentato un esposto all’Agcom e al Corecom contro Toti: “in piena par condicio – è l’accusa – ha utilizzato il sito istituzionale della Regione per pubblicizzare la campagna elettorale a favore del No al Referendum”.

Dai due fronti vengono ribadite le rispettive posizioni. Quagliariello insiste sul fatto che la riforma è sbagliata anche nel metodo “perché divide il Paese anziché unirlo”. Il sottosegretario alla presidenza Luca Lotti invece sottolinea che “dopo 30 anni di promesse” finalmente si vara una riforma sempre annunciata che taglia i posti e costi della politica. Intanto anche i “sindaci per il sì” scendono in campo, in vista di una grande manifestazione che li vedrà riuniti a fine novembre.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

18:28Fondi E-R: giudici, spese Pd disinvolte ma no rilievo penale

(ANSA) - BOLOGNA, 22 GEN - Nell'analizzare le spese degli ex consiglieri regionali Pd in Emilia-Romagna i giudici rilevano "innumerevoli casi di disinvolto utilizzo dei fondi regionali, contrario a ogni regola di buona gestione del pubblico denaro, soprattutto in relazione all'elevato ammontare di alcune spese di ristorazione o di noleggio vetture con conducente a disposizione per intere giornate". Rimborsi senza rilievo penale "in assenza di ulteriori dati a conforto rispetto alla sola eccessività della spesa". Lo si legge nella sentenza con cui il tribunale di Bologna ha assolto 12 imputati, condannando a 4 anni e 4 mesi solo l'ex capogruppo Marco Monari per peculato. Il tribunale spiega di aver adottato "criteri estremamente rigorosi e prudenziali" nel valutare le singole spese, riconoscendone "l'abnormità" e quindi la rilevanza penale, "in casi macroscopici". Secondo i giudici, la Procura ha doverosamente esercitato l'azione penale e le posizioni degli imputati "erano tutte più che meritevoli del vaglio dibattimentale". (ANSA).

18:27Usa: sparatoria in scuola Texas, in salvo tutti gli studenti

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - Sono sani e salvi gli studenti della scuola di Italy, in Texas, dopo la sparatoria nella quale è rimasta ferita una ragazza, ora ricoverata all'ospedale. Lo riferiscono i media locali. La polizia li sta portando fuori dell'edificio. La Italy High School ha studenti dai 12 ai 18 anni. Lo scorso anno erano iscritti 281 studenti. Ancora sconosciuto il movente dell'aggressore. Dall'inizio dell'anno, secondo l'archivio della Gun Violence, in Usa ci sono già state 13 sparatorie.

18:26Catalogna: Torrent propone incontro a Rajoy

(ANSA) - MADRID, 22 GEN - Il presidente del nuovo Parlament catalano Roger Torrent ha proposto al premier spagnolo Mariano Rajoy un incontro "con l'obiettivo di sbloccare la situazione anomala" nella quale si trova la legislatura catalana con otto deputati in carcere o in esilio, fra cui il candidato alla presidenza della Generalità Carles Puigdemont. Torrent ha formalmente annunciato oggi che proporrà il nome di Puigdemont appoggiato dalla maggioranza assoluta indipendentista all'investitura a nuovo presidente della Catalogna.

18:25Pence: proteste in Territori occupati, domani sciopero

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - Centinaia di palestinesi hanno inscenato oggi a Nablus (Cisgiordania) una accesa manifestazione di protesta contro il vicepresidente Usa Mike Pence, mentre questi pronunciava il proprio discorso alla Knesset. ''Gerusalemme - hanno scandito - è il cuore e l'anima dei palestinesi''. Per domani - quando Pence visiterà la Città Vecchia di Gerusalemme - i palestinesi hanno proclamato uno sciopero di protesta contro la politica della amministrazione Trump.

18:23Siria: Sana, razzi ribelli uccidono 5 civili a Damasco

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 GEN - Razzi lanciati da gruppi armati ribelli che controllano sobborghi alle porte di Damasco hanno ucciso oggi 5 civili e ferito altri 8 nella capitale, secondo quanto riferisce l'agenzia governativa Sana. I razzi hanno colpito il quartiere di Bab Touma, a maggioranza cristiana. Altri 5 civili erano rimasti uccisi e 30 feriti il 9 gennaio scorso da razzi lanciati da gruppi armati anti-governativi sullo stesso quartiere di Bab Touma e in quelli di Qassa e Al Shaghour. Continuano intanto i bombardamenti delle forze governative sulle aree controllate dai ribelli alle porte della capitale. Oggi attivisti dell'opposizione e squadre di soccorso hanno denunciato un sospetto bombardamento con gas cloro sul sobborgo di Duma in cui sarebbero rimasti intossicati 20 civili.

18:22Wikileaks: Moreno, Assange è un ‘problema ereditato’

(ANSA) - QUITO, 22 GEN - Il presidente dell'Ecuador, Lenin Moreno, ha detto che l'asilo politico concesso al co-fondatore di Wikileaks, Julian Assange, nell'ambasciata del suo paese a Londra è "un problema ereditato" dal suo governo, che gli ha causato "più di un problema". In un'intervista televisiva con diverse testate locali, Moreno ha detto di "sperare di ottenere un risultato positivo a breve termine su questa questione, che effettivamente ci sta causando più di un problema". Il presidente si è lamentato che il fondatore di Wikileaks abbia diffuso opinioni e prese di posizione politiche dall'interno dell'ambasciata dell'Ecuador. "Chiediamo costantemente al signor Assange di rispettare le regole riguardo ad un asilo politico, e lui stesso ha firmato un accordo nel mese scorso in cui si è impegnato a non intervenire più nella politica ecuadoriana o di un altro paese".

18:21Usa: pornostar sfrutta affaire con Trump per tour osé

(ANSA) - NEW YORK 22 GEN - Stormy Daniels, al secolo Stephanie Clifford, capitalizza su Donald Trump. La porno star, che ha confermato di aver avuto una relazione con il magnate nel 2006, ha lanciato il tour 'Making America Horny Again' ('Rendi l'America nuovamente arrapata'), prendendo spunto dal famoso slogan della campagna elettorale di Trump 'Make America Great Again'. Secondo quanto scrive il New York Post, Stormy Daniels ha fatto il tutto esaurito in un club del sud Carolina. Si è presentata sul palco con un corsetto rosa e si è scoperta il seno ballando in modo sensuale. Il proprietario dello strip club ha detto di averla ingaggiata il giorno dopo lo scoop del Wall Street Journal, secondo cui la donna avrebbe ricevuto 130mila dollari dall'avvocato di Trump per mantenere il silenzio sulla loro relazione. In un'intervista del 2011, Daniels disse che continuarono a vedersi per quasi un anno. (ANSA)

Archivio Ultima ora