Bob Dylan, canzoni che hanno fatto la storia

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

FILE  - In this Jan. 12, 2012, file photo, Bob Dylan performs in Los Angeles. Dylan was named the winner of the 2016 Nobel Prize in literature Thursday, Oct. 13, 2016, in a stunning announcement that for the first time bestowed the prestigious award to someone primarily seen as a musician. (ANSA/AP Photo/Chris Pizzello, File)

FILE – In this Jan. 12, 2012, file photo, Bob Dylan performs in Los Angeles. Dylan was named the winner of the 2016 Nobel Prize in literature Thursday, Oct. 13, 2016, in a stunning announcement that for the first time bestowed the prestigious award to someone primarily seen as a musician. (ANSA/AP Photo/Chris Pizzello, File)

ROMA. – Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan, per quanto oggi non rappresenti una sorpresa assoluta, è un evento storico: il riconoscimento ufficiale del valore letterario e della sua fondamentale importanza di strumento narrativo, della canzone. Nessuno ha contribuito più di Dylan ad elevare il contenuto letterario di un testo in una forma espressiva eminentemente popolare, e poco importa che sia Folk, Rock o Pop.

Non per niente già negli anni ’90 era stato candidato al Nobel, per non dire del Premio Pulitzer vinto nel 2008, riconoscimenti che si aggiungono alla National Medal of Arts nel 2009, la Presidential Medal of Freedom nel 2012 e ai premi più specificamente musicali come il Grammy, l’Oscar e il Golden Globe (nel 2001 per la canzone “Things Have Changed”, dalla colonna sonora del film “Wonder Boys”), il Polar Music Prize nel 2000.

Com’è giusto che sia, e come con forza hanno sempre sostenuto gli autori, Dylan compreso, la canzone è una forma espressiva a se stante, fatta di musica e parole. Per questo anche gli autori più sofisticati vivono con fastidio la definizione di “poeta”, proprio perché la poesia è diversa da una canzone, per quanto elevato possa essere il valore del suo testo.

Nella sua carriera, lunga più di mezzo secolo, Robert Zimmerman, che ha scelto di cambiare il nome in Dylan in omaggio al poeta Dylan Thomas, ha in realtà pubblicato una sola opera letteraria, Tarantola, scritta a metà degli anni ’60 e pubblicata nel 1971. Ma il corpus della sua opera musicale è impressionante, soprattutto se si pensa allo straordinario valore di quello che ha scritto a vent’anni, che significa album come The Freewhelin’ Bob Dylan, The Times They Are Changin’, Highway Revisited, Blonde on Blonde, titoli che hanno cambiato per sempre la storia della musica, rinnovando una tradizione antica e aprendo la strada a una nuova figura di artista, capace di definire e interpretare lo spirito del tempo.

L’influenza che Dylan ha avuto e continua ad esercitare è incalcolabile e probabilmente anche per questo è stato premiato con il Nobel. E viene da sorridere se si pensa all’impegno costante che ha messo nel distruggere il suo mito: da ormai decenni vive praticamente in tournee – lo chiamano il Never Ending Tour – suonando concerti in cui, com’è sua abitudine, rende irriconoscibili i suoi brani, si cura poco, o per niente, della qualità delle esecuzioni, e ignora il pubblico, com’è accaduto pochi giorni fa al Desert Trip, il mega raduno organizzato in California insieme ai Rolling Stones, gli Who, Neil Young, Paul McCartney e Roger Waters.

La sua è la storia di un personaggio enigmatico, capace di svolte improvvise e imprevedibili, musicali come umane (vedi la conversione religiosa da Cristiano Rinato negli anni ’70), in un curioso gioco tra presenza e assenza con il pubblico. Vive perennemente in tournee ma non comunica con il suo pubblico, salvo poi accettare di condurre uno strepitoso programma radiofonico.

Si intuisce il gusto ironico di spiazzare i suoi fan che, ai tempi della sua esplosione di nuovo divo della musica americana, lo hanno letteralmente perseguitato: le sue ultime prove discografiche, per esempio, sono dedicate al repertorio di Frank Sinatra e alla tradizione dei grandi crooner, proprio lui che è diventato Dylan anche grazie alla sua dichiarata insofferenza nei confronti delle regole auree della tradizione musicale e a una voce che, rispetto a Sinatra, è l’altra faccia della luna.

Se si ragiona in termini di valore letterario, il suo ultimo grande guizzo creativo è Tempest, il torrenziale brano di oltre tredici minuti che dà il titolo all’album del 2012, una potente metafora, di chiara ispirazione scespiriana, sull’imminente naufragio della società contemporanea.

La domanda ora è come Bob Dylan accetterà il Nobel: farà un discorso di accettazione? Suonerà? Ignorerà l’Accademia di Stoccolma? Quel che è certo è che, dopo aver cambiato la storia della musica e la vita di diverse generazioni, ora è anche riuscito a dimostrare che la musica rock può vincere il Nobel. Ora davvero il tempo è cambiato.

(di Paolo Biamonte/ANSA)

Ultima ora

18:18Calcio: Ceis, nasce prima squadra calcio Richiedenti Asilo

(ANSA) - GENOVA, 6 DIC - E' nata, grazie al Centro di Solidarietà di Genova (Ceis) che da anni si occupa anche di accoglienza", la prima squadra di calcio interamente composta da richiedenti asilo, ragazzi tra i 20 e i 25 anni provenienti da Gambia, Nigeria, Senegal, Bangladesh e Pakistan arrivati in Italia sui 'barconi della speranza'. Con loro, il tecnico Franco Bobba, un passato calcistico da semiprofessionista e oggi allenatore dilettantistico di indubbie qualità morali oltre che tecniche. La squadra, maglia e calzoncini azzurri, è stata iscritta al Campionato amatoriale di calcio a 7 organizzato da Csen Calcio Liguria e, dopo due sconfitte consecutive, ha ottenuto la prima vittoria in campionato, superando gli avversari della Pimpao con un netto 10-3.

18:17‘Sono un bambino sporco’, genitori a processo a Torino

(ANSA) - TORINO, 6 DIC - "Sono un bambino sporco": questo il cartello che un bimbo di 9 anni, nato a Donetsk in Ucraina e affidato alle cure di una famiglia italiana, doveva portare al collo come punizione. Una delle tante vessazioni umilianti a cui, secondo l'accusa, era costretto dai genitori adottivi con cui viveva in un paesino del torinese. Ora il ragazzo, ormai 17enne, vive in una comunità a seguito di un provvedimento del Tribunale per i Minorenni di Torino, mentre la madre e il padre sono imputati per maltrattamenti. Il 13 dicembre, a Palazzo di Giustizia a Torino davanti al giudice Antonio De Marchi, verranno sentiti i testimoni della difesa, rappresentata dall'avvocato Valerio D'Atri. Il ragazzo si è costituito parte civile ed è seguito dal legale Emanuela Martini. Ad accorgersi delle percosse e delle umiliazioni quotidiane erano state le maestre della scuola frequentata dal piccolo. Il bambino arrivava in classe con vestiti grandi, sporchi e puzzolenti, e sulla schiena aveva spesso dei lividi lasciati da una cinghia o da un bastone. "Mi facevano zappare l'orto sino a sera tardi - aveva raccontato agli inquirenti - E spesso mi fasciavano la testa con una benda per impedirmi di parlare". I genitori adottivi si sono sempre dichiarati innocenti. (ANSA).

18:09Germania: Merkel rieletta con l’89,5% dei voti

(ANSA) - BERLINO, 06 DIC - Con la percentuale dell'89,5%, Angela Merkel e' stata eletta per la nona volta presidente della Cdu al congresso del partito cristiano-democratico a Essen. E' il secondo peggior risultato nelle elezioni congressuali cui si era sottoposta la cancelliera. C'erano aspettative di un risultato ancora inferiore, ha però ricordato l'emittente Ntv.

17:30Rapinato portavalori nel Napoletano, colpo da 250mila euro

(ANSA) - NAPOLI, 6 DIC - Rapina da 250mila euro, davanti al centro commerciale "Le Ginestre" di Volla, in provincia di Napoli, dove tre banditi, con il volto coperto e armati di kalashnikov, si sono fatti consegnare da due vigilanti, appena scesi da un furgone portavalori, una valigetta contenente denaro destinato ai bancomat del centro commerciale. I banditi, prima di impossessarsi del denaro, si sono fatti consegnare anche le pistole delle guardie giurate. Poi, a bordo di una Citroen Picasso rubata, sono fuggiti. Mentre si allontanavano uno dei tre ha anche sparato un colpo di Ak47 in aria. L'accaduto è stato ripreso dalle telecamere di videosorveglianza. Sull'accaduto sono in corso indagini da parte dei carabinieri di Volla e dell'aliquota operativa di Torre del Greco (Napoli).(ANSA).

17:30Austria: Van der Bellen, valori europei sono chiave successo

(ANSA) - BOLZANO, 6 DIC - "Il messaggio che arriva da questa consultazione elettorale è chiaro ed è rivolto ai piccoli paesi in campagna come alle capitali d'Europa: i valori europei e la politica della collaborazione sono la chiave del successo". Lo ha detto il presidente eletto austriaco Alexander Van der Bellen. "Mi impegnerò con tutta la mia forza per unire ulteriormente l'Europa. Sono cresciuto in un piccolo e povero paese di montagna e ho imparato che solo uniti si è forti", ha aggiunto il professore in una breve dichiarazione alla stampa. Il presidente eletto, che giurerà il 26 gennaio, ha anche annunciato "di volersi impegnare per il superamento delle disuguaglianze tra uomo e donna". Van der Bellen ha infine invitato i due schieramenti di questa campagna elettorale "a fare ognuno il primo passo per avvicinarsi all'altro e di ascoltarlo. Il valzer si balla solo in due, rispettando comunque il ritmo".

17:30Cesareo ritardato, danni a bimbo: la madre, voglio giustizia

(ANSA) - CATANIA, 6 DIC - "Voglio verità e giustizia e soprattutto che quello che è accaduto a me non si ripeta ad altre madri e figli: chi ricorre a una struttura pubblica deve avere la certezza di essere tutelata al massimo". Così Deborah, 27 anni, madre del piccolo nato il 2 luglio del 2015 nell'ospedale 'Santo Bambino' di Catania con gravissimi disturbi neurologici perché, secondo la Procura, due dottoresse a fine turno avrebbero tardato a intervenire con un parto cesario per non restare ancora al lavoro. La donna, che vive in un paese alle pendici dell'Etna, precaria alle poste, con il marito 33enne, disoccupato, non vuole clamore sulla storia. Per questo ha bloccato da ieri sera il suo profilo pubblico su Facebook, rifiutando interviste. Per lei parla il legale di famiglia, l'avvocato Gianluca Firrone che rivela come l'inchiesta "sia stata portata avanti con grande professionalità e segretezza dalla Procura di Catania". "La famiglia non vuole pubblicità - aggiunge - ma la verità e per questo vuole la massima riservatezza".

17:28Siria: Sana e tv, lealisti avanzano ad Aleppo est

(ANSAMed) - BEIRUT, 6 DIC - Le forze lealiste siriane sono avanzate oggi nei quartieri orientali di Aleppo riuscendo a giungere vicino all'antica Cittadella, patrimonio mondiale dell'Unesco. Lo riferisce la tv al Mayadin, vicina all'Iran e solidale con l'offensiva governativa, a conferma di quanto affermato dall'agenzia siriana Sana, controllata dal governo di Damasco. Le fonti affermano che i lealisti hanno conquistato l'intero quartiere di Shaar, oltre ai rioni di Shaykh Lutfi e Marje. L'offensiva lealista è cominciata il 25 novembre scorso e in dieci giorni ha conquistato circa il 70% dei quartieri di Aleppo est a lungo sotto assedio perché controllati da miliziani delle opposizioni.

Archivio Ultima ora