Bob Dylan, canzoni che hanno fatto la storia

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

FILE  - In this Jan. 12, 2012, file photo, Bob Dylan performs in Los Angeles. Dylan was named the winner of the 2016 Nobel Prize in literature Thursday, Oct. 13, 2016, in a stunning announcement that for the first time bestowed the prestigious award to someone primarily seen as a musician. (ANSA/AP Photo/Chris Pizzello, File)

FILE – In this Jan. 12, 2012, file photo, Bob Dylan performs in Los Angeles. Dylan was named the winner of the 2016 Nobel Prize in literature Thursday, Oct. 13, 2016, in a stunning announcement that for the first time bestowed the prestigious award to someone primarily seen as a musician. (ANSA/AP Photo/Chris Pizzello, File)

ROMA. – Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan, per quanto oggi non rappresenti una sorpresa assoluta, è un evento storico: il riconoscimento ufficiale del valore letterario e della sua fondamentale importanza di strumento narrativo, della canzone. Nessuno ha contribuito più di Dylan ad elevare il contenuto letterario di un testo in una forma espressiva eminentemente popolare, e poco importa che sia Folk, Rock o Pop.

Non per niente già negli anni ’90 era stato candidato al Nobel, per non dire del Premio Pulitzer vinto nel 2008, riconoscimenti che si aggiungono alla National Medal of Arts nel 2009, la Presidential Medal of Freedom nel 2012 e ai premi più specificamente musicali come il Grammy, l’Oscar e il Golden Globe (nel 2001 per la canzone “Things Have Changed”, dalla colonna sonora del film “Wonder Boys”), il Polar Music Prize nel 2000.

Com’è giusto che sia, e come con forza hanno sempre sostenuto gli autori, Dylan compreso, la canzone è una forma espressiva a se stante, fatta di musica e parole. Per questo anche gli autori più sofisticati vivono con fastidio la definizione di “poeta”, proprio perché la poesia è diversa da una canzone, per quanto elevato possa essere il valore del suo testo.

Nella sua carriera, lunga più di mezzo secolo, Robert Zimmerman, che ha scelto di cambiare il nome in Dylan in omaggio al poeta Dylan Thomas, ha in realtà pubblicato una sola opera letteraria, Tarantola, scritta a metà degli anni ’60 e pubblicata nel 1971. Ma il corpus della sua opera musicale è impressionante, soprattutto se si pensa allo straordinario valore di quello che ha scritto a vent’anni, che significa album come The Freewhelin’ Bob Dylan, The Times They Are Changin’, Highway Revisited, Blonde on Blonde, titoli che hanno cambiato per sempre la storia della musica, rinnovando una tradizione antica e aprendo la strada a una nuova figura di artista, capace di definire e interpretare lo spirito del tempo.

L’influenza che Dylan ha avuto e continua ad esercitare è incalcolabile e probabilmente anche per questo è stato premiato con il Nobel. E viene da sorridere se si pensa all’impegno costante che ha messo nel distruggere il suo mito: da ormai decenni vive praticamente in tournee – lo chiamano il Never Ending Tour – suonando concerti in cui, com’è sua abitudine, rende irriconoscibili i suoi brani, si cura poco, o per niente, della qualità delle esecuzioni, e ignora il pubblico, com’è accaduto pochi giorni fa al Desert Trip, il mega raduno organizzato in California insieme ai Rolling Stones, gli Who, Neil Young, Paul McCartney e Roger Waters.

La sua è la storia di un personaggio enigmatico, capace di svolte improvvise e imprevedibili, musicali come umane (vedi la conversione religiosa da Cristiano Rinato negli anni ’70), in un curioso gioco tra presenza e assenza con il pubblico. Vive perennemente in tournee ma non comunica con il suo pubblico, salvo poi accettare di condurre uno strepitoso programma radiofonico.

Si intuisce il gusto ironico di spiazzare i suoi fan che, ai tempi della sua esplosione di nuovo divo della musica americana, lo hanno letteralmente perseguitato: le sue ultime prove discografiche, per esempio, sono dedicate al repertorio di Frank Sinatra e alla tradizione dei grandi crooner, proprio lui che è diventato Dylan anche grazie alla sua dichiarata insofferenza nei confronti delle regole auree della tradizione musicale e a una voce che, rispetto a Sinatra, è l’altra faccia della luna.

Se si ragiona in termini di valore letterario, il suo ultimo grande guizzo creativo è Tempest, il torrenziale brano di oltre tredici minuti che dà il titolo all’album del 2012, una potente metafora, di chiara ispirazione scespiriana, sull’imminente naufragio della società contemporanea.

La domanda ora è come Bob Dylan accetterà il Nobel: farà un discorso di accettazione? Suonerà? Ignorerà l’Accademia di Stoccolma? Quel che è certo è che, dopo aver cambiato la storia della musica e la vita di diverse generazioni, ora è anche riuscito a dimostrare che la musica rock può vincere il Nobel. Ora davvero il tempo è cambiato.

(di Paolo Biamonte/ANSA)

Ultima ora

14:24Mattarella, grati a Brigata Ebraica, nostri fratelli

(ANSA) - CARPI (MO), 25 APR - "Vi furono uomini liberi che sbarcarono nell'Italia occupata e versarono il loro sangue anche per la nostra libertà. A questi caduti rivolgiamo un pensiero riconoscente. Il loro sangue è quello dei nostri fratelli. Tra questi non possiamo dimenticare i 5000 volontari della Brigata Ebraica, italiani e non, giunti dalla Palestina per combattere con il loro vessillo in Toscana e in Emilia-Romagna". Lo afferma, tra gli applausi, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenendo al Teatro Comunale di Carpi.

14:22>ANSA-BOX/ 25 aprile: a 96 anni con paracadute reduce El Alamein

(ANSA) - CREMONA, 25 APR - "Avrei voluto aspettare i 100 anni, ma poi ho pensato che era meglio anticipare. Non è che non stia bene, ma dopo l'intervento all'anca di qualche anno fa, sa com'è...": così si racconta Giuseppe De Grada, paracadutista cremonese, 96 anni. De Grada, reduce della battaglia di El Alamein, si è lanciato oggi in tandem all'aeroporto turistico di Cremona, alla frazione Migliaro. "E' stata un'emozione fortissima - ha detto appena toccata terra -. Il mio compleanno è stato sabato santo. E' qualche anno che ci penso e ora era venuto il momento", ha aggiunto. Il paracadutismo è la sua più grande passione, maturata fin da giovanissimo, e realizzatasi sotto l'esercito. De Grada fu ad El Alamein. "Al momento del servizio militare, nel 1940, non avendo il consenso dei miei genitori per entrare nei paracadutisti, sono stato assegnato alla Compagnia Cannoni a Cuneo. Raggiunti i 21 anni, ho preso il brevetto da paracadutista a Tarquinia". Negli anni della guerra, ciò che gli premeva era diventare paracadutista della Folgore: "In quegli anni conobbi Gianni Brera, mi chiese se gli facevo da attendente, aiutandolo in mansioni di ufficio. Ma io non volevo fare lavoro di ufficio, mi interessava lanciarmi col paracadute, non stare seduto ad una scrivania". Una passione dura a morire, al punto che riemerge con frequenza. Oggi, nel giorno della Liberazione, a 96 anni ha voluto riprovare l'ebbrezza di lasciarsi cadere da un aeroplano. Si è lanciato con un altro paracadutista di Parma. De Grada ha combattuto a El Alamein fin dall'inizio, dal 23 ottobre 1942, in qualità di effettivo della compagnia cannoni anticarro 47/52. Ha resistito, insieme ai commilitoni, fino al 6 novembre 1942, quando è stato catturato dagli inglesi durante il ripiegamento, a piedi, nel deserto, e ha vissuto quattro anni di prigionia: due in Egitto, uno in Palestina e l'ultimo ancora in Egitto.

14:19Ivanka, papà sa che le donne fanno un buon lavoro

(ANSA) - BERLINO, 25 APR - "Dalla mia esperienza privata so quanto sia positivo l'atteggiamento di mio padre con le donne. Lui sa che le donne possono fare un lavoro buono quanto gli uomini". Lo ha detto Ivanka Trump, al W20, il vertice sulla donne del G20 in corso a Berlino, rispondendo a una domanda sulle critiche rivolte al padre Donald Trump per il suo atteggiamento nei confronti delle donne. "Mio padre mi ha permesso di raggiungere tutto quello che volevo. Ce lo ha reso possibile. Non c'erano differenze fra me e mio fratello. E questo lo vedremo anche da lui come presidente", ha aggiunto.

14:18Kuki Gallmann: figlia, ‘mamma è una forza della natura’

(ANSA) - VENEZIA, 25 APR - "La mamma sta bene. E' una forza della natura ed è forte. Sta facendo passi lenti, ma costanti di recupero". Così Sveva Gallmann in un messaggio via Facebook parla delle condizioni di salute della madre Kuki, ferita allo stomaco in un agguato nella sua riserva in Kenya. "Ora dobbiamo solo pregare - aggiunge - che non ci siano complicazioni e che una vita sana ripaghi in termini di forza e di immunità". La figlia di Kuki conclude dicendo che "la forza della vita di tutti gli animali e la biodiversità per la quale ha passato tutta la sua vita stanno dentro di lei e la proteggeranno".

14:12Tenta uccidere senegalese in centro accoglienza, arrestato

(ANSA) - (SALERNO), 25 APR - In carcere migrante 18enne con l'accusa di tentato omicidio. Il giovane, originario del Mali, lo scorso 26 gennaio, a seguito di una violenta lite, tentò di uccidere un giovane senegalese all'interno di un centro di accoglienza di Sanza (Salerno) impugnando una bottiglia di vetro infranta. I carabinieri della compagnia di Sala Consilina (Salerno), in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip presso il tribunale di Lagonegro (Potenza), hanno arrestato il diciottenne, richiedente asilo politico, che dallo scorso 26 gennaio si trovava agli arresti domiciliari presso un centro di accoglienza di Teggiano (Salerno). I militari dell'Arma hanno accertato che l'extracomunitario si era reso protagonista di diversi episodi di violenza verificatisi sempre nei confronti di altri migranti del centro di accoglienza ove egli stesso era ospitato. Il giovane malese è stato condotto nel carcere di Potenza.

14:11Roma città divisa, per 25 aprile ebrei e partigiani separati

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Roma città divisa per il 25 aprile, anniversario della Liberazione. La Comunità ebraica ha manifestato davanti a quella che era la sede della Brigata Ebraica, l'Anpi con un lungo corteo fino a porta San Paolo. "Chi esclude al Brigata ebraica nega la storia", il monito del sottosegretario Maria Elena Boschi nel corso della manifestazione della Comunità ebraica. "E' una bellissima giornata con un grandissimo spirito unitario per chi c'è e per chi non c'è", ha detto il presidente dell'Anpi Roma, Fabrizio De Santis partecipando al corteo dove si trova una rappresentanza dei movimenti pro Palestina. Regione e Campidoglio sono presenti alle due manifestazioni, il Pd solo a quella della Comunità ebraica. Il presidente del Pd Orfini: "spero questo sia ultimo annoi separati, riunire l'antifascismo".

14:10Renzi, Ue non mantiene impegno migranti? Noi su soldi

(ANSA) - AREZZO, 25 APR - "Siccome diamo 20 miliardi all'Europa e ne prendiamo indietro 12, io per tre anni gliel'ho detto con le buone; adesso, e devo dire che il governo Gentiloni ha adottato questa linea, è molto semplice risolvere il problema: voi non mantenete l'impegno sui migranti? Benissimo, e noi non manteniamo l'impegno sui soldi". Lo ha detto Matteo Renzi, parlando ad una manifestazione pubblica a Cavriglia.

Archivio Ultima ora