Delegazione italiana in Crimea sfida le sanzioni

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Delegazione italiana in Crimea sfida le sanzioni

Delegazione italiana in Crimea sfida le sanzioni

SEBASTOPOLI. – No alle “sanzioni”, “roba da Ottocento”, sì alla “cooperazione, all’autodeterminazione dei popoli, al dialogo e alla pace”. Che in Crimea “parla russo”. In un clima sempre più difficile tra Russia e Occidente, sbarca in Crimea una delegazione d’imprenditori e politici italiani – a trazione Lega Nord – per una due giorni d’incontri con le autorità locali e la comunità imprenditoriale crimeana.

Terreno scivoloso, visto lo stretto regime di sanzioni imposto dalla Ue, che in teoria vieta quasi ogni tipo d’investimento europeo nella penisola contesa. Ma il diavolo sta nei dettagli. A Simferopoli, infatti, sono stati firmati un memorandum d’intesa e sviluppo e un trattato di gemellaggio tra la capitale della Repubblica di Crimea e la città di Padova.

“Sapevamo a cosa saremmo andati incontro venendo qui, quale sarebbe stata la valenza di questo viaggio: siamo la prima notizia di tutti i siti d’informazione e tg russi”, dice Roberto Ciambetti, presidente del consiglio della Regione Veneto. E in effetti è così, il sistema mediatico russo si è messo in moto per dare gran risalto alla visita, che è funzionale alla posizione del Cremlino secondo cui la Russia non vive nessun isolamento. Mentre Kiev ha protestato.

“La posizione dell’Ucraina è molto dura: questi politici vanno condannati fermamente perché così cercano di sostenere che la Crimea appartiene alla Russia”, ha dichiarato Anna Gopko, presidente della Commissione Affari Esteri della Rada (il parlamento ucraino), aggiungendo che la visita “senza il consenso di Kiev” è “una brusca violazione della legislazione nazionale ucraina e va punita”.

Non è comunque un caso che nella brochure del Forum Internazionale di Yalta – l’ente sotto l’egida del Cremlino che insieme al governo crimeano ha organizzato la missione – venga indicato come leader della delegazione il deputato ex pentastellato Tancredi Turco, oggi al gruppo misto. Dà più peso. Turco in realtà parla poco e ci tiene a sottolineare di essere qui più come “deputato eletto nel Veneto” che altro ma tant’è.

Ai ‘corsari’ della Crimea – oltre alla delegazione veneta ci sono anche consiglieri della Lombardia, Liguria, Toscana ed Emilia-Romagna, tutti leghisti – non spaventa la prospettiva di essere strumentalizzati. “Ci sta”, dice con un’alzata di spalle Ciambetti. “I veneziani venivano qui già nel 1500…”.

“Sono stati coraggiosi”, ha sottolineato il capo della Repubblica di Crimea Serghei Aksyonov parlando all’ANSA. “Gli Usa cercheranno senz’altro di far fallire la nostra cooperazione ma non ci riusciranno”. Stesso clima anche a Sebastopoli, dove sono state firmate altre intese con il governatore della regione. Al di là dei dividendi “politici”, infatti, l’idea è quella d’intessere rapporti che in “futuro” possano dare frutti.

Una linea peraltro già seguita dai francesi, che qui in Crimea sono venuti in visita a inizio dell’estate con una loro delegazione. Il grosso – 7 in tutto gli imprenditori in visita – è rappresentato dal settore vinicolo, con il presidente delle Cantine di Soave Attilio Carlesso e Marcello Veneziani in testa. Due big del vino europeo.

“Siamo curiosi”, dice Carlesso. “Se si arriva che tutto è fatto è già tardi”, nota con un sorriso negli occhi. La Crimea d’altra parte ha una grande storia vinicola alle spalle e, come confida un imprenditore che chiede di non essere citato, c’è la possibilità di ottenere migliaia di ettari di terreni un tempo coltivati a vigne a prezzi buoni o con contratti d’affitto (irrisorio) di 100 anni. Il tutto pur di rimetterle in funzione. Un processo che sarebbe comunque già in atto.

“Basta passare da paesi terzi e il gioco è fatto, gli americani fanno così”, spiega l’imprenditore. Le sanzioni, insomma, si aggirano. “Ci sono italiani che già operano sul territorio ma non posso dire chi”, taglia corto Stefano Valdegamberi, il playmaker che sta dietro alla politica veneta di apertura alla Crimea e alla Russia. Corsari della Crimea, appunto.

(dell’inviato Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

23:57Blitz di Lotta Studentesca a giornate antifasciste dell’Anpi

(ANSA) - MILANO, 26 MAG - Blitz di Lotta Studentesca contro le giornate antifasciste dell'Anpi in diverse città italiane: il movimento giovanile di Forza Nuova ha recintato con del nastro segnaletico alcune sedi dell'Anpi. Lo rende noto lo stesso movimento con un comunicato stampa e con una foto in cui si vedono alcuni ragazzi davanti alla sede dell'Anpi di Milano nel quartiere Crescenzago. "I militanti di LS, in tuta bianca da lavoro, hanno anche affisso numerosi cartelli - si legge nella nota - per informare la cittadinanza della disinfestazione in corso contro zecche e fastidiosi animaletti, purtroppo presenti nel luogo". "Oggi i nostri militanti - afferma Andrea Di Cosimo, responsabile nazionale del movimento giovanile - sono impegnati in una vasta operazione di disinfestazione in molte città italiane per liberarle dalla presenza di zecche e partigiani vari". "Nessuno - conclude la nota - vieterà a Lotta Studentesca di esprimere le sue idee".

23:29Calcio: semifinali playoff, Carpi-Frosinone 0-0

(ANSA) - CARPI, 26 MAG - Finisce senza reti l'andata della semifinale dei playoff serie B tra Carpi e Frosinone, un pari che avvicina i ciociari alla finalissima in virtù della migliore posizione di classifica (terzo posto contro il settimo del Carpi) che avrà un peso nella gara di ritorno, lunedì prossimo a Frosinone. La squadra di Marino non è stata in grado di sfruttare la superiorità numerica dopo l'espulsione del giocatore di casa Sabbione al 35' della ripresa per doppia ammonizione. Gara molto intensa ma con pochissime occasioni da gol, a conferma del grande equilibrio in campo nell'arco dei novanta minuti. Decisiva nel corso del primo tempo l'uscita provvidenziale del portiere Belec su Ciofani, mentre nella ripresa più iniziativa da parte del Carpi che ha potuto contare sull'apporto di Mbakogu entrato ma anche lui poco incisivo in zona gol. Con un pareggio nel ritorno Frosinone in finale, mentre il Carpi sarà obbligato a vincere per andare in finale.

22:34Calcio: Bernardo Silva dal Monaco al Manchester City

(ANSA) - MANCHESTER, 26 MAG - Bernardo Silva, nazionale portoghese di 22 anni, passa dal Monaco al Manchester City. Durata del contratto e costo dell'operazione non sono stati resi noti, ma i media inglesi ipotizzano una affare da circa 43 milioni di sterline. Con la maglia del Monaco, Silva ha vinto quest'anno il campionato francese e raggiunto le semifinali di Champions. E' un rinforzo fortemente voluto dal tecnico Pep Guardiola, che ha concluso la prima stagione al City senza vincere trofei. Il centrocampista ha già superato le visite mediche e dal primo luglio sarà a tutti gli effetti a disposizione di Guardiola.

22:31Egitto: autorità, colpite basi miliziani in est Libia

(ANSA-AP) - IL CAIRO, 26 MAG - Responsabili egiziani hanno riferito stasera che aerei da combattimento egiziani hanno compiuto raid e hanno colpito basi di miliziani nell'est della Libia. Si tratta, hanno detto, della risposta al sanguinoso attentato compiuto oggi contro i cristiani copti egiziani. Il presidente Abdel Fattah al Sisi ha rivolto un appello al presidente Usa, Donald Trump, perché prenda la guida della lotta al terrorismo. "Rivolgo il mio appello al presidente Trump: io mio fido di te, della tua parola e della tua capacità di fare della lotta al terrorismo globale il tuo obiettivo principale". Sisi ha poi ripetuto il suo appello a punire i Paesi che finanziano, armano o addestrano i terroristi.

21:47Calcio: Mandzukic a riposo, col Bologna c’è Sturaro

(ANSA) - TORINO, 26 MAG - Niente Bologna per Mario Mandzukic, a cui mister Allegri dovrebbe concedere un turno di riposo in vista della finale Champions di Cardiff. Al suo posto al Dall'Ara dovrebbe esserci Sturaro. Questa l'indicazione emersa al termine dell'allenamento svolto dalla Juventus nel pomeriggio.

21:42Blue Whale: Procura Udine indaga su presunto caso in Friuli

(ANSA) - UDINE, 26 MAG - La Procura di Udine ha aperto un fascicolo per "istigazione al suicidio a carico di ignoti" per un sospetto caso di Blue Whale, la sfida delle 50 prove in 50 giorni che istigherebbe gli adolescenti fino al suicidio. La vicenda coinvolgerebbe una ragazzina friulana. Lo si apprende dal Procuratore di Udine, Antonio De Nicolo. Stando agli elementi emersi finora, la minore coinvolta sarebbe ancora nella fase iniziale della sfida, che comincia con la sveglia alle 4 del mattino e la visione di film horror per arrivare fino al suicidio gettandosi dal palazzo più alto della città, dopo le ferite autoinferte con un temperino per tatuarsi una balena sul braccio, da cui il nome di Blue Whale. E' stato lanciato dai genitori l'allarme sul quale stanno indagando la Procura della Repubblica di Udine e la Polizia Postale. La ragazzina vive in provincia di Udine e ha 13 anni. I genitori hanno notato un tatuaggio, simile a quello del Blue Whale, sul braccio della figlia.

21:12Terrorismo: Minniti, sbaglio fare scambio sicurezza-libertà

(ANSA) - TODI (PERUGIA), 26 MAG - "E' fondamentale tenere insieme due principi, quello di garantire la sicurezza dei cittadini ma anche la loro libertà. Non è possibile fare uno scambio tra sicurezza e libertà, sarebbe la cosa più sbagliata di questo mondo": lo ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, intervenendo oggi a Todi ad un incontro a sostegno del candidato a sindaco del centro sinistra Carlo Rossini. presente anche la presidente della Regione Catiuscia Marini. Soffermandosi sul tema del terrorismo il ministro ha detto che "sicurezza e libertà devono essere due termini strettamente connessi" perché al cittadino non "serve avere una sicurezza che lo isola e che non gli permette di vivere serenamente la sua vita". (ANSA).

Archivio Ultima ora