Delegazione italiana in Crimea sfida le sanzioni

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Delegazione italiana in Crimea sfida le sanzioni

Delegazione italiana in Crimea sfida le sanzioni

SEBASTOPOLI. – No alle “sanzioni”, “roba da Ottocento”, sì alla “cooperazione, all’autodeterminazione dei popoli, al dialogo e alla pace”. Che in Crimea “parla russo”. In un clima sempre più difficile tra Russia e Occidente, sbarca in Crimea una delegazione d’imprenditori e politici italiani – a trazione Lega Nord – per una due giorni d’incontri con le autorità locali e la comunità imprenditoriale crimeana.

Terreno scivoloso, visto lo stretto regime di sanzioni imposto dalla Ue, che in teoria vieta quasi ogni tipo d’investimento europeo nella penisola contesa. Ma il diavolo sta nei dettagli. A Simferopoli, infatti, sono stati firmati un memorandum d’intesa e sviluppo e un trattato di gemellaggio tra la capitale della Repubblica di Crimea e la città di Padova.

“Sapevamo a cosa saremmo andati incontro venendo qui, quale sarebbe stata la valenza di questo viaggio: siamo la prima notizia di tutti i siti d’informazione e tg russi”, dice Roberto Ciambetti, presidente del consiglio della Regione Veneto. E in effetti è così, il sistema mediatico russo si è messo in moto per dare gran risalto alla visita, che è funzionale alla posizione del Cremlino secondo cui la Russia non vive nessun isolamento. Mentre Kiev ha protestato.

“La posizione dell’Ucraina è molto dura: questi politici vanno condannati fermamente perché così cercano di sostenere che la Crimea appartiene alla Russia”, ha dichiarato Anna Gopko, presidente della Commissione Affari Esteri della Rada (il parlamento ucraino), aggiungendo che la visita “senza il consenso di Kiev” è “una brusca violazione della legislazione nazionale ucraina e va punita”.

Non è comunque un caso che nella brochure del Forum Internazionale di Yalta – l’ente sotto l’egida del Cremlino che insieme al governo crimeano ha organizzato la missione – venga indicato come leader della delegazione il deputato ex pentastellato Tancredi Turco, oggi al gruppo misto. Dà più peso. Turco in realtà parla poco e ci tiene a sottolineare di essere qui più come “deputato eletto nel Veneto” che altro ma tant’è.

Ai ‘corsari’ della Crimea – oltre alla delegazione veneta ci sono anche consiglieri della Lombardia, Liguria, Toscana ed Emilia-Romagna, tutti leghisti – non spaventa la prospettiva di essere strumentalizzati. “Ci sta”, dice con un’alzata di spalle Ciambetti. “I veneziani venivano qui già nel 1500…”.

“Sono stati coraggiosi”, ha sottolineato il capo della Repubblica di Crimea Serghei Aksyonov parlando all’ANSA. “Gli Usa cercheranno senz’altro di far fallire la nostra cooperazione ma non ci riusciranno”. Stesso clima anche a Sebastopoli, dove sono state firmate altre intese con il governatore della regione. Al di là dei dividendi “politici”, infatti, l’idea è quella d’intessere rapporti che in “futuro” possano dare frutti.

Una linea peraltro già seguita dai francesi, che qui in Crimea sono venuti in visita a inizio dell’estate con una loro delegazione. Il grosso – 7 in tutto gli imprenditori in visita – è rappresentato dal settore vinicolo, con il presidente delle Cantine di Soave Attilio Carlesso e Marcello Veneziani in testa. Due big del vino europeo.

“Siamo curiosi”, dice Carlesso. “Se si arriva che tutto è fatto è già tardi”, nota con un sorriso negli occhi. La Crimea d’altra parte ha una grande storia vinicola alle spalle e, come confida un imprenditore che chiede di non essere citato, c’è la possibilità di ottenere migliaia di ettari di terreni un tempo coltivati a vigne a prezzi buoni o con contratti d’affitto (irrisorio) di 100 anni. Il tutto pur di rimetterle in funzione. Un processo che sarebbe comunque già in atto.

“Basta passare da paesi terzi e il gioco è fatto, gli americani fanno così”, spiega l’imprenditore. Le sanzioni, insomma, si aggirano. “Ci sono italiani che già operano sul territorio ma non posso dire chi”, taglia corto Stefano Valdegamberi, il playmaker che sta dietro alla politica veneta di apertura alla Crimea e alla Russia. Corsari della Crimea, appunto.

(dell’inviato Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

18:38Sparatoria in scuola in Messico, vittime

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 18 GEN - Un alunno di una scuola media privata di Monterrey, capitale dello Stato messicano di Nuevo Leon, ha sparato contro i suoi compagni e una insegnante, prima di ferirsi al mento con la stessa arma. Secondo alcuni media locali, il giovane sarebbe morto e potrebbe trattarsi di un suicidio. Un portavoce delle autorità locali ha detto alla stampa che l'alunno di 12 anni è entrato nella sede del Collegio Americano di Monterrey armato con una pistola calibro 22 e ha sparato contro i suoi compagni e la professoressa e poi contro sé stesso. La stampa locale, citando testimoni, non ha dubbi sulla morte dei tre, che non è ancora stata confermata ufficialmente. Le autorità si limitano a dire che i due studenti e l'insegnante sono stati ricoverati in condizioni molto gravi.

18:27Corea Nord: Kim zoppica in tv, ipotesi problemi di obesità

(ANSA) - PECHINO, 18 GEN - Il leader nordcoreano Kim Jong-un è apparso claudicante nel documentario trasmesso dalla tv di Stato Kctv e relativo alle ispezioni sul campo fatte lo scorso mese, tra cui una fabbrica di scarpe, rilanciando l'ipotesi di nuovi problemi alla caviglia a causa del sovrappeso. Nelle immagini Kim appare zoppicare sulla gamba sinistra, in forma ancora più evidente mentre sale su una rampa di scale. L'ultimo episodio simile risale a luglio 2014 durante la cerimonia del ventennale della morte del nonno, il "presidente eterno" e fondatore dello Stato, Kim Il-sung. Il leader sparì dagli eventi pubblici per diverse settimane e fece immaginare scenari come una grave malattia e un colpo di Stato, ricomparendo il 14 ottobre con un bastone. L'intelligence di Seul appurò che Kim fu operato da un chirurgo europeo per la rimozione di una ciste formatasi alla caviglia che si sarebbe potuta riformare per l'obesità. Per il ministro sudcoreano dell'Unificazione è troppo presto per parlare di problemi di salute.

18:26Maltempo: Sardegna,allerta per neve e ghiaccio anche domani

(ANSA) - CAGLIARI, 18 GEN - La Protezione civile regionale ha esteso l'avviso di condizioni meteorologiche avverse dalla serata di oggi e fino alla mattinata di domani, con nevicate sopra i 400-500 metri sulla Sardegna orientale e centrale. Successivamente la quota neve si innalzerà progressivamente. Si segnalano ancora venti di burrasca sulla parte nord-orientale dell'Isola e mareggiate sulle coste settentrionali, con gelate nelle ore più fredde. Diramata, inoltre, una allerta di criticità ordinaria per rischio idraulico sulle zone del Flumendosa-Flumineddu e della Gallura.

18:16Moro: parti offese, interroghiamo noi ex Br omertosi

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Morucci davanti la Commissione Moro è stato arrogante e omertoso. Chiederò a tutti i brigatisti di rendere interrogatorio promosso da indagini difensive della persona offesa". Lo annuncia l'avvocato Valter Biscotti, che rappresenta i familiari dei caduti in via Fani dopo la "sconcertante" audizione di ieri sera a San Macuto dell'ex "postino" delle Br. La difesa delle persone offese a questo punto intende intraprendere un'azione clamorosa:"chiederò come difensore della persona offesa di sentire in indagini difensive tutti i brigatisti del commando". "Se si rifiuteranno chiederò al PM di poterli interrogare. E li vorrò discutere se sia legittimo il loro ulteriore diniego di rispondere visto che oggi (esauriti i loro processi) sono solo persone informate sui fatti".

18:10Speleologia:Lombardia, scoperta nuova grotta sotto Grigna

(ANSA) - LECCO, 18 GEN - Importante scoperta in Lombardia degli speleologi del gruppo "InGrigna". Sono riusciti a scendere oltre nella grotta "W le donne" - nelle viscere della Grigna Settentrionale, una delle principali montagne della provincia di Lecco - e hanno scoperto una nuova galleria che hanno battezzato "L'autostrada del sole", alla profondità di meno 1150 metri, esplorando 400 nuovi metri di cavità. Il progetto nato un paio d'anni fa, consisteva nello svuotare un sifone con una pompa a manovella per avere la possibilità di andare oltre, un modus operandi del tutto particolare. Ci sono volute sette ore di pompaggio. Il gruppo è partito dal rifugio Bogani. La grotta "Viva le donne" è la seconda più profonda d'Italia, ha l'ingresso a quota 2170 metri e scende fino al "Ramo del cobra".(ANSA).

18:05Ragazza di 16 anni si taglia polso a scuola, non è grave

(ANSA) - LECCE, 18 GEN - Una ragazzina di 16 anni, studentessa di un liceo a Lecce, ha tentato di tagliarsi le vene del polso nel bagno della scuola. E' accaduto alla terza ora poco prima del compito in classe di Fisica in programma nella classe della ragazzina. E' stato il perdurare dell'assenza che ha allarmato il docente il quale ha chiesto ad una compagna di classe della 16enne di andare nella toilette dell'istituto per vedere cosa stesse accadendo. La 16enne era in bagno ancora lucida con la musica del cellulare diffusa ad alto volume. Per terra c'era sangue e la ragazzina aveva un taglio ad un polso. In ospedale dove la 16enne è stata condotta, i sanitari le hanno diagnosticato una lesione superficiale auto inferta sembrerebbe durante un attacco di ansia di cui sembra che la giovane soffra a causa di un lieve stato depressivo. Sull'accaduto stanno indagando i carabinieri mentre la dirigente scolastica ha provveduto ad informare il Provveditore e il Tribunale dei Minorenni.

17:49Crolla tensostruttura adibita ad asilo nel maceratese

(ANSA) - PIEVE TORINA (MACERATA), 18 GEN - ''La neve, forse le scosse di oggi, hanno fatto crollare la tensostruttura provvisoria adibita ad asilo, e che per fortuna era deserta''. Lo dice il sindaco di Pieve Torina Alessandro Gentilucci, che è furioso per la carenza di aiuti ricevuti in questi giorni con l'emergenza neve: ''servono più Stato e meno burocrazia, altrimenti non so come andremo a finire qui. Ho 35 persone isolate nelle frazioni e non posso raggiungerle''. Secondo il sindaco anche altre tensostrutture si sono abbassate.

Archivio Ultima ora