Delegazione italiana in Crimea sfida le sanzioni

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Delegazione italiana in Crimea sfida le sanzioni

Delegazione italiana in Crimea sfida le sanzioni

SEBASTOPOLI. – No alle “sanzioni”, “roba da Ottocento”, sì alla “cooperazione, all’autodeterminazione dei popoli, al dialogo e alla pace”. Che in Crimea “parla russo”. In un clima sempre più difficile tra Russia e Occidente, sbarca in Crimea una delegazione d’imprenditori e politici italiani – a trazione Lega Nord – per una due giorni d’incontri con le autorità locali e la comunità imprenditoriale crimeana.

Terreno scivoloso, visto lo stretto regime di sanzioni imposto dalla Ue, che in teoria vieta quasi ogni tipo d’investimento europeo nella penisola contesa. Ma il diavolo sta nei dettagli. A Simferopoli, infatti, sono stati firmati un memorandum d’intesa e sviluppo e un trattato di gemellaggio tra la capitale della Repubblica di Crimea e la città di Padova.

“Sapevamo a cosa saremmo andati incontro venendo qui, quale sarebbe stata la valenza di questo viaggio: siamo la prima notizia di tutti i siti d’informazione e tg russi”, dice Roberto Ciambetti, presidente del consiglio della Regione Veneto. E in effetti è così, il sistema mediatico russo si è messo in moto per dare gran risalto alla visita, che è funzionale alla posizione del Cremlino secondo cui la Russia non vive nessun isolamento. Mentre Kiev ha protestato.

“La posizione dell’Ucraina è molto dura: questi politici vanno condannati fermamente perché così cercano di sostenere che la Crimea appartiene alla Russia”, ha dichiarato Anna Gopko, presidente della Commissione Affari Esteri della Rada (il parlamento ucraino), aggiungendo che la visita “senza il consenso di Kiev” è “una brusca violazione della legislazione nazionale ucraina e va punita”.

Non è comunque un caso che nella brochure del Forum Internazionale di Yalta – l’ente sotto l’egida del Cremlino che insieme al governo crimeano ha organizzato la missione – venga indicato come leader della delegazione il deputato ex pentastellato Tancredi Turco, oggi al gruppo misto. Dà più peso. Turco in realtà parla poco e ci tiene a sottolineare di essere qui più come “deputato eletto nel Veneto” che altro ma tant’è.

Ai ‘corsari’ della Crimea – oltre alla delegazione veneta ci sono anche consiglieri della Lombardia, Liguria, Toscana ed Emilia-Romagna, tutti leghisti – non spaventa la prospettiva di essere strumentalizzati. “Ci sta”, dice con un’alzata di spalle Ciambetti. “I veneziani venivano qui già nel 1500…”.

“Sono stati coraggiosi”, ha sottolineato il capo della Repubblica di Crimea Serghei Aksyonov parlando all’ANSA. “Gli Usa cercheranno senz’altro di far fallire la nostra cooperazione ma non ci riusciranno”. Stesso clima anche a Sebastopoli, dove sono state firmate altre intese con il governatore della regione. Al di là dei dividendi “politici”, infatti, l’idea è quella d’intessere rapporti che in “futuro” possano dare frutti.

Una linea peraltro già seguita dai francesi, che qui in Crimea sono venuti in visita a inizio dell’estate con una loro delegazione. Il grosso – 7 in tutto gli imprenditori in visita – è rappresentato dal settore vinicolo, con il presidente delle Cantine di Soave Attilio Carlesso e Marcello Veneziani in testa. Due big del vino europeo.

“Siamo curiosi”, dice Carlesso. “Se si arriva che tutto è fatto è già tardi”, nota con un sorriso negli occhi. La Crimea d’altra parte ha una grande storia vinicola alle spalle e, come confida un imprenditore che chiede di non essere citato, c’è la possibilità di ottenere migliaia di ettari di terreni un tempo coltivati a vigne a prezzi buoni o con contratti d’affitto (irrisorio) di 100 anni. Il tutto pur di rimetterle in funzione. Un processo che sarebbe comunque già in atto.

“Basta passare da paesi terzi e il gioco è fatto, gli americani fanno così”, spiega l’imprenditore. Le sanzioni, insomma, si aggirano. “Ci sono italiani che già operano sul territorio ma non posso dire chi”, taglia corto Stefano Valdegamberi, il playmaker che sta dietro alla politica veneta di apertura alla Crimea e alla Russia. Corsari della Crimea, appunto.

(dell’inviato Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

21:35Maltempo: pesante grandinata in Veneto,chicchi come pesche

(ANSA) - TREVISO, 25 GIU - Una grandinata eccezionale ha colpito oggi il trevigiano, dove sono caduti chicchi di ghiaccio grandi come pesche. Coldiretti segnala che la furia del maltempo ha interessato tutta la pedemontana, colpita dalla staordinaria tempesta: da Valdobbiadene, Miane a Follina fino a Conegliano ovvero l'area verde più suggestiva della Marca, dove i preziosi vigneti di Prosecco sono stati rovinati. Dopo la violenta grandinata, che fortunatamente non ha causato feriti, l'area della pedemontana assomigliava ad un campo di battaglia: danni ad auto e camper in sosta nei campeggi, serre di ortaggi e fiori divelte, campi di mais distrutti. Un bilancio di inizio estate devastante che si aggiunge ad una primavera già difficile dal punto di vista meteorologico.

21:33Tiro: Assemblea Issf, confermati cambiamenti per Tokyo 2020

(ANSA) - MONACO DI BAVIERA, 25 GIU - L'Assemblea Straordinaria dell'Issf chiesta da 49 federazioni, ne sarebbero bastate 25 per statuto, faticosamente ottenuta per riammettere le tre discipline (carabina a terra 50 metri, la pistola 50 metri e double trap) cancellate da Issf e Cio dal programma olimpico, termina con un nulla di fatto. Per i Giochi di Tokyo 2020 nulla da fare, se ne riparlerà forse per il 2024. Una petizione di voto segreto per riammetterle, senza specificare i tempi, non è stata accolta. Lo statuto prevedeva questa possibilità se il 20% dei voti presenti lo avesse richiesto. 294 voti, 147 paesi, 160 federazioni questi i numeri in campo: la Romania chiede il voto segreto tramite il suo presidente, Sorin Babii, oro pistola libera a Seul '88, presentando un documento firmato da 50 nazioni, il 30%, ben oltre quanto richiesto dallo statuto. Ma non si è votato perché nessuno lo ha imposto. Una commissione ad hoc per la riammissione delle tre discipline cancellate? Per ora è una promessa del presidente Olegario Vasquez Rana.

20:54Gb: nuovi test anti-incendio, 60 i grattacieli a rischio

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - E' salito a 60 il numero dei grattacieli che non hanno superato i test anti-incendio dei rivestimenti esterni in 25 zone in tutta la Gran Bretagna, da Londra ad altre città come Norwich, Doncaster, Manchester e Plymouth. Lo riferisce il governo britannico. Proprio i rivestimenti esterni sono sotto accusa per aver favorito la rapida diffusione delle fiamme alla Grenfell Tower dove il 14 giugno scorso sono morte 79 persone.

20:52India: precipita cabina di funivia in Kashmir

(ANSA) - NEW DELHI, 25 GIU - Sette persone sono morte oggi in India quando una cabina di una funivia nello Stato di Jammu & Kashmir è precipitata al suolo rotolando per centinaia di metri per la rottura del cavo a cui era appesa, provocata da un albero abbattuto dal vento. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ians. L'incidente è avvenuto nella località turistica di Gulmarg e il sistema di emergenza, attivatosi immediatamente, ha bloccato altre 15 cabine che erano in viaggio e circa 150 persone sono state salvate dopo alcune ore dai soccorritori. Le vittime sono quattro componenti di una famiglia di turisti di New Delhi e tre guide turistiche kashmire.

20:51Proiettili gomma contro dimostranti Gay Pride

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - La polizia turca ha sparato proiettili di gomma contro i militanti Lgbt pronti a sfidare il divieto di sfilare per il Gay Pride, per disperdere la folla. Lo riferisce la Bbc. I video pubblicati dagli attivisti mostrano anche l'utilizzo di idranti contro i manifestanti da parte della Polizia.

20:50Pakistan: bambini trovano ‘bomba-giocattolo’

(ANSA) - ISLAMABAD, 25 GIU - Almeno sette bambini sono morti oggi nel Waziristan meridionale, territorio tribale nord-occidentale pachistano al confine con l'Afghanistan, per l'improvvisa esplosione di un 'giocattolo' che avevano trovato in un campo, rivelatosi essere una terribile bomba. Lo riferisce GEO Tv. L'incidente, ha precisato l'emittente, è avvenuto nel villaggio di Speenmark, e le vittime sono bambini, tutti maschi, fra i sei ed i 12 anni. Negli anni scorsi decine di bambini pachistani hanno perso la vita giocando con 'bombe-giocattolo' abbandonate da terroristi per drammatizzare lo scontro in corso fra il governo di Islamabad e i gruppi sollevatisi in armi per ottenere l'introduzione della 'sharia' (legge islamica).

20:49Qatar: per Iran assedio inaccettabile

(ANSA) - TEHERAN, 25 GIU - "L'assedio del Qatar per noi è inaccettabile". Lo ha detto il presidente iraniano Hassan Rohani secondo quanto riferisce il sito della presidenza. In un colloquio telefonico con l'emiro, lo sceicco Tamim bin Hamad al Thani, Rohani ha assicurato che "Teheran resterà al fianco del governo del Qatar" e che "lo spazio aereo, il territorio e il mare dell'Iran saranno sempre aperti al Qatar, un Paese amico". Il presidente iraniano ha infine sottolineato che "le pressioni, le minacce e le sanzioni" non sono una soluzione per risolvere le fratture.

Archivio Ultima ora