Appello di industriali italiani e tedeschi a Renzi e Merkel

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Appello industriali italiani e tedeschi a Renzi-Merkel

Appello industriali italiani e tedeschi a Renzi-Merkel

BOLZANO. – Gli industriali italiani e tedeschi assieme in prima linea per il rilancio dell’economia europea. Le ‘confindustrie’ di Italia e Germania invieranno al premier Matteo Renzi e alla cancelliera Angela Merkel 12 raccomandazioni, “un Patto per la Competitività, per costruire una nuova ‘primavera europea’” a partire dai temi economici.

L’iniziativa era nata, a fine agosto, a Maranello durante il vertici dei due capi di governo. “Dal bilaterale di governo a Maranello siamo arrivati al bilaterale delle due Confindustrie a Bolzano, che non è solo simbolo di terra di confine, ma anche luogo di sintesi”, ha detto il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia a termine del Business Forum italo-tedesco che si è svolto per la sesta volta nel capoluogo altoatesino.

“Il primo e il secondo paese industriale d’Europa lanciano questo messaggio, nell’interesse di tutti e non contro qualcuno”, ha detto Boccia illustrando il documento. I temi spaziano da un quadro strategico europeo per la modernizzazione dell’industria all’Industria 4.0 e gli schemi di promozione degli investimenti; dalle politiche per l’innovazione a livello nazionale ed europeo alla cooperazione interregionale.

Tra le 12 raccomandazioni spiccano anche il brevetto unico europeo, gli investimenti nelle infrastrutture a banda larga e servizi di mobilità, come la guida automatica e la e-mobility. Confindustria e Bdi invitano i rispettivi governi anche ad insistere sulle tecnologie abilitanti fondamentali, i nuovi modelli industriali di business e le esigenze di finanziamento delle imprese europee.

I 12 punti saranno saranno inviati nei prossimi giorni a Roma e Berlino, per poi essere approfonditi, “per non fermarsi ai titoli”, tra le due ‘confindustrie’, ma anche con la Business Europe, come ha annunciato Boccia ribadendo che “serve un’Europa che guardi i mercati del mondo.

La sfida non è tra Stati europei ma tra Europa e il resto del mondo”. “Serve – ha aggiunto – un’industria forte europea per essere competitivi, una sfida da cogliere assieme”. Secondo il presidente degli industriali tedeschi Ulrich Grillo, la conseguenza della Brexit deve essere “che i rimanenti 27 stati membri della Ue si stringano ulteriormente. Serve un vero mercato interno, con una forte unione monetaria ed economica”.

“Servono, inoltre, solidarietà vissuta, crescita, innovazione, investimenti e posti di lavoro. Non basta avere un tasso di cambio più basso”, ha sottolineato.

(di Stefan Wallisch/ANSA)

Ultima ora

02:53Referendum: Lupi, questa maggioranza non c’è più

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - "Questa maggioranza non c'è più, il governo di larghe intese ha finito il suo compito. Non c'è la possibilità che possa andare avanti, adesso serve una nuova fase, in cui starà al presidente della Repubblica cercare una nuova maggioranza". Lo dichiara il capogruppo di Area popolare alla Camera, Maurizio Lupi dopo il discorso del premier Matteo Renzi.(ANSA).

02:32Referendum: Salvini, pronti a voto con ogni legge

(ANSA) - MILANO, 5 DIC - "Attendiamo rispettosamente la sentenza della Consulta, che speriamo arrivi presto. Ma al di là di qualunque scelta della Consulta siamo pronti a votare il prima possibile con qualunque legge elettorale". Così il segretario della Lega, Matteo Salvini, commenta le dimissioni di Matteo Renzi. Sulla richiesta di Renzi al fronte del No di formulare una proposta di legge elettorale, Salvini aggiunge: "Non pensiamo che l'Italia possa permettersi mesi di dibattito sulla nuova legge elettorale", ha aggiunto. Salvini ha aggiunto che quella del 4 dicembre deve essere considerata una "giornata eccezionale, una giornata di liberazione nazionale". (ANSA).

02:28Referendum: de Magistris, respinto stalker autoritario

(ANSA) - NAPOLI, 5 DIC - "Da Napoli già liberata: la Costituzione è salva. Grande vittoria della democrazia. Renzi, stalker autoritario, è stato respinto. Ora lotta popolare per liberare l'Italia e per la sovranità al popolo - dice il sindaco de Magistris - Lavoreremo, con i movimenti popolari, per attuare la più bella Costituzione nata dalla Resistenza. Nessun politicante, vecchio e nuovo, si permetta di mettere il cappello sulla vittoria. Il vincitore è solo uno:il Popolo,viva la libertà e la Rivoluzione".

02:20Renzi, mia esperienza al governo finisce qui

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - "Questa riforma è stata quella che abbiamo portato al voto, non siamo stati convincenti, mi dispiace, ma andiamo via senza rimorsi. Come era chiaro sin dall'inizio l'esperienza del mio governo finisce qui". Lo afferma Matteo Renzi in conferenza stampa da Palazzo Chigi.

01:32Quinto exit poll Ipr-Piepoli Rai, Sì 40,9%, No 59,1%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - In base al quinto exit poll, elaborato ponderando anche i primi dati dello spoglio, di Ipr Marketing-Istituto Piepoli per la Rai sul referendum il Sì è al 40,9% ed il No al 59,1%. Il dato si basa su una copertura del 40% del campione.

01:22Quarto exit poll Ipr-Piepoli Rai, Sì 40-42%, No 58-60%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - In base al quarto exit poll, elaborato ponderando anche i primi dati dello spoglio, di Ipr Marketing-Istituto Piepoli per la Rai sul referendum il Sì è al 40-42% ed il No al 58-60%.

01:20Prima proiezione Emg per La7, Sì 40,8%, No 59,2%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - In base alla prima proiezione Emg per La7 sul referendum, con una copertura del 10%, il Sì si attesta al 40,8%, il no al 59,2%.

Archivio Ultima ora