Appello di industriali italiani e tedeschi a Renzi e Merkel

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Appello industriali italiani e tedeschi a Renzi-Merkel

Appello industriali italiani e tedeschi a Renzi-Merkel

BOLZANO. – Gli industriali italiani e tedeschi assieme in prima linea per il rilancio dell’economia europea. Le ‘confindustrie’ di Italia e Germania invieranno al premier Matteo Renzi e alla cancelliera Angela Merkel 12 raccomandazioni, “un Patto per la Competitività, per costruire una nuova ‘primavera europea’” a partire dai temi economici.

L’iniziativa era nata, a fine agosto, a Maranello durante il vertici dei due capi di governo. “Dal bilaterale di governo a Maranello siamo arrivati al bilaterale delle due Confindustrie a Bolzano, che non è solo simbolo di terra di confine, ma anche luogo di sintesi”, ha detto il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia a termine del Business Forum italo-tedesco che si è svolto per la sesta volta nel capoluogo altoatesino.

“Il primo e il secondo paese industriale d’Europa lanciano questo messaggio, nell’interesse di tutti e non contro qualcuno”, ha detto Boccia illustrando il documento. I temi spaziano da un quadro strategico europeo per la modernizzazione dell’industria all’Industria 4.0 e gli schemi di promozione degli investimenti; dalle politiche per l’innovazione a livello nazionale ed europeo alla cooperazione interregionale.

Tra le 12 raccomandazioni spiccano anche il brevetto unico europeo, gli investimenti nelle infrastrutture a banda larga e servizi di mobilità, come la guida automatica e la e-mobility. Confindustria e Bdi invitano i rispettivi governi anche ad insistere sulle tecnologie abilitanti fondamentali, i nuovi modelli industriali di business e le esigenze di finanziamento delle imprese europee.

I 12 punti saranno saranno inviati nei prossimi giorni a Roma e Berlino, per poi essere approfonditi, “per non fermarsi ai titoli”, tra le due ‘confindustrie’, ma anche con la Business Europe, come ha annunciato Boccia ribadendo che “serve un’Europa che guardi i mercati del mondo.

La sfida non è tra Stati europei ma tra Europa e il resto del mondo”. “Serve – ha aggiunto – un’industria forte europea per essere competitivi, una sfida da cogliere assieme”. Secondo il presidente degli industriali tedeschi Ulrich Grillo, la conseguenza della Brexit deve essere “che i rimanenti 27 stati membri della Ue si stringano ulteriormente. Serve un vero mercato interno, con una forte unione monetaria ed economica”.

“Servono, inoltre, solidarietà vissuta, crescita, innovazione, investimenti e posti di lavoro. Non basta avere un tasso di cambio più basso”, ha sottolineato.

(di Stefan Wallisch/ANSA)

Ultima ora

07:14Corea Nord: esercitazione Giappone-Usa in Mare Filippine

TOKYO - Esercitazione congiunta con la Marina giapponese nel Mare delle Filippine per la portaerei americana Uss Carl Vinson nel suo viaggio verso la penisola coreana. La Marina statunitense ha annunciato che due cacciatorpedinieri giapponesi hanno raggiunto oggi la Vinson e due altre navi da guerra americane mentre queste ultime unita' stanno proseguendo il loro viaggio verso nord nell'Oceano Pacifico occidentale. I cacciatorpedinieri della Marina giapponese hanno lasciato il porto di Sasebo venerdi' per unirsi al gruppo navale statunitense guidato dalla Vinson. Il gruppo americano comprende anche un incrociatore lanciamissili e un cacciatorpediniere lanciamissili.

05:23Trump chiama Abe e Xi, punto sulla Corea del Nord

NEW YORK - Giro di telefonate di Donald Trump, molto probabilmente per fare il punto sulla situazione della Corea del Nord. Nelle prossime ore - informa la Casa Bianca - il presidente americano sentira' sia il premier giapponese Shinzo Abe sia il presidente cinese Xi Jinping.

01:03Morto cardinal Nicora, ex presidente Aif e inventore 8xmille

(ANSA) - ROMA, 22 APR - Il cardinale Attilio Nicora, primo presidente dell' Aif, organismo di controllo delle finanze vaticane e 'inventore' dell' 8xmille, è morto questa sera alla clinica Pio XI di Roma, dove era ricoverato. Nato a Varese il 6 marzo 1937, aveva 80 anni compiuti da poco. Nicora fu uno degli artefici della revisione del Concordato firmata il 15 novembre 1984 con l'allora governo Craxi e, dal 2002 è stato presidente dell'Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica (Apsa). Fatto cardinale nel 2003 da Giovanni Paolo II, nel 2005 partecipò al conclave che ha eletto papa Benedetto XVI, che nel 2011 lo nominò primo presidente dell'Autorità di Informazione Finanziaria, l' organismo voluto dall'attuale papa emerito per controllare ogni operazione finanziaria vaticana, adeguando la Città del Vaticano alle nuove norme antiriciclaggio introdotte dall'Unione europea, ruolo che lascerà pochi mesi dopo. Il 16 marzo 2017, al compimento del suo ottantesimo anno, era uscito dal novero dei cardinali elettori.

00:56Bimbo lanciato per incendio, per lui è morte cerebrale

(ANSA) - GENOVA, 23 APR - E' stata dichiarata la morte cerebrale per il bambino di sei anni e mezzo lanciato dal padre dalla finestra nel tentativo di salvarlo dalle fiamme, caduto rovinosamente da un telo che avrebbe potuto salvarlo. Lo ha fatto sapere la direzione sanitaria dell'ospedale Gaslini di Genova, dove è ricoverato. Una commissione medico legale dovrà ora monitorare le sue condizioni e dichiararne il decesso se entro sei ore non saranno riscontrate attività vitali. La madre, ricoverata con lievi ferite ma in stato di choc, ha già concesso l'autorizzazione all'espianto degli organi, ma la procedura per la donazione non potrà essere concretamente avviata prima di domani mattina, sempre che non si riscontrino segni vitali. La donna ha concesso il benestare dal letto dell'ospedale Villa Scassi di Sampierdarena. Il marito è ancora in coma all' ospedale Galliera di Genova.

00:33Calcio:Pioli’abbiamo toccato fondo, questa non è mia Inter’

(ANSA) - FIRENZE, 22 APR - "Dobbiamo capire perché è successo quello che è successo. Quella del secondo tempo non può essere la mia squadra, che ha fatto bene fino a domenica scorsa. La squadra aveva giocato fino alla fine, ma oggi l'abbiamo fatto solo per 45'. Poi c'è stato il blackout inspiegabile". Così Stefano Pioli ha spiegato il pesante ko dell'Inter a Firenze contro la Fiorentina per 5-4, dopo essere stata in vantaggio per 2-1 e sembrava controllare la gara. Pioli ha parlato ai media dopo una lunga riunione negli spogliatoi del Franchi, mentre i giocatori salivano sul pullman, assieme a Piero Ausilio, Giovanni Gardini, Steven Zhang e Javier Zanetti Pioli ha poi sottolineato che: "Dobbiamo lavorare meglio, e far sì che queste cinque partite ci facciano concludere il campionato per bene. Io in discussione? Sono responsabile della prestazione di stasera, così come lo sono i giocatori. Dall'Atalanta in poi non abbiamo messo il giusto atteggiamento mentale''.

23:52Calcio: Sousa, la Fiorentina ha meritato la vittoria

(ANSA) - ROMA, 22 APR - "Abbiamo fatto una bella partita, tra due squadre che hanno provato a vincere. Alla fine credo che i ragazzi abbiano meritato questa vittoria, per la rimonta dopo lo svantaggio della prima frazione''. A Premium Sport, l'allenatore della Fiorentina Paulo Sousa commenta così il tennistico 5-4 contro l'Inter: ''Bernardeschi era dispiaciuto per il rigore, ma non l'ho cambiato per quello: avevo semplicemente bisogno di un giocatore più fresco. Io più silenzioso in panchina? Solo perché ho un po' di febbre, non ci sono altre spiegazioni. Obiettivo Europa? Noi lavoriamo sempre per migliorare, lo facciamo dall'inizio del campionato e vogliamo farlo fino all'ultima partita''. Quanto le voci di mercato su Bernardeschi possono turbare l'ambiente? ''Federico - spiega il tecnico della Fiorentina - è maturo, è cresciuto molto ma deve ancora farlo: migliorerà sempre".

23:17Serie A: festival gol al Franchi, Fiorentina batte Inter 5-4

(ANSA) - ROMA, 22 APR - Festival del gol al Franchi di Firenze nel secondo dei due anticipi della 33/a giornata del campionato di calcio di Serie A. La Fiorentina ha superato l' l'Inter 5-4 (1-2) grazie alle doppiette di Vecino (23' pt e 19' st) e Babacar (25' e 34' st) e al gol di Astori (17' st). Per l'Inter gol di Perisic (28' pt) e tripletta di Icardi (34' pt, 43' 47' st).

Archivio Ultima ora