La Crusca, salvate i nomi italiani dell’Alto Adige

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

La Crusca, salvate i nomi italiani dell'Alto Adige

La Crusca, salvate i nomi italiani dell’Alto Adige

BOLZANO. – Salvate i nomi italiani delle località dell’Alto Adige. C’è anche il presidente dell’Accademia della crusca Claudio Marazzini tra i 48 docenti di atenei italiani e tedeschi che hanno sottoscritto un appello rivolto alle autorità statali e provinciali per la tutela della toponomastica bilingue. Quella dei nomi delle località geografiche altoatesine è una questione che si trascina da tempo sullo scacchiere politico locale, talvolta sottotraccia, talvolta provocando incomprensioni tra la comunità di lingua tedesca e quella, appunto, di lingua italiana che convivono nella provincia autonoma.

La questione prese il via poco più di cento anni fa, quando, nel 1906, Ettore Tolomei, geografo roveretano considerato uno degli esponenti del nazionalismo novecentesco, cominciò la stesura del suo Prontuario dei nomi locali dell’Alto Adige, che poi venne pubblicato dalla Reale società geografica nel 1916.

I nomi dei luoghi altoatesini, forzatamente quasi tutti di lingua tedesca dato che la provincia faceva parte dell’Austria sino al termine della prima guerra mondiale, divennero ufficiali con un decreto di Mussolini del ’23, a cinque mesi dall’insediamento del governo del Duce.

Ed è da quel giorno che se ne parla, con gli esponenti politici del mondo di lingua tedesca a chiedere in qualche modo una limitazione nell’uso ufficiale dei nomi, considerati semplici invenzioni con scopi nazionalisti. Dopo le celeberrime polemiche dei decenni passati, nei quali si paventava, addirittura, la scomparsa della dizione italiana della Vetta d’Italia, la cima più a nord dello Stivale, oggi la questione torna alla ribalta dato che se ne discute in seno alla commissione paritetica dei Sei, consultiva del governo per l’attuazione dello statuto da autonomia.

In commissione, così è trapelato di recente, circolerebbe un elenco di qualche centinaio di nomi di località italiane destinati a sparire dai documenti ufficiali. Di qui le proteste, specialmente della destra di lingua italiana dell’ Alto Adige, sfociate ora nell’appello dei professori universitari di cui fa parte anche il presidente dell’Accademia della Crusca.

“L’ipotizzata cancellazione di parte della toponomastica in lingua italiana – si afferma nel documento – violerebbe gravemente i principi della Costituzione e l’obbligo del bilinguismo italiano-tedesco sancito da leggi costituzionali, da sentenze della Corte costituzionale e dall’Accordo De Gasperi-Gruber del 1946”.

Per questo motivo, i docenti chiedono, assieme a Marazzini, che “si fermi in tempo il tentativo che si rivela di esclusiva natura politica e privo di qualsiasi serio appiglio storico”.

(di Roberto Tomasi/ANSA)

Ultima ora

21:39Ippica: Agnano festeggia il driver più anziano al mondo

(ANSA) - NAPOLI, 17 NOV - Festa grande all'ippodromo di Agnano di Napoli per 'O barone, al secolo Carmine Di Vincenzo, che con i suoi 90 anni appena compiuti è il driver, ancora in attività, più anziano del mondo. Amici, colleghi e cavalli hanno accolto con calore ed entusiasmo quello che tutti considerano una leggenda vivente dell'ippica italiana, il cui nome e' stato scritto duemila volte nelle griglie di partenza dei maggiori ippodromi. Una cifra da record come da Guinness le volte che e' salito sul podio, quattrocento. 'O barone, indossata la divisa con i suoi colori di scuderia - bianca e cappellino rosso - si e' concesso un giro di anello portando al traguardo il suo Totem.''Festeggio solo i miei primi 90 anni di amore per questo sport e per i cavalli'' ha detto al taglio di torta che, manco a dirlo, era a forma di testa equina. Gia', solo i primi 90 visto che 'O barone non ha nessuna intenzione di scendere dal sulky e, come tutti gli anni, si e' presentato alle visite mediche per la prossima stagione di corse.

21:18Calcio: Spalletti a tifosi Inter,onorati per vostra passione

(ANSA) - MILANO, 17 NOV - Luciano Spalletti ricorda i numeri da record dei tifosi dell'Inter e li ringrazia per aver raggiunto i 50.115 biglietti venduti anche contro l'Atalanta, per un totale di 413.499 spettatori in poco meno di tre mesi. "La vostra clausola rescissoria non ha prezzo, onorati di essere la vostra passione", si legge nella foto pubblicata su Instagram dal tecnico nerazzurro. Poi Spalletti elenca i dati sugli spettatori in questo avvio di stagione: 51.752 contro la Fiorentina, 57.235 con la neopromossa Spal, 50.037 col Genoa poi il record del derby con 78.328 spettatori. Contro la Sampdoria riempirono gli spalti di San Siro 54.451 tifosi e prima della sosta, in 71-581 col Torino nell'ultima sfida prima della sosta del campionato.

21:06Biotestamento: Zanda invia a senatori Pd messaggio Papa

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - Il presidente dei senatori del Pd, Luigi Zanda, secondo quanto apprende l'Ansa, ha inviato ai senatori del proprio gruppo il messaggio inviato ieri da Papa Francesco al convegno al convegno sul 'fine vita' promosso dalla Pontificia Accademia. "Care amiche e cari amici - scrive Zanda ai senatori Dem - penso possa interessarvi il testo integrale del messaggio di Papa Francesco sulla questione del fine vita".

21:05Lavoro: Prodi, quello precario deve costare di più

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - "Il lavoro precario deve costare di più, altrimenti togliamo ai giovani la prospettiva, destrutturiamo il Paese. Il riformismo deve dare certezze, fare i cammini che si possono fare". Queste le parole di Romano Prodi sul tema del lavoro, nel corso del dibattito sulle migrazioni a Bologna col ministro della Giustizia Andrea Orlando e il segretario generale della Cei Nunzio Galantino.

20:55Ragazza suicida a Maddalena: folla commossa al funerale

(ANSA) - PORTO TORRES, 17 NOV - "Perché Michela non ha gridato? Perché ha solo sussurrato le sue paure? O forse ha gridato, ha bussato alle nostre porte, ma il suo grido non ha trovato ascolto?". Don Mario Tanca, parroco della basilica di San Gavino, scaglia le sue accuse in un silenzio surreale. Porto Torres è senza parole. La morte di Michela, la barista di 22 anni che la notte fra il 4 e il 5 novembre si è tolta la vita a La Maddalena - nell'abitazione di un'amica dalla quale aveva cercato pace pochi giorni dopo aver denunciato una rapina subita mentre rientrava a casa da lavoro - è un dolore profondo. Quello celebrato questo pomeriggio non è stato un funerale qualsiasi. Lo conferma il grande dispiegamento di investigatori in borghese inviati dalle Procure di Sassari e di Tempio Pausania, impegnate su due fronti: da una parte si cerca di far luce sull'aggressione culminata con il racconto della rapina subita da Michela, dall'altra si prova a capire chi possa averla istigata al suicidio. In mezzo, emergono le paure sempre più ingombranti della ragazza, che secondo una ipotesi assai consistente si sentiva pressata da qualcuno che la ricattava per via di un video privato, minacciando di diffondere quelle immagini di cui si vergognava. Sarebbe questo il minimo comune denominatore dei due episodi avvenuti a distanza ravvicinata. Gli investigatori oggi andavano e venivano tra la piazza e l'interno della chiesa, riprendendo ogni movimento, ogni persona. I sospettati forse si nascondevano tra la folla che ha salutato Michela per l'ultima volta. Una giovane, subito dopo la cerimonia funebre, è andata al microfono e ha citato Franco Arminio per dire con le parole del poeta che ci vorrebbe "attenzione a chi cade" e "ai ragazzi che crescono", e per ribadire, dalla stessa poesia, che "oggi essere rivoluzionari significa togliere più che aggiungere, rallentare più che accelerare, significa dare valore al silenzio, alla luce, alla fragilità, alla dolcezza".(ANSA).

20:46Giovani uccisi in Sardegna: l’ultima volta di Stefano al bar

(ANSA) - NUORO, 17 NOV - Ancora testi dell'accusa nel processo in Corte d'Assise a Nuoro per gli omicidi di Gianluca Monni e Stefano Masala, di cui è accusato Alberto Cubeddu (il suo presunto complice, il cugino Paolo Enrico Pinna, è stata già stato condannato a 20 anni di carcere). Hanno parlato in aula la 20enne di cui si era invaghito Stefano Masala e il proprietario del Planet bar, Giampiero Lai, di 32 anni, uno degli ultimi ad aver visto il giovane prima della sua scomparsa il 7 maggio 2015. "Quella sera Stefano è venuto nel mio locale tra le 20 e le 20.30 - ha raccontato - Era vestito bene e gli ho chiesto: 'Ste dove stai andando?' Mi ha risposto che non me lo poteva dire e che me lo avrebbe detto l'indomani. Sono state le ultime parole che ho sentito da Stefano". Il Pm Andrea Vacca ha però incalzato Lai, perché la sua deposizione ha omesso un dettaglio importante riferito dal padre dello scomparso, Marco Masala. E cioè che Stefano aveva ricevuto una telefonata quando era al bar e di aver poi detto a Giampiero Lai che a chiamarlo era stato Paolo Enrico Pinna. Quest'ultimo, secondo l'accusa, avrebbe attirato in trappola Stefano con il pretesto di intercedere con la ragazza di cui si era innamorato, poi lo avrebbe ucciso per portargli via l'auto con la quale andare a Orune l'indomani insieme a Cubeddu per uccidere Monni e far ricadere su Stefano le colpe. Giampiero Lai non ha confermato in aula quanto detto a Marco Masala: il suo racconto è stato costellate da molti "non ricordo" e da qualche contraddizione. Chiara invece la ricostruzione della 20enne di cui Stefano si era invaghito. "La mia amicizia con lui era più che altro virtuale - ha chiarito - ero nel gruppo 'amici innamorati' che lui stesso aveva creato. Quando ci incrociavamo era talmente timido che a malapena mi salutava". Quanto a Paolo Pinna ha detto: "Non lo frequentavo ma la sera della scomparsa di Stefano verso le 22.30 mi ha mandato un messaggio con scritto 'Uè..', non ho riconoscevo il numero, poi parlando con amiche ho scoperto che era stato lui a chiedere il mio il mio contatto". Prossima udienza 30 novembre.(ANSA).

20:25Banche: Salvini, si faccia riforma, si sospenda bail-in

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - Dal Dopoguerra in Italia le obbligazioni bancarie non hanno mai rappresentato un pericolo per i risparmiatori. Poi è arrivata l'Europa, il 'bail-in', Renzi con il suo decreto salvabanche ed è cominciato il massacro. Sette banche crollate, centinaia di migliaia di risparmiatori azzerati e, mentre il ministro dell'Economia Padoan ha il coraggio di dire che è tutto a posto, oggi hanno sospeso in borsa le azioni della Carige (e ci auguriamo che gli azionisti facciano di tutto per superare la crisi). Adesso basta!". Così il segretario della Lega Matteo Salvini. "Serve sospendere subito la direttiva del 'bail-in' - sostiene Salvini - Poi l'Europa ci restituisca i 63 miliardi che abbiamo messo nell'inutile "fondo salvastati" e con quelli si diano risarcimenti veri! Si faccia una riforma vera della Banca d'Italia che non ha vigilato quando e come doveva".

Archivio Ultima ora