La Crusca, salvate i nomi italiani dell’Alto Adige

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

La Crusca, salvate i nomi italiani dell'Alto Adige

La Crusca, salvate i nomi italiani dell’Alto Adige

BOLZANO. – Salvate i nomi italiani delle località dell’Alto Adige. C’è anche il presidente dell’Accademia della crusca Claudio Marazzini tra i 48 docenti di atenei italiani e tedeschi che hanno sottoscritto un appello rivolto alle autorità statali e provinciali per la tutela della toponomastica bilingue. Quella dei nomi delle località geografiche altoatesine è una questione che si trascina da tempo sullo scacchiere politico locale, talvolta sottotraccia, talvolta provocando incomprensioni tra la comunità di lingua tedesca e quella, appunto, di lingua italiana che convivono nella provincia autonoma.

La questione prese il via poco più di cento anni fa, quando, nel 1906, Ettore Tolomei, geografo roveretano considerato uno degli esponenti del nazionalismo novecentesco, cominciò la stesura del suo Prontuario dei nomi locali dell’Alto Adige, che poi venne pubblicato dalla Reale società geografica nel 1916.

I nomi dei luoghi altoatesini, forzatamente quasi tutti di lingua tedesca dato che la provincia faceva parte dell’Austria sino al termine della prima guerra mondiale, divennero ufficiali con un decreto di Mussolini del ’23, a cinque mesi dall’insediamento del governo del Duce.

Ed è da quel giorno che se ne parla, con gli esponenti politici del mondo di lingua tedesca a chiedere in qualche modo una limitazione nell’uso ufficiale dei nomi, considerati semplici invenzioni con scopi nazionalisti. Dopo le celeberrime polemiche dei decenni passati, nei quali si paventava, addirittura, la scomparsa della dizione italiana della Vetta d’Italia, la cima più a nord dello Stivale, oggi la questione torna alla ribalta dato che se ne discute in seno alla commissione paritetica dei Sei, consultiva del governo per l’attuazione dello statuto da autonomia.

In commissione, così è trapelato di recente, circolerebbe un elenco di qualche centinaio di nomi di località italiane destinati a sparire dai documenti ufficiali. Di qui le proteste, specialmente della destra di lingua italiana dell’ Alto Adige, sfociate ora nell’appello dei professori universitari di cui fa parte anche il presidente dell’Accademia della Crusca.

“L’ipotizzata cancellazione di parte della toponomastica in lingua italiana – si afferma nel documento – violerebbe gravemente i principi della Costituzione e l’obbligo del bilinguismo italiano-tedesco sancito da leggi costituzionali, da sentenze della Corte costituzionale e dall’Accordo De Gasperi-Gruber del 1946”.

Per questo motivo, i docenti chiedono, assieme a Marazzini, che “si fermi in tempo il tentativo che si rivela di esclusiva natura politica e privo di qualsiasi serio appiglio storico”.

(di Roberto Tomasi/ANSA)

Ultima ora

21:32Minniti a Atreju,applausi e fischi,’ma non sono Crozza’

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Il timore lo confessa subito: "mentre venivo qui pensavo: se mi applaudono troppo, significa che mi hanno scambiato per Crozza". Il ministro dell'Interno Marco Minniti esordisce così al dibattito ad Atreju, la festa di Fratelli d'Italia. Alla fine di un vivace confronto durato oltre un'ora, avrà incassato molti applausi ma anche qualche fischio - soprattutto quando liquida il fascismo - da parte di una platea con diversi nostalgici del Ventennio. Minniti strizza l'occhio al pubblico di Atreju quando ricorda che da sottosegretario alla presidenza del Consiglio gli fu assegnata la stanza con la scrivania di Mussolini e, da sottosegretario alla Difesa, quella di Balbo. Rivendica i risultati ottenuti sul fronte dell'immigrazione illegale, la direttiva sugli sgomberi che "concilia il principio di legalità con quello di umanità" e l'eliminazione del grado di appello nei ricorsi contro il diniego dello status di rifugiato: "sono ministro da 9 mesi, perché queste cose non le hanno fatte i governi di centrodestra?".

21:26Calcio: Sarri “Non ci sentiamo l’antagonista della Juventus”

(ANSA) - ROMA, 23 SET - "La Spal ha fatto un'ottima partita e abbiamo giocato su un terreno indegno per questa categoria. E per una squadra come la nostra essere costretti a fare sempre un tocco in più il problema si accentua". E' l'unico neo che Maurizio Sarri vede nella vittoria del Napoli a Ferrara. Parlando a Premium, il tecnico azzurro innanzitutto "la grande partita degli avversari. Abbiamo dovuto fare un secondo tempo di buon livello per vincere. Se la Spal è giocherà così per tutto l'anno, questo sarà un campo difficile". Nessuna novità sulle condizioni di Milik: "Domani farà un controllo e avremo le idee più chiare. Non è comunque il ginocchio che si è infortunato l'anno scorso", chiarisce Sarri che non si sente l'antagonista principale della Juventus: "Non ci sentiamo l'anti-Juve, siamo una squadra che sta facendo tanti punti e siamo migliorati rispetto agli scorsi anni: siamo più capaci di sopportare gli eventi negativi delle gare. Abbiamo fatto un buon inizio, questo ci dà fiducia per continuare a lavorare".

21:12Premier: Liverpool corsaro a Leicester, vetta a -5

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Vittoria sofferta e 'pesante' del Liverpool al Leicester Stadium. E' finita 3-2 per la squadra di Jurgen Klopp che deve ringraziare Jamie Vardy che ha sbagliato il rigore del possibile pari a 17' minuti dal termine. Reds avanti 2-0 grazie alle reti di Salah (15') e Coutinho (23') prima del risveglio della squadra di casa con Okazaki (48' pt). Nella ripresa Herserson (68') porta a tre le reti degli ospiti ma Vardy un minuto dopo (69') riporta sotto le Foxes. Decisivo, come detto, l'errore dal dischetto dell'attaccante che al 73' spara sui guantoni di Mignolet la palla del possibile pareggio. In classifica il Liverpool sale a 11 punti, cinque in meno delle capoliste City e United (16) e due in meno del Chelsea (13).

21:05Calcio: Juventus-Torino, Higuain in panchina

(ANSA) - TORINO, 23 SET - Parte dalla panchina il derby di Gonzalo Higuain. L'attaccante, che avrebbe accusato un risentimento muscolare nella rifinitura, non figura tra i titolari che questa sera all'Allianz Stadium affrontano il Torino. Al suo posto c'è Mandzukic, con Douglas Costa alla prima da titolare in bianconero a dar man forte all'attaccante croato con Cuadrado e Dybala. In difesa, davanti a Buffon, Lichtsteiner, Benatia, Chiellini e Alex Sandro. A centrocampo Matuidi e Pjanic. Non cambia modulo il Torino. Sinisa Mihajlovic si affida al 4-2-3-1 e schiera Iago Falque, Ljajic e Niang a sostegno di capitan Belotti. Novità invece in difesa: davanti al portiere Sirigu, con il rientrante De Silvestri sulla fascia destra e il centrale Nkoulou ci sono il baby brasiliano Lyanco e Ansaldi, che rispetto alla partita vinta col Sassuolo viene dirottato sulla fascia sinistra. A centrocampo l'ex bianconero Rincon fa coppia con Baselli.

20:51Calcio: Ligue 1, Psg frena e fa 0-0 a Montpellier

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Dopo sei successi consecutivi la corsa del Paris Saint Germain ha rallentato a Montpellier. I parigini, privi di Neymar, non sono andati oltre lo 0-0, cedendo i primi due punti della stagione. Psg sempre primo in classifica con 19 punti, ma il Monaco - che ieri ha travolto 4-0 il Lilla - si è avvicinato portandosi a -1.

20:48Un morto e un ferito in regolamento conti, fermato catanese

(ANSA) - PADOVA, 23 SET - E' stato fermato per omicidio e tentato omicidio l'imprenditore catanese Benedetto Allia, sospettato di aver sparato a due persone stamane nella sua azienda di Bagnoli (Padova), uccidendone una, un uomo di origini calabresi, e ferendo gravemente l'altra, un cittadino marocchino di 29 anni, Yassine Lemfaddel. La discussione fra Allia e il marocchino, per motivi economici e lavorativi, sarebbe degenerata quando lo straniero ha estratto un coltello, colpendo l'imprenditore. Allia, hanno ricostruito gli investigatori, avrebbe reagito imbracciando un fucile da caccia e facendo fuoco su entrambi.

20:42Pallavolo: Europei donne, l’Italia vince ancora

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Nella seconda partita ai Campionati Europei femminili in corso a Tbilisi, in Georgia, l'Italia ha battuto 3-1 la Bielorussia (27-25 25-18 18-25 25-21). E' il secondo successo delle azzurre dopo la vittoria, ieri, nella gara d'esordio contro la Georgia.

Archivio Ultima ora