Desaparecidos: chieste a Roma 30 condanne all’ergastolo

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Desaparecidos: chieste a Roma 30 condanne all'ergastolo

Desaparecidos: chieste a Roma 30 condanne all’ergastolo

ROMA. – Trenta ergastoli ed una assoluzione. Sono le richieste di condanna fatte dalla Procura di Roma nell’ambito del processo a carico di ex Capi di Stato ed esponenti delle giunte militari e dei servizi di sicurezza di Bolivia, Cile, Perù e Uruguay in carica tra gli anni ’70 e ’80. Gli imputati sono accusati, a vario titolo della morte di 23 cittadini di origine italiana.

Nei confronti degli imputati si procede per omicidio plurimo aggravato e sequestro di persona. L’unica assoluzione è stata chiesta nei confronti del tenente di vascello Ricardo Eliseo Chavez Dominguez, uruguayano, capo delle operazioni speciali del Fusna (il servizio segreto della Marina Militare). Nei confronti degli imputati non è contestata la strage per un vizio di procedibilità riscontrata nell’ambito delle udienze preliminari.

Le attività di repressione degli oppositori avvennero all’ interno del cosiddetto Piano Condor. La chiusura dell’inchiesta risale a sei anni fa e riguardava 140 persone (tra le quali anche 59 argentini, 11 brasiliani e 6 paraguayani) ma problemi burocratici legati alla notifica e la morte di numerosi esponenti delle giunte militari hanno fatto scendere il numero delle persone a rischio processo.

Le indagini sono durate oltre dieci anni: una complessa attività investigativa ha cercato di risalire agli autori del “Piano Condor”, un vero e proprio accordo tra le diverse dittature di allora finalizzato all’ eliminazione di sindacalisti, intellettuali, studenti, operai e esponenti di sinistra.

Il primo caso di ‘desaparecido’ contemplato nel procedimento avviato a piazzale Clodio, piuttosto anomalo rispetto agli altri perché avvenuto prima dell’insediamento della giunta militare in Argentina, é quello legato all’uccisione di Alvaro Daniel Banfi, sequestrato in Argentina il 12 settembre 1974 e morto un mese e mezzo dopo.

L’inchiesta nel dicembre del 2007, portò all’emissione di circa 140 richieste di custodia cautelare di cui solo una fu eseguita nei confronti dell’uruguayano Nestor Jorge Fernandez Troccoli, 63 anni, già esponente dei servizi segreti della Marina accusato della morte di sei italiani.

Nell’elenco degli indagati comparivano anche i nomi dei i dittatori Jorge Rafael Videla (Argentina), Jorge Maria Bordaberry ed il suo successore Gregorio Alvarez (Uruguay), l’ex presidente del Perù (1975-80) Francisco Morales e l’ex primo ministro Pedro Richter Prada (1979-80).

“Non mi aspettavo nulla di diverso dalla requisitoria del pubblico ministero – ha commentato l’avvocato Luca Milano, difensore di alcuni imputati – ma del resto è la conferma che in questo processo non si è tenuto minimamente conto della posizione di alcuni Paesi, come ad esempio il Perù, che io rappresento nella difesa di tre imputati, che non hanno avuto nulla a che fare con i fatti contestati”.

(di Marco Maffettone/ANSA)

Ultima ora

18:49Calcio: Vicenza, ingaggiato Marco Amelia

(ANSA) - VICENZA, 27 FEB - La carriera di Marco Amelia, classe 1982, campione del mondo 2006 con la nazionale italiana (era il terzo portiere), riparte da Vicenza. La società biancorossa ha comunicato oggi pomeriggio in via ufficiale l'ingaggio dell'estremo difensore, con un contratto sino al prossimo 30 giugno. Nell'ultima stagione Amelia aveva militato nel Chelsea, in Premier League. Nel corso della sua carriera ha vestito le maglie anche di Palermo, Genoa e Milan. Il mercato degli svincolati si chiuderà domani alle ore 19.

18:35Tiro a volo: Cenci uccisi da mafia burocrati

(ANSA) - NEW DELHI, 27 FEB - "Oggi in pedana non ci sono state ansia e tensione agonistica, solo rabbia e amarezza. vorrei raccontare la storia di venti anni di impegno, sacrificio e amore per lo sport. Quello vero, dove i sogni si realizzano sulle pedane e non nei ristoranti e nelle sale dei grandi alberghi, in cui 3 burocrati decidono il destino degli atleti: è mia convinzione che 3 siano i burattinai che hanno tirato i fili di questo teatrino". E' lo sfogo del ct dell'Italia del Double Trap Mirco Cenci che oggi ha parlato al termine della prova di Cdm disputata a New Delhi - vinta dall'australiano James Willet - dell'esclusione dai prossimi giochi di Tokyo 2020 della disciplina del tiro a volo. "Non posso mascherare il mio rancore - attacca Cenci - verso coloro che, solo pochi mesi fa all'Olimpiade di Rio, mi hanno stretto la mano mentre di nascosto affilavano il coltello per colpire l'agnello sacrificale e uccidere la nostra passione e la più spettacolare delle discipline del tiro a volo".

18:26Carnevale: omaggio a Dante alle sfilate di Rio de Janeiro

(ANSA) - SAN PAOLO, 27 FEB - Omaggio a Dante Alighieri alle sfilate del Carnevale di Rio de Janeiro. La scuola di samba di Salgueiro, che con nove vittorie è una delle più titolate del Carnevale carioca, ha dedicato i propri carri allegorici alla Divina commedia. Gli autori hanno intitolato la sfilata 'La Divina commedia del Carnevale' ed il pubblico ha molto apprezzato soprattutto il carro dedicato all'Inferno, con un imponente diavolo col forcone che sovrastava decine di ballerini mascherati denominati 'luogotenenti del diavolo'. "Sono in pieno inferno, ardendo di una incontrollabile febbre di allegria", erano le parole della canzone che accompagnava la sfilata di Salgueiro. (ANSA)

18:23Migranti: fonti, Ue apre strada infrazioni su relocation

(ANSA) - BRUXELLES, 27 FEB - Con una comunicazione sui ricollocamenti, attesa per mercoledì, dopo l'ok del collegio dei commissari Ue, Bruxelles apre la strada alla possibilità di aprire procedure di infrazione ai Paesi che "non tengono il passo" sullo schema delle 98.255 'relocation' previste da Italia e Grecia, da completare entro settembre 2017. Lo riferiscono fonti Ue all'ANSA. Inoltre, per i servizi legali dell'esecutivo comunitario, il programma dovrà essere completato e non si potrà ritenere concluso sulla base della scadenza di settembre.

18:19Casa Bianca, aumento spese Difesa per 54 miliardi dollari

(ANSA) - NEW YORK, 27 FEB - La Casa Bianca punta ad aumentare le spese per la difesa di 54 miliardi di dollari attraverso un taglio corrispettivo sul fronte delle spese di altre agenzie e dipartimenti. Lo riporta la Casa Bianca nel corso di una conference call con i giornalisti. In particolare - si spiega - tagli consistenti sono previsti sul fronte degli aiuti all'estero. (ANSA).

18:13Calcio: Scarpa d’Oro, Messi balza in testa

(ANSA) - ROMA, 27 FEB - Grazie alla rete decisiva segnata contro l'Atletico Madrid, l'argentino del Barcellona Lionel Messi è salito al comando della classifica della Scarpa d'Oro 2016/17 con 40 punti. Gonzalo Higuaín ed Edin Dzeko, a digiuno di gol nel weekend, sono stati scavalcati anche da Edinson Cavani, che ha firmato il suo 26/o gol in 25 partite di Ligue 1 con il Psg. Al terzo posto, alla pari con gli attaccanti di Juventus e Roma, ci sono anche due bomber di Bundesliga, Pierre-Emerick Aubameyang e Robert Lewandowski. L'attaccante del Borussia Dortmund ha realizzato una splendida doppietta contro il Friburgo mentre il polacco addirittura una tripletta nel travolgente 8-0 del Bayern Monaco contro l'Amburgo.

18:00Bus turistici contro Comune Firenze,no rispetta sentenze Tar

(ANSA) - FIRENZE, 27 FEB - "Nardella rispetta le sentenze": questo uno degli striscioni esposti nel corso del presidio organizzato stamani in centro a Firenze dal sindacato dei noleggiatori di bus turistici Emet Toscana per protestare contro "il mancato rispetto delle sentenze del Tar da parte del Comune di Firenze sulla questione degli abbonamenti per l'accesso alla città". Gestori dei bus turistici e Palazzo Vecchio sono da tempo impegnati in un braccio di ferro che ha portato alla sospensione da parte del tar della normativa con cui l'amministrazione limitava di numero e rincarava i pass per l'ingresso dei mezzi a Firenze, ripristinando la precedente disciplina, meno restrittiva. Il Comune ha dichiarato di voler ricorrere contro la decisione, rinviando però la restituzione delle somme maggiori percepite dopo la pronuncia dell'appello. Decisione che ha fatto infuriare i noleggiatori dei bus: "Palazzo Vecchio non attua le sentenze - hanno detto i noleggiatori - e a Firenze ci viene impedito di lavorare correttamente".(ANSA).

Archivio Ultima ora