Desaparecidos: chieste a Roma 30 condanne all’ergastolo

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Desaparecidos: chieste a Roma 30 condanne all'ergastolo

Desaparecidos: chieste a Roma 30 condanne all’ergastolo

ROMA. – Trenta ergastoli ed una assoluzione. Sono le richieste di condanna fatte dalla Procura di Roma nell’ambito del processo a carico di ex Capi di Stato ed esponenti delle giunte militari e dei servizi di sicurezza di Bolivia, Cile, Perù e Uruguay in carica tra gli anni ’70 e ’80. Gli imputati sono accusati, a vario titolo della morte di 23 cittadini di origine italiana.

Nei confronti degli imputati si procede per omicidio plurimo aggravato e sequestro di persona. L’unica assoluzione è stata chiesta nei confronti del tenente di vascello Ricardo Eliseo Chavez Dominguez, uruguayano, capo delle operazioni speciali del Fusna (il servizio segreto della Marina Militare). Nei confronti degli imputati non è contestata la strage per un vizio di procedibilità riscontrata nell’ambito delle udienze preliminari.

Le attività di repressione degli oppositori avvennero all’ interno del cosiddetto Piano Condor. La chiusura dell’inchiesta risale a sei anni fa e riguardava 140 persone (tra le quali anche 59 argentini, 11 brasiliani e 6 paraguayani) ma problemi burocratici legati alla notifica e la morte di numerosi esponenti delle giunte militari hanno fatto scendere il numero delle persone a rischio processo.

Le indagini sono durate oltre dieci anni: una complessa attività investigativa ha cercato di risalire agli autori del “Piano Condor”, un vero e proprio accordo tra le diverse dittature di allora finalizzato all’ eliminazione di sindacalisti, intellettuali, studenti, operai e esponenti di sinistra.

Il primo caso di ‘desaparecido’ contemplato nel procedimento avviato a piazzale Clodio, piuttosto anomalo rispetto agli altri perché avvenuto prima dell’insediamento della giunta militare in Argentina, é quello legato all’uccisione di Alvaro Daniel Banfi, sequestrato in Argentina il 12 settembre 1974 e morto un mese e mezzo dopo.

L’inchiesta nel dicembre del 2007, portò all’emissione di circa 140 richieste di custodia cautelare di cui solo una fu eseguita nei confronti dell’uruguayano Nestor Jorge Fernandez Troccoli, 63 anni, già esponente dei servizi segreti della Marina accusato della morte di sei italiani.

Nell’elenco degli indagati comparivano anche i nomi dei i dittatori Jorge Rafael Videla (Argentina), Jorge Maria Bordaberry ed il suo successore Gregorio Alvarez (Uruguay), l’ex presidente del Perù (1975-80) Francisco Morales e l’ex primo ministro Pedro Richter Prada (1979-80).

“Non mi aspettavo nulla di diverso dalla requisitoria del pubblico ministero – ha commentato l’avvocato Luca Milano, difensore di alcuni imputati – ma del resto è la conferma che in questo processo non si è tenuto minimamente conto della posizione di alcuni Paesi, come ad esempio il Perù, che io rappresento nella difesa di tre imputati, che non hanno avuto nulla a che fare con i fatti contestati”.

(di Marco Maffettone/ANSA)

Ultima ora

14:27Teatro: Carlo Felice. Roi mette mandato a disposizione

(ANSA) - GENOVA, 29 GIU - "Ho messo a disposizione il mio mandato e questo è, semplicemente, un gesto di rispetto istituzionale". Lo ha annunciato oggi il sovrintendente del Teatro Carlo Felice di Genova, Maurizio Roi, a margine della presentazione della nuova stagione. E' pronto a lasciare la carica che aveva assunto nel 2014 dopo il cambio di sindaco e l'elezione di Marco Bucci. "Sono stato nominato dal ministro Dario Franceschini - ha spiegato Roi ai giornalisti - su indicazione del consiglio di indirizzo, presieduto dal sindaco di Genova Marco Doria. Oggi è cambiata l'amministrazione e questa mi sembra sia una forma di rispetto. Se il nuovo sindaco vuole scegliere una persona di fiducia deve poterlo fare tranquillamente". Un rispetto istituzionale anche perché: "in questo paese un minimo di rispetto delle istituzioni sarebbe bene averlo. La forma - conclude Roi - è sostanza". (ANSA).

14:26Ustica:Corte Appello conferma condanna Ministeri a risarcire

(ANSA) - ROMA, 29 GIU - Lo Stato dovrà risarcire oltre 17 milioni di euro a 29 familiari delle vittime della strage di Ustica (27 giugno 1980, 81 morti). E' quanto ha stabilito, con una sentenza depositata ieri, la prima sezione civile della Corte d'Appello di Palermo rigettando l'appello che l'Avvocatura dello Stato aveva presentato contro la sentenza di condanna emessa dal Tribunale civile di Palermo nel 2011. Secondo la Corte del capoluogo siciliano, resta accertato il depistaggio delle indagini svolte all'indomani del disastro aereo del Dc9 Itavia. Il velivolo, che da Bologna andava a Palermo, con ogni probabilità fu abbattuto da un missile e a parere dei giudici civili i Ministeri della Difesa e dei Trasporti non assicurarono al volo adeguate condizioni di sicurezza. Per i giudici palermitani è esclusa l'ipotesi alternativa della bomba collocata a bordo dell'aereo o di un cedimento strutturale, in linea, quindi, con lo scenario già tracciato dall'istruttoria conclusa nel '99 dal giudice Rosario Priore.

14:23Botte e abusi su sorelline troppo ‘occidentali’, otto anni

(ANSA) - BOLOGNA, 29 GIU - Vessazioni, percosse e abusi, anche sessuali, alle due sorelline perché non volevano conformarsi al modello religioso, islamico, della famiglia. E' l'accusa che ha portato a processo a Bologna un giovane, figlio di genitori nordafricani, per violenza sessuale e maltrattamenti: il Tribunale per i Minorenni lo ha condannato ieri a otto anni. I fatti emersero quando nella scuola frequentata dalle bambine, che vivevano in un paese della provincia bolognese, gli insegnanti si insospettirono per lividi e assenze prolungate. Partì un intervento dei servizi sociali e l'indagine dei Carabinieri e della Procura per i Minori. E' stato ricostruito che il padre aveva affidato le due sorelline al fratello, all' epoca minorenne, con il compito, in sostanza, di preservarle dalla cultura occidentale. Le bambine furono sentite con audizioni protette - una delle due riferì di aver subito abusi - e furono ritenute credibili, tanto che furono subito protette e affidate a una comunità. (ANSA).

13:51Strage Viareggio: fischi treni in transito per ricordare

(ANSA) - VIAREGGIO (LUCCA), 29 GIU - Nell'ottavo anniversario del disastro ferroviario del 29 giugno 2009 a Viareggio da stamani i treni in transito nella stazione hanno fischiato, come espressione di ricordo e cordoglio, e lo faranno fino a stasera, quando verranno letti i nomi delle 32 vittime innocenti, nel piazzale di largo Risorgimento al termine del corteo per le vie della città, che partirà alle 21 da via Ponchielli. Ogni 29 giugno è così per mantenere vivo il ricordo di quella notte. (ANSA).

13:33Stato-mafia: audio Graviano su Berlusconi entra nel processo

(ANSA) - PALERMO, 29 GIU - Il capitolo sui presunti favori che l'ex premier Silvio Berlusconi avrebbe ricevuto da Cosa nostra, in particolare dalla cosca di Brancaccio entra nel processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia. La Corte d'assise di Palermo, accogliendo la richiesta della procura, ha disposto la trascrizione delle conversazioni in cui il boss Giuseppe Graviano parla in carcere col detenuto Umberto Adinolfi proprio dei presunti favori fatti all'ex premier e del presunto ruolo che questi avrebbe avuto nelle stragi mafiose. Disposto l'esame di Graviano che, dal '94, è detenuto al 41 bis.

13:33Europei U21: Gagliardini,chiedo scusa a tutti per esplusione

(ANSA) - MILANO, 29 GIU - "Chiedo scusa per il mio imperdonabile errore. E' stato straziante e frustrante". Roberto Gagliardini fa mea culpa dopo l'espulsione che ha compromesso la semifinale con la Spagna agli Europei Under 21. Una lettera a cuore aperto in cui chiede scusa a tutti, sentendosi responsabile delle difficoltà degli azzurrini. "È difficile trovare le parole giuste - scrive il centrocampista Inter - le ho pensate a lungo, probabilmente non esistono, allora ho scelto le più sincere possibili. Chiedo scusa, anche se non può bastare a giustificare 2 anni di duro lavoro, di sacrifici da parte di tutti coloro che ci hanno accompagnato in questa esperienza unica. Chiedo scusa per il mio imperdonabile errore che mi ha costretto a vedere i miei compagni lottare fino all'ultimo in inferiorità numerica: è stato straziante, frustrante. Purtroppo il calcio è anche questo. Dopo le scuse restano i grazie. Grazie a tutti,sono orgoglioso di aver fatto parte di questa squadra, e sono semplicemente orgoglioso di essere italiano".

13:25Ovazione Cisl a Prodi. Ex premier, serve rinascita politica

(ANSA) - ROMA, 29 GIU - Ovazione per Romano Prodi da parte dei delegati Cisl a congresso. L'ex premier ha poi preso la parola dal palco, parlando di Europa e lavoro, ma anche della necessità della politica. "Contro la disuguaglianza nel lavoro serve la necessità della rinascita della politica: il poco lavoro che c'è va distribuito secondo un assetto complesso. E bisogna parlare di cose scomode. Sento parlare di aliquota unica. Allora abbiamo perduto l'anima. Facciamo pagare il 45% a chi paga 20mila euro come a chi guadagna 20 milioni. Dove andiamo a finire?". "Il sindacato - ha detto alla platea cislina - sia protagonista della lotta per l'equità: senza il sindacato la centralità del mondo del lavoro non esiste". Infine l'Ue e l'euro: "Quando predico sull'Europa, perché ormai il mio ruolo è quello del predicatore, parlo ai giovani dell'importanza dell'Europa... Noi senza l'Europa non saremmo niente", ha affermato, per poi aggiungere: "L'Euro è l'unico strumento che abbiamo in mano, per costruire il nostro futuro".

Archivio Ultima ora