Gesuiti: il venezuelano Sosa Abascal è il nuovo “Papa nero”

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Gesuiti:venezuelano Sosa Abascal è il nuovo 'Papa nero'  Latino-americano, primo non europeo, a guida ordine di Bergoglio

Gesuiti:venezuelano Sosa Abascal è il nuovo ‘Papa nero’
Latino-americano, primo non europeo, a guida ordine di Bergoglio

CITTA’ DEL VATICANO. – Si sposta ancora di qualche grado verso l’America Latina l’asse della Chiesa cattolica mondiale. Un latino-americano, primo non europeo nei quasi 500 anni di storia dell’ordine, è stato infatti eletto alla guida della Compagnia di Gesù, l’istituto religioso più influente e diffuso al mondo con i suoi quasi 17 mila membri: si tratta del venezuelano padre Arturo Sosa Abascal, 68 anni il prossimo 12 novembre, votato dalla 36/ma congregazione generale riunita a Roma nuovo preposito generale dei Gesuiti, trentesimo successore di Sant’Ignazio di Loyola.

L’avvenuta elezione del nuovo “Papa nero” – noto così nell’immaginario popolare perché eletto a vita, per il potere e il prestigio della Compagnia e per il colore della veste talare – è stata annunciata da uno scrosciate applauso dall’interno dell’aula e dal successivo e tradizionale suono della campanella della Curia generalizia in Borgo Santo Spirito, a Roma.

Perché si annunciasse pubblicamente – via Twitter, anche questo un primato – si è dovuto però attendere che venisse informato il Papa in carica, il primo a cui la nomina deve essere comunicata in virtù del voto speciale di obbedienza che lega i Gesuiti al successore di Pietro. Un Papa, tra l’altro, che per la prima volta e anch’egli un gesuita e anch’egli un sudamericano.

Padre Sosa, a dispetto anche delle voci che indicavano altre previsioni e altri nomi, ha riscosso la maggioranza dei consensi fra i 212 elettori riuniti a Roma dal 2 ottobre scorso, e che negli ultimi quattro giorni sono stati impegnati nelle tradizionali “mormorazioni”, le consultazioni due a due per avere informazioni su possibili destinatari del voto. Un metodo sperimentato per evitare anche la formazione di lobby e cordate.

Il nuovo e trentunesimo “Papa nero” succede allo spagnolo padre Adolfo Nicolas, di cui la congregazione generale ha accettato le dimissioni presentate al compimento degli 80 anni. “Ho il sentimento di avere bisogno di tanto aiuto: adesso incomincia una grande sfida”, ha commentato a caldo Sosa alla Radio Vaticana.

“Questa è la Compagnia di Gesù e allora Gesù deve darsi da fare anche qua, con noi – ha detto il neo-generale -. Dopo, io mi fido dei compagni che sono così bravi. Spero anche che la Congregazione ci porti avanti con un bel gruppo di lavoro e anche con orientamenti molto precisi per potere andare avanti: questo non è il lavoro di una persona, è il lavoro del corpo della Compagnia. Io farò del mio meglio possibile. Sono molto sorpreso, molto grato al Signore. Prego per tutti”.

La congregazione andrà avanti ora per discutere e indicare al nuovo preposito le linee di governo dell’ordine e scegliere i suoi più diretti collaboratori. In primo piano le sfide della Chiesa e della Compagnia ai quattro angoli del mondo, con un occhio speciale alle ‘periferie’ del Sudamerica, dell’Asia, dell’Africa dove i Gesuiti vantano una storica presenza e dove, specie in questi due ultimi continenti, vivono ancora una notevole crescita.

Una Compagnia di Gesù, comunque, che col nuovo superiore generale, e con la presenza di Bergoglio sul seggio petrino, non potrà che essere ancor meno eurocentrica.

Padre Arturo Sosa, della provincia del Venezuela – oggi al centro anche del grande travaglio politico e sociale del Paese -, è nato a Caracas il 12 novembre 1948. Era delegato per le case e le opere interprovinciali della Compagnia di Gesù a Roma. Si è laureato in Filosofia all’Università cattolica Andres Bello e ha conseguito un dottorato in scienze politiche all’Università centrale del Venezuela.

Tra il 1996 e il 2004 è stato provinciale dei gesuiti nel suo Paese e, in precedenza, coordinatore dell’apostolato sociale e direttore del Centro Gumilla, per la ricerca e l’azione sociale dei gesuiti in Venezuela. Si è dedicato a lungo all’insegnamento, anche in ambito universitario. In particolare, ha perseguito la ricerca nel campo delle scienze politiche in diversi centri e istituzioni.

Sue pubblicazioni hanno riguardato soprattutto la storia e la politica del Venezuela. Forti, quindi, il suo impegno e la sua attenzione, più che nel campo teologico, in quello politico e sociale: un profilo promettente per quella “Chiesa in uscita” che sta a cuore a papa Francesco.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

16:57Calcio: Maradona, bisogna far saltare Afa con una granata

(ANSA) - BUENOS AIRES, 25 APR - "L'Afa (la federcalcio argentina ndr) è un ferro bollente. Bisogna farla saltare con una granata, e crearne una tutta nuova". Dai microfoni di Radio Rivadavia, Diego Armando Maradona torna ad attaccare il 'governo' del calcio del suo paese nonostante il recente rinnovo dei ranghi federali. Poi l'ex fuoriclasse del Napoli se la prende anche con un compagno di squadra dei tempi del Boca: Juan Sebàstian Veron, nominato responsabile delle nazionali giovanili. "Credo che nessun calciatore (Veron gioca ancora nell'Estudiantes n.d.r.), visto come si conoscono le cose, possa mettersi dentro l'Afa. E tanto meno dovrebbe andare a dirigere le giovanili. E io ho detto che Veron non ha neppure le capacità per farlo".

16:41Musica: Pat Metheny apre tour mondiale a S. Benedetto Tronto

(ANSA) - MILANO, 25 APR - San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) torna per una sera al centro della musica internazionale come ai tempi della Palazzina Azzurra degli anni Sessanta e Settanta: mercoledì 3 maggio al Palariviera il chitarrista statunitense Pat Metheny, icona delle musica jazz, apre il suo nuovo tour mondiale. Una cinquantina di tappe di cui altre 5 in Italia: Assisi (il 4 maggio, l'incasso sarà destinato alle popolazioni colpite dal sisma), Bari (5), Napoli (6), Ravenna (7) e Roma (8 maggio). Metheny arriverà nella città marchigiana il 1° maggio e il giorno successivo farà la prova generale per preparare al meglio l'atteso debutto. Una grande occasione di visibilità anche per San Benedetto del Tronto: arriveranno fans da tutta Italia con biglietti venduti anche in Sicilia e in Piemonte. Vincitore di 20 Grammy Awards, Pat Metheny, dopo due anni di assenza dai palchi torna non da solista ma con una formazione a quattro con Antonio Sanchez, Linda Oh e Gwilym Simcock.

16:34Brexit: accordo 27 su linee guida, resta scoglio Irlanda

(ANSA) - BRUXELLES, 25 APR - Tra gli sherpa dei 27 è stato raggiunto "un ampio consenso generale" sulle linee guida politiche per il negoziato europeo sulla Brexit, che saranno validate giovedì dal Consiglio Affari Generali e definitivamente approvate sabato dal vertice straordinario a Bruxelles. Lo indicano fonti europee specificando che nell'ultima riunione di ieri è stato messo a punto il linguaggio per i permessi permanenti di residenza ed stato chiarito che per i servizi finanziari dovrà essere raggiunto un "accordo separato" successivamente al negoziato per l'uscita del Regno Unito. Le fonti sottolineano che lo "scoglio principale" sul percorso del negoziato resta quello della frontiera tra Irlanda e Irlanda del Nord, nonché quelle tra Gibilterra e Spagna e delle due basi militari britanniche a Cipro.

16:33Del Grande: non chiamatemi eroe

(ANSA) - ROMA, 25 APR - "Non chiamatemi eroe, ho solo fatto il mio lavoro. Sono uno dei tanti, ci sono ancora 174 giornalisti in carcere" in Turchia: così Gabriele Del Grande a margine dell'incontro con i cronisti della stampa estera a Roma. "Chiedo di essere giudicato per il mio lavoro, nulla di più", ha sottolineato il reporter.

16:30Venezuela: 19enne ucciso ieri notte nello stato di Lara

(ANSA) - CARACAS, 25 APR - Un 19enne venezuelano è stato ucciso ieri notte a Moran, nello stato di Lara (centro-ovest del paese) durante scontri violenti e saccheggi nella località. Lo ha reso noto su Twitter il sindaco di Moran, Teodulo Medina, che ha accusato i "terroristi dell'opposizione" di essere responsabili della sua morte. (ANSA)

16:29Atletica: iridato asta Barber fa coming out, ‘sono gay’

(ANSA) - ROMA, 25 APR - "Gay e fiero! Grazie ai miei genitori per il grande supporto che mi danno". Con questo post sulla sua pagina Facebook, il campione del mondo in carica di salto con l'asta, il 23enne canadese Shawn Barber, oro a Pechino 2015 con la misura di 5.90, ha fatto coming out rivelando di essere omosessuale. "Continuo a crescere come persona - ha aggiunto Barber - e ho avuto un grande appoggio da chi mi è vicino. I miei genitori sono il mio maggiore supporto e di recente mi hanno aiutato moltissimo. E ai miei amici dico che lo sarete sempre e vi voglio bene". Barber, solo decimo nella gara dell'Olimpiade di Rio, è primatista canadese indoor e all'aperto con 6 e 5.93 metri.

16:27Migranti: Oim, 1089 morti nel 2017 nel Mediterraneo

(ANSA) - GINEVRA, 25 APR - Dall'inizio dell'anno, 1.089 migranti e rifugiati sono morti nel Mediterraneo mentre cercavano di raggiungere l'Europa via mare. Lo rivelano gli ultimi dati resi noti oggi a Ginevra dall'Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim). Nello stesso periodo (1 gennaio-23 aprile 2017), un totale di 43.204 migranti e rifugiati sono entrati via mare in Europa, l'80% dei quali in Italia (36.851) ed il resto in Spagna e in Grecia.

Archivio Ultima ora