Gesuiti: il venezuelano Sosa Abascal è il nuovo “Papa nero”

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Gesuiti:venezuelano Sosa Abascal è il nuovo 'Papa nero'  Latino-americano, primo non europeo, a guida ordine di Bergoglio

Gesuiti:venezuelano Sosa Abascal è il nuovo ‘Papa nero’
Latino-americano, primo non europeo, a guida ordine di Bergoglio

CITTA’ DEL VATICANO. – Si sposta ancora di qualche grado verso l’America Latina l’asse della Chiesa cattolica mondiale. Un latino-americano, primo non europeo nei quasi 500 anni di storia dell’ordine, è stato infatti eletto alla guida della Compagnia di Gesù, l’istituto religioso più influente e diffuso al mondo con i suoi quasi 17 mila membri: si tratta del venezuelano padre Arturo Sosa Abascal, 68 anni il prossimo 12 novembre, votato dalla 36/ma congregazione generale riunita a Roma nuovo preposito generale dei Gesuiti, trentesimo successore di Sant’Ignazio di Loyola.

L’avvenuta elezione del nuovo “Papa nero” – noto così nell’immaginario popolare perché eletto a vita, per il potere e il prestigio della Compagnia e per il colore della veste talare – è stata annunciata da uno scrosciate applauso dall’interno dell’aula e dal successivo e tradizionale suono della campanella della Curia generalizia in Borgo Santo Spirito, a Roma.

Perché si annunciasse pubblicamente – via Twitter, anche questo un primato – si è dovuto però attendere che venisse informato il Papa in carica, il primo a cui la nomina deve essere comunicata in virtù del voto speciale di obbedienza che lega i Gesuiti al successore di Pietro. Un Papa, tra l’altro, che per la prima volta e anch’egli un gesuita e anch’egli un sudamericano.

Padre Sosa, a dispetto anche delle voci che indicavano altre previsioni e altri nomi, ha riscosso la maggioranza dei consensi fra i 212 elettori riuniti a Roma dal 2 ottobre scorso, e che negli ultimi quattro giorni sono stati impegnati nelle tradizionali “mormorazioni”, le consultazioni due a due per avere informazioni su possibili destinatari del voto. Un metodo sperimentato per evitare anche la formazione di lobby e cordate.

Il nuovo e trentunesimo “Papa nero” succede allo spagnolo padre Adolfo Nicolas, di cui la congregazione generale ha accettato le dimissioni presentate al compimento degli 80 anni. “Ho il sentimento di avere bisogno di tanto aiuto: adesso incomincia una grande sfida”, ha commentato a caldo Sosa alla Radio Vaticana.

“Questa è la Compagnia di Gesù e allora Gesù deve darsi da fare anche qua, con noi – ha detto il neo-generale -. Dopo, io mi fido dei compagni che sono così bravi. Spero anche che la Congregazione ci porti avanti con un bel gruppo di lavoro e anche con orientamenti molto precisi per potere andare avanti: questo non è il lavoro di una persona, è il lavoro del corpo della Compagnia. Io farò del mio meglio possibile. Sono molto sorpreso, molto grato al Signore. Prego per tutti”.

La congregazione andrà avanti ora per discutere e indicare al nuovo preposito le linee di governo dell’ordine e scegliere i suoi più diretti collaboratori. In primo piano le sfide della Chiesa e della Compagnia ai quattro angoli del mondo, con un occhio speciale alle ‘periferie’ del Sudamerica, dell’Asia, dell’Africa dove i Gesuiti vantano una storica presenza e dove, specie in questi due ultimi continenti, vivono ancora una notevole crescita.

Una Compagnia di Gesù, comunque, che col nuovo superiore generale, e con la presenza di Bergoglio sul seggio petrino, non potrà che essere ancor meno eurocentrica.

Padre Arturo Sosa, della provincia del Venezuela – oggi al centro anche del grande travaglio politico e sociale del Paese -, è nato a Caracas il 12 novembre 1948. Era delegato per le case e le opere interprovinciali della Compagnia di Gesù a Roma. Si è laureato in Filosofia all’Università cattolica Andres Bello e ha conseguito un dottorato in scienze politiche all’Università centrale del Venezuela.

Tra il 1996 e il 2004 è stato provinciale dei gesuiti nel suo Paese e, in precedenza, coordinatore dell’apostolato sociale e direttore del Centro Gumilla, per la ricerca e l’azione sociale dei gesuiti in Venezuela. Si è dedicato a lungo all’insegnamento, anche in ambito universitario. In particolare, ha perseguito la ricerca nel campo delle scienze politiche in diversi centri e istituzioni.

Sue pubblicazioni hanno riguardato soprattutto la storia e la politica del Venezuela. Forti, quindi, il suo impegno e la sua attenzione, più che nel campo teologico, in quello politico e sociale: un profilo promettente per quella “Chiesa in uscita” che sta a cuore a papa Francesco.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

00:15Terremoto: Sarri, vittoria Napoli dedicata a gente Ischia

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Questa vittoria è dedicata alla popolazione di Ischia che purtroppo sta vivendo un momento molto difficile". E' il pensiero di Maurizio Sarri alla popolazione dell'isola colpita dal terremoto, dopo la qualificazione del Napoli alla fase a gironi della Champions League.

23:56Champions: Callejon, Napoli merita questo palcoscenico

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Tornare in Champions era quello che volevamo, il Napoli è una squadra che merita i grandi palcoscenici. Abbiamo sempre imposto il nostro calcio e penso che la qualificazione sia meritata". Josè Callejon, autore della prima rete con il Nizza, si gode così il successo sul campo dei francesi che vale la qualificazione alla fase a gironi della Champions.

23:54Champions: Favre, “Balotelli insufficiente”

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "La prestazione di Balotelli? Preferirei non parlare di questo argomento. Quello che ha fatto stasera è totalmente insufficiente, deve fare di più di quello che ho visto stasera". Il tecnico del Nizza Lucien Favre boccia senza mezzi termini la prova di Supermario contro il Napoli. "Nel momento del sorteggio - aggiunge l'allenatore dei francesi eliminati dai partenopei -, avrei voluto qualsiasi altra squadra, anche più blasonata, ma non questo Napoli. Perché è davvero molto organizzata, gioca un grande calcio. Lo conoscevo, lo studio da tre anni: ha giocatori estremamente tecnici e anche rapidi. Potevamo fare poco".

23:52Champions: Insigne “Grande prova maturità, mai perso testa”

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Abbiamo fatto una grande gara, giocando da squadra. Non era facile, ma noi siamo sempre rimasti uniti e non abbiamo mai perso la testa. Non sfigurerei nel Barcellona? Grazie, ma io voglio continuare a fare bene con questa maglia. Barcellona è il sogno di tutti, si sa, ma ora mi interessa giocare con questa maglia". Lorenzo Insigne si gode la serata e il gol che ha spinto il Napoli alla fase a gironi della Champions. "Abbiamo dato una grande prova di maturità, ma dobbiamo subito tornare concentrati per la sfida contro l'Atalanta - aggiunge -, che l'anno scorso ci ha messo in difficoltà. Noi non dobbiamo pensare di essere l'anti Juventus, dobbiamo solo pensare a fare il nostro campionato. Lo stesso discorso vale per la Champions: dobbiamo solo pensare a fare bene, poi chi meriterà di passare, passerà".

23:50Champions: gioia Sarri, giusto premio per questo Napoli

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Abbiamo fatto bene, questa è la nostra strada per arrivare a fare risultati. Mentre se ci mettiamo a gestire le partite andiamo in difficoltà. Penso che la Champions sia il giusto premio per un gruppo che l'anno scorso ha fatto 86 punti: non ricordo a memoria di una squadra che arriva a 86 punti e non gioca la Champions l'anno dopo". Maurizio Sarri non nasconde la gioia dopo il 2-0 a Nizza che porta il suo Napoli nella fase a gironi del torneo. "Questo è un gruppo che ha grandi valori morali - dice l'allenatore -, spirito di attaccamento alla maglia, non è stato necessario motivarli tanto: il merito è tutto loro. Stiamo cominciando a prendere coscienza dei limiti che abbiamo e solo così potremo colmarli: a volte rischiamo ancora di diventare leziosi, ma se riusciremo a mettere una pezza a queste piccole situazioni lo sapremo solo in futuro. Qualche difetto ce l'abbiamo ancora e non sarà facile colmare il gap con le grandi. Mercato? Se andrà via qualcuno, magari qualcuno arriverà: ora siamo al completo".

23:31Champions: Siviglia avanza alla fase a gironi

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Maribor, Siviglia e Olympiacos accedono alla fase a gironi della Champions League. Qualificato anche il Celtic. Risultati delle gare di ritorno dei playoff: Siviglia-Istanbul Basaksehir 2-2 (andata 2-1) Rijeka-Olympiacos 0-1 (andata 1-2) Maribor-Hapoel Beer Sheva 1-0 (andata 1-2) Astana-Celtic 4-3 (andata 0-5).

23:16Champions: 2-0 al Nizza, Napoli qualificato

(ANSA) - NIZZA, 22 AGO - Il Napoli batte il Nizza 2-0 (0-0) nella gara di ritorno dei playoff di Champions League e si qualifica alla fase a gironi. La squadra di Sarri ha dominato il match anche in trasferta chiudendo con lo stesso risultato dell'andata al San Paolo. Decidono le reti nella ripresa, al 2' con Callejon e il raddoppio al 43' con Insigne.

Archivio Ultima ora