Gesuiti: il venezuelano Sosa Abascal è il nuovo “Papa nero”

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Gesuiti:venezuelano Sosa Abascal è il nuovo 'Papa nero'  Latino-americano, primo non europeo, a guida ordine di Bergoglio

Gesuiti:venezuelano Sosa Abascal è il nuovo ‘Papa nero’
Latino-americano, primo non europeo, a guida ordine di Bergoglio

CITTA’ DEL VATICANO. – Si sposta ancora di qualche grado verso l’America Latina l’asse della Chiesa cattolica mondiale. Un latino-americano, primo non europeo nei quasi 500 anni di storia dell’ordine, è stato infatti eletto alla guida della Compagnia di Gesù, l’istituto religioso più influente e diffuso al mondo con i suoi quasi 17 mila membri: si tratta del venezuelano padre Arturo Sosa Abascal, 68 anni il prossimo 12 novembre, votato dalla 36/ma congregazione generale riunita a Roma nuovo preposito generale dei Gesuiti, trentesimo successore di Sant’Ignazio di Loyola.

L’avvenuta elezione del nuovo “Papa nero” – noto così nell’immaginario popolare perché eletto a vita, per il potere e il prestigio della Compagnia e per il colore della veste talare – è stata annunciata da uno scrosciate applauso dall’interno dell’aula e dal successivo e tradizionale suono della campanella della Curia generalizia in Borgo Santo Spirito, a Roma.

Perché si annunciasse pubblicamente – via Twitter, anche questo un primato – si è dovuto però attendere che venisse informato il Papa in carica, il primo a cui la nomina deve essere comunicata in virtù del voto speciale di obbedienza che lega i Gesuiti al successore di Pietro. Un Papa, tra l’altro, che per la prima volta e anch’egli un gesuita e anch’egli un sudamericano.

Padre Sosa, a dispetto anche delle voci che indicavano altre previsioni e altri nomi, ha riscosso la maggioranza dei consensi fra i 212 elettori riuniti a Roma dal 2 ottobre scorso, e che negli ultimi quattro giorni sono stati impegnati nelle tradizionali “mormorazioni”, le consultazioni due a due per avere informazioni su possibili destinatari del voto. Un metodo sperimentato per evitare anche la formazione di lobby e cordate.

Il nuovo e trentunesimo “Papa nero” succede allo spagnolo padre Adolfo Nicolas, di cui la congregazione generale ha accettato le dimissioni presentate al compimento degli 80 anni. “Ho il sentimento di avere bisogno di tanto aiuto: adesso incomincia una grande sfida”, ha commentato a caldo Sosa alla Radio Vaticana.

“Questa è la Compagnia di Gesù e allora Gesù deve darsi da fare anche qua, con noi – ha detto il neo-generale -. Dopo, io mi fido dei compagni che sono così bravi. Spero anche che la Congregazione ci porti avanti con un bel gruppo di lavoro e anche con orientamenti molto precisi per potere andare avanti: questo non è il lavoro di una persona, è il lavoro del corpo della Compagnia. Io farò del mio meglio possibile. Sono molto sorpreso, molto grato al Signore. Prego per tutti”.

La congregazione andrà avanti ora per discutere e indicare al nuovo preposito le linee di governo dell’ordine e scegliere i suoi più diretti collaboratori. In primo piano le sfide della Chiesa e della Compagnia ai quattro angoli del mondo, con un occhio speciale alle ‘periferie’ del Sudamerica, dell’Asia, dell’Africa dove i Gesuiti vantano una storica presenza e dove, specie in questi due ultimi continenti, vivono ancora una notevole crescita.

Una Compagnia di Gesù, comunque, che col nuovo superiore generale, e con la presenza di Bergoglio sul seggio petrino, non potrà che essere ancor meno eurocentrica.

Padre Arturo Sosa, della provincia del Venezuela – oggi al centro anche del grande travaglio politico e sociale del Paese -, è nato a Caracas il 12 novembre 1948. Era delegato per le case e le opere interprovinciali della Compagnia di Gesù a Roma. Si è laureato in Filosofia all’Università cattolica Andres Bello e ha conseguito un dottorato in scienze politiche all’Università centrale del Venezuela.

Tra il 1996 e il 2004 è stato provinciale dei gesuiti nel suo Paese e, in precedenza, coordinatore dell’apostolato sociale e direttore del Centro Gumilla, per la ricerca e l’azione sociale dei gesuiti in Venezuela. Si è dedicato a lungo all’insegnamento, anche in ambito universitario. In particolare, ha perseguito la ricerca nel campo delle scienze politiche in diversi centri e istituzioni.

Sue pubblicazioni hanno riguardato soprattutto la storia e la politica del Venezuela. Forti, quindi, il suo impegno e la sua attenzione, più che nel campo teologico, in quello politico e sociale: un profilo promettente per quella “Chiesa in uscita” che sta a cuore a papa Francesco.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

13:58Calcio:Milan, Galliani,battendo Crotone scenari interessanti

(ANSA) - MILANO, 4 DIC - Il Milan non deve sottovalutare la sfida dell'ora di pranzo con il Crotone "perché è un orario tradizionalmente ostico" e perché un successo "aprirebbe scenari veramente interessanti". Questo il pensiero dell'ad rossonero Adriano Galliani poco prima della partita con i calabresi. "Le 12.30 sono un orario tradizionalmente ostico per noi, facciamo fatica, speriamo che i giocatori si siano svegliati bene stamattina - ha notato Galliani -. Il Crotone lascia punti in giro ma dopo aver lottato fino alla fine. Sarebbe fondamentale arrivare con una vittoria alla partita di lunedì prossimo con la Roma, si aprirebbero scenari veramente interessanti".

13:56Milan: Galliani, mercato gennaio condiviso con cinesi

(ANSA) - MILANO, 4 DIC - "Con le regole attuali sarò io a gestire il mercato, e qualsiasi operazione dovrà essere condivisa dalla Sino-Europe Sports". L'ad del Milan Adriano ha confermato che, con la proroga a febbraio del closing per la cessione ai cinesi del club, la gestione del mercato invernale sarà "molto simile a quella di agosto: noi faremo le proposte, se i potenziali acquirenti non le accettano non si fanno. Il mercato - ha detto a Premium Sport prima di Milan-Crotone - è gestito da noi e condiviso, perché siamo in un 'interim period', come si dice nel mondo del business. Non è incertezza, è un dato di fatto".

13:53Referendum: governatore Pigliaru ha votato a Cagliari

(ANSA) - CAGLIARI, 4 DIC - Il governatore della Sardegna Francesco Pigliaru ha votato intorno alle 11.30 nel suo seggio n.106 alla scuola elementare Satta di via Crispi, a Cagliari. A favore del Sì per la riforma costituzionale, il presidente della Regione seguirà lo spoglio dalla sua abitazione, come è abituato a fare in occasione di consultazioni elettorali. Alla domanda dell'ANSA circa una previsione sull'esito del voto, Pigliaru non si è sbilanciato limitandosi a commentare: "vedo molta gente ai seggi, su come andrà vedremo". (ANSA).

13:52Pugilato: trovato accordo Mondiale massimi Joshua-Klitschko

(ANSA) - LONDRA, 4 DIC - E' stato trovato l'accordo per far disputare la supersfida per il Mondiale dei pesi massimi Wba tra il britannico Anthony Joshua, attuale detentore del titolo Ibf, e l'ex campione della categoria Wladimir Klitschko, dominatore per anni della categoria e ora fermo da un anno. La corona in palio sarà quella lasciata vacante dall'altro britannico Tyson Fury, ritiratosi per problemi di doping e depressione. Il match fra Joshua e Klitschko si disputerebbe, secondo quanto hanno fatto sapere fonti vicine ai due pugili, il 29 aprile del prossimo anno nello stadio londinese di Wembley. L'annuncio ufficiale verra' dato sabato prossimo, 10 dicembre, a Manchester al termine della difesa del titolo da parte di Joshua, dato come strafavorito, contro Eric Molina, texano che oltre a fare il pugile insegna ai bambini disabili. Sia Klitschko che Joshua sono stati campioni olimpici dei supermassimi: l'ucraino ad Atlanta 1996, il britannico, con verdetto discutibile ai danni dell'azzurro Roberto Cammarelle, a Londra nel 2012.

13:50Parte progetto chef Bottura, cena 60 persone in difficoltà

(ANSA) - MODENA, 4 DIC - Da domani, ogni lunedì sera, presso la mensa della Ghirlandina gli chef del Consorzio Modena a Tavola prepareranno 60 pasti per chi non se li può permettere. E' il progetto di Massimo Bottura 'Socialtables@Ghirlandina', la nuova mensa solidale fortemente voluta dallo chef pluristellato anche nella sua città, dopo le esperienze di Milano, Rio e Bologna. Il primo ai fornelli sarà Luca Marchini, del ristorante 'L'erba del Re' e presidente del Consorzio. In tavola verranno portate ricette della tradizione locale, grazie agli chef che hanno aderito all'iniziativa e che si avvicenderanno in cucina. Quindi le materie prime parleranno di un territorio particolarmente vocato all'agroalimentare, la tavola celebrerà le ricette della tradizione locale. Per ora gli appuntamenti in calendario sono 14 ma l'iniziativa proseguirà ad oltranza vista l'adesione e l'entusiasmo di tutti i ristoratori del circuito. "Di refettori che aprano le porte al prossimo - commenta Marchini - ce n'è immenso bisogno anche sotto casa". (ANSA).

13:43Casa in fiamme per termocoperta, coniugi gravi a Genova

(ANSA) - GENOVA, 4 DIC - Due coniugi sono rimasti feriti in modo grave per un'incendio divampato la scorsa notte nella loro abitazione al civico 65 di via Posalunga a Genova. Il rogo è scaturito a quanto risulta da una termocoperta mal funzionante. I feriti sono Michele Siracusano, 49 anni, e Gloria Marauda, 54 anni, disabile con problemi motori. Il primo è in condizioni gravissime nel centro grandi ustionati dell'ospedale Villa scassi di Sampierdarena con ustioni sull'80% del corpo. La moglie è ricoverata nella sala di rianimazione dell'ospedale San Martino in coma farmacologico indotto dai medici. Non è in pericolo di vita. La donna è stata colpita da calcinacci caduti dal soffitto a causa del calore. I primi ad intervenire in soccorso sono stati i carabinieri che dopo avere abbattuto la porta sono stati respinti dal fumo e dal calore. I pompieri muniti di autoprotettori sono riusciti a mettere in salvo i due.

13:43Referendum: Renzi vota, “Come? Ora ci penso…”

(ANSA) - FIRENZE, 4 DIC - Folla di giornalisti, fotografi e cameramen alla sezione elettorale n.3 di Pontassieve (Firenze), dove il premier Matteo Renzi ha votato stamani, attorno alle 11. Renzi, accompagnato da moglie e figli, ha atteso in coda una decina di minuti per prendere la scheda. Nessuna dichiarazione, molti selfie con le persone fuori dal seggio e un siparietto con una elettrice che gli ha chiesto: "Presidente, ha già deciso come vota?". E Renzi, scherzando, "Beh, ora ci penso...". Il premier si è poi informato su come stesse andando l'affluenza e, quando uno scrutatore gli ha risposto che era in linea con quella delle elezioni europee, ha commentato sorridendo: "Allora va bene".

Archivio Ultima ora