Gesuiti: il venezuelano Sosa Abascal è il nuovo “Papa nero”

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Gesuiti:venezuelano Sosa Abascal è il nuovo 'Papa nero'  Latino-americano, primo non europeo, a guida ordine di Bergoglio

Gesuiti:venezuelano Sosa Abascal è il nuovo ‘Papa nero’
Latino-americano, primo non europeo, a guida ordine di Bergoglio

CITTA’ DEL VATICANO. – Si sposta ancora di qualche grado verso l’America Latina l’asse della Chiesa cattolica mondiale. Un latino-americano, primo non europeo nei quasi 500 anni di storia dell’ordine, è stato infatti eletto alla guida della Compagnia di Gesù, l’istituto religioso più influente e diffuso al mondo con i suoi quasi 17 mila membri: si tratta del venezuelano padre Arturo Sosa Abascal, 68 anni il prossimo 12 novembre, votato dalla 36/ma congregazione generale riunita a Roma nuovo preposito generale dei Gesuiti, trentesimo successore di Sant’Ignazio di Loyola.

L’avvenuta elezione del nuovo “Papa nero” – noto così nell’immaginario popolare perché eletto a vita, per il potere e il prestigio della Compagnia e per il colore della veste talare – è stata annunciata da uno scrosciate applauso dall’interno dell’aula e dal successivo e tradizionale suono della campanella della Curia generalizia in Borgo Santo Spirito, a Roma.

Perché si annunciasse pubblicamente – via Twitter, anche questo un primato – si è dovuto però attendere che venisse informato il Papa in carica, il primo a cui la nomina deve essere comunicata in virtù del voto speciale di obbedienza che lega i Gesuiti al successore di Pietro. Un Papa, tra l’altro, che per la prima volta e anch’egli un gesuita e anch’egli un sudamericano.

Padre Sosa, a dispetto anche delle voci che indicavano altre previsioni e altri nomi, ha riscosso la maggioranza dei consensi fra i 212 elettori riuniti a Roma dal 2 ottobre scorso, e che negli ultimi quattro giorni sono stati impegnati nelle tradizionali “mormorazioni”, le consultazioni due a due per avere informazioni su possibili destinatari del voto. Un metodo sperimentato per evitare anche la formazione di lobby e cordate.

Il nuovo e trentunesimo “Papa nero” succede allo spagnolo padre Adolfo Nicolas, di cui la congregazione generale ha accettato le dimissioni presentate al compimento degli 80 anni. “Ho il sentimento di avere bisogno di tanto aiuto: adesso incomincia una grande sfida”, ha commentato a caldo Sosa alla Radio Vaticana.

“Questa è la Compagnia di Gesù e allora Gesù deve darsi da fare anche qua, con noi – ha detto il neo-generale -. Dopo, io mi fido dei compagni che sono così bravi. Spero anche che la Congregazione ci porti avanti con un bel gruppo di lavoro e anche con orientamenti molto precisi per potere andare avanti: questo non è il lavoro di una persona, è il lavoro del corpo della Compagnia. Io farò del mio meglio possibile. Sono molto sorpreso, molto grato al Signore. Prego per tutti”.

La congregazione andrà avanti ora per discutere e indicare al nuovo preposito le linee di governo dell’ordine e scegliere i suoi più diretti collaboratori. In primo piano le sfide della Chiesa e della Compagnia ai quattro angoli del mondo, con un occhio speciale alle ‘periferie’ del Sudamerica, dell’Asia, dell’Africa dove i Gesuiti vantano una storica presenza e dove, specie in questi due ultimi continenti, vivono ancora una notevole crescita.

Una Compagnia di Gesù, comunque, che col nuovo superiore generale, e con la presenza di Bergoglio sul seggio petrino, non potrà che essere ancor meno eurocentrica.

Padre Arturo Sosa, della provincia del Venezuela – oggi al centro anche del grande travaglio politico e sociale del Paese -, è nato a Caracas il 12 novembre 1948. Era delegato per le case e le opere interprovinciali della Compagnia di Gesù a Roma. Si è laureato in Filosofia all’Università cattolica Andres Bello e ha conseguito un dottorato in scienze politiche all’Università centrale del Venezuela.

Tra il 1996 e il 2004 è stato provinciale dei gesuiti nel suo Paese e, in precedenza, coordinatore dell’apostolato sociale e direttore del Centro Gumilla, per la ricerca e l’azione sociale dei gesuiti in Venezuela. Si è dedicato a lungo all’insegnamento, anche in ambito universitario. In particolare, ha perseguito la ricerca nel campo delle scienze politiche in diversi centri e istituzioni.

Sue pubblicazioni hanno riguardato soprattutto la storia e la politica del Venezuela. Forti, quindi, il suo impegno e la sua attenzione, più che nel campo teologico, in quello politico e sociale: un profilo promettente per quella “Chiesa in uscita” che sta a cuore a papa Francesco.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

13:42Berlino: pm Milano, Amri non aveva rete in Lombardia

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - Anis Amri, il soldato dell'Isis che un anno fa fece strage in un mercatino a Berlino e venne poi ucciso da due agenti a Sesto San Giovanni, nel milanese, non aveva una rete di contatti di terroristi in Lombardia, dove passò in pratica per caso, in quanto la sua intenzione era di andare a sud, in Sicilia. E' emerso dall'inchiesta per terrorismo internazionale e di cui il pm Alberto Nobili, capo del pool antiterrorismo, ha chiesto l'archiviazione. In particolare, i pm hanno chiesto al giudice di archiviare il fascicolo per terrorismo internazionale a carico di ignoti che era stato aperto dopo che Amri, che aveva compiuto la strage il 19 dicembre 2016 uccidendo 12 persone, era stato ucciso nella notte tra il 22 e il 23 dicembre da due agenti, dopo essere stato fermato a Sesto San Giovanni (Milano) mentre vagava in un piazzale in attesa di un bus. Anche il tir che Amri rubò in Germania, uccidendo un autista polacco, era partito da un'altra città del Milanese, Cinisello Balsamo.

13:40Di Maio, se sotto 40% faremo appello, governo con chi ci sta

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Se alle elezioni dovessimo ottenere il 40% potremmo governare da soli, se non dovessimo farcela la sera delle elezioni faremo un appello pubblico alle altre forze politiche che sono entrate in Parlamento presentando il nostro programma e la nostra squadra. E governeremo con chi ci sta". Lo afferma Luigi Di Maio, candidato premier M5S, ai microfoni di Circo Massimo, Radio Capital.

13:40‘Ndrangheta: Minniti,firma per cittadinanza attiva è impegno

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 18 DIC - Il ministro dell'Interno Marco Minniti ha apposto stamani, in Prefettura a Reggio Calabria, la firma sul Registro della cittadinanza attiva una firma contro la 'ndrangheta". "La firma su questo 'Registro' - ha detto Minniti non è questione che si assume a cuor leggero, ma un obbligo di impegno. Voglio qui ringraziare il prefetto Miche Di Bari e con lui, coloro che hanno avuto l'idea di questa iniziativa che è uno spartiacque di valori e di impegno contro le mafie, non solo qui a Reggio e in Calabria, ma in tutto il resto del Paese. Qui oggi si sta dando forza ad una alleanza strategica tra tutte le istituzioni e i cittadini, un orientamento chiaro su quale parte della sponda stare". Minniti ha poi sottolineato il "duro lavoro - ha detto - della magistratura e delle forze dell'ordine che qui hanno assestato colpi durissimi alla mafia perché essa rappresenta comunque una costante minaccia per il libero esercizio del voto che è il cuore della democrazia".(ANSA).

13:39Calcio: serie B, domani assemblea Lega

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Si terrà domani a Milano nella sede di Via Rosellini con inizio alle ore 13 l'Assemblea di Lega B. All'ordine del giorno - informa un comunicato della stessa Lega - dopo le comunicazioni del presidente Mauro Balata e le informative del direttore generale Paolo Bedin, l'approvazione del Bilancio di esercizio 2016/2017 dell'associazione, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Si provvederà quindi ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea- conclude il comunicato - verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

13:37Basket: Nba, LeBron James ‘no ordini da Trump’

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Una scarpa bianca e una nera indossate per un tempo, entrambe con la scritta 'Equality', uguaglianza. E' il nuovo messaggio che LeBron James ha voluto mandare alla Nba, dove continua a regnare con prestazioni da record, come quella che ha portato al successo a Washington contro i Wizards, ma soprattutto fuori dal campo. Dalla stella dei Cleveland Cavs arriva infatti un attacco anche al presidente Trump, già nel suo mirino negli scorsi mesi. "So benissimo dove siamo - ha detto, riferendosi alla Capitale che ha ospitato la sua partita e ospita la Casa Bianca - e chi è al timone qui". "Noi americani, non importa il colore della pelle o la razza, dobbiamo capire che abbiamo tutti uguali diritti e siamo tutti in grado di sostenere una causa e di parlarne. Ho già fatto sentire altre volte la mia voce. Non voglio lasciare che sia una sola persona a darci ordini su quanto meravigliosi e potenti siamo", ha aggiunto James.

13:11Austria: il nuovo governo giura tra le proteste

(ANSA) - TRIESTE, 18 DIC - Centinaia di persone si sono radunate a Vienna per protestare contro l'insediamento del nuovo governo di destra. Antifascisti, femministe e gruppi di studenti di sinistra hanno manifestato contro la coalizione tra il Partito popolare austriaco conservatore e il Partito nazionalista Fpoe che si sono impegnati a irrigidire le norme sull'asilo nel Paese e sull'immigrazione, mantenendo nel contempo un fermo impegno a favore dell'Unione Europea. Il leader del Partito popolare Sebastian Kurz, 31 anni, diventerà il più giovane capo di governo in Europa. Gli oppositori politici hanno espresso particolare preoccupazione per il fatto che l'Fpoe, che ha legami con gli estremisti di estrema destra, avrà il controllo degli importanti ministeri dell'Interno, della Difesa e degli Esteri. Il suo leader, Heinz-Christian Strache, diventerà vice cancelliere.

13:11Falsi: oltre 6 mln prodotti sequestrati da gdf Prato

(ANSA) - PRATO, 18 DIC - Sono circa sei milioni i prodotti contraffatti e potenzialmente dannosi, per un valore di 30 milioni di euro, sequestrati dalla guardia di finanza del comando di Prato nel corso dell'operazione "Passo passo" in cui 12 persone sono state denunciate. I finanzieri hanno avviato una complessa attività investigativa che ha portato ad operare nelle regioni della Toscana e del Lazio, sotto la costante direzione del sostituto procuratore della Repubblica di Prato, dottoressa Valentina Cosci. Le perquisizioni operate sul territorio nazionale, su delega dell'autorità giudiziaria, hanno consentito di sottoporre a sequestro circa sei milioni di capi di abbigliamento ed articoli di bigiotteria potenzialmente dannosi per la salute del consumatore finale e più di 1.000 bracciali contraffatti, per un valore stimato di mercato di circa 30 milioni di euro identificando e denunciando 12 imprenditori, tutti di nazionalità cinese, titolari e/o amministratori di altrettante ditte ubicate tra Prato, Roma e Viterbo. L'operazione, si legge in una nota della gdf, ha portato gli operatori delle fiamme gialle a seguire la filiera dei prodotti potenzialmente dannosi, e in molti casi contraffatti, partendo da alcune perquisizioni operate all'interno del centro espositivo "Euroingro" di Prato dove alcuni imprenditori commercializzavano tali prodotti, fino ad arrivare a individuare i vari fornitori/importatori, tutti dislocati principalmente nella capitale.(ANSA).

Archivio Ultima ora