El presidente Nicolás Maduro aprobó Presupuesto de la Nación 2017

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da redazione

El presidente Nicolás Maduro aprobó Presupuesto de la Nación 2017

El presidente Nicolás Maduro aprobó Presupuesto de la Nación 2017

CARACAS- El presidente Nicolás Maduro durante la Asamblea Popular del Congreso de la Patria, aprobó este viernes, la exposición de motivos del Presupuesto de la Nación 2017, solicitando un monto Bs. 8 billones 479 mil 301 millones.

-Estoy aprobando la Ley de Presupuesto y también a su hermana gemela la Ley de Endeudamiento para seguir cumpliendo como cumplimos con todos los compromisos internacionales porque Venezuela es un país que cumple con los pagos de capital, de intereses y del sistema financiero internacional de nuestra deuda y lo seguiremos haciendo de manera estricta. Nadie puede ir contra la sentencia del Tribunal Supremo de Justicia (TSJ) y aquí está firmado para que se publique en Gaceta Oficial el presupuesto de la Nación 2017. Este presupuesto es para hacer justicia y construir la igualdad del pueblo. Hasta el último centavo es para el pueblo de Venezuela,− indicó el Primer Mandatario Nacional.

El Presidente criticó la gestión de la Asamblea Nacional y afirmó que “ha destruido la moral, el prestigio y la estructura del Poder Legislativo”. Además manifestó: -Nos merecemos otra Asamblea Nacional. ¿Están dispuestos a ir a la batalla por otra Asamblea Nacional?

Maduro aseveró que los gobernadores que no acaten la sentencia del TSJ no recibirán los recursos destinados para su entidad. – Me encargaré de pagar yo directo a la nómina. Alcalde o Alcaldesa que no me firme la carta de acatamiento no le vamos a dar ni medio, − advirtió.

Por lo tanto, este viernes en horas de la tarde el vicepresidente de la República, Aristóbulo Istúriz acompañado por la ministra Carmen Meléndez, entregó a la sede de la Sala Constitucional del Tribunal Supremo de Justicia (TSJ), el Presupuesto de la Nación para 2017.

Por su parte, Jesús Torrealba, secretario Ejecutivo de la Mesa de la Unidad Democrática, aseguró que los países que realicen acuerdos económicos con Venezuela no le serán reconocidos por el Estado venezolano, ya que a su juicio, dicho presupuesto está siendo aprobado al margen de la Constitución.

-Toda operación de crédito público hecha en el marco del presupuesto del año 2017, es una operación ilegal y que no será reconocida por el Estado venezolano, por lo que le digo a cualquier nación que vaya a participar en una operación de crédito público con Venezuela, sepa que al estar el gobierno en desacato a la Constitución, aprobando ese presupuesto de manera irregular, esa deuda no será reconocida por el Estado venezolano, − alegó el secretario ejecutivo de la MUD.

(Dairys Berrio)

Ultima ora

22:34Roma: Spalletti, se fanno smettere Totti io me ne vado

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "Il mio contratto? Io sono convinto che Totti debba rinnovare. Io non voglio che smetta con me, e se lo fanno smettere io vado via anche se vinco. Se faccio il 'triplete' non rimango. Totti non ha un contratto, ha un patto d'amore con la città". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, al termine della gara vinta dai giallorossi per 4-1 sul Torino all'Olimpico. Per l'allenatore toscano, il rinnovo di contratto del n.10 "deve essere naturale come è naturale il boato del pubblico quando lui si alza dalla panchina per entrare. Quelli importanti sono i giocatori, non gli allenatori".

22:28Calcio: ds Milan, partita carica emozione in vista closing

(ANSA) - MILANO, 19 FEB - A due settimane dal closing con cui il Milan dovrebbe passare in mani cinesi c'è una certa emozione in casa rossonera, come ha confessato il ds Rocco Maiorino prima della partita contro la Fiorentina, destinata a diventare l'ultima casalinga dell'era Berlusconi. "Se si dovesse concretizzare il closing, sarebbero le ultime due settimane. C'è molta emozione per tutto quello che è stato fatto per questa squadra - ha detto Maiorino, intervistato da Premium Sport -. Per me, inoltre, il primo marzo saranno dodici anni al Milan, è una partita carica di emozione". Infine il ds milanista ha definito "importante ma non fondamentale" il risultato della sfida di questa sera contro la Fiorentina, diretta concorrente nella corsa all'Europa League.

22:24Congo: 25 civili hutu decapitati con i machete da miliziani

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - Miliziani Mai-Mai del gruppo etnico Nande hanno attaccato un villaggio Hutu in Congo (Rdc) e hanno ucciso almeno 25 civili. Lo ha reso noto oggi il rappresentante locale del governatore provinciale Francis Bakundakabo, precisando che quasi tutte le persone sono state uccise a colpi di machete e decapitate. Il massacro è avvenuto nel villaggio di Kyaghala e - ha denunciato Badundakabo - "getta nuova benzina sul conflitto interetnico nella regione" in un momento in cui l'intero Congo vive una situazione estremamente difficile a causa del rifiuto del presidente Joseph Kabila di lasciare il potere e di indire elezioni, benchè il suo mandato sia scaduto lo scorso 19 dicembre.

22:21Trump: ex premier Svezia, attentato? Ma cosa si è fumato?

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "Svezia? Attentato terroristico? Cosa si è fumato? Le domande abbondano": così l'ex primo ministro svedese Carld Bildt, in carica dal 1991 al 1994, ha commentato su twitter l'ultima uscita del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il quale ha evocato, durante un comizio, un attacco la scorsa notte in Svezia, mai avvenuto. I siti e i social network - riferiscono i giornali svedesi - sono pieni di ironie e dileggi verso l'ennesimo inciampo del nuovo inquilino della Casa Bianca.

22:20Trump: Svezia chiede chiarimenti su attacco inventato

(ANSA) - NEW YORK, 19 FEB - L'ambasciata svedese a Washington ha chiesto al Dipartimento di Stato americano spiegazioni sulle affermazioni del presidente Donald Trump, che nel corso di un comizio ha fatto riferimento ad un presunto attacco in Svezia venerdì notte, mai avvenuto. "Abbiamo posto la domanda al Dipartimento di Stato. Stiamo cercando di avere chiarezza", ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri svedese, Catarina Axelsson.

22:17Calcio: Genoa, sputi e insulti contro pullman squadra

(ANSA) - GENOVA, 19 FEB - Circa 200 tifosi del Genoa, sorvegliati da polizia e carabinieri, hanno 'accolto' il pullman che riportava la squadra di Preziosi nel capoluogo con calci, sputi e insulti. Il pullman, uscito dall'aeroporto con la squadra, il tecnico Juric e i dirigenti a bordo, è stati bloccato dai tifosi che hanno tirato uova e sputi contro il mezzo. Insulti sono stati proferiti contro il presidente Enrico Preziosi e l'ex giocatore e ora dirigente Omar Milanetto. Juric non è mai stato insultato né nominato. Dopo una decina di minuti, la folla si è aperta per far passare il pullman scortato dalla polizia e poi i tifosi si sono allontanati.

22:15Roma: Spalletti “Siamo stati bravi, ora mentalità è giusta”

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "I ragazzi sono stati bravi, dopo la vittoria in Europa League c'era il rischio di non avere il ritmo giusto, invece siamo entrati molto bene in partita, abbiamo pressato da primo minuto e fatto vedere le nostre qualità". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, a Premium dopo il bel 4-0 dei giallorossi sul Torino. "Siamo un po' calati dopo il 2-0, dove potevamo fare di più. Se noi ci togliamo dalla testa il pensiero continuo della vittoria, di passare delle belle serate insieme ai nostri tifosi, poi le avversarie ci superano. La crescita è evidente e visibile, altrimenti non potremmo contendere le posizioni alte in classifica. Noi però dobbiamo trovare giocatori forti come Totti, noi siamo abituati a lui e finché non ne troveremo altri non cresceremo ancora molto: di leader come Francesco in squadra ne servono più di uno per stare al passo con le grandi. Per questo bisogna rinnovare il suo contratto, un rinnovo che dovrà essere naturale come è naturale il boato dello stadio ogni volta che lui entra".

Archivio Ultima ora