El presidente Nicolás Maduro aprobó Presupuesto de la Nación 2017

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da redazione

El presidente Nicolás Maduro aprobó Presupuesto de la Nación 2017

El presidente Nicolás Maduro aprobó Presupuesto de la Nación 2017

CARACAS- El presidente Nicolás Maduro durante la Asamblea Popular del Congreso de la Patria, aprobó este viernes, la exposición de motivos del Presupuesto de la Nación 2017, solicitando un monto Bs. 8 billones 479 mil 301 millones.

-Estoy aprobando la Ley de Presupuesto y también a su hermana gemela la Ley de Endeudamiento para seguir cumpliendo como cumplimos con todos los compromisos internacionales porque Venezuela es un país que cumple con los pagos de capital, de intereses y del sistema financiero internacional de nuestra deuda y lo seguiremos haciendo de manera estricta. Nadie puede ir contra la sentencia del Tribunal Supremo de Justicia (TSJ) y aquí está firmado para que se publique en Gaceta Oficial el presupuesto de la Nación 2017. Este presupuesto es para hacer justicia y construir la igualdad del pueblo. Hasta el último centavo es para el pueblo de Venezuela,− indicó el Primer Mandatario Nacional.

El Presidente criticó la gestión de la Asamblea Nacional y afirmó que “ha destruido la moral, el prestigio y la estructura del Poder Legislativo”. Además manifestó: -Nos merecemos otra Asamblea Nacional. ¿Están dispuestos a ir a la batalla por otra Asamblea Nacional?

Maduro aseveró que los gobernadores que no acaten la sentencia del TSJ no recibirán los recursos destinados para su entidad. – Me encargaré de pagar yo directo a la nómina. Alcalde o Alcaldesa que no me firme la carta de acatamiento no le vamos a dar ni medio, − advirtió.

Por lo tanto, este viernes en horas de la tarde el vicepresidente de la República, Aristóbulo Istúriz acompañado por la ministra Carmen Meléndez, entregó a la sede de la Sala Constitucional del Tribunal Supremo de Justicia (TSJ), el Presupuesto de la Nación para 2017.

Por su parte, Jesús Torrealba, secretario Ejecutivo de la Mesa de la Unidad Democrática, aseguró que los países que realicen acuerdos económicos con Venezuela no le serán reconocidos por el Estado venezolano, ya que a su juicio, dicho presupuesto está siendo aprobado al margen de la Constitución.

-Toda operación de crédito público hecha en el marco del presupuesto del año 2017, es una operación ilegal y que no será reconocida por el Estado venezolano, por lo que le digo a cualquier nación que vaya a participar en una operación de crédito público con Venezuela, sepa que al estar el gobierno en desacato a la Constitución, aprobando ese presupuesto de manera irregular, esa deuda no será reconocida por el Estado venezolano, − alegó el secretario ejecutivo de la MUD.

(Dairys Berrio)

Ultima ora

14:07Marito e moglie trovati sgozzati nel Casertano

(ANSA) - PARETE (CASERTA), 20 NOV - Due persone, marito e moglie, sono state trovate sgozzate all'interno della propria abitazione a Parete (Caserta). I carabinieri stanno cercando il figlio della coppia, al momento non reperibile. Le due vittime si chiamavano Francesco Afratellanza di 82 anni e Antonietta Della Gatta di 80. A trovare i corpi la nuora questa mattina. I cadaveri presentavano diverse ferite di arma da taglio al collo.

14:06MotoGp: Rossi, il ritiro mi spaventa

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Ho paura di fermarmi, perché sarà difficile trovare qualcos'altro. La MotoGp è tutta la mia vita. Dirigere l'Academy sarà bello e divertente, ma non è la stessa cosa". Alla soglia dei 39 anni (li compirà il prossimo 16 febbraio), Rossi confessa i suoi sentimenti di fronte all'idea dell'addio, conversando con il settimanale tedesco 'SpeedweekMotoGp'. "Guardo sempre le gare del mondiale delle classi Moto3 e Moto2 con i miei ragazzi dell'Academy. A volte mi sento un pò stanco. Ma poi prevale la mia voglia di continuare a mettermi in gioco". Anche nel 2018, anno in cui scadrà il contratto con la Yamaha, "il primo obiettivo rimane conquistare il Mondiale. Il secondo è vincere le gare, il terzo salire sul podio", dopo un 2017 avaro, chiuso con un solo successo, ad Assen.

14:04C.sinistra: Pisapia, candidato premier condiviso e dopo urne

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Io ho proposto che se ci sarà da decidere un candidato premier, che verrà poi indicato dal Presidente della Repubblica in caso di vittoria delle elezioni, questo sia condiviso, e che venga cancellato almeno in questo periodo il fatto che il segretario del PD sia anche il candidato premier. Perché un garante? Perché quando c'è un percorso per trovare una sintesi è importante che ci sia una persona al di sopra delle parti che possa garantire un eventuale ipotetico accordo". Lo ha detto Giuliano Pisapia intervenendo a "6 Su Radio 1", Radio Rai 1.

14:03Orlando, se Mdp vuol parlare meglio farlo ora no dopo voto

(ANSA) - CATANZARO, 20 NOV - Se Mdp "vuol parlare dopo, sarebbe meglio cominciare a farlo adesso". Così il ministro della Giustizia ed esponente del Pd Andrea Orlando commenta le parole di Pierluigi Bersani che ha chiuso a un'intesa pre-voto col Pd. "Pensare - ha aggiunto - di fare una campagna in cui ci si prende a male parole e dopo si costruisce un patto di azione non mi sembra particolarmente agevole".

13:59Centrosinistra: Fassino, Bersani? Non mi rassegno al suo no

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Perché Bersani abbia questo motus radicale bisognerebbe chiederlo a lui, so che Bersani è stato per 5 anni ministro nel governo dell'Ulivo, per due in quello dell'Unione, l'ho visto e conosciuto come uomo di governo saggio e capace di misurarsi con le tante difficoltà della politica. È stata con me per 7 anni nella segreteria dei DS, abbiamo lavorato insieme a costruire prima l'Ulivo e poi il Pd, quindi credo non ci sia davvero alcuna difficoltà a un confronto intorno le esigenze del Paese ed è per questo che non mi rassegno a questo 'no'". Così Piero Fassino a Rtl 103.5. "Penso che se andassimo a un confronto ci sarebbe la possibilità di trovare punti di intesa, d'altra parte siamo a pochi mesi da un' elezione in cui si confronteranno opzioni di cui bisogna avere piena consapevolezza".

13:58Figc: Sibilia, Lega Dilettanti compatta

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "La Lega Dilettanti è stata sempre compatta e questa riunione del direttivo mi ha dato mandato per comunicare al Consiglio federale quello che abbiamo deciso". Così il presidente della Lnd, Cosimo Sibilia, dopo quasi tre ore di riunione del direttivo della terza lega per decidere cosa fare in merito alla posizione in Figc di Carlo Tavecchio. Sibilia non ha voluto anticipare la posizione dei Dilettanti: "La devo prima presentare in Consiglio, non parlo neanche sotto tortura". "Dobbiamo ascoltare per capire quali sono i programmi di Tavecchio. Noi come sempre siamo tutti uniti attorno al presidente Sibilia in cui riponiamo la massima fiducia" ha aggiunto Andrea Montemurro, consigliere federale in quota Lega Dilettanti.

13:56Mafia: sindaco Lamezia Terme ha iniziato sciopero della fame

(ANSA) - LAMEZIA TERME (CATANZARO), 20 NOV - Il sindaco di Lamezia Terme, Paolo Mascaro, ha iniziato stamattina lo sciopero della fame per chiedere di essere ascoltato "a chiarimento su qualsivoglia atto, provvedimento o comportamento che possa aver destato dubbi su possibili infiltrazioni o condizionamenti da parte della criminalità organizzata". Nei giorni scorsi la Commissione d'accesso antimafia ha concluso i lavori proponendo lo scioglimento del Comune per condizionamenti della criminalità. L'attivita' del Sindaco, comunque, malgrado la protesta, non si e' fermata. Stamattina, dopo avere espletato alcune questioni nel suo ufficio, ha partecipato alla riunione della commissione consiliare che sta discutendo gli emendamenti al Psc. "Io - ha detto Mascaro - proseguo nella mia attivita' di sindaco anche se da oggi ho iniziato lo sciopero della fame. L'attivita' amministrativa deve andare avanti perché ho a cuore l'interesse della mia citta' e dei lametini". (ANSA).

Archivio Ultima ora