Entra in vigore la convenzione fiscale tra Italia e Vaticano

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Italia-Vaticano: entra in vigore la convenzione fiscale

Italia-Vaticano: entra in vigore la convenzione fiscale

CITTA’ DEL VATICANO. – Entra in vigore la Convenzione tra la Santa Sede e il Governo della Repubblica Italiana in materia fiscale, firmata nella Città del Vaticano il primo aprile 2015, che promuove lo scambio di informazioni a fini fiscali tra la Santa Sede e l’Italia e disciplina l’adempimento degli obblighi fiscali dei soggetti residenti in Italia. Lo ha comunicato la Sala stampa vaticana, dopo che è stata completata la procedura per l’entrata in vigore dello storico accordo, che ha previsto anche la ratifica da parte del Parlamento italiano.

“Coloro che intendono aderire al regime fiscale da essa stabilito devono formulare le relative domande tramite l’Istituto per le Opere di Religione, entro il termine di 180 giorni dall’entrata in vigore”, ha spiegato ancora la Sala stampa a proposito degli interessati dalla convenzione.

L’accordo siglato il primo aprile di un anno fa dal segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati, mons. Paul Richard Gallagher, e dal ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan, stabilisce nel campo dello scambio di informazioni che per la prima volta il Vaticano apra i propri conti al fisco italiano, con una storica apertura rispetto al tradizionale “segreto bancario”.

Inoltre stabilisce le norme con cui i dipendenti vaticani e le istituzioni religiose e d’Oltretevere con sede nel nostro Paese dovranno pagare le tasse all’Italia sui propri conti allo Ior, in sintesi con una cedolare del 20% sugli interessi da capitale. La convenzione prevede, in particolare, un regime di regolarizzazione dei conti correnti detenuti presso lo Ior mediante il pagamento delle sole imposte sulle rendite finanziarie maturate a decorrere, di norma, dal 2009, con l’esplicita estinzione di ogni eventuale sanzione fiscale e penale.

In sostanza, si tratterà di corrispondere un’aliquota pari al 20% sugli interessi (o altre rendite finanziarie quali cedole di obbligazioni, dividendi di azioni societarie, capital gains, ecc.) derivanti dai depositi di contro corrente.

Gli stipendi pagati dagli enti vaticani continuano a restare del tutto esenti da imposte o pesi fiscali in base all’art. 17 del Trattato Lateranense. La convenzione prevede la possibilità di pagare le imposte sulle rendite finanziarie mediante un calcolo e un versamento diretto e automatico curato dallo stesso Ior – che diventa quindi vero e proprio sostituto d’imposta – senza oneri per l’utente vaticano e con l’esenzione di ogni obbligo riguardante la dichiarazione dei redditi.

In sostanza, per i dipendenti e pensionati della Santa Sede, delle istituzioni che ad essa fanno riferimento e dello Stato della Città del Vaticano, e che risiedono in Italia, si è realizzato un adeguamento al sistema italiano per semplificare l’adempimento degli obblighi fiscali, salvaguardando comunque le garanzie esistenti ed eliminando i rischi di penalità.

Per quanto riguarda gli ordini religiosi e gli enti con personalità giuridica canonica o civile vaticana, l’imposta sostitutiva è determinata in un’aliquota del 26 per cento, “che esenta tali soggetti dagli obblighi dichiarativi previsti dalla legislazione fiscale italiana. Resta l’esenzione fiscale per gli immobili extra territoriali.

Per mons. Gallagher, “ministro degli esteri” vaticano, con questa convenzione in materia fiscale “Santa Sede e Italia sono ancora più vicine”. Il ministro Padoan aveva sottolineato all’atto della firma che l’accordo “è un passo avanti importante” che prosegue sulla strada della trasparenza fiscale e “rafforzerà il meccanismo della voluntary disclosure”.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

12:56Tennis: Ginevra sede unica per finali Davis e Fed Cup

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Il Consiglio della Federazione Internazionale di Tennis (Itf), riunito a Francoforte, ha nominato Ginevra "Preferred City" per ospitare dal 2018 al 2020 la "World Cup of Tennis", l'eventuale nuovo format che dovrebbe prevedere la disputa contemporanea in sede unica delle finali di Coppa Davis e Fed Cup. Lo ha reso noto l'Itf rivelando che gli eventuali incontri si disputerebbero al Palexpo della città svizzera capace di ospitare 18mila spettatori. Le altre città candidate erano Copenhagen, Istanbul, Miami, Torino e Wuhan .Queste le principali novità della nuova formula: i match di singolare in Davis saranno giocati al meglio dei tre set. La Davis manterrà la formula dei tre giorni, con il doppio giocato il sabato e, unico incontro, al meglio dei cinque set. Alle finaliste di Davis e Fed Cup, sarà data la possibilità di giocare in casa la prima sfida nell'anno successivo.

12:55Ex capo Confcommercio a cascate Niagara con soldi pubblici

(ANSA) - NAPOLI, 28 GIU - Ha utilizzato i soldi della Camera di Commercio di Napoli per una gita, per sei persone, alle Cascate del Niagara. É accusato di questo Pietro Russo, 76 anni, fino al gennaio 2017 presidente della Confcommercio di Napoli: è gravemente indiziato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e turbata libertà degli incanti. In particolare Pietro Russo, quale presidente dell'associazione, ha rappresentato falsamente alla Camera di Commercio la regolare esecuzione del progetto Confcommercio 'Esperienza a confronto', iniziativa ammessa al contributo per 48mila euro. Di questi fondi, 26mila euro sono stati utilizzati per una gita alle cascate del Niagara per sei persone. Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Napoli ha oggi eseguito un'ordinanza impositiva del sequestro preventivo dei circa 26mila euro nel confronti della Confcommercio di Napoli.

12:53Antimafia: maggioranza lavora a modifiche su reati contro Pa

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Si annunciano aggiustamenti al Ddl che modifica il codice delle leggi Antimafia e delle misure di prevenzione. "Il problema dei problemi" come ha spiegato il relatore Giuseppe Lumia è l'inserimento, fatto alla Camera, "dei reati contro la pubblica amministrazione nel novero dei reati inseriti nel catalogo, insieme a quelli di mafia, di terrorismo e di altri reati associativi, per i quali si possono applicare le misure di prevenzione, sia quelle personali che patrimoniali". "La discussione è aperta", ha assicurato Lumia e la riunione di maggioranza in corso dovrebbe risolvere proprio questo nodo. Le strade che si potrebbero percorre sono due, come indicato nell'intervento in Aula dallo stesso Lumia: legare l'applicazione di prevenzione ai delitti contro la Pubblica amministrazione solo se commessi in forma associativa (416 codice penale) oppure espungere dal provvedimento i reati di minore allarme sociale.

12:51Migranti: Meloni, invasione senza fine, ma Pd vuole ius soli

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - "Invasione senza fine: altri 13.500 clandestini sbarcati solo negli ultimi due giorni. Nel frattempo il Governo e il Pd si adoperano per regalare la cittadinanza italiana a tutti grazie allo ius soli. La visione di Fratelli d'Italia è molto diversa: subito un blocco navale al largo della Libia per impedire ai barconi di partire, espulsione dei clandestini e concessione della cittadinanza italiana solo a chi ama l'Italia, dimostra di essersi integrato e di condividere la nostra cultura e le nostre leggi". Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

12:50M5s: Casaleggio lascia Roma dopo visita lampo

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Davide Casaleggio, figlio del co-fondatore del Movimento 5 Stelle, ha lasciato questa mattina l'albergo dove ha soggiornato un paio di giorni per la visita lampo che ha fatto a Roma dopo le elezioni comunali. Nel breve soggiorno nella Capitale, Casaleggio ha incontrato la sindaca di Roma, Virginia Raggi, alla quale ha assicurato la sua vicinanza e il suo sostengo, i deputati che assistono il lavoro dell'amministrazione capitolina, Riccardo Fraccaro e Alfonso Bonafede, il candidato premier in pectore Luigi Di Maio e i parlamentari, sia deputati che senatori, con i quali ha messo a punto la strategia per la definizione finale del programma di Governo.

12:48Tassi usurari fino al 272%, tre arrestati nel Napoletano

(ANSA) - TORRE ANNUNZIATA (NAPOLI), 28 GIU - Su prestiti di poche migliaia di euro applicavano tassi usurari che andavano dal 160 al 272%. Per questo motivo 5 persone (tre uomini e due donne, tre dei quali appartenenti allo stesso nucleo familiare) sono state colpite da un'ordinanza di misura applicativa. Tre sono finiti in carcere, due sono stati raggiunti del divieto di dimora a Castellammare di Stabia (Napoli), dove si sono svolti i fatti finiti nel mirino dei carabinieri della locale Compagnia, che hanno eseguito l'ordinanza emessa dal Gip di Torre Annunziata su richiesta della Procura. L'indagine, diretta dalla Procura di Torre Annunziata e condotta dal Nucleo Operativo dei carabinieri trae origine dalla denuncia di una delle vittime. La donna aveva dichiarato agli inquirenti che, nell'aprile 2014, a causa di difficoltà economiche, aveva chiesto a una delle persone coinvolte un prestito di 1.100 euro, a fronte della richiesta di una rata mensile di 250 euro (con un interesse pari al 272% annuo).

12:47Yara: appello parte con parola a Pg, decisione a metà luglio

(ANSA) - MILANO, 28 GIU - Potrebbe arrivare già a metà luglio, tra il 14 e il 17, una decisione nel processo d'appello a carico di Massimo Bossetti, il muratore di Mapello condannato all' ergastolo in primo grado dalla Corte d'Assise di Bergamo quasi un anno fa, il primo luglio 2016, per l'omicidio della 13enne Yara Gambirasio, scomparsa il 26 novembre del 2010 da Brembate di Sopra e trovata morta in un campo di Chignolo d'Isola tre mesi dopo. Il procedimento di secondo grado comincerà venerdì prossimo, 30 giugno, davanti alla Corte d'Assise d'appello di Brescia (presidente Enrico Fischetti). La Corte, poi, ha già stilato un calendario che prevede altre udienze il 6, il 10 e il 14 luglio, giorno in cui, se tutto si svolgerà entro i tempi e senza sorprese o intoppi, i giudici potrebbero già uscire dalla camera di consiglio con una decisione: la sentenza o un provvedimento di riapertura del processo.

Archivio Ultima ora