Obama avverte, a novembre è in gioco la democrazia

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Obama avverte, a novembre è in gioco la democrazia

Obama avverte, a novembre è in gioco la democrazia

WASHINGTON. – Il monito più forte lo ha lanciato ancora una volta Barack Obama: al voto di novembre “in gioco c’è la democrazia”, ha tuonato in Ohio, stato cruciale nella corsa per la Casa Bianca e uno dei pochi dove il candidato repubblicano ancora in parte regge, sebbene in un serrato testa a testa con Hillary Clinton.

Mentre tutto intorno crolla, sotto le picconate delle accuse di molestie a sfondo sessuale che vanno moltiplicandosi e contro le quali il tycoon grida al complotto. Ma è sempre più solo, con l’unica eccezione del candidato vice Mike Pence, che promette prove sulla sua innocenza.

Intanto un’altra donna, Kristin Anderson, ha affidato la sua testimonianza al Washington Post rivelando che nei primi anni ’90, quando ventenne aspirava a fare la modella a New York, Donald Trump le mise una mano sotto la minigonna, fino a toccarle gli organi genitali. Accadde in un locale notturno di Manhattan, mentre Anderson, oggi fotografa 46enne, stava conversando con un’amica. L’episodio durò non più di 30 secondi, ma rimase impresso nella sua memoria e negli anni la donna lo ha raccontato ad amici. Oggi ha deciso di renderlo pubblico, allungando così la lista delle accusatrici di Trump e aggiungendo altri dettagli shock, analoghi a quelli che da giorni continuano a scorrere sotto gli occhi di un’America scossa ancor più che scandalizzata.

L’intervento più efficace e anche memorabile, a giudizio di molti, è stato quello di Michelle Obama. Il marito se n’è detto orgoglioso, ha ribadito ancora una volta che un’America “migliore” c’è e l’ha esortata a votare. Perché il rischio è altissimo: Donald Trump cancellerebbe tutti i progressi fatti negli ultimi otto anni.

Mentre il fronte Clinton resta cauto. “Le elezioni presidenziali sono ancora imprevedibili”, ha ammesso prudente Hillary Clinton, mentre il tycoon continua a puntare il dito contro la rivale, contro i media e denuncia il “complotto” ordito contro di lui per abbatterlo, nell’interesse dei grandi della finanza e dei donatori di Clinton. Banchieri e imprenditori, tra cui il miliardario messicano Carlos Slim, secondo uomo più ricco del mondo (azionista del New York Times e donatore della Clinton Foundation) che – secondo indiscrezioni raccolte dal Wall Street Journal – Trump ritiene responsabile, convinto che voglia aiutare Hillary a vincere le elezioni, sebbene lui abbia negato.

Intanto alcuni dei più generosi donatori del partito repubblicano hanno chiesto al comitato nazionale del Grand Old party di sconfessare e tagliare ogni legame con il candidato Donald Trump, sostenendo che le accuse di molestie minacciano di infliggere danni irreversibili all’immagine del partito. Il rischio però è che la frittata sia già fatta e che, per citare Obama, scuse e pentimenti siano “troppo poco, troppo tardi”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

21:28Calcio: Cagliari, ecco Faragò “Nainggolan mio modello”

(ANSA) - CAGLIARI, 19 GEN - Paolo Faragò, nuovo acquisto del Cagliari, è pronto all'esordio in Serie A con la maglia rossoblù. Trattativa sprint con il Novara e domenica all'Olimpico contro la Roma potrebbe vedersela con uno dei suoi modelli, Radja Nainggolan. Il Cagliari era stato molto vicino all'ex Novara già dalla scorsa estate. "Quando ho saputo dell'interessamento della società rossoblu' - ha rivelato - ho declinato qualsiasi altra offerta". E ora ecco il grande salto: "So che c'è una bella differenza, sino a pochi giorni fa stavo preparando la partita con il Trapani e improvvisamente mi trovo proiettato verso un altro match, quello con la Roma. Pronto? Sì, con tanta voglia di fare questa esperienza".

21:27Bbc, le truppe del Senegal entrano in Gambia

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Truppe senegalesi, che sostengono il presidente eletto del Gambia Adama Barrow, hanno attraversato il confine con il Gambia e si stanno dirigendo verso la capitale Banjul, dove risiede il presidente uscente Yahia Jammeh, che si rifiuta di lasciare il potere nonostante abbia perso le elezioni. Lo riporta la Bbc online.

21:24Maltempo: salvati con verricello due allevatori di Urzulei

(ANSA) - NUORO, 19 GEN - Sono in salvo anche i due allevatori di Urzulei isolati da giorni nei loro ovili. I due sono stati recuperati dal Soccorso Alpino (Cnsas), nelle località di Gosolloei e Cuccuttos, grazie all'impiego di un elicottero dell'Aeronautica Militare di Decimomannu. Il velivolo decollato con gli specialisti e due tecnici di elisoccorso del Cnsas ha raggiunto la zona montana particolarmente innevata e non raggiungibile dai mezzi a terra. Il delicato intervento di soccorso ha consentito il recupero dei due allevatori tramite il verricello. Sono stati caricati a bordo e trasportati nel campo sportivo del paese dove sono stati visitati e rifocillati.

21:07Assange, manterrò la promessa di consegnarmi agli Usa

(ANSA) - LONDRA, 19 GEN - Julian Assange è deciso a mantenere la promessa di consegnarsi alle autorità Usa dopo che Barack Obama ha concesso la grazia alla 'talpa' di Wikileaks Chelsea Manning. Lo ha detto l'attivista australiano nel corso di una conferenza stampa via social media dall'ambasciata dell'Ecuador a Londra, dove vive come rifugiato politico dal 2012. Solo ieri un suo legale aveva negato che fosse intenzionato a mantenere quanto promesso.

21:04Centri Sociali: fumogeni contro ps e Comune, 9 a giudizio

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Per i disordini davanti a Palazzo Marino del 22 maggio del 2013 e culminati in alcuni tafferugli tra antagonisti e agenti delle forze dell'ordine, 9 giovani del centro sociale Zam (Zona autonoma Milano)sono stati mandati a giudizio per resistenza aggravata, danneggiamento aggravato e getto di lacrimogeni. Secondo la ricostruzione degli investigatori quel pomeriggio di quasi 4 anni fa un gruppo di circa 200 ragazzi, giunto in corteo per protestare contro lo sgombero del centro sociale Zam, ha tentato di superare il cordone di sicurezza degli agenti di polizia per fare irruzione in Comune, arrivando per tre volte al contatto con le forze dell'ordine. Gli agenti hanno però respinto ogni tentativo di sfondamento.

21:04Hotel Rigopiano: scatta inchiesta per omicidio colposo

(ANSA) - PESCARA, 19 GEN - L'ipotesi è omicidio colposo. La Procura di Pescara, pm Andrea Papalia, ha aperto un fascicolo di indagine per fare luce sulle eventuali responsabilità. Le indagini relative alla tragedia di Rigopiano sono affidate ai carabinieri forestali, i quali in queste ore stanno già acquisendo documenti e testimonianze. Tra i documenti già a verbale anche l'allerta valanghe emesso giorni fa dal Meteomont, cioè il servizio nazionale prevenzione neve e valanghe, che indicava livello 4, il massimo è 5, di pericolo nella zona del Gran Sasso. Spetterà alla Procura quindi valutare se il rischio emesso è stato rispettato o valutato, se c'erano le condizioni per far emettere dalla Regione, fino agli enti locali, le ordinanze di evacuazione nelle zone a rischio.

21:01Prete accusato orge in canonica: Vescovo, chiedo io perdono

(ANSA) - PADOVA, 19 GEN - "Mi vergogno, e vorrei chiedere io stesso perdono per quelli che, nostri amici, hanno attentato alla credibilità del nostro predicare". Così il vescovo di Padova, Claudio Cipolla, si rivolge ai fedeli in una lettera aperta sul caso del parroco, don Andrea Contin, accusato di aver organizzato orge in canonica, indagato per violenza privata e sfruttamento della prostituzione. "Sento il bisogno di farmi presente in questo momento di sofferenza della nostra Diocesi. Immagino - scrive il prelato - quanto siate provati, confusi, scandalizzati da vicende collegabili con la nostra Chiesa". Chiesa, conclude il vescovo, che "non merita di essere ridotta solo a tutti gli errori e peccati commessi nella sua recente storia, come fosse una storia di malefatte. Questo male, che fa tanto rumore, non mi impedisce di ricordare i tanti preti e diaconi che hanno sacrificato la vita nella coerenza, con umiltà e fedeltà, il bene che tanti uomini e donne stanno vivendo nella discrezione e fuori dai riflettori". (ANSA).

Archivio Ultima ora