Yemen: sauditi ammettono, strage a funerale Sanaa fu errore

(ANSA) – RIAD, 15 OTT – La coalizione di Paesi arabi guidati dall’Arabia saudita che combatte contro i ribelli Houthi nello Yemen ha ammesso che il lancio della bomba che ha fatto una strage l’8 ottobre a un funerale a Sanaa, causando la morte di almeno 155 civili e il ferimento di altri 500, è stato un errore. Un errore di calcolo insieme a una “violazione delle regole d’ingaggio” da parte di un aereo, si ammette in un comunicato ufficiale della commissione d’inchiesta incaricata di indagare, che aggiunge che saranno emessi provvedimenti disciplinari. “A causa del mancato rispetto delle regole d’ingaggio e delle procedure della coalizione e della diffusione di dati informazioni incorretti, un aereo della coalizione ha preso di mira quel sito, provocando morti e feriti fra i civili”, si legge nelle risultanze dell’inchiesta. La strage dell’8 ottobre all’affollato salone per ricevimenti dove si svolgeva un funerale ha provocato un’ondata di indignazione in tutto il mondo.

Condividi: