Abusivismo: sindaco Licata non si dimette e attacca Crocetta

(ANSA) – LICATA (AGRIGENTO), 17 OTT – Angelo Cambiano, il sindaco anti-abusivismo di Licata (Ag), che dopo aver ordinato alcune demolizioni ha subito l’incendio della casa di campagna del padre, non si dimette. L’ha detto oggi durante la conferenza stampa in Comune, appuntamento che aveva annunciato tre giorni fa, affermando che senza risposte dalle istituzioni avrebbe lasciato. “Stamattina ho ricevuto una telefonata del presidente della Regione Rosario Crocetta – ha spiegato – che si è detto disponibile a incontrarmi per una sorta di ‘Patto per Licata’”. Ma durante l’incontro coi giornalisti il sindaco ha fatto ascoltare la registrazione di un incontro avvenuto sabato scorso a Licata (il sindaco era assente) nel quale Crocetta suggerisce ai presenti che “se si vogliono impedire le demolizioni basta che il sindaco dichiari che le case da abbattere sono di pubblica utilità. Gli altri Comuni hanno agito così e lì la magistratura non può farci nulla”. Il sindaco ha definito le parole di Crocetta di “inaudita gravità.

Condividi: