Deyna Castellanos, la donzella del gol

Pubblicato il 17 ottobre 2016 da redazione

Deyna Castellanos, la donzella del gol

Deyna Castellanos, la donzella del gol

CARACAS – Da alcuni giorni, gli occhi degli amanti del calcio femminile hanno gli occhi puntati in Giordania. Il paese arabo sta ospitando il mondiale under 17, dove una delle protagoniste é il Venezuela che oggi sfiderá la Corea del Nord per un posto in finale.

Ma c’é un personaggio che sta guadagnandosi spazi su tutti i media sportivi in giro per il mondo, stiamo parlando di Deyna Castellanos. La ragazza maracayera con le sue cinque reti segnate ha trascinato la Vinotinto fino alle semifinali.

La donzella del gol con i suoi dribbling non solo lascia senza fiato le sue avversarie, ma anche i suoi fans. Ha un repertorio di meraviglie da goleador di razza – di testa, di destro, di sinistro, in acrobazia, di potenza e di rapina – e con la nazionale ha una media gol pazzesca: 35 reti segnate in 37 gare disputate.

L’ultima prova balística della Castellanos é stata mercoledí contro il Messico, quando grazie ad una sua doppietta la vinotinto ha staccato il biglietto per la fase successiva. Nel palmares della bomber nata 17 anni fa a Maracay troviamo 11 reti segnati ai mondiali (5 in questo 2016 e 7 nel 2014), 3 volte é stata la bomber del torneo in cui ha partecipato, in tre occasioni ha segnato una doppietta in un torneo iridato.

Ma come piú volte ha dichiarato nelle sue interviste, il suo grande desiderio é migliorare la prestazione del mondiale disputato in Costa Rica nel 2014. “Abbiamo una grande squadra e lavoriamo sodo per raggiungere le nostre mete”. Un altro degli obiettivi di Deyna é che il calcio femminile abbia in Venezuela tanta fama come quello maschile. “Il calcio in rosa ha raggiunto più risultati di prestigio di quello giocato dagli uomini”.

La nazionale vinotinto dall’arrivo di Kenneth Zsemereta é diventata una delle potenze del calcio sudamericano ed ha in Deyna una delle sue stelle. Nell’edizione precedente del mondiale la Castellanos é stata la rivelazione e la bomber della manifestazione. Durante il torneo di qualificazione che si é svolto a Barquisimeto, la donzella del gol ha messo a segno ben 12 reti.

L’amore tra la palla a chiazze e la Castellanos é nato grazie a suo fratello Álvaro. Quando aveva 5 anni, lei assisteva agli allenamenti che lui svolgeva sul campo della scuola San Ignacio di Maracay.

“Un giorno un allenatore mi ha visto giocando con mio fratello. Poi ha chiamato in disparte i miei genitori e gli ha detto che avevo talento”. Fortunatamente per il calcio venezuelano i sui genitori hanno dato retta a quell’allenatore. Adesso i suoi dribbling ed i suoi gol stanno incantando un’intera nazione.

Il suo talento, l’ha portata a guadagnarsi una borsa di studio presso l’Universitá Statale della Florida dove studia scienze delle comunicazioni. Ma il sogno nel cassetto della donzella é quello di continuare a dare calci ad un pallone. “Voglio giocare a livello professionale negli Stati Uniti. Poi vorrei testare le mie qualitá in Francia e Germania”.

Tra le altre curiositá, Deyna Castellanos é stata la prima venezuelana invitata ad una ceremonia del pallone d’oro.
La prossima meta della Castellanos é qualla di superare la Corea del Nord per disputare la tanto desiderata finale.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

16:04Calcio: Inter, Pioli “contro la Roma non è uno spareggio”

(ANSA) - MILANO, 25 FEB - "Contro la Roma non e' uno spareggio. Di solito si parla di spareggio quando si è a pari punti. Noi stiamo rincorrendo e sappiamo che le partite così pesano ancora di più": lo dice l'allenatore dell'Inter Stefano Pioli alla vigilia della partita contro la Roma. Il tecnico non potrà fare affidamento su Miranda, squalificato dopo la partita contro il Bologna: "Bisognava vincere, poi è chiaro che parliamo di un grande difensore, ma la rosa è ampia e chi verrà chiamato in causa sarà preparato". Tornerà in campo, dopo aver scontato le due giornate di squalifica, Mauro Icardi. "È un fuoriclasse, ci sarà molto utile anche se chi ha giocato al suo posto si è fatto trovare pronto. Ha grande voglia ed è molto determinato. Al di là dei gol fatti - spiega Pioli - è sempre un giocatore determinante per come si muove e per gli spazi che crea. È il nostro capitano".

16:02Stadio Roma:Spalletti “brava Raggi,accordo dà forza a città”

(ANSA) - ROMA, 25 FEB - "E' stato raggiunto il massimo del risultato, bravi a tutti. Lo stadio è una cosa importante, penso sia un risultato straordinario quello raggiunto per la città". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, all'indomani dell'accordo raggiunto tra il Comune e i proponenti per la realizzazione del nuovo stadio giallorosso a Tor di Valle. "Il sindaco Virginia Raggi attraverso il dialogo è riuscita a trovare tutela e soddisfazione per tutti - aggiunge l'allenatore toscano alla vigilia della gara di campionato in casa dell'Inter -: ha fatto il massimo, ha fatto con grandissima competenza quello che è il suo lavoro. E' un risultato che dà forza alla città, non solo a chi ha piacere di andare a vedere una partita di calcio. E' un traguardo importante per la Roma, sarà una squadra ancor più ambita in futuro".

16:01Ingv, 2016 ‘annus horribilis’, 53mila scosse in Italia

(ANSA) - ROMA, 25 FEB - Con oltre 53 mila eventi sismici rilevati dalla Rete Sismica Nazionale, compreso il terremoto più forte in Italia da quello dell'Irpinia del 1980, il 2016 è stato un 'annus horribilis' per i terremoti in Italia. E' quanto rileva l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, secondo cui "rispetto agli anni precedenti il numero di terremoti è sensibilmente aumentato, con eventi più che raddoppiati rispetto al 2014 e più che triplicati rispetto al 2015" in grandissima parte a causa della sequenza di Amatrice, Norcia, Visso. Se la sismicità del 2014 e quella del 2015 sono state caratterizzate da numerose sequenze sismiche anche importanti come quella nel bacino di Gubbio, la "causa dell'elevato numero di terremoti del 2016 - spiega all'ANSA Concetta Nostro, ricercatrice dell'Ingv - è dovuto in grandissima parte alla sequenza sismica in Italia centrale iniziata il 24 agosto con un terremoto di magnitudo 6.0 localizzato in provincia di Rieti. E proseguita con altri eventi di magnitudo al di sopra di 5,0 e soprattutto con il terremoto di magnitudo 6,5 del 30 ottobre, il più forte mai registrato dalla Rete Sismica Nazionale in funzione dai primi anni Ottanta". Prima del 24 agosto, la sismicità italiana ha rispecchiato l'andamento degli ultimi anni e in particolare degli ultimi mesi del 2015, con circa 40 scosse al giorno in tutta Italia. Ma la sequenza in Italia centrale cominciata a fine agosto ha portato questa media giornaliera a circa 300, e in alcune giornate oltre 600, e quella complessiva del 2016 a 145 scosse al giorno. La maggior parte dei terremoti ha avuto una magnitudo inferiore a 2.0: oltre 42.000 eventi. I terremoti con magnitudo uguale o superiore a 2.5 - quelli per i quali l'Ingv effettua una comunicazione al Dipartimento della Protezione Civile - sono stati ben 3.400 nel 2016, circa cinque volte quelli del 2015. Gli eventi di magnitudo maggiore di 5.0 sono stati invece in tutto sei, 2 dei quali maggiori o uguali a 6.0. In questi primi due mesi del 2017, infine, la sequenza sismica dell'Italia centrale è continuata, con alcuni terremoti di magnitudo uguale o di poco superiore a 4.0 all'inizio di febbraio.

15:59Coppa Italia, Juve-Napoli, resta divieto tifosi ospiti

(ANSA) - TORINO, 25 FEB - Confermata la chiusura del settore ospiti in vista della partita di Coppa Italia Juventus-Napoli di martedì prossimo. La questura di Torino rende noto che il Gos (Gruppo operativo sicurezza) ha preso atto del provvedimento prefettizio di chiusura del settore ospiti allo Juventus Stadium, pertanto ha adottato tutte le misure organizzative "per assicurare il rispetto rigoroso del provvedimento inibitorio". Nessun possessore di titolo di accesso potrà pertanto accedere a settore diverso da quello previsto sul biglietto. Il provvedimento era stato adottato dalla Prefettura di Torino su indicazione del Comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive (Casms) presso il ministero dell'Interno allo "scopo di tutelare la sicurezza pubblica e l'incolumità delle persone dai rischi connessi all'accesa rivalità tra le due tifoserie, sfociata in passato anche in scontri".

15:56Milan: Galliani, 31 anni non si cancellano in un minuto

(ANSA) - MILANO, 25 FEB - A meno di una settimana dal closing con cui il Milan dovrebbe passare in mani cinesi Adriano Galliani non nasconde che c'è un po' di emozione per la fine di un'era. C'è, certo, 31 anni non è che si possono cancellare in un minuto, è evidente", ha detto ieri in tarda serata dopo la cena con la squadra l'ad rossonero, al fianco del presidente Silvio Berlusconi ancor prima che acquistasse il club nel 1986. C'è ancora la speranza che resti tutto così? "Ma no, ma no, che speranza..." ha tagliato corto Galliani, spiegando di aver sentito Berlusconi sereno e ribadendo la propria soddisfazione per Vincenzo Montella: "Può essere l'allenatore del futuro? Sta facendo bene, assolutamente. Ogni decisione la prende chi gestisce la società: in questo momento la gestiamo noi e siamo soddisfatti di Montella, poi chi la gestirà deciderà. Ma mi sembra di capire assolutamente di sì".

15:55Calcio: Mancini, Suning mi offrì triennale ma dissi di no

(ANSA) - MILANO, 25 FEB - "Suning mi aveva proposto un nuovo contratto triennale. Era tutto pronto ma l'ho rifiutato. Semplicemente non c'erano le condizioni per andare avanti, c'erano situazioni che non andavano bene": lo dice l'ex tecnico dell'Inter, Roberto Mancini. "L'allenatore, una volta che inizia la stagione, deve metterci la faccia - continua Mancini - e mancava ancora qualcosa perché le cose andassero bene".

15:42Droga: docente arrestata, viaggio regalato da un amico

(ANSA) - BARI, 25 FEB - "Il viaggio a Melbourne è stato il regalo di un mio amico": lo ha detto telefonicamente, ad Oronzo De Leonardis, l'avvocato dei suoi genitori, Elisa Salatino, la docente di sostegno, originaria di Fasano (Brindisi), arrestata nell'aeroporto internazionale di Melbourne il 12 febbraio scorso con 5 chili di cocaina nascosti nella valigia. La docente, che insegna nell'istituto Marconi di Bari, sarà sottoposta lunedì prossimo, 27 febbraio, per la prima volta, a interrogatorio dall'autorità giudiziaria australiana. "In quella sede, alla presenza del difensore d'ufficio, - afferma De Leonardis - potrà esporre a sua discolpa la propria versione dei fatti". "Elisa - racconta De Leonardis - ha spiegato che il viaggio in Australia è stato 'un regalo di un amico di Bari che sta molto bene economicamente', il quale ha insistito molto perché accettasse, desiderando che prendesse un periodo di relax dopo le difficili vicende personali e la separazione dal marito".

Archivio Ultima ora