Caritas: avanza un nuovo modello di povertà, sono i giovani

Pubblicato il 17 ottobre 2016 da ansa

Caritas: avanza nuovo modello povertà, sono i giovani

Caritas: avanza nuovo modello povertà, sono i giovani

ROMA. – Il vecchio modello di povertà italiano, che vedeva gli anziani più indigenti, non è più valido: oggi la povertà assoluta risulta inversamente proporzionale all’età, cioè diminuisce all’aumentare di quest’ultima. Lo rivela il Rapporto 2016 della Caritas su povertà ed esclusione sociale. Che segnala un’altra importante novità: ai Centri di Ascolto della Caritas delle regioni del Sud Italia ora si rivolgono più italiani che stranieri.

Partendo dagli ultimi dati Istat, che segnalano l’esistenza in Italia di 1 milione e 582 mila famiglie povere per un totale di quasi 4,6 milioni di individui – il numero più alto dal 2005 – il dossier mette in luce l’elemento inedito dell’avanzata dei giovani poveri: 10,2% l’incidenza della povertà assoluta tra i 18-34enni, che cala all’8,1% per la fascia 35-44 e così via diminuendo fino al 4% dei over 65.

E ciò si spiega col fatto che la persistente crisi del lavoro ha penalizzato e sta ancora penalizzando soprattutto i giovani e giovanissimi in cerca di di occupazione e gli adulti rimasti senza impiego.

Un’altra novità segnalata dal rapporto è l’inversione di tendenza tra italiani e stranieri che si rivolgono ai 1.649 Centri di Ascolto della Caritas delle regioni del Sud Italia. Se infatti a livello nazionale il peso degli stranieri che chiedono aiuto continua a essere maggioritario (57,2%), nel Mezzogiorno gli italiani hanno fatto il ‘sorpasso’ e sono al 66,6%.

Rispetto al genere, per la prima volta risulta esserci una sostanziale parità di presenze tra uomini (49,9%) e donne (50,1%), a fronte di una lunga e consolidata prevalenza del genere femminile. L’età media delle persone che si sono rivolte ai Centri è 44 anni. Tra i beneficiari dell’aiuto prevalgono le persone coniugate (47,8%), il titolo di studio più diffuso è la licenza media inferiore (41,4%).

I disoccupati e inoccupati insieme rappresentano il 60,8% del totale. I bisogni più frequenti sono perlopiù di ordine materiale; spiccano i casi di povertà economica (76,9%) e di disagio occupazionale (57,2%); non trascurabili, tuttavia, anche i problemi abitativi (25,0%) e familiari (13,0%) e sono frequenti le situazioni in cui si cumulano due o più ambiti problematici.

Il Rapporto dedica ampio spazio poi alla povertà dei rifugiati e richiedenti asilo presenti in Italia. Nel corso del 2015 sono stati in 7.770 a rivolgersi ai Centri Caritas: si tratta per lo più di uomini (92,4%), con un’età compresa tra i 18 e i 34 anni (79,2%), provenienti soprattutto da Stati africani e dell’Asia centro-meridionale.

Numerosi i casi di analfabetismo (26,0%). Tra queste persone prevalgono le domande di beni e servizi materiali (pasti alle mense, vestiario, prodotti per l’igiene) e quelle di alloggio, in particolare servizi di prima accoglienza. Il dossier fa anche il punto dell’accoglienza ai migranti nelle parrocchie dopo l’appello di papa Francesco ai vescovi.

Al 9 marzo 2016 le accoglienze attivate in 164 diocesi sono circa 20mila, così suddivise: circa 12mila persone accolte in strutture convenzionate con le Prefetture (con fondi del Ministero dell’Interno); quasi 4mila persone accolte in strutture Sprar (con fondi Ministero dell’Interno); oltre 3mila persone accolte nelle parrocchie (con fondi diocesani); oltre 400 persone accolte in famiglia o con altre modalità di accoglienza (fondi privati o diocesani).

Secondo l’organismo pastorale della Cei, in risposta al forte incremento della povertà assoluta in Italia l’unica strada è quella di un Piano pluriennale di contrasto, che porti all’introduzione di una misura universalistica contro la povertà assoluta. E’ inoltre urgente attivare politiche del lavoro tese a contrastare la disoccupazione, in particolare quella giovanile e promuovere percorsi di studio e formazione per i giovani.

(di Angela Abbrescia/ANSA)

Ultima ora

19:57Libia: ferma condanna governo Sarraj degli scontri a Tripoli

(ANSAmed) - IL CAIRO, 27 MAG - Il Consiglio presidenziale libico guidato da Fayez al Sarraj, sostenuto dall'Onu, ha condannato con fermezza gli scontri a Tripoli che hanno causato decine di vittime e ha chiesto alla popolazione della capitale di sostenere il suo governo e le milizie che lo appoggiano. In una nota pubblicata sulla sua pagina Facebook il Consiglio ha puntato il dito contro un "gruppo fuorilegge che ha scatenato le violenze" e "ha intimidito la popolazione". Secondo la stessa fonte il gruppo è "diretto da Khalifa al Ghweil", che a sua volta guida il 'governo' di Salvezza nazionale di Tobruk, rivale di Sarraj. "Questo gruppo ha superato ogni limite e ha messo in pericolo la vita dei cittadini, agendo in modo orribile". Il Consiglio di Sarraj ha poi dato ordine di "respingere tutte le formazioni fuorilegge", precisando che "sono stati effettuati contatti con i Paesi amici e le Nazioni Unite per studiare le prossime opzioni", considerato che "la priorità è garantire la sicurezza dei cittadini".

19:47Usa: Hillary Clinton in copertina Ny Magazine,via resistenza

(ANSA) - NEW YORK, 27 MAG - Offensiva mediatica di Hillary Clinton, che conferma di essere parte della ''resistenza'' dopo la bruciante sconfitta. Dopo l'intervento al suo alma mater Wellesley College, trasmesso in diretta dalle maggiori reti televisive, l'ex candidata alla Casa Bianca conquista la prima pagina del New York Magazine, che ricostruisce la ''surreale vita post-elettorale'' della donna che sarebbe potuta essere presidente, fra rabbia, rassegnazione, divertimento e preoccupazione. Nell'intervista Hillary Clinton ricorda la delusione, l'incredulità per quanto stava accadendo. E si sofferma anche sui temi d'attualità, quali il licenziamento di James Comey a capo dell'Fbi. Dopo essere sparita dalla scena pubblica, Hillary sembra ora ritornarci di prepotenza, come solo poche settimane fa aveva lasciato intravedere dicendo di esser parte della 'resistenza'.

19:39Pallavolo: donne, Italia-Olanda 3-1

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - La nazionale italiana di pallavolo femminile si prende la rivincita e dopo una lunga serie negativa riesce a superare 3-1 l'Olanda (17-25 25-18 25-13 25-20) seppur in amichevole. Prima vittoria di Davide Mazzanti sulla panchina azzurra, prima vittoria stagionale e primi sorrisi. Il ct azzurro ha schierato lo stesso sestetto della gara di Apeldoorn (persa con l'identico punteggio di 3-1) ma la scintilla che ha cambiato il volto alla gara è stato l'ingresso in battuta di Sara Loda nel secondo set con l'Italia in difficoltà ed in svantaggio 14-16. Il suo turno con due aces rilancia il gioco e il morale delle italiane che una volta avanti 19-17 giocano più tranquille e in maniera convincente. Se nella prima parte della gara l'Italia è stata molto fallosa, nella seconda ha fatto vedere di avere tante armi. In attacco con Egonu, Bonifacio e Folie, ma anche con le due sorelle Bosetti che sono uscite dal loro guscio nel momento che serviva. Bene De Gennaro e la regista Malinov.

19:27Calcio: Mondiali Under 20, Italia agli ottavi

(ANSA) - CHEONAN (COREA DEL SUD), 27 MAG - Italia e Giappone hanno pareggiato 2-2 in una partita della terza giornata della fase a gironi dei Mondiali under 20. Il risultato qualifica entrambe le nazionali alla fase ad eliminazione diretta. E' successo quindi quanto ipotizzato alla vigilia: un pareggio bastava per passare agli ottavi, e questo è accaduto, con due reti per parte, risultato che permette di passare anche ai giapponesi, come una delle migliori terze. Per l'Italia del ct Evani la partenza era stata fulminante, con il doppio vantaggio con Orsolini e Panico in appena 7', ma la squadra azzurra, paga del risultato, ha poi tirato i remi in barca e il Giappone, con una doppietta di uno scatenato Doan, miglior uomo in campo, ha raggiunto quel pareggio che gli serviva. Negli ottavi agli azzurri toccherà la prima del gruppo E: lo scontro diretto di domani tra Francia e Nuova Zelanda, rispettivamente prima a 6 punti e seconda a 4, deciderà quale sarà l'avversaria dell'Italia giovedì 1 giugno.

19:18Calcio: Watford, Marco Silva nuovo tecnico

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Panchina ancora straniera per il Watford che, per il dopo Walter Mazzarri, ha scelto il portoghese Marco Silva, a sua volta in partenza dall'Hull, dov'era approdato a gennaio senza però riuscire ad evitare la retrocessione in Championship, la seconda divisione inglese. Il 39enne allenatore, precisa il club sul suo sito internet, ha firmato un contratto di due anni. Nel suo palmares, fra l'altro, c'è uno scudetto in Grecia con l'Olympiacos, vinto nel 2016 con sei giornate d'anticipo.

19:07Calcio: Pallotta, per Totti inizia nuova era

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "Non ci sarà mai un altro Totti". Si chiude così la lunga lettera pubblicata da James Pallotta sul sito della Roma. Il presidente, che sbarcherà domattina nella Capitale, scrive che "sarà per me un privilegio poter essere all'Olimpico per assistere alla fine del primo volume di una carriera leggendaria. Era ed è il simbolo di Roma. Ci sarò per assistere all'ultima partita di Francesco con la maglia giallorossa. È la fine di un capitolo della sua vita e l'inizio di una nuova era". "Se sarò domani allo stadio? Certo che ci sarò, con Totti sono amico e ci vogliamo molto bene. Sarà una partita tra Roma e Genoa ed è importante per la Roma per ottenere la qualificazione in Champions League. Ma è chiaro che domani è un appuntamento che va oltre un discorso della singola squadra". Lo ha detto il presidente del Coni Giovanni Malagò, intercettato dai cronisti all'85/o Csio di Piazza di Siena a Roma.

19:02Calcio: azzurri, c’è anche Romagnoli

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - C'è anche Alessio Romagnoli nel gruppo della nazionale di Gian Piero Ventura attesa dalla doppia sfida con Uruguay e Liechtenstein. La Figc ha infatti reso noto che è stato chiamato anche il difensore del Milan: gli azzurri convocati sono così 27.

Archivio Ultima ora