Giubileo: oltre 18 milioni di pellegrini giunti a Roma

Pubblicato il 17 ottobre 2016 da ansa

Giubileo: oltre 18 milioni di pellegrini giunti a Roma  (Foto ANSA/ANGELO CARCONI

Giubileo: oltre 18 milioni di pellegrini giunti a Roma (Foto ANSA/ANGELO CARCONI

CITTA’ DEL VATICANO. – A poco più di un mese dalla conclusione, che sarà il prossimo 20 novembre, il Giubileo straordinario della Misericordia voluto da papa Francesco vede a portata di mano la quota complessiva di venti milioni di pellegrini portati a Roma. Finora, infatti, i fedeli arrivati nella Città Eterna per partecipare agli eventi giubilari hanno superato i 18 milioni.

Nel suo ultimo aggiornamento il sito ufficiale dell’Anno Santo, coordinato dal Pontificio Consiglio per la Nuova evangelizzazione, dà la cifra di 18.176.359 “partecipanti al Giubileo in Roma”, che conteggia i pellegrini di tutto il mondo registratisi online, giunti nella capitale per le celebrazioni del Giubileo e il passaggio della Porta Santa della Basilica vaticana.

Nonostante si tratti, per volontà del Pontefice, di un Anno Santo “diffuso”, “decentrato”, con Porte Sante aperte in ogni diocesi e in ogni santuario del globo, e senza la necessità di venire a Roma per “lucrare” l’indulgenza giubilare, i fedeli di tutto il mondo non hanno rinunciato alla pratica plurisecolare del pellegrinaggio nel cuore della cristianità.

Le cifre ufficiali, pur premiando lo sforzo degli organizzatori vaticani, finora non hanno però cambiato il giudizio dei commercianti e degli albergatori romani, che hanno sempre parlato di un Giubileo sottotono, non nascondendo la loro insoddisfazione.

Ma Oltretevere, naturalmente, si guarda ad altro: a quello che, come sempre è stato sottolineato, è il contenuto “spirituale” del Giubileo della Misericordia, al suo messaggio per il mondo e per la Chiesa, non certo agli affari e ai commerci che il suo svolgimento potesse favorire. Nell’ultimo periodo, hanno contribuito all’aumento dei pellegrini eventi come il Giubileo mariano della scorsa settimana, o ieri la cerimonia di canonizzazione di sette nuovi santi, con 80 mila persone in Piazza San Pietro e schiere di fedeli non solo dall’Italia ma anche da Argentina, Messico, Francia e Spagna.

Ora ci si prepara al ‘rush’ finale dell’Anno Santo, che ancora ha tanto da dare sia nel suo messaggio di misericordia per il mondo lacerato dai conflitti e dalle disuguaglianze, sia per quanto riguarda gli eventi veri e propri e quindi l’afflusso di pellegrini.

Sabato 22 ottobre papa Francesco terrà in piazza la penultima udienza giubilare. Domenica 6 novembre è in programma invece l’atteso Giubileo dei carcerati, che porterà a San Pietro rappresentanze di detenuti di vari istituti di pena. Nel fine settimana successivo (11-13 novembre) ci sarà invece il Giubileo delle persone di strada, con un’altra udienza giubilare, e l’incontro e la messa del Papa con gli amati senzatetto.

Sempre domenica 13 novembre saranno chiuse le Porte Sante nelle basiliche papali di San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore e San Paolo fuori le Mura, con le cerimonie presiedute dai rispettivi arcipreti, delegati dal Papa, il cardinale vicario Agostino Vallini, il card. Santos Abril y Castellò e il card. James Michael Harvey. Vedrà infine la presenza dei cardinali di tutto il mondo la chiusura del Giubileo, poiché per sabato 19 novembre il Papa ha convocato il Concistoro per la creazione dei nuovi porporati, alla vigilia di domenica 20, festa di Cristo Re, in cui a conclusione dell’Anno Santo Straordinario Francesco concelebrerà la messa con i nuovi cardinali, con il Collegio cardinalizio, con gli arcivescovi, i vescovi e i sacerdoti, e presiederà il rito di chiusura della Porta Santa di San Pietro.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

03:56Usa: catturato autore sparatorie in Maryland e Delaware

WASHINGTON - E' in manette l'uomo sospettato di aver sparato a sei persone, in Maryland e Delaware, uccidendone tre. E' finita con la cattura del 37enne Radee Labeeb Prince la caccia all'uomo scattata dopo che l'uomo aveva aperto il fuoco ieri mattina contro cinque colleghi a Edgewood, in Maryland, per poi dirigersi a Wilmington in Delaware e sparare ancora contro un uomo che pare conoscesse.

03:53Battisti: discussione Stf su habeas corpus forse in plenaria

BRASILIA - A pronunciare un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dagli avvocati di Cesare Battisti potrebbe essere la plenaria, e non una sala, del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano. Lo riferisce il giudice Gilmar Mendes, commentando quanto dovrà decidere il Tribunale martedì prossimo. Battisti non potrà in effetti essere estradato dal Paese finché la stessa Alta Corte non avrà emesso un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dai suoi legali.

03:48Cnn, Trump ha inviato in queste ore assegno a padre soldato

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe inviato in queste ore l'assegno di 25mila dollari promesso al padre di un sergente dell'esercito ucciso in Afghanistan nei mesi scorsi. Lo riferisce la Cnn citando fonti. Apparentemente l'assegno sarebbe stato inviato dopo la pubblicazione di un articolo del Washington Post in cui si rivelava che Trump aveva offerto il denaro al padre del 22enne Dillon Baldrige poche settimane dopo essere rimasto ucciso in un attacco compiuto da un poliziotto afghano lo scorso 10 giugno ma che l'assegno non era mai arrivato.

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

00:01Calcio: Roma, Di Francesco, partite cosi’ le devi vincere

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Dzeko e' nato per fare gol cosi': non spendo piu' di tanto parole per lui, anche perche' era stato criticato troppo": cosi' Di Francesco rende merito al suo centravanti, autore di una doppietta col Chelsea e applaudito per un primo gol che a qualcuno ha ricordato acrobazie alla Van Basten. "Ma lasciamo perdere i singoli - aggiunge il tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Stasera abbiamo messo in campo la mentalita' giusta, abbiamo messo in difficolta' il Chelsea e anche sotto di due gol siamo sempre stati in partita: abbiamo pagato qualche ingenuita' da cui sono arrivati i loro gol, e c'e' il rammarico perche' partite cosi' le devi portare a casa".

23:59Calcio: Chelsea, Conte ‘ho sbagliato a cambiare la squadra’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''Ho cambiato assetto, e in campo eravamo improvvisati ed è stata la cosa che mi piace meno. La responsibilita' e' mia". E' il mea culpa di Antonio Conte, dopo il pari in casa con la Roma del suo Chelsea. "Nonostante il 2-0 non abbiamo dato mai l'impressione di dominare la partita. Devo ringraziare i miei giocatori altrimenti la partita l'avremmo persa - ha aggiunto il tecnico italiano, a Mediaset Premium - L'impegno dei miei giocatori è stato massimale, nel primo tempo abbiamo sofferto e anche all'inizio del secondo. La scelta di cambiare non è andata''. ''Abbiamo subito il pressing della Roma e - chiude Conte - non riuscivamo ad essere propositivi. Mi devo assumere la responsabilità di aver cambiato sistema e non ha pagato. Abbiamo tre infortunati ma è lo stesso una situazione di emergenza e difficoltà per noi. Nonostante questo abbiamo pareggiato contro una buonissima Roma''.

Archivio Ultima ora