Stati Generali della Lingua Italiana, “Italiano come lingua viva”

Pubblicato il 17 ottobre 2016 da redazione

Il premier Renzi all'inaugurazione degli Stati Generali della Lingua Italiana

Il premier Renzi all’inaugurazione degli Stati Generali della Lingua Italiana

FIRENZE – Al via nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze la seconda edizione degli Stati generali della lingua italiana intitolata “Italiano come lingua viva”, percorso di riflessione e approfondimento sull’importanza della diffusione della nostra lingua quale asse fondamentale della proiezione internazionale del paese. Proiezione che molto deve alla capacità di attrazione esercitata dalla cultura e dall’immagine dell’Italia nel mondo ma cui occorre saper cogliere le potenzialità dei nuovi strumenti di promozione culturale e inserirsi in un contesto profondamente mutato dalla globalizzazione.

A dare il benvenuto ai partecipanti il sindaco della città di Firenze, Dario Nardella, che ha definito gli Stati generali “un appuntamento ormai consueto” e rilevato il valore aggiunto di “una positiva e necessaria continuità” dell’iniziativa. Ha ribadito il “rapporto speciale e unico che lega la lingua italiana alla città di Firenze” e segnalato come il 90% del lessico fondamentale oggi in uso sia quello contenuto nella Divina Commedia, testimonianza del legame indissolubile con il dialetto fiorentino e dell’origine della nostra lingua.

Due le “direttrici” della promozione dell’italiano oggi: quella che attiene al significato e al suo corretto uso tra gli italiani, per cui è necessario evitare “l’impoverimento e la mortificazione derivante dal sovrautilizzo ingiustificato di termini inglesi”, tenendo presente che questo determina anche “una mortificazione della capacità creativa connessa alla nostra lingua” e anche a livello della vita quotidiana, come, ad esempio, in tutte le pratiche dell’accoglienza; e la diffusione fuori dai confini nazionali.

Nardella insiste poi sulla capacità della nostra lingua di “costruire ponti” e ripropone come ancora valide le sfide già elaborate nel corso della prima edizione, sollecitando ad ampliare gli interventi all’estero, pensando a progetti che coinvolgano le nostre opere liriche e sinfoniche o ad una sorta di “erasmus delle arti”, anche con l’ausilio delle università straniere presenti in Italia, con la promozione di cinema e televisione, anche attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie, e ricordando che “l’esportazione della nostra lingua è spesso un viatico per l’esportazione di tutto il resto”.

“Due anni fa abbiamo scoperto un continente dell’Italia all’estero, realtà complessa cui afferiscono le comunità di italiani residenti all’estero, le nuove mobilità ma anche gli amanti della nostra lingua e cultura – afferma il vice ministero degli Esteri, Mario Giro, ribadendo come l’identità italiana sia e venga percepita “come un processo di relazione e non un assillo etnico”.

“Da quella prima edizione gli Stati generali sono rimasti convocati per continuare a formulare proposte su come potenziare la diffusione della nostra lingua e cultura e l’ampiezza di questo continente – ha proseguito il vice ministro, ricordando come a testimonianza della nostra forza attrattiva vi sia la crescita del numero di studenti di italiano nel mondo, oggi quantificati in 2,3 milioni (erano 1,5 milioni nel 2014).

Per Giro il nostro soft power è intrinseco alla nostra lingua: “strumento comunicativo, parte fondante della nostra storia ma anche capacità di analizzarla con il nostro sguardo particolare, esercizio di influenza piuttosto che ingerenza sull’altro; l’italiano – ricorda il vice ministro – è la lingua del cuore, si impone da sola, ha una potenzialità legata alla sua storia e cultura, è antidoto al pessimismo del nostro tempo, è la lingua del sì, ed è un errore pensare che essa sia debole”.

“Dobbiamo invece essere consapevoli della nostra forza, della ricchezza della nostra lingua, del fatto che il futuro è di chi sarà capace di andare in mare aperto, di coniugare conoscenze e culture – aggiunge Giro, precisando come proprio uno dei compiti degli Stati generali sia “darci consapevolezza di questo strumento prezioso”, oltre che “proporre iniziative, trasmettere uno slancio di energie e di idee per potenziare la diffusione della lingua della bellezza”. L’Italia è dunque “una grande potenza culturale spesso inconsapevole – afferma Giro e la chiamata a raccolta intende generare tale consapevolezza e risvegliare fiducia, stima e orgoglio.

Non ha partecipato all’apertura per sopraggiunti impegni istituzionali il ministro degli Affari esteri, Paolo Gentiloni, mentre è intervenuto il presidente del consiglio Matteo Renzi che ha parlato di una “grande battaglia che dobbiamo fare e vincere insieme”: “fare una gigantesca scommessa culturale sul made in Italy”, a cui concorre uno stanziamento sul fronte della promozione linguistica inserito in legge di Stabilità – annuncia il premier.

“Il numero di chi studia oggi la nostra lingua è strepitoso, anche se molto piccolo rispetto ad altri Paesi – ha affermato Renzi, ricordando però come ci si trovi dinnanzi a realtà molto diverse e come “il nostro percorso non possa essere giocato nella logica dei grandi numeri”.

Ricorda però come la promozione linguistica accompagni quella commerciale e sia anzi un volano di quest’ultima e come l’Italia sia il secondo paese nella graduatoria dei marchi commerciali, con una capacità attrattiva universalmente riconosciuta dal fatto “che molto spesso si definisce italiano ciò che italiano non è – segnala il premier, richiamando il fenomeno dell’italian sounding.

“Tale fenomeno, così come la parola crisi, rappresenta per noi anche un’opportunità, è un’evocazione chiara del bello che l’Italia esprime – afferma il presidente del Consiglio che sollecita tutti alla “scommessa culturale sul made in Italy, al racconto di un paese diverso, che non nega i problemi reali, ma tenta di affrontarli per quelli che sono, in una cornice internazionale in cui l’Italia può essere elemento di attrazione”. Una “scommessa sulla cultura” che coinvolge però tutta l’industria, culturale e non solo.

“Il governo c’è – continua, sollecitando anche la Rai a fare la sua parte ed estendendo la sollecitazione a tutti. “Il mondo ha bisogno di bellezza e di qualità, ha bisogno di noi e per vincere questa scommessa – precisa Renzi – dobbiamo essere operativi e concreti e non piangerci addosso per le difficoltà della globalizzazione”. “Dobbiamo guardare invece al futuro con lo sguardo innamorato del nostro paese, sguardo spesso più degli stranieri che interno al paese stesso – conclude Renzi, ribadendo come il futuro dell’Italia non sia solo nella sua memoria, ma anche nella “lingua viva” cui è dedicata questa due giorni fiorentina.

Accoglie la sollecitazione di Renzi a nome della Rai la presidente Monica Maggioni, che riconosce come l’azienda di Stato non possa accontentarsi di quanto fatto sino ad oggi, ma occorrano idee “per proiettarsi in modo diverso nel mondo”. Per quanto riguarda la diffusione di lingua e cultura la riflessione non può fare a meno di investire gli strumenti oggi a disposizione e Maggioni segnala in proposito come la nuova app della Rai, Rai play, sia stata scaricata anche all’estero, per il 10% degli utenti, sia da italiani all’estero che da amanti del paese.

“Dobbiamo avviare progetti specifici e pensare alla nostra lingua anche come piattaforma di incontro per chi arriva sulle nostre coste ma anche per coloro che si trovano all’estero, pensare a cosa vogliamo trasmettere con essa, a fare in modo che essa sia luogo in cui ci si incontra e si costruiscono modelli diversi da quelli dello scontro e della paura. La Rai c’è e ci sarà – conclude Maggioni – per ripensare noi e la lingua italiana in un contesto globale, dove la globalizzazione rappresenta un’opportunità per un’offerta di qualità”.

Il presidente della Società Dante Alighieri, Andrea Riccardi, ha parlato di un “ritardo accumulato nel dare all’Italia una proieizione internazionale, ritardo frutto di introversione politica” che ha pesato anche sulla diffusione della nostra lingua all’estero. “Ci siamo limitati a difendere l’italiano come lingua confinata nella nostra Penisola, parlata dagli italiani all’estero e da pochi eruditi, un approccio legato all’ital-nostalgia e che oggi deve invece puntare sull’ital-simpatia – ha affermato Riccardi, ricordando come il nostro sia un paese grande ed economicamente forte e “che può diventare un mondo al di fuori dei confini nazionali”.

“Nel 2014 abbiamo definito la lingua italiana una risorsa per il futuro e non solo un patrimonio del passato. L’ital-nostalgia è basata invece sull’idea di una patria piccola, mentre la nostra deve essere l’idea di una patria grande, sulla cui estroversione deve essere fatta una scelta sistemica – afferma Riccardi, segnalando come “esistano spazi, riserve di energia, amici dell’Italia, realtà in crescita che vanno federate in un tessuto di ital-simpatia” determinando così anche ripercussioni importanti sull’economia turistica.

Il presidente della Dante ribadisce inoltre come la lingua italiana non sia solo “veicolo ma anche contenuto” e riconosce l’importanza della nuova mobilità italiana e dei nuovi italiani per la diffusione della nostra lingua – il quinto paese al mondo per l’insegnamento dell’italiano è l’Egitto, segnala Riccardi, ancorando la proiezione italiana anche ai nuovi equilibri demografici e geopolitici. Necessario quindi un “salto culturale” per una nuova promozione linguistica di qualità, fatta di professionalità più che di volontarismo.

Infine, il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, ha richiamato l’impegno di questo governo “nell’avvio di una politica estera della cultura” e “che abbia nella promozione linguistica il suo asse fondamentale”, ribadendo l’importanza di un momento di riflessione come gli Stati generali in una fase di “cambiamento epocale dell’apprendimento”, in cui prevale la questione della selezione delle fonti più che quella della loro accessibilità.

Giannini ha ricordato poi come la nostra lingua sia nata e si sia diffusa anche per corrispondere ad un progetto politico, come abbia mantenuto un carattere di stabilità rispetto al suo nucleo originario e abbia dato il massimo contributo all’accrescimento della cultura artistica ma anche scientifica.

“Su ciascuno di questi aspetti noi abbiamo una responsabilità politica da assumere sul fronte della diplomazia linguistica e non dobbiamo scoraggiarci per i numeri perché non è questo il terreno della nostra competizione – ribadisce Giannini, ricordando come concorrano a tale diplomazia i connazionali all’estero, di vecchia e nuova emigrazione, “potenti ambasciatori dell’Italia, nuovo patrimonio di conoscenze e professionalità e spesso avamposto in luoghi che ora si affacciano sulla scena globale”, e gli immigrati “che guardano non solo alle nostre coste ma anche alla nostra civiltà” e che “dobbiamo integrare con azioni precise e mirate” e tra esse ricorda l’istituzione della nuova classe di concorso per insegnanti di lingua italiana per stranieri.

Oltre a ciò segnala l’importanza di “nuove forme di internazionalizzazione per il settore del cinema, dell’arte e dell’industria” e quantifica in 50 milioni di euro i fondi destinati alla promozione dell’italiano all’estero nella legge di stabilità appena varata dal governo.

(Viviana Pansa/Inform)

Ultima ora

10:13Auto: campionato Imsa, Ferrari vince a Laguna Seca

(ANSA) - SALINAS (USA), 25 SET - La Ferrari ha conquistato la prima vittoria della sua stagione nel campionato IMSA grazie a Christina Nielsen e ad Alessandro Balzan che hanno portato al successo la 488 GT3 di Scuderia Corsa consolidando la leadership nel campionato piloti e permettendo alla Ferrari di passare a condurre tra i costruttori. A sessant'anni esatti dalla vittoria della Ferrari della 500 TR di Pete Lovely, con la quale venne ufficialmente inaugurata la pista di Laguna Seca, Alessandro Balzan e Christina Nielsen sono riusciti a riportare la Casa di Maranello al successo sui saliscendi della California mentre l'altra Ferrari coinvolta, la 488 GTE di Risi Competizione in gara in classe GTLM, si è classificata seconda di un nulla alle spalle della BMW di John Edwards e Martin Tomczyc dopo aver chiaramente mostrato di avere il potenziale per vincere. La vittoria della Ferrari di Scuderia Corsa in classe GTD riporta la Casa di Maranello in testa alla classifica costruttori di categoria.(ANSA).

07:30India: incendio in fabbrica fuochi d’artificio, otto morti

NEW DELHI - Almeno otto persone sono morte ed altre 25 sono rimaste ferite nel bilancio provvisorio di un incendio scoppiato ieri sera nel deposito di una fabbrica illegale di fuochi d'artificio nello Stato settentrionale indiano di Jarkhand. Lo riferisce oggi l'agenzia di stampa Ani. Un numero imprecisato di persone, hanno reso noto i soccorritori giunti nel villaggio di Kumardubi (distretto di East Singhbhum), sono sotto le macerie di un muro crollato a seguito degli scoppi.

05:56Germania: proiezioni finali, Cdu-Csu a 32,9, Spd 20,8

ROMA, 25 SET - L'autorita' federale per le elezioni ha leggermente modificato i dati delle proiezioni finali per il rinnovo del Parlamento tedesco diffusi dall'Istituto di sondaggi Zdf. L'Unione Cdu-Csu consegue il 33% dei voti, i socialdemocratici della Spd il 20,5% e gli oltranzisti di destra della Afd il 12,6%. Secondo Zdf poi, Fpd e' al 10,4% (+5,6%); i Verdi al 9,0% (+0,6%); Linke al 9,0% (+0,4%). Se queste proiezioni fossero confermate dai risultati finali, questa sarebbe la nuova divisione dei seggi in Parlamento: Cdu-Csu 238, socialdemocratici 148, AfD 95, liberali 78, Linke 66, Verdi 65.

05:43Usa: nuova stretta su ingressi, riguarda 8 Paesi

NEW YORK - L'amministrazione Trump ha annunciato una nuova stretta sugli ingressi negli Stati Uniti. Le nuove misure riguardano otto Paesi: oltre a cinque dei sei a maggioranza musulmana gia' presi di mira nel bando in scadenza alla mezzanotte (Iran, Somalia, Libia, Yemen e Siria) spuntano ora anche Ciad, Corea del Nord e Venezuela. Le restrizioni non riguarderanno chi gia' possiede un visto Usa. Scompare dalla lista il Sudan.

05:28Marocco, la polizia interrompe la festa di una sposa bambina

RABAT - C'erano la torta e i fiori, gli invitati, i regali, i parenti felici. Ma le immagini postate su Facebook hanno indignato la Rete: nell'abito bianco di quella che sembrava una sposa c'era una bambina, accanto a lei un uomo di 27 anni. È accaduto a Tetouan, poco più di 400 mila abitanti, nel nord del Marocco, ai piedi della catena del Rif. L'ondata di sdegno ha costretto la polizia a intervenire. Gli uomini in divisa hanno interrotto la cerimonia e rimandato a casa gli invitati. La madre della bambina assicura che si trattava soltanto di una festa di fidanzamento, una promessa di amore in attesa che la piccola raggiunga l'età giusta per sposarsi, i 18 anni previsti dalla Moudawana, il codice della Famiglia riscritto e aggiornato nel 2004.

05:21Kushner come Hillary, usa account email privato

NEW YORK - Jared Kushner come Hillary Clinton. Il genero di Donald Trump e uno dei piu' stretti consiglieri del presidente americano avrebbe infatti usato un account email privato per comunicare con altri alti responsabili dell'amministrazione Trump, contravvenendo all'obbligo di ricorrere solo alla email governativa ufficiale. Lo svela Politico.

04:20Trump, mie critiche ad atleti non c’entrano con razza

NEW YORK - "Questa vicenda non ha niente a che vedere con la razza. Riguarda solo il rispetto per la nostra bandiera e per il nostro Paese": cosi' parlando con i giornalisti Donald Trump e' tornato sulla protesta dei giocatori di football, inginocchiatisi su tutti i campi durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Alcuni sono anche rimasti negli spogliatoi.

Archivio Ultima ora