Pensioni: classe ’53 tenta uscita, anticipo per 60.000

Pubblicato il 17 ottobre 2016 da ansa

Pensioni: classe '53 tenta uscita, anticipo per 60.000

Pensioni: classe ’53 tenta uscita, anticipo per 60.000

ROMA. – La classe dei nati nel 1953, la più penalizzata dalle riforme delle pensioni degli ultimi anni vede uno spiraglio per l’accesso alla pensione: con il disegno di legge appena approvato dal Consiglio dei ministri, infatti, saranno soprattutto coloro che compiono 63 anni nel 2016 ad utilizzare in prima battuta l’Ape insieme ai nati dei primi 4 mesi del 1954 dato che le fasce di età più anziane sono in gran parte già uscite grazie ai vari salvacondotti previsti.

Secondo le stime del Governo potranno andare in pensione in anticipo 35.000 lavoratori precoci(con 41 anni di contributi) e 25.000 con l’Ape (con almeno 30 anni di contributi i disoccupati e i disabili, con 36 di contributi coloro che sono impegnati in lavori faticosi).

In prima battuta il requisito dei 63 anni andrà raggiunto entro aprile 2017 dato che lo strumento sarà operativo il primo maggio e rientreranno nelle prime domande i nati nei primi 4 mesi del 1954. Per quanto riguarda le classi dei lavoratori più anziani le donne nate fino alla fine del 1952 andranno entro quest’anno con 64 anni di età (e 20 di contributi).

Grazie a questa norma della riforma Fornero possono uscire in anticipo anche i lavoratori uomini del settore privato nati entro il 1952 purché abbiano almeno 35 anni di contributi cumulati entro la fine del 2012. A questi requisiti si aggiungono i 7 mesi per l’aumento dell’aspettativa di vita mentre dovrebbe essere rivista l’interpretazione dell’Inps che respingeva le domande di coloro che non risultavano occupati al 28 dicembre 2011.

L’uscita anticipata però si presenta piuttosto costosa se non si rientra nelle categorie dell’Ape agevolata (disoccupati, disabili, parenti di primo grado di disabili e lavoratori con attività faticose) soprattutto considerato il fatto che le persone nate nel 1953 che ipotizzano un’uscita volontaria a breve devono chiedere un prestito per oltre tre anni con un taglio di circa il 15% della pensione per 20 anni.

Su questo punto l’Inps si sta organizzando per spiegare esattamente al lavoratore cosa perde prima di certificare il livello della pensione. Per l’Ape agevolata da chiedere una volta esauriti tutti gli ammortizzatori sociali ci sarà probabilmente da subito una forte richiesta dato che quest’anno, nei primi 6 mesi, a causa dell’innalzamento dei requisiti (4 mesi per gli uomini, 1 anno e 10 mesi per le donne) è sceso in modo consistente il numero dei pensionamenti.

“Una parte dei nostri connazionali – ha detto il premier, Matteo Renzi – è stata delusa dalla legge Fornero perché gli ha impedito di andare in pensione ma è anche vero che una parte non ne vuol sapere. Noi diamo solo la possibilità, senza impattare troppo sui conti, di uscire e magari fare il nonno o la nonna. Noi non buttiamo fuori nessuno, chi vuole uscire prima può farlo, mentre diamo più soldi, come giusto, a chi ha pensioni da fame”.

Ultima ora

21:28Calcio: Cagliari, ecco Faragò “Nainggolan mio modello”

(ANSA) - CAGLIARI, 19 GEN - Paolo Faragò, nuovo acquisto del Cagliari, è pronto all'esordio in Serie A con la maglia rossoblù. Trattativa sprint con il Novara e domenica all'Olimpico contro la Roma potrebbe vedersela con uno dei suoi modelli, Radja Nainggolan. Il Cagliari era stato molto vicino all'ex Novara già dalla scorsa estate. "Quando ho saputo dell'interessamento della società rossoblu' - ha rivelato - ho declinato qualsiasi altra offerta". E ora ecco il grande salto: "So che c'è una bella differenza, sino a pochi giorni fa stavo preparando la partita con il Trapani e improvvisamente mi trovo proiettato verso un altro match, quello con la Roma. Pronto? Sì, con tanta voglia di fare questa esperienza".

21:27Bbc, le truppe del Senegal entrano in Gambia

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Truppe senegalesi, che sostengono il presidente eletto del Gambia Adama Barrow, hanno attraversato il confine con il Gambia e si stanno dirigendo verso la capitale Banjul, dove risiede il presidente uscente Yahia Jammeh, che si rifiuta di lasciare il potere nonostante abbia perso le elezioni. Lo riporta la Bbc online.

21:24Maltempo: salvati con verricello due allevatori di Urzulei

(ANSA) - NUORO, 19 GEN - Sono in salvo anche i due allevatori di Urzulei isolati da giorni nei loro ovili. I due sono stati recuperati dal Soccorso Alpino (Cnsas), nelle località di Gosolloei e Cuccuttos, grazie all'impiego di un elicottero dell'Aeronautica Militare di Decimomannu. Il velivolo decollato con gli specialisti e due tecnici di elisoccorso del Cnsas ha raggiunto la zona montana particolarmente innevata e non raggiungibile dai mezzi a terra. Il delicato intervento di soccorso ha consentito il recupero dei due allevatori tramite il verricello. Sono stati caricati a bordo e trasportati nel campo sportivo del paese dove sono stati visitati e rifocillati.

21:07Assange, manterrò la promessa di consegnarmi agli Usa

(ANSA) - LONDRA, 19 GEN - Julian Assange è deciso a mantenere la promessa di consegnarsi alle autorità Usa dopo che Barack Obama ha concesso la grazia alla 'talpa' di Wikileaks Chelsea Manning. Lo ha detto l'attivista australiano nel corso di una conferenza stampa via social media dall'ambasciata dell'Ecuador a Londra, dove vive come rifugiato politico dal 2012. Solo ieri un suo legale aveva negato che fosse intenzionato a mantenere quanto promesso.

21:04Centri Sociali: fumogeni contro ps e Comune, 9 a giudizio

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Per i disordini davanti a Palazzo Marino del 22 maggio del 2013 e culminati in alcuni tafferugli tra antagonisti e agenti delle forze dell'ordine, 9 giovani del centro sociale Zam (Zona autonoma Milano)sono stati mandati a giudizio per resistenza aggravata, danneggiamento aggravato e getto di lacrimogeni. Secondo la ricostruzione degli investigatori quel pomeriggio di quasi 4 anni fa un gruppo di circa 200 ragazzi, giunto in corteo per protestare contro lo sgombero del centro sociale Zam, ha tentato di superare il cordone di sicurezza degli agenti di polizia per fare irruzione in Comune, arrivando per tre volte al contatto con le forze dell'ordine. Gli agenti hanno però respinto ogni tentativo di sfondamento.

21:04Hotel Rigopiano: scatta inchiesta per omicidio colposo

(ANSA) - PESCARA, 19 GEN - L'ipotesi è omicidio colposo. La Procura di Pescara, pm Andrea Papalia, ha aperto un fascicolo di indagine per fare luce sulle eventuali responsabilità. Le indagini relative alla tragedia di Rigopiano sono affidate ai carabinieri forestali, i quali in queste ore stanno già acquisendo documenti e testimonianze. Tra i documenti già a verbale anche l'allerta valanghe emesso giorni fa dal Meteomont, cioè il servizio nazionale prevenzione neve e valanghe, che indicava livello 4, il massimo è 5, di pericolo nella zona del Gran Sasso. Spetterà alla Procura quindi valutare se il rischio emesso è stato rispettato o valutato, se c'erano le condizioni per far emettere dalla Regione, fino agli enti locali, le ordinanze di evacuazione nelle zone a rischio.

21:01Prete accusato orge in canonica: Vescovo, chiedo io perdono

(ANSA) - PADOVA, 19 GEN - "Mi vergogno, e vorrei chiedere io stesso perdono per quelli che, nostri amici, hanno attentato alla credibilità del nostro predicare". Così il vescovo di Padova, Claudio Cipolla, si rivolge ai fedeli in una lettera aperta sul caso del parroco, don Andrea Contin, accusato di aver organizzato orge in canonica, indagato per violenza privata e sfruttamento della prostituzione. "Sento il bisogno di farmi presente in questo momento di sofferenza della nostra Diocesi. Immagino - scrive il prelato - quanto siate provati, confusi, scandalizzati da vicende collegabili con la nostra Chiesa". Chiesa, conclude il vescovo, che "non merita di essere ridotta solo a tutti gli errori e peccati commessi nella sua recente storia, come fosse una storia di malefatte. Questo male, che fa tanto rumore, non mi impedisce di ricordare i tanti preti e diaconi che hanno sacrificato la vita nella coerenza, con umiltà e fedeltà, il bene che tanti uomini e donne stanno vivendo nella discrezione e fuori dai riflettori". (ANSA).

Archivio Ultima ora