Iraq, Mosul: 500 italiani ad un passo dal fronte

Pubblicato il 17 ottobre 2016 da ansa

Iraq: Mosul; 500 italiani ad un passo dal fronte

Iraq: Mosul; 500 italiani ad un passo dal fronte

ROMA.- C’è un contingente di oltre 400 militari italiani – che a giorni diventeranno 500 – ad un passo dal fronte caldo di Mosul. Mentre è stata lanciata l’offensiva per la conquista della capitale irachena dello Stato Islamico, ad una trentina di chilometri di distanza, i bersaglieri della Brigata Aosta stanno infatti completando il loro dispiegamento per fornire la necessaria cornice di sicurezza al cantiere che dovrà lavorare al consolidamento della diga.

Pochi giorni fa nei dintorni della base italiana sono esplosi alcuni razzi lanciati da postazioni dell’Isis senza fare danni. In precedenza, l’intelligence aveva raccolto alcuni ‘warnings’ sul rischio di attacchi terroristici all’infrastruttura. E l’allerta ora è salita ai massimi livelli.

“La diga di Mosul – ha spiegato il ministro della Difesa, Roberta Pinotti – non è vicinissima alla città, dista 20-30 chilometri. Sapevamo di andare in una situazione carica di tensioni e rischi e abbiamo approntato un dispositivo di sicurezza che lascia tranquilli sia i militari italiani che i dipendenti della Trevi”.

Pinotti ha precisato che “i soldati italiani non partecipano all’offensiva per la ripresa della città di Mosul che vede invece impegnato l’esercito iracheno”. La missione italiana si chiama Presidium ed è stata predisposta a seguito dell’aggiudicazione dei lavori di messa in sicurezza della diga da parte dell’azienda cesenate Trevi.

Si tratta di un’infrastruttura delicata per l’intera area perchè fornisce acqua ed elettricità a centinaia di migliaia di persone. Un eventuale sabotaggio o atto terroristico provocherebbe una catastrofe: oltre al grave danno ambientale sarebbe compromessa l’economia di tutta l’area.

I primi militari italiani sono giunti nello scorso aprile per le ricognizioni. Nei mesi successivi si sono susseguiti gli arrivi ed il contingente sarà completato entro la fine del mese. Ai primi di novembre il cantiere sarà pienamente operativo. Gli uomini della Trevi stanno lavorando alla parte logistica del sito che sarà difeso dalle forze armate italiane. Ma una cintura di sicurezza più ampia vigila sull’area: è formata dai peshmerga e dalle forze irachene che sono impegnate anche nell’offensiva per la riconquista di Mosul.

L’allarme è salito ai primi di ottobre, in seguito al lancio di alcuni razzi nella zona della diga. L’attacco non ha interessato la base italiana che, ha spiegato lo Stato Maggiore della Difesa, “è rimasta in completa sicurezza”. Si sono quindi alzati in volo aerei della coalizione internazionale che hanno neutralizzato la minaccia, distruggendo le postazioni di lancio.

Ed ora, nel mezzo della battaglia, l’attenzione degli italiani è massima per evitare atti ostili contro l’installazione militare – protetta da trincee, reticolati e muri di cemento o contro la diga. Quando i lavori partiranno ci sarà un via vai di camion dal cantiere verso l’opera e dunque l’area da controllare sarà molto ampia.

E’ di diciotto mesi il tempo previsto dalla Trevi per concludere i lavori. Complessivamente sono 950 i militari italiani impegnati nell’operazione contro il Califfato chiamata ‘Prima Parthica’. Sono dislocati in maggioranza tra Erbil, in Kurdistan e Baghdad, dove addestrano le forze di sicurezza curde ed irachene. Ad Erbil l’Italia fornisce anche il servizio di recupero del personale a favore di forze della coalizione rimaste isolate sul terreno in aree ostili.

(di Massimo Nesticò/ANSA)

Ultima ora

16:45Libia: Sì da Fi ad intervento se sarà efficace

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - "Se l'intervento di cui si parla in queste ore prevederà il blocco delle partenze di migranti dalla Libia, l'immediato ritorno e sbarco sulle coste libiche dei barconi intercettati, regole di ingaggio degli assetti militari impiegati chiare ed efficaci, noi saremo favorevoli. È quello che chiediamo da tempo ed è ciò che andava fatto da tempo". Lo dichiarano Renato Brunetta e Paolo Romani, capigruppo FI di Camera e Senato, Maurizio Gasparri ed Elio Vito, responsabili Consulta sicurezza di FI e Laura Ravetto presidente Comitato Schengen.

16:45Bomba in centro migranti: parrocchia reagisce con foto su Fb

(ANSA) - NUORO, 27 LUG - Il parroco di Santa Caterina D'Alessandria, don Michele Casula, reagisce all'attentato contro il centro di accoglienza di Dorgali. Lo fa attraverso una foto postata sul profilo Facebook della parrocchia, che ritrae i giovani migranti ospiti di "Su Babbu Mannu" insieme al parroco, e affidandosi alla forza delle parole di Charles de Foucauld, il religioso francese proclamato beato il 13 novembre 2005 da papa Benedetto XVI: "Se tu credi che ciò che riunisce gli uomini è più importante di ciò che li divide, Se per te lo straniero che incontri è un fratello, Se tu dividi il tuo pane e sai aggiungere ad esso un pezzo del tuo cuore, allora…La pace verrà". "Forse per tutti noi questo fatto - scrive don Michele - è una occasione per donare agli altri parole 'buone' e mettere da parte sentimenti e parole che certamente non aiutano a crescere… ma specialmente non aiutano i più giovani: facciamo un piccolo sforzo e lavoriamo per questo!". Poi un invito ai cittadini di Dorgali: "Questa sera alle 20 ci ritroveremo davanti al centro di Su Babbu Mannu per esprimere la nostra vicinanza...si può portare un segno di affetto per questi ragazzi. Ciascuno si muova liberamente". (ANSA).

16:43F.1: Vettel, riportare Ferrari dove merita

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - "E' bellissimo far parte della famiglia Ferrari. Siamo concentrati per portarla al posto che le compete, questa è la missione e il nostro obiettivo". Così Sebastian Vettel alla vigilia del Gp d'Ungheria di F1. "Qui penso che avremo un buona opportunità - ha aggiunto il pilota tedesco - Tornando indietro con la memoria quest'anno è stato molto positivo per gran parte della stagione Ancora non ho firmato un contratto - spiega Vettel nella conferenza stampa Fia - ma l'obiettivo è avere buoni risultati, non firmare le carte. Siamo in ritardo? Lavoriamo sodo io e il team, pensiamo alle cose che ci sono da fare. In estate avremo più tempo per pensarci, siamo concentrati sul lavoro e sulla macchina. Un pezzo di carta si firma in fretta. Comunque nessuno ha fretta, con la Ferrari siamo sempre in contatto conclude Vettel - mi diranno loro quando è il momento, non vedo problemi".

16:32Esami da avvocato truccati: undici condanne a Bari

(ANSA) - BARI, 27 LUG - Il gup del Tribunale di Bari Giulia Romanazzi ha condannato a pene comprese fra i 3 anni e 6 mesi e i 4 mesi di reclusione 11 dei 16 imputati accusati, a vario titolo, di aver truccato il regolare svolgimento delle prove scritte dell'esame da avvocato svoltosi a Bari nel dicembre 2014. Altri due imputati sono stati assolti, per altri due è stata disposta la 'messa alla prova', un altro ancora è stato prosciolto. I reati riconosciute dal giudice sono, a vario titolo, falsa attribuzione di un lavoro altrui, falso ideologico, rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio, corruzione e truffa aggravata ai danni dello Stato. L'ex funzionaria dell'Università di Bari Tina Laquale è stata condannata alla pena di 2 anni e 8 mesi di reclusione; sua figlia Innocenza Losito, funzionaria Adisu, a 3 anni e 6 mesi (condannata anche al risarcimento danni nei confronti dell'Adisu); l'avvocato barese Giuseppe Colella a 3 anni. Nell'ambito di questa indagine i tre furono arrestati nell'aprile 2016.

16:28Fincantieri: Alfano, no ad ultimatum,vediamo cosa fa Francia

(ANSA) - MILANO, 27 LUG - "Noi non accettiamo ultimatum, vediamo cosa farà la Francia. Non mi pare ci siano grandi precedenti di nazionalizzazioni tecniche. Vedremo quale sarà dal punto di vista giuridico la decisione finale del governo francese e poi noi assumeremo le nostre decisioni". Lo ha detto il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, commentando coi giornalisti a Milano la volontà del governo francese di nazionalizzare Stx.

16:27Calcio: Inter-Bayern Monaco 2-0, doppietta Eder

(ANSA) - MILANO, 27 LUG - Una doppietta di Eder regala la vittoria all'Inter contro il Bayern Monaco, nella seconda partita dell'International Champions Cup (Icc). Inter in vantaggio al 9' grazie al colpo di testa di Eder su cross dalla destra di Candreva, al 30' è ancora l'attaccante della Nazionale a castigare la difesa non perfetta del Bayern: ottimo passaggio dalla sinistra di Perisic con Eder che dalle retrovie impatta sempre di testa. Nerazzurri cinici sotto porta e ordinati in difesa. Skriniar, Borja Valero e Perisic tra i migliori in campo, oltre ovviamente ad Eder. Nella ripresa il Bayern Monaco, senza alcuni giocatori chiave tra cui Vidal che è nel mirino proprio dell'Inter, fa la partita e prova ad accorciare le distanze ma i nerazzurri escono imbattuti. In una delle rare disattenzioni di Miranda, Handanovic si fa trovare pronto e gli evita anche l'autogol. Sabato ultima sfida dell'Inter nella tournèe asiatica contro il Chelsea di Antonio Conte.

16:27Sparano in friggitoria Vieste, ucciso il proprietario

(ANSA) - VIESTE (FOGGIA), 27 LUG - Il proprietario di una friggitoria, in via Cesare Battisti, a Vieste, è stato ucciso con diversi colpi di pistola sparati da due persone che sono entrate nel locale facendo fuoco. La vittima è Omar Trotta, di 30 anni, con precedenti penali, di Vieste. L'omicidio è avvenuto, a quanto si è saputo, sotto gli occhi della moglie e della figlia di pochi mesi della vittima. Un giovane che in quel momento era seduto allo stesso tavolo, insieme con Omar Trotta, è rimasto ferito. E' stato trasportato all'ospedale di San Giovanni Rotondo (Foggia) dove è stato ricoverato. Non si conoscono le sue condizioni. Sull'episodio indagano i carabinieri del Comando provinciale di Foggia che sono giunti subito sul posto. Secondo i militari i due killer dopo la sparatoria sono fuggiti a bordo di uno scooter. Gli investigatori stanno acquisendo le immagini di telecamere di videosorveglianza presenti nella zona.

Archivio Ultima ora