Iraq, Mosul: 500 italiani ad un passo dal fronte

Pubblicato il 17 ottobre 2016 da ansa

Iraq: Mosul; 500 italiani ad un passo dal fronte

Iraq: Mosul; 500 italiani ad un passo dal fronte

ROMA.- C’è un contingente di oltre 400 militari italiani – che a giorni diventeranno 500 – ad un passo dal fronte caldo di Mosul. Mentre è stata lanciata l’offensiva per la conquista della capitale irachena dello Stato Islamico, ad una trentina di chilometri di distanza, i bersaglieri della Brigata Aosta stanno infatti completando il loro dispiegamento per fornire la necessaria cornice di sicurezza al cantiere che dovrà lavorare al consolidamento della diga.

Pochi giorni fa nei dintorni della base italiana sono esplosi alcuni razzi lanciati da postazioni dell’Isis senza fare danni. In precedenza, l’intelligence aveva raccolto alcuni ‘warnings’ sul rischio di attacchi terroristici all’infrastruttura. E l’allerta ora è salita ai massimi livelli.

“La diga di Mosul – ha spiegato il ministro della Difesa, Roberta Pinotti – non è vicinissima alla città, dista 20-30 chilometri. Sapevamo di andare in una situazione carica di tensioni e rischi e abbiamo approntato un dispositivo di sicurezza che lascia tranquilli sia i militari italiani che i dipendenti della Trevi”.

Pinotti ha precisato che “i soldati italiani non partecipano all’offensiva per la ripresa della città di Mosul che vede invece impegnato l’esercito iracheno”. La missione italiana si chiama Presidium ed è stata predisposta a seguito dell’aggiudicazione dei lavori di messa in sicurezza della diga da parte dell’azienda cesenate Trevi.

Si tratta di un’infrastruttura delicata per l’intera area perchè fornisce acqua ed elettricità a centinaia di migliaia di persone. Un eventuale sabotaggio o atto terroristico provocherebbe una catastrofe: oltre al grave danno ambientale sarebbe compromessa l’economia di tutta l’area.

I primi militari italiani sono giunti nello scorso aprile per le ricognizioni. Nei mesi successivi si sono susseguiti gli arrivi ed il contingente sarà completato entro la fine del mese. Ai primi di novembre il cantiere sarà pienamente operativo. Gli uomini della Trevi stanno lavorando alla parte logistica del sito che sarà difeso dalle forze armate italiane. Ma una cintura di sicurezza più ampia vigila sull’area: è formata dai peshmerga e dalle forze irachene che sono impegnate anche nell’offensiva per la riconquista di Mosul.

L’allarme è salito ai primi di ottobre, in seguito al lancio di alcuni razzi nella zona della diga. L’attacco non ha interessato la base italiana che, ha spiegato lo Stato Maggiore della Difesa, “è rimasta in completa sicurezza”. Si sono quindi alzati in volo aerei della coalizione internazionale che hanno neutralizzato la minaccia, distruggendo le postazioni di lancio.

Ed ora, nel mezzo della battaglia, l’attenzione degli italiani è massima per evitare atti ostili contro l’installazione militare – protetta da trincee, reticolati e muri di cemento o contro la diga. Quando i lavori partiranno ci sarà un via vai di camion dal cantiere verso l’opera e dunque l’area da controllare sarà molto ampia.

E’ di diciotto mesi il tempo previsto dalla Trevi per concludere i lavori. Complessivamente sono 950 i militari italiani impegnati nell’operazione contro il Califfato chiamata ‘Prima Parthica’. Sono dislocati in maggioranza tra Erbil, in Kurdistan e Baghdad, dove addestrano le forze di sicurezza curde ed irachene. Ad Erbil l’Italia fornisce anche il servizio di recupero del personale a favore di forze della coalizione rimaste isolate sul terreno in aree ostili.

(di Massimo Nesticò/ANSA)

Ultima ora

18:18Calcio: Ceis, nasce prima squadra calcio Richiedenti Asilo

(ANSA) - GENOVA, 6 DIC - E' nata, grazie al Centro di Solidarietà di Genova (Ceis) che da anni si occupa anche di accoglienza", la prima squadra di calcio interamente composta da richiedenti asilo, ragazzi tra i 20 e i 25 anni provenienti da Gambia, Nigeria, Senegal, Bangladesh e Pakistan arrivati in Italia sui 'barconi della speranza'. Con loro, il tecnico Franco Bobba, un passato calcistico da semiprofessionista e oggi allenatore dilettantistico di indubbie qualità morali oltre che tecniche. La squadra, maglia e calzoncini azzurri, è stata iscritta al Campionato amatoriale di calcio a 7 organizzato da Csen Calcio Liguria e, dopo due sconfitte consecutive, ha ottenuto la prima vittoria in campionato, superando gli avversari della Pimpao con un netto 10-3.

18:17‘Sono un bambino sporco’, genitori a processo a Torino

(ANSA) - TORINO, 6 DIC - "Sono un bambino sporco": questo il cartello che un bimbo di 9 anni, nato a Donetsk in Ucraina e affidato alle cure di una famiglia italiana, doveva portare al collo come punizione. Una delle tante vessazioni umilianti a cui, secondo l'accusa, era costretto dai genitori adottivi con cui viveva in un paesino del torinese. Ora il ragazzo, ormai 17enne, vive in una comunità a seguito di un provvedimento del Tribunale per i Minorenni di Torino, mentre la madre e il padre sono imputati per maltrattamenti. Il 13 dicembre, a Palazzo di Giustizia a Torino davanti al giudice Antonio De Marchi, verranno sentiti i testimoni della difesa, rappresentata dall'avvocato Valerio D'Atri. Il ragazzo si è costituito parte civile ed è seguito dal legale Emanuela Martini. Ad accorgersi delle percosse e delle umiliazioni quotidiane erano state le maestre della scuola frequentata dal piccolo. Il bambino arrivava in classe con vestiti grandi, sporchi e puzzolenti, e sulla schiena aveva spesso dei lividi lasciati da una cinghia o da un bastone. "Mi facevano zappare l'orto sino a sera tardi - aveva raccontato agli inquirenti - E spesso mi fasciavano la testa con una benda per impedirmi di parlare". I genitori adottivi si sono sempre dichiarati innocenti. (ANSA).

18:09Germania: Merkel rieletta con l’89,5% dei voti

(ANSA) - BERLINO, 06 DIC - Con la percentuale dell'89,5%, Angela Merkel e' stata eletta per la nona volta presidente della Cdu al congresso del partito cristiano-democratico a Essen. E' il secondo peggior risultato nelle elezioni congressuali cui si era sottoposta la cancelliera. C'erano aspettative di un risultato ancora inferiore, ha però ricordato l'emittente Ntv.

17:30Rapinato portavalori nel Napoletano, colpo da 250mila euro

(ANSA) - NAPOLI, 6 DIC - Rapina da 250mila euro, davanti al centro commerciale "Le Ginestre" di Volla, in provincia di Napoli, dove tre banditi, con il volto coperto e armati di kalashnikov, si sono fatti consegnare da due vigilanti, appena scesi da un furgone portavalori, una valigetta contenente denaro destinato ai bancomat del centro commerciale. I banditi, prima di impossessarsi del denaro, si sono fatti consegnare anche le pistole delle guardie giurate. Poi, a bordo di una Citroen Picasso rubata, sono fuggiti. Mentre si allontanavano uno dei tre ha anche sparato un colpo di Ak47 in aria. L'accaduto è stato ripreso dalle telecamere di videosorveglianza. Sull'accaduto sono in corso indagini da parte dei carabinieri di Volla e dell'aliquota operativa di Torre del Greco (Napoli).(ANSA).

17:30Austria: Van der Bellen, valori europei sono chiave successo

(ANSA) - BOLZANO, 6 DIC - "Il messaggio che arriva da questa consultazione elettorale è chiaro ed è rivolto ai piccoli paesi in campagna come alle capitali d'Europa: i valori europei e la politica della collaborazione sono la chiave del successo". Lo ha detto il presidente eletto austriaco Alexander Van der Bellen. "Mi impegnerò con tutta la mia forza per unire ulteriormente l'Europa. Sono cresciuto in un piccolo e povero paese di montagna e ho imparato che solo uniti si è forti", ha aggiunto il professore in una breve dichiarazione alla stampa. Il presidente eletto, che giurerà il 26 gennaio, ha anche annunciato "di volersi impegnare per il superamento delle disuguaglianze tra uomo e donna". Van der Bellen ha infine invitato i due schieramenti di questa campagna elettorale "a fare ognuno il primo passo per avvicinarsi all'altro e di ascoltarlo. Il valzer si balla solo in due, rispettando comunque il ritmo".

17:30Cesareo ritardato, danni a bimbo: la madre, voglio giustizia

(ANSA) - CATANIA, 6 DIC - "Voglio verità e giustizia e soprattutto che quello che è accaduto a me non si ripeta ad altre madri e figli: chi ricorre a una struttura pubblica deve avere la certezza di essere tutelata al massimo". Così Deborah, 27 anni, madre del piccolo nato il 2 luglio del 2015 nell'ospedale 'Santo Bambino' di Catania con gravissimi disturbi neurologici perché, secondo la Procura, due dottoresse a fine turno avrebbero tardato a intervenire con un parto cesario per non restare ancora al lavoro. La donna, che vive in un paese alle pendici dell'Etna, precaria alle poste, con il marito 33enne, disoccupato, non vuole clamore sulla storia. Per questo ha bloccato da ieri sera il suo profilo pubblico su Facebook, rifiutando interviste. Per lei parla il legale di famiglia, l'avvocato Gianluca Firrone che rivela come l'inchiesta "sia stata portata avanti con grande professionalità e segretezza dalla Procura di Catania". "La famiglia non vuole pubblicità - aggiunge - ma la verità e per questo vuole la massima riservatezza".

17:28Siria: Sana e tv, lealisti avanzano ad Aleppo est

(ANSAMed) - BEIRUT, 6 DIC - Le forze lealiste siriane sono avanzate oggi nei quartieri orientali di Aleppo riuscendo a giungere vicino all'antica Cittadella, patrimonio mondiale dell'Unesco. Lo riferisce la tv al Mayadin, vicina all'Iran e solidale con l'offensiva governativa, a conferma di quanto affermato dall'agenzia siriana Sana, controllata dal governo di Damasco. Le fonti affermano che i lealisti hanno conquistato l'intero quartiere di Shaar, oltre ai rioni di Shaykh Lutfi e Marje. L'offensiva lealista è cominciata il 25 novembre scorso e in dieci giorni ha conquistato circa il 70% dei quartieri di Aleppo est a lungo sotto assedio perché controllati da miliziani delle opposizioni.

Archivio Ultima ora