Referendum, Escarrà: “Il risultato di un singolo Stato non dovrebbe inficiare quello nel resto del Paese”

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da redazione

CARACAS – La decisione della Corte, che impone all’Opposizione la raccolta del 20 per cento delle firme Stato per Stato, ha aperto un nuovo dibattito e posto il Tavolo dell’Unitá di fronte ad una nuova sfida. I venezuelani sono oggi divisi tra chi condivide l’interpretazione della che fa il “Tribunal Supremo de Justicia” della Carta Magna e chi, invece, sostiene che abbia preso una decisione di parte.
La risoluzione della Corte é categorica nel sostenere che, qualora l’Opposizione non riesca a raggiungere il 20 per cento delle firme anche in un solo Stato, il Referendum dovrà considerarsi definitivamente nullo. E’ una sentenza assai pesante che impone al Tavolo dell’Unità uno sforzo non indifferente per sensibilizzare l’elettorato a recarsi a firmare per esigere il Referendum attraverso il quale destituire il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro.

L’esperto in Diritto Costituzionale, Hermann Escarrà, nel programma televisivo condotto dal collega Vladimir Villegas, pur affermando che la decisione della Corte dovrà essere rispettata ha manifestato dubbi sulla sua correttezza. La tesi che sostiene Escarrà è assai semplice: il risultato di un solo Stato non puó inficiare quello del resto del Paese. Quindi, se la somma delle firme raccolte nella maggioranza degli Stati supera il 20 per cento, il Referendum dovrebbe realizzarsi senza alcun problema. Insomma, non avrebbe importanza se in uno o due Stati l’Opposizione non riuscisse a raggiungere il tetto imposto dal Consiglio Nazionale Elettorale
Per il deputato Julio Borges la sentenza della Corte non sorprende. Nel commentare “a caldo” la decisione del “Tsj”, il deputato ed esponente dell’Opposizione ha sottolineato:
– La risoluzione è inconstituzionale ed era attesa.
Quindi, dopo aver affermato che il governo con le sue azioni perde sempre più contatto con la realtà del Paese, ha segnalato che il Tavolo dell’Unità spera che il 26, 27 e 28 ottobre, 12 milioni di elettori firmino a favore della consulta popolare.
Dal versante opposto, e cioè dal fronte del partito di governo, si insiste nell’affermare che il Referendum non si farà. Non, almeno, prima della fine dell’anno. Nel corso della manifestazione organizzata a sostegno della decisione della Corte di permettere al presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, di non sottoporre il bilancio preventivo dello Stato per il 2017 al dibattito parlamentare, il vicepresidente del Psuv ha sostenuto che non vi “è maniera che possa realizzarsi il Referendum Revocatorio nel 2016”.
– Tra poco sarà Natale – ha detto il leader del Psuv -. Lo festeggeremo con Nicolás Maduro presidente.
(La Redazione)

Ultima ora

17:19Sci nordico: Italia Team, raduno ad Anterselva

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - E' entrato nella seconda e ultima fase il quinto raduno estivo della squadra maschile di Coppa del mondo di sci di fondo dopo quelli effettuati nelle ultime settimane sulle nevi norvegesi di Sognefjeld e successivamente sulle strade di Toscana, Trentino ed Emilia Romagna. Al lavoro sulla nuova pista di skiroll (inaugurata l'anno passato) di Anterselva (Bz) sono presenti Francesco De Fabiani, Dietmar Noeckler, Federico Pellegrino, Maicol Rastelli e Giandomenico Salvadori, i quali sono stati messi sotto torchio dall'allenatore responsabile Giuseppe Chenetti, che ha presentato un menù ricco di camminate a piedi, skiroll, corsa, forza, bicicletta e balzi. Il raduno si concluderà venerdì 28 luglio.

17:19Vitalizi: Sisto (FI), è macelleria sociale per 20 milioni

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Un provvedimento che è un "atto di macelleria sociale per 20 milioni di pensionati". Lo dice il deputato di Forza Italia Francesco Paolo Sisto intervenendo in Aula durante la discussione sulle questioni pregiudiziali. Le misure all'esame della Camera, e che portano la firma del Pd, sono "un provvedimento barbaro sul piano costituzionale" e rappresentano una scelta "irresponsabile".

17:04Cade in canale, bambino morto annegato nel Novarese

(ANSA) - NOVARA, 25 LUG - Un bambino è morto annegato nelle acque del diramatore di Vigevano, un canale artificiale che scorre tra le province di Novara e di Pavia. Trascinato dalla corrente il corpo è stato recuperato nella zona di Romentino. Non è ancora chiara la dinamica dell'incidente, al vaglio delle forze dell'ordine. Il bambino, tre anni da compiere, è scivolato in acqua a Galliate, dove viveva con la famiglia vicino al diramatore. A dare l'allarme, secondo quanto si è appreso, è stata la madre.(ANSA).

16:54Lavoro: AlmaLaurea, a cinque anni da titolo 84% occupato

(ANSA) - BOLOGNA, 25 LUG - A cinque anni dal conseguimento del titolo, in Italia i laureati lavorano nell'84% dei casi; oltre la metà è assunta a tempo indeterminato e i lavoratori autonomi sfiorano il 20%. I laureati nelle professioni sanitarie e gli ingegneri registrano un tasso di occupazione superiore al 90% e retribuzioni più elevati. Sono i dati dei focus realizzati da AlmaLaurea sulla base del 19/o 'Rapporto sulla condizione occupazionale dei laureati', presentato a Parma lo scorso maggio. Il rapporto ha coinvolto oltre 75mila laureati magistrali biennali del 2011. Dopo ingegneri e professionisti sanitari, i più occupati sono i laureati dei gruppi economico-statistico (89%), scientifico (88%), chimico e architettura (86% per entrambi). Il tasso di disoccupazione è del 9%, rimanendo su valori più elevati tra i laureati dei gruppi letterario (15%), giuridico e geo-biologico (14% per entrambi). A livello retributivo, i laureati magistrali a cinque anni dal titolo percepiscono in media 1.405 euro netti mensili. (ANSA).

16:47Pallavolo: Zaytsev spera, voglio andare agli Europei

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - ''Il mio unico pensiero è andare a fare gli Europei con una scarpa idonea, non farmi male e dare una mano alla squadra. Io ancora ci spero, la soluzione non è così complicata, io darei anche una gamba per la Nazionale. La soluzione è semplice: trovare una scarpa adatta per me del marchio che sponsorizza la federazione''. L'asso della pallavolo Ivan Zaytsev lascia le porte aperte ad un suo ritorno nella Nazionale di pallavolo in vista degli Europei dopo la querelle su sponsor e scarpe che ha portato alla sua esclusione dall'Italvolley. "Io ho sempre dato la mia massima disponibilità per cercare di trovare una soluzione - sottolinea lo Zar - e non ho mai detto che non avrei giocato senza le mie scarpe. Sono stato dipinto come un mercenario, una persona legata a un brand sportivo".

16:46Calcio: domani nuova Serie A, Juve può partire con big match

(ANSA) - MILANO, 25 LUG - Roma, Napoli, Milan, Inter, Atalanta e Lazio: ci sono praticamente tutte le migliori squadre dell'ultima stagione tranne la Fiorentina fra le possibili avversarie della Juventus campione d'Italia per la prima giornata del nuovo campionato di Serie A, che prenderà forma domani con i sorteggi nella sede di Sky. Impegnate nei preliminari di coppe, non si possono incontrare al debutto il Napoli e il Milan, che inizierà il campionato in trasferta come Genoa, Roma e Chievo, mentre lo faranno in casa Inter, Sampdoria, Lazio e Hellas Verona. Fra i criteri per la stesura del calendario, è prevista alternanza assoluta di incontri in casa e in trasferta per Bologna e Spal, per le squadre di Verona, Genova, Milano, Torino e Roma. Nei turni infrasettimanali non sono possibili i big match fra Inter, Juve, Milan, Napoli e Roma, né i derby, programmati tutti in giornate diverse, mai alla prima e all'ultima.

16:45Sinistra: Scotto, serve percorso comune con Pisapia

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "Non si può fare politica con il torcicollo. Sono d'accordo con Giuliano Pisapia, bisogna guardare avanti. L'alleanza con il Pd di Renzi e' archiviata nei fatti dalle scelte politiche di questi anni sul lavoro, sulla democrazia, sulla giustizia sociale. Oggi e' inutile tornarci sopra.I soggetti politici nascono se hanno una matrice popolare e democratica. Altrimenti sono solo amalgami tra stati maggiori. Che durano lo spazio di una campagna elettorale. E dunque stabiliamo insieme un percorso per decidere quando i nostri militanti, simpatizzanti ed elettori potranno dire la loro opinione sulla natura e la missione del soggetto della sinistra che vogliamo costruire". Lo dice Arturo Scotto , deputato di Mdp intervenendo su Fb.

Archivio Ultima ora