Referendum, Escarrà: “Il risultato di un singolo Stato non dovrebbe inficiare quello nel resto del Paese”

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da redazione

CARACAS – La decisione della Corte, che impone all’Opposizione la raccolta del 20 per cento delle firme Stato per Stato, ha aperto un nuovo dibattito e posto il Tavolo dell’Unitá di fronte ad una nuova sfida. I venezuelani sono oggi divisi tra chi condivide l’interpretazione della che fa il “Tribunal Supremo de Justicia” della Carta Magna e chi, invece, sostiene che abbia preso una decisione di parte.
La risoluzione della Corte é categorica nel sostenere che, qualora l’Opposizione non riesca a raggiungere il 20 per cento delle firme anche in un solo Stato, il Referendum dovrà considerarsi definitivamente nullo. E’ una sentenza assai pesante che impone al Tavolo dell’Unità uno sforzo non indifferente per sensibilizzare l’elettorato a recarsi a firmare per esigere il Referendum attraverso il quale destituire il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro.

L’esperto in Diritto Costituzionale, Hermann Escarrà, nel programma televisivo condotto dal collega Vladimir Villegas, pur affermando che la decisione della Corte dovrà essere rispettata ha manifestato dubbi sulla sua correttezza. La tesi che sostiene Escarrà è assai semplice: il risultato di un solo Stato non puó inficiare quello del resto del Paese. Quindi, se la somma delle firme raccolte nella maggioranza degli Stati supera il 20 per cento, il Referendum dovrebbe realizzarsi senza alcun problema. Insomma, non avrebbe importanza se in uno o due Stati l’Opposizione non riuscisse a raggiungere il tetto imposto dal Consiglio Nazionale Elettorale
Per il deputato Julio Borges la sentenza della Corte non sorprende. Nel commentare “a caldo” la decisione del “Tsj”, il deputato ed esponente dell’Opposizione ha sottolineato:
– La risoluzione è inconstituzionale ed era attesa.
Quindi, dopo aver affermato che il governo con le sue azioni perde sempre più contatto con la realtà del Paese, ha segnalato che il Tavolo dell’Unità spera che il 26, 27 e 28 ottobre, 12 milioni di elettori firmino a favore della consulta popolare.
Dal versante opposto, e cioè dal fronte del partito di governo, si insiste nell’affermare che il Referendum non si farà. Non, almeno, prima della fine dell’anno. Nel corso della manifestazione organizzata a sostegno della decisione della Corte di permettere al presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, di non sottoporre il bilancio preventivo dello Stato per il 2017 al dibattito parlamentare, il vicepresidente del Psuv ha sostenuto che non vi “è maniera che possa realizzarsi il Referendum Revocatorio nel 2016”.
– Tra poco sarà Natale – ha detto il leader del Psuv -. Lo festeggeremo con Nicolás Maduro presidente.
(La Redazione)

Ultima ora

10:56Expo: Sala, provo amarezza, continuerò nel mio lavoro

(ANSA) - MILANO, 23 GIU - "Provo solo una profonda amarezza, soprattutto pensando a quanto ho sacrificato per poter fare di Expo un grande successo per l'Italia e per Milano". Così il sindaco di Milano Giuseppe Sala, che ha appreso di essere indagato nell'ambito di un'indagine per appalti a Expo. "Troverò in ogni caso in me le motivazioni per continuare a svolgere con la massima dedizione possibile il mio lavoro al servizio della mia città" ha aggiunto. "Non intendo commentare in alcun modo ogni possibile iniziativa della Procura Generale. Non lo farò né oggi né in futuro", ha aggiunto. "La storia, purtroppo, si ripete. Anche questa volta è un articolo di giornale a diffondere notizie di un provvedimento che mi riguarderebbe e che è ancora coperto dal segreto istruttorio", ha concluso.

10:37Sanità: morì in intervento, chiesto rinvio per 3 medici

(ANSA) - BRESCIA, 23 GIU - La Procura di Brescia ha chiesto il rinvio a giudizio per tre degli otto medici della clinica Poliambulanza indagati per la morte, durante un intervento chirurgico, di un 59enne bresciano avvenuta il 29 dicembre del 2015. Lo scrive l'edizione locale de Il Giorno. L'uomo è deceduto nel corso di un intervento per la rimozione di un tumore e in seguito alla rescissione accidentale dell'arteria mesenterica superiore. I tre medici sono accusati di omicidio colposo dovuto a imperizia e negligenza.

10:21Expo, Sala indagato per turbativa d’asta

(ANSA) - MILANO, 23 GIU - Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, è indagato dalla Procura generale di Milano per l'ipotesi di turbativa d'asta riguardo a un appalto per la fornitura di alberi a Expo. Sala è già indagato per falso materiale e ideologico per una presunta retrodatazione del documento che consentì di cambiare in corsa due commissari incompatibili della gara per la cosiddetta 'Piastra'. Proprio nel capitolato di quest'ultima era compresa la fornitura del 'verde'. Interessamenti politici regionali, volti a non far restare fuori il mondo dei vivaisti lombardi - si legge tra l'altro nell'articolo - avrebbero determinato lo scorporo dell'appalto per gli alberi. L'accusa sostiene che si sarebbe dovuto riformulare la gara.

09:52Killer ricercato: consulenza, complesso stabilire posizione

(ANSA) - BOLOGNA, 23 GIU - L'uomo che l'1 aprile ha ucciso Davide Fabbri nel suo bar di Budrio lo ha fatto con un colpo di pistola esploso da distanza ravvicinatissima o a bruciapelo e ha sparato, durante una colluttazione, con un'inclinazione marcata: dall'alto verso il basso e da destra a sinistra. Il proiettile è entrato nella parte sinistra del torace e uscito dalla schiena, lesionando arterie vitali. Lo certifica la consulenza del medico legale Paolo Fais, 52 pagine, disposta nell'ambito dell'inchiesta del Pm Marco Forte su Norbert Feher, serbo latitante accusato anche dell'omicidio della guardia volontaria Valerio Verri. Per il consulente è alta la probabilità che il colpo sia stato sparato dall'assalitore mentre si trovava di fronte a Fabbri, mentre è improbabile che killer e vittima fossero entrambi in piedi. Ma la dinamica che emerge, osserva il medico, è "complessa" e non è possibile fornire ulteriori dati idonei a stabilire con sufficiente grado di certezza la posizione reciproca dei due al momento del colpo. (ANSA).

09:43Premi: consegnato ‘I nostri Angeli-Unicef’ all’ANSA

(ANSA) - TRIESTE, 23 GIU -"Penso che la differenza nel nostro mestiere la faccia l'etica, la passione. Cerchiamo di usarle sempre con entusiasmo". Lo ha detto il direttore dell'ANSA Luigi Contu nel ricevere dal portavoce Unicef Italia Andrea Iacomini a Trieste il premio "I Nostri Angeli" promosso con la Fondazione Luchetta e il Premio giornalistico internazionale Marco Luchetta. "Bisogna raccontare le storie - ha aggiunto Contu - con grande attenzione e delicatezza. Noi abbiamo scelto di raccontare chi sta vicino ai bambini e li vuole aiutare". L'ANSA è stata premiata "per aver contribuito in maniera determinante all'affermarsi, nel nostro Paese, di una cultura dell'altro che, attraverso la conoscenza di fatti lontano da noi, si pone quotidianamente lo scopo di infrangere il muro di indifferenza che troppo spesso allontana i cittadini dalla conoscenza delle storie di tanti, troppi bambini ancora invisibili del pianeta. ANSA è divenuta, di giorno in giorno, un alleato insostituibile nella difesa dei diritti intangibili dell'infanzia".

09:01Blitz antimafia a Roma, sequestri per 280 milioni

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Arresti e sequestro di beni da 280 milioni di euro a Roma: anche bar, ristoranti, pizzerie e sale slot. I carabinieri del Comando provinciale di Roma stanno eseguendo una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 23 persone ritenute responsabili a vario titolo di appartenere a due associazioni a delinquere finalizzate a estorsione, usura, riciclaggio, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita e il fraudolento trasferimento di beni o valori. I carabinieri, nel corso di un'operazione condotta anche con la partecipazione dei finanzieri del locale Nucleo di Polizia Tributaria, stanno eseguendo nelle province di Roma, Napoli, Milano e Pescara un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Roma su richiesta della locale DDA nei confronti di 23 persone. Decine le perquisizioni. La maxi-operazione scaturisce da un'indagine dei carabinieri denominata "Babylonia", su due sodalizi criminali "in vertiginosa crescita" sul territorio capitolino, con base a Roma e Monterotondo.

08:35Caporalato: polizia arresta in flagranza due imprenditori

(ANSA) - RAGUSA, 23 GIU - La Polizia di Stato di Ragusa ha arrestato in flagranza di reato, per sfruttamento di braccianti agricoli, due imprenditori di Vittoria: i fratelli Angelo e Valentino Busacca. Titolari di un'azienda di 40.000 mq di coltivazione in serra di ortaggi sono accusati di caporalato e sfruttamento di manodopera. Impiegavano 26 operai illegalmente: 19 richiedenti asilo, 5 rumeni (2 donne) e due tunisini. Sette di loro alloggiavano in abitazioni fatiscenti nell'azienda in condizioni degradanti. Erano retribuiti con 25 euro al giorno per almeno 8 ore di lavoro senza ferie, astensione o giorni di riposo. Solo la domenica a volte non lavoravano, ma non venivano pagati. Ieri venti agenti della Squadra Mobile di Ragusa hanno fatto accesso nell'azienda cogliendo in flagranza gli operai addetti alla raccolta dei pomodoro. (ANSA).

Archivio Ultima ora