Referendum, Escarrà: “Il risultato di un singolo Stato non dovrebbe inficiare quello nel resto del Paese”

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da redazione

CARACAS – La decisione della Corte, che impone all’Opposizione la raccolta del 20 per cento delle firme Stato per Stato, ha aperto un nuovo dibattito e posto il Tavolo dell’Unitá di fronte ad una nuova sfida. I venezuelani sono oggi divisi tra chi condivide l’interpretazione della che fa il “Tribunal Supremo de Justicia” della Carta Magna e chi, invece, sostiene che abbia preso una decisione di parte.
La risoluzione della Corte é categorica nel sostenere che, qualora l’Opposizione non riesca a raggiungere il 20 per cento delle firme anche in un solo Stato, il Referendum dovrà considerarsi definitivamente nullo. E’ una sentenza assai pesante che impone al Tavolo dell’Unità uno sforzo non indifferente per sensibilizzare l’elettorato a recarsi a firmare per esigere il Referendum attraverso il quale destituire il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro.

L’esperto in Diritto Costituzionale, Hermann Escarrà, nel programma televisivo condotto dal collega Vladimir Villegas, pur affermando che la decisione della Corte dovrà essere rispettata ha manifestato dubbi sulla sua correttezza. La tesi che sostiene Escarrà è assai semplice: il risultato di un solo Stato non puó inficiare quello del resto del Paese. Quindi, se la somma delle firme raccolte nella maggioranza degli Stati supera il 20 per cento, il Referendum dovrebbe realizzarsi senza alcun problema. Insomma, non avrebbe importanza se in uno o due Stati l’Opposizione non riuscisse a raggiungere il tetto imposto dal Consiglio Nazionale Elettorale
Per il deputato Julio Borges la sentenza della Corte non sorprende. Nel commentare “a caldo” la decisione del “Tsj”, il deputato ed esponente dell’Opposizione ha sottolineato:
– La risoluzione è inconstituzionale ed era attesa.
Quindi, dopo aver affermato che il governo con le sue azioni perde sempre più contatto con la realtà del Paese, ha segnalato che il Tavolo dell’Unità spera che il 26, 27 e 28 ottobre, 12 milioni di elettori firmino a favore della consulta popolare.
Dal versante opposto, e cioè dal fronte del partito di governo, si insiste nell’affermare che il Referendum non si farà. Non, almeno, prima della fine dell’anno. Nel corso della manifestazione organizzata a sostegno della decisione della Corte di permettere al presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, di non sottoporre il bilancio preventivo dello Stato per il 2017 al dibattito parlamentare, il vicepresidente del Psuv ha sostenuto che non vi “è maniera che possa realizzarsi il Referendum Revocatorio nel 2016”.
– Tra poco sarà Natale – ha detto il leader del Psuv -. Lo festeggeremo con Nicolás Maduro presidente.
(La Redazione)

Ultima ora

23:28Usa: è morto l’astronauta John Glenn

(ANSA) - WASHINGTON, 8 DIC - E' morto John Glenn, il primo astronauta americano ad andare in orbita intorno alla Terra. Per 24 anni ha poi rappresentato l'Ohio al Senato degli Stati Uniti. Aveva 95 anni.

22:38Calcio: la Roma fa 0-0 in casa Astra, Sassuolo-Genk rinviata

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - La Roma chiude il girone di Europa League con uno 0-0 a Bucarest, in casa dell'Astra Giurgiu, che comunque festeggia: assicurato il primo posto per il giallorossi, il secondo va proprio alla squadra romena, in forza della sorprendente vittoria del Plzen che in casa rimonta due gol di svantaggio e batte 3-2 l'Austria Vienna. Sassuolo-Genk, l'altra partita di un'italiana, e' rinviata a domani per la nebbia fitta sullo stadio di Reggio Emilia. Va ai sedicesimi anche il Manchester United, grazie allo 0-2 firmato Mkhitaryan-Ibrahmovic in casa dello Zorya, ma secondo dietro il Fenerbahce. L'Anderlecht perde in casa 3-2 col St.Etienne che lo sorpassa al primo posto del girone, ma si consola con la qualificazione da seconda. Nel gruppo D, avanti Zenit e Az Alkmaar: lo scontro diretto va agli olandesi (3-2), e' la prima sconfitta dei russi che pero' conservano il primo posto

22:08Natale: acceso il presepe di Manarola, 200 figure di luce

(ANSA) - MANAROLA, 8 DIC - Compie 40 anni il presepe di Manarola che oggi si è acceso con le sue oltre 200 figure luminose sulla collina a picco sul mare più famosa delle Cinque Terre. La natività più grande del mondo ha attirato migliaia di persone per ammirare l'accensione e lo spettacolo pirotecnico. Ad accendere il presepe Mario Andreoli, 89 anni, ideatore della rappresentazione e che anche quest'anno ha partecipato personalmente sistemando gli angeli sopra la capanna. Alla cerimonia hanno preso parte anche la sindaco di Riomaggiore (Manarola è una frazione) Fabrizia Pecuani e il presidente del parco delle Cinque terre Vittorio Alessandro che hanno sottolineato come "il presepe di Mario racconti la storia del territorio e deve essere valorizzato anche in futuro". Presenti il presidente della Regione Giovanni Toti e gli assessori Ilaria Cavo e Giacomo Giamperdrone. Toti ha detto che "l'accensione del presepe è il primo avvenimento di Lamialiguria inverno. Sarà un Natale importante compatibilmente col momento difficile del paese con la crisi che non si risolve. Abbiamo stanziato risorse importanti per eventi che arrivano sino a gennaio", ha detto Toti. (ANSA).

22:07Cacciati da San Basilio, Raggi: nuova casa

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - Per la famiglia di origine marocchina cacciata due giorni fa dalla casa assegnatagli a San Basilio è in arrivo un nuovo alloggio. Ad annunciarlo è la sindaca di Roma, Virginia Raggi, che oggi ha incontrato in Campidoglio Mourad, Fatia e i loro bambini. "L'accoglienza e il senso di comunità sono valori condivisi da tutti i romani - le parole della prima cittadina -. Sarà assegnata loro una nuova casa". Buone notizie dunque, dopo il "vergognoso episodio" - come l'ha definito la stessa sindaca - di due giorni fa nei palazzi popolari del quartiere alla periferia orientale della Capitale. Una protesta che ha costretto la famiglia a lasciare l'abitazione che gli sarebbe spettata di diritto. Abitazione che - come ha rivelato oggi l'assessore alle Politiche Sociali, Laura Baldassarre - sarebbe stata di nuovo occupata.

22:02Football Leaks: Ronaldo “Preoccupato? Chi non deve,non teme”

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - "Ti sembro preoccupato? Chi non deve non teme". Così Cristiano Ronaldo ha risposto a un cronista di Rtp che gli ha chiesto lumi sulla vicenda 'Football Leaks' che lo vedrebbe coinvolto. La battuta, riportata dal quotidiano Marca, è arrivata nella zona mista del Bernabeu, dopo il match di Champions contro il Borussia Dortmund. Cristiano Ronaldo ha detto di non essere preoccupato dal dossier che lo accuserebbe di avere evaso 150 milioni di tasse, rispondendo con un sorriso: "Me ves preocupado? Quien no debe, no teme". L'asso portoghese, stando al dossier, sarebbe accusato di avere 'deviato' verso le Isole Vergini Britanniche, un paradiso fiscale nei Caraibi, proventi per 150 milioni relativi ai suoi diritti di immagine e che sarebbe sotto inchiesta per gli anni 2011/13.

21:41Calcio: Crotone, canone 100 mila euro annui per fitto stadio

(ANSA) - CROTONE, 8 DIC - Centomila euro annui per i campionati 2016/17 e 2017/18. E' l'ammontare del canone di locazione che l'Fc Crotone dovrà pagare al Comune per l'utilizzo dello stadio Ezio Scida, secondo quanto stabilito nella convenzione siglata tra il Comune e la società rossoblù. In precedenza, la convenzione prevedeva un canone annuo di locazione di 30 mila euro. Nell'atto è previsto anche che, nel caso la Soprintendenza dovesse prorogare l'autorizzazione per l'installazione della tribuna centrale (che tra due anni è previsto debba essere smontata), la struttura attualmente noleggiata dall'Fc Crotone possa essere acquistata dal Comune.

21:35Calcio: curva Inter diserta San Siro per protesta

(ANSA) - MILANO, 8 DIC - La curva nord dell'Inter diserterà San Siro per la partita di stasera contro lo Sparta Praga. Una decisione in segno di protesta per il pessimo rendimento in Europa League da parte della squadra nerazzurra, già eliminata dalla competizione. Il secondo anello verde, cuore del tifo organizzato nerazzurro, resterà quindi vuoto. Pochi i tifosi attesi a San Siro, per una partita che non dovrà emettere verdetti. L'Inter è già eliminata e lo Sparta Praga è qualificato come primo del Girone K.

Archivio Ultima ora