Softball: Argenis Blanco e la Rhea premiati dal sindaco di Caronno

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da redazione

reha2

CARACAS – Zeus fu re dell’Olimpo. Dalla sua parte ebbe numero titati, ciclopi e giganti. Gli sportivi possono essere considerati titani dagli avversari, ciclopi quando si trata di raccogliere piú medaglie possibili al fine di aumentare la fama e il sucesso, e giganti, cioé eroi che si trasformano in eroi che entrano di diritto nella storia dello sport.

Il 2016 puó essere considerato un anno da favola per la Rheavendors Caronno ed Argenis Blanco, dopo aver messo in bacheca il triplete (Coppa Regionale, Billy Cape d il Campionato Nazionale). La squadra allenata dal manager venezuelano ha ricevuto un ennesimo premio in questa stagione: un onorificenza da parte di Mario Giudici, sindaco della cittá di Caronno. Tutto questo grazie all’ottima prestazione della squadra della categoría Under 13, dove ha chiuso la stagione con una scia di 38 gare senza subire KO.

“Nel campionato precedente siamo arrivati terzi, ma c’era qualcosa dentro di me che mi diceva di stare tranquillo e che prossimamente sarebbe arrivato il nostro momento di alzare la coppa” ha dichiarato Blanco in un’intervista via Facebook.

Poche settimane fa, il diamante di Campi Stuard di San Pancrazio (Collecchio) é stato lo scenario delle Finali Giovanili del Softball. La Rhea Caronno di Argenis Blanco, per riuscire a cucirsi lo scudetto sulla maglietta, ha dovuto battere prima le padrone di casa per 4-1 e poi l’Academy of Nettuno Baseball per 9-0. Dopo questi risultati le guerriere di Blanco hanno potuto esultare ed intonare in coro: “Campioni d’Italia!”

In questo 2016, il tecnico caraqueño é arrivato a quota 251 vittorie. Dal suo arrivo, nel 2007, la Rhea Caronno é diventata una macchina da guerra, arricchendo stagione dopo stagione la bacheca dei trofei.

“Da quanto abbiamo iniziato gli allenamenti invernali, la squadra ha iniziato a svolgere tutti gli esercizi per arrivare al top della forma al piú presto. Queste ragazze sono innamorate di questo sport”.

Nel primo anno ha alzato al cielo la Coppa Italia con il team senior. Nel 2010 é arrivata la sua seconda coppa nazionale, sempre con i Senior, ma nel Campionato Nazionale Divisione II.

Nella stagione 2013, i palmares di Blanco e della Rea si sono arricchiti con il Campionato Nazionale Divisione II (categoría Senior) e il Campionato Europeo Senior League. Nello stesso anno la sua squadra é arrivata nella World Series Senior League, torneo che si é disputato a Delawere, negli Usa. Quella fu la prima volta che una squadra europea fosse arrivata cosí lontano in quella manifestazione.

In quell’occasione la sua squadra fu battuta solo dall’Indiana per 4-1. In poche parole, il binomio Blanco-Rhea é come una di quelle macchine oleate che funzionano alla perfezione. “Il segreto di queste vittorie è rimanere concentrarti ed avere le idee chiare. L’importante é sempre fare quello che ci piace: giocare a softball. Ma cerco d’inculcare alle mie ragazze anche l’importanza dell’amicizia e del lavoro di squadra”.

La Rhea e Blanco chiuderanno la stagione partecipando ad un torneo corto che si svolgerá a Torino. Dopo la manifestazione in Piemonte, il team si risposerá un po’ per ricaricare le batterie, per poi iniziare con gli allenamenti invernali che si svolgeranno su un campo indoor. Ma si sa che per mantenersi nell’Olimpo dello sport ci vuole perseveranza e queste ragazze, dopo aver assaporato il miele della vittoria, non vogliono perdere il piacere di continuare a degustare questo nettare degli dei.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

22:34Roma: Spalletti, se fanno smettere Totti io me ne vado

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "Il mio contratto? Io sono convinto che Totti debba rinnovare. Io non voglio che smetta con me, e se lo fanno smettere io vado via anche se vinco. Se faccio il 'triplete' non rimango. Totti non ha un contratto, ha un patto d'amore con la città". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, al termine della gara vinta dai giallorossi per 4-1 sul Torino all'Olimpico. Per l'allenatore toscano, il rinnovo di contratto del n.10 "deve essere naturale come è naturale il boato del pubblico quando lui si alza dalla panchina per entrare. Quelli importanti sono i giocatori, non gli allenatori".

22:28Calcio: ds Milan, partita carica emozione in vista closing

(ANSA) - MILANO, 19 FEB - A due settimane dal closing con cui il Milan dovrebbe passare in mani cinesi c'è una certa emozione in casa rossonera, come ha confessato il ds Rocco Maiorino prima della partita contro la Fiorentina, destinata a diventare l'ultima casalinga dell'era Berlusconi. "Se si dovesse concretizzare il closing, sarebbero le ultime due settimane. C'è molta emozione per tutto quello che è stato fatto per questa squadra - ha detto Maiorino, intervistato da Premium Sport -. Per me, inoltre, il primo marzo saranno dodici anni al Milan, è una partita carica di emozione". Infine il ds milanista ha definito "importante ma non fondamentale" il risultato della sfida di questa sera contro la Fiorentina, diretta concorrente nella corsa all'Europa League.

22:24Congo: 25 civili hutu decapitati con i machete da miliziani

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - Miliziani Mai-Mai del gruppo etnico Nande hanno attaccato un villaggio Hutu in Congo (Rdc) e hanno ucciso almeno 25 civili. Lo ha reso noto oggi il rappresentante locale del governatore provinciale Francis Bakundakabo, precisando che quasi tutte le persone sono state uccise a colpi di machete e decapitate. Il massacro è avvenuto nel villaggio di Kyaghala e - ha denunciato Badundakabo - "getta nuova benzina sul conflitto interetnico nella regione" in un momento in cui l'intero Congo vive una situazione estremamente difficile a causa del rifiuto del presidente Joseph Kabila di lasciare il potere e di indire elezioni, benchè il suo mandato sia scaduto lo scorso 19 dicembre.

22:21Trump: ex premier Svezia, attentato? Ma cosa si è fumato?

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "Svezia? Attentato terroristico? Cosa si è fumato? Le domande abbondano": così l'ex primo ministro svedese Carld Bildt, in carica dal 1991 al 1994, ha commentato su twitter l'ultima uscita del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il quale ha evocato, durante un comizio, un attacco la scorsa notte in Svezia, mai avvenuto. I siti e i social network - riferiscono i giornali svedesi - sono pieni di ironie e dileggi verso l'ennesimo inciampo del nuovo inquilino della Casa Bianca.

22:20Trump: Svezia chiede chiarimenti su attacco inventato

(ANSA) - NEW YORK, 19 FEB - L'ambasciata svedese a Washington ha chiesto al Dipartimento di Stato americano spiegazioni sulle affermazioni del presidente Donald Trump, che nel corso di un comizio ha fatto riferimento ad un presunto attacco in Svezia venerdì notte, mai avvenuto. "Abbiamo posto la domanda al Dipartimento di Stato. Stiamo cercando di avere chiarezza", ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri svedese, Catarina Axelsson.

22:17Calcio: Genoa, sputi e insulti contro pullman squadra

(ANSA) - GENOVA, 19 FEB - Circa 200 tifosi del Genoa, sorvegliati da polizia e carabinieri, hanno 'accolto' il pullman che riportava la squadra di Preziosi nel capoluogo con calci, sputi e insulti. Il pullman, uscito dall'aeroporto con la squadra, il tecnico Juric e i dirigenti a bordo, è stati bloccato dai tifosi che hanno tirato uova e sputi contro il mezzo. Insulti sono stati proferiti contro il presidente Enrico Preziosi e l'ex giocatore e ora dirigente Omar Milanetto. Juric non è mai stato insultato né nominato. Dopo una decina di minuti, la folla si è aperta per far passare il pullman scortato dalla polizia e poi i tifosi si sono allontanati.

22:15Roma: Spalletti “Siamo stati bravi, ora mentalità è giusta”

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "I ragazzi sono stati bravi, dopo la vittoria in Europa League c'era il rischio di non avere il ritmo giusto, invece siamo entrati molto bene in partita, abbiamo pressato da primo minuto e fatto vedere le nostre qualità". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, a Premium dopo il bel 4-0 dei giallorossi sul Torino. "Siamo un po' calati dopo il 2-0, dove potevamo fare di più. Se noi ci togliamo dalla testa il pensiero continuo della vittoria, di passare delle belle serate insieme ai nostri tifosi, poi le avversarie ci superano. La crescita è evidente e visibile, altrimenti non potremmo contendere le posizioni alte in classifica. Noi però dobbiamo trovare giocatori forti come Totti, noi siamo abituati a lui e finché non ne troveremo altri non cresceremo ancora molto: di leader come Francesco in squadra ne servono più di uno per stare al passo con le grandi. Per questo bisogna rinnovare il suo contratto, un rinnovo che dovrà essere naturale come è naturale il boato dello stadio ogni volta che lui entra".

Archivio Ultima ora