Nelle mense delle scuole, cibi di qualità ma strutture scadenti

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Scuola: mense, cibi di qualità ma strutture scadenti

Scuola: mense, cibi di qualità ma strutture scadenti

ROMA. – Luci e ombre sulle mense scolastiche italiane: a dirlo è una ricerca di Cittadinanzattiva, secondo la quale il cibo distribuito ai bimbi sarebbe di buona qualità e il grado di pulizia adeguato, ma sarebbe consumato in ambienti troppo rumorosi e non sempre accoglienti, privi di servizi anti incendio ed elettrici adeguati (1 su 3) e in carenza di spazio (1 su 5). Per non parlare, sottolinea la ricerca, del fatto che in molti casi gli istituti scolastici sono del tutto privi di un locale mensa (1 su 4).

Lo studio accende i riflettori anche sui costi, un capitolo che – come spesso accade – fa emergere forti discrepanze fra Nord e Sud, con una media annua di 700 euro, non sostenibile da tutti i nuclei familiari: a Nord le tariffe più costose (94 euro mensili sia per l’infanzia che per la primaria), seguito dal Centro (94 euro per l’infanzia e 78 per la primaria); meno caro il Sud, rispettivamente con 64 e 67 euro.

Lo studio, diffuso a margine di un evento tenutosi a Roma (‘Mensa a scuola: costi, qualità e… nuove prospettive?’), è stato realizzato in 79 scuole di 13 regioni, sulla base di 221 indicatori e quasi 700 interviste, di cui 482 a bambini.

COSTI A livello regionale svetta l’Emilia Romagna, con una spesa media di oltre 1.000 euro l’anno, a cui fa da contraltare la Calabria, con circa 500. Fra i capoluoghi di provincia Livorno e Ferrara occupano il primo posto nella top ten delle città più care, con 128 euro di retta media mensile, poi Parma (123,60 euro), Reggio Emilia (122,40), Rimini (120), Forlì e Pesaro (118), Potenza (113,20), Piacenza (111,20) e Tempio Pausania (108,80 euro). La graduatoria delle città meno care è guidata da Barletta (32 euro di retta media mensile), seguita da Reggio Calabria (40), Ragusa (44), Tortolì, Isernia e Roma (45), Catania (46), Latina (46,20), Benevento (47,60) e L’Aquila (49,60).

LA MENSA CHE NON C’E’ Su 79 scuole che erogano il servizio di ristorazione scolastica ben 18 non dispongono di un locale mensa, quasi 1 su 4 (23%). I bambini mangiano in altri locali, prevalentemente gli atri degli edifici scolastici e le aule utilizzate per le lezioni ordinarie.

MENSE PERICOLOSE? più di una su tre ha l’impianto elettrico e antincendio per nulla o solo parzialmente adeguato; oltre un terzo (37%) non ha porte con apertura antipanico; una su 10 ha segni di fatiscenza e poco meno (8%) presenta distacchi di intonaco. –

BELLO MANGIARE IN COMPAGNIA, MA CIBO MONOTONO A 2 bambini su 3 piace mangiare con i compagni (64%), ma 1 su 3 (36%) non ama mangiare a mensa perché il modo di cucinare non cambia (71%), il cibo è sempre lo stesso (57%), le porzioni sono scarse (48%), l’ambiente è triste (37%) e vi mangiano solo alcuni compagni (27%). Inoltre solo 1 bimbo su 10 dice di mangiare tutti i cibi serviti, mentre un terzo confessa di mangiarne solo alcuni. I più amati risultano essere gelato e pizza (66%), pane e carne (65%), frutta fresca (57%) e pasta in bianco (53%); quasi detestate (60%) le verdure (soprattutto cotte o nelle minestre) e il pesce (47%).

MENU TRASPARENTE L’86% dei bambini non conosce la provenienza dei prodotti, mentre fra i docenti la conoscenza è più diffusa: solo il 43% ne è ignaro, poco più della metà (56%) ritiene che sia rispettata la stagionalità dei prodotti e 1 su 3 dichiara che vengono usati cibi biologici.

COMMISSIONI MENSA QUASI SCONOSCIUTE Secondo Cittadinanzattiva in circa la metà delle scuole ne è attiva una, tuttavia non è molto conosciuta come organo di controllo, ad eccezione di uno striminzito 53% dei docenti e di un più corposo 64% di genitori.

Ultima ora

10:37Cina: frana travolge hotel, almeno 12 morti

(ANSA) - PECHINO, 22 GEN - Almeno 12 persone sono morte dopo che una frana ha travolto l'hotel nel quale si trovavano nella provincia di Hunan, in Cina. Lo riferiscono i media locali. In base a quanto si è appreso, l'incidente è accaduto venerdì scorso: almeno 3mila metri cubi di detriti e rocce sono caduti lungo un pendio dietro l'albergo a tre piani nella contea di Nanzhang. La quantità di detriti ha rallentato i lavori dei soccorritori che alla fine sono riusciti a farsi largo nella struttura e a recuperare i corpi senza vita di 12 persone. Tre i sopravvissuti. Aperta un'inchiesta per determinare le cause dell'incidente.

10:24Afghanistan: arrestati in Kandahar 16 talebani

(ANSA) - KABUL, 22 GEN - La polizia afghana ha arrestato nelle ultime ore nella provincia meridionale di Kandahar 16 talebani, appartenenti a "tre gruppi terroristici" responsabili di attacchi coordinati e dell'uccisione di membri delle forze di sicurezza afghane. Lo ha reso noto il Dipartimento nazionale per la sicurezza (Nds, servizi). Gli arresti, ha precisato una fonte del Nds, sono avvenuti nell'ambito di specifiche operazioni realizzate nei distretti di Arghandab, Shahwali Kot e Daman. "questi gruppi terroristici - ha aggiunto la fonte - operavano sotto il comando dei Mullah Sayed Muhammad, Raz Muhammad e Mirza, che sono stati arrestati insieme ai loro uomini". Dopo il recente cruento attacco alla guesthouse del governatore di Kandahar in cui sono morte 12 persone, fra cui cinque diplomatici degli Emirati arabi uniti, la polizia ha intensificato le operazioni miranti a localizzare i talebani operanti nella provincia.

10:16India:scontro a fuoco in Arunachal Pradesh, uccisi 2 soldati

(ANSA) - NEW DELHI, 22 GEN - Due soldati del Corpo dei Fucilieri dell'Assam sono morti oggi in uno scontro a fuoco con un commando di militanti del Consiglio nazionale socialista del Nagaland (Nscn-k) nello stato nord-orientale indiano di Arunachal Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. L'incidente, precisa l'agenzia, è avvenuto nell'area di Jairampur del distretto di Changlang, confinante con lo Stato di Assam quando i militanti, che si battono per uno Stato indipendente cristiano per la popolazione di etnìa Naga del nord-est indiano e di Myanmar, hanno attaccato i fucilieri che perlustravano il territorio.

09:56Trump: primo briefing Casa Bianca dura 5 minuti

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - Sean Spicer, il portavoce della Casa Bianca, tiene il suo primo briefing. E dura poco più di cinque minuti, durante i quali attacca la stampa e non prende domande, dopo essersi fatto attendere per più di un'ora. Il briefing, già inconsueto di sabato, era stato infatti inizialmente convocato per le 16.30 ore locali, le 22.30 italiane, ma Spicer si è presentato con oltre un'ora di ritardo.

09:45Trump: ex direttore Brennan, vergognoso comportamento a Cia

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - L'ex direttore della Cia, John Brennan, ha detto che il presidente Donald Trump ''dovrebbe vergognarsi'' per il suo comportamento al quartier generale della Cia. Lo ha rivelato Nick Shapiro, ex braccio destro di Brennan. Shapiro dice che Brennan ''e' profondamente rattristato e arrabbiato per la deprecabile dimostrazione di autoglorificazione di Trump di fronte al Muro della memoria degli eroi dell'agenzia''. Parlando agli ufficiali della Cia di fronte al memoriale per gli agenti caduti, Trump aveva bacchettato i giornalisti per la copertura riservata alla cerimonia dell'Inaugurazione e aveva contestato che il numero delle persone presenti era piu' grande di quello riferito dai media.

07:01India: deraglia treno in Andhra Pradesh, 32 morti

NEW DELHI - Almeno 32 persone sono morte e altre 100 sono rimaste ferite in India per il deragliamento ieri notte di un treno nello Stato meridionale di Andhra Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. A quanto hanno reso noto oggi responsabili delle ferrovie il locomotore e sette carrozze del treno Jagdalpur-Bhubaneswar Express sono usciti dai binari nel distretto di Vizianagaram intorno alle 23 locali (le 19,30 italiane).

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

Archivio Ultima ora