Nelle mense delle scuole, cibi di qualità ma strutture scadenti

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Scuola: mense, cibi di qualità ma strutture scadenti

Scuola: mense, cibi di qualità ma strutture scadenti

ROMA. – Luci e ombre sulle mense scolastiche italiane: a dirlo è una ricerca di Cittadinanzattiva, secondo la quale il cibo distribuito ai bimbi sarebbe di buona qualità e il grado di pulizia adeguato, ma sarebbe consumato in ambienti troppo rumorosi e non sempre accoglienti, privi di servizi anti incendio ed elettrici adeguati (1 su 3) e in carenza di spazio (1 su 5). Per non parlare, sottolinea la ricerca, del fatto che in molti casi gli istituti scolastici sono del tutto privi di un locale mensa (1 su 4).

Lo studio accende i riflettori anche sui costi, un capitolo che – come spesso accade – fa emergere forti discrepanze fra Nord e Sud, con una media annua di 700 euro, non sostenibile da tutti i nuclei familiari: a Nord le tariffe più costose (94 euro mensili sia per l’infanzia che per la primaria), seguito dal Centro (94 euro per l’infanzia e 78 per la primaria); meno caro il Sud, rispettivamente con 64 e 67 euro.

Lo studio, diffuso a margine di un evento tenutosi a Roma (‘Mensa a scuola: costi, qualità e… nuove prospettive?’), è stato realizzato in 79 scuole di 13 regioni, sulla base di 221 indicatori e quasi 700 interviste, di cui 482 a bambini.

COSTI A livello regionale svetta l’Emilia Romagna, con una spesa media di oltre 1.000 euro l’anno, a cui fa da contraltare la Calabria, con circa 500. Fra i capoluoghi di provincia Livorno e Ferrara occupano il primo posto nella top ten delle città più care, con 128 euro di retta media mensile, poi Parma (123,60 euro), Reggio Emilia (122,40), Rimini (120), Forlì e Pesaro (118), Potenza (113,20), Piacenza (111,20) e Tempio Pausania (108,80 euro). La graduatoria delle città meno care è guidata da Barletta (32 euro di retta media mensile), seguita da Reggio Calabria (40), Ragusa (44), Tortolì, Isernia e Roma (45), Catania (46), Latina (46,20), Benevento (47,60) e L’Aquila (49,60).

LA MENSA CHE NON C’E’ Su 79 scuole che erogano il servizio di ristorazione scolastica ben 18 non dispongono di un locale mensa, quasi 1 su 4 (23%). I bambini mangiano in altri locali, prevalentemente gli atri degli edifici scolastici e le aule utilizzate per le lezioni ordinarie.

MENSE PERICOLOSE? più di una su tre ha l’impianto elettrico e antincendio per nulla o solo parzialmente adeguato; oltre un terzo (37%) non ha porte con apertura antipanico; una su 10 ha segni di fatiscenza e poco meno (8%) presenta distacchi di intonaco. –

BELLO MANGIARE IN COMPAGNIA, MA CIBO MONOTONO A 2 bambini su 3 piace mangiare con i compagni (64%), ma 1 su 3 (36%) non ama mangiare a mensa perché il modo di cucinare non cambia (71%), il cibo è sempre lo stesso (57%), le porzioni sono scarse (48%), l’ambiente è triste (37%) e vi mangiano solo alcuni compagni (27%). Inoltre solo 1 bimbo su 10 dice di mangiare tutti i cibi serviti, mentre un terzo confessa di mangiarne solo alcuni. I più amati risultano essere gelato e pizza (66%), pane e carne (65%), frutta fresca (57%) e pasta in bianco (53%); quasi detestate (60%) le verdure (soprattutto cotte o nelle minestre) e il pesce (47%).

MENU TRASPARENTE L’86% dei bambini non conosce la provenienza dei prodotti, mentre fra i docenti la conoscenza è più diffusa: solo il 43% ne è ignaro, poco più della metà (56%) ritiene che sia rispettata la stagionalità dei prodotti e 1 su 3 dichiara che vengono usati cibi biologici.

COMMISSIONI MENSA QUASI SCONOSCIUTE Secondo Cittadinanzattiva in circa la metà delle scuole ne è attiva una, tuttavia non è molto conosciuta come organo di controllo, ad eccezione di uno striminzito 53% dei docenti e di un più corposo 64% di genitori.

Ultima ora

13:42Berlino: pm Milano, Amri non aveva rete in Lombardia

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - Anis Amri, il soldato dell'Isis che un anno fa fece strage in un mercatino a Berlino e venne poi ucciso da due agenti a Sesto San Giovanni, nel milanese, non aveva una rete di contatti di terroristi in Lombardia, dove passò in pratica per caso, in quanto la sua intenzione era di andare a sud, in Sicilia. E' emerso dall'inchiesta per terrorismo internazionale e di cui il pm Alberto Nobili, capo del pool antiterrorismo, ha chiesto l'archiviazione. In particolare, i pm hanno chiesto al giudice di archiviare il fascicolo per terrorismo internazionale a carico di ignoti che era stato aperto dopo che Amri, che aveva compiuto la strage il 19 dicembre 2016 uccidendo 12 persone, era stato ucciso nella notte tra il 22 e il 23 dicembre da due agenti, dopo essere stato fermato a Sesto San Giovanni (Milano) mentre vagava in un piazzale in attesa di un bus. Anche il tir che Amri rubò in Germania, uccidendo un autista polacco, era partito da un'altra città del Milanese, Cinisello Balsamo.

13:40Di Maio, se sotto 40% faremo appello, governo con chi ci sta

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Se alle elezioni dovessimo ottenere il 40% potremmo governare da soli, se non dovessimo farcela la sera delle elezioni faremo un appello pubblico alle altre forze politiche che sono entrate in Parlamento presentando il nostro programma e la nostra squadra. E governeremo con chi ci sta". Lo afferma Luigi Di Maio, candidato premier M5S, ai microfoni di Circo Massimo, Radio Capital.

13:40‘Ndrangheta: Minniti,firma per cittadinanza attiva è impegno

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 18 DIC - Il ministro dell'Interno Marco Minniti ha apposto stamani, in Prefettura a Reggio Calabria, la firma sul Registro della cittadinanza attiva una firma contro la 'ndrangheta". "La firma su questo 'Registro' - ha detto Minniti non è questione che si assume a cuor leggero, ma un obbligo di impegno. Voglio qui ringraziare il prefetto Miche Di Bari e con lui, coloro che hanno avuto l'idea di questa iniziativa che è uno spartiacque di valori e di impegno contro le mafie, non solo qui a Reggio e in Calabria, ma in tutto il resto del Paese. Qui oggi si sta dando forza ad una alleanza strategica tra tutte le istituzioni e i cittadini, un orientamento chiaro su quale parte della sponda stare". Minniti ha poi sottolineato il "duro lavoro - ha detto - della magistratura e delle forze dell'ordine che qui hanno assestato colpi durissimi alla mafia perché essa rappresenta comunque una costante minaccia per il libero esercizio del voto che è il cuore della democrazia".(ANSA).

13:39Calcio: serie B, domani assemblea Lega

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Si terrà domani a Milano nella sede di Via Rosellini con inizio alle ore 13 l'Assemblea di Lega B. All'ordine del giorno - informa un comunicato della stessa Lega - dopo le comunicazioni del presidente Mauro Balata e le informative del direttore generale Paolo Bedin, l'approvazione del Bilancio di esercizio 2016/2017 dell'associazione, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Si provvederà quindi ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea- conclude il comunicato - verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

13:37Basket: Nba, LeBron James ‘no ordini da Trump’

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Una scarpa bianca e una nera indossate per un tempo, entrambe con la scritta 'Equality', uguaglianza. E' il nuovo messaggio che LeBron James ha voluto mandare alla Nba, dove continua a regnare con prestazioni da record, come quella che ha portato al successo a Washington contro i Wizards, ma soprattutto fuori dal campo. Dalla stella dei Cleveland Cavs arriva infatti un attacco anche al presidente Trump, già nel suo mirino negli scorsi mesi. "So benissimo dove siamo - ha detto, riferendosi alla Capitale che ha ospitato la sua partita e ospita la Casa Bianca - e chi è al timone qui". "Noi americani, non importa il colore della pelle o la razza, dobbiamo capire che abbiamo tutti uguali diritti e siamo tutti in grado di sostenere una causa e di parlarne. Ho già fatto sentire altre volte la mia voce. Non voglio lasciare che sia una sola persona a darci ordini su quanto meravigliosi e potenti siamo", ha aggiunto James.

13:11Austria: il nuovo governo giura tra le proteste

(ANSA) - TRIESTE, 18 DIC - Centinaia di persone si sono radunate a Vienna per protestare contro l'insediamento del nuovo governo di destra. Antifascisti, femministe e gruppi di studenti di sinistra hanno manifestato contro la coalizione tra il Partito popolare austriaco conservatore e il Partito nazionalista Fpoe che si sono impegnati a irrigidire le norme sull'asilo nel Paese e sull'immigrazione, mantenendo nel contempo un fermo impegno a favore dell'Unione Europea. Il leader del Partito popolare Sebastian Kurz, 31 anni, diventerà il più giovane capo di governo in Europa. Gli oppositori politici hanno espresso particolare preoccupazione per il fatto che l'Fpoe, che ha legami con gli estremisti di estrema destra, avrà il controllo degli importanti ministeri dell'Interno, della Difesa e degli Esteri. Il suo leader, Heinz-Christian Strache, diventerà vice cancelliere.

13:11Falsi: oltre 6 mln prodotti sequestrati da gdf Prato

(ANSA) - PRATO, 18 DIC - Sono circa sei milioni i prodotti contraffatti e potenzialmente dannosi, per un valore di 30 milioni di euro, sequestrati dalla guardia di finanza del comando di Prato nel corso dell'operazione "Passo passo" in cui 12 persone sono state denunciate. I finanzieri hanno avviato una complessa attività investigativa che ha portato ad operare nelle regioni della Toscana e del Lazio, sotto la costante direzione del sostituto procuratore della Repubblica di Prato, dottoressa Valentina Cosci. Le perquisizioni operate sul territorio nazionale, su delega dell'autorità giudiziaria, hanno consentito di sottoporre a sequestro circa sei milioni di capi di abbigliamento ed articoli di bigiotteria potenzialmente dannosi per la salute del consumatore finale e più di 1.000 bracciali contraffatti, per un valore stimato di mercato di circa 30 milioni di euro identificando e denunciando 12 imprenditori, tutti di nazionalità cinese, titolari e/o amministratori di altrettante ditte ubicate tra Prato, Roma e Viterbo. L'operazione, si legge in una nota della gdf, ha portato gli operatori delle fiamme gialle a seguire la filiera dei prodotti potenzialmente dannosi, e in molti casi contraffatti, partendo da alcune perquisizioni operate all'interno del centro espositivo "Euroingro" di Prato dove alcuni imprenditori commercializzavano tali prodotti, fino ad arrivare a individuare i vari fornitori/importatori, tutti dislocati principalmente nella capitale.(ANSA).

Archivio Ultima ora