Dalai Lama a Milano fra grande attesa e proteste cinesi

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Dalai Lama a Milano fra grande attesa e proteste cinesi

Dalai Lama a Milano fra grande attesa e proteste cinesi

MILANO. – Alla dirompente crescita della Cina come potenza economica sta seguendo un corrispondente peso politico e culturale e in questa ottica vanno inquadrate le proteste della comunità asiatica per la visita del XIV Dalai Lama Tenzin Gyatso a Milano. Una tre giorni a partire da giovedì mattina, durante i quali l’icona del pacifismo riceverà le chiavi della città come deciso da una delibera approvata dal precedente Consiglio comunale durante il mandato di Giuliano Pisapia che nel 2012 gli consegnò il Sigillo di Milano. E il sindaco Giuseppe Sala lo incontrerà, forse all’aeroporto di Malpensa. Una decisione che oggi come allora ha suscitato, appunto, la contestazione della comunità cinese milanese.

Ma il Dalai Lama è molto atteso in città e in Italia come simbolo vivente della pace, dell’armonia fra uomo e natura e come memoria storica di come la Cina di Mao si comportò nei confronti del piccolo e indifeso Tibet. Sono molti coloro che vogliono vederlo e confrontarsi sui temi internazionali e spirituali.

Il primo appuntamento pubblico del Dalai Lama è in programma subito dopo il suo arrivo giovedì mattina, con una conferenza riservata agli studenti universitari al Teatro Arcimboldi. Fuori dal teatro, messo a disposizione dal Comune, è annunciato un presidio per contestarlo. Già tutti esauriti i posti per la conferenza, organizzata dall’Università Milano-Bicocca in collaborazione con l’istituto studi di buddhismo tibetano Ghe Pel Ling. Il Dalai Lama terrà la sua lezione al termine della quale risponderà alle domande degli studenti. Poi, sempre al Teatro Arcimboldi, riceverà dal presidente del Consiglio Comunale Lamberto Bertolè la cittadinanza onoraria.

Nella stessa giornata incontrerà l’arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola. Venerdì e sabato, invece, a Rho-Fiera Milano terrà una serie di lezioni aperte a tutti. “Io il Dalai Lama lo incontrerò e non temo ripercussioni”, ha specificato Sala mentre fonti del Consiglio Comunale sottolineano che la consegna della cittadinanza onoraria non intende rappresentare un’ingerenza nelle questioni politiche della Cina e non vuole essere nemmeno un gesto ostile, ma il rispetto di una decisione democratica del Consiglio comunale.

“Quella dell’attribuzione della cittadinanza onoraria al Dalai Lama è un’iniziativa che riteniamo sbagliata e che offende decine di migliaia di cittadini cino-milanesi, perché non tiene conto dell’effettiva realtà storica e attuale del rapporto tra la Cina e la regione del Tibet e presenta la figura del Dalai Lama non semplicemente come esponente religioso ma come capo di uno stato che in realtà non esiste”, è stata invece la netta presa di posizione della comunità del gigante asiatico.

La console Wang Dong nei giorni scorsi ha incontrato il prefetto esprimendo preoccupazione. Ma a dimostrazione che il ‘sentiment’ verso l’ospite è tutt’altro che questo, dopo quattro giorni di lavoro in silenzio i Monaci del Namgyal, il Monastero del Dalai Lama a Dharamsala, hanno terminato la realizzazione del mandala (una rappresentazione simbolica del cosmo, realizzata con intrecci di fili su telaio o con polveri di vario colore sul suolo), omaggio per l’arrivo del loro maestro. Hanno lavorato nell’atrio del palazzo comunale di Rho, sede della Fiera, dove l’opera sarà portata quando vi arriverà il Dalai.

(di Claudio Scarinzi/ANSA)

Ultima ora

16:57Calcio: Maradona, bisogna far saltare Afa con una granata

(ANSA) - BUENOS AIRES, 25 APR - "L'Afa (la federcalcio argentina ndr) è un ferro bollente. Bisogna farla saltare con una granata, e crearne una tutta nuova". Dai microfoni di Radio Rivadavia, Diego Armando Maradona torna ad attaccare il 'governo' del calcio del suo paese nonostante il recente rinnovo dei ranghi federali. Poi l'ex fuoriclasse del Napoli se la prende anche con un compagno di squadra dei tempi del Boca: Juan Sebàstian Veron, nominato responsabile delle nazionali giovanili. "Credo che nessun calciatore (Veron gioca ancora nell'Estudiantes n.d.r.), visto come si conoscono le cose, possa mettersi dentro l'Afa. E tanto meno dovrebbe andare a dirigere le giovanili. E io ho detto che Veron non ha neppure le capacità per farlo".

16:41Musica: Pat Metheny apre tour mondiale a S. Benedetto Tronto

(ANSA) - MILANO, 25 APR - San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) torna per una sera al centro della musica internazionale come ai tempi della Palazzina Azzurra degli anni Sessanta e Settanta: mercoledì 3 maggio al Palariviera il chitarrista statunitense Pat Metheny, icona delle musica jazz, apre il suo nuovo tour mondiale. Una cinquantina di tappe di cui altre 5 in Italia: Assisi (il 4 maggio, l'incasso sarà destinato alle popolazioni colpite dal sisma), Bari (5), Napoli (6), Ravenna (7) e Roma (8 maggio). Metheny arriverà nella città marchigiana il 1° maggio e il giorno successivo farà la prova generale per preparare al meglio l'atteso debutto. Una grande occasione di visibilità anche per San Benedetto del Tronto: arriveranno fans da tutta Italia con biglietti venduti anche in Sicilia e in Piemonte. Vincitore di 20 Grammy Awards, Pat Metheny, dopo due anni di assenza dai palchi torna non da solista ma con una formazione a quattro con Antonio Sanchez, Linda Oh e Gwilym Simcock.

16:34Brexit: accordo 27 su linee guida, resta scoglio Irlanda

(ANSA) - BRUXELLES, 25 APR - Tra gli sherpa dei 27 è stato raggiunto "un ampio consenso generale" sulle linee guida politiche per il negoziato europeo sulla Brexit, che saranno validate giovedì dal Consiglio Affari Generali e definitivamente approvate sabato dal vertice straordinario a Bruxelles. Lo indicano fonti europee specificando che nell'ultima riunione di ieri è stato messo a punto il linguaggio per i permessi permanenti di residenza ed stato chiarito che per i servizi finanziari dovrà essere raggiunto un "accordo separato" successivamente al negoziato per l'uscita del Regno Unito. Le fonti sottolineano che lo "scoglio principale" sul percorso del negoziato resta quello della frontiera tra Irlanda e Irlanda del Nord, nonché quelle tra Gibilterra e Spagna e delle due basi militari britanniche a Cipro.

16:33Del Grande: non chiamatemi eroe

(ANSA) - ROMA, 25 APR - "Non chiamatemi eroe, ho solo fatto il mio lavoro. Sono uno dei tanti, ci sono ancora 174 giornalisti in carcere" in Turchia: così Gabriele Del Grande a margine dell'incontro con i cronisti della stampa estera a Roma. "Chiedo di essere giudicato per il mio lavoro, nulla di più", ha sottolineato il reporter.

16:30Venezuela: 19enne ucciso ieri notte nello stato di Lara

(ANSA) - CARACAS, 25 APR - Un 19enne venezuelano è stato ucciso ieri notte a Moran, nello stato di Lara (centro-ovest del paese) durante scontri violenti e saccheggi nella località. Lo ha reso noto su Twitter il sindaco di Moran, Teodulo Medina, che ha accusato i "terroristi dell'opposizione" di essere responsabili della sua morte. (ANSA)

16:29Atletica: iridato asta Barber fa coming out, ‘sono gay’

(ANSA) - ROMA, 25 APR - "Gay e fiero! Grazie ai miei genitori per il grande supporto che mi danno". Con questo post sulla sua pagina Facebook, il campione del mondo in carica di salto con l'asta, il 23enne canadese Shawn Barber, oro a Pechino 2015 con la misura di 5.90, ha fatto coming out rivelando di essere omosessuale. "Continuo a crescere come persona - ha aggiunto Barber - e ho avuto un grande appoggio da chi mi è vicino. I miei genitori sono il mio maggiore supporto e di recente mi hanno aiutato moltissimo. E ai miei amici dico che lo sarete sempre e vi voglio bene". Barber, solo decimo nella gara dell'Olimpiade di Rio, è primatista canadese indoor e all'aperto con 6 e 5.93 metri.

16:27Migranti: Oim, 1089 morti nel 2017 nel Mediterraneo

(ANSA) - GINEVRA, 25 APR - Dall'inizio dell'anno, 1.089 migranti e rifugiati sono morti nel Mediterraneo mentre cercavano di raggiungere l'Europa via mare. Lo rivelano gli ultimi dati resi noti oggi a Ginevra dall'Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim). Nello stesso periodo (1 gennaio-23 aprile 2017), un totale di 43.204 migranti e rifugiati sono entrati via mare in Europa, l'80% dei quali in Italia (36.851) ed il resto in Spagna e in Grecia.

Archivio Ultima ora