Obama vota sì al referendum: “Renzi resti comunque

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Obama vota sì al referendum: "Renzi resti comunque

Obama vota sì al referendum: “Renzi resti comunque

WASHINGTON. – A un mese e mezzo dal referendum costituzionale, Barack Obama ha già votato “sì”, convinto che “aiuterà l’Italia” e auspicando che Matteo Renzi resti al timone anche se vincerà il no: “Io tifo per lui, per le sue riforme coraggiose e secondo me deve restare in politica comunque vada”. E’ un endorsement senza precedenti quello ricevuto dal premier italiano nella conferenza stampa congiunta alla Casa Bianca, dopo quasi due ore di colloquio nello Studio Ovale e una accoglienza trionfale insieme alla moglie Agnese nel South Lawn, davanti ad una folla festante con le bandiere dei due Paesi.

Certo, Obama è ormai a fine mandato, ma mai nessun presidente Usa si era mai sbilanciato così con un capo di governo italiano, sperando di poter lasciare a Hillary Clinton un testimone che Renzi ha già raccolto prenotando un incontro con lo staff della candidata democratica. Renzi ha sottolineato l’importanza di una vittoria del sì, che snellirebbe “la burocrazia italiana” e renderebbe l’Italia “più forte nel dibattito sull’Unione europea”.

Ma, nel giorno in cui da Roma è arrivata la doccia fredda di un ‘No’ netto di Silvio Berlusconi, ha cercato anche di ridimensionare la portata del referendum: “Ho l’impressione che gli amici americani siano più interessati all’8 novembre che al 4 dicembre… e anche noi peraltro”. E di sdrammatizzare un’eventuale sconfitta: “Credo che non vi saranno cataclismi in caso vinca il no, ma per non avere dubbi preferisco fare di tutto per vincere il referendum”.

Quanto al suo destino politico, che sembra appeso a questo voto, “lo scopriremo solo vivendo”, ha scherzato, citando Lucio Battisti. Per il resto la visita è stata la celebrazione davanti alle telecamere di tutto il mondo di un legame indissolubile e mai così forte tra Usa e l’Italia. E di un’alleanza che vede agende e impegni condivisi, dall’Iraq alla Libia e all’Afghanistan, dal clima alla crisi dei rifugiati, fino alle politiche di crescita per le quali Renzi addita gli Usa come “un modello”, in antitesi all’austerity europea.

Obama ammette che “l’Europa è una realtà più frammentata rispetto agli Stati Uniti” e che quindi è difficile trasferivi “quanto fatto da noi”. Ma dà ragione a Renzi anche su questo, alla vigilia di un vertice europeo cruciale, quando dice che l’Ue “deve trovare il modo per crescere più rapidamente” perché “le pur ottime politiche monetarie della Banca centrale guidata da Mario Draghi non sono sufficienti”.

“Senza l’enfasi sulla domanda, sulla crescita, sugli investimenti che creano lavoro, la fragilità economica nella Ue tornerà ed avrà impatto sul mondo e sugli Stati Uniti”, ha insistito Obama. Renzi, da parte sua, ha ribadito che intende portare avanti la sua battaglia per cambiare l’Europa: “Noi rispettiamo le regole europee, anche se talvolta un po’ a malincuore. Vorremmo regole diverse ma finché non cambiano le rispettiamo. E lavoriamo per cambiarle”.

Parlando all’aperto nel giardino delle rose, i due leader hanno sottolineato anche la piena convergenza sui dossier di politica internazionale. “Le nostre agende coincidono totalmente”, ha assicurato il premier, mentre Obama ha confermato la partnership fondamentale del nostro Paese nello scacchiere mediterraneo e mediorientale, anche nella lotta all’Isis. In Iraq, ad esempio, dove l’Italia ha un ruolo da protagonista nella difesa e nella ricostruzione della diga di Mosul e nell’addestramento della polizia locale. Ma anche in Libia, dove l’Italia – ha riconosciuto Obama – “sta dando un grande contributo diplomatico per sostenere il governo di unità nazionale che vuole espellere l’Isis dal Paese”.

Per passare poi alla crisi dei migranti, uno dei nodi più caldi. Anche qui Renzi ha incassato un assist dal presidente americano: “L’Italia, la Grecia e la Germania non possono essere lasciate sole a sostenere il fardello dell’immigrazione. Se c’è un’Unione europea bisogna essere uniti nel bene e nel male, bisogna condividere i benefici ma anche i costi”. Pienamente d’accordo Renzi, secondo il quale “non possiamo continuare a lungo a farci carico da soli della Libia e dell’Africa: al Consiglio europeo – giovedì prossimo – porremmo con forza la questione”.

Il capitolo rimasto più in ombra è quello della Russia, sul quale Renzi non si è sbilanciato, dopo l’irritazione di Mosca per il rafforzamento della Nato ai confini baltici anche con un contingente italiano. Cauto anche Obama, che ha ricordato i tentativi di reset all’inizio della sua presidenza, poi naufragati per l’aggressività russa in alcuni Paesi, come l’Ucraina e la Siria.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

16:23Attore Diele investe donna: testimone, si disperava

(ANSA) - SALERNO, 25 GIU - Si disperava e urlava, incredulo per quello che aveva fatto. Così l'attore Domenico Diele è apparso a Ferdinando Giordano, ex del Grande Fratello 11, il primo a transitare sul luogo dell'incidente provocato dall'attore che aveva, pochi attimi prima, investito e ucciso la 48enne Ilaria Dilillo. Nella notte tra venerdì e sabato, intorno alle due, Giordano stava rientrando a Salerno insieme con un amico. Alla guida c'era proprio lui quando, a un centinaio di metri dallo svincolo autostradale di Montecorvino Pugliano, ha intravisto un corpo a terra. Era quello della signora Dilillo, tamponata mentre viaggiava a bordo del suo scooter dall'attore senese di origini, ma trapiantato da tempo a Roma, in zona per le riprese del film 'Una vita spericolata' del regista Marco Ponti. Diele, volto emergente del cinema e della fiction, ha recitato in diverse pellicole, tra cui 'Acab', e in numerose serie di successo della tv, come 'Don Matteo' e '1992' e '1993.

15:50Tennis: Halle, Federer vince ancora, Zverev ko e 9/o titolo

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Roger Federer ha vinto il torneo sull'erba di Halle, in Germania, uno dei tradizionali appuntamenti prima di Wimbledon. In finale, il fuoriclasse svizzero ha piegato 6-1 6-3 in appena 53' il tedesco Alexander Zverev, n12 Atp. per 'King Roger' si tratta del nono titolo ad Halle.

15:42F1: Azerbaigian, Hamilton parte davanti, poi Ferrari Vettel

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Scintille al via del Gran Premio dell'Azerbaigian con la Mercedes di Hamilton subito in testa davanti alla Ferrari di Vettel che approfitta del contatto tra la Stella d'Argento di Bottas e la Rossa di Raikkonen per guadagnare due posizioni al via. Raikkonen scala in quinta posizione, mentre la Mercedes di Bottas è costretta a fermarsi per sostituire il musetto. Terza posizione per la Force India di Perez davanti alla Red Bull di Verstappen.

15:19Maltempo: temporali, grandine e frane al Nord

(ANSA) - MILANO, 25 GIU - Forti temporali, grandine e frane, che hanno provocato allagamenti e danni, oltre a determinare un brusco calo delle temperature. Dopo il caldo record all'origine della grave siccità, sul Nord è arrivata l'annunciata ondata di maltempo. Lombardia, Friuli e Alto Adige sono le regioni più colpite. Un violento temporale con raffiche di vento e scariche di fulmini si è abbattuto su Milano con un drastico abbattimento della temperatura. Nel bresciano a Monticelli Brusati una tromba d'aria ha scoperchiato il tetto di una palestra scaraventando i pannelli a decine di metri. Pioggia e grandine nella Bergamasca, allagamenti in val Seriana e la strada per Valbondione chiusa per due frane. In Friuli colpiti una sessantina di Comuni con temporali, vento che ha fatto cadere alberi, strade e scantinati allagati, interruzioni nell'erogazione dell'energia elettrica, disagi alla circolazione. In Alto Adige una frana a Chiusa sulla ss del Brennero. A Bolzano in alcuni sottopassi l'acqua ha raggiunto il metro d'altezza.

15:17‘Hammond premier al posto di May per compiere la Brexit’

(ANSA) - LONDRA, 25 GIU - Philip Hammond potrebbe prendere il posto dell'attuale premier Theresa May per traghettare il Regno Unito nelle trattative sulla Brexit. E' l'ipotesi avanzata oggi dal Sunday Times, che cita alcuni importanti esponenti del partito conservatore (senza indicarne il nome) secondo cui il Cancelliere dello Scacchiere viene visto come un possibile sostituto del primo ministro dopo l'insuccesso elettorale dell'8 giugno. Hammond avrebbe un mandato a tempo e dovrebbe uscire di scena prima delle prossime elezioni per permettere ai Tories di scegliere un nuovo candidato. "Se Theresa May può fare la premier lo posso fare anch'io", avrebbe detto Hammond stando al domenicale. E' previsto anche che, a fronte di una linea piuttosto 'soft' espressa da Hammond in fatto di trattative sul divorzio da Bruxelles, al ministro delle Finanze venga affiancato, col ruolo di vice premier, il ministro per la Brexit David Davis.

15:14Moto: Rossi “Me la godo, anche nel 2017 una l’abbiamo vinta”

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - "Me la godo, dopo un anno è ancora più bello e anche nel 2017 una l'abbiamo vinta". E' il Valentino Rossi day sulla pista di Assen: il campione della Yamaha fa festa per il successo arrivato dopo oltre un anno. "Mi rende felice essere tornato a vincere - spiega Rossi a Sky - corro in moto e lavoro tutto l'anno per questo fine, per quelle due ore che si provano dopo la gara. Me la godo, dopo un anno è ancora più bello. E' anche molto importante per il campionato perché siamo tutti molto vicini". Della gara entusiasmante ha spiegato i momenti salienti: "A un certo punto ero molto ottimista, poi ha cominciato a piovere e mi sono venuti a prendere. Poi però mi sono detto 'non piove più, o forse piove meno': bisognava vincere e penso di meritarmela anche per quello che ho fatto nelle altre gare". Poi la frecciata a Zarco che lo ha urtato maldestramente. "Non è cattivo - sorride Rossi -, è proprio che non è capace non capisce le distanze. Comunque la tuta era nuova e me la deve ripagare...".

14:44Moto: Dovizioso nuovo leader mondiale, Vinales a -4

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Il 5/o posto nel Gp di Assen vale per Andrea Dovizioso anche la leadership del Mondiale. Dopo 8 gare iridate, il pilota romagnolo ha adesso 115 punti, 4 in più di Maverik Vinales (111) oggi caduto e sette in più di Valentino Rossi (108). Seguono Marc Marquez (104), Dani Pedrosa (87), J.Zarco (77), Danilo Petrucci (62) e Jorge Lorenzo (60).

Archivio Ultima ora