Obama vota sì al referendum: “Renzi resti comunque

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Obama vota sì al referendum: "Renzi resti comunque

Obama vota sì al referendum: “Renzi resti comunque

WASHINGTON. – A un mese e mezzo dal referendum costituzionale, Barack Obama ha già votato “sì”, convinto che “aiuterà l’Italia” e auspicando che Matteo Renzi resti al timone anche se vincerà il no: “Io tifo per lui, per le sue riforme coraggiose e secondo me deve restare in politica comunque vada”. E’ un endorsement senza precedenti quello ricevuto dal premier italiano nella conferenza stampa congiunta alla Casa Bianca, dopo quasi due ore di colloquio nello Studio Ovale e una accoglienza trionfale insieme alla moglie Agnese nel South Lawn, davanti ad una folla festante con le bandiere dei due Paesi.

Certo, Obama è ormai a fine mandato, ma mai nessun presidente Usa si era mai sbilanciato così con un capo di governo italiano, sperando di poter lasciare a Hillary Clinton un testimone che Renzi ha già raccolto prenotando un incontro con lo staff della candidata democratica. Renzi ha sottolineato l’importanza di una vittoria del sì, che snellirebbe “la burocrazia italiana” e renderebbe l’Italia “più forte nel dibattito sull’Unione europea”.

Ma, nel giorno in cui da Roma è arrivata la doccia fredda di un ‘No’ netto di Silvio Berlusconi, ha cercato anche di ridimensionare la portata del referendum: “Ho l’impressione che gli amici americani siano più interessati all’8 novembre che al 4 dicembre… e anche noi peraltro”. E di sdrammatizzare un’eventuale sconfitta: “Credo che non vi saranno cataclismi in caso vinca il no, ma per non avere dubbi preferisco fare di tutto per vincere il referendum”.

Quanto al suo destino politico, che sembra appeso a questo voto, “lo scopriremo solo vivendo”, ha scherzato, citando Lucio Battisti. Per il resto la visita è stata la celebrazione davanti alle telecamere di tutto il mondo di un legame indissolubile e mai così forte tra Usa e l’Italia. E di un’alleanza che vede agende e impegni condivisi, dall’Iraq alla Libia e all’Afghanistan, dal clima alla crisi dei rifugiati, fino alle politiche di crescita per le quali Renzi addita gli Usa come “un modello”, in antitesi all’austerity europea.

Obama ammette che “l’Europa è una realtà più frammentata rispetto agli Stati Uniti” e che quindi è difficile trasferivi “quanto fatto da noi”. Ma dà ragione a Renzi anche su questo, alla vigilia di un vertice europeo cruciale, quando dice che l’Ue “deve trovare il modo per crescere più rapidamente” perché “le pur ottime politiche monetarie della Banca centrale guidata da Mario Draghi non sono sufficienti”.

“Senza l’enfasi sulla domanda, sulla crescita, sugli investimenti che creano lavoro, la fragilità economica nella Ue tornerà ed avrà impatto sul mondo e sugli Stati Uniti”, ha insistito Obama. Renzi, da parte sua, ha ribadito che intende portare avanti la sua battaglia per cambiare l’Europa: “Noi rispettiamo le regole europee, anche se talvolta un po’ a malincuore. Vorremmo regole diverse ma finché non cambiano le rispettiamo. E lavoriamo per cambiarle”.

Parlando all’aperto nel giardino delle rose, i due leader hanno sottolineato anche la piena convergenza sui dossier di politica internazionale. “Le nostre agende coincidono totalmente”, ha assicurato il premier, mentre Obama ha confermato la partnership fondamentale del nostro Paese nello scacchiere mediterraneo e mediorientale, anche nella lotta all’Isis. In Iraq, ad esempio, dove l’Italia ha un ruolo da protagonista nella difesa e nella ricostruzione della diga di Mosul e nell’addestramento della polizia locale. Ma anche in Libia, dove l’Italia – ha riconosciuto Obama – “sta dando un grande contributo diplomatico per sostenere il governo di unità nazionale che vuole espellere l’Isis dal Paese”.

Per passare poi alla crisi dei migranti, uno dei nodi più caldi. Anche qui Renzi ha incassato un assist dal presidente americano: “L’Italia, la Grecia e la Germania non possono essere lasciate sole a sostenere il fardello dell’immigrazione. Se c’è un’Unione europea bisogna essere uniti nel bene e nel male, bisogna condividere i benefici ma anche i costi”. Pienamente d’accordo Renzi, secondo il quale “non possiamo continuare a lungo a farci carico da soli della Libia e dell’Africa: al Consiglio europeo – giovedì prossimo – porremmo con forza la questione”.

Il capitolo rimasto più in ombra è quello della Russia, sul quale Renzi non si è sbilanciato, dopo l’irritazione di Mosca per il rafforzamento della Nato ai confini baltici anche con un contingente italiano. Cauto anche Obama, che ha ricordato i tentativi di reset all’inizio della sua presidenza, poi naufragati per l’aggressività russa in alcuni Paesi, come l’Ucraina e la Siria.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

19:45Precipita parapendio in Friuli, un ferito

(ANSA) - UDINE, 29 APR - Un uomo - M.S., di 54 anni, di Magnano in Riviera (Udine) - è rimasto ferito nel pomeriggio dopo essere precipitato con il parapendio sotto la cresta del Gran Monte a Taipana (Udine). Secondo una prima ricostruzione, l'uomo aveva attivato la vela di emergenza dopo aver perso il controllo del parapendio durante una competizione di volo in corso sull'arco alpino friulano. Il parapendista, molto esperto e che in precedenti competizioni aveva ottenuto buoni risultati anche a livello europeo, è caduto sul pendio erboso del versante sud est della cima a una quota di 1.550 metri. Ha riportato traumi lombo dorsali ma non è in pericolo di vita. E' stato soccorso dal Cnsas di Gemona del Friuli (Udine) che ha fatto base a Campo di Bonis a Taipana. L'infortunato è stato recuperato con il verricello e il materasso a depressione dall'elicottero del 118 e trasportato in ospedale a Udine.

19:36Tennis: Atp Budapest, niente finale per Lorenzi

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Paolo Lorenzi si ferma in semifinale nel "Gazprom Hungarian Open", torneo ATP 250 dotato di un montepremi di 482.060 euro in corso sui campi in terra rossa di Budapest, in Ungheria. Il 35enne senese non è riuscito a sovvertire il pronostico nella sfida con Lucas Pouille: 6-2 7-5 il punteggio con cui il 23enne francese si è imposto per la terza volta in altrettanti confronti con l'azzurro, bissando fra l'altro l'affermazione ottenuta la scorsa settimana a Montecarlo. In quella che sarà la sua quarta finale in carriera nel circuito maggiore Pouille troverà domani dall'altra parte della rete il britannico Aljaz Bedene che nello scontro fra due giocatori provenienti dalle qualificazioni ha sconfitto 6-2 6-4 il serbo Laslo Djere.

19:35Calcio: tre squilli al Tolosa, Monaco avverte la Juve

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Tre reti firmate Glik, Mbappè e Lemar permettono al Monaco, prossimo avversario della Juventus in Champions League, di battere il Tolosa e issarsi provvisoriamente in testa solitaria della Ligue1. Al Louis II, la squadra di Jardim supera in rimonta 3-1 i il Tolosa che pure aveva spaventato i padroni di casa con Toivonen a inizio ripresa (1' st), ma le successive reti dell'ex granata (4' st), di Mbappè (19' st) e Lemar (30' st) hanno ribaltato il risultato in favore dei padroni di casa, ora primi con 83 punti, tre in più del Psg impegnato domani sera contro il Nizza di Mario Balotelli.

19:17Tennis: Atp Barcellona, finale Nadal-Thiem

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Saranno Rafael Nadal e Dominic Thiem a contendersi domenica il trofeo del "Barcelona Open Banco Sabadell", ricco torneo Atp 500 dotato di un montepremi di 2.324.905 euro che si conclude sulla terra rossa di Barcellona, in Spagna. In semifinale il 30enne mancino spagnolo, numero 5 Atp e terzo favorito del seeding, reduce dal decimo trionfo a Montecarlo ed a segno già nove volte a Barcellona, ha regolato per 64 63, in un'ora e 34 minuti di gioco, l'argentino Horacio Zeballos, mettendo a segno la 52esima vittoria sulla terra catalana. L'austriaco, numero 8 Atp e quarto favorito del seeding, ha invece sconfitto per 6-2 3-6 6-4 in due ore ed un quarto di partita il n.1 del mondo, lo scozzese Andy Murray.

19:10Militanti di destra in manifestazione al Campo X a Milano

(ANSA) - MILANO, 29 APR - Alcune centinaia di militanti di destra si sono presentati questo pomeriggio al Campo X del Cimitero Maggiore di Milano per commemorare i caduti della Repubblica di Salò. Il Prefetto di Milano, in pieno accordo con il sindaco, Giuseppe Sala, in occasione delle celebrazioni del 25 aprile aveva vietato che all'interno del cimitero venissero organizzate manifestazioni in qualche modo celebrative del fascismo. La Questura ha riferito che la manifestazione di oggi, durata circa un'ora, non era autorizzata. Una manifestazione analoga si è svolta a Cremona: una cinquantina di persone, comprese delegazioni provenienti dalla Spagna e dalla Francia, si sono radunate al cimitero per commemorare Roberto Farinacci, esibendosi con il saluto romano. Il sindaco, in accordo con la Prefettura, aveva vietato la manifestazione.

19:06F.1: Vettel, concentriamoci sulla gara

(ANSA) - ROMA, 29 APR - "Sono sicuro che qui tutti siamo felici e orgogliosi e per questo ce la godiamo ma tra un paio d'ore ci concentreremo tutti sulla gara di domani". Sono le parole di Sebastian Vettel dopo aver conquistato la pole position - la sua seconda da quando è in Ferrari- nel Gp di Russia. "Per il momento siamo tutti contenti e cercheremo di prolungare il momento favorevole fino alla gara. Ho avuto un buon giro - ha commentato il pilota tedesco - e ho migliorato nell'ultimo settore. Sapevo che sarebbe stata molto dura e sapevo che sarei stato il primo a tagliare il traguardo (rispetto alle due Mercedes, ndr) così ho immediatamente acceso la radio per chiedere degli altri. E' stato un grande lavoro di squadra e un grande risultato avere entrambe le macchine in prima fila". "Oggi abbiamo fatto tutte le cose a posto ha aggiunto Kimi Raikkonen. Ovviamente per la squadra occupare i primi due posti non è male...".

19:05Duterte a Trump, calma con la Corea del Nord

(ANSA) - MANILA, 29 APR - Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha invitato il collega americano Donald Trump a evitare un'escalation con la Corea del Nord, non come segno di resa, ma per scongiurare il rischio di un "olocausto" nucleare che potrebbe coinvolgere tutta l'Asia. Duterte, parlando al termine del vertice annuale dell'Asean, ha sottolineato che gli Stati Uniti, in quanto maggiore potenza mondiale, dovrebbero essere "prudenti e pazienti" e non cadere nelle provocazioni del leader nordcoreano, perché "stiamo giocando con qualcuno che ama lanciare missili". Il presidente filippino ha spiegato che dovrebbe parlare al telefono con Trump proprio oggi.

Archivio Ultima ora