Obama vota sì al referendum: “Renzi resti comunque

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Obama vota sì al referendum: "Renzi resti comunque

Obama vota sì al referendum: “Renzi resti comunque

WASHINGTON. – A un mese e mezzo dal referendum costituzionale, Barack Obama ha già votato “sì”, convinto che “aiuterà l’Italia” e auspicando che Matteo Renzi resti al timone anche se vincerà il no: “Io tifo per lui, per le sue riforme coraggiose e secondo me deve restare in politica comunque vada”. E’ un endorsement senza precedenti quello ricevuto dal premier italiano nella conferenza stampa congiunta alla Casa Bianca, dopo quasi due ore di colloquio nello Studio Ovale e una accoglienza trionfale insieme alla moglie Agnese nel South Lawn, davanti ad una folla festante con le bandiere dei due Paesi.

Certo, Obama è ormai a fine mandato, ma mai nessun presidente Usa si era mai sbilanciato così con un capo di governo italiano, sperando di poter lasciare a Hillary Clinton un testimone che Renzi ha già raccolto prenotando un incontro con lo staff della candidata democratica. Renzi ha sottolineato l’importanza di una vittoria del sì, che snellirebbe “la burocrazia italiana” e renderebbe l’Italia “più forte nel dibattito sull’Unione europea”.

Ma, nel giorno in cui da Roma è arrivata la doccia fredda di un ‘No’ netto di Silvio Berlusconi, ha cercato anche di ridimensionare la portata del referendum: “Ho l’impressione che gli amici americani siano più interessati all’8 novembre che al 4 dicembre… e anche noi peraltro”. E di sdrammatizzare un’eventuale sconfitta: “Credo che non vi saranno cataclismi in caso vinca il no, ma per non avere dubbi preferisco fare di tutto per vincere il referendum”.

Quanto al suo destino politico, che sembra appeso a questo voto, “lo scopriremo solo vivendo”, ha scherzato, citando Lucio Battisti. Per il resto la visita è stata la celebrazione davanti alle telecamere di tutto il mondo di un legame indissolubile e mai così forte tra Usa e l’Italia. E di un’alleanza che vede agende e impegni condivisi, dall’Iraq alla Libia e all’Afghanistan, dal clima alla crisi dei rifugiati, fino alle politiche di crescita per le quali Renzi addita gli Usa come “un modello”, in antitesi all’austerity europea.

Obama ammette che “l’Europa è una realtà più frammentata rispetto agli Stati Uniti” e che quindi è difficile trasferivi “quanto fatto da noi”. Ma dà ragione a Renzi anche su questo, alla vigilia di un vertice europeo cruciale, quando dice che l’Ue “deve trovare il modo per crescere più rapidamente” perché “le pur ottime politiche monetarie della Banca centrale guidata da Mario Draghi non sono sufficienti”.

“Senza l’enfasi sulla domanda, sulla crescita, sugli investimenti che creano lavoro, la fragilità economica nella Ue tornerà ed avrà impatto sul mondo e sugli Stati Uniti”, ha insistito Obama. Renzi, da parte sua, ha ribadito che intende portare avanti la sua battaglia per cambiare l’Europa: “Noi rispettiamo le regole europee, anche se talvolta un po’ a malincuore. Vorremmo regole diverse ma finché non cambiano le rispettiamo. E lavoriamo per cambiarle”.

Parlando all’aperto nel giardino delle rose, i due leader hanno sottolineato anche la piena convergenza sui dossier di politica internazionale. “Le nostre agende coincidono totalmente”, ha assicurato il premier, mentre Obama ha confermato la partnership fondamentale del nostro Paese nello scacchiere mediterraneo e mediorientale, anche nella lotta all’Isis. In Iraq, ad esempio, dove l’Italia ha un ruolo da protagonista nella difesa e nella ricostruzione della diga di Mosul e nell’addestramento della polizia locale. Ma anche in Libia, dove l’Italia – ha riconosciuto Obama – “sta dando un grande contributo diplomatico per sostenere il governo di unità nazionale che vuole espellere l’Isis dal Paese”.

Per passare poi alla crisi dei migranti, uno dei nodi più caldi. Anche qui Renzi ha incassato un assist dal presidente americano: “L’Italia, la Grecia e la Germania non possono essere lasciate sole a sostenere il fardello dell’immigrazione. Se c’è un’Unione europea bisogna essere uniti nel bene e nel male, bisogna condividere i benefici ma anche i costi”. Pienamente d’accordo Renzi, secondo il quale “non possiamo continuare a lungo a farci carico da soli della Libia e dell’Africa: al Consiglio europeo – giovedì prossimo – porremmo con forza la questione”.

Il capitolo rimasto più in ombra è quello della Russia, sul quale Renzi non si è sbilanciato, dopo l’irritazione di Mosca per il rafforzamento della Nato ai confini baltici anche con un contingente italiano. Cauto anche Obama, che ha ricordato i tentativi di reset all’inizio della sua presidenza, poi naufragati per l’aggressività russa in alcuni Paesi, come l’Ucraina e la Siria.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

02:22Calcio: a Verona tifoso giù da tribuna, adesso è in ospedale

(ANSA) - VERONA, 21 FEB - E' in gravi condizioni, ricoverato all'ospedale di Borgo Trento, un tifoso ferrarese caduto ieri sera dalla tribuna superiore dello stadio Bentegodi durante il secondo tempo del posticipo di B tra Verona e Spal. L'uomo è volato nel vuoto per diversi metri, finendo sui gradoni sottostanti: è stato soccorso dagli assistenti del 118 e avrebbe riportato diverse fratture. All'ospedale è stato accolto in codice rosso. Dopo l'incidente i sostenitori emiliani hanno ritirato gli striscioni e smesso di tifare.

01:48Calcio: il Sutton si risveglia, Arsenal avanti in Fa cup

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - La bella favola del Sutton, squadra di 5/a Divisione inglese, si conclude negli ottavi della Fa cup. In uno stadio piccolo come su un campo da Subbuteo, vince l'Arsenal (2-0), che così prosegue il proprio cammino nel torneo. Adesso i 'Gunners' se la dovranno vedere con un'altra sorpresa, il Lincoln City, che ha eliminato il Burnley. Più che per il punteggio, piuttosto scontato, la serata del Borough Sports Ground rimarrà alla storia per la grande ressa del pubblico e per il fuoriprogramma del secondo portiere della squadra di casa, Wayne Shaw, 45 anni e un fisico non proprio atletico che, a un certo punto della partita, ha tirato fuori un panino e se l'è mangiato mentre si trovava in panchina, fra decine di flash di macchine fotografiche e telefonini. I gol sono stati realizzati da Perez e Walcott. (ANSA).

01:10Calcio: 2-1 al Las Palmas, a Malaga il posticipo della Liga

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Il Malaga si aggiudica in rimonta per 2-1 il posticipo della 23/a giornata della Liga. In casa contro il Las Palmas, la squadra andalusa va sotto per il gol di Lemos dopo 19', ma pareggia al 27' con Fornals, quindi passa a condurre definitivamente con Charles al 35', su assist di Keko. Con questa vittoria, il Malaga sale al 13/o posto, scavalcando con 26 punti il Betis Siviglia, fermo a 24. Il Las Palmas, invece, è sempre 12/o con 28 lunghezze. Mercoledì, nel Mestalla di Valencia, si giocherà il recupero della 16/a fra la squadra della Comunidad e il Real Madrid, che avrebbero dovuto trovarsi di fronte il 18 dicembre e invece hanno dovuto rinviare l'appuntamento per permettere alla squadra di Zidane di volare in Giappone per la fase finale del Mondiale per club. Appuntamento alle 18,45. (ANSA).

00:23Calcio: Brasile esonera Micale, selezionatore dell’oro a Rio

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - L'oro olimpico conquistato a Rio lo scorso agosto, solo sei mesi fa, non ha salvato dall'esonero il tecnico della nazionale juniores del Brasile, Rogerio Micale. La federcalcio brasiliana (Cbf) ha dato oggi il benservito all'allenatore che portò Neymar e i suoi giovani compagni a conquistare l'attesissimo titolo ai Giochi olimpici ma che ha deluso nel campionato sudamericano under 20, ottenendo solo il quinto posto e mancando anche la qualificazione al Mondiale di categoria. (ANSA).

00:16Calcio: Serie B, la nuova classifica

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Classifica del campionato di calcio di Serie B dopo il posticipo della 26/a giornata, Verona-Spal 0-0: Frosinone punti 48; Benevento (-1) e Verona 46; Spal 45; Cittadella e Perugia 39; Spezia 38; Bari 37; Carpi 36; Virtus Entella 35; Novara e Ascoli 34; Salernitana e Avellino 32; Cesena 29; Brescia, Vicenza e Pisa 28; Latina 26; Pro Vercelli 25; Ternana 23; Trapani 22. Benevento un punto di penalizzazione per violazioni Covisoc.

00:15Calcio: serie B, Verona-Spal 0-0

(ANSA) - VERONA, 20 FEB - Pareggio senza reti nella sfida del Bentegodi tra Verona e Spal, posticipo della 26/a giornata di serie B. Una divisione della posta che certifica il momento no dei gialloblù, reduci dalla sconfitta di Avellino e dal pareggio interno con il Benevento. Gara equilibrata, poco vivace nella prima frazione, piu' combattuta nella ripresa dove la Spal va vicino alla rete con Zigoni e il Verona replica con Cappelluzzo, bravi Nicolas e Meret. Una traversa di Vicari e' l'altra grande emozione, poi l'espulsione, assurda, di Zaccagni nel recupero. Il Verona va a 46 punti e aggancia il Benevento al secondo posto, a -2 dal Frosinone capolista. La Spal è quarta con 45 punti.

23:46Calcio: Zaza, Valencia può mettere in crisi il Real Madrid

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - "Il gol era troppo importante per me, segnare è stata una liberazione". Così Simone Zaza, attaccante del Valencia e azzurro all'Europeo in Francia dell'anno scorso, 'saluta' il primo sigillo stagionale con la maglia della squadra spagnola, ieri nella sfida casalinga della Liga contro l'Athletic Bilbao. Battere il portiere basco Iraizoz non è da tutti, ma all'attaccante italiano è riuscito, grazie all'assist di El Haddadi. Mercoledì, però, nel Mestalla arriva il Real Madrid capolista (si recupera una partita rinviata a dicembre 2016) e Zaza ci riproverà. "Possiamo metterli in crisi, crear loro delle difficoltà - le sue parole, a margine della presentazione di uno sponsor -: e poi, io voglio continuare così. Quando ho visto che il pallone s'insaccava ho pensato ai momenti difficile che ho vissuto in questi mesi. Segnare nel Mestalla è stata per me una grande emozione. Non meritiamo questa classifica, perché siamo una squadra forte, voglio continuare a segnare, per tirare su il Valencia". (ANSA).

Archivio Ultima ora