Obama vota sì al referendum: “Renzi resti comunque

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Obama vota sì al referendum: "Renzi resti comunque

Obama vota sì al referendum: “Renzi resti comunque

WASHINGTON. – A un mese e mezzo dal referendum costituzionale, Barack Obama ha già votato “sì”, convinto che “aiuterà l’Italia” e auspicando che Matteo Renzi resti al timone anche se vincerà il no: “Io tifo per lui, per le sue riforme coraggiose e secondo me deve restare in politica comunque vada”. E’ un endorsement senza precedenti quello ricevuto dal premier italiano nella conferenza stampa congiunta alla Casa Bianca, dopo quasi due ore di colloquio nello Studio Ovale e una accoglienza trionfale insieme alla moglie Agnese nel South Lawn, davanti ad una folla festante con le bandiere dei due Paesi.

Certo, Obama è ormai a fine mandato, ma mai nessun presidente Usa si era mai sbilanciato così con un capo di governo italiano, sperando di poter lasciare a Hillary Clinton un testimone che Renzi ha già raccolto prenotando un incontro con lo staff della candidata democratica. Renzi ha sottolineato l’importanza di una vittoria del sì, che snellirebbe “la burocrazia italiana” e renderebbe l’Italia “più forte nel dibattito sull’Unione europea”.

Ma, nel giorno in cui da Roma è arrivata la doccia fredda di un ‘No’ netto di Silvio Berlusconi, ha cercato anche di ridimensionare la portata del referendum: “Ho l’impressione che gli amici americani siano più interessati all’8 novembre che al 4 dicembre… e anche noi peraltro”. E di sdrammatizzare un’eventuale sconfitta: “Credo che non vi saranno cataclismi in caso vinca il no, ma per non avere dubbi preferisco fare di tutto per vincere il referendum”.

Quanto al suo destino politico, che sembra appeso a questo voto, “lo scopriremo solo vivendo”, ha scherzato, citando Lucio Battisti. Per il resto la visita è stata la celebrazione davanti alle telecamere di tutto il mondo di un legame indissolubile e mai così forte tra Usa e l’Italia. E di un’alleanza che vede agende e impegni condivisi, dall’Iraq alla Libia e all’Afghanistan, dal clima alla crisi dei rifugiati, fino alle politiche di crescita per le quali Renzi addita gli Usa come “un modello”, in antitesi all’austerity europea.

Obama ammette che “l’Europa è una realtà più frammentata rispetto agli Stati Uniti” e che quindi è difficile trasferivi “quanto fatto da noi”. Ma dà ragione a Renzi anche su questo, alla vigilia di un vertice europeo cruciale, quando dice che l’Ue “deve trovare il modo per crescere più rapidamente” perché “le pur ottime politiche monetarie della Banca centrale guidata da Mario Draghi non sono sufficienti”.

“Senza l’enfasi sulla domanda, sulla crescita, sugli investimenti che creano lavoro, la fragilità economica nella Ue tornerà ed avrà impatto sul mondo e sugli Stati Uniti”, ha insistito Obama. Renzi, da parte sua, ha ribadito che intende portare avanti la sua battaglia per cambiare l’Europa: “Noi rispettiamo le regole europee, anche se talvolta un po’ a malincuore. Vorremmo regole diverse ma finché non cambiano le rispettiamo. E lavoriamo per cambiarle”.

Parlando all’aperto nel giardino delle rose, i due leader hanno sottolineato anche la piena convergenza sui dossier di politica internazionale. “Le nostre agende coincidono totalmente”, ha assicurato il premier, mentre Obama ha confermato la partnership fondamentale del nostro Paese nello scacchiere mediterraneo e mediorientale, anche nella lotta all’Isis. In Iraq, ad esempio, dove l’Italia ha un ruolo da protagonista nella difesa e nella ricostruzione della diga di Mosul e nell’addestramento della polizia locale. Ma anche in Libia, dove l’Italia – ha riconosciuto Obama – “sta dando un grande contributo diplomatico per sostenere il governo di unità nazionale che vuole espellere l’Isis dal Paese”.

Per passare poi alla crisi dei migranti, uno dei nodi più caldi. Anche qui Renzi ha incassato un assist dal presidente americano: “L’Italia, la Grecia e la Germania non possono essere lasciate sole a sostenere il fardello dell’immigrazione. Se c’è un’Unione europea bisogna essere uniti nel bene e nel male, bisogna condividere i benefici ma anche i costi”. Pienamente d’accordo Renzi, secondo il quale “non possiamo continuare a lungo a farci carico da soli della Libia e dell’Africa: al Consiglio europeo – giovedì prossimo – porremmo con forza la questione”.

Il capitolo rimasto più in ombra è quello della Russia, sul quale Renzi non si è sbilanciato, dopo l’irritazione di Mosca per il rafforzamento della Nato ai confini baltici anche con un contingente italiano. Cauto anche Obama, che ha ricordato i tentativi di reset all’inizio della sua presidenza, poi naufragati per l’aggressività russa in alcuni Paesi, come l’Ucraina e la Siria.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

19:40Calcio: Premier, doppietta Alonso e prima vittoria Chelsea

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Il Chelsea di Antonio Conte conquista la prima vittoria nell'attuale Premier, battendo in trasferta il Tottenham, che gioca a Wembley nell'attesa del completamento dello stadio di casa. Dopo con sconfitta a Stamford bridge contro il Burnley, i 'Blues' si sono riscattati, mettendo le mani su uno degli innumerevoli derby di Londra per 2-1. L'ex viola Alonso ha aperto le marcature dopo 24' ma, al culmine di un forcing instancabile, la squadra guidata da Pochettino è giunta al pareggio grazie all'autogol di Batshuayi, che ha fulminato il proprio portiere Courtois con un colpo di testa in tuffo degno di un grande centravanti. I campioni d'Inghilterra non si sono persi d'animo e hanno approfittato di un pasticcio difensivo degli 'Spurs', ma soprattutto dell'errore del portiere francese Lloris, che si è fatto passare sotto il corpo il pallone sul rasoterra di Alonso. In testa alla Premier da oggi, assieme a Manchester United e West Bromwich, c'è il neopromosso Huddersfield, che ha superato il Newcastle 1-0.

19:17Sondaggio, tonfo Trump anche in Midwest

(ANSA) - WASHINGTON, 20 AGO - Precipita il livello di approvazione per l'operato del presidente Usa Donald Trump anche negli stati del Midwest che l'8 novembre 2016 gli hanno aperto le porte della Casa Bianca. Secondo un sondaggio NBC News/Marist e' sceso sotto il 40% il consenso verso il Tycoon in Michigan (36%), Pennsylvania (35%) e Wisconsin (34%). Il rilevamento e' stato condotto nei giorni successivi agli scontri a Charlottesville della scorsa settimana, in un lasso di tempo che include anche la controversa reazione del presidente Trump a quell'episodio.

19:13Catamarano si ribalta due volte, salvati due giovani

(ANSA) - TRIESTE, 20 AGO - Si è ribaltato per due volte nel giro di pochi minuti, fino a semiaffondare e andare alla deriva nel golfo di Trieste battuto dalla bora, un catamarano a vela con a bordo due giovani che sono stati soccorsi e portati a riva dalla Guardia costiera del capoluogo giuliano. Il catamarano, lungo quattro metri e mezzo, si è ribaltato stamani la prima volta a circa tre miglia al largo del porto di Sistiana. Sul luogo è subito arrivata una motovedetta e l'equipaggio ha aiutato i due giovani a rimettere a posto l'imbarcazione, che però aveva subito danni che secondo i tecnici potevano comprometterne la navigabilità. I giovani hanno deciso di proseguire da soli la navigazione ma la motovedetta li ha seguiti per dirottare il catamarano verso il porto più vicino, quello del Villaggio del Pescatore. Dopo pochi minuti, però, l'imbarcazione si è ribaltata di nuovo ed è semiaffondata. I due giovani sono stati salvati e condotti nel porto di Sistiana.

19:12Riaperta la stazione di Marsiglia

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - E' stata riaperta la stazione ferroviaria Saint-Charles a Marsiglia nel sud della Francia. Lo scrive Le Figaro online citando un tweet della Sncf, le Ferrovie Francesi. La stazione era stata chiusa nel primo pomeriggio per la presenza di un pacco sospetto. Centinaia di persone hanno dovuto aspettare sotto il sole prima che venissero concluse le operazioni per la messa in sicurezza del sito da parte delle forze dell'ordine.

19:09Incendi: oggi 34 richieste di intervento aereo

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Prosegue l'impegno dei Canadair e degli elicotteri della flotta aerea dello Stato, coordinati dal Dipartimento della Protezione Civile: anche oggi, gli equipaggi sono stati impegnati dalle prime luci del giorno nelle operazioni di spegnimento dei numerosi incendi boschivi per cui si è reso indispensabile il supporto aereo alle operazioni svolte dalle squadre a terra e dai velivoli regionali. Al momento sono 34 le richieste di concorso aereo ricevute dal Centro Operativo Aereo Unificato (COAU) del Dipartimento dalle Regioni. In particolare, 10 sono pervenute dalla Campania, 5 dal Lazio, 4 dall'Abruzzo e altrettante dalla Calabria, 3 dalla Sicilia, 2 ciascuna da Basilicata, Molise, Puglia e una rispettivamente da Piemonte e Sardegna. L'impegno dei velivoli disponibili è attualmente concentrato, in accordo con le regioni, sulle situazioni più critiche. L'intenso lavoro svolto dai piloti dei mezzi aerei - 15 Canadair e 8 elicotteri del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco oltre a un elicottero della Difesa - ha permesso di mettere sotto controllo o spegnere, finora, 13 roghi. Le attività di lancio di acqua e liquido ritardante ed estinguente proseguiranno finché le condizioni di luce consentiranno di operare in sicurezza. La protezione civile ricorda che la maggior parte degli incendi boschivi è causata da comportamenti superficiali o, spesso, dolosi e che la collaborazione dei cittadini può essere decisiva.

19:08Auto su spiaggia in Versilia, autista rischia linciaggio

(ANSA) - VIAREGGIO (LUCCA), 20 AGO - Sorpresa, ma soprattutto paura, fra i bagnanti in spiaggia oggi pomeriggio in uno stabilimento balneare di Focette di Marina di Pietrasanta: un'auto, utilizzando il passaggio dello stabilimento, è arrivata sulla spiaggia, arenandosi, fra il fuggi-fuggi generale. Il conducente, straniero, ha rischiato anche il linciaggio da parte di alcune persone spaventate dopo gli ultimi episodi terroristici a Barcellona e che hanno inveito contro di lui. Sul posto è intervenuto anche personale della Capitaneria di porto. Non è chiaro se il conducente abbia invaso l'arenile per un errore o se pensava di poter accedere alla spiaggia con l'auto. (ANSA).

19:01Calcio: Buffon “a Trieste vinto scudetto, sensazioni forti”

(ANSA) - TRIESTE, 20 AGO - "A Trieste ho vinto uno scudetto, ci torno volentieri. E' una città stupenda, lascia sensazioni forti". Lo ha detto il portiere della Juve e della Nazionale, Gigi Buffon, a Trieste, dove ha visitato la mostra 'Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi', accompagnato dallo stesso critico. "Mi sembra una città che si sia svegliata da un certo torpore, almeno negli ultimi anni - ha aggiunto Buffon -. Ci sono iniziative che prendono piede e danno vitalità a una città talmente bella che è impossibile pensare che possa rimanere dormiente. Con la nuova giunta, i nuovi politici e tutti quanti - ha concluso Buffon - si troverà il modo di fare vivere anche sportivamente a Trieste lo sport di un certo livello". Di calcio e di Trieste ha parlato anche Sgarbi, ricordando di essere stato, da bambino, tifoso della Juve e della Spal, di aver smesso di seguire il calcio a partire dal 1968. "Poi - ha aggiunto - la Spal è arrivata in A, una città morta peggio di Trieste come Ferrara, stramorta, ha un rinascimento nel calcio".

Archivio Ultima ora