Obama vota sì al referendum: “Renzi resti comunque

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Obama vota sì al referendum: "Renzi resti comunque

Obama vota sì al referendum: “Renzi resti comunque

WASHINGTON. – A un mese e mezzo dal referendum costituzionale, Barack Obama ha già votato “sì”, convinto che “aiuterà l’Italia” e auspicando che Matteo Renzi resti al timone anche se vincerà il no: “Io tifo per lui, per le sue riforme coraggiose e secondo me deve restare in politica comunque vada”. E’ un endorsement senza precedenti quello ricevuto dal premier italiano nella conferenza stampa congiunta alla Casa Bianca, dopo quasi due ore di colloquio nello Studio Ovale e una accoglienza trionfale insieme alla moglie Agnese nel South Lawn, davanti ad una folla festante con le bandiere dei due Paesi.

Certo, Obama è ormai a fine mandato, ma mai nessun presidente Usa si era mai sbilanciato così con un capo di governo italiano, sperando di poter lasciare a Hillary Clinton un testimone che Renzi ha già raccolto prenotando un incontro con lo staff della candidata democratica. Renzi ha sottolineato l’importanza di una vittoria del sì, che snellirebbe “la burocrazia italiana” e renderebbe l’Italia “più forte nel dibattito sull’Unione europea”.

Ma, nel giorno in cui da Roma è arrivata la doccia fredda di un ‘No’ netto di Silvio Berlusconi, ha cercato anche di ridimensionare la portata del referendum: “Ho l’impressione che gli amici americani siano più interessati all’8 novembre che al 4 dicembre… e anche noi peraltro”. E di sdrammatizzare un’eventuale sconfitta: “Credo che non vi saranno cataclismi in caso vinca il no, ma per non avere dubbi preferisco fare di tutto per vincere il referendum”.

Quanto al suo destino politico, che sembra appeso a questo voto, “lo scopriremo solo vivendo”, ha scherzato, citando Lucio Battisti. Per il resto la visita è stata la celebrazione davanti alle telecamere di tutto il mondo di un legame indissolubile e mai così forte tra Usa e l’Italia. E di un’alleanza che vede agende e impegni condivisi, dall’Iraq alla Libia e all’Afghanistan, dal clima alla crisi dei rifugiati, fino alle politiche di crescita per le quali Renzi addita gli Usa come “un modello”, in antitesi all’austerity europea.

Obama ammette che “l’Europa è una realtà più frammentata rispetto agli Stati Uniti” e che quindi è difficile trasferivi “quanto fatto da noi”. Ma dà ragione a Renzi anche su questo, alla vigilia di un vertice europeo cruciale, quando dice che l’Ue “deve trovare il modo per crescere più rapidamente” perché “le pur ottime politiche monetarie della Banca centrale guidata da Mario Draghi non sono sufficienti”.

“Senza l’enfasi sulla domanda, sulla crescita, sugli investimenti che creano lavoro, la fragilità economica nella Ue tornerà ed avrà impatto sul mondo e sugli Stati Uniti”, ha insistito Obama. Renzi, da parte sua, ha ribadito che intende portare avanti la sua battaglia per cambiare l’Europa: “Noi rispettiamo le regole europee, anche se talvolta un po’ a malincuore. Vorremmo regole diverse ma finché non cambiano le rispettiamo. E lavoriamo per cambiarle”.

Parlando all’aperto nel giardino delle rose, i due leader hanno sottolineato anche la piena convergenza sui dossier di politica internazionale. “Le nostre agende coincidono totalmente”, ha assicurato il premier, mentre Obama ha confermato la partnership fondamentale del nostro Paese nello scacchiere mediterraneo e mediorientale, anche nella lotta all’Isis. In Iraq, ad esempio, dove l’Italia ha un ruolo da protagonista nella difesa e nella ricostruzione della diga di Mosul e nell’addestramento della polizia locale. Ma anche in Libia, dove l’Italia – ha riconosciuto Obama – “sta dando un grande contributo diplomatico per sostenere il governo di unità nazionale che vuole espellere l’Isis dal Paese”.

Per passare poi alla crisi dei migranti, uno dei nodi più caldi. Anche qui Renzi ha incassato un assist dal presidente americano: “L’Italia, la Grecia e la Germania non possono essere lasciate sole a sostenere il fardello dell’immigrazione. Se c’è un’Unione europea bisogna essere uniti nel bene e nel male, bisogna condividere i benefici ma anche i costi”. Pienamente d’accordo Renzi, secondo il quale “non possiamo continuare a lungo a farci carico da soli della Libia e dell’Africa: al Consiglio europeo – giovedì prossimo – porremmo con forza la questione”.

Il capitolo rimasto più in ombra è quello della Russia, sul quale Renzi non si è sbilanciato, dopo l’irritazione di Mosca per il rafforzamento della Nato ai confini baltici anche con un contingente italiano. Cauto anche Obama, che ha ricordato i tentativi di reset all’inizio della sua presidenza, poi naufragati per l’aggressività russa in alcuni Paesi, come l’Ucraina e la Siria.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

12:18Basket: Nba, cadono i Clippers,

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Solo quattro gare nella notte Nba. Un grande protagonista, Russell Westbrook, che con i suoi 28 punti e una lunga serie di triple doppie ha portato gli Oklahoma City Thunder alla vittoria contro i New Orleans Pelicans con il risultato di 101-92. Battuta d'arresto per i Los Angeles Clippers, fermati in casa dagli Indiana Pacers per 111-102. Nelle altre due gare si segnala il successo, l'ottavo stagionale, dei New York Knicks con un grande Carmelo Anthony in campo, sui Sacramento Kings 106-98 e vittoria in trasferta degli Orlando Magic sui Detroit Pistons per 98-92.

12:06Turchia: protestarono a Gezi Park, 26 accusati di terrorismo

(ANSAmed) - ISTANBUL, 5 DIC - La procura di Ankara ha chiesto il rinvio a giudizio per 26 persone, accusate di "far parte di un'organizzazione terroristica armata" per la loro partecipazione alle proteste di Gezi Park del 2013. Nell'atto d'accusa, riferisce Hurriyet, si fa riferimento alle "violenze commesse dai manifestanti" contro persone e cose. Tra le 9 organizzazioni citate, la maggior parte dei sospetti è ritenuta affiliata al gruppo di estrema sinistra Dhkp/c, ritenuto responsabile di diversi attentati in Turchia.

11:57Referendum, Boccia, congresso Pd si tenga a Gennaio

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Renzi "deve seguire l'esempio di Bersani. Non ha più senso mantenere in vita un gruppo dirigente del genere. Bisogna andare al Congresso del Pd già a gennaio 2017 con Renzi dimissionario": lo dice il presidente della commissione Bilancio della Camera Francesco Boccia (Pd) ad Agorà. "Ora - sostiene Boccia - si deve aprire il congresso, e Renzi se si vuole ricandidare lo deve fare da semplice iscritto al Pd. Se si chiude un ciclo si lascia il Partito libero di fare un confronto. Auspico martedì da Renzi un discorso in linea con quello da lui tenuto questa notte".

11:56Referendum: Boschi, ora a lavoro per servire Istituzioni

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - "Peccato. Avevamo immaginato un altro risveglio: istituzioni più semplici in Italia, paese più forte in Europa. Non è andata cosi. Ha vinto il no, punto. Adesso al lavoro per servire le Istituzioni. Mettiamo al sicuro questa legge di bilancio. Poi pubblicheremo il rendiconto delle tante cose fatte da questo Governo. A tutti i comitati, a tutti gli amici e le amiche che ci hanno dato una mano, grazie. Decideremo insieme come ripartire, smaltita la delusione. Un abbraccio". Lo scrive sul suo profilo di Facebook la ministra per le Riforme, Maria Elena Boschi.

11:54Referendum: a Milano vince il sì, in Lombardia prevale il No

(ANSA) - MILANO, 5 DIC - Il Sì vince a Milano e perde in Lombardia: questo quanto emerge dai dati definitivi del voto sul referendum costituzionale. Milano ha infatti votato in controtendenza rispetto al dato nazionale attribuendo al Sì 343.637 voti pari al 51,1% e 328.440 al No (48,9%). I risultati definitivi in Lombardia hanno invece registrato una prevalenza di No, pari al 55,5%. I Sì sono rimasti fermi al 44,5%.I votanti sono stati 5.552.510, pari al 74,22% degli aventi diritto. Il Sì vince anche a Mantova, Monza, Bergamo ma va sotto negli asltri capoluoghi lombardi.

11:40Usa: vittoria Sioux, bloccato oleodotto

(ANSA) - NEW YORK, 4 DIC - Vittoria per i Sioux. Il genio militare americano ha bocciato l'attuale percorso previsto per l'oleodotto in Nord Dakota, contro cui da mesi i nativi americani si stanno battendo. Proprio in seguito alle proteste il progetto era stato fermato dall'amministrazione Obama per permettere allo Us Army Corps of Engineers di esprimersi. I nativi hanno sempre sostenuto che l'oleodotto e' un enorme rischio per l'ambiente e per le falde acquifere dei loro territori.

11:38Bullismo: 16enne denuncia, aggredito e minacciato di morte

(ANSA) - TORINO, 5 DIC - Atti di bullismo ai danni di un ragazzino di sedici anni all'istituto Olivetti di Ivrea. La segnalazione arriva dalla famiglia del giovane che ha sporto denuncia agli agenti del commissariato eporediese. Secondo quanto ha raccontato il sedicenne, un gruppo di ragazzi della scuola lo avrebbe aggredito e minacciato di morte. Il sedicenne sarebbe stato colpito al collo e al basso ventre in cortile, davanti ad altri compagni: nessuno, però, sarebbe intervenuto in sua difesa. Secondo gli accertamenti della polizia non sarebbe nemmeno il primo episodio di cui il giovane è rimasto vittima. Tra questi anche il furto del portafoglio un mese fa.(ANSA).

Archivio Ultima ora