Obama vota sì al referendum: “Renzi resti comunque

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Obama vota sì al referendum: "Renzi resti comunque

Obama vota sì al referendum: “Renzi resti comunque

WASHINGTON. – A un mese e mezzo dal referendum costituzionale, Barack Obama ha già votato “sì”, convinto che “aiuterà l’Italia” e auspicando che Matteo Renzi resti al timone anche se vincerà il no: “Io tifo per lui, per le sue riforme coraggiose e secondo me deve restare in politica comunque vada”. E’ un endorsement senza precedenti quello ricevuto dal premier italiano nella conferenza stampa congiunta alla Casa Bianca, dopo quasi due ore di colloquio nello Studio Ovale e una accoglienza trionfale insieme alla moglie Agnese nel South Lawn, davanti ad una folla festante con le bandiere dei due Paesi.

Certo, Obama è ormai a fine mandato, ma mai nessun presidente Usa si era mai sbilanciato così con un capo di governo italiano, sperando di poter lasciare a Hillary Clinton un testimone che Renzi ha già raccolto prenotando un incontro con lo staff della candidata democratica. Renzi ha sottolineato l’importanza di una vittoria del sì, che snellirebbe “la burocrazia italiana” e renderebbe l’Italia “più forte nel dibattito sull’Unione europea”.

Ma, nel giorno in cui da Roma è arrivata la doccia fredda di un ‘No’ netto di Silvio Berlusconi, ha cercato anche di ridimensionare la portata del referendum: “Ho l’impressione che gli amici americani siano più interessati all’8 novembre che al 4 dicembre… e anche noi peraltro”. E di sdrammatizzare un’eventuale sconfitta: “Credo che non vi saranno cataclismi in caso vinca il no, ma per non avere dubbi preferisco fare di tutto per vincere il referendum”.

Quanto al suo destino politico, che sembra appeso a questo voto, “lo scopriremo solo vivendo”, ha scherzato, citando Lucio Battisti. Per il resto la visita è stata la celebrazione davanti alle telecamere di tutto il mondo di un legame indissolubile e mai così forte tra Usa e l’Italia. E di un’alleanza che vede agende e impegni condivisi, dall’Iraq alla Libia e all’Afghanistan, dal clima alla crisi dei rifugiati, fino alle politiche di crescita per le quali Renzi addita gli Usa come “un modello”, in antitesi all’austerity europea.

Obama ammette che “l’Europa è una realtà più frammentata rispetto agli Stati Uniti” e che quindi è difficile trasferivi “quanto fatto da noi”. Ma dà ragione a Renzi anche su questo, alla vigilia di un vertice europeo cruciale, quando dice che l’Ue “deve trovare il modo per crescere più rapidamente” perché “le pur ottime politiche monetarie della Banca centrale guidata da Mario Draghi non sono sufficienti”.

“Senza l’enfasi sulla domanda, sulla crescita, sugli investimenti che creano lavoro, la fragilità economica nella Ue tornerà ed avrà impatto sul mondo e sugli Stati Uniti”, ha insistito Obama. Renzi, da parte sua, ha ribadito che intende portare avanti la sua battaglia per cambiare l’Europa: “Noi rispettiamo le regole europee, anche se talvolta un po’ a malincuore. Vorremmo regole diverse ma finché non cambiano le rispettiamo. E lavoriamo per cambiarle”.

Parlando all’aperto nel giardino delle rose, i due leader hanno sottolineato anche la piena convergenza sui dossier di politica internazionale. “Le nostre agende coincidono totalmente”, ha assicurato il premier, mentre Obama ha confermato la partnership fondamentale del nostro Paese nello scacchiere mediterraneo e mediorientale, anche nella lotta all’Isis. In Iraq, ad esempio, dove l’Italia ha un ruolo da protagonista nella difesa e nella ricostruzione della diga di Mosul e nell’addestramento della polizia locale. Ma anche in Libia, dove l’Italia – ha riconosciuto Obama – “sta dando un grande contributo diplomatico per sostenere il governo di unità nazionale che vuole espellere l’Isis dal Paese”.

Per passare poi alla crisi dei migranti, uno dei nodi più caldi. Anche qui Renzi ha incassato un assist dal presidente americano: “L’Italia, la Grecia e la Germania non possono essere lasciate sole a sostenere il fardello dell’immigrazione. Se c’è un’Unione europea bisogna essere uniti nel bene e nel male, bisogna condividere i benefici ma anche i costi”. Pienamente d’accordo Renzi, secondo il quale “non possiamo continuare a lungo a farci carico da soli della Libia e dell’Africa: al Consiglio europeo – giovedì prossimo – porremmo con forza la questione”.

Il capitolo rimasto più in ombra è quello della Russia, sul quale Renzi non si è sbilanciato, dopo l’irritazione di Mosca per il rafforzamento della Nato ai confini baltici anche con un contingente italiano. Cauto anche Obama, che ha ricordato i tentativi di reset all’inizio della sua presidenza, poi naufragati per l’aggressività russa in alcuni Paesi, come l’Ucraina e la Siria.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

15:14L. elettorale: Grasso, accelerazione? Noto rallentamento

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Noto un rallentamento invece che un'accelerazione". Così il presidente del Senato Pietro Grasso risponde sorridendo al cronista di "Repubblica.It" che gli chiede se non noti un'accelerazione sulla legge elettorale. "Qualcuno aveva detto che si andava in Aula ala Camera il 5 giugno e invece adesso vedo che dovrebbe andarci il 12 quindi vedo che un rallentamento c'è stato. C'è una settimana di...". Ma Grasso non dice altro su tempistica né su possibile voto anticipato. "Sono al Senato e aspetto la legge elettorale", ribatte

15:12Ap, guardate che fa Borsa su ipotesi voto anticipato

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "L'allarme lanciato dal ministro Alfano sul rischio di elezioni anticipate anche se non vengono messi in sicurezza i conti pubblici è confermato dall'andamento dei mercati. Ieri, infatti, la borsa di Milano ha perso il 2% nonostante fosse una giornata tranquilla sugli altri mercati". A dirlo è Valentina Castaldini, portavoce nazionale di Alternativa Popolare. E conclude: "Se il Pd e la deputata Fregolent vogliono far finta di non vedere perché hanno fretta di votare per cavalcare l'onda del populismo facciano pure. Noi siamo e saremo sempre responsabili e teniamo più ai cittadini italiani".

15:02Calcio: Spalletti, Inter? Prendo contatti con chi voglio

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Io spero che sia uno tra Di Francesco e Montella ad allenare la Roma il prossimo anno. Loro conoscono la Roma e hanno fatto vedere qualità umane oltre a quelle professionali. Entrambi poi non hanno cancellato il ricordo della Roma nonostante gli sviluppi professionali". Così Luciano Spalletti nella conferma stampa di addio alla panchina giallorossa. Il tecnico toscano non ha anticipato nulla sul proprio futuro, dribblando le domande sul probabile approdo all'Inter. "Sono una persona libera, prendo contatti con chi voglio da qui in avanti. Ma finora non è stato così - sottolinea -. Ci sarà chi reagirà in un modo chi in un altro dopo le mie scelte. Non mi disturberà più di tanto quello che si dirà. Io da qui in avanti comincio a parlare con chi vorrà far uso della mia persona: come allenatore, come metodo, come faccia. Organizzo il prossimo futuro se mi piace quello che uno mi propone".

14:59Calcio: Milan-Montella, rinnovo si avvicina

(ANSA) - SANTA MARGHERITA DI PULA (CAGLIARI), 30 MAG - Rinnovo in vista fra Vincenzo Montella e il Milan. Un incontro in mattinata in sede fra l'allenatore e la dirigenza rossonera avrebbe prodotto un'accelerazione verso l'intesa per prolungare di un anno, fino al 2019, la durata del contratto di Montella. L'intesa, secondo quanto filtra, non è stata ancora formalizzata.

14:55Calcio: Cristiano Ronaldo sarà di nuovo padre

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - Cristiano Ronaldo nuovamente papà? Il settimanale 'Chi', sul numero in edicola da domani, pubblica le immagini esclusive di Cristiano Ronaldo in Corsica con la fidanzata Georgina Rodriguez giunta al quarto mese di gravidanza. Lo dimostrano le immagini pubblicate dal settimanale che rivela anche che la coppia aspetterebbe due gemelli. Cr7 e Georgina Rodriguez sono legati da qualche mese. La loro breve vacanza precede di qualche giorno la finale di Champions League che sabato opporrà il Real Madrid alla Juventus. Con la coppia c'era anche il primogenito del calciatore, il piccolo Cristiano jr, che Ronaldo ha cresciuto da solo senza voler rivelare il nome della madre. Secondo 'Chi', le prime voci di una sua nuova paternità si inseguivano da quando Ronaldo ha pubblicato su Instagram una foto con Georgina in cui entrambi accarezzavano il pancino della ragazza. La mamma del fuoriclasse aveva smentito le voci di un bimbo in arrivo, ma ora 'Chi' conferma tutto e lo documenta con un ampio servizio fotografico.

14:38Calcio: Mancini, lo Zenit? Ci sono buone possibilità

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Con i dirigenti dello Zenit ci siamo visti e conosciuti. Al momento c'è questo, poi vedremo nei prossimi giorni. Possibilità di trasferirsi in Russia ce ne sono". Roberto Mancini non smentisce le indiscrezioni che danno per fatto il suo trasferimento allo Zenit San Pietroburgo, alimentate anche da una foto che lo ritrae con Alexei Miller, Ceo di Gazprom, società proprietaria del club. "Se ho chiesto consigli a Spalletti sullo Zenit? No, non ho chiesto niente. Al momento non c'è niente", ribatte Mancini, oggi al circolo Canottieri Aniene a Roma in occasione dei premi Ussi. "Ho visto l'addio di Francesco Totti alla Roma ed è stato molto bello. I tifosi sono stati commoventi ed è giusto così per uno come lui che ha giocato tutta la vita con la stessa maglia Capisco tante persone che erano allo stadio e si sono commosse. Capisco anche la sua emozione perché non è semplice, poi lui sa cosa deve fare. Ognuno deve essere libero di smettere quando se la sente".

14:35Dà del viado a Belen, Nina Moric a giudizio per diffamazione

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - Che non sia mai corso buon sangue tra Nina Moric e Belen Rodriguez, due ex di Fabrizio Corona, non è un mistero. Ma adesso la 'guerra' tra la modella di origine croata e la sua 'rivale' è finita nelle aule di giustizia. Infatti la Moric, che dall'ex paparazzo ha avuto un figlio, è stata mandata a processo dal gip di Milano per aver dato del 'viado' a Belen e già il prossimo 7 luglio si aprirà il dibattimento per diffamazione. Secondo il capo di imputazione la modella durante una intervista alla Zanzara, programma trasmesso da Radio24, avrebbe offeso la reputazione della showgirl argentina "confermando di averla definita su alcuni social network 'viado'" e aggiungendo al microfono "non è una bella persona come tutti credono...perché quando si trattava di mio figlio girava per casa nuda...mio figlio ha avuto gli incubi quando aveva cinque anni, lei mi minacciava di morte... minacciava che portava via lei mio figlio". Belen, che aveva sporto querela, è ora parte offesa.

Archivio Ultima ora