Sponda renziani a Cuperlo, giovedì proposta su Italicum

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Sponda renziani a Cuperlo, giovedì proposta su Italicum

Sponda renziani a Cuperlo, giovedì proposta su Italicum

ROMA. – Recuperare un pezzo di sinistra Pd, senza smentire se stessi. E’ il tentativo che potrebbe portare entro giovedì a un nuovo passo della maggioranza Dem sulle modifiche all’Italicum. Per far emergere ancora più netta la distanza tra chi, come Pier Luigi Bersani e i parlamentari a lui vicini, ha già deciso per il No al referendum e avviato una battaglia anche sulla manovra. E chi invece, come Gianni Cuperlo, nel dialogo e nell’impegno di Matteo Renzi sulla legge elettorale crede davvero e potrebbe ancora convergere sul Sì.

La commissione per le modifiche all’Italicum, presieduta da Lorenzo Guerini, potrebbe riunirsi giovedì mattina. E offrire a Cuperlo quella risposta ‘politica’ che lui, nominato nella commissione in rappresentanza di tutta la minoranza Dem, non si stanca di invocare. Qualche parlamentare ipotizza la presentazione di un documento con una serie di enunciazioni di principio sulle possibili modifiche alla legge elettorale. Un testo che non vincoli per il futuro (a seconda che vinca il Sì o il No si aprirebbero del resto due scenari totalmente diversi) ma segni un impegno chiaro su temi, come i collegi uninominali e il premio alla coalizione (o l’apparentamento al secondo turno) che sono graditi non solo alla sinistra e a un pezzo di maggioranza Pd, ma anche agli alfaniani, con cui ci sono stati contatti negli ultimi giorni.

I vertici Dem mantengono però al momento grande riserbo e qualche perplessità su un testo ‘vincolante’. “Il modo migliore per cambiare la legge elettorale è non parlarne sui giornali”, sorride Ettore Rosato. Un accordo con Cuperlo, affermano dalla maggioranza Dem, è possibile e vale la pena provare a raggiungerlo. Mentre con i bersaniani non c’è speranza di recuperare la frattura. Tanto che loro si preparano ad annunciare giovedì il loro No definitivo al referendum: “Vanno bene gli impegni, ma al momento l’unico dato di fatto è che andremo a votare il 4 dicembre con l’Italicum in vigore”, dice un senatore. E già i bersaniani preparano la battaglia sulla legge di bilancio.

Una manovra, accusano a taccuini chiusi, piena di ‘mance elettorali’. Davide Zoggia annuncia un possibile voto contrario. E’ “inaccettabile”, sillaba Roberto Speranza, la ‘voluntary disclosure’ sui “contanti”. E’ un “condono”, concordano i bersaniani con i colleghi di Sinistra italiana. Mentre Pier Luigi Bersani, nell’attesa di leggere le norme, consiglia a Renzi di “non evocare i peggiori strumenti polemici della destra: qui non si tratta di combattere i vampiri, ma di riconoscere che per pagare meno bisogna pagare tutti”.

Una nuova grana, intanto, si presenta al Pd alla Camera per iniziativa del Movimento 5 Stelle. I grillini hanno infatti presentato una proposta di legge – in discussione in commissione – per portare a 5.000 euro le indennità dei parlamentari, con un risparmio – dice Danilo Toninelli – di “60 milioni di euro l’anno, più della riforma di Renzi”.

Dal Pd la replica è che con la vittoria del No al referendum, auspicata dai Cinque stelle, andrebbero comunque pagati gli stipendi ai senatori, che invece la riforma costituzionale cancella. Ma il M5s è determinato a portare al voto la sua proposta la settimana prossima in Aula per poter “dimostrare” che il Pd non vuole tagliare gli stipendi dei parlamentari.

“E’ oggettivo – osserva un deputato della minoranza Pd – che mentre facciamo propaganda per il referendum sbandierando il taglio ai costi della politica, questa cosa ci mette in difficoltà”. Ma la maggioranza Pd non si sottrae: “I deputati Pd hanno presentato gli emendamenti in commissione, vedremo come va il dibattito e poi come comportarci in Aula”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

12:56Calcio: Liverpool, bonus in contratto Balotelli

(ANSA) - LONDRA, 5 DIC - Un milione di sterline per non esagerare coi cartellini rossi: questo l'accordo tra Mario Balotelli che il Liverpool che aveva inserito nel contratto dell'attaccante italiano una clausola "espulsioni". Secondo quanto riportato dal "Sunday Times", che esamina i 18 milioni di documenti rivelati nell'inchiesta "Football Leaks", il club inglese aveva voluto incoraggiare Balotelli tramite incentivi economici. "Se alla fine di ogni stagione - si legge - il giocatore non sarà stato escluso dal terreno di gioco per più di tre volte per comportamenti violenti, sputi agli avversari o ad altre persone, parole o gesti offensivi, contestazioni, eccetera; allora il 30 giugno al temine di ogni campionato il giocatore riceverà un pagamento bonus di un milione di sterline", 1,2 mln di euro. Il contratto coi Reds prevedeva anche un bonus di 50mila sterline (60mila euro) per ogni rete segnata dopo la 5/a, oltre allo stipendio di 6 milioni di sterline annui. Ma Balotelli si è fermato ad una sola rete in 6 presenze.

12:18Basket: Nba, cadono i Clippers,

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Solo quattro gare nella notte Nba. Un grande protagonista, Russell Westbrook, che con i suoi 28 punti e una lunga serie di triple doppie ha portato gli Oklahoma City Thunder alla vittoria contro i New Orleans Pelicans con il risultato di 101-92. Battuta d'arresto per i Los Angeles Clippers, fermati in casa dagli Indiana Pacers per 111-102. Nelle altre due gare si segnala il successo, l'ottavo stagionale, dei New York Knicks con un grande Carmelo Anthony in campo, sui Sacramento Kings 106-98 e vittoria in trasferta degli Orlando Magic sui Detroit Pistons per 98-92.

12:06Turchia: protestarono a Gezi Park, 26 accusati di terrorismo

(ANSAmed) - ISTANBUL, 5 DIC - La procura di Ankara ha chiesto il rinvio a giudizio per 26 persone, accusate di "far parte di un'organizzazione terroristica armata" per la loro partecipazione alle proteste di Gezi Park del 2013. Nell'atto d'accusa, riferisce Hurriyet, si fa riferimento alle "violenze commesse dai manifestanti" contro persone e cose. Tra le 9 organizzazioni citate, la maggior parte dei sospetti è ritenuta affiliata al gruppo di estrema sinistra Dhkp/c, ritenuto responsabile di diversi attentati in Turchia.

11:57Referendum, Boccia, congresso Pd si tenga a Gennaio

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Renzi "deve seguire l'esempio di Bersani. Non ha più senso mantenere in vita un gruppo dirigente del genere. Bisogna andare al Congresso del Pd già a gennaio 2017 con Renzi dimissionario": lo dice il presidente della commissione Bilancio della Camera Francesco Boccia (Pd) ad Agorà. "Ora - sostiene Boccia - si deve aprire il congresso, e Renzi se si vuole ricandidare lo deve fare da semplice iscritto al Pd. Se si chiude un ciclo si lascia il Partito libero di fare un confronto. Auspico martedì da Renzi un discorso in linea con quello da lui tenuto questa notte".

11:56Referendum: Boschi, ora a lavoro per servire Istituzioni

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - "Peccato. Avevamo immaginato un altro risveglio: istituzioni più semplici in Italia, paese più forte in Europa. Non è andata cosi. Ha vinto il no, punto. Adesso al lavoro per servire le Istituzioni. Mettiamo al sicuro questa legge di bilancio. Poi pubblicheremo il rendiconto delle tante cose fatte da questo Governo. A tutti i comitati, a tutti gli amici e le amiche che ci hanno dato una mano, grazie. Decideremo insieme come ripartire, smaltita la delusione. Un abbraccio". Lo scrive sul suo profilo di Facebook la ministra per le Riforme, Maria Elena Boschi.

11:54Referendum: a Milano vince il sì, in Lombardia prevale il No

(ANSA) - MILANO, 5 DIC - Il Sì vince a Milano e perde in Lombardia: questo quanto emerge dai dati definitivi del voto sul referendum costituzionale. Milano ha infatti votato in controtendenza rispetto al dato nazionale attribuendo al Sì 343.637 voti pari al 51,1% e 328.440 al No (48,9%). I risultati definitivi in Lombardia hanno invece registrato una prevalenza di No, pari al 55,5%. I Sì sono rimasti fermi al 44,5%.I votanti sono stati 5.552.510, pari al 74,22% degli aventi diritto. Il Sì vince anche a Mantova, Monza, Bergamo ma va sotto negli asltri capoluoghi lombardi.

11:40Usa: vittoria Sioux, bloccato oleodotto

(ANSA) - NEW YORK, 4 DIC - Vittoria per i Sioux. Il genio militare americano ha bocciato l'attuale percorso previsto per l'oleodotto in Nord Dakota, contro cui da mesi i nativi americani si stanno battendo. Proprio in seguito alle proteste il progetto era stato fermato dall'amministrazione Obama per permettere allo Us Army Corps of Engineers di esprimersi. I nativi hanno sempre sostenuto che l'oleodotto e' un enorme rischio per l'ambiente e per le falde acquifere dei loro territori.

Archivio Ultima ora