Sponda renziani a Cuperlo, giovedì proposta su Italicum

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Sponda renziani a Cuperlo, giovedì proposta su Italicum

Sponda renziani a Cuperlo, giovedì proposta su Italicum

ROMA. – Recuperare un pezzo di sinistra Pd, senza smentire se stessi. E’ il tentativo che potrebbe portare entro giovedì a un nuovo passo della maggioranza Dem sulle modifiche all’Italicum. Per far emergere ancora più netta la distanza tra chi, come Pier Luigi Bersani e i parlamentari a lui vicini, ha già deciso per il No al referendum e avviato una battaglia anche sulla manovra. E chi invece, come Gianni Cuperlo, nel dialogo e nell’impegno di Matteo Renzi sulla legge elettorale crede davvero e potrebbe ancora convergere sul Sì.

La commissione per le modifiche all’Italicum, presieduta da Lorenzo Guerini, potrebbe riunirsi giovedì mattina. E offrire a Cuperlo quella risposta ‘politica’ che lui, nominato nella commissione in rappresentanza di tutta la minoranza Dem, non si stanca di invocare. Qualche parlamentare ipotizza la presentazione di un documento con una serie di enunciazioni di principio sulle possibili modifiche alla legge elettorale. Un testo che non vincoli per il futuro (a seconda che vinca il Sì o il No si aprirebbero del resto due scenari totalmente diversi) ma segni un impegno chiaro su temi, come i collegi uninominali e il premio alla coalizione (o l’apparentamento al secondo turno) che sono graditi non solo alla sinistra e a un pezzo di maggioranza Pd, ma anche agli alfaniani, con cui ci sono stati contatti negli ultimi giorni.

I vertici Dem mantengono però al momento grande riserbo e qualche perplessità su un testo ‘vincolante’. “Il modo migliore per cambiare la legge elettorale è non parlarne sui giornali”, sorride Ettore Rosato. Un accordo con Cuperlo, affermano dalla maggioranza Dem, è possibile e vale la pena provare a raggiungerlo. Mentre con i bersaniani non c’è speranza di recuperare la frattura. Tanto che loro si preparano ad annunciare giovedì il loro No definitivo al referendum: “Vanno bene gli impegni, ma al momento l’unico dato di fatto è che andremo a votare il 4 dicembre con l’Italicum in vigore”, dice un senatore. E già i bersaniani preparano la battaglia sulla legge di bilancio.

Una manovra, accusano a taccuini chiusi, piena di ‘mance elettorali’. Davide Zoggia annuncia un possibile voto contrario. E’ “inaccettabile”, sillaba Roberto Speranza, la ‘voluntary disclosure’ sui “contanti”. E’ un “condono”, concordano i bersaniani con i colleghi di Sinistra italiana. Mentre Pier Luigi Bersani, nell’attesa di leggere le norme, consiglia a Renzi di “non evocare i peggiori strumenti polemici della destra: qui non si tratta di combattere i vampiri, ma di riconoscere che per pagare meno bisogna pagare tutti”.

Una nuova grana, intanto, si presenta al Pd alla Camera per iniziativa del Movimento 5 Stelle. I grillini hanno infatti presentato una proposta di legge – in discussione in commissione – per portare a 5.000 euro le indennità dei parlamentari, con un risparmio – dice Danilo Toninelli – di “60 milioni di euro l’anno, più della riforma di Renzi”.

Dal Pd la replica è che con la vittoria del No al referendum, auspicata dai Cinque stelle, andrebbero comunque pagati gli stipendi ai senatori, che invece la riforma costituzionale cancella. Ma il M5s è determinato a portare al voto la sua proposta la settimana prossima in Aula per poter “dimostrare” che il Pd non vuole tagliare gli stipendi dei parlamentari.

“E’ oggettivo – osserva un deputato della minoranza Pd – che mentre facciamo propaganda per il referendum sbandierando il taglio ai costi della politica, questa cosa ci mette in difficoltà”. Ma la maggioranza Pd non si sottrae: “I deputati Pd hanno presentato gli emendamenti in commissione, vedremo come va il dibattito e poi come comportarci in Aula”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

12:55Ex capo Confcommercio a cascate Niagara con soldi pubblici

(ANSA) - NAPOLI, 28 GIU - Ha utilizzato i soldi della Camera di Commercio di Napoli per una gita, per sei persone, alle Cascate del Niagara. É accusato di questo Pietro Russo, 76 anni, fino al gennaio 2017 presidente della Confcommercio di Napoli: è gravemente indiziato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e turbata libertà degli incanti. In particolare Pietro Russo, quale presidente dell'associazione, ha rappresentato falsamente alla Camera di Commercio la regolare esecuzione del progetto Confcommercio 'Esperienza a confronto', iniziativa ammessa al contributo per 48mila euro. Di questi fondi, 26mila euro sono stati utilizzati per una gita alle cascate del Niagara per sei persone. Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Napoli ha oggi eseguito un'ordinanza impositiva del sequestro preventivo dei circa 26mila euro nel confronti della Confcommercio di Napoli.

12:53Antimafia: maggioranza lavora a modifiche su reati contro Pa

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Si annunciano aggiustamenti al Ddl che modifica il codice delle leggi Antimafia e delle misure di prevenzione. "Il problema dei problemi" come ha spiegato il relatore Giuseppe Lumia è l'inserimento, fatto alla Camera, "dei reati contro la pubblica amministrazione nel novero dei reati inseriti nel catalogo, insieme a quelli di mafia, di terrorismo e di altri reati associativi, per i quali si possono applicare le misure di prevenzione, sia quelle personali che patrimoniali". "La discussione è aperta", ha assicurato Lumia e la riunione di maggioranza in corso dovrebbe risolvere proprio questo nodo. Le strade che si potrebbero percorre sono due, come indicato nell'intervento in Aula dallo stesso Lumia: legare l'applicazione di prevenzione ai delitti contro la Pubblica amministrazione solo se commessi in forma associativa (416 codice penale) oppure espungere dal provvedimento i reati di minore allarme sociale.

12:51Migranti: Meloni, invasione senza fine, ma Pd vuole ius soli

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - "Invasione senza fine: altri 13.500 clandestini sbarcati solo negli ultimi due giorni. Nel frattempo il Governo e il Pd si adoperano per regalare la cittadinanza italiana a tutti grazie allo ius soli. La visione di Fratelli d'Italia è molto diversa: subito un blocco navale al largo della Libia per impedire ai barconi di partire, espulsione dei clandestini e concessione della cittadinanza italiana solo a chi ama l'Italia, dimostra di essersi integrato e di condividere la nostra cultura e le nostre leggi". Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

12:50M5s: Casaleggio lascia Roma dopo visita lampo

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Davide Casaleggio, figlio del co-fondatore del Movimento 5 Stelle, ha lasciato questa mattina l'albergo dove ha soggiornato un paio di giorni per la visita lampo che ha fatto a Roma dopo le elezioni comunali. Nel breve soggiorno nella Capitale, Casaleggio ha incontrato la sindaca di Roma, Virginia Raggi, alla quale ha assicurato la sua vicinanza e il suo sostengo, i deputati che assistono il lavoro dell'amministrazione capitolina, Riccardo Fraccaro e Alfonso Bonafede, il candidato premier in pectore Luigi Di Maio e i parlamentari, sia deputati che senatori, con i quali ha messo a punto la strategia per la definizione finale del programma di Governo.

12:48Tassi usurari fino al 272%, tre arrestati nel Napoletano

(ANSA) - TORRE ANNUNZIATA (NAPOLI), 28 GIU - Su prestiti di poche migliaia di euro applicavano tassi usurari che andavano dal 160 al 272%. Per questo motivo 5 persone (tre uomini e due donne, tre dei quali appartenenti allo stesso nucleo familiare) sono state colpite da un'ordinanza di misura applicativa. Tre sono finiti in carcere, due sono stati raggiunti del divieto di dimora a Castellammare di Stabia (Napoli), dove si sono svolti i fatti finiti nel mirino dei carabinieri della locale Compagnia, che hanno eseguito l'ordinanza emessa dal Gip di Torre Annunziata su richiesta della Procura. L'indagine, diretta dalla Procura di Torre Annunziata e condotta dal Nucleo Operativo dei carabinieri trae origine dalla denuncia di una delle vittime. La donna aveva dichiarato agli inquirenti che, nell'aprile 2014, a causa di difficoltà economiche, aveva chiesto a una delle persone coinvolte un prestito di 1.100 euro, a fronte della richiesta di una rata mensile di 250 euro (con un interesse pari al 272% annuo).

12:47Yara: appello parte con parola a Pg, decisione a metà luglio

(ANSA) - MILANO, 28 GIU - Potrebbe arrivare già a metà luglio, tra il 14 e il 17, una decisione nel processo d'appello a carico di Massimo Bossetti, il muratore di Mapello condannato all' ergastolo in primo grado dalla Corte d'Assise di Bergamo quasi un anno fa, il primo luglio 2016, per l'omicidio della 13enne Yara Gambirasio, scomparsa il 26 novembre del 2010 da Brembate di Sopra e trovata morta in un campo di Chignolo d'Isola tre mesi dopo. Il procedimento di secondo grado comincerà venerdì prossimo, 30 giugno, davanti alla Corte d'Assise d'appello di Brescia (presidente Enrico Fischetti). La Corte, poi, ha già stilato un calendario che prevede altre udienze il 6, il 10 e il 14 luglio, giorno in cui, se tutto si svolgerà entro i tempi e senza sorprese o intoppi, i giudici potrebbero già uscire dalla camera di consiglio con una decisione: la sentenza o un provvedimento di riapertura del processo.

12:40Calenda, non serve nuovo partitino, ma “piano industriale”

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - "Già dato (Scelta Civica) e non ha funzionato (eufemismo). Non è roba per me. Più che ennesimo partitino serve "piano industriale" serio per l'Italia". Così il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, risponde su twitter a un utente che posta: "Capisco che non è semplice, ma perché non fate un nuovo partito? @matteorenzi @CarloCalenda".

Archivio Ultima ora