Sponda renziani a Cuperlo, giovedì proposta su Italicum

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Sponda renziani a Cuperlo, giovedì proposta su Italicum

Sponda renziani a Cuperlo, giovedì proposta su Italicum

ROMA. – Recuperare un pezzo di sinistra Pd, senza smentire se stessi. E’ il tentativo che potrebbe portare entro giovedì a un nuovo passo della maggioranza Dem sulle modifiche all’Italicum. Per far emergere ancora più netta la distanza tra chi, come Pier Luigi Bersani e i parlamentari a lui vicini, ha già deciso per il No al referendum e avviato una battaglia anche sulla manovra. E chi invece, come Gianni Cuperlo, nel dialogo e nell’impegno di Matteo Renzi sulla legge elettorale crede davvero e potrebbe ancora convergere sul Sì.

La commissione per le modifiche all’Italicum, presieduta da Lorenzo Guerini, potrebbe riunirsi giovedì mattina. E offrire a Cuperlo quella risposta ‘politica’ che lui, nominato nella commissione in rappresentanza di tutta la minoranza Dem, non si stanca di invocare. Qualche parlamentare ipotizza la presentazione di un documento con una serie di enunciazioni di principio sulle possibili modifiche alla legge elettorale. Un testo che non vincoli per il futuro (a seconda che vinca il Sì o il No si aprirebbero del resto due scenari totalmente diversi) ma segni un impegno chiaro su temi, come i collegi uninominali e il premio alla coalizione (o l’apparentamento al secondo turno) che sono graditi non solo alla sinistra e a un pezzo di maggioranza Pd, ma anche agli alfaniani, con cui ci sono stati contatti negli ultimi giorni.

I vertici Dem mantengono però al momento grande riserbo e qualche perplessità su un testo ‘vincolante’. “Il modo migliore per cambiare la legge elettorale è non parlarne sui giornali”, sorride Ettore Rosato. Un accordo con Cuperlo, affermano dalla maggioranza Dem, è possibile e vale la pena provare a raggiungerlo. Mentre con i bersaniani non c’è speranza di recuperare la frattura. Tanto che loro si preparano ad annunciare giovedì il loro No definitivo al referendum: “Vanno bene gli impegni, ma al momento l’unico dato di fatto è che andremo a votare il 4 dicembre con l’Italicum in vigore”, dice un senatore. E già i bersaniani preparano la battaglia sulla legge di bilancio.

Una manovra, accusano a taccuini chiusi, piena di ‘mance elettorali’. Davide Zoggia annuncia un possibile voto contrario. E’ “inaccettabile”, sillaba Roberto Speranza, la ‘voluntary disclosure’ sui “contanti”. E’ un “condono”, concordano i bersaniani con i colleghi di Sinistra italiana. Mentre Pier Luigi Bersani, nell’attesa di leggere le norme, consiglia a Renzi di “non evocare i peggiori strumenti polemici della destra: qui non si tratta di combattere i vampiri, ma di riconoscere che per pagare meno bisogna pagare tutti”.

Una nuova grana, intanto, si presenta al Pd alla Camera per iniziativa del Movimento 5 Stelle. I grillini hanno infatti presentato una proposta di legge – in discussione in commissione – per portare a 5.000 euro le indennità dei parlamentari, con un risparmio – dice Danilo Toninelli – di “60 milioni di euro l’anno, più della riforma di Renzi”.

Dal Pd la replica è che con la vittoria del No al referendum, auspicata dai Cinque stelle, andrebbero comunque pagati gli stipendi ai senatori, che invece la riforma costituzionale cancella. Ma il M5s è determinato a portare al voto la sua proposta la settimana prossima in Aula per poter “dimostrare” che il Pd non vuole tagliare gli stipendi dei parlamentari.

“E’ oggettivo – osserva un deputato della minoranza Pd – che mentre facciamo propaganda per il referendum sbandierando il taglio ai costi della politica, questa cosa ci mette in difficoltà”. Ma la maggioranza Pd non si sottrae: “I deputati Pd hanno presentato gli emendamenti in commissione, vedremo come va il dibattito e poi come comportarci in Aula”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

16:27Moto: Lorenzo “sempre meglio, a Motegi posso vincere”

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "La prima vittoria ormai è molto vicina, magari potrebbe arrivare già a Motegi. E' la mia pista preferita e si adatta molto bene alla Ducati, con le sue grandi accelerazioni". Jorge Lorenzo è stato a lungo in testa al Gp di Aragon. Sul traguardo è arrivato terzo, ma per lui e la sua Ducati i progressi sono ormai costanti. "Ogni gara capisco la moto un po' di più. Manca solo un pelino di velocità a centro curva" ha detto Lorenzo. "Oggi sapevo che con la morbida al posteriore non sarei arrivato fino alla fine, ma era comunque la scelta migliore" ha concluso.

16:12Juve: Matuidi, ‘derby vinto dominando, così in Champions’

(ANSA) - TORINO, 24 SET - "La Juventus è un club di livello mondiale, una squadra che ha vinto tanto e che ha ancora tanto da vincere". Appena arrivato ed è già amore tra Blaise Matuidi e i colori bianconeri. Il centrocampista francese si è confermato un acquisto giusto anche nel derby vinto dominando. "Una partita giocata bene dal primo al novantesimo minuto", sostiene ai microfoni di Sky Sport il giocatore. Che ora vuole una Juve feroce anche in Champions League. "Abbiamo acquisito sicurezza e dobbiamo continuare così - dice -: sarà molto importante vincere in casa, anche se sappiamo che in Champions non ci sono partite facili". Matuidi si è adattato in fretta alla nuova squadra. "Capivo già un po' di italiano e questo mi ha reso tutto più facile, anche per capire le indicazioni dell'allenatore e i consigli dei compagni", spiega il centrocampista, che alle parole preferisce comunque i fatti. "La cosa più importante è dimostrare ciò che si sa fare in campo e dare il massimo per la squadra".

16:09Moto: Aragon, Marquez “Oggi una vittoria importante”

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Ad Aragon Marc Marquez ha vinto la quarta delle ultime sei gare della MotoGp. "Oggi è stato un successo importante per mettere un piccolo gap sugli inseguitori", a cominciare da Andrea Dovizioso, solo settimo ed ora staccato di 16 punti in classifica. "Dico piccolo perché mancano ancora quattro gare e tutto può succedere - ha spiegato il pilota della Honda a Sky Sport - ma meglio comunque stare avanti da soli che in compagnia". Marquez aveva deciso di montare entrambe le gomme dure "e sul posteriore è stata la scelta giusta - ha detto ancora - mentre davanti non so se la rifarei. Nelle curve a destro ho sofferto molto. Ad inizio gara il feeling era zero, sono stato tentato di rientrare al box per capire cosa era successo. Dopo aver passato Rossi e Lorenzo ho resettato. Mi sono detto 'sto lottando per il mondiale'. Poi le cose sono andate meglio".

16:00Terremoto: sindaco Norcia, partono progetti dei fondi sms

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 24 SET - "I progetti finanziati con i fondi degli sms solidali qui stanno partendo. Per quanto mi riguarda non ho riscontrato alcuna anomalia": a dirlo è il sindaco di Norcia Nicola Alemanno. Rispondendo all'ANSA dopo le polemiche per la mancata assegnazione dei fondi ad Amatrice. "All'Umbria - ha ha spiegato Alemanno - sono spettati 4 milioni e mezzo di euro derivanti dagli sms di solidarietà. Dopo la ripartizione ci siamo riuniti con la presidente della Regione Catiuscia Marini e gli altri sindaci del cratere decidendo insieme di utilizzare un milione per la dotazione didattica delle scuole, 500 mila euro per i beni culturali e tre milioni per realizzare nelle frazioni centri sociali in grado di fungere da strutture di emergenza in caso di necessità. Le procedure sono andate avanti regolarmente e i progetti stanno partendo". Il sindaco di Norcia ha ribadito di non avere riscontrato problemi. "Lavoriamo tutti insieme - ha concluso Alemanno - individuando le priorità per il territorio". (ANSA).

15:45Terremoto:’fondi sms non andati ad Amatrice’, procura indaga

(ANSA) - RIETI, 24 SET - "Stiamo valutando cosa fare, abbiamo sentito cosa ha dichiarato il sindaco di Amatrice. Domani aprirò un fascicolo a modello 45 e sentiremo anche cosa ha da dire in più il sindaco. Al momento non c'è alcuna ipotesi, si tratta solo di verificare il percorso fatto dalle donazioni". Così all' ANSA il procuratore capo di Rieti, Giuseppe Saieva, sulla vicenda riguardante gli sms solidali destinati alle popolazioni colpite dal terremoto. "Sappiamo, che quei fondi sono nella disponibilità della Protezione Civile, quindi l'indagine avrà vita breve". "Basterebbe chiedere scusa, Collevecchio non è nel cratere, non è questione di edilizia scolastica. Queste decisioni vanno concordate con i sindaci e bisogna tenere conto della volontà popolare, il problema è che oggi la volontà popolare non conta più niente", ha detto il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, su Rainews 24, tornando sulla questione della mancata assegnazione ad Amatrice dei fondi raccolti con gli sms di solidarietà per la ricostruzione.

15:39Vaticano: Milone, obbligato a dimettermi

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Non mi sono dimesso volontariamente. Sono stato minacciato di arresto. Il capo della Gendarmeria mi ha intimidito per costringermi a firmare una lettera già pronta". Lo dice Libero Milone, ex primo Revisore generale dei conti vaticani, in un'intervista ad alcuni media, in cui svela i retroscena delle sue dimissioni. "In Vaticano - aggiunge - negli ultimi mesi sono filtrate notizie offensive per la mia reputazione. Non potevo più permettere che un piccolo gruppo di potere esponesse la mia persona per i suoi loschi giochi. Mi spiace molto per il Papa". "Risulta purtroppo - replica la Sala Stampa vaticana - che l'Ufficio diretto dal Dott. Milone, esulando dalle sue competenze, ha incaricato illegalmente una Società esterna per svolgere attività investigative sulla vita privata di esponenti della Santa Sede. Questo costituisce un reato ed ha irrimediabilmente incrinato la fiducia riposta nel Dott. Milone, che, messo davanti alle sue responsabilità, ha accettato liberamente di rassegnare le dimissioni".

15:29Milan: Montella “Insufficienti e sotto i nostri standard”

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Non ci siamo piaciuti, siamo stati insufficienti sul piano agonistico e anche su quello tecnico: non avevamo tranquillità e lucidità per giocare. Dobbiamo capire perché è successo, ma non credo sia una bocciatura per il gruppo o per qualcuno in particolare": Vincenzo Montella non nasconde la delusione per il ko in casa della Samp. "Siamo in crescita e può succedere - dice il tecnico rossonero ai microfoni di Premium Sport -, ma dobbiamo reagire e continuare a lavorare perché siamo un gruppo di qualità. Siamo stati al di sotto dei nostri standard sotto tutti i punti di vista: eravamo scarichi mentalmente, forse ho sbagliato io a non capirlo ma evidentemente qualcuno ha pagato le tante partite ravvicinate. L'esclusione di Musacchio? Zapata somigliava di più al suo dirimpettaio della Sampdoria...".

Archivio Ultima ora