Sponda renziani a Cuperlo, giovedì proposta su Italicum

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Sponda renziani a Cuperlo, giovedì proposta su Italicum

Sponda renziani a Cuperlo, giovedì proposta su Italicum

ROMA. – Recuperare un pezzo di sinistra Pd, senza smentire se stessi. E’ il tentativo che potrebbe portare entro giovedì a un nuovo passo della maggioranza Dem sulle modifiche all’Italicum. Per far emergere ancora più netta la distanza tra chi, come Pier Luigi Bersani e i parlamentari a lui vicini, ha già deciso per il No al referendum e avviato una battaglia anche sulla manovra. E chi invece, come Gianni Cuperlo, nel dialogo e nell’impegno di Matteo Renzi sulla legge elettorale crede davvero e potrebbe ancora convergere sul Sì.

La commissione per le modifiche all’Italicum, presieduta da Lorenzo Guerini, potrebbe riunirsi giovedì mattina. E offrire a Cuperlo quella risposta ‘politica’ che lui, nominato nella commissione in rappresentanza di tutta la minoranza Dem, non si stanca di invocare. Qualche parlamentare ipotizza la presentazione di un documento con una serie di enunciazioni di principio sulle possibili modifiche alla legge elettorale. Un testo che non vincoli per il futuro (a seconda che vinca il Sì o il No si aprirebbero del resto due scenari totalmente diversi) ma segni un impegno chiaro su temi, come i collegi uninominali e il premio alla coalizione (o l’apparentamento al secondo turno) che sono graditi non solo alla sinistra e a un pezzo di maggioranza Pd, ma anche agli alfaniani, con cui ci sono stati contatti negli ultimi giorni.

I vertici Dem mantengono però al momento grande riserbo e qualche perplessità su un testo ‘vincolante’. “Il modo migliore per cambiare la legge elettorale è non parlarne sui giornali”, sorride Ettore Rosato. Un accordo con Cuperlo, affermano dalla maggioranza Dem, è possibile e vale la pena provare a raggiungerlo. Mentre con i bersaniani non c’è speranza di recuperare la frattura. Tanto che loro si preparano ad annunciare giovedì il loro No definitivo al referendum: “Vanno bene gli impegni, ma al momento l’unico dato di fatto è che andremo a votare il 4 dicembre con l’Italicum in vigore”, dice un senatore. E già i bersaniani preparano la battaglia sulla legge di bilancio.

Una manovra, accusano a taccuini chiusi, piena di ‘mance elettorali’. Davide Zoggia annuncia un possibile voto contrario. E’ “inaccettabile”, sillaba Roberto Speranza, la ‘voluntary disclosure’ sui “contanti”. E’ un “condono”, concordano i bersaniani con i colleghi di Sinistra italiana. Mentre Pier Luigi Bersani, nell’attesa di leggere le norme, consiglia a Renzi di “non evocare i peggiori strumenti polemici della destra: qui non si tratta di combattere i vampiri, ma di riconoscere che per pagare meno bisogna pagare tutti”.

Una nuova grana, intanto, si presenta al Pd alla Camera per iniziativa del Movimento 5 Stelle. I grillini hanno infatti presentato una proposta di legge – in discussione in commissione – per portare a 5.000 euro le indennità dei parlamentari, con un risparmio – dice Danilo Toninelli – di “60 milioni di euro l’anno, più della riforma di Renzi”.

Dal Pd la replica è che con la vittoria del No al referendum, auspicata dai Cinque stelle, andrebbero comunque pagati gli stipendi ai senatori, che invece la riforma costituzionale cancella. Ma il M5s è determinato a portare al voto la sua proposta la settimana prossima in Aula per poter “dimostrare” che il Pd non vuole tagliare gli stipendi dei parlamentari.

“E’ oggettivo – osserva un deputato della minoranza Pd – che mentre facciamo propaganda per il referendum sbandierando il taglio ai costi della politica, questa cosa ci mette in difficoltà”. Ma la maggioranza Pd non si sottrae: “I deputati Pd hanno presentato gli emendamenti in commissione, vedremo come va il dibattito e poi come comportarci in Aula”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

12:55Renzi, noi fatto bene su musei, sbagliato non cambiare i Tar

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Il fatto che il Tar del Lazio annulli la nostra decisione merita il rispetto istituzionale che si deve alla giustizia amministrativa ma conferma - una volta di più - che non possiamo più essere una repubblica fondata sul cavillo e sul ricorso". Lo scrive su Facebook il segretario del Pd Matteo Renzi. "Non abbiamo sbagliato perché abbiamo provato a cambiare i musei: abbiamo sbagliato perché non abbiamo provato a cambiare i TAR". Lo dice Matteo Renzi su facebook.

12:54Manchester: minuto silenzio in Gb

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Un minuto di silenzio per le vittime della strage di Manchester è stato rispettato in tutto il Regno Unito alle 11 locali (le 12 in Italia). Nel centro della città inglese colpita dall'attacco terroristico centinaia di persone si sono riunite ad Albert Square, diventato uno dei luoghi simbolo della risposta della comunità alla tragedia.

12:52Calcio: al via assemblea Lega Serie A su diritti tv

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - E' cominciata l'assemblea della Lega Serie A, che affronterà fra l'altro il bando di vendita dei diritti tv del campionato per il triennio 2018-2021. Sono presenti tutti i venti club, oltre alla Spal, invitata come uditrice assieme all'altra società neopromossa dalla Serie B, il Verona. All'ordine del giorno ci sono anche le 'attività promozionali della Lega Serie A in Italia e all'estero', fra cui c'è la proposta al regista premio Oscar Paolo Sorrentino di realizzare delle produzioni video che esaltino la bellezza del nostro calcio, da utilizzare per commercializzare i diritti tv internazionali. Alle 13, sempre nel palazzo milanese di via Rosellini, è in programma l'assemblea della Lega B, chiamata a eleggere il nuovo presidente, con il dubbio che per la terza volta di fila manchi il numero legale, in questa occasione per una mossa del fronte legato a Claudio Lotito.

12:49Calcio: Zeman, pulizia fatta con Calciopoli non basta

(ANSA) - CHIETI, 25 MAG - "Con Calciopoli si è fatta della pulizia, ma non basta. Il sistema lo fanno quelli che stanno dentro, e sarebbe importante per questo cambiare chi rovina il sistema. Diversi anni fa feci delle denunce e non mi fu vicino nessuno". Così Zdenek Zeman al seminario "I giovani per la legalità nello sport", organizzato presso l'Università 'D'Annunzio' di Chieti. Il tecnico del Pescara ha spiegato agli studenti il motivo per cui decise di denunciare le cose che secondo lui nel mondo del calcio non andavano: "Mi fu chiesto in una conferenza stampa cosa non andasse e dissi che se comandavano le farmacie non andava bene. Dissi, e ripeto oggi, che bisogna difendere i valori sani del calcio. Siamo noi però che dobbiamo dare l'esempio per primi in campo".

12:45L. elettorale: Di Maio, non possono impedirci di vincere

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Penso si stia facendo di tutto per escludere il M5s dalle prossime elezioni con una legge elettorale che consenta a chi perderà di continuare a detenere il potere, e questo non è giusto. Siamo disponibili a fare una seria legge elettorale con gli altri partiti anche perché siamo la prima forza politica del Paese. E' prima di tutto una questione morale, non possono escluderci dalla formazione di una legge elettorale e dalla possibilità di vincere le prossime elezioni e governare". Così Luigi Di Maio a Benevento.

12:44F1: Monaco, Vettel secondo nelle prime libere

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Sebastian Vettel con la Ferrari ha fatto segnare il secondo miglior tempo nella prima sessione di prove libere del Gp di Monaco, in programma domenica sul circuito di Montecarlo, chiudendo alle spalle del pilota della Lewis Hamilton, autore del miglior tempo (1'13''425) con un vantaggio di circa due decimi sul tedesco. Max Verstappen con la Red Bull ha chiuso al terzo posto, davanti a Valtteri Bottas al volante della seconda Mercedes. Settimo tempo (1'14''164) per il ferrarista Kimi Raikkonen, preceduto anche da Daniel Ricciardo (Red Bull) e Daniil Kvyat (Toro Rosso).

12:42Calcio: Ruediger, Juve forte ma ambiente Torino aiuta

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Cosa manca alla Roma per raggiungere la Juventus? Prima di tutto è evidente la qualità dei loro giocatori. La seconda cosa è che hanno la mentalità vincente. Ma la cosa più importante è Torino. Roma è diversa, lo sappiamo. Sono passati 16 anni da quando la Roma ha vinto lo scudetto. Quindi le aspettative delle persone sono molto alte". È questo il punto di vista di Antonio Ruediger riguardo al gap che ancora separa la squadra giallorossa da quella bianconera.

Archivio Ultima ora