Sponda renziani a Cuperlo, giovedì proposta su Italicum

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Sponda renziani a Cuperlo, giovedì proposta su Italicum

Sponda renziani a Cuperlo, giovedì proposta su Italicum

ROMA. – Recuperare un pezzo di sinistra Pd, senza smentire se stessi. E’ il tentativo che potrebbe portare entro giovedì a un nuovo passo della maggioranza Dem sulle modifiche all’Italicum. Per far emergere ancora più netta la distanza tra chi, come Pier Luigi Bersani e i parlamentari a lui vicini, ha già deciso per il No al referendum e avviato una battaglia anche sulla manovra. E chi invece, come Gianni Cuperlo, nel dialogo e nell’impegno di Matteo Renzi sulla legge elettorale crede davvero e potrebbe ancora convergere sul Sì.

La commissione per le modifiche all’Italicum, presieduta da Lorenzo Guerini, potrebbe riunirsi giovedì mattina. E offrire a Cuperlo quella risposta ‘politica’ che lui, nominato nella commissione in rappresentanza di tutta la minoranza Dem, non si stanca di invocare. Qualche parlamentare ipotizza la presentazione di un documento con una serie di enunciazioni di principio sulle possibili modifiche alla legge elettorale. Un testo che non vincoli per il futuro (a seconda che vinca il Sì o il No si aprirebbero del resto due scenari totalmente diversi) ma segni un impegno chiaro su temi, come i collegi uninominali e il premio alla coalizione (o l’apparentamento al secondo turno) che sono graditi non solo alla sinistra e a un pezzo di maggioranza Pd, ma anche agli alfaniani, con cui ci sono stati contatti negli ultimi giorni.

I vertici Dem mantengono però al momento grande riserbo e qualche perplessità su un testo ‘vincolante’. “Il modo migliore per cambiare la legge elettorale è non parlarne sui giornali”, sorride Ettore Rosato. Un accordo con Cuperlo, affermano dalla maggioranza Dem, è possibile e vale la pena provare a raggiungerlo. Mentre con i bersaniani non c’è speranza di recuperare la frattura. Tanto che loro si preparano ad annunciare giovedì il loro No definitivo al referendum: “Vanno bene gli impegni, ma al momento l’unico dato di fatto è che andremo a votare il 4 dicembre con l’Italicum in vigore”, dice un senatore. E già i bersaniani preparano la battaglia sulla legge di bilancio.

Una manovra, accusano a taccuini chiusi, piena di ‘mance elettorali’. Davide Zoggia annuncia un possibile voto contrario. E’ “inaccettabile”, sillaba Roberto Speranza, la ‘voluntary disclosure’ sui “contanti”. E’ un “condono”, concordano i bersaniani con i colleghi di Sinistra italiana. Mentre Pier Luigi Bersani, nell’attesa di leggere le norme, consiglia a Renzi di “non evocare i peggiori strumenti polemici della destra: qui non si tratta di combattere i vampiri, ma di riconoscere che per pagare meno bisogna pagare tutti”.

Una nuova grana, intanto, si presenta al Pd alla Camera per iniziativa del Movimento 5 Stelle. I grillini hanno infatti presentato una proposta di legge – in discussione in commissione – per portare a 5.000 euro le indennità dei parlamentari, con un risparmio – dice Danilo Toninelli – di “60 milioni di euro l’anno, più della riforma di Renzi”.

Dal Pd la replica è che con la vittoria del No al referendum, auspicata dai Cinque stelle, andrebbero comunque pagati gli stipendi ai senatori, che invece la riforma costituzionale cancella. Ma il M5s è determinato a portare al voto la sua proposta la settimana prossima in Aula per poter “dimostrare” che il Pd non vuole tagliare gli stipendi dei parlamentari.

“E’ oggettivo – osserva un deputato della minoranza Pd – che mentre facciamo propaganda per il referendum sbandierando il taglio ai costi della politica, questa cosa ci mette in difficoltà”. Ma la maggioranza Pd non si sottrae: “I deputati Pd hanno presentato gli emendamenti in commissione, vedremo come va il dibattito e poi come comportarci in Aula”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

20:51Coniugi uccisi: sottoposto a fermo figlio vittime

(ANSA) - NAPOLI, 20 NOV - E' stato sottoposto a fermo Graziano Afratellanza, per il duplice omicidio dei suoi genitori, la scorsa notte a Parete, nel Casertano. A suo carico sono stati raccolti gravi indizi. In particolare sin dai primi accertamenti è risultato che i due ottantenni erano stati sgozzati con una lama di 14-15 centimetri mentre dormivano. L'esame esterno ha subito fatto ipotizzare ad un'aggressione: il figlio, unico convivente delle vittime si era reso sin da subito irreperibile a bordo della proprio automobile. Durante le indagini trovato abbandonato lungo una strada sterrata, il coltello a lama liscia compatibile con quella dell'omicidio. (ANSA).

20:40Terremoti: transennato Battistero Parma per accertare danni

(ANSA) - PARMA, 20 NOV - I tecnici del Comune di Parma hanno deciso di transennare l'area limitrofa al Battistero di Parma per verificare la staticità di alcuni torrini della parte superiore dell'importante edificio storico, che potrebbero essere rimasti danneggiati dal terremoto di magnitudo 4.4 che ieri ha colpito la provincia emiliana. Sono in corso alcuni controlli da parte dei Vigili del Fuoco che stanno verificando se ci sono state parti effettivamente danneggiate che richiedano un intervento. L'area resterà transennata almeno fino a domani. (ANSA).

20:32Resa Tavecchio: Moratti, per lui choc ma doveva aspettarselo

(ANSA) - MILANO, 20 NOV - ''Mi spiace dal punto di vista umano perché ce l'ha messa tutta ma è stato in qualche modo sfortunato. Il tutto però ha una sua logica e purtroppo la vita è così. Cosa serve ora? Bisogna voler bene alla Nazionale. Serve qualcuno che 'la prenda' con onore e con il cuore, per capire il tipo di responsabilità''. L'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti, premiato con la Guirlande d'Honneur di Sport Movies & Tv 2017 - 35th Milano International Fict Fest, commenta così le dimissioni Carlo Tavecchio. ''Per lui è stato uno choc, l'ha presa male, ce l'aveva con il destino. D'altro canto - continua Moratti - poteva però aspettarselo. Se mi aspettavo le dimissioni di Ventura? Sì, me le aspettavo. Comunque in generale, come Nazionale, ce la siamo sempre cavata con grossi colpi di fortuna. Ora si parla di stranieri, giovani, ma i giovani delle squadre di Serie A sono tutti molto forti quindi si fa un lavoro attento. Bisognerà vedere in che modo migliorare anche questa gestione''.

20:31Resa Tavecchio: Montella,in 2016 scambio pensieri con Lippi

(ANSA) - MILANO, 20 NOV - Prima di accettare la panchina del Milan, Vincenzo Montella fu tra gli allenatori presi in considerazione per il posto di ct della Nazionale, come ha confermato lo stesso allenatore rossonero. "Avevo parlato con Marcello Lippi, c'era stato uno scambio di pensieri a fine campionato 2015/16, nulla di più", ha raccontato a Milan Tv Montella.

20:21Ema: Gentiloni, Milano candidatura solida, che beffa!

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Grazie a Milano e grazie a tutti coloro che si sono impegnati per Ema, nelle istituzioni e nel privato. Una candidatura solida sconfitta solo da un sorteggio. Che beffa!". Così il premier Paolo Gentiloni commenta su twitter il sorteggio che ha premiato Amsterdam per l'Ema.

20:21Ema: Salvini, pazzesco affidarsi al sorteggio

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Pazzesco che una scelta che riguarda migliaia di posti di lavoro e due miliardi di indotto economico venga presa in Europa tramite sorteggio con lancio di una monetina, ennesima dimostrazione della follia con cui è governata l'Unione Europea. Prioritario per il prossimo nostro governo sarà ridiscutere i 17 miliardi all'anno che gli italiani versano a Bruxelles". Così il leader della Lega Matteo Salvini commenta l'assegnazione a Amsterdam dell'Agenzia Europea del Farmaco con la sconfitta di Milano.

20:18Aula discute su proposta su art.18, Pd contrario

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - La legge di Bilancio, che contiene l'aumento della tassa sui licenziamenti, è lo strumento legislativo su cui aprire il confronto sulla lotta alla precarietà. Così Titti Di Salvo, relatrice Pd alla proposta di legge di Mdp e Si che ripristina l'articolo 18, in discussione da oggi in Aula alla Camera.

Archivio Ultima ora