Inps, vincono i pensionati in Venezuela

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da redazione

On. Fabio Porta, parlamentare eletto nella Circoscrizione Estero

On. Fabio Porta, parlamentare eletto nella Circoscrizione Estero

ROMA – I nostri pensionati finalmente hanno avuto ragione e vinto la loro battaglia. Sarà infatti ripristinata la concessione delle prestazioni non contributive erogate in Venezuela, con l’integrazione al minimo e le maggiorazioni sociali. E’ questa una grossa soddisfazione per chi, come i nostri patronati, i nostri parlamentari eletti all’estero (in particolare l’on. Fabio Porta e il senatore Claudio Micheloni), il nostro ambasciatore Silvio Mignano e le nostre associazioni si sono prodigati nel sensibilizzare il mondo politico italiano e portato avanti la battaglia dei nostri pensionati che avevano consegnato al Governo italiano una loro petizione con 3.000 firme

Senatore Claudio Micheloni

Senatore Claudio Micheloni

– Finalmente una buona notizia per migliaia di pensionati italiani residenti in Venezuela – ha commentato a caldo l’on. Porta -. Il nostro costante impegno ha dato i suoi frutti; saranno infatti soddisfatte le nostre pressanti richieste al Governo e alle istituzioni competenti italiane per ripristinare la concessione delle prestazioni non contributive erogate in Venezuela, come l’integrazione al minimo e le maggiorazioni sociali.
Porta, deputato Pd eletto in Sud America, ha quindi spiegato:
– Il Presidente dell’Inps Tito Boeri ha comunicato, in risposta ad una mia lettera, che lo scorso 29 settembre il Ministero del Lavoro, d’intesa col MEF-RGS (Ministero dell’Economia e delle Finanze-Ragioneria Generale dello Stato), ha espresso parere favorevole all’adozione del tasso DICOM (cambio parallelo) ai fini del calcolo delle prestazioni italiane legate ai redditi erogate dall’Inps in favore dei pensionati italiani residenti in Venezuela, a decorrere dal 1° gennaio 2017. A tal fine, – continua Porta – si è appreso che lo stesso Ministero ha chiesto alla Banca d’Italia la pubblicazione del dato medio mensile del tasso DICOM. Gli uffici dell’INPS, ma dobbiamo ora sperare nella sollecitudine della Banca d’Italia, si sono già attivati e stanno definendo con le autorità competenti le modalità di attuazione per rispettare il termine di decorrenza del 1° gennaio 2017.
Da sottolineare che un ritardo della pubblicazione del dato mensile del tasso Dicom potrebbe far slittare i nuovi pagamenti di qualche mese. 


L'Ambasciatore d'Italia in Venezuela, Silvio Mignano

L’Ambasciatore d’Italia in Venezuela, Silvio Mignano

Si è giunti quindi al termine di una lunga battaglia, durata oltre un anno, che ha visto tenacemente coinvolti i parlamentari eletti all’estero, la nostra Ambasciata, i patronati, tutti i pensionati italiani e tante nostre associazioni.
L’on. Porta si è detto consapevole che era “improcrastinabile un concreto intervento a favore di tanti connazionali privati inopinatamente ed ingiustamente di un loro vitale sostentamento economico”. 

– Dobbiamo quindi ringraziare il Governo italiano – aggiunge il parlamentare – che si è reso disponibile ed in particolare l’Inps che già nel settembre 2015 si era fatto promotore, alla luce delle nostre denunce e richieste, presso il Ministero del Lavoro, in costante contatto con il MEF ed il MAE, della proposta di riconsiderare il tasso di cambio utilizzato per valutare le pensioni venezuelane al fine di calcolare le prestazioni legate al reddito, passando ad un tasso di cambio più realistico.
L’auspicio, ora, è che, come afferma l’on. Porta, nel ripristinare le prestazioni “non contributive” sulle pensioni italiane erogate in Venezuela, il nuovo tasso di cambio si mantenga stabile nel tempo in modo da garantire l’erogazione delle stesse in maniera costante e congrua.
(La Redazione)

Ultima ora

02:53Referendum: Lupi, questa maggioranza non c’è più

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - "Questa maggioranza non c'è più, il governo di larghe intese ha finito il suo compito. Non c'è la possibilità che possa andare avanti, adesso serve una nuova fase, in cui starà al presidente della Repubblica cercare una nuova maggioranza". Lo dichiara il capogruppo di Area popolare alla Camera, Maurizio Lupi dopo il discorso del premier Matteo Renzi.(ANSA).

02:32Referendum: Salvini, pronti a voto con ogni legge

(ANSA) - MILANO, 5 DIC - "Attendiamo rispettosamente la sentenza della Consulta, che speriamo arrivi presto. Ma al di là di qualunque scelta della Consulta siamo pronti a votare il prima possibile con qualunque legge elettorale". Così il segretario della Lega, Matteo Salvini, commenta le dimissioni di Matteo Renzi. Sulla richiesta di Renzi al fronte del No di formulare una proposta di legge elettorale, Salvini aggiunge: "Non pensiamo che l'Italia possa permettersi mesi di dibattito sulla nuova legge elettorale", ha aggiunto. Salvini ha aggiunto che quella del 4 dicembre deve essere considerata una "giornata eccezionale, una giornata di liberazione nazionale". (ANSA).

02:28Referendum: de Magistris, respinto stalker autoritario

(ANSA) - NAPOLI, 5 DIC - "Da Napoli già liberata: la Costituzione è salva. Grande vittoria della democrazia. Renzi, stalker autoritario, è stato respinto. Ora lotta popolare per liberare l'Italia e per la sovranità al popolo - dice il sindaco de Magistris - Lavoreremo, con i movimenti popolari, per attuare la più bella Costituzione nata dalla Resistenza. Nessun politicante, vecchio e nuovo, si permetta di mettere il cappello sulla vittoria. Il vincitore è solo uno:il Popolo,viva la libertà e la Rivoluzione".

02:20Renzi, mia esperienza al governo finisce qui

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - "Questa riforma è stata quella che abbiamo portato al voto, non siamo stati convincenti, mi dispiace, ma andiamo via senza rimorsi. Come era chiaro sin dall'inizio l'esperienza del mio governo finisce qui". Lo afferma Matteo Renzi in conferenza stampa da Palazzo Chigi.

01:32Quinto exit poll Ipr-Piepoli Rai, Sì 40,9%, No 59,1%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - In base al quinto exit poll, elaborato ponderando anche i primi dati dello spoglio, di Ipr Marketing-Istituto Piepoli per la Rai sul referendum il Sì è al 40,9% ed il No al 59,1%. Il dato si basa su una copertura del 40% del campione.

01:22Quarto exit poll Ipr-Piepoli Rai, Sì 40-42%, No 58-60%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - In base al quarto exit poll, elaborato ponderando anche i primi dati dello spoglio, di Ipr Marketing-Istituto Piepoli per la Rai sul referendum il Sì è al 40-42% ed il No al 58-60%.

01:20Prima proiezione Emg per La7, Sì 40,8%, No 59,2%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - In base alla prima proiezione Emg per La7 sul referendum, con una copertura del 10%, il Sì si attesta al 40,8%, il no al 59,2%.

Archivio Ultima ora