Palazzo: “Tante iniziative per festeggiare i 20 anni della ‘Dante’ in Venezuela”

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da redazione

Mariano Palazzo intervistato dal direttore della Voce d'Italia, Mauro Bafile

Mariano Palazzo intervistato dal direttore della Voce d’Italia, Mauro Bafile

di Mauro Bafile

CARACAS – La “Società Dante Alighieri” in Venezuela commemora un nuovo anniversario. Ma non è una ricorrenza qualunque, sono 20 anni di attività ininterrotta. Una meta, quella raggiunta, non indifferente che, comunque, non vuole essere un traguardo ma un punto di partenza per nuove e ambiziose iniziative. Ma com’è nata la “Dante”, com’è ormai conosciuta nel Paese? Quali sono i suoi progetti? Ce ne parla il suo presidente, Mariano Palazzo.

– E’ stata fondata in Venezuela su iniziativa di Margherita Cavani, che ne è stata presidente, nel 1996, vent’anni fa –spiega Palazzo senza celare orgoglio ed emozione -. Margherita Cavani è sorella di Bin Cavani che, per tanti anni, è stato l’anima di Federdante in Argentina.

Racconta che quando sua madre Margherita, bolognese, classe ‘40, si recava dalla sorella in Argentina, questa “gli chiedeva sempre come mai non c’era una ‘Dante’ in Venezuela”. E così Margherita cominciò seriamente a pensare nella possibilità di fondarne una in questo Paese.

Bin Cavani, scrittrice, autrice dei romanzi “La Bolognese” (Edizione L’Autore – Firenze), “La Bufera” (Edizione Lepisma – Roma) e del volume di poesie “E’ quasi niente” (Lalli Editore – Firenze), sempre molto attiva in Argentina, essendo stata anche membro del Comites di Buenos Aires, seppe infondere entusiasmo alla sorella e la sicurezza necessaria per capire che valeva la pena fare il gran salto.

Come dimostrano i risultati, aveva ragione. La “Società Dante Alighieri” in Venezuela è oggi una bella realtà con in attivo un bilancio d’iniziative interessanti e vincenti.

– Sono vent’anni di lavoro continuo – sottolinea Palazzo -; vent’anni durante i quali l’obiettivo principale è stato la diffusione della lingua e della cultura italiane. Oltre 8mila alunni hanno frequentato i nostri corsi sia nella sua sede principale, nella Casa d’Italia di Maracay, sia nell’Università e nella Camera di Commercio. Abbiamo organizzato un gran numero di convegni e promosso la nostra cultura attraverso mostre, conferenze e proiezioni di film. La collaborazione del nostro Istituto Italiano di Cultura è stata importante nell’organizzazione di tanti nostri eventi culturali.

Mariano Palazzo

Mariano Palazzo

Spiega che da quando è stata instaurata la “Settimana della Lingua Italiana”, nel 2001, la “Dante” vi partecipa organizzando manifestazioni di rilievo. E sottolinea che le celebrazioni dei 20 anni della “Società Dante” in Venezuela rappresentano una sfida.

– Due decadi di vita della “Dante” in Venezuela, un bilancio?

– Gli obiettivi raggiunti sono stati tanti – ci dice sorridente -. Il più importante, a mio avviso, sono i “Comitati”. Anche se non ancora del tutto autonomi testimoniano la nostra presenza sempre più estesa nel territorio. Abbiamo un convegno con l’Accademia della Lingua e della Cultura Italiana a Maracaibo, che dirigono Eugenia Di Pella e Mariella Pappagallo. Loro sono il centro di certificazione Plida che vuol dire Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri, come lo siamo noi. Il Plida è una delle quattro certificazioni riconosciute dal governo italiano e attesta la competenza in lingua italiana come idioma straniero.

Prosegue segnalando che la “Dante”, a Puerto La Cruz, realizza corsi aderenti al programma Ada (Attestato Dante Alighieri). E’ questo un certificato di frequenza e non di competenza ed è in linea con il quadro europeo di riferimento per le lingue.

– A Puerto La Cruz abbiamo la professoressa Maria Grazia Moretti con il suo gruppo di docenti – prosegue -. Una delle iniziative più importanti che portiamo avanti dallo scorso anno è la commemorazione dei 750 anni della nascita del Sommo Poeta. Nel mio caso personale – spiega il presidente della “Dante” in Venezuela – ho impostato una conferenza itinerante un po’ particolare. Si tratta, in stretta sintesi, di un giornalista che intervista Dante. Attraverso domande e risposte s’illustra l’opera e la vita dello scrittore. La prima conferenza è stata fatta lo scorso anno, poi siamo stati invitati in altre regioni del Paese e ogni volta si è andata arricchendo di tanti altri dettagli.

Questa serie di conferenze, anticipa Palazzo alla “Voce”, sono state raccolte in un libro, scritto in castigliano, dal titolo “Un viaje onírico al mundo de Dante”. L’opera sarà battezzata il primo novembre, in coincidenza con l’inizio del programma di attività per commemorare i 20 anni della Dante.

– La crisi economica ha provocato l’inizio di un’emigrazione di giovani valori, studenti, professionisti, scienziati che in Venezuela non trovano uno spazio adeguato nel mondo del lavoro o che ambiscono ad una qualità di vita migliore. Questo fenomeno che riflesso ha avuto nei vostri corsi?

– I nostri corsi non riescono a coprire la domanda – è il primo commento di Palazzo. Poi prosegue:

– Sono tanti i giovani che desiderano apprendere l’italiano o approfondirne la conoscenza. Ci illudiamo che ciò risponda a un desiderio di conoscere meglio la nostra cultura e la bellezza della nostra lingua ma sappiamo che non è così. Sono tanti i giovani che seguono i nostri corsi con l’obiettivo di prendere dimestichezza con la lingua e potersi trasferire in Italia con la speranza di un futuro migliore. Desiderano studiare l’italiano, e anche un po’ in fretta, perché hanno la valigia già pronta per lasciare il Paese.

– Le relazioni con le altre istituzioni italiane?

Sorride. Palazzo, che mantiene una stretta relazione con il nostro Istituto Italiano di Cultura, è stato per anni presidente della Federazione delle Associazioni Italiano Venezuelane (FAIV), l’organismo forse più importante della nostra comunità poiché riunisce tutte le associazioni del Paese, quindi conosce a fondo le diverse realtà italiane del Venezuela.

– Una cosa importante che mi ha lasciato la mia esperienza come presidente di Faiv – ci dice subito – è l’amicizia di tante, tantissime persone incontrate in tutto il Venezuela. Quando chiediamo di ospitare nei nostri centri una conferenza della “Dante”, tanti ci mettono a disposizione le istallazioni per amicizia ma anche perché vedono nelle nostre conferenze la possibilità di portare l’italianità nei loro centri e di poter promuovere la cultura e la lingua italiana. Insomma, uno spunto per creare corsi d’italiano e lo stimolo per altre iniziative. Questa, dopotutto, è la principale ragione d’essere delle nostre Associazioni e Case d’Italia. E’ l’italianità ma anche l’italicità. Sono in tanti ad avvicinarsi alla nostra cultura innamorati del nostro stile di vita, della cucina, della moda e così via.

Spiega che durante la sua presidenza in Faiv diede vita a una gran manifestazione culturale, “Tradizionando”, che oggi, alla quinta edizione, si è trasformata in una bellissima realtà.

Ultima ora

20:21Matera 2019:intesa Miur-enti locali per coinvolgere studenti

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro presso i comuni di Matera e Policoro e la Regione Basilicata. Progetti legati alla cultura, all'archeologia e all'enogastronomia del territorio,allo sport. Un decalogo sul turismo scolastico che favorisca il coinvolgimento degli studenti nel programma di Matera Capitale della Cultura 2019. Sono i contenuti dell'Accordo Quadro "Progetto culturale Basilicata-Matera 2019-Magna Grecia" siglato questa mattina presso la Sala Consiliare del Comune di Policoro (Mt), dal Sottosegretario al Ministero dell'Istruzione, Vito De Filippo, dal Presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella, dal Sindaco di Matera Raffaello Giulio De Ruggeri e dal Sindaco di Policoro Enrico Mascia. L'Accordo mira a favorire gemellaggi e scambi scolastici e culturali a livello nazionale ed europeo; a organizzare convegni, seminari, corsi e manifestazioni che valorizzino il patrimonio dei territori coinvolti; a consentire a studentesse e studenti di effettuare percorsi di alternanza scuola-lavoro.

20:21Ebrei Roma, dedicare vie a prof colpiti da leggi razza

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Prendiamo atto con soddisfazione della scelta della sindaca Virginia Raggi di modificare le vie di Roma intitolate a chi firmò il Manifesto in Difesa della Razza. Sarebbe più giusto dedicare alcune vie ai professori universitari che persero il proprio posto a causa di quell'infamia". Così la presidente della comunità ebraica di Roma Ruth Dureghello.

20:11Diritti tv: Lega A, obiettivo trattative resta 1,05 mld

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Nelle trattative private con i broadcaster per i diritti tv, la Lega Serie A punta a "ottenere non meno del prezzo minimo complessivo già previsto dal bando, ossia 1 miliardo e 50 milioni di euro", altrimenti "si riserverà di valutare l'offerta presentata dall'intermediario indipendente" che ha partecipato al bando subordinato. Lo ha chiarito il commissario della Lega, Carlo Tavecchio, dopo l'assemblea dei club, che "all'unanimità ha deliberato di non accettare alcuna offerta e dar corso alla trattativa privata". Per il bando erano state presentate cinque buste - da Sky, Mediaset, Italia Way, Tim e Perform - con offerte totali inferiori a 800 milioni a stagione. Cifre che hanno indotto i club a avviare trattative private con i broadcaster.

20:09Raggi: cambieremo nome di vie intitolate a studiosi razzisti

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Il Campidoglio ha avviato le procedure per cambiare nome alle strade della Capitale intitolate agli scienziati che sottoscrissero il Manifesto della Razza del 1938, premessa alla deportazione fascista e allo sterminio degli ebrei italiani. Al dossier hanno lavorato sia la sindaca di Roma Virginia Raggi che il vicesindaco con delega alla Cultura Luca Bergamo. Obiettivo è procedere al cambio entro il 2018, anno in cui ricorre l'ottantesimo anniversario delle leggi razziali. Ad anticipare la scelta del Campidoglio la stessa Raggi in una intervista rilasciata per il documentario dell'inviato Mediaset Pietro Suber, '1938. Quando scoprimmo di non essere più italiani'. Raggi spera che la sua decisione, quando si concretizzerà, possa essere di esempio per altre città. "Roma é antifascista", sottolinea la sindaca.

20:02Usa: dem, votiamo per fine shutdown

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - "Votiamo oggi per la riapertura del governo". Lo ha detto il leader della minoranza democratica al Senato Usa Chuck Schumer prendendo la parola in aula prima del voto sul testo per il finanziamento del governo.

19:59Davos: Forum sotto la neve

(ANSA) - GINEVRA, 22 GEN - Edizione bianca per il World economic forum 2018: le copiose nevicate su tutta la fascia alpina svizzera hanno ricoperto di un manto nevoso di circa tre metri la stazione sciistica di Davos che si appresta ad accogliere da domani i prestigiosi ospiti del Forum: capi di stato e di governo, ministri e leader politici, imprenditori e accademici di tutto il mondo. Le forti nevicate rischiano di rappresentare un problema per la viabilità e i trasporti, anche se la situazione sul fronte della neve si è lievemente allentata nel pomeriggio e le strade di accesso alla località sono ora aperte, ha riferito l'agenzia di stampa elvetica Ats. Per maggiore sicurezza su diversi pendii sono state provocate valanghe artificiali, ha annunciato il comune, e circa due dozzine di persone sono state sfollate. Stasera sono attese nuove precipitazioni nevose di 20-30 centimetri: grazie all'aumento delle temperatura la coesione del manto nevoso è però destinata ad aumentare e il pericolo di slavine non dovrebbe aggravarsi

19:55Furto in azienda Brunello, portate via 500 bottiglie

(ANSA) - MONTALCINO (SIENA), 22 GEN - Furto di Brunello nella notte tra il 20 e il 21 gennaio a Montalcino (Siena). Ad essere colpita è stata l'azienda Col d'Orcia, di proprietà del conte Francesco Marone Cinzano: ignoti, secondo quanto si apprende, sono riusciti a portare via dal wine shop circa 500 bottiglie del pregiato vino, valore 20mila euro. Rubato anche un furgone dell'azienda, usato per portare via il vino. Ad accorgersi del furto un dipendente quando ieri mattina è andato ad aprire il wine shop. Le indagini sono seguite dai carabinieri che stanno visionando i filmati delle telecamere di videosorveglianza della zona per verificare se abbiano ripreso il tragitto del furgone. "Le bottiglie portate via sono tutte di Brunello e Brunello Riserva Poggio al Vento, tutte nel formato da 0,75 litri; comprese le vecchie annate, in maniera molto precisa" racconta a WineNews il conte Cinzano specificando come tra le bottiglie rubate ci sia anche "il Brunello 2013, il primo biologico, in uscita in questi giorni".

Archivio Ultima ora