Palazzo: “Tante iniziative per festeggiare i 20 anni della ‘Dante’ in Venezuela”

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da redazione

Mariano Palazzo intervistato dal direttore della Voce d'Italia, Mauro Bafile

Mariano Palazzo intervistato dal direttore della Voce d’Italia, Mauro Bafile

di Mauro Bafile

CARACAS – La “Società Dante Alighieri” in Venezuela commemora un nuovo anniversario. Ma non è una ricorrenza qualunque, sono 20 anni di attività ininterrotta. Una meta, quella raggiunta, non indifferente che, comunque, non vuole essere un traguardo ma un punto di partenza per nuove e ambiziose iniziative. Ma com’è nata la “Dante”, com’è ormai conosciuta nel Paese? Quali sono i suoi progetti? Ce ne parla il suo presidente, Mariano Palazzo.

– E’ stata fondata in Venezuela su iniziativa di Margherita Cavani, che ne è stata presidente, nel 1996, vent’anni fa –spiega Palazzo senza celare orgoglio ed emozione -. Margherita Cavani è sorella di Bin Cavani che, per tanti anni, è stato l’anima di Federdante in Argentina.

Racconta che quando sua madre Margherita, bolognese, classe ‘40, si recava dalla sorella in Argentina, questa “gli chiedeva sempre come mai non c’era una ‘Dante’ in Venezuela”. E così Margherita cominciò seriamente a pensare nella possibilità di fondarne una in questo Paese.

Bin Cavani, scrittrice, autrice dei romanzi “La Bolognese” (Edizione L’Autore – Firenze), “La Bufera” (Edizione Lepisma – Roma) e del volume di poesie “E’ quasi niente” (Lalli Editore – Firenze), sempre molto attiva in Argentina, essendo stata anche membro del Comites di Buenos Aires, seppe infondere entusiasmo alla sorella e la sicurezza necessaria per capire che valeva la pena fare il gran salto.

Come dimostrano i risultati, aveva ragione. La “Società Dante Alighieri” in Venezuela è oggi una bella realtà con in attivo un bilancio d’iniziative interessanti e vincenti.

– Sono vent’anni di lavoro continuo – sottolinea Palazzo -; vent’anni durante i quali l’obiettivo principale è stato la diffusione della lingua e della cultura italiane. Oltre 8mila alunni hanno frequentato i nostri corsi sia nella sua sede principale, nella Casa d’Italia di Maracay, sia nell’Università e nella Camera di Commercio. Abbiamo organizzato un gran numero di convegni e promosso la nostra cultura attraverso mostre, conferenze e proiezioni di film. La collaborazione del nostro Istituto Italiano di Cultura è stata importante nell’organizzazione di tanti nostri eventi culturali.

Mariano Palazzo

Mariano Palazzo

Spiega che da quando è stata instaurata la “Settimana della Lingua Italiana”, nel 2001, la “Dante” vi partecipa organizzando manifestazioni di rilievo. E sottolinea che le celebrazioni dei 20 anni della “Società Dante” in Venezuela rappresentano una sfida.

– Due decadi di vita della “Dante” in Venezuela, un bilancio?

– Gli obiettivi raggiunti sono stati tanti – ci dice sorridente -. Il più importante, a mio avviso, sono i “Comitati”. Anche se non ancora del tutto autonomi testimoniano la nostra presenza sempre più estesa nel territorio. Abbiamo un convegno con l’Accademia della Lingua e della Cultura Italiana a Maracaibo, che dirigono Eugenia Di Pella e Mariella Pappagallo. Loro sono il centro di certificazione Plida che vuol dire Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri, come lo siamo noi. Il Plida è una delle quattro certificazioni riconosciute dal governo italiano e attesta la competenza in lingua italiana come idioma straniero.

Prosegue segnalando che la “Dante”, a Puerto La Cruz, realizza corsi aderenti al programma Ada (Attestato Dante Alighieri). E’ questo un certificato di frequenza e non di competenza ed è in linea con il quadro europeo di riferimento per le lingue.

– A Puerto La Cruz abbiamo la professoressa Maria Grazia Moretti con il suo gruppo di docenti – prosegue -. Una delle iniziative più importanti che portiamo avanti dallo scorso anno è la commemorazione dei 750 anni della nascita del Sommo Poeta. Nel mio caso personale – spiega il presidente della “Dante” in Venezuela – ho impostato una conferenza itinerante un po’ particolare. Si tratta, in stretta sintesi, di un giornalista che intervista Dante. Attraverso domande e risposte s’illustra l’opera e la vita dello scrittore. La prima conferenza è stata fatta lo scorso anno, poi siamo stati invitati in altre regioni del Paese e ogni volta si è andata arricchendo di tanti altri dettagli.

Questa serie di conferenze, anticipa Palazzo alla “Voce”, sono state raccolte in un libro, scritto in castigliano, dal titolo “Un viaje onírico al mundo de Dante”. L’opera sarà battezzata il primo novembre, in coincidenza con l’inizio del programma di attività per commemorare i 20 anni della Dante.

– La crisi economica ha provocato l’inizio di un’emigrazione di giovani valori, studenti, professionisti, scienziati che in Venezuela non trovano uno spazio adeguato nel mondo del lavoro o che ambiscono ad una qualità di vita migliore. Questo fenomeno che riflesso ha avuto nei vostri corsi?

– I nostri corsi non riescono a coprire la domanda – è il primo commento di Palazzo. Poi prosegue:

– Sono tanti i giovani che desiderano apprendere l’italiano o approfondirne la conoscenza. Ci illudiamo che ciò risponda a un desiderio di conoscere meglio la nostra cultura e la bellezza della nostra lingua ma sappiamo che non è così. Sono tanti i giovani che seguono i nostri corsi con l’obiettivo di prendere dimestichezza con la lingua e potersi trasferire in Italia con la speranza di un futuro migliore. Desiderano studiare l’italiano, e anche un po’ in fretta, perché hanno la valigia già pronta per lasciare il Paese.

– Le relazioni con le altre istituzioni italiane?

Sorride. Palazzo, che mantiene una stretta relazione con il nostro Istituto Italiano di Cultura, è stato per anni presidente della Federazione delle Associazioni Italiano Venezuelane (FAIV), l’organismo forse più importante della nostra comunità poiché riunisce tutte le associazioni del Paese, quindi conosce a fondo le diverse realtà italiane del Venezuela.

– Una cosa importante che mi ha lasciato la mia esperienza come presidente di Faiv – ci dice subito – è l’amicizia di tante, tantissime persone incontrate in tutto il Venezuela. Quando chiediamo di ospitare nei nostri centri una conferenza della “Dante”, tanti ci mettono a disposizione le istallazioni per amicizia ma anche perché vedono nelle nostre conferenze la possibilità di portare l’italianità nei loro centri e di poter promuovere la cultura e la lingua italiana. Insomma, uno spunto per creare corsi d’italiano e lo stimolo per altre iniziative. Questa, dopotutto, è la principale ragione d’essere delle nostre Associazioni e Case d’Italia. E’ l’italianità ma anche l’italicità. Sono in tanti ad avvicinarsi alla nostra cultura innamorati del nostro stile di vita, della cucina, della moda e così via.

Spiega che durante la sua presidenza in Faiv diede vita a una gran manifestazione culturale, “Tradizionando”, che oggi, alla quinta edizione, si è trasformata in una bellissima realtà.

Ultima ora

15:21Gb: la sorpresa di Diana a William, 3 top model a casa

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Tornare a casa e trovarsi davanti a Cindy Crawford, Naomi Campbell e Christy Turlington. E' la sorpresa che la principessa Diana fece trovare ad un incredulo William, allora 13enne, che aveva in camera i poster di tutte e tre. "Le ho trovate sulle scale di ritorno da scuola", racconta il principe nel documentario di ITV, 'Diana, nostra mamma: la sua vita e la sua eredità', che sarà trasmesso domani, a vent'anni dalla scomparsa della principessa. "Sono diventato rosso in volto e non sapevo cosa dire. Credo di aver balbettato qualcosa e di essere inciampato per le scale mentre salivo. E' davvero un bel ricordo che vivrà con me per sempre", ha ricordato William.

14:41Calcio: Mourinho vuole Verratti, Psg chiede soldi e Martial

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Josè Mourinho ha messo gli occhi su Marco Verratti. Lo scrive oggi il 'Mirror', secondo cui i Red Devils avrebbero presentato un'offerta di 60 milioni di sterline (78 mln di euro)al Psg, disposto ad aprire una trattativa solo se nell'operazione venisse inserito Martial, il giovane esterno offensivo francese che piace anche all'Inter (anche in questo caso come eventuale contropartita nell'affare Perisic). A condurre la trattativa, scrive il tabloid, è il vicepresidente esecutivo dello United, Ed Woodward, che sta proseguendo nei colloqui con la dirigenza parigina. A favore del club britannico può giocare il fatto che il nuovo procuratore dell'azzurro è Mino Raiola che con lo United ha negoziato altri ricchissimi trasferimenti (Pogba, Ibrahimovic e Mkhitaryan).

14:22Inter: Spalletti, mercato? Oggi parlo con Sabatini e Ausilio

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - "Dopo l'allenamento parlerò con Walter Sabatini e Piero Ausilio, ci vedremo tutti insieme e discuteremo". Luciano Spalletti, alla vigilia della sfida contro il Lione, prima partita dell’International Champions Cup dell’Inter in Cina, annuncia il summit di mercato con i dirigenti nerazzurri. Nel mirino ci sarebbe anche Keita Baldé, eventuale sostituto di Ivan Perisic. Spalletti, però, preferirebbe poter contare ancora sull’attaccante croato: “E' un giocatore importante per me, poi bisogna chiedere a lui come sta vivendo questo interesse da parte dello United. Questo è sicuramente positivo, vuol dire che il giocatore è forte. Se l'Inter dovesse accettare un certo tipo di richiesta, andremmo a prendere un giocatore altrettanto importante”. Sabatini e Ausilio parleranno anche con Zhang Jindong e i dirigenti cinesi.

14:20Gerusalemme: Mufti contro i metal detector e altri controlli

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 LUG - Nella Spianata delle Moschee di Gerusalemme Israele deve ripristinare la situazione che era in vigore fino al 14 luglio scorso, ossia prima dell'attentato in cui tre arabi israeliani hanno ucciso due agenti israeliani. Questa la posizione ribadita oggi dal Mufti di Gerusalemme, sceicco Muhammad Hussein, mentre in Israele si diffondono voci secondo cui la polizia potrebbe sostituire i metal detector installati la settimana scorsa con altri sistemi di sicurezza. "Noi non accetteremo i metal detector né alcun sistema alternativo", ha precisato il Mufti in un'intervista radio. "Tutto deve tornare a quanto era in vigore il 14 luglio. La Spianata - ha insistito - è una zona occupata e le autorità di occupazione non hanno diritto di apportarvi cambiamenti".

14:15Iraq: Wp, Isis avrebbe potuto costruire ‘bomba sporca’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - L'Isis in Iraq ha avuto tra le mani materiale radioattivo per costruire una 'bomba sporca', ma non lo ha fatto. Lo scrive con ampio rilievo il Washington Post. Secondo il quotidiano Usa, dopo la conquista di Mosul nel 2014, i jihadisti si trovarono di fronte ad uno dei più grandi arsenali mai caduti nelle mani di un gruppo terrorista: basi militari fornite di armi, bombe, razzi e anche carri armati. Ma l'arma più temibile a Mosul non fu mai usata. E solo ora emerge cosa avvenne. I jihadisti trovarono in un deposito dell' università irachena quantità di cobalto-60, un metallo molto radioattivo. Che, nelle loro mani, avrebbe potuto diventare l'ingrediente di base per un eventuale 'bomba sporca'. Perché lo stato islamico non sia riuscito a sfruttare l'arma in suo possesso rimane un mistero. Secondo militari Usa ed esperti nucleari, i jihadisti potrebbero essere stati frenati da problemi pratici: come smontare i rivestimenti di protezione dei macchinari senza correre il rischio di fughe radioattive.

14:05Incendi: 18 roghi attivi nel cosentino, canadair al lavoro

(ANSA) - COSENZA, 23 LUG - Sono 18 gli incendi attivi questa mattina nella provincia di Cosenza, in particolare sulla costa tirrenica e ionica. L'attenzione, hanno fatto sapere dalla centrale operativa del Comando provinciale di Cosenza dei Vigili del fuoco, al momento è concentrata su un incendio scoppiato nel comune di Domanico, piccolo paese vicino alla città bruzia, perché le fiamme sono vicine al centro abitato. Altri incendi di una certa intensità si registrano a San Demetrio Corone, Mormanno, Trebisacce e Scalea dove sono in azione sia i canadair che gli elicotteri. Al momento non sono segnalati particolari danni o disagi per i cittadini. (ANSA).

14:05Israele: Netanyahu, casa assassino sarà demolita

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 LUG - "Sarà demolita al più presto la casa dello spregevole assassino" che venerdì ha accoltellato a morte tre israeliani nella loro abitazione di Halamish, un insediamento ebraico in Cisgiordania. Lo ha anticipato oggi al governo israeliano il premier Benyamin Netanyahu. "Yosef, Haya ed Elad Solomon - ha aggiunto - sono stati uccisi da una belva umana, aizzata da odiatori di ebrei". I loro funerali sono in programma oggi.

Archivio Ultima ora