Palazzo: “Tante iniziative per festeggiare i 20 anni della ‘Dante’ in Venezuela”

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da redazione

Mariano Palazzo intervistato dal direttore della Voce d'Italia, Mauro Bafile

Mariano Palazzo intervistato dal direttore della Voce d’Italia, Mauro Bafile

di Mauro Bafile

CARACAS – La “Società Dante Alighieri” in Venezuela commemora un nuovo anniversario. Ma non è una ricorrenza qualunque, sono 20 anni di attività ininterrotta. Una meta, quella raggiunta, non indifferente che, comunque, non vuole essere un traguardo ma un punto di partenza per nuove e ambiziose iniziative. Ma com’è nata la “Dante”, com’è ormai conosciuta nel Paese? Quali sono i suoi progetti? Ce ne parla il suo presidente, Mariano Palazzo.

– E’ stata fondata in Venezuela su iniziativa di Margherita Cavani, che ne è stata presidente, nel 1996, vent’anni fa –spiega Palazzo senza celare orgoglio ed emozione -. Margherita Cavani è sorella di Bin Cavani che, per tanti anni, è stato l’anima di Federdante in Argentina.

Racconta che quando sua madre Margherita, bolognese, classe ‘40, si recava dalla sorella in Argentina, questa “gli chiedeva sempre come mai non c’era una ‘Dante’ in Venezuela”. E così Margherita cominciò seriamente a pensare nella possibilità di fondarne una in questo Paese.

Bin Cavani, scrittrice, autrice dei romanzi “La Bolognese” (Edizione L’Autore – Firenze), “La Bufera” (Edizione Lepisma – Roma) e del volume di poesie “E’ quasi niente” (Lalli Editore – Firenze), sempre molto attiva in Argentina, essendo stata anche membro del Comites di Buenos Aires, seppe infondere entusiasmo alla sorella e la sicurezza necessaria per capire che valeva la pena fare il gran salto.

Come dimostrano i risultati, aveva ragione. La “Società Dante Alighieri” in Venezuela è oggi una bella realtà con in attivo un bilancio d’iniziative interessanti e vincenti.

– Sono vent’anni di lavoro continuo – sottolinea Palazzo -; vent’anni durante i quali l’obiettivo principale è stato la diffusione della lingua e della cultura italiane. Oltre 8mila alunni hanno frequentato i nostri corsi sia nella sua sede principale, nella Casa d’Italia di Maracay, sia nell’Università e nella Camera di Commercio. Abbiamo organizzato un gran numero di convegni e promosso la nostra cultura attraverso mostre, conferenze e proiezioni di film. La collaborazione del nostro Istituto Italiano di Cultura è stata importante nell’organizzazione di tanti nostri eventi culturali.

Mariano Palazzo

Mariano Palazzo

Spiega che da quando è stata instaurata la “Settimana della Lingua Italiana”, nel 2001, la “Dante” vi partecipa organizzando manifestazioni di rilievo. E sottolinea che le celebrazioni dei 20 anni della “Società Dante” in Venezuela rappresentano una sfida.

– Due decadi di vita della “Dante” in Venezuela, un bilancio?

– Gli obiettivi raggiunti sono stati tanti – ci dice sorridente -. Il più importante, a mio avviso, sono i “Comitati”. Anche se non ancora del tutto autonomi testimoniano la nostra presenza sempre più estesa nel territorio. Abbiamo un convegno con l’Accademia della Lingua e della Cultura Italiana a Maracaibo, che dirigono Eugenia Di Pella e Mariella Pappagallo. Loro sono il centro di certificazione Plida che vuol dire Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri, come lo siamo noi. Il Plida è una delle quattro certificazioni riconosciute dal governo italiano e attesta la competenza in lingua italiana come idioma straniero.

Prosegue segnalando che la “Dante”, a Puerto La Cruz, realizza corsi aderenti al programma Ada (Attestato Dante Alighieri). E’ questo un certificato di frequenza e non di competenza ed è in linea con il quadro europeo di riferimento per le lingue.

– A Puerto La Cruz abbiamo la professoressa Maria Grazia Moretti con il suo gruppo di docenti – prosegue -. Una delle iniziative più importanti che portiamo avanti dallo scorso anno è la commemorazione dei 750 anni della nascita del Sommo Poeta. Nel mio caso personale – spiega il presidente della “Dante” in Venezuela – ho impostato una conferenza itinerante un po’ particolare. Si tratta, in stretta sintesi, di un giornalista che intervista Dante. Attraverso domande e risposte s’illustra l’opera e la vita dello scrittore. La prima conferenza è stata fatta lo scorso anno, poi siamo stati invitati in altre regioni del Paese e ogni volta si è andata arricchendo di tanti altri dettagli.

Questa serie di conferenze, anticipa Palazzo alla “Voce”, sono state raccolte in un libro, scritto in castigliano, dal titolo “Un viaje onírico al mundo de Dante”. L’opera sarà battezzata il primo novembre, in coincidenza con l’inizio del programma di attività per commemorare i 20 anni della Dante.

– La crisi economica ha provocato l’inizio di un’emigrazione di giovani valori, studenti, professionisti, scienziati che in Venezuela non trovano uno spazio adeguato nel mondo del lavoro o che ambiscono ad una qualità di vita migliore. Questo fenomeno che riflesso ha avuto nei vostri corsi?

– I nostri corsi non riescono a coprire la domanda – è il primo commento di Palazzo. Poi prosegue:

– Sono tanti i giovani che desiderano apprendere l’italiano o approfondirne la conoscenza. Ci illudiamo che ciò risponda a un desiderio di conoscere meglio la nostra cultura e la bellezza della nostra lingua ma sappiamo che non è così. Sono tanti i giovani che seguono i nostri corsi con l’obiettivo di prendere dimestichezza con la lingua e potersi trasferire in Italia con la speranza di un futuro migliore. Desiderano studiare l’italiano, e anche un po’ in fretta, perché hanno la valigia già pronta per lasciare il Paese.

– Le relazioni con le altre istituzioni italiane?

Sorride. Palazzo, che mantiene una stretta relazione con il nostro Istituto Italiano di Cultura, è stato per anni presidente della Federazione delle Associazioni Italiano Venezuelane (FAIV), l’organismo forse più importante della nostra comunità poiché riunisce tutte le associazioni del Paese, quindi conosce a fondo le diverse realtà italiane del Venezuela.

– Una cosa importante che mi ha lasciato la mia esperienza come presidente di Faiv – ci dice subito – è l’amicizia di tante, tantissime persone incontrate in tutto il Venezuela. Quando chiediamo di ospitare nei nostri centri una conferenza della “Dante”, tanti ci mettono a disposizione le istallazioni per amicizia ma anche perché vedono nelle nostre conferenze la possibilità di portare l’italianità nei loro centri e di poter promuovere la cultura e la lingua italiana. Insomma, uno spunto per creare corsi d’italiano e lo stimolo per altre iniziative. Questa, dopotutto, è la principale ragione d’essere delle nostre Associazioni e Case d’Italia. E’ l’italianità ma anche l’italicità. Sono in tanti ad avvicinarsi alla nostra cultura innamorati del nostro stile di vita, della cucina, della moda e così via.

Spiega che durante la sua presidenza in Faiv diede vita a una gran manifestazione culturale, “Tradizionando”, che oggi, alla quinta edizione, si è trasformata in una bellissima realtà.

Ultima ora

14:35Terremoto: sindaco Accumoli, sms operazione poco trasparente

(ANSA) - RIETI, 24 SET - "Lo dissi a luglio e posso ripeterlo anche ora: l'operazione sms per me è stata poco trasparente. Ha deluso la popolazione, ma dell'inchiesta non so nulla". E' quanto dichiara il sindaco di Accumoli (Rieti), Stefano Petrucci. "Ricordo che l'iniziativa - prosegue il sindaco del comune reatino epicentro del terremoto dello scorso anno - era nata all'indomani del sisma del 24 agosto per il nostro comune, per Amatrice e per Arquata del Tronto. E' quantomeno singolare - va avanti Petrucci - che quei fondi non siano arrivati ai comuni più colpiti, cioè Amatrice e Accumoli. Non è stata un'operazione di grande trasparenza, ora apprendo dell'esistenza di un' inchiesta, non ne so nulla né a luglio - conclude il sindaco di Accumoli - fui contattato dopo le mie dichiarazioni".

14:34Scuola: Fedeli, ad ottobre al via tavolo contro ‘furbetti’

(ANSA) - VENEZIA, 24 SET - Nella prima settimana di ottobre si riunirà il tavolo che intende monitorare e controllare la fruizione della legge 104 da parte dei docenti e degli amministrativi della scuola. Lo annuncia la ministra dell' istruzione Valeria Fedeli prendendo spunto dal caso di un professore che a Bassano del Grappa si sarebbe assentato in modo scorretto dal lavoro. Proprio contro i 'furbetti', Fedeli sottolinea: "é per questo che con l'Inps, il Ministero della Salute e le Regioni riuniremo, nella prima settimana di ottobre, il tavolo che ho annunciato lo scorso 4 luglio per elaborare efficaci strategie di monitoraggio e controllo sulla fruizione della 104 da parte del personale docente e amministrativo coinvolto nella mobilità e nelle assegnazioni provvisorie. Siamo - conclude la ministra - per il rispetto delle regole e dei diritti e contro ogni abuso".

14:21Trump invita a boicottare partite Nfl

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Se i tifosi della NFL rifiuteranno di andare alle partite fino a quando i giocatori non smetteranno di non rispettare la nostra bandiera e il nostro Paese, si vedranno presto i cambiamenti. Licenziamento o sospensione!". Così il presidente Usa, Donald Trump, su Twitter torna a polemizzare contro i campioni 'ribelli' dello sport americano, quelli che contestano la presenza del tycoon ala Casa Bianca e che si rifiutano di cantare l'inno nazionale. Proprio ieri Trump aveva chiesto alla Nfl, la lega professionistica del football americano, di licenziare i giocatori che non lo fanno. La protesta intanto si allarga: ieri sera, su un palco di New York, la rockstar Stevie Wonder si è inginocchiata sul palco durante il concerto al Central Park contro le discriminazioni razziali. "Questa sera mi metto in ginocchio per l'America. Entrambe le ginocchia"!, ha urlato il cantante alla platea, in un gesto di solidarietà con gli atleti 'ribelli'.

14:15Brexit: media, scricchiola tregua Tory dopo discorso May

(ANSA) - LONDRA, 24 SET - Pare già scricchiolare la 'tregua' interna al Partito Conservatore britannico sulla piattaforma per il rilancio dei negoziati con l'Ue sulla Brexit illustrata venerdì dalla premier Theresa May a Firenze. Lo scrivono oggi i domenicali del Regno, sottolineando in particolare il tentativo di Boris Johnson di presentarsi come il nume tutelare di quel discorso e di cantare vittoria a nome dei 'brexiteers'. Il Sunday Telegraph, vicino alle posizioni del ministro degli Esteri, gli accredita in effetti di essere riuscito a imporre "una linea rossa" sulla strategia negoziale verso Bruxelles e di aver ottenuto di limitare a due anni la proposta di una fase di transizione post Brexit (nella quale la Gran Bretagna dovrebbe rimanere nel mercato unico europeo e nell'unione doganale, lasciando temporaneamente aperte le porte alla libera circolazione delle persone), che invece il dicastero del Tesoro guidato dal cancelliere dello Scacchiere, Philip Hammond, avrebbe voluto estendere per un periodo più lungo.

14:14Champions: Napoli-Feyenoord, arbitra lo scozzese Collum

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Sarà il fischietto scozzese William Collum ad arbitrare Napoli-Feyenoord, secondo match del Gruppo F di Champions League, in programma martedì sera al San Paolo.

14:14Tennis: Vinci rientro amaro, subito fuori a Wuhan

(ANSA) - ROMA, 24 SET - E' amaro il rientro nel circuito per Roberta Vinci. La 34enne tennista tarantina esce infatti all'esordio nel "Dongfeng Motor Wuhan Open", che si disputa sui campi in cemento di Wuhan, in Cina. La pugliese, scesa al n.84 del ranking mondiale, ha ceduto con un doppio 6-4 alla statunitense Christina McHale, n.81 Wta e proveniente dalle qualificazioni.

14:12Catalogna: a migliaia in piazza per chiedere indipendenza

(ANSA) - BARCELLONA, 24 SET - Migliaia di persone sono scese in piazza a Barcellona e in altre città a sostegno del referendum sull'indipendenza della Catalogna, previsto per il 1mo ottobre e che Madrid giudica 'illegale'. Tra i manifestanti anche Carme Forcadell, portavoce del Parlamento regionale della Catalogna che, rivolgendosi alla folla, ha urlato: "Vi chiedo di uscire e andare a votare! Votate per il futuro della Catalogna'!. La Corte Costituzionale spagnola ha sospeso la legge per il referendum e la polizia ha sequestrato il materiale necessario per il voto. Questo non ha fermato i separatisti che sono intenzionati a dichiarare l'indipendenza se dovesse vincere il 'sì' al referendum.

Archivio Ultima ora