Palazzo: “Tante iniziative per festeggiare i 20 anni della ‘Dante’ in Venezuela”

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da redazione

Mariano Palazzo intervistato dal direttore della Voce d'Italia, Mauro Bafile

Mariano Palazzo intervistato dal direttore della Voce d’Italia, Mauro Bafile

di Mauro Bafile

CARACAS – La “Società Dante Alighieri” in Venezuela commemora un nuovo anniversario. Ma non è una ricorrenza qualunque, sono 20 anni di attività ininterrotta. Una meta, quella raggiunta, non indifferente che, comunque, non vuole essere un traguardo ma un punto di partenza per nuove e ambiziose iniziative. Ma com’è nata la “Dante”, com’è ormai conosciuta nel Paese? Quali sono i suoi progetti? Ce ne parla il suo presidente, Mariano Palazzo.

– E’ stata fondata in Venezuela su iniziativa di Margherita Cavani, che ne è stata presidente, nel 1996, vent’anni fa –spiega Palazzo senza celare orgoglio ed emozione -. Margherita Cavani è sorella di Bin Cavani che, per tanti anni, è stato l’anima di Federdante in Argentina.

Racconta che quando sua madre Margherita, bolognese, classe ‘40, si recava dalla sorella in Argentina, questa “gli chiedeva sempre come mai non c’era una ‘Dante’ in Venezuela”. E così Margherita cominciò seriamente a pensare nella possibilità di fondarne una in questo Paese.

Bin Cavani, scrittrice, autrice dei romanzi “La Bolognese” (Edizione L’Autore – Firenze), “La Bufera” (Edizione Lepisma – Roma) e del volume di poesie “E’ quasi niente” (Lalli Editore – Firenze), sempre molto attiva in Argentina, essendo stata anche membro del Comites di Buenos Aires, seppe infondere entusiasmo alla sorella e la sicurezza necessaria per capire che valeva la pena fare il gran salto.

Come dimostrano i risultati, aveva ragione. La “Società Dante Alighieri” in Venezuela è oggi una bella realtà con in attivo un bilancio d’iniziative interessanti e vincenti.

– Sono vent’anni di lavoro continuo – sottolinea Palazzo -; vent’anni durante i quali l’obiettivo principale è stato la diffusione della lingua e della cultura italiane. Oltre 8mila alunni hanno frequentato i nostri corsi sia nella sua sede principale, nella Casa d’Italia di Maracay, sia nell’Università e nella Camera di Commercio. Abbiamo organizzato un gran numero di convegni e promosso la nostra cultura attraverso mostre, conferenze e proiezioni di film. La collaborazione del nostro Istituto Italiano di Cultura è stata importante nell’organizzazione di tanti nostri eventi culturali.

Mariano Palazzo

Mariano Palazzo

Spiega che da quando è stata instaurata la “Settimana della Lingua Italiana”, nel 2001, la “Dante” vi partecipa organizzando manifestazioni di rilievo. E sottolinea che le celebrazioni dei 20 anni della “Società Dante” in Venezuela rappresentano una sfida.

– Due decadi di vita della “Dante” in Venezuela, un bilancio?

– Gli obiettivi raggiunti sono stati tanti – ci dice sorridente -. Il più importante, a mio avviso, sono i “Comitati”. Anche se non ancora del tutto autonomi testimoniano la nostra presenza sempre più estesa nel territorio. Abbiamo un convegno con l’Accademia della Lingua e della Cultura Italiana a Maracaibo, che dirigono Eugenia Di Pella e Mariella Pappagallo. Loro sono il centro di certificazione Plida che vuol dire Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri, come lo siamo noi. Il Plida è una delle quattro certificazioni riconosciute dal governo italiano e attesta la competenza in lingua italiana come idioma straniero.

Prosegue segnalando che la “Dante”, a Puerto La Cruz, realizza corsi aderenti al programma Ada (Attestato Dante Alighieri). E’ questo un certificato di frequenza e non di competenza ed è in linea con il quadro europeo di riferimento per le lingue.

– A Puerto La Cruz abbiamo la professoressa Maria Grazia Moretti con il suo gruppo di docenti – prosegue -. Una delle iniziative più importanti che portiamo avanti dallo scorso anno è la commemorazione dei 750 anni della nascita del Sommo Poeta. Nel mio caso personale – spiega il presidente della “Dante” in Venezuela – ho impostato una conferenza itinerante un po’ particolare. Si tratta, in stretta sintesi, di un giornalista che intervista Dante. Attraverso domande e risposte s’illustra l’opera e la vita dello scrittore. La prima conferenza è stata fatta lo scorso anno, poi siamo stati invitati in altre regioni del Paese e ogni volta si è andata arricchendo di tanti altri dettagli.

Questa serie di conferenze, anticipa Palazzo alla “Voce”, sono state raccolte in un libro, scritto in castigliano, dal titolo “Un viaje onírico al mundo de Dante”. L’opera sarà battezzata il primo novembre, in coincidenza con l’inizio del programma di attività per commemorare i 20 anni della Dante.

– La crisi economica ha provocato l’inizio di un’emigrazione di giovani valori, studenti, professionisti, scienziati che in Venezuela non trovano uno spazio adeguato nel mondo del lavoro o che ambiscono ad una qualità di vita migliore. Questo fenomeno che riflesso ha avuto nei vostri corsi?

– I nostri corsi non riescono a coprire la domanda – è il primo commento di Palazzo. Poi prosegue:

– Sono tanti i giovani che desiderano apprendere l’italiano o approfondirne la conoscenza. Ci illudiamo che ciò risponda a un desiderio di conoscere meglio la nostra cultura e la bellezza della nostra lingua ma sappiamo che non è così. Sono tanti i giovani che seguono i nostri corsi con l’obiettivo di prendere dimestichezza con la lingua e potersi trasferire in Italia con la speranza di un futuro migliore. Desiderano studiare l’italiano, e anche un po’ in fretta, perché hanno la valigia già pronta per lasciare il Paese.

– Le relazioni con le altre istituzioni italiane?

Sorride. Palazzo, che mantiene una stretta relazione con il nostro Istituto Italiano di Cultura, è stato per anni presidente della Federazione delle Associazioni Italiano Venezuelane (FAIV), l’organismo forse più importante della nostra comunità poiché riunisce tutte le associazioni del Paese, quindi conosce a fondo le diverse realtà italiane del Venezuela.

– Una cosa importante che mi ha lasciato la mia esperienza come presidente di Faiv – ci dice subito – è l’amicizia di tante, tantissime persone incontrate in tutto il Venezuela. Quando chiediamo di ospitare nei nostri centri una conferenza della “Dante”, tanti ci mettono a disposizione le istallazioni per amicizia ma anche perché vedono nelle nostre conferenze la possibilità di portare l’italianità nei loro centri e di poter promuovere la cultura e la lingua italiana. Insomma, uno spunto per creare corsi d’italiano e lo stimolo per altre iniziative. Questa, dopotutto, è la principale ragione d’essere delle nostre Associazioni e Case d’Italia. E’ l’italianità ma anche l’italicità. Sono in tanti ad avvicinarsi alla nostra cultura innamorati del nostro stile di vita, della cucina, della moda e così via.

Spiega che durante la sua presidenza in Faiv diede vita a una gran manifestazione culturale, “Tradizionando”, che oggi, alla quinta edizione, si è trasformata in una bellissima realtà.

Ultima ora

15:59Coppa Italia, Juve-Napoli, resta divieto tifosi ospiti

(ANSA) - TORINO, 25 FEB - Confermata la chiusura del settore ospiti in vista della partita di Coppa Italia Juventus-Napoli di martedì prossimo. La questura di Torino rende noto che il Gos (Gruppo operativo sicurezza) ha preso atto del provvedimento prefettizio di chiusura del settore ospiti allo Juventus Stadium, pertanto ha adottato tutte le misure organizzative "per assicurare il rispetto rigoroso del provvedimento inibitorio". Nessun possessore di titolo di accesso potrà pertanto accedere a settore diverso da quello previsto sul biglietto. Il provvedimento era stato adottato dalla Prefettura di Torino su indicazione del Comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive (Casms) presso il ministero dell'Interno allo "scopo di tutelare la sicurezza pubblica e l'incolumità delle persone dai rischi connessi all'accesa rivalità tra le due tifoserie, sfociata in passato anche in scontri".

15:56Milan: Galliani, 31 anni non si cancellano in un minuto

(ANSA) - MILANO, 25 FEB - A meno di una settimana dal closing con cui il Milan dovrebbe passare in mani cinesi Adriano Galliani non nasconde che c'è un po' di emozione per la fine di un'era. C'è, certo, 31 anni non è che si possono cancellare in un minuto, è evidente", ha detto ieri in tarda serata dopo la cena con la squadra l'ad rossonero, al fianco del presidente Silvio Berlusconi ancor prima che acquistasse il club nel 1986. C'è ancora la speranza che resti tutto così? "Ma no, ma no, che speranza..." ha tagliato corto Galliani, spiegando di aver sentito Berlusconi sereno e ribadendo la propria soddisfazione per Vincenzo Montella: "Può essere l'allenatore del futuro? Sta facendo bene, assolutamente. Ogni decisione la prende chi gestisce la società: in questo momento la gestiamo noi e siamo soddisfatti di Montella, poi chi la gestirà deciderà. Ma mi sembra di capire assolutamente di sì".

15:55Calcio: Mancini, Suning mi offrì triennale ma dissi di no

(ANSA) - MILANO, 25 FEB - "Suning mi aveva proposto un nuovo contratto triennale. Era tutto pronto ma l'ho rifiutato. Semplicemente non c'erano le condizioni per andare avanti, c'erano situazioni che non andavano bene": lo dice l'ex tecnico dell'Inter, Roberto Mancini. "L'allenatore, una volta che inizia la stagione, deve metterci la faccia - continua Mancini - e mancava ancora qualcosa perché le cose andassero bene".

15:42Droga: docente arrestata, viaggio regalato da un amico

(ANSA) - BARI, 25 FEB - "Il viaggio a Melbourne è stato il regalo di un mio amico": lo ha detto telefonicamente, ad Oronzo De Leonardis, l'avvocato dei suoi genitori, Elisa Salatino, la docente di sostegno, originaria di Fasano (Brindisi), arrestata nell'aeroporto internazionale di Melbourne il 12 febbraio scorso con 5 chili di cocaina nascosti nella valigia. La docente, che insegna nell'istituto Marconi di Bari, sarà sottoposta lunedì prossimo, 27 febbraio, per la prima volta, a interrogatorio dall'autorità giudiziaria australiana. "In quella sede, alla presenza del difensore d'ufficio, - afferma De Leonardis - potrà esporre a sua discolpa la propria versione dei fatti". "Elisa - racconta De Leonardis - ha spiegato che il viaggio in Australia è stato 'un regalo di un amico di Bari che sta molto bene economicamente', il quale ha insistito molto perché accettasse, desiderando che prendesse un periodo di relax dopo le difficili vicende personali e la separazione dal marito".

15:30Si è costituito ad Andria pirata strada

(ANSA) - ANDRIA, 25 FEB - Si è costituito, presentandosi ai carabinieri, il giovane che questa mattina era alla guida dell'automobile che ha investito nei pressi del cimitero di Andria, uccidendolo sul colpo, Eligio Muraglia, di 78 anni. Il giovane, di 26 anni, incensurato, definito un bravo ragazzo dagli stessi investigatori, stava andando a lavorare nell'azienda del padre e un attimo di distrazione alla guida si sarebbe rivelato fatale. Già sottoposto all'alcol test è risultato negativo. Si attende ora l'esame della sangue per escludere guidasse sotto effetto di sostanze stupefacenti. A indurlo a scappare, con la sua Polo grigia, e a non prestare soccorso sarebbe stato - secondo quanto raccontato dal 26enne agli investigatori - il panico che l'aveva colto in seguito a ciò che era accaduto

15:20Torino: Appendino, a lavoro per risolvere problemi passato

(ANSA) - TORINO, 25 FEB - "Abbiamo sempre sostenuto che negli anni passati si fosse dipinta una città che non esisteva". Lo afferma la sindaca di Torino, Chiara Appendino, a margine della visita all'ospedale Regina Margherita. "Il primo passo che Torino deve compiere ora è lavorare tutti assieme per cambiare", aggiunge la prima cittadina in merito alla istruttoria della Corte dei conti sui bilanci della giunta Fassino. "Come Giunta abbiamo affrontato già da luglio dello scorso anno la ricognizione della situazione identificando puntualmente i problemi - osserva la sindaca -. Torino ha le energie per risolvere i problemi accumulati negli anni e sono certa che comprenderà anche i sacrifici che ciascuno potrà essere chiamato a fare".

15:09Sci: Fill secondo in discesa Kvitfjell

(ANSA) - KVITFJELL (NORVEGIA), 25 FEB - Vittoria sfiorata per Peter Fill nella seconda discesa libera di Coppa del mondo di sci disputata a Kvitfjell, in Norvegia. L'azzurro è infatti giunto secondo alle spalle del norvegese Kjetil Andre Jansrud dal quale è stato distanziato di soli 8 centesimi, 1'47"63 contro 1'47"71. Con questo successo Jansrud consolida il primato nella coppa di specialità proprio davanti a Fill. Sul podio anche lo svizzero Beat Feuz, terzo in 1'47"77. Il vincitore della discesa di ieri, lo sloveno Bastjan Kline, è settimo con un ritardo di 56 centesimi dal vincitore. Per l'Italia c'è anche il nono posto di Dominik Paris in 1'48"35. Domani è in programma un superG.

Archivio Ultima ora