Argentina: donne in “sciopero” contro il femminicidio

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da ansa

Argentina: donne in "sciopero" contro il femminicidio

Argentina: donne in “sciopero” contro il femminicidio

BUENOS AIRES. – Migliaia di donne argentine, vestite completamente di nero, hanno incrociato le braccia per un’ora, nella prima delle manifestazioni previste per la giornata di protesta contro il femminicidio coordinata dall’associazione “Ni Una Menos” (Nemmeno una meno). Molte delle donne venute a lavorare nel centro di Buenos Aires indossavano i colori del lutto per ricordare tutte le vittime dell’omicidio al femminile, un fenomeno sociale che non si è riuscito finora a ridurre, malgrado l’importante mobilitazione sociale.

Alle 13 (le 18 in Italia) migliaia di donne sono uscite da uffici e negozi del centro e dalle strade hanno applaudito, in segno di solidarietà con la protesta. Amministrazioni pubbliche ed uffici privati, non c’era alcuna differenza: una marea femminile in nero ha fatto sentire la sua voce.

Malgrado la pioggia che cade da ieri sulla capitale argentina, le responsabili di Ni Una Menos sperano di riunire almeno qualche decina di migliaio di manifestanti alle 17 (le 22 in Italia) per una concentrazione intorno all’obelisco che segna il centro della città, che diventerà poi un corteo verso la Plaza de Mayo, dove si trova la Casa Rosada, sede della presidenza del paese.

La protesta ha ottenuto un riconoscimento inatteso, quello della presidente cilena, Michelle Bachelet, che dalla sua pagina di Twitter si è associata all’iniziativa, con un messaggio nel quale dedicava la giornata a una bambina di 10 anni uccisa dal patrigno nel suo paese, Florencia Aguirre, e alla 16enne stuprata ed uccisa a Mar del Plata, sulla costa argentina, Lucia Perez.

Le statistiche ufficiali indicano che dal 2008 c’è stato un aumento del 78% dei femminicidi, ma secondo gli specialisti questa cifra indica soprattutto che omicidi che prima non erano denunciati ora arrivano a conoscenza della giustizia penale.

Quello che preoccupa le associazioni femministe è che le statistiche non registrano alcuna riduzione dei casi di violenza estrema contro le donne, che si aggirano da tre anni intorno ai 270 casi l’anno: nel 2016 sono già 226. Una serie di crimini particolarmente orribili che si sono succeduti durante questo mese – 19 casi negli ultimi 18 giorni, uno ogni 23 ore – hanno però scosso l’opinione pubblica e preoccupato settori femminili finora indifferenti, nonché un numero importante di uomini che vogliono respingere la cultura maschilista che rende possibile il femminicidio.

Ultima ora

05:44Trump, presto grande decisione su accordo clima

(ANSA) - NEW YORK, 30 APR - "Presto sull'accordo di Parigi sul clima negoziato da Barack Obama prenderò una grande decisione": lo ha detto Donald Trump, a proposito dell'incontro tra i consiglieri del presidente americano previsto per martedì prossimo, per discutere l'eventuale ritiro degli Usa dall'intesa siglata in seno alle Nazioni Unite.

00:50Pugilato:spettacolo a Wembley,Joshua batte Klitschko per ko

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Doveva essere un match spettacolo per rilanciare la boxe mondiale e così è stato tra atterramenti, sangue, sudore e provocazioni. In uno stadio di Wembley con un tutto esaurito da 90.000 spettatori, a prevalere tra l'idolo di casa Anthony Joshua e l'ex campione del mondo ucraino Wladimir Klitschko è l'inglese che parte bene per farsi riprendere nel bel mezzo del match e poi trionfare nel finale per ko tecnico. Klitschko va al tappeto per la prima volta all'inizio del quinto round, ma poi si 'riparte' bene mandando giù il suo avversario nella ripresa successiva e riportando il match in equilibrio. E quando l'incontro sembrava avviarsi alla conclusione rimettendosi alla decisione dei giudici ecco il colpo di scena: alla 11/a ripresa Joshua si scatena mandando al tappeto per due volte Klitschko costringendo l'arbitro a chiudere l'incontro per ko tecnico per la gioia del pubblico di Wembley. A Joshua la riunificazione delle cinture dei pesi massimi (Wba e Ibf)

23:28Calcio: Liga, Barca vince derby e risponde al Real Madrid

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Il Barcellona vince il derby con l'Espanyol riportandosi in testa alla Liga in coabitazione con il Real Madrid che nel pomeriggio aveva battuto di misura il Valencia. A dare la vittoria 3-0 ai blaugrana, i gol di Suarez (5' e 42' st) e Rakitic (31' st). In testa al massimo campionato spagnolo Barcellona e Real Madrid si trovano a quota 81 punti, ma le merengues devono ancora recuperare la partita di Vigo contro il Celta.

23:15Calcio: Torino-Sampdoria 1-1

(ANSA) - TORINO, 29 APR - Torino-Sampdoria 1-1 (0-1) nell'anticipo della 34/a giornata del campionato di Serie A. Al gol di Schick nel primo tempo (12') risponde l'ex romanista Iturbe al 33' della ripresa.

22:51Pallavolo: Champions, Perugia in finale con Zenit Kazan

(ANSA) - ROMA, 29 APR - La Sir Safety Conad Perugia ha conquistato la finale della Champions League 2017 di volley maschile battendo la Lube Civitanova nell'attesissimo derby italiano al PalaLottomatica di Roma davanti a 10mila spettatori. La squadra di Ivan Zaytsev ha vinto 3-2 al tie-break (25-19; 22-25; 25-19; 21-25; 15-9) e nella finalissima della massima competizione europea di volley con i russi dello Zenit Kazan. (

22:35Usa: clima, 300 cortei contro Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 29 APR - ''Con l'aumento dei livelli del mare Mar-a-Lago diventerà Mar-a-long gone'': è lo striscione esibito dalla sedicenne Olivia Springberg, con Trump e il suo staff raffigurati mentre rischiano di annegare tra le palme della residenza del presidente in Florida. E' uno dei tanti cartelloni esibiti dalle decine di migliaia di persone, tra cui l'attore Leonardo di Caprio, che oggi hanno invaso Washington con una marcia per il clima, per protestare contro le politiche ambientali di Trump in coincidenza con i primi cento giorni della sua amministrazione. Un periodo breve ma nel quale il tycoon ha già indicato chiaramente la politica di deregulation che intende seguire, cancellando l'eredità 'verde' di Barack Obama: sblocco degli oleodotti, nuove licenze per le miniere, revoca delle restrizioni sulle emissioni dei gas serra e per le trivellazioni nell'Artico, in attesa di decidere prima del G7 italiano se confermare o abbandonare l'accordo di Parigi sul clima. La marcia si tiene in altre 300 città Usa.

21:39Calcio: Bonucci a Toro-Samp con figlio in maglia granata

(ANSA) - TORINO, 29 APR - C'è Leonardo Bonucci tra gli spettatori di Torino-Sampdoria con in braccio il figlio Lorenzo che indossa la maglia di Belotti. Il centrale difensivo della Juventus, a una settimana dal derby, ha accompagnato il piccolo, tifoso granata, ad ammirare il suo giocatore preferito, il 'Gallo', prossimo avversario diretto del padre nella stracittadina di sabato 6 maggio. Bonucci ha scelto così di unire l'utile al dilettevole: seguire dal vivo il Toro e il bomber granata facendo allo stesso tempo la felicità del figlio.

Archivio Ultima ora