Renzi torna con la spinta di Obama, crescita contro populismi

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da ansa

President Barack Obama and Italian Prime Minister Matteo Renzi leave after their joint news conference in the Rose Garden of the White House in Washington, Tuesday, Oct. 18, 2016. (ANSA/AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)

President Barack Obama and Italian Prime Minister Matteo Renzi leave after their joint news conference in the Rose Garden of the White House in Washington, Tuesday, Oct. 18, 2016. (ANSA/AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)

WASHINGTON. – Matteo Renzi rientra in Italia pronto ad incrociare il fioretto con l’Ue e forte di un risultato “incredibile”: gli onori di Barack Obama per celebrare un “rapporto mai così stretto” tra Italia e Usa e l’eredità di un presidente Usa che spinge sulla crescita come arma contro il populismo. Nel colloquio nello studio ovale e poi nello State dinner, il premier italiano ha trovato conferma di una “convergenza personale” e di un’agenda comune che non considera mirati ad uno spot di Obama in vista del referendum. D’altra parte, è il ragionamento di Palazzo Chigi, il sì degli americani alle riforme è ovvio come per il premier dovrebbe esserlo anche in Italia.

Ridurre l’ultima visita di Stato concessa da Obama ad un endorsement al governo in vista del 4 dicembre è secondo il premier un errore. Come non è vero, smentiscono fonti italiane, che il presidente Usa abbia omaggiato, con tanto di cena finale nel prato della Casa Bianca, l’Italia per chiedere un maggior impegno in Libia. Il referendum, a quanto si apprende, non è stato il piatto forte del colloquio di circa due ore.

“Abbiamo fatto una lunga discussione sull’Ue – racconta Renzi – sulla necessità del coraggio contro la paura, della crescita contro l’austerity. Sul fatto che i populismi si alimentano nella crisi della crescita c’è totale sintonia così come sull’approccio ai migranti mentre in Ue aprono la bocca ma non le porte”.

Neanche la tempistica della visita di Stato, chiariscono fonti di governo, è stata decisa in vista del referendum. L’invito di Obama, “amante dell’Italia come la moglie Michelle”, è arrivato a Renzi durante una pausa del G7 in Giappone prima che la battaglia sul referendum entrasse nel vivo. “Io e Michelle, prima di andare via, vogliamo fare una grande cosa insieme a te”, sarebbe stato l’invito arrivato dal leader americano.

D’altra parte, gli americani considerano “ovvio, scontato” dire sì a riforme che nell’obiettivo del governo riducono i costi della politica e l’instabilità degli esecutivi. In quest’ottica, sostengono ambienti di governo, si spiega anche il fatto che Obama abbia consigliato a Renzi di rimanere anche in caso di sconfitta. Gli Usa tifano per la stabilità politica: vale per Obama e vale, in caso di vittoria, per Hillary Clinton.

Oggi il premier ha pranzato con Neera Tanden, del think tank di John Potesta, capo della campagna della Clinton. Ma in realtà, dicono fonti vicine a Renzi, i contatti diretti con la candidata dem risalgono alle primarie. Ma è il successo della missione Usa e la consapevolezza che “l’Italia è un paese affidabile, non più un problema da qualche anno”, a incoraggiare Renzi ad andare avanti nella sua strategia.

Domani, se ci sarà occasione, ma sicuramente nelle prossime settimane il premier non ha intenzione di abbassare la testa in Ue anche in caso di arrivo di una lettera della commissione sulla manovra, data per scontata come “la caduta delle foglie in autunno”.

Per Renzi il deficit del 2,3 per cento “è il più basso degli ultimi 10 anni” e le regole sono state rispettate. “Su cosa l’Ue ci può dire di no? – ragiona il premier – Sulla scuola di Amatrice, sull’ immigrazione… Me lo scrivano, mi mandino due righe del portavoce anonimo’ e io ti dico: apri la procedura di infrazione sui paesi che non fanno la relocation, io ancora aspetto, come dice Alfano, la procedura di ringraziamento per essermi attivato sugli hotspot”.

(dell’inviata Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

12:18Basket: Nba, cadono i Clippers,

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Solo quattro gare nella notte Nba. Un grande protagonista, Russell Westbrook, che con i suoi 28 punti e una lunga serie di triple doppie ha portato gli Oklahoma City Thunder alla vittoria contro i New Orleans Pelicans con il risultato di 101-92. Battuta d'arresto per i Los Angeles Clippers, fermati in casa dagli Indiana Pacers per 111-102. Nelle altre due gare si segnala il successo, l'ottavo stagionale, dei New York Knicks con un grande Carmelo Anthony in campo, sui Sacramento Kings 106-98 e vittoria in trasferta degli Orlando Magic sui Detroit Pistons per 98-92.

12:06Turchia: protestarono a Gezi Park, 26 accusati di terrorismo

(ANSAmed) - ISTANBUL, 5 DIC - La procura di Ankara ha chiesto il rinvio a giudizio per 26 persone, accusate di "far parte di un'organizzazione terroristica armata" per la loro partecipazione alle proteste di Gezi Park del 2013. Nell'atto d'accusa, riferisce Hurriyet, si fa riferimento alle "violenze commesse dai manifestanti" contro persone e cose. Tra le 9 organizzazioni citate, la maggior parte dei sospetti è ritenuta affiliata al gruppo di estrema sinistra Dhkp/c, ritenuto responsabile di diversi attentati in Turchia.

11:57Referendum, Boccia, congresso Pd si tenga a Gennaio

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Renzi "deve seguire l'esempio di Bersani. Non ha più senso mantenere in vita un gruppo dirigente del genere. Bisogna andare al Congresso del Pd già a gennaio 2017 con Renzi dimissionario": lo dice il presidente della commissione Bilancio della Camera Francesco Boccia (Pd) ad Agorà. "Ora - sostiene Boccia - si deve aprire il congresso, e Renzi se si vuole ricandidare lo deve fare da semplice iscritto al Pd. Se si chiude un ciclo si lascia il Partito libero di fare un confronto. Auspico martedì da Renzi un discorso in linea con quello da lui tenuto questa notte".

11:56Referendum: Boschi, ora a lavoro per servire Istituzioni

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - "Peccato. Avevamo immaginato un altro risveglio: istituzioni più semplici in Italia, paese più forte in Europa. Non è andata cosi. Ha vinto il no, punto. Adesso al lavoro per servire le Istituzioni. Mettiamo al sicuro questa legge di bilancio. Poi pubblicheremo il rendiconto delle tante cose fatte da questo Governo. A tutti i comitati, a tutti gli amici e le amiche che ci hanno dato una mano, grazie. Decideremo insieme come ripartire, smaltita la delusione. Un abbraccio". Lo scrive sul suo profilo di Facebook la ministra per le Riforme, Maria Elena Boschi.

11:54Referendum: a Milano vince il sì, in Lombardia prevale il No

(ANSA) - MILANO, 5 DIC - Il Sì vince a Milano e perde in Lombardia: questo quanto emerge dai dati definitivi del voto sul referendum costituzionale. Milano ha infatti votato in controtendenza rispetto al dato nazionale attribuendo al Sì 343.637 voti pari al 51,1% e 328.440 al No (48,9%). I risultati definitivi in Lombardia hanno invece registrato una prevalenza di No, pari al 55,5%. I Sì sono rimasti fermi al 44,5%.I votanti sono stati 5.552.510, pari al 74,22% degli aventi diritto. Il Sì vince anche a Mantova, Monza, Bergamo ma va sotto negli asltri capoluoghi lombardi.

11:40Usa: vittoria Sioux, bloccato oleodotto

(ANSA) - NEW YORK, 4 DIC - Vittoria per i Sioux. Il genio militare americano ha bocciato l'attuale percorso previsto per l'oleodotto in Nord Dakota, contro cui da mesi i nativi americani si stanno battendo. Proprio in seguito alle proteste il progetto era stato fermato dall'amministrazione Obama per permettere allo Us Army Corps of Engineers di esprimersi. I nativi hanno sempre sostenuto che l'oleodotto e' un enorme rischio per l'ambiente e per le falde acquifere dei loro territori.

11:38Bullismo: 16enne denuncia, aggredito e minacciato di morte

(ANSA) - TORINO, 5 DIC - Atti di bullismo ai danni di un ragazzino di sedici anni all'istituto Olivetti di Ivrea. La segnalazione arriva dalla famiglia del giovane che ha sporto denuncia agli agenti del commissariato eporediese. Secondo quanto ha raccontato il sedicenne, un gruppo di ragazzi della scuola lo avrebbe aggredito e minacciato di morte. Il sedicenne sarebbe stato colpito al collo e al basso ventre in cortile, davanti ad altri compagni: nessuno, però, sarebbe intervenuto in sua difesa. Secondo gli accertamenti della polizia non sarebbe nemmeno il primo episodio di cui il giovane è rimasto vittima. Tra questi anche il furto del portafoglio un mese fa.(ANSA).

Archivio Ultima ora