Renzi torna con la spinta di Obama, crescita contro populismi

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da ansa

President Barack Obama and Italian Prime Minister Matteo Renzi leave after their joint news conference in the Rose Garden of the White House in Washington, Tuesday, Oct. 18, 2016. (ANSA/AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)

President Barack Obama and Italian Prime Minister Matteo Renzi leave after their joint news conference in the Rose Garden of the White House in Washington, Tuesday, Oct. 18, 2016. (ANSA/AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)

WASHINGTON. – Matteo Renzi rientra in Italia pronto ad incrociare il fioretto con l’Ue e forte di un risultato “incredibile”: gli onori di Barack Obama per celebrare un “rapporto mai così stretto” tra Italia e Usa e l’eredità di un presidente Usa che spinge sulla crescita come arma contro il populismo. Nel colloquio nello studio ovale e poi nello State dinner, il premier italiano ha trovato conferma di una “convergenza personale” e di un’agenda comune che non considera mirati ad uno spot di Obama in vista del referendum. D’altra parte, è il ragionamento di Palazzo Chigi, il sì degli americani alle riforme è ovvio come per il premier dovrebbe esserlo anche in Italia.

Ridurre l’ultima visita di Stato concessa da Obama ad un endorsement al governo in vista del 4 dicembre è secondo il premier un errore. Come non è vero, smentiscono fonti italiane, che il presidente Usa abbia omaggiato, con tanto di cena finale nel prato della Casa Bianca, l’Italia per chiedere un maggior impegno in Libia. Il referendum, a quanto si apprende, non è stato il piatto forte del colloquio di circa due ore.

“Abbiamo fatto una lunga discussione sull’Ue – racconta Renzi – sulla necessità del coraggio contro la paura, della crescita contro l’austerity. Sul fatto che i populismi si alimentano nella crisi della crescita c’è totale sintonia così come sull’approccio ai migranti mentre in Ue aprono la bocca ma non le porte”.

Neanche la tempistica della visita di Stato, chiariscono fonti di governo, è stata decisa in vista del referendum. L’invito di Obama, “amante dell’Italia come la moglie Michelle”, è arrivato a Renzi durante una pausa del G7 in Giappone prima che la battaglia sul referendum entrasse nel vivo. “Io e Michelle, prima di andare via, vogliamo fare una grande cosa insieme a te”, sarebbe stato l’invito arrivato dal leader americano.

D’altra parte, gli americani considerano “ovvio, scontato” dire sì a riforme che nell’obiettivo del governo riducono i costi della politica e l’instabilità degli esecutivi. In quest’ottica, sostengono ambienti di governo, si spiega anche il fatto che Obama abbia consigliato a Renzi di rimanere anche in caso di sconfitta. Gli Usa tifano per la stabilità politica: vale per Obama e vale, in caso di vittoria, per Hillary Clinton.

Oggi il premier ha pranzato con Neera Tanden, del think tank di John Potesta, capo della campagna della Clinton. Ma in realtà, dicono fonti vicine a Renzi, i contatti diretti con la candidata dem risalgono alle primarie. Ma è il successo della missione Usa e la consapevolezza che “l’Italia è un paese affidabile, non più un problema da qualche anno”, a incoraggiare Renzi ad andare avanti nella sua strategia.

Domani, se ci sarà occasione, ma sicuramente nelle prossime settimane il premier non ha intenzione di abbassare la testa in Ue anche in caso di arrivo di una lettera della commissione sulla manovra, data per scontata come “la caduta delle foglie in autunno”.

Per Renzi il deficit del 2,3 per cento “è il più basso degli ultimi 10 anni” e le regole sono state rispettate. “Su cosa l’Ue ci può dire di no? – ragiona il premier – Sulla scuola di Amatrice, sull’ immigrazione… Me lo scrivano, mi mandino due righe del portavoce anonimo’ e io ti dico: apri la procedura di infrazione sui paesi che non fanno la relocation, io ancora aspetto, come dice Alfano, la procedura di ringraziamento per essermi attivato sugli hotspot”.

(dell’inviata Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

10:37Libano: stato di allerta esercito a confine Israele

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Il capo delle Forze armate libanesi, generale Joseph Aoun, ha disposto il "pieno stato di allerta" dei militari lungo il confine orientale per "fronteggiare le minacce del nemico Israele e delle sue violazioni". Lo annuncia l'esercito su Twitter. Aoun ha chiesto ai soldati di "vigilare" per la "corretta implementazione" della risoluzione 1701 dell'Onu e di "garantire la stabilità" al confine con Israele.

10:08Usa: migranti,nuovo no giudice a stop fondi città-santuario

(ANSA) - SAN FRANCISCO, 21 NOV - Nuova battuta d'arresto per Donald Trump nella sua battaglia per tagliare fondi alle 'citta' santuario', quelle che non collaborano con gli uffici per il controllo dell'immigrazione. Un giudice distrettuale di San Francisco, William Orrick, ha rigettato l'argomentazione dell'amministrazione secondo la quale l'ordine esecutivo si applica solo a una somma di denaro relativamente piccola, e ha stabilito che il presidente non puo' imporre nuove condizioni sulle spese approvate dal Congresso. Il giudice aveva in precedenza argomentato allo stesso modo in una sentenza che aveva sospeso in via solo temporanea l'ordine esecutivo che colpisce le citta'-santuario. L'amministrazione Trump si era appellata contro quella decisione alla nona Corte d'Appello. La sentenza di Orrick era arrivata nella cause proposte da due contee della California, San Francisco e Santa Clara. Il procuratore di San Francisco ha commentato che la sentenza e' ''una vittoria per il popolo americano e per le norme di legge''.

10:00Zimbabwe: vicepresidente a Mugabe, dimettiti

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Il vicepresidente dimissionato dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, intima a Robert Mugabe di dimettersi in un comunicato reso noto dalla Cnn. "Mugabe ha sempre detto che se il popolo lo avesse voluto avrebbe lasciato l'incarico. Ora che la gente ha parlato deve accettare la volontà del popolo e dimettersi", ha detto Mnangagwa, sottolineando che non tornerà nel Paese fin quando "non verrà garantita" la sua sicurezza.

09:04Putin incontra Assad

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - La "lotta al terrorismo in Siria è prossima alla fine": così il presidente russo Vladimir Putin incontrando ieri a Sochi Bashar al Assad. Lo riferisce Russia Today. Nel corso dell'incontro a sorpresa, il leader del Cremlino ha auspicato che il processo politico in Siria sia "sotto l'egida dell'Onu" auspicando che le Nazioni Unite abbiano "parte attiva". Assad ha sottolineato che Damasco accoglie con favore "coloro realmente interessati a una soluzione politica in Siria, con i quali siamo pronti al dialogo".

04:57Usa:stop Trump a piano residenza temporanea 60.000 haitiani

NEW YORK - L'amministrazione Trump mette fine al programma di residenza temporanea concesso a 60.000 haitiani dopo il terremoto. Lo stop entrera' in vigore nel luglio del 2019 alla luce del fatto che Haiti - spiega l'amministrazione - ha compiuto significativi progressi dal terremoto del 2010.

04:50Kosovo: ballottaggi municipali, Pristina a nazionalisti

PRISTINA - Sara' con ogni probabilita' Shpend Ahmeti, rappresentante del movimento nazionalista 'Autodeterminazione', il nuovo sindaco di Pristina, la capitale del Kosovo che e' stata una delle 19 citta' dove domenica si e' votato per i ballottaggi delle municipali. Lo ha reso noto la commissione elettorale, che ha diffuso i dati ancora preliminari del secondo turno delle amministrative. I risultati definitivi si avranno solo dopo l'arrivo per posta delle schede dall'estero e il conteggio di quelle relative a elettori autorizzati a votare in Comuni diversi da quello di residenza.

04:47Argentina: rumore rilevato non di sommergibile, Marina

BUENOS AIRES - Il rumore rilevato nella zona dell'Atlantico sud dove si svolgono le ricerche del sottomarino San Juan disperso ''non corrisponde a quello di un sommergibile''. Lo ha reso noto il portavoce della marina argentina, Enrique Balbi.

Archivio Ultima ora