Renzi torna con la spinta di Obama, crescita contro populismi

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da ansa

President Barack Obama and Italian Prime Minister Matteo Renzi leave after their joint news conference in the Rose Garden of the White House in Washington, Tuesday, Oct. 18, 2016. (ANSA/AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)

President Barack Obama and Italian Prime Minister Matteo Renzi leave after their joint news conference in the Rose Garden of the White House in Washington, Tuesday, Oct. 18, 2016. (ANSA/AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)

WASHINGTON. – Matteo Renzi rientra in Italia pronto ad incrociare il fioretto con l’Ue e forte di un risultato “incredibile”: gli onori di Barack Obama per celebrare un “rapporto mai così stretto” tra Italia e Usa e l’eredità di un presidente Usa che spinge sulla crescita come arma contro il populismo. Nel colloquio nello studio ovale e poi nello State dinner, il premier italiano ha trovato conferma di una “convergenza personale” e di un’agenda comune che non considera mirati ad uno spot di Obama in vista del referendum. D’altra parte, è il ragionamento di Palazzo Chigi, il sì degli americani alle riforme è ovvio come per il premier dovrebbe esserlo anche in Italia.

Ridurre l’ultima visita di Stato concessa da Obama ad un endorsement al governo in vista del 4 dicembre è secondo il premier un errore. Come non è vero, smentiscono fonti italiane, che il presidente Usa abbia omaggiato, con tanto di cena finale nel prato della Casa Bianca, l’Italia per chiedere un maggior impegno in Libia. Il referendum, a quanto si apprende, non è stato il piatto forte del colloquio di circa due ore.

“Abbiamo fatto una lunga discussione sull’Ue – racconta Renzi – sulla necessità del coraggio contro la paura, della crescita contro l’austerity. Sul fatto che i populismi si alimentano nella crisi della crescita c’è totale sintonia così come sull’approccio ai migranti mentre in Ue aprono la bocca ma non le porte”.

Neanche la tempistica della visita di Stato, chiariscono fonti di governo, è stata decisa in vista del referendum. L’invito di Obama, “amante dell’Italia come la moglie Michelle”, è arrivato a Renzi durante una pausa del G7 in Giappone prima che la battaglia sul referendum entrasse nel vivo. “Io e Michelle, prima di andare via, vogliamo fare una grande cosa insieme a te”, sarebbe stato l’invito arrivato dal leader americano.

D’altra parte, gli americani considerano “ovvio, scontato” dire sì a riforme che nell’obiettivo del governo riducono i costi della politica e l’instabilità degli esecutivi. In quest’ottica, sostengono ambienti di governo, si spiega anche il fatto che Obama abbia consigliato a Renzi di rimanere anche in caso di sconfitta. Gli Usa tifano per la stabilità politica: vale per Obama e vale, in caso di vittoria, per Hillary Clinton.

Oggi il premier ha pranzato con Neera Tanden, del think tank di John Potesta, capo della campagna della Clinton. Ma in realtà, dicono fonti vicine a Renzi, i contatti diretti con la candidata dem risalgono alle primarie. Ma è il successo della missione Usa e la consapevolezza che “l’Italia è un paese affidabile, non più un problema da qualche anno”, a incoraggiare Renzi ad andare avanti nella sua strategia.

Domani, se ci sarà occasione, ma sicuramente nelle prossime settimane il premier non ha intenzione di abbassare la testa in Ue anche in caso di arrivo di una lettera della commissione sulla manovra, data per scontata come “la caduta delle foglie in autunno”.

Per Renzi il deficit del 2,3 per cento “è il più basso degli ultimi 10 anni” e le regole sono state rispettate. “Su cosa l’Ue ci può dire di no? – ragiona il premier – Sulla scuola di Amatrice, sull’ immigrazione… Me lo scrivano, mi mandino due righe del portavoce anonimo’ e io ti dico: apri la procedura di infrazione sui paesi che non fanno la relocation, io ancora aspetto, come dice Alfano, la procedura di ringraziamento per essermi attivato sugli hotspot”.

(dell’inviata Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

06:52Venezuela, elicottero attacca sede ministero a Caracas

(ANSA) - CARACAS, 28 GIU - Un elicottero della polizia ha attaccato le sedi del Ministero dell'Interno della Corte suprema a Caracas, sparando e lanciando due granate. L'agente responsabile del gesto ha anche pubblicato sui social un video-manifesto in cui chiama all'unione tra militari e popolo contro Maduro. Secondo il presidente, il poliziotto sarebbe collegato all'ex governo Chavez. La capitale venezuelana è stata blindata con un massiccio dispiegamento di forze di sicurezza. Il governo parla di "attacco terrorista".

00:17Europei U21: Calabria, in partita fino all’espulsione

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Tutti noi abbiamo disputato una grande partita, ma la Spagna è forte. Abbiamo gicoato alla pari fino all'espulsione di Gagliardini, in 10 contro 11 si è fatta sentire la fatica e loro hanno avuto il sopravvento. Tuttavia, usciamo a testa alta da questo torneo". Così Davide Calabria, in campo per la squalifica di Conti, parlando ai microfoni della Rai, commenta il ko contro gli spagnoli, nella semifinale dell'Europeo Under 21, a Cracovia. "Potevamo andare in finale, l'avremmo meritato - conclude - nella nostra squadra ci sono buoni giocatori. Il mercato? Nessuno di noi ci ha pensato". (ANSA).

23:54Cosentino: giudici in motivazioni Eco4, patto con il clan

(ANSA) - CASERTA, 27 GIU - "Convergenti elementi di prova indicano attendibilmente che Nicola Cosentino, sin dall'inizio della sua carriera politica, ha goduto del sostegno elettorale del clan dei Casalesi, segnatamente del gruppo Bidognetti sin dalle elezioni comunali del 1978 e anche del gruppo Schiavone a partire dalle elezioni regionali del 1995". Così i giudici del collegio del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ricostruiscono la "carriera politica" dell'ex sottosegretario all'Economia del Governo Berlusconi, in uno dei passaggi chiave delle motivazioni (di 597 pagine) della sentenza di condanna a 9 anni di carcere emessa il 17 novembre scorso, e depositate qualche giorno fa. Si tratta del processo cosiddetto Eco4, in cui la Dda di Napoli ha contestato all'ex politico di Casal di Principe il ruolo di "referente politico nazionale del clan dei Casalesi"; un "teorema confermato" dalla condanna per concorso esterno in associazione camorristica. L'ex uomo forte del Pdl in Campania è agli arresti domiciliari a Caserta.

23:44Morto Luigi Pedrazzi, fu tra i fondatori del Mulino

(ANSA) - BOLOGNA, 27 GIU - E' morto Luigi Pedrazzi, politologo, tra i fondatori della rivista Il Mulino. Aveva 89 anni. Tra le voci più influenti del pensiero politico cattolico di centrosinistra, è stato anche protagonista della stagione dell'Ulivo. Ex vicesindaco a Bologna durante l'amministrazione di Walter Vitali, nel 2014 ricevette l'Archiginnasio d'oro conferito dal Comune come "personalità che si è distinta nel campo della cultura e della scienza". (ANSA).

23:35Europei U21: Di Biagio,dopo 4 anni di azzurro zero rimpianti

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Abbiamo disputato un buonissimo primo tempo, certo che ha influito il cartellino rosso a Gagliardini, a quel punto è diventato tutto più complicato. Loro palleggiano bene in 11 contro 11, figuriamoci con l'uomo in più. E' stato tutto più semplice per loro, hanno avuto a quel punto il predominio del campo". Così Gigi Di Biagio ha commentato la sconfitta dell'Italia contro la Spagna, nella semifinale degli Europei Under 21, in Polonia. "I ragazzi sono stati fantastici - ha aggiunto - in me c'era la consapevolezza di poter arrivare in fondo. Il mio contratto? E' l'ultimo dei problemi. Vedremo. Non ho rimpianti, l'obiettivo era di rilanciare il calcio italiano, ci siamo riusciti, anche se è mancata la ciliegina sulla torta".

23:30Europei U21: Italia-Spagna 1-3, azzurrini eliminati

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Spagna batte l'Italia 3-1 e si qualifica per la finale dell'Europeo Under 21, in Polonia. Ha deciso una tripletta di Saul Niguez, dopo che Bernardeschi aveva firmato il momentaneo 1-1. Ma ha deciso soprattutto l'espulsione di Gagliardini, per somma di ammonizioni. Gli spagnoli venerdì se la vedranno contro la Germania, per il titolo continentale di categoria.

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

Archivio Ultima ora