Stati Generali della Lingua Italiana, i suggerimenti di Silvana Mangione

Pubblicato il 20 ottobre 2016 da redazione

Stati Generali della Lingua Italiana, i suggerimenti di Silvana Mangione

Stati Generali della Lingua Italiana, i suggerimenti di Silvana Mangione

FIRENZE – Da New York a Firenze: Silvana Mangione è intervenuta agli Stati Generali della Lingua Italiana da vice segretario generale del CGIE per i Paesi anglofoni, sintetizzando in sei rapide notazioni i suoi suggerimenti in materia di insegnamento della lingua e diffusione della cultura italiana.

1. Iniziare l’insegnamento dell’italiano fin dalla scuola materna, anche avvalendosi dell’ottima reputazione di cui godono il metodo montessoriano e i nostri asili di Reggio Emilia, famosi e osannati negli Stati Uniti e in molti altri Paesi, proseguendo i corsi fino all’ultimo anno delle scuole medie superiori, per preparare un pubblico di potenziali iscritti alle Facoltà di italianistica e di lingua e letteratura italiana nelle Università estere, pena l’estinzione dei programmi universitari esistenti;

2. Tenere nel massimo conto le specificità dei sistemi scolastici dei diversi Paesi in cui promuoviamo la diffusione della lingua e della cultura italiana, per inserire i corsi nelle locali scuole dell’obbligo, e rispettare le specificità territoriali, che comprendono differenze culturali, sensibilità di comportamento, rispetto delle tradizioni di vita e differenti sistemi politici. Cercare dunque di non imporre un modello unico di attuazione dell’insegnamento in tutto il mondo, ma adottare quelli più adatti ad ogni specifica realtà;

3. Sfruttare tutte le possibilità offerte dall’e-learning, prima di tutto, ma non solo, nei Paesi di grande estensione territoriale. Faccio un esempio pratico: voi tutti sapete che negli Stati Uniti esiste l’Advanced Placement Program, in base al quale se uno studente dell’ultimo anno della High School supera un esame, può tesaurizzare un certo numero di crediti gratuiti da portare all’Università. Bene, il 15% del totale degli esami di AP Italian nel 2015 è stato preparato con il corso di AP online, predisposto da ICoN e approvato dal College Board, che amministra l’esame. ICoN è il Consorzio di 18 Università italiane, dedito all’e-learning, che opera in Convenzione con il MAECI. Il numero di esaminandi è cresciuto dell’8% nel 2016, e stiamo calcolando i dati relativi all’apporto dei corsi online e degli Osservatori Locali e Nazionale presso i Consolati e l’Ambasciata, che andrebbero istituiti e codificati ovunque;

4. Valorizzare e sostenere il lavoro insostituibile degli enti gestori, radicati nel territorio, in sintonia con le necessità, le abitudini e le autorità scolastiche locali. A questo proposito noi chiediamo che gli enti gestori vengano nominati e facciamo parte integrante del Decreto legislativo sul Sistema delle Scuole italiane all’estero, tenendo in considerazione che, per esempio, nel Continente nordamericano c’è soltanto una Scuola bilingue e biculturale, la Scuola d’Italia Guglielmo Marconi di New York cui si sono affiancata una seconda scuola appena aperta a Chicago e altri esperimenti di realtà scolastiche che usano l’italiano come lingua veicolare in Westchester County e a Brooklyn. Senza la presenza diffusa degli enti gestori, la crescita dell’insegnamento e dell’inserimento dell’italiano nei programmi curricolari finirebbe per cessare;

5. Valorizzare la conoscenza del tessuto della società civile e delle comunità, e avvalersi dei contatti con le autorità locali, offerti dalle rappresentanze democraticamente elette dagli italiani all’estero: i Comites e il CGIE, sancendo la loro partecipazione all’elaborazione dei Piani Paese, che vanno ripristinati per legge;

6. Infine, è assolutamente necessario che si proceda all’aggiornamento e la razionalizzazione degli strumenti, dei moduli e dell’intero sistema di rilevazione del numero di corsi e di studenti di italiano nel mondo, ad ogni livello scolastico e universitario, includendo gli allievi delle scuole private di lingue straniere.

Ultima ora

12:48Migranti: assessore Turismo, no accoglienza in comuni Unesco

(ANSA) - CATANIA, 18 AGO - Una delle "emergenze che danneggia le nostre eccellenze è l'immigrazione. Non sono razzista e sono per l' accoglienza, ma con alcuni limiti di buon senso. Uno di questi: non distribuire i profughi nei comuni turistici. Non si possono fare Sprar con decine di migranti a Taormina, a Bronte o nel patrimonio Unesco. I migranti vanno distribuiti altrove. Perciò chiedo ai nostri solerti prefetti di esentare dall'obbligo di accoglienza i sindaci dei comuni turistici siciliani". Lo afferma l'assessore regionale al Turismo, Anthony Barbagallo, in un'intervista a La Sicilia. "La deroga - aggiunge - riguarderebbe circa una cinquantina di Comuni: tutti quelli sedi di siti Unesco, più quelli a evidente vocazione turistica. Non è difficile, secondo me si può fare. Sin da subito". Tra le altre emergenze che danneggiano il turismo nell'Isola, l'assessore ha citato "i pesantissimi danni d' immagine" causati dai "rifiuti, per i quali, oltre ai controlli, urge una rivoluzione culturale" e "quest'anno dagli incendi".

12:36Barcellona: arbitri e Figc, 1′ raccoglimento a Coverciano

(ANSA) - COVERCIANO (FIRENZE), 18 AGO - Un minuto di raccoglimento per l'attentato di Barcellona è stato osservato nel Centro tecnico federale di Coverciano, dove si svolge il tradizionale incontro organizzato dall'AIA in vista dell'inizio della Serie A. Di fronte agli arbitri impegnati nell'ultimo raduno precampionato, intervengono il Presidente federale Carlo Tavecchio, il Presidente dell'Associazione arbitri Marcello Nicchi ed i rappresentanti delle Leghe e delle componenti tecniche, i responsabili di CAN A e CAN B.

12:28Uno bianca: Occhipinti in vacanza-premio in Valle d’Aosta

(ANSA) - PADOVA, 18 AGO - Marino Occhipinti, condannato all'ergastolo per uno degli omicidi dei fratelli Savi della Uno bianca e attualmente sottoposto al regime della semilibertà dal 2012, ha ottenuto dal Tribunale di sorveglianza di Padova, dove è detenuto, la possibilità di trascorrere una settimana in un albergo a quattro stelle a Breuil. Secondo quanto riporta il Gazzettino, Occhipinti sarebbe stato invitato nella località valdostana in relazione ad una iniziativa promossa da Comunione e Liberazione e dalla Cooperativa Giotto, alle cui dipendenze lavora ormai da oltre 15 anni. Occhipinti sarebbe ospite dell'albergo dove viene organizzato l'evento.

12:27Barcellona: Farnesina, 2 italiani morti e 3 feriti

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - "Ci sono due italiani tra le vittime e tre feriti". Lo afferma il capo dell'Unità di Crisi della Farnesina Stefano Verrecchia.

12:27Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - MILANO, 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta. Il sindaco ha parlato di una giovane vita spezzata in modo "assurdo". Intanto emerge che Gulotta, sulle Ramblas, ha appena fatto in tempo a mettere in salvo i figli prima di essere ucciso. A raccontarlo è stato il titolare della società di Legnano in cui Gulotta lavorava, Pino Bruno. Bruno ha parlato con la moglie di Gulotta, Martina, 28 anni, che gli ha raccontato l'accaduto: "Stavano passeggiando sulle Ramblas con i due figli, Aria, di 7 mesi, nel passeggino, e Alessandro, di 6 anni, che il padre teneva per mano. Il van è arrivato all'improvviso. Tutti d'istinto si sono chinati, come a proteggersi". Gulotta si è messo davanti ai figli, ed è stato travolto. (ANSA).

12:27Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - MILANO, 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta. Il sindaco ha parlato di una giovane vita spezzata in modo "assurdo". Intanto emerge che Gulotta, sulle Ramblas, ha appena fatto in tempo a mettere in salvo i figli prima di essere ucciso. A raccontarlo è stato il titolare della società di Legnano in cui Gulotta lavorava, Pino Bruno. Bruno ha parlato con la moglie di Gulotta, Martina, 28 anni, che gli ha raccontato l'accaduto: "Stavano passeggiando sulle Ramblas con i due figli, Aria, di 7 mesi, nel passeggino, e Alessandro, di 6 anni, che il padre teneva per mano. Il van è arrivato all'improvviso. Tutti d'istinto si sono chinati, come a proteggersi". Gulotta si è messo davanti ai figli, ed è stato travolto. (ANSA).

12:23Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - LEGNANO (MILANO), 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta.

Archivio Ultima ora