Aids, l’epidemia più studiata dell’epoca moderna

Pubblicato il 27 ottobre 2016 da ansa

La foto di Oliviero Toscani che fece epoca nella lotta contro l'Aids ------------------------------------------------------------------------------------------

La foto di Oliviero Toscani che fece epoca nella lotta contro l’Aids
——————————————————————————————

ROMA. – E’ sotto i riflettori della cronaca e sotto la lente della ricerca da più di 30 anni e continua a riservare sorprese: l’Aids è probabilmente una delle più studiate tra le epidemie recenti e negli anni ha assunto un volto completamente diverso. La malattia è tutt’altro che debellata soprattutto nel Sud del mondo, nonostante adesso esistano le cure per azzerare la trasmissione del virus Hiv da madre a figlio.

Nel mondo occidentale la grande svolta sono state le cure: hanno cambiato la storia dell’Aids, trasformandolo da malattia non curabile a malattia cronica. Il risultato importante è che il trattamento, se comincia precocemente, è in grado di abbattere drasticamente la trasmissione del virus. Il problema è che ovunque nel mondo, nel Sud come al Nord, nella maggioranza dei casi ci si accorge di essere sieropositivi al momento della diagnosi.

La storia comunque non è finita perché il virus continua a circolare e compiono nuovi nuovi focolai vicini, come sta accadendo nell’Est europeo. Per questo non bisogna abbassare la guardia e intervenire in tempo per abbattere le epidemia emergenti: è come spegnere i nuovi focolai di un grande incendio.

Uno dei problemi maggiori è l’accesso alle cure. Il Fondo globale per la lotta all’Aids, la tubercolosi e la malaria continua a garantire anche i nuovi farmaci nei Paesi in via di sviluppo, ma il costo è diventato eccessivo e, considerando l’aumento delle nuove infezioni, il problema che si pone è quello della sostenibilità a lungo termine.

Attualmente, precisa, sono in trattamento 17 milioni di persone con farmaci antiretrovirali, su un totale di circa 35 milioni di persone sieropositive nel mondo. Molto spesso, però, nei Paesi poveri i malati non riescono a mantenere l’aderenza al trattamento e c’è anche un problema di mancato monitoraggio della terapia. Molte volte quindi le cure falliscono e vari pazienti finiscono per diventare resistenti al farmaco.

Ed anche nel mondo occidentale, dove finora si sono riportate tante vittorie, l’epidemia ”cova ancora sotto la cenere. Non c’è dubbio che la malattia vada affrontata nella sua globalità. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ritiene che se si riuscirà entro il 2020 a diagnosticare il 90% dei sieropositivi, a metterne il 90% sotto trattamento e a sopprimere il virus nel 90%, il 2030 potrebbe essere l’anno delle ‘nuove infezioni zero’ e dei ‘morti zero’ per questa malattia.

Ultima ora

15:26Lazio: Inzaghi, mai più quanto successo a noi

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Grazie a quello che è successo a noi ci sarà più attenzione per tutti, vorrei che nessun collega passi quello che è accaduto a noi. Serve più attenzione, sono cose che non devono più accadere". Alla vigilia della trasferta di Bergamo contro l'Atalanta, Simone Inzaghi torna sui torti subiti in Lazio-Torino, sfida in cui l'arbitro Giacomelli con il Var ha espulso Immobile e non ha concesso un rigore ai biancocelesti, usciti poi sconfitti per 3-1. "I punti dovevano essere di più, ci sono stati tolti - ha spiegato Inzaghi - quello che ci è successo deve essere una possibilità per diventare ancora più squadra. Abbiamo fatto grandi cose, abbiamo un leggero ritardo dalle prime 4, anche per i motivi che sappiamo tutti".

15:23Sci:doppietta norvegese in Gardena, Innerhofer 5/o Paris 6/o

(ANSA) - VAL GARDENA (BOLZANO), 16 DIC - Aksel Svindal 1/o in 1.57.00 e Kjetil Jansrud 2/o in 1.57.59: la discesa della val Gardena sui 3445 m della pista Saslong si e' confermata anche quest'anno terreno di caccia favorito dai norvegesi che hanno piazzato una doppietta. Terzo l'austriaco Max Franz in 1.57.85. Prova d'orgoglio dell'Italia su una pista mai considerata troppo amica soprattutto dagli uomini jet altoatesini: Christof Innerhofer ha chiuso infatti 5/o in 1.58.14 e Dominik Paris 6/o in 1.58.16. Molto più' indietro ed arrabbiato Peter Fill che si e' lamentato per un sasso finitogli sotto gli sci.

15:14Banche: Casini, impatto Boschi su tema sarebbe irrilevante

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - "Diciamo la verità: se non fossimo in campagna elettorale l'impatto della signora Boschi e della sua famiglia sul tema che riguarda centinaia di migliaia di risparmiatori sarebbero del tutto irrilevanti, ma siamo in campagna elettorale e si fa polemica politica". Lo ha detto a margine di un incontro dei centristi per l'Europa di Bologna il presidente della Commissione sulle banche Pier Ferdinando Casini."Mi scandalizzo? Sono troppo anziano per scandalizzarmi - risponde - però questo non riguarda la commissione banche...".

15:10Donna vegliata da figlio: autopsia esclude omicidio

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - Esclusa l'ipotesi di omicidio per la morte di Giovanna Pedori, la donna di 78 anni morta e vegliata per una settimana nel letto di casa dal figlio di 47 anni. L'esame autoptico svolto dal medico legale Marco Salvi ha accertato che la donna non è stata uccisa: sul suo corpo non sono state trovate contusioni o ferite compatibili con l'ipotesi dell'aggressione da parte del figlio o di un'altra persona. I lividi al collo, che per il medico che ha svolto il primo sopralluogo potevano essere spiegati con uno strangolamento, sono risultati essere superficiali. La donna, ha spiegato Salvi ai carabinieri della compagnia di San Martino, probabilmente è morta a causa di un malore che le ha fatto perdere i sensi e cadere sbattendo la testa contro un mobile. L'esame autoptico ha dunque confermato quanto detto dal figlio della donna: l'uomo, che soffre di disturbi psichici, pur molto confuso e provato, aveva riferito che la madre era caduta e lui l'aveva adagiata sul letto.

14:36Ucciso per un pettegolezzo, un arresto nel Reggiano

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 16 DIC - Tutto sarebbe nato da un pettegolezzo: aveva detto che sua moglie era molto più bella di lui. Per fargliela pagare hanno escogitato un tranello, portato avanti per otto mesi, per attirarlo nel luogo dove poi lo hanno ucciso a Fabbrico, nel Reggiano, tre anni fa. I carabinieri hanno arrestato un pakistano di 38 anni, accusato di aver ucciso un connazionale di 20. E' l'evoluzione dell'inchiesta che aveva già portato nel maggio scorso, al fermo di un altro pachistano, accusato di aver illuso la vittima con un falso profilo Facebook, di una ragazza benestante con cui fuggire in cerca di una vita più felice e lontano dai vincoli delle proprie tradizioni. Il ventenne era stato seviziato, ucciso e sotterrato la notte di San Valentino di tre anni fa. Il suo corpo, in stato di decomposizione, era stato trovato casualmente solo tre mesi dopo nel corso di lavori in un cantiere. (ANSA).

14:15Capotreno aggredito, fermati 4 minorenni

(ANSA) - PISA, 16 DIC - Quattro minorenni lucchesi sono stati fermati stamani dalla polfer alla stazione di Pisa dopo avere aggredito un capotreno che era intervenuto in soccorso di una ragazza infastidita dai quattro ragazzi a bordo di un treno regionale della linea Pisa-Lucca. Secondo quanto si è appreso, una volta giunti in stazione i giovani hanno letteralmente pestato il capotreno e reagito con violenza anche all'intervento della polizia: sia il dipendente di Trenitalia sia due agenti sono rimasti feriti e trasportati al pronto soccorso. I contorni dell'episodio, avvenuti intorno alle 11, sono ancora in fase di ricostruzione: i quattro minorenni si trovano all'interno degli uffici della polizia ferroviaria che sta ancora valutando i provvedimenti da prendere e le contestazioni di reato necessarie. L'aggressione è avvenuta davanti a decine di passeggeri e il 118 ha inviato sul posto almeno tre ambulanze mentre anche la polizia di stato ha inviato pattuglie a supporto degli agenti della polfer preventivamente avvertiti dal capotreno che poi è stato aggredito e che ha riportato ferite piuttosto serie.(ANSA).

14:12Sci: Goggia seconda e felice, “è scattato un click”

(ANSA) - VAL D'ISERE (FRANCIA), 16 DIC - "Sono riuscita finalmente a pensare solo a me stessa, a concentrarmi sulle cose giuste da fare e a sciare bene, senza sentirmi addosso pressioni: è scattato un click": sono state queste le prime parole della numero uno delle sciatrici azzurre, Sofia Goggia, tornata oggi sul podio, il 14/o in carriera, del SuperGigante di Val d'Isere.

Archivio Ultima ora