Tonnos: Una década de colorido y creatividad empresarial

Pubblicato il 01 novembre 2016 da redazione

Cartera Tonnos

Cartera Tonnos

CARACAS. – Octubre es un mes muy especial para nosotros. Particularmente este año, Tonnos celebra una década. Nacimos como un emprendimiento familiar, vendiendo nuestros accesorios en la Feria del Ateneo de Caracas. En octubre del 2006 logramos inaugurar nuestra primera tienda, que está ubicada en Chacao. A propósito de la elección de esta zona, Bernardita Rakos, socia y una de las responsables de la imagen de las tiendas dice: “Elegimos el local en Chacao, porque siempre nos gustó esa zona de la ciudad, por ser un lugar donde se puede caminar y recorrer sus calles, nos permite vivir la ciudad en pleno”.

Ya con el local elegido, el siguiente paso en el que nos enfocamos fue el concepto de la decoración. Decidimos que fuera un lugar lleno de colores, contrastes, original y donde la gente pudiera vivir la experiencia de estar en una tienda diferente y más personalizada. El encargado de materializar la idea, maravillosamente, fue el diseñador francés Philippe Blockelet, quien desde el principio entendió y asumió el concepto.

Desde que inauguramos la tienda, siempre recibimos buenos comentarios de parte de los clientes; “se sentían en otro país al entrar a la tienda”, muchas veces hacían referencia a ciudades de Europa y a Nueva York. Hablaban sobre los productos; su colorido y originalidad. Esto se logró gracias a que desde el principio el diseño del espacio fue primordial para nosotros. Nuestra propuesta de valor incluye una atención esmerada y dedicada, para hacer sentir a nuestros clientes que son especiales.

Hoy decir que estamos cumpliendo una década es algo grandioso, y durante el camino para llegar a este importante aniversario hemos tenido cambios. Nuestro empeño y estrategia fue el de invertir y crecer, no nos quedamos con una sola tienda y hemos seguido apostando por Venezuela. Inauguramos las tiendas de El Rosal, que incluye el novedoso concepto de tienda- café. La locación del Centro Plaza nos dio también la oportunidad de expandir nuestro alcance. Así como la tienda de la Candelaria, zona tradicional y peculiar, con el deseo de rescatar el sentido de ciudad y de su casco central. Traspasamos fronteras y Tonnos desde hace más de un año tiene presencia internacional, en Santiago de Chile.

Y para que nos sigan acompañando y celebren esta excelente experiencia, seguimos escribiendo nuestra historia y creamos la colección Happy, con énfasis en ropa, carteras y accesorios. “Happy” demuestra que estamos contentos de cumplir 10 años. En las nuevas creaciones quisimos que estuviera presente la esencia Tonnos y lo que nos gusta e inspira: la naturaleza, lo urbano, los colores y las texturas.

Ultima ora

12:28Uno bianca: Occhipinti in vacanza-premio in Valle d’Aosta

(ANSA) - PADOVA, 18 AGO - Marino Occhipinti, condannato all'ergastolo per uno degli omicidi dei fratelli Savi della Uno bianca e attualmente sottoposto al regime della semilibertà dal 2012, ha ottenuto dal Tribunale di sorveglianza di Padova, dove è detenuto, la possibilità di trascorrere una settimana in un albergo a quattro stelle a Breuil. Secondo quanto riporta il Gazzettino, Occhipinti sarebbe stato invitato nella località valdostana in relazione ad una iniziativa promossa da Comunione e Liberazione e dalla Cooperativa Giotto, alle cui dipendenze lavora ormai da oltre 15 anni. Occhipinti sarebbe ospite dell'albergo dove viene organizzato l'evento.

12:27Barcellona: Farnesina, 2 italiani morti e 3 feriti

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - "Ci sono due italiani tra le vittime e tre feriti". Lo afferma il capo dell'Unità di Crisi della Farnesina Stefano Verrecchia.

12:27Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - MILANO, 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta. Il sindaco ha parlato di una giovane vita spezzata in modo "assurdo". Intanto emerge che Gulotta, sulle Ramblas, ha appena fatto in tempo a mettere in salvo i figli prima di essere ucciso. A raccontarlo è stato il titolare della società di Legnano in cui Gulotta lavorava, Pino Bruno. Bruno ha parlato con la moglie di Gulotta, Martina, 28 anni, che gli ha raccontato l'accaduto: "Stavano passeggiando sulle Ramblas con i due figli, Aria, di 7 mesi, nel passeggino, e Alessandro, di 6 anni, che il padre teneva per mano. Il van è arrivato all'improvviso. Tutti d'istinto si sono chinati, come a proteggersi". Gulotta si è messo davanti ai figli, ed è stato travolto. (ANSA).

12:27Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - MILANO, 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta. Il sindaco ha parlato di una giovane vita spezzata in modo "assurdo". Intanto emerge che Gulotta, sulle Ramblas, ha appena fatto in tempo a mettere in salvo i figli prima di essere ucciso. A raccontarlo è stato il titolare della società di Legnano in cui Gulotta lavorava, Pino Bruno. Bruno ha parlato con la moglie di Gulotta, Martina, 28 anni, che gli ha raccontato l'accaduto: "Stavano passeggiando sulle Ramblas con i due figli, Aria, di 7 mesi, nel passeggino, e Alessandro, di 6 anni, che il padre teneva per mano. Il van è arrivato all'improvviso. Tutti d'istinto si sono chinati, come a proteggersi". Gulotta si è messo davanti ai figli, ed è stato travolto. (ANSA).

12:23Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - LEGNANO (MILANO), 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta.

12:20Barcellona:’Bruno ha protetto figli ed è stato ucciso’

(ANSA) - MILANO, 18 AGO - Bruno Gulotta sulle Ramblas ha appena fatto in tempo a mettere in salvo i figli prima di essere ucciso. Lo detto il titolare della società di Legnano in cui Gulotta lavorava, Pino Bruno. Bruno ha parlato con la moglie di Gulotta, Martina, 28 anni, che gli ha raccontato l'accaduto: "Stavano passeggiando sulle Ramblas con i due figli, Aria, di 7 mesi, nel passeggino, e Alessandro, di 6 anni, che il padre teneva per mano. Il van è arrivato all'improvviso. Tutti d'istinto si sono chinati, come a proteggersi". Gulotta si è messo davanti ai figli, ed è stato travolto.

12:14Barcellona: cellula 8 persone coinvolta in attacchi

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Una cellula terroristica di otto persone sarebbe stata coinvolta negli attacchi di ieri a Barcellona e Cambrils: e' quanto ritengono gli inquirenti spagnoli secondo una fonte giudiziaria. Lo scrive il quotidiano britannico Independent. La cellula, prosegue il giornale, pianificava di usare bombole di gas, che secondo un altro giornale britannico - il Daily Mail - dovevano essere caricate sul furgone utilizzato nell'attacco sulla Rambla.

Archivio Ultima ora