Tra Governo e Opposizione dialogo tra sordi?

Pubblicato il 08 novembre 2016 da redazione

Archbishop Claudio Maria Celli, seen here speaking with Venezuelan President Nicolas Maduro, said leaders have to show that these are not "biblical times" -------------------------------------------------------------------------------------------

Mons. Claudio Maria Celli a colloquio con il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro
——————————————————————————————-

Mauro Bafile

CARACAS – Mentre assistiamo in Nicaragua, al trionfo scontato alle urne, in assenza di un vero avversario, di Daniel Ortega che ne approfitta per dare una svolta dinastica al suo assalto al potere, imponendo la moglie, Rosario Murillo, alla vice-presidenza, dopo essersi assicurato il controllo del Parlamento dal quale l’Opposizione, a seguito della destituzione dei 28 deputati anti-sandinisti, è stata proscritta, aver collocato i fedelissimi ai posti chiave all’interno della Corte Suprema e delle Forze Armate e aver “regalato” ai figli i giornali, le televisioni, le maggiori industrie della costruzione e del petrolio, in Venezuela ogni speranza di soluzione pacifica per la crisi politica, istituzionale ed economica è riposta sul “dialogo” tra Governo e Opposizione. Il prossimo round è stato fissato per l’11 novembre.

Ma è sempre ghiaccio tra Governo e Opposizione. Nonostante l’invito dell’emissario della Santa Sede a moderare il tono della polemica, il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro; il vice-presidente del Psuv, Diosdado Cabello, da un lato, e il governatore dello Stato Miranda, Henrique Capriles Radonski, e il presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup, dall’altro, non perdono occasione per gettare legna sul fuoco. Altrettando fanno esponenti di uno e l’altro bando.

Non pare che ci possa essere dialogo tra due avversari prigionieri delle correnti radicali che troppo spesso ne determinano le decisioni. E, sebbene, come disse il vice-ministro Giro al nostro Giornale, un dialogo il più delle volte inizia tra sordi, si ha l’impressione che in questa occasione sia destinato a concludere così come è nato: tra sordi.

L’Opposizione esige giustamente risultati tangibili dalla prossima riunione. Il governo, ha espresso in tono pacato, come è suo solito fare, l’ex ambasciatore all’Osa, Roy Chaderton, avverte che quello del dialogo è un cammino lungo. L’Opposizione, in particolare le frange radicali, scalpita e accusa il governo del presidente Maduro di aver accettato il dialogo perché messo alle corde. Quindi, a loro avviso, il dialogo, come accaduto in altre occasioni, sarebbe una strategia dilatoria.

– E’ pur sempre un sotterfugio valido – ha sostenuto con un pizzico di cinismo, senza confermare o negare, l’Ambasciatore Chaderton.

La Chiesa è ovviamente preoccupata e avverte che se il dialogo dovesse fallire l’alternativa rischia di essere quella del “sangue”. E il presidente di Unasur, Ernesto Samper, facendo sue le parole del presidente Maduro, esorta l’Opposizione a non creare false aspettative “riguardo ai risultati concreti che potrebbero derivare dalle conversazioni nel Tavolo delle Trattative”.

Le dichiarazioni di Samper, da sempre considerato assai vicino al “chavismo” e al governo del presidente Maduro, hanno provocato la reazione del Tavolo dell’Unità. Jesús “Chuo” Torrealba, Segretario Esecutivo dell’ampia alleanza dell’Opposizione, ha rimproverato, seccato, il rappresentante di Unasur.

– Il ruolo di accompagnatore in questo processo – ha detto in tono freddo Torrealba – non consiste nel definire vere o false le aspettative, bensì di ottenere una soluzione, che può essere solo elettorale, al dramma venezuelano.

Se le scaramucce verbali tra Governo e Opposizione sono il pane quotidiano e non tolgono certo il sonno ai venezuelani, preoccupati più dalla mancanza di cibo e medicine che non dagli insulti, dai rimproveri e dalle accuse reciproche tra i protagonisti della politica; allarmano le riflessioni del rappresentante del Vaticano affidate, con un’intervista, al quotidiano “La Nación”.

Monsignor Claudio Maria Celli ha ammesso che “il Papa ha assunto un grosso rischio con questa iniziativa” e aggiunto che “se fallisce il dialogo a Caracas, non è il Papa che perde, è il popolo venezuelano, perché l’alternativa potrebbe essere davvero quella del sangue”.

Celli, acuto analista e negoziatore di grande esperienza, ha definito “molto brutta la situazione del Paese”, ha ammesso che “non c’è cibo e non ci sono medicine”, ha fatto notare la presenza “dei militari dappertutto” e ha riconosciuto che l’invito ad abbassare i toni è caduto nel vuoto.

– Il problema – ha detto con amarezza – è che queste cose sembrano più forti di loro.

Per molte medicine si avvicina la data si scadenza

Per molte medicine si avvicina la data di scadenza

Mentre prosegue la polemica, il governo del Presidente Maduro continua a negare i permessi per consentire l’ingresso al paese di oltre 75mila confezioni di medicine donate alla Caritas da venezuelani che vivono in Cile. Il carico, da oltre due mesi nei depositi del porto di La Guaira, corre il rischio di andare a male e già molte medicine, destinate in particolare a malattie croniche gravi e incurabili, sarebbero vicine alla data di scadenza.

Nel vuoto sono cadute, almeno fino ad oggi, le preghiere del cardinale Baltazar Porras. L’ingresso al Paese del carico di medicine, stando agli analisti politici, sarebbe indirettamente l’ammissione di una crisi umanitaria nel Paese; crisi che le autorità s’impegnano a negare nonostante la realtà parli da sola.

Ultima ora

13:13Usa: Charlottesville, arrestato un suprematista bianco

(ANSA) - ROMA, 24 AGO - Christopher Cantwell, un suprematista bianco coinvolto nelle violenze di Charlottesville (Virginia) è stato arrestato dalla polizia dopo essersi costituito. Lo riporta la Bbc online, secondo cui l'uomo rischia di essere accusato per l'utilizzo illegale di gas lacrimogeno e lesioni corporali. Cantwell, già apparso in un documentario di Vice News sulle proteste dell'11 agosto scorso, ha ammesso di avere usato spray al pepe contro un dimostrante anti-destra ma ha sostenuto di averlo fatto per legittima difesa.

13:07Brexit: 33mila cittadini Ue lasciano Gb dopo referendum

(ANSA) - ROMA, 24 AGO - Trentatremila cittadini Ue hanno lasciato il Regno Unito dopo il referendum sulla Brexit del giugno 2016, segnando così il più grande deflusso dal Paese da circa 10 anni a questa parte: e' quanto emerge dagli ultimi dati pubblicati dall'Ufficio nazionale di statistica (Ons), secondo quanto riporta Sky News. Questo fenomeno ha contribuito a un calo del tasso netto di migrazione nel Regno Unito (la differenza tra immigrati ed emigrati) ai minimi degli ultimi tre anni. In particolare, la migrazione netta e' scesa a 246.000 unità nel periodo aprile 2016-marzo 2017, 81.000 in meno rispetto ai 12 mesi precedenti. Si tratta dei primi dati di questo genere pubblicati dopo le elezioni di giugno. Oltre la metà del calo, spiega l'Ons, e' dovuta all'aumento del numero di cittadini Ue che hanno abbandonato il Paese: dei 33.000 che hanno fatto le valige, 17.000 provenivano da Paesi entrati nell'Ue nel 2004, come Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovacchia e Slovenia.

13:05Incendi: Francia, arrestato piromane autore di 17 roghi

(ANSA) - PARIGI, 24 AGO - Un uomo di una quarantina di anni è sospettato di aver provocato 17 incendi tra il 10 e il 20 agosto nei comuni di Marsiglia, Allauch e Plan-de-Cuques, nel dipartimento delle Bouches du Rhone (sud-est). Lo ha fatto sapere la polizia, sottolineando che l'individuo si trova in stato di arresto. Il sospetto è stato fermato lunedì dalle forze dell'ordine grazie alle segnalazioni di alcuni cittadini. Fonti vicine all'inchiesta affermano che l'uomo "ha ammesso la responsabilità di alcuni incendi" anche se le indagini gliene attribuiscono 17. (ANSA)

13:03Barcellona: terroristi sorridono in video poche ore prima

(ANSA) - MADRID, 24 AGO - Tre dei cinque terroristi islamici che hanno attaccato venerdì scorso il lungomare di Cambrils, dove sono stati uccisi dalla polizia, erano stati ripresi poche ore prima dalle telecamere di sicurezza di un benzinaio nei dintorni della cittadina sull'autostrada AP7. Le immagini, diffuse dal giornale catalano Ara, mostrano alla cassa Omar Hychami, Houssaine Abouyaaqoub (fratello di Younes, l'attentatore della Rambla) e Moussa Oukabir, in apparenza rilassati e sorridenti. Secondo Ara scherzano i tre anche sul tipo di accendino che vogliono comprare.

12:56Terremoto Ischia: cornicione crollato, sigilli a chiesa

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 24 AGO - I carabinieri della compagnia di Ischia hanno sequestrato, in esecuzione di un decreto della Procura della Repubblica di Napoli, la chiesa di S. Maria del Suffragio da cui, la sera del terremoto, è crollata una porzione di cornicione che ha ucciso la 59enne Lina Balestrieri.

12:55Uomo bruciato vicino Aosta, accertamenti su orologio

(ANSA) - AOSTA, 24 AGO - E' l' orologio per ora l' unico elemento che potrebbe aiutare ad identificare il cadavere semicarbonizzato trovato a Fenis sabato scorso. D'accordo con la procura, i militari hanno diffuso la foto di un orologio identico a quello trovato accanto al corpo della vittima. Si tratta di un modello 'Camel trophy' degli "anni '80-'90 abbastanza particolare che oramai non si vede più in giro", fanno sapere i militari. In base ai primi riscontri dell'autopsia, è molto probabile che l'uomo, di circa 40 anni, sia stato ucciso con almeno un colpo d'arma da fuoco, sparato all'altezza del collo. L'omicidio sarebbe avvenuto 24-48 ore prima che il corpo - probabilmente venerdì - venisse bruciato. Traumi compatibili con modalità di trasporto poco attente sono stati rilevati al bacino e alla colonna vertebrale. Si cercano testimoni che possano aver visto un'auto sospetta venerdì pomeriggio lungo la pista ciclabile del paese.(ANSA).

12:38Con bandiera Rsi su vetta: presidente Toscana Rossi denuncia

(ANSA) - FIRENZE, 24 AGO - Una denuncia alla Procura della Repubblica "sulla base delle leggi che puniscono l'apologia di fascismo". E' questo il mandato che il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha dato all'avvocatura regionale, nei confronti di Manfredo Bianchi, l'insegnante di Carrara (Massa Carrara) che su facebook aveva postato una foto che lo riprende mentre sventola una bandiera della Repubblica Sociale di Salò in cima al Monte Sagro, sulle Alpi Apuane, nei pressi di Vinca, la località in cui fu compiuta una strage nazifascista nel 1944. La decisione di procedere in questo senso - annunciata dal presidente sul suo profilo Fb - avviene proprio nel giorno dell'anniversario dell'eccidio di Vinca, ai piedi del monte Sagro, "una delle più atroci stragi nazifasciste avvenute in Toscana insieme a Sant'Anna di Stazzema: furono 173 le vittime per mano dei soldati nazisti di Reder fiancheggiati da un centinaio di fascisti repubblichini". (ANSA).

Archivio Ultima ora