Tra Governo e Opposizione dialogo tra sordi?

Pubblicato il 08 novembre 2016 da redazione

Archbishop Claudio Maria Celli, seen here speaking with Venezuelan President Nicolas Maduro, said leaders have to show that these are not "biblical times" -------------------------------------------------------------------------------------------

Mons. Claudio Maria Celli a colloquio con il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro
——————————————————————————————-

Mauro Bafile

CARACAS – Mentre assistiamo in Nicaragua, al trionfo scontato alle urne, in assenza di un vero avversario, di Daniel Ortega che ne approfitta per dare una svolta dinastica al suo assalto al potere, imponendo la moglie, Rosario Murillo, alla vice-presidenza, dopo essersi assicurato il controllo del Parlamento dal quale l’Opposizione, a seguito della destituzione dei 28 deputati anti-sandinisti, è stata proscritta, aver collocato i fedelissimi ai posti chiave all’interno della Corte Suprema e delle Forze Armate e aver “regalato” ai figli i giornali, le televisioni, le maggiori industrie della costruzione e del petrolio, in Venezuela ogni speranza di soluzione pacifica per la crisi politica, istituzionale ed economica è riposta sul “dialogo” tra Governo e Opposizione. Il prossimo round è stato fissato per l’11 novembre.

Ma è sempre ghiaccio tra Governo e Opposizione. Nonostante l’invito dell’emissario della Santa Sede a moderare il tono della polemica, il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro; il vice-presidente del Psuv, Diosdado Cabello, da un lato, e il governatore dello Stato Miranda, Henrique Capriles Radonski, e il presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup, dall’altro, non perdono occasione per gettare legna sul fuoco. Altrettando fanno esponenti di uno e l’altro bando.

Non pare che ci possa essere dialogo tra due avversari prigionieri delle correnti radicali che troppo spesso ne determinano le decisioni. E, sebbene, come disse il vice-ministro Giro al nostro Giornale, un dialogo il più delle volte inizia tra sordi, si ha l’impressione che in questa occasione sia destinato a concludere così come è nato: tra sordi.

L’Opposizione esige giustamente risultati tangibili dalla prossima riunione. Il governo, ha espresso in tono pacato, come è suo solito fare, l’ex ambasciatore all’Osa, Roy Chaderton, avverte che quello del dialogo è un cammino lungo. L’Opposizione, in particolare le frange radicali, scalpita e accusa il governo del presidente Maduro di aver accettato il dialogo perché messo alle corde. Quindi, a loro avviso, il dialogo, come accaduto in altre occasioni, sarebbe una strategia dilatoria.

– E’ pur sempre un sotterfugio valido – ha sostenuto con un pizzico di cinismo, senza confermare o negare, l’Ambasciatore Chaderton.

La Chiesa è ovviamente preoccupata e avverte che se il dialogo dovesse fallire l’alternativa rischia di essere quella del “sangue”. E il presidente di Unasur, Ernesto Samper, facendo sue le parole del presidente Maduro, esorta l’Opposizione a non creare false aspettative “riguardo ai risultati concreti che potrebbero derivare dalle conversazioni nel Tavolo delle Trattative”.

Le dichiarazioni di Samper, da sempre considerato assai vicino al “chavismo” e al governo del presidente Maduro, hanno provocato la reazione del Tavolo dell’Unità. Jesús “Chuo” Torrealba, Segretario Esecutivo dell’ampia alleanza dell’Opposizione, ha rimproverato, seccato, il rappresentante di Unasur.

– Il ruolo di accompagnatore in questo processo – ha detto in tono freddo Torrealba – non consiste nel definire vere o false le aspettative, bensì di ottenere una soluzione, che può essere solo elettorale, al dramma venezuelano.

Se le scaramucce verbali tra Governo e Opposizione sono il pane quotidiano e non tolgono certo il sonno ai venezuelani, preoccupati più dalla mancanza di cibo e medicine che non dagli insulti, dai rimproveri e dalle accuse reciproche tra i protagonisti della politica; allarmano le riflessioni del rappresentante del Vaticano affidate, con un’intervista, al quotidiano “La Nación”.

Monsignor Claudio Maria Celli ha ammesso che “il Papa ha assunto un grosso rischio con questa iniziativa” e aggiunto che “se fallisce il dialogo a Caracas, non è il Papa che perde, è il popolo venezuelano, perché l’alternativa potrebbe essere davvero quella del sangue”.

Celli, acuto analista e negoziatore di grande esperienza, ha definito “molto brutta la situazione del Paese”, ha ammesso che “non c’è cibo e non ci sono medicine”, ha fatto notare la presenza “dei militari dappertutto” e ha riconosciuto che l’invito ad abbassare i toni è caduto nel vuoto.

– Il problema – ha detto con amarezza – è che queste cose sembrano più forti di loro.

Per molte medicine si avvicina la data si scadenza

Per molte medicine si avvicina la data di scadenza

Mentre prosegue la polemica, il governo del Presidente Maduro continua a negare i permessi per consentire l’ingresso al paese di oltre 75mila confezioni di medicine donate alla Caritas da venezuelani che vivono in Cile. Il carico, da oltre due mesi nei depositi del porto di La Guaira, corre il rischio di andare a male e già molte medicine, destinate in particolare a malattie croniche gravi e incurabili, sarebbero vicine alla data di scadenza.

Nel vuoto sono cadute, almeno fino ad oggi, le preghiere del cardinale Baltazar Porras. L’ingresso al Paese del carico di medicine, stando agli analisti politici, sarebbe indirettamente l’ammissione di una crisi umanitaria nel Paese; crisi che le autorità s’impegnano a negare nonostante la realtà parli da sola.

Ultima ora

15:26Lazio: Inzaghi, mai più quanto successo a noi

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Grazie a quello che è successo a noi ci sarà più attenzione per tutti, vorrei che nessun collega passi quello che è accaduto a noi. Serve più attenzione, sono cose che non devono più accadere". Alla vigilia della trasferta di Bergamo contro l'Atalanta, Simone Inzaghi torna sui torti subiti in Lazio-Torino, sfida in cui l'arbitro Giacomelli con il Var ha espulso Immobile e non ha concesso un rigore ai biancocelesti, usciti poi sconfitti per 3-1. "I punti dovevano essere di più, ci sono stati tolti - ha spiegato Inzaghi - quello che ci è successo deve essere una possibilità per diventare ancora più squadra. Abbiamo fatto grandi cose, abbiamo un leggero ritardo dalle prime 4, anche per i motivi che sappiamo tutti".

15:23Sci:doppietta norvegese in Gardena, Innerhofer 5/o Paris 6/o

(ANSA) - VAL GARDENA (BOLZANO), 16 DIC - Aksel Svindal 1/o in 1.57.00 e Kjetil Jansrud 2/o in 1.57.59: la discesa della val Gardena sui 3445 m della pista Saslong si e' confermata anche quest'anno terreno di caccia favorito dai norvegesi che hanno piazzato una doppietta. Terzo l'austriaco Max Franz in 1.57.85. Prova d'orgoglio dell'Italia su una pista mai considerata troppo amica soprattutto dagli uomini jet altoatesini: Christof Innerhofer ha chiuso infatti 5/o in 1.58.14 e Dominik Paris 6/o in 1.58.16. Molto più' indietro ed arrabbiato Peter Fill che si e' lamentato per un sasso finitogli sotto gli sci.

15:14Banche: Casini, impatto Boschi su tema sarebbe irrilevante

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - "Diciamo la verità: se non fossimo in campagna elettorale l'impatto della signora Boschi e della sua famiglia sul tema che riguarda centinaia di migliaia di risparmiatori sarebbero del tutto irrilevanti, ma siamo in campagna elettorale e si fa polemica politica". Lo ha detto a margine di un incontro dei centristi per l'Europa di Bologna il presidente della Commissione sulle banche Pier Ferdinando Casini."Mi scandalizzo? Sono troppo anziano per scandalizzarmi - risponde - però questo non riguarda la commissione banche...".

15:10Donna vegliata da figlio: autopsia esclude omicidio

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - Esclusa l'ipotesi di omicidio per la morte di Giovanna Pedori, la donna di 78 anni morta e vegliata per una settimana nel letto di casa dal figlio di 47 anni. L'esame autoptico svolto dal medico legale Marco Salvi ha accertato che la donna non è stata uccisa: sul suo corpo non sono state trovate contusioni o ferite compatibili con l'ipotesi dell'aggressione da parte del figlio o di un'altra persona. I lividi al collo, che per il medico che ha svolto il primo sopralluogo potevano essere spiegati con uno strangolamento, sono risultati essere superficiali. La donna, ha spiegato Salvi ai carabinieri della compagnia di San Martino, probabilmente è morta a causa di un malore che le ha fatto perdere i sensi e cadere sbattendo la testa contro un mobile. L'esame autoptico ha dunque confermato quanto detto dal figlio della donna: l'uomo, che soffre di disturbi psichici, pur molto confuso e provato, aveva riferito che la madre era caduta e lui l'aveva adagiata sul letto.

14:36Ucciso per un pettegolezzo, un arresto nel Reggiano

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 16 DIC - Tutto sarebbe nato da un pettegolezzo: aveva detto che sua moglie era molto più bella di lui. Per fargliela pagare hanno escogitato un tranello, portato avanti per otto mesi, per attirarlo nel luogo dove poi lo hanno ucciso a Fabbrico, nel Reggiano, tre anni fa. I carabinieri hanno arrestato un pakistano di 38 anni, accusato di aver ucciso un connazionale di 20. E' l'evoluzione dell'inchiesta che aveva già portato nel maggio scorso, al fermo di un altro pachistano, accusato di aver illuso la vittima con un falso profilo Facebook, di una ragazza benestante con cui fuggire in cerca di una vita più felice e lontano dai vincoli delle proprie tradizioni. Il ventenne era stato seviziato, ucciso e sotterrato la notte di San Valentino di tre anni fa. Il suo corpo, in stato di decomposizione, era stato trovato casualmente solo tre mesi dopo nel corso di lavori in un cantiere. (ANSA).

14:15Capotreno aggredito, fermati 4 minorenni

(ANSA) - PISA, 16 DIC - Quattro minorenni lucchesi sono stati fermati stamani dalla polfer alla stazione di Pisa dopo avere aggredito un capotreno che era intervenuto in soccorso di una ragazza infastidita dai quattro ragazzi a bordo di un treno regionale della linea Pisa-Lucca. Secondo quanto si è appreso, una volta giunti in stazione i giovani hanno letteralmente pestato il capotreno e reagito con violenza anche all'intervento della polizia: sia il dipendente di Trenitalia sia due agenti sono rimasti feriti e trasportati al pronto soccorso. I contorni dell'episodio, avvenuti intorno alle 11, sono ancora in fase di ricostruzione: i quattro minorenni si trovano all'interno degli uffici della polizia ferroviaria che sta ancora valutando i provvedimenti da prendere e le contestazioni di reato necessarie. L'aggressione è avvenuta davanti a decine di passeggeri e il 118 ha inviato sul posto almeno tre ambulanze mentre anche la polizia di stato ha inviato pattuglie a supporto degli agenti della polfer preventivamente avvertiti dal capotreno che poi è stato aggredito e che ha riportato ferite piuttosto serie.(ANSA).

14:12Sci: Goggia seconda e felice, “è scattato un click”

(ANSA) - VAL D'ISERE (FRANCIA), 16 DIC - "Sono riuscita finalmente a pensare solo a me stessa, a concentrarmi sulle cose giuste da fare e a sciare bene, senza sentirmi addosso pressioni: è scattato un click": sono state queste le prime parole della numero uno delle sciatrici azzurre, Sofia Goggia, tornata oggi sul podio, il 14/o in carriera, del SuperGigante di Val d'Isere.

Archivio Ultima ora