Tra Governo e Opposizione dialogo tra sordi?

Pubblicato il 08 novembre 2016 da redazione

Archbishop Claudio Maria Celli, seen here speaking with Venezuelan President Nicolas Maduro, said leaders have to show that these are not "biblical times" -------------------------------------------------------------------------------------------

Mons. Claudio Maria Celli a colloquio con il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro
——————————————————————————————-

Mauro Bafile

CARACAS – Mentre assistiamo in Nicaragua, al trionfo scontato alle urne, in assenza di un vero avversario, di Daniel Ortega che ne approfitta per dare una svolta dinastica al suo assalto al potere, imponendo la moglie, Rosario Murillo, alla vice-presidenza, dopo essersi assicurato il controllo del Parlamento dal quale l’Opposizione, a seguito della destituzione dei 28 deputati anti-sandinisti, è stata proscritta, aver collocato i fedelissimi ai posti chiave all’interno della Corte Suprema e delle Forze Armate e aver “regalato” ai figli i giornali, le televisioni, le maggiori industrie della costruzione e del petrolio, in Venezuela ogni speranza di soluzione pacifica per la crisi politica, istituzionale ed economica è riposta sul “dialogo” tra Governo e Opposizione. Il prossimo round è stato fissato per l’11 novembre.

Ma è sempre ghiaccio tra Governo e Opposizione. Nonostante l’invito dell’emissario della Santa Sede a moderare il tono della polemica, il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro; il vice-presidente del Psuv, Diosdado Cabello, da un lato, e il governatore dello Stato Miranda, Henrique Capriles Radonski, e il presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup, dall’altro, non perdono occasione per gettare legna sul fuoco. Altrettando fanno esponenti di uno e l’altro bando.

Non pare che ci possa essere dialogo tra due avversari prigionieri delle correnti radicali che troppo spesso ne determinano le decisioni. E, sebbene, come disse il vice-ministro Giro al nostro Giornale, un dialogo il più delle volte inizia tra sordi, si ha l’impressione che in questa occasione sia destinato a concludere così come è nato: tra sordi.

L’Opposizione esige giustamente risultati tangibili dalla prossima riunione. Il governo, ha espresso in tono pacato, come è suo solito fare, l’ex ambasciatore all’Osa, Roy Chaderton, avverte che quello del dialogo è un cammino lungo. L’Opposizione, in particolare le frange radicali, scalpita e accusa il governo del presidente Maduro di aver accettato il dialogo perché messo alle corde. Quindi, a loro avviso, il dialogo, come accaduto in altre occasioni, sarebbe una strategia dilatoria.

– E’ pur sempre un sotterfugio valido – ha sostenuto con un pizzico di cinismo, senza confermare o negare, l’Ambasciatore Chaderton.

La Chiesa è ovviamente preoccupata e avverte che se il dialogo dovesse fallire l’alternativa rischia di essere quella del “sangue”. E il presidente di Unasur, Ernesto Samper, facendo sue le parole del presidente Maduro, esorta l’Opposizione a non creare false aspettative “riguardo ai risultati concreti che potrebbero derivare dalle conversazioni nel Tavolo delle Trattative”.

Le dichiarazioni di Samper, da sempre considerato assai vicino al “chavismo” e al governo del presidente Maduro, hanno provocato la reazione del Tavolo dell’Unità. Jesús “Chuo” Torrealba, Segretario Esecutivo dell’ampia alleanza dell’Opposizione, ha rimproverato, seccato, il rappresentante di Unasur.

– Il ruolo di accompagnatore in questo processo – ha detto in tono freddo Torrealba – non consiste nel definire vere o false le aspettative, bensì di ottenere una soluzione, che può essere solo elettorale, al dramma venezuelano.

Se le scaramucce verbali tra Governo e Opposizione sono il pane quotidiano e non tolgono certo il sonno ai venezuelani, preoccupati più dalla mancanza di cibo e medicine che non dagli insulti, dai rimproveri e dalle accuse reciproche tra i protagonisti della politica; allarmano le riflessioni del rappresentante del Vaticano affidate, con un’intervista, al quotidiano “La Nación”.

Monsignor Claudio Maria Celli ha ammesso che “il Papa ha assunto un grosso rischio con questa iniziativa” e aggiunto che “se fallisce il dialogo a Caracas, non è il Papa che perde, è il popolo venezuelano, perché l’alternativa potrebbe essere davvero quella del sangue”.

Celli, acuto analista e negoziatore di grande esperienza, ha definito “molto brutta la situazione del Paese”, ha ammesso che “non c’è cibo e non ci sono medicine”, ha fatto notare la presenza “dei militari dappertutto” e ha riconosciuto che l’invito ad abbassare i toni è caduto nel vuoto.

– Il problema – ha detto con amarezza – è che queste cose sembrano più forti di loro.

Per molte medicine si avvicina la data si scadenza

Per molte medicine si avvicina la data di scadenza

Mentre prosegue la polemica, il governo del Presidente Maduro continua a negare i permessi per consentire l’ingresso al paese di oltre 75mila confezioni di medicine donate alla Caritas da venezuelani che vivono in Cile. Il carico, da oltre due mesi nei depositi del porto di La Guaira, corre il rischio di andare a male e già molte medicine, destinate in particolare a malattie croniche gravi e incurabili, sarebbero vicine alla data di scadenza.

Nel vuoto sono cadute, almeno fino ad oggi, le preghiere del cardinale Baltazar Porras. L’ingresso al Paese del carico di medicine, stando agli analisti politici, sarebbe indirettamente l’ammissione di una crisi umanitaria nel Paese; crisi che le autorità s’impegnano a negare nonostante la realtà parli da sola.

Ultima ora

11:48Ungheria: Weber, ‘Orban trovi soluzione su legge anti Soros’

(ANSA) - BRUXELLES, 29 APR - "Le proposte del governo ungherese sono inaccettabili, per noi della famiglia popolare la libertà della scienza è fondamentale. Siamo stati molto chiari oggi", sul progetto di legge sull'istruzione, che significherebbe la chiusura dell'università di George Soros, la Ceu. Lo ha detto il capogruppo del Ppe al Parlamento europeo Manfred Weber al suo arrivo al pre-vertice del Ppe. "Ora - afferma - tocca a lui trovare una soluzione, deve cambiare. La cosa buona è che parliamo tra noi. Rispetto al polacco Kaczynski, che non risponde nemmeno alle lettere dalla Commissione Ue, Orban vuole discutere dei problemi".

11:48Calcio: Conte, orgogliosi di quanto già fatto

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Il primo obiettivo stagionale, la conquista di un posto in Champions League, è ad un passo e Antonio Conte ci tiene a ricordarlo. "Dobbiamo esserne orgogliosi - sottolinea il tecnico del Chelsea in vista del match di Premier League sul campo dell'Everton - Così com'è già un grande risultato essere arrivati a questo punto della stagione in lotta per il campionato e per la Fa Cup". Vincere domani a Goodison Park, infatti, significherebbe soprattutto compiere un altro passo verso lo scudetto: ad oggi sono 4 i punti di vantaggio sul Tottenham, con cinque partite a testa ancora da disputare. E la prudenza non è mai troppa, anche se si dice che il percorso che spetta ai Blues sia più facile di quello degli Spurs. "Alla fine del campionato - avverte Conte - qualsiasi partita è difficile per tante ragioni: le pressioni aumentano, devi vincere a tutti i costi e scendere in campo con questi presupposti non è semplice. Non solo per noi, ma anche per il Tottenham (domani impegnato in casa contro l'Arsenal, ndr)".

11:39Calcio: Inter, Zhang Jindong a Milano

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Il proprietario dell'Inter Zhang Jindong è arrivato questa mattina presto a Milano e sarà a San Siro domani sera per assistere alla sfida contro il Napoli. Si parla insistentemente anche di un incontro con Lele Oriali, vicino al ritorno in nerazzurro a partire dalla prossima stagione con la qualifica di team manager, la stessa che ricopre in Nazionale. Zhang incontrerà tra oggi e domani anche l'allenatore Stefano Pioli e la squadra nerazzurra in vista della partita di domenica.

11:15Schengen: bilaterali Tusk con premier Slovenia e Croazia

(ANSA) - BRUXELLES, 29 APR - Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha incontrato oggi, prima dell'inizio dei lavori del vertice Ue sulla Brexit, il premier della Slovenia Miro Cerar per affrontare il problema delle code ai confini tra il suo Paese e la Croazia dovute ai controlli sistematici Ue reintrodotti da inizio aprile alle frontiere esterne dell'area Schengen. Ieri sera Tusk aveva visto, sempre per la stessa questione, il premier croato Andrej Plenkovic. La Croazia, infatti, pur essendo membro dell'Ue, non fa ancora parte dello spazio di libera circolazione dei cittadini Schengen.(ANSA).

10:55Brexit: Tusk, rimanere uniti per concludere i negoziati

(ANSA) - BRUXELLES, 29 APR - "Dobbiamo restare uniti come Ue a 27, solo così saremo in grado di concludere i negoziati, e la nostra unità è anche nell'interesse della Gran Bretagna". E' il messaggio lanciato dal presidente del Consiglio europeo Donald Tusk al suo arrivo al vertice Ue, dicendosi "fiducioso che non cambierà" il "sostegno" attuale che al momento c'è a questo approccio da parte dei 27 e delle altre istituzioni Ue. Tusk ha quindi ribadito che l'approccio è quello di chiudere prima con il passato per poi definire il futuro: "non c'è dubbio che tutti vogliamo una futura relazione stretta e forte con la Gran Bretagna, ma prima dobbiamo sistemare il nostro passato, questo è l'unico modo per procedere". Il presidente Ue ha ricordato anche che "la prima priorità per l'Ue e la Gran Bretagna" è garantire i diritti ai cittadini "da entrambe le parti".(ANSA)

10:52Francia: En Marche!, ‘Front National espella Le Pen padre’

(ANSA) - PARIGI, 29 APR - "En Marche! esige che Jean-Marie Le Pen sia sollevato dalle sue funzioni in seno al Front National" per le "frasi ignobili" pronunciate dopo l'omaggio a Xavier Jugelé, il poliziotto ucciso il 20 aprile da un terrorista a Parigi. Il movimento del candidato Emmanuel Macron si scaglia contro le frasi-shock di Le Pen senior, che ieri ha affermato che la cerimonia in memoria di Jugelé "rendeva omaggio più all'omosessuale che al poliziotto". "Se Marine Le Pen ha detto di essersi 'emozionata' per il discorso del compagno di Xavier Jugelé - continua En Marche! - non ha ancora, 24 ore dopo, condannato in modo fermo le frasi del padre, che è ancora presidente onorario del Front National e membro di diritto del comitato centrale del partito. Chiedo alla candidata del FN di condannare pubblicamente le affermazioni del padre e di mettere immediatamente fine alle funzioni ancora occupate da Jean-Marie Le Pen in seno al Front National".

10:20Scuola:a Milano d’ora in poi senza sale le mense degli asili

(ANSA) - MILANO, 29 APR - I bambini degli asili di Milano devono adeguarsi, per quanto possano trovare la pasta insipida: d'ora in poi le mense forniranno solo piatti senza sale. E' la conseguenza di una direttiva dell'Ats, che è stata pienamente accolta da Milano Ristorazione, la società partecipata del Comune che gestisce le mense in questione. In base alla direttiva è stato eliminato il "sale aggiunto" in modo tale da "abituare al gusto naturale degli alimenti e ridurre la propensione verso cibi troppo salati". Secondo i nutrizionisti, il sale fa male alla salute, e se i bambini si abituano a non assumerlo ne beneficeranno in salute. Ecco allora che dalle mense degli asili arrivano per loro paste e risotti perfettamente insipidi (anche l'acqua della bollitura non viene salata). I genitori dei bambini, accogliendo le perplessità dei figli, hanno espresso la loro contrarietà.

Archivio Ultima ora