Tra Governo e Opposizione dialogo tra sordi?

Pubblicato il 08 novembre 2016 da redazione

Archbishop Claudio Maria Celli, seen here speaking with Venezuelan President Nicolas Maduro, said leaders have to show that these are not "biblical times" -------------------------------------------------------------------------------------------

Mons. Claudio Maria Celli a colloquio con il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro
——————————————————————————————-

Mauro Bafile

CARACAS – Mentre assistiamo in Nicaragua, al trionfo scontato alle urne, in assenza di un vero avversario, di Daniel Ortega che ne approfitta per dare una svolta dinastica al suo assalto al potere, imponendo la moglie, Rosario Murillo, alla vice-presidenza, dopo essersi assicurato il controllo del Parlamento dal quale l’Opposizione, a seguito della destituzione dei 28 deputati anti-sandinisti, è stata proscritta, aver collocato i fedelissimi ai posti chiave all’interno della Corte Suprema e delle Forze Armate e aver “regalato” ai figli i giornali, le televisioni, le maggiori industrie della costruzione e del petrolio, in Venezuela ogni speranza di soluzione pacifica per la crisi politica, istituzionale ed economica è riposta sul “dialogo” tra Governo e Opposizione. Il prossimo round è stato fissato per l’11 novembre.

Ma è sempre ghiaccio tra Governo e Opposizione. Nonostante l’invito dell’emissario della Santa Sede a moderare il tono della polemica, il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro; il vice-presidente del Psuv, Diosdado Cabello, da un lato, e il governatore dello Stato Miranda, Henrique Capriles Radonski, e il presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup, dall’altro, non perdono occasione per gettare legna sul fuoco. Altrettando fanno esponenti di uno e l’altro bando.

Non pare che ci possa essere dialogo tra due avversari prigionieri delle correnti radicali che troppo spesso ne determinano le decisioni. E, sebbene, come disse il vice-ministro Giro al nostro Giornale, un dialogo il più delle volte inizia tra sordi, si ha l’impressione che in questa occasione sia destinato a concludere così come è nato: tra sordi.

L’Opposizione esige giustamente risultati tangibili dalla prossima riunione. Il governo, ha espresso in tono pacato, come è suo solito fare, l’ex ambasciatore all’Osa, Roy Chaderton, avverte che quello del dialogo è un cammino lungo. L’Opposizione, in particolare le frange radicali, scalpita e accusa il governo del presidente Maduro di aver accettato il dialogo perché messo alle corde. Quindi, a loro avviso, il dialogo, come accaduto in altre occasioni, sarebbe una strategia dilatoria.

– E’ pur sempre un sotterfugio valido – ha sostenuto con un pizzico di cinismo, senza confermare o negare, l’Ambasciatore Chaderton.

La Chiesa è ovviamente preoccupata e avverte che se il dialogo dovesse fallire l’alternativa rischia di essere quella del “sangue”. E il presidente di Unasur, Ernesto Samper, facendo sue le parole del presidente Maduro, esorta l’Opposizione a non creare false aspettative “riguardo ai risultati concreti che potrebbero derivare dalle conversazioni nel Tavolo delle Trattative”.

Le dichiarazioni di Samper, da sempre considerato assai vicino al “chavismo” e al governo del presidente Maduro, hanno provocato la reazione del Tavolo dell’Unità. Jesús “Chuo” Torrealba, Segretario Esecutivo dell’ampia alleanza dell’Opposizione, ha rimproverato, seccato, il rappresentante di Unasur.

– Il ruolo di accompagnatore in questo processo – ha detto in tono freddo Torrealba – non consiste nel definire vere o false le aspettative, bensì di ottenere una soluzione, che può essere solo elettorale, al dramma venezuelano.

Se le scaramucce verbali tra Governo e Opposizione sono il pane quotidiano e non tolgono certo il sonno ai venezuelani, preoccupati più dalla mancanza di cibo e medicine che non dagli insulti, dai rimproveri e dalle accuse reciproche tra i protagonisti della politica; allarmano le riflessioni del rappresentante del Vaticano affidate, con un’intervista, al quotidiano “La Nación”.

Monsignor Claudio Maria Celli ha ammesso che “il Papa ha assunto un grosso rischio con questa iniziativa” e aggiunto che “se fallisce il dialogo a Caracas, non è il Papa che perde, è il popolo venezuelano, perché l’alternativa potrebbe essere davvero quella del sangue”.

Celli, acuto analista e negoziatore di grande esperienza, ha definito “molto brutta la situazione del Paese”, ha ammesso che “non c’è cibo e non ci sono medicine”, ha fatto notare la presenza “dei militari dappertutto” e ha riconosciuto che l’invito ad abbassare i toni è caduto nel vuoto.

– Il problema – ha detto con amarezza – è che queste cose sembrano più forti di loro.

Per molte medicine si avvicina la data si scadenza

Per molte medicine si avvicina la data di scadenza

Mentre prosegue la polemica, il governo del Presidente Maduro continua a negare i permessi per consentire l’ingresso al paese di oltre 75mila confezioni di medicine donate alla Caritas da venezuelani che vivono in Cile. Il carico, da oltre due mesi nei depositi del porto di La Guaira, corre il rischio di andare a male e già molte medicine, destinate in particolare a malattie croniche gravi e incurabili, sarebbero vicine alla data di scadenza.

Nel vuoto sono cadute, almeno fino ad oggi, le preghiere del cardinale Baltazar Porras. L’ingresso al Paese del carico di medicine, stando agli analisti politici, sarebbe indirettamente l’ammissione di una crisi umanitaria nel Paese; crisi che le autorità s’impegnano a negare nonostante la realtà parli da sola.

Ultima ora

20:39Trump: congresso nega credenziali stampa a Breibart

(ANSA) - NEW YORK, 27 MAR - Il Congresso americano nega le credenziali stampa a Breibart News, il sito ultraconservatore guidato per anni da Steve Bannon, lo stratega della Casa Bianca. La richiesta di Breibart e' stata negata ''fino a che non ci saranno risposte'' sui rapporti fra la pubblicazione e Bannon. Lo riporta il New York Post. L'amministratore delegato e presidente di Breibart, Larry Solov, aveva presentato la richiesta di accredito permanente, accompagnata da una lettera in cui precisava che Bannon non ricopre alcun ruolo da novembre 2016. Ma la commissione chiamata a concedere le credenziali ha espresso dubbi e chiesto ulteriori chiarimenti visto che non ci sono prove che Bannon abbia tagliato tutti i rapporti.

20:34Massacrato da branco, 9 in Procura di Frosinone

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Si è concluso nel pomeriggio il sopralluogo nella discoteca dove sarebbe avvenuta la lite che ha scatenato successivamente il pestaggio di Emanuele Morganti, morto per le lesioni riportate. Presente al sopralluogo, utile per cercare riscontri ai racconti degli indagati e dei testimoni, il procuratore capo della Procura della Repubblica di Frosinone Giuseppe De Falco e il comandante dei carabinieri della Compagnia di Alatri Antonio Contente. Successivamente i nove indagati sono stati convocati in Procura.

20:29Trump, ‘via fondi federali a ‘città santuario’

(ANSA) - WASHINGTON, 27 MAR - Gli Stati e le città santuario che continueranno a difendere gli immigrati clandestini violando le leggi sull'immigrazione potranno vedersi trattenere o cancellare alcuni fondi federali: lo ha annunciato l'attorney general Jeff Sessions.

20:29Calcio: Roma, Pallotta al lavoro a Londra

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Da Roma a Londra per continuare a programmare società e squadra del futuro: James Pallotta prosegue nella City gli incontri con il suo management, da Baldini a Baldissoni, passando per l'attuale ds Massara e il comparto commerciale. Secondo voci di mercato, smentite però da Trigoria, il presidente della Roma avrebbe incontrato anche quello che dovrebbe essere il nuovo direttore sportivo, lo spagnolo Monchi, per fargli sottoscrivere un contratto triennale. La trattativa fra le parti sembra ormai agli sgoccioli, tanto che il quotidiano "Mundo Deportivo" riporta la posizione del club citando un qualificato dirigente romanista: "Manca solo la firma. Monchi è tremendamente eccitato per la sfida".

20:07Calcio: ds Barcellona, “Dybala? Pronti ad ogni occasione”

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "Il Barcellona è attento a ogni movimento di mercato, specialmente a quelli che riguardano giocatori bravi che possano interessare anche altri club". Il ds del Barcellona, Robert Fernandez, usa un giro di parole per confermare l'interesse del club per lo juventino Paulo Dybala in un'intervista concessa a Mundo Deportivo. "E' un buon giocatore, non posso dire altro. E' chiaro che saremo pronti a sfruttare ogni situazione, sempre tenendo conto di quel cha abbiamo qui in casa". Fernandez ha anche parlato di Verratti, che potrebbe lasciare il Psg: "Questi giocatori sono sempre una questione di denaro. E a parte pagarlo quanto chiedono, poi è il club che non te lo vende. Vi ricordate quel che successe con Thiago Silva? Il Psg non volle trattare con il Barcellona".

20:06Un bambino di due anni cade da finestra, condizioni gravi

(ANSA) - POTENZA, 27 MAR - Sono gravi le condizioni di un bambino di due anni, caduto - per cause in fase di accertamento - da una finestra, da un'altezza di circa cinque metri, a Ruvo del Monte (Potenza): soccorso dal 118 "Basilicata soccorso" è stato trasportato in codice rosso all'ospedale San Carlo di Potenza. Sull'episodio indagini sono in corso da parte dei Carabinieri.

19:54Ventidue bimbi del nido ospedale per medicine dimenticate

(ANSA) - MODENA, 27 MAR - I 22 bambini del nido 'Roncaglia' di Soliera (in provincia di Modena) che giovedì scorso sono finiti al pronto soccorso per accertamenti avevano ingerito farmaci diuretici dimenticati dentro la struttura da un operatore della ditta che si occupa delle pulizie. E' stato uno dei bambini a raccogliere il blister incustodito. A riferirlo è il Comune di Soliera che spiega: "L'azienda stessa ha provveduto ad allontanare il proprio dipendente dalla mansione svolta presso il Nido ed ha attivato l'iter disciplinare". Da parte del sindaco di Soliera Roberto Solomita, del Servizio istruzione dell'Unione delle Terre d'Argine e delle educatrici dell'asilo si sottolineano, "oltre alla soddisfazione per come si è chiusa la vicenda (tutti i bambini non hanno riportato conseguenze, ndr), anche l'apprezzamento per l'atteggiamento tenuto dai genitori dei bambini. In un frangente complesso, costoro hanno fatto prevalere l'affetto e la vicinanza nei confronti di questo luogo di crescita dei propri figli". (ANSA).

Archivio Ultima ora